Ominide 60 punti

Il fu Mattia Pascal, Pirandello

Alla morte del padre Mattia Pascal eredita una grossa fortuna, ma a causa di un amministratore ladro, perde tutta l'eredità. A casa di Mattia si trasferisce la cugina Romilda che è costretto a sposare perché aspetta un figlio da lei e la madre (di Romilda). La sua vita diventa infernale. Fugge a Montecarlo e vince una grande somma di denaro.
Tornando a casa, legge su un giornale che in quei giorni è stato ritrovato un cadavere e che sua moglie lo ha riconosciuto come Mattia Pascal, suicidato.
Dopo quell'episodio, Mattia decide di crearsi una nuova vita con il nome di 'Adriano Meis'. Si stabilisce a Roma a casa di Anselmo Paleari e si innamora della foglia Adriana. Ben presto però si rende conto che agli occhi della società non esiste. Decide così di far morire Adriano Meis, suicidato sul ponte del fiume Tevere.
Torna al luogo di origine. Scopre che Romilda si è risposata con l'amico Pomino. Ormai privo di identità, a lui non resta altro che tornare a fare il bibliotecario e di andare ogni tanto a visitare la sua tomba.

Hai bisogno di aiuto in Luigi Pirandello?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email