Video appunto: Medioevo – Caratteristiche letteratura

Medioevo – Caratteristiche letteratura



A partire dal XIII secolo, il re Alfonso X "il Saggio" rese obbligatoria la redazione di tutti i documenti ufficiali in spagnolo. Ci sono molti esempi di narrativa medievale. Tra questi abbiamo i racconti dell'Exempla, il cui scopo era quello di aiutare il clero a fare omelie efficaci per evangelizzare il popolo.
I temi più ricorrenti sono l'amore e la saggezza, la salvezza dell'anima, la giustizia, l'avidità e l'inganno.
Altri esempi sono le Sententiae, che contenevano politica e filosofia.
Nella città di Toledo, durante il Medioevo, c'erano molti studiosi e ricercatori appartenenti alle tre grandi religioni monoteistiche che, a metà del XII secolo, si riunirono alla Scuola dei Traduttori di Toledo dove studiarono, ricercarono e tradussero tutte le opere note appartenenti alla cultura araba e il cui scopo era quello di diffonderle in tutta Europa.
Nel XIII secolo Alfonso X "il Saggio" diffonde e consolida il romanticismo castigliano come lingua ufficiale della corte. Infatti, egli impose che i testi giuridici, amministrativi ed economici fossero scritti in lingua volgare, in modo che potessero essere compresi. Ha inoltre esteso l'uso del Romanticismo alla composizione di testi scientifici e storici.

Il teatro nel Medioevo



Molti tipi di teatro si sono sviluppati nel Medioevo:

- Dramma liturgico: didattico e moralistico, caratterizzato dalla rappresentazione di personaggi dell'Antico Testamento o della vita dei santi durante brevi scene. A queste rappresentazioni hanno partecipato gli stessi sacerdoti che hanno officiato la Messa. (ad esempio, Auto dei Magi - si occupa della nascita di Cristo)
- Drammi religiosi: si differenziava dai drammi liturgici per la sua indipendenza dalla Messa.
- Teatro profano e colto: si svolgeva nei tribunali e nelle scuole e affrontava temi classici
- Teatro popolare: rappresentato all'aperto o nelle locande da menestrelli.