Ominide 478 punti

Dialogo di Plotino e Porfirio e collegamenti con altre poesie

Questa operetta è stata scritta da Leopardi nel 1827 e parla dell opportunità del suicidio. Essa vede come protagonisti due filosofi della scuola platonica: Plotino e Porfirio.
Plotino inizia il dialogo dicendo che il suo allievo Porfirio vorrebbe compiere giustizia contro la sua esistenza suicidandosi e lo invita a confidarsi con lui per capire se questo gesto è giusto o sbagliato. Porfirio allora dice che tutti i sentimenti della vita, compreso il dolore, sono vani e per questo crede che per porre fine a tutto ciò sia necessario il suicidio.
Quindi la morte rappresenta una medicina per tutti i mali dell'uomo, e per questo esso non deve averne timore, come avviene per la maggior parte degli uomini.
Plotino afferma quindi che, se tutti gli uomini tentassero il suicidio, non verrebbe garantita la continuità della specie e per questo crede che sia contro natura.

Porfirio poi sostiene che come la natura ha dato all'uomo l'odio e il timore per la morte, la natura propende per la felicità che è irraggiungibile, quindi è lecito per l'uomo abbreviare la vita piena di sofferenza con la morte.
Poi Plotino afferma che è inevitabile che l'uomo nella vita abbia dei patimenti e che il dolore accompagnerà l'individuo nel corso di tutta la sua vita e il piacere verrà raggiunto solo inconsapevolmente.
Questo si ricollega alla teoria del piacere secondo la quale il desiderio illimitato e infinito cessa solo con la morte.
Per questa ragione Porfirio afferma che senza speranza di un certo fine, l'esistenza umana non ha alcun senso.
Plotino risponde dicendo che il suicidio mira ad annullare i dolori personali, ma accentua i dolori dei propri cari e conclude dicendo che la condivisione dei propri dolori con altri aiuta a sedarli.
Un'altra poesia che si ricollega a questa è il Canto Notturno del Pastore errante dell'Asia dove si dice che la vita del pastore è continua sofferenza che tende solo alla morte.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità