Eliminato 1334 punti

La canzone e il madrigale

La canzone

È una composizione ardua e difficile rigida nella forma, alta e nobile nel contenuto si compone d strofe chiamate STANZE in numero variabile da 5 a 7 seguite in chiusura da una stanza più breve detta commiato e congedo; i versi sono in genere endecasillabi o settenari. Ogni stanza si divide in due parti, ciascuna di un numero variabile di versi; la prima si chiama Fronte, la seconda Sirma le due parti si riconoscono in quanto nella seconda si ha un cambiamento di rima. La Fronte a sua volta si divide in 2 piedi, la siema in due volte. Tra la fronte e la sirma può trovarsi un verso di collegamento, detto Chiave che rima con l’ultimo della fronte. Le stanze che compongono una canzone devono avere tutte la stesa struttura; devono cioè modellarsi sulla prima e riprenderne lo schema nel numero di versi, nel loro tipo, nelle sequenze delle rime. La canzone è considerata il componimento più illustre e solenne della poesia italiana. Affermatasi nella prima metà del ‘200 con i poeti della Scuola siciliana, viene ulteriormente perfezionato dagli Stilnovisti da Dante e Petrarca. Nel 1800 viene completamente rinnovata da Leopardi. La canzone leopardiana o anche canzone libera abbandona la complessa struttura tradizionale. Ogni strofa può avere lunghezza variabile gli endecasillabi e i settenari si succedono liberamente, le rime sono collocate a piacimento, non esiste la strofa di congedo.

Il madrigale

Il madrigale è composto di due o tre strofe di tre versi ciascuna, sempre di endecasillabi. Generalmente è chiuso da una o due coppie diversi quasi sempre a rima baciata. Il madrigale è una forma metrica di stile alto, di argomento amoroso, nasce nel 1300 e viene accolto da Petrarca nel Canzoniere. Nei secoli subisce profonde trasformazioni e lo schema diviene più libero, ammettendo l’alternanza di endecasillabi e settenari. Successivamente gli autori non tratterranno più solo l’argomento amoroso ma vari argomenti.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email