Le prose

Tra le prose si ritrovano i testi critici, quelli politici in cui Pascoli cerca di assumere il ruolo di vate ed esprime la propria ideologia umanitaria e populista e quelli di poetica dove riflette sulle ragione della propria poesia.
Il fanciullino “E’ dentro di noi un fanciullino..”
Nei nove capitoli di questo scritto il protagonista è il bimbo interiore che viene descritto o invocato, rappresenta istinto, irrazionalità e ingenuità. Sono presenti gli elementi per la ricerca poetica come la capacità di trattare temi spaventosi, la disposizione immaginativa, l’indole irrazionale. Il fanciullino può scoprire nelle cose somiglianze e relazioni ingegnose. Il fanciullino ha la capacità di scorgere un’invisibile trama di simboli ma ha anche una sensibilità semplice che spinge il poeta a cantare cose umili essendo lui stesso umile. Oltretutto il poeta, con la voce del fanciullino, si pone come interprete del mondo sancendo la sua superiorità morale acquisendo il diritto di esercitare il ruolo di educatore. Il fanciullino è anche un esempio di prosa simbolista, sospesa tra chiarezza e allusività. Il discorso è animato da continue variazioni di tono: prima descrive l’oggetto, poi si rivolge a lui, poi si rivolge ad interlocutori immaginare. Lo strumento per accelerare il ritmo della prosa è il parallelismo(successione simmetrica di brevi concetti per sviluppare un’idea) legato all'anafora.

La grande proletaria si è mossa

In occasione della guerra coloniale contro i turchi per la conquista della Libia (1911-1912), Pascoli pronuncia nel teatro comunale di Barga, un discorso in onore dei morti e dei feriti. Rappresenta l’esito del percorso ideologico dell’autore, tutto lo scritto è attraversato dall’idea del riscatto delll’Italia. I proletari, costretti ad abbandonare la patria, potranno finalmente coltivare una terra propria, d’altronde quelle terre furono romane. Gli strumenti ideologici sono i termini come “proletaria”, come i proletari sfruttati hanno il diritto di riprendersi ciò che gli è stato tolto, lo stesso potrà fare l’Italia, in quanto la Libia era stata romana. Questo brano è il perfetto esempio del suo pensiero, un incrocio tra umanitarismo di tipo socialista, populismo e nazionalismo (principi ideologia fascista). Il patriottismo è messo in evidenza dalle ripetizioni come “nostro” e “patria”. Frequente è la paratassi, il parallelismo e il climax.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Pascoli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email