Ominide 127 punti

La nascita della letteratura

La letteratura italiana nacque intorno al 1200, quando le opere di Dante,Bocaccio e Petrarca risquosero un grandissimo successo.
Tali opere furono in volgare fiorentino è da qui si decise che il volgare fiorentino dovesse la lingua unitaria, e grazie alle opere e ai traffici commerciali si diffuse rapidamente.
Il volgare fiorentino derivava da altre due lingue:

1)Il latino, che nel Medioevo aveva delle differenze nel vocabolario, quindi veniva chiamato latino medievale o medio latino. Veniva parlato solo dagli intellettuali.
2)Il provenzale, che si divideva in altre due lingue volgari: lingua d'oc (parlata nella Francia del sud) e lingua d'oil (parlata nella Francia del nord).

Pertanto tali lingue sono alla base del volgare fiorentino.

Il medioevo inizió nel 476 d.C, quando venne deposto l'ultimo imperatore dell'impero Romano, Romolo Augustolo. A quel punto l'impero si stava disgregando e presero il sopravvento i barbari, formando i regni Romano-Barbarici, e introducendo così usi e costumi, mentalità, lingue, leggi completamente diverse, facendo nascere una nuova società.

A questo punto l'unico fattore che teneva unito l'impero non era la lingua, bensì la Chiesa, che oltre a svolgere il ruolo spirituale, si occupava anche di svolgere mansioni politiche e militari. La vera e propria riunificazione si avrà con Carlo Magno, con il Sacro Romano Impero, che alla fine divise ancora di più l'impero quando entro in gioco lo stato feudale, e di conseguenza rivelandosi un fallimento.
Lo Stato feudale era caratterizzato da un debolissimo potere centrale, che veniva contrastato dalla frammentizzazione dei feudi. La situazione cambió in parte solamente nel XIII secolo, con la nascita degli Stati assoluti. Con un forte potere centrale, apparato burocratico e un esercito. Solo in parte perché dopo l'anno 1000 nacquero conflitti tra impero e papato per l'investitura dei vescovi, ormai veri propri signori feudali.

La società medievale era caratterizzata da una forte gerarchia, formata da caste chiuse (infatti non si poteva regredire o salire di classe):

1)All'apice c'era l'aristocrazia feudale, una casta guerriera che passava la maggior parte del tempo all'esercizio con le armi (Bellatores).
2)Poi c'era il clero, che oltre a compiere funzioni religiose,era anche conservatrice del patrimonio culturale,e si occupava della sua trasmissione (Oratores).
3)Infine c'erano i contadini, i quali dovevano produrre i beni materiali necessari al sostentamento (erano definiti servi della gleba) (Laboratores).

A queste falsi possiamo aggiungere gli artigiani (falegnami,Fabbri) e i mercanti (che con il passare degli anni rivestirono un'importanza maggiore).

Questa struttura gerarchica della società si pensava fosse voluta da Dio, e che in sua assenza, non si sarebbe potuto vivere bene,quindi ogni cambiamento avrebbe portato ad una violazione sacrilega. Il Medioevo quindi è caratterizzato dalla disuguaglianza sociale.

La mentalità della civiltà medievale era molto statica in quanto ogni suo componente faceva riferimento o era legato alla Chiesa, che dominava la civiltà medievale gerarchica spesso approfittandone dell'ignoranza generale. Infatti riuscivano a soggiogare la mente della popolazione, facendo credere che la la gerarchia fosse voluta da Dio. Infatti nessuno prima dell'anno 1000 ebbe il coraggio di apportare dei cambiamenti in ambito di rapporti sociali,tecniche di produzione, mentalità. Di conseguenza questa mentalità chiusa non premise alle popolazioni di avere la curiosità di conoscere l'ignoto, cosa che invece accade quotidianamente nella mentalità moderna.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità