Leopardi - Zibaldone di pensieri


Il titolo di quest'opera ci fornisce già delle informazioni riguardo al suo contenuto; Zibaldone significa, infatti, "miscuglio vario ed eterogeneo", pensieri rimanda, invece, alla dimensione personale e soggettiva dell'autore.

Lo Zibaldone è, infatti, un’opera di filosofia simile al diario in cui annotava le sue riflessioni su ciò che gli accadeva. Venendo scritto giorno per giorno rappresenta fedelmente il pensiero di Leopardi che muta nel tempo: ad esempio, egli passa da un’idea di natura benigna e materna (che infonde negli uomini il desiderio della felicità) ad un’idea di natura matrigna e nemica (che non mette l’uomo nelle condizioni di raggiungerla), bella e materna in apparenza ma in realtà crudele con le sue creature, destinate alla morte e alla sofferenza.

Lo stile è diverso dalle altre opere dell'autore perché, non essendo destinata alla pubblicazione, qui Leopardi scrive per sé, non fa uso della retorica alta e adotta uno stile funzionale e denotativo, tendente alla precisione e all’esattezza anche se non privo di pathos e grande partecipazione emotiva.

Dalla rielaborazione di alcuni passi dello Zibaldone nascono i Pensieri, 111 aforismi di varia lunghezza dedicati all’analisi della società moderna, dominata da egoismo e individualismo.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email