Ominide 111 punti

Alla Luna - Giacomo Leopardi

“Alla luna” è un idillio di 16 versi in endecasillabi sciolti, scritto da Giacomo Leopardi nel 1819 e contenuto nei “Piccoli Idilli”. L’opera si fonda su uno dei temi che più frequentemente ricorrono nella lirica leopardiana, ovvero il ricordo, che è per il poeta, fonte inesauribile di poesia e di piacere. Infatti, mentre osserva la Luna che splende nel cielo e illumina il colle Tabor, nei pressi della casa paterna, riaffiora alla memoria del poeta una situazione analoga vissuta l’anno precedente. Anche allora guardava la Luna ma i suoi occhi erano velati di pianto per l’angoscia che lo opprimeva e continua a travagliarlo. In realtà nulla è mutato ma il ricordo del passato, anche se triste, racchiude in sé una particolare dolcezza, il tempo infatti sfuma i contorni degli eventi e attenua l’intensità del dolore rendendo ogni cosa vaga e indeterminata. Poiché per Leopardi, tutto ciò che appare infinito e senza limiti precisi procura piacere, ecco che il ricordo, sia pure di eventi tristi, risulta dolce e gradevole, proprio perché è sfumato e incerto.

La poesia può essere divisa in due parti principali. La prima (verso 1-10) può essere a sua volta divisa in due sezioni: (verso 1-5) in cui troviamo l’equilibrio spaziale, dato dallo spazio finito rappresentato dalla selva illuminata e dal colle Tabor, e dallo spazio infinito rappresentato dalla luna; (verso 6-10) in cui troviamo l’equilibrio temporale, dato dal momento presente che mette in moto il ricordo del tempo passato. Nella seconda parte (verso 11-16) invece, predomina la riflessione del poeta sulla funzione consolatrice del ricordo e sulla dolcezza che da esso può scaturire. Entrambi le parti si aprono con le invocazioni “o graziosa Luna” e “o mia diletta Luna” che rispecchiano la prima fase del pessimismo leopardiano, quando la natura appare agli occhi del poeta come una madre benigna e confortatrice, per questo tutti i termini riferiti alla Luna hanno connotazione positiva e le sue immagini comunicano sensazioni di vastità e di luminosità.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email