Genius 22145 punti

Dante Alighieri - La ghirlandetta


Il componimento poetico fa parte delle Rime, un’opera che ci descrive un Dante più vicino alla realtà in quanto tende a discostarsi dal misticismo della Vita nova e dal relativo concetto di donna-angelo.
Ogni fiore farà sospirare il poeta da quando egli ha visto una ghirlandetta sulla testa della sua donna.
E poiché la piccola ghirlanda è intrecciata di fiori e ad ogni fiore si indirizza il sospiro de poeta è come se la donna portasse in testa i sospiri di lui. Ad alcuni critici questa immagine è sembrata artificiosa, di gusto barocco; tuttavia il valore della ballata non sta nelle immagini, bensì nella musicalità. Al di sopra del capo della donna vola uno spiritello d’amore in un atteggiamento di umiltà che in modo melodioso canta le lodi dell’Amore. Nella seconda strofa compare un nome femminile, Fioretta. Si presuppone che si tratti di un senhal, o pseudonimo, secondo la tradizione provenzale, della prima donna dello schermo. È evidente il gioco di parole fra “fiore” e “Fioretta”. Proseguendo, le parolette del componimento poetico sono intrecciate insieme, come i fiori di una ghirlanda per formare la ballata. Pere farsi leggiadre, esse hanno preso in prestito la melodia ad un’altra composizione. Negli ultimi tre versi, Dante si rivolge direttamente a Fioretta, pregandola di fare onore alla ballata da chiunque essa l’oda cantare e questo ci fa capire che il componimento fu scritto per essere messo in musica.
Dal punto di vista metrico, si tratta di una ballata mezzana, chiamata così la ripresa, o ritornello, si compone di tre versi settenari. Ai settenari della ripresa seguono tre strofe di sette versi ciascuna.
Hai bisogno di aiuto in Autori e opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email