San Francesco d'Assisi

Figlio di Pietro Bernabone,ricco mercante,e donna Pica.Nel 1182 nacque, e la madre gli diede il nome di Giovanni. Il giorno dell'evento un vecchi pellegrino che nessuno conosceva entrò in casa e chiese di vedere il piccolo, lo prese in braccio, lo osservò con tenerezza, e trasporto e si soffermò in magnifiche lodi che predicevano al neonato un grandioso e splendido destino. Quando, però, il padre rimpatriò dai suoi viaggi, chiamò il bambino Francesco, probabilmente per il suo amore per la Franconia e le origini francesi. Quando Francesco fu più grande si sparse la notizia che nell'Italia meridionale Gualtieri Di Brienne conduceva le sue armi al servizio del Papa, cercando uomini di coraggio. Quando tutto fu preparato al meglio, montò a cavallo insieme ai suoi compagni, ma avvenne che il primo giorno di viaggio il giovane udisse la voce del Signore e che il cuore cominciasse a sussultargli e le sfarzose immagini di piaceri e vanità si dileguassero ai suoi occhi. A Spoleto fu poi colto da una forte febbre; poco dopo ritornò ad Assisi muto ed avvilito. La sua splendida armatura, però, l'aveva donata ad un povero gentiluomo. Tornato a casa diede diede una grande festa, ed i suoi amici gli si fecero addosso ridendo e prendendolo in giro, ma lui pareva trasformato, perchè proprio allora in lui si era fatta luce e la sua anima oppressa intravedeva in lontananza una via d'uscita dalla prigionia e dai tormenti. Poi rispose loro: << E' proprio così.Ho in mente di prendere moglie , ma una moglie molto più ricca, nobile e bella di quanto possiate immaginare.>>.La bella e nobile sposa era la figura retorica della povertà. Fece allora un pellegrinaggio a Roma, dove, nella cattedrale di San Pietro, lasciò tutto quello che portava con se come offerta, e scambiò le sue vesti con quelle di un mendicante e ne prese il posto, assaggiando per la prima volta la vera povertà. Da quel momento visse in piccoli e rurali monasteri o cappelle, andando in giro a diffondere la parola di Dio. A lui si unirono molti fratelli, che donarono tutto quello che avevano entrando a far parte del suo ordine, l'ordine francescano. Quando lui predicava, tutti lo ascoltavano in silenzio, persino gli uccelli. Quando scoprì che gli rimaneva poco da vivere, allargò le braccia e disse: <<Ti do il benvenuto sorella morte.>>. Poi cominciò a cantare e anche gli amici presenti dovettero cantare insieme a lui. Poi,il 3 Ottobre 1226, verso sera, morì. E nell'attimo in cui spirò si posò sul tetto della sua capanna un grande stormo di allodole che intonarono un forte canto.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email