Ominide 395 punti

Carducci, Giosuè - Odi barbare


Odi barbare è una raccolta di poesie. Ne sono state fatte tre edizioni:
-Odi barbare, pubblicata dalla Zanichelli nel 1877 a Bologna;
-Nuove odi barbare, pubblicata nel 182;
-Terze odi barbare, sono 56 poesie pubblicate in due volumi.
Il pubblico non capisce subito la grande novità dell'opera, ovvero il trasferimento dei metri greci nella lingua italiana, lui afferma che se gli antichi classici avessero visto i loro metri nella lingua italiani li avrebbero definiti barbari; stessa cosa dicono gli italiani che non conoscono questo nuovo stile.
Quando pubblica questa raccolta non viene apprezzata immediatamente, ma solo col passare del tempo viene ritenuta bella e originale.
Giosuè Carducci riuscì nel suo intento, ovvero quello di creare qualcosa di nuovo e originale attraverso quest'opera, ritenuta dai critici un grande capolavoro.
Non troviamo nessuna presenza di rime, di nessuna tipologia.
Alcune di queste poesie parlano d'amore, soprattutto Lidia (Carolina Cristoforo), poi ci sono altre opere chiamate odi romani, scritte dopo un suo viaggio a Roma; inoltre abbiamo un gruppo dedicato alla Regina Margherita, a lui molto cara, che parlano della nature e del paesaggio. Come di consuetudine troviamo la contrapposizione tra presente e passato e il bipolarismo.
Hai bisogno di aiuto in Giosuè Carducci?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email