Ominide 382 punti

Elisabetta da Messina


In questa novella viene raccontata la storia di Elisabetta da Messina, sorella di tre fratelli, che si innamora di un certo Lorenzo.
I fratelli della giovane vengono a conoscenza di quest'amore, uccidono Lorenzo e seppelliscono il suo corpo. Lo spirito del ragazzo appare in sogno a Lisabetta e le dice dove si trova il suo cadavere, la giovane, così, trova il corpo di Lorenzo a cui taglia la testa per nasconderla in un vaso. I fratelli di Lisabetta rubano il vaso per paura di essere accusati di omicidio, ma la ragazza muore per il troppo dolore.
Questa novella appartiene alla quarta giornata dove si deve narrare degli amori che hanno ottenuto una fine infelice. Viene introdotto così un argomento di enorme importanza per il Decameron, cioè quello dell'amore che insieme alla fortuna ricopre il ruolo di forza che muove il mondo. Nella novella di Lisabetta da Messina, il sentimento amoroso è molto forte, ma viene costantemente minacciato e ostacolato dalla malvagità.
Nonostante tutto Boccaccio riesce a rappresentare l'amore come una forza naturale e come tale indistruttibile, infatti nemmeno la morte di Lorenzo ferma il sentimento di Elisabetta che taglia la testa al cadavere dell'amato pur di poterlo portare con sé.
Hai bisogno di aiuto in Decameron?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email