Ominide 2147 punti

Temporale, Lampo, Tuono

Il nido minacciato
Il motivo centrale delle liriche è la contrapposizione tra la natura minacciosa e il nido-casa.
- Temporale: tra le nuvole minacciose si intravede un casolare, un luogo in cui rifugiarsi;
- Lampo: una casa appare bianchissima allo sprigionarsi della luce, per poi scomparire nel buio;
- Tuono: si chiude con il canto di una madre, china a confrontare il bambino spaventato.

Il procedimento analogico
La tecnica usata da Pascoli accosta i particolari del paesaggio senza legami logici, anche se la struttura regge sulle contrapposizioni.
- Temporale: al bubbolio del verso iniziale è contrapposta l’ala di gabbiano nell’ultima immagine;

- Lampo: all’immagine della terra e del cielo lividi segue la visione improvvisa della casa bianca, paragonata a un occhio umano, isolato dal volto, che si apre e chiude impaurito dalla visione del cielo in tempesta;
- Tuono: il rimbombo viene associato all’immagine materna e al movimento di una culla.

L’interpretazione simbolica
Nelle tre liriche il poeta proietta nella natura la sua sensibilità e il suo turbamento interiore; i particolari del paesaggio sono accostati senza legame logico e il significato dei versi è aperto e affidato al lettore.
- Temporale: nel cielo minaccioso il bianco è simbolo positivo di speranza;
- Lampo: fa riferimento alla tragica morde del padre, il richiamo all’occhio è un’allusione agli ultimi momenti del padre che vede il bagliore della fucilata;
- Tuono: il nero e il nulla della similitudine creano una forte sospensione ed esprimono la mancanza di ogni certezza; il nero è simbolo dell’ignoto.

La tecnica impressionistica
- Temporale: il poeta antepone l’aggettivo al sostantivo (nero di pece), dando rilievo all’oscurità;
- Lampo: la tecnica impressionistica vuole rendere l’idea di un ordine interrotto dalla violenza della tempesta;
- Tuono: inizia con il fragore che rimbomba nell’oscurità. All’impressione visiva della notte e quella uditiva del tuono si contrappone l’impressione affettiva della madre, che veglia il sonno del bambino.

La trama sonora
- Temporale: l’unica sensazione acustica è l’onomatopea del bubbolio;
- Lampo: sono molto usate le onomatopee, che mimano l’improvvisa rapidità del lampo;
- Tuono: sono centrali le sensazioni uditive, rese da allitterazioni.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Pascoli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email