blakman di blakman
VIP 9176 punti

Testo Cloridano e Medoro


(...)
Tutta la notte per gli alloggiamenti
dei malsicuri Saracini oppressi
si versan pianti, gemiti e lamenti,
ma quanto più si può, cheti e soppressi.
Altri, perché gli amici hanno e i parenti
lasciati morti, ed altri per se stessi,
che son feriti, e con disagio stanno:
ma più è la tema del futuro danno.

Duo Mori ivi fra gli altri si trovaro,
d'oscura stirpe nati in Tolomitta;
de' quai l'istoria, per esempio raro
di vero amore, è degna esser descritta.

Cloridano e Medor si nominaro,
ch'alla fortuna prospera e alla afflitta
aveano sempre amato Dardinello,
ed or passato in Francia il mar con quello.


Cloridan, cacciator tutta sua vita,
di robusta persona era ed isnella:
Medoro avea la guancia colorita
e bianca e grata ne la età novella;
e fra la gente a quella impresa uscita
non era faccia più gioconda e bella:
occhi avea neri, e chioma crespa d'oro:
angel parea di quei del sommo coro.(...)


sintesi su Cloridano e Medoro nel canto XVIII dell'Orlando Furioso


Parafrasi Cloridano e Medoro


Nel corso di tutta la notte all'interno degli accampamenti
dei Saraceni che sono oppressi
si sentono pianti, gemiti, lamentele,
ma quanto più e possibile, silenziosi e vietati.
Altri, poiché hanno lasciato parenti ed amici morti, ed altri per loro stessi
dato che sono feriti, si trovano in una condizione di disagio:
ma maggiore è la paura del danno futuro.

Due Mori (Cloridano e Medoro) tra gli altri erano presenti,
di discendenza sconosciuta e nati in Tolemaide,
dei quali la storia, per esempio raro
di vero amore, è degna di essere annoverata (descritta)
Si chiamavano Cloridano e Medoro
che in situazioni fortunate e avverse
avevano sempre voluto bene al loro re Dardinello e
insieme al loro re avevano oltrepassato il mare fino ad arrivare in Francia.

Cloridano, che in tutta la sua vita era stato un cacciatore,
e che era di corporatura robusta e snella;
Medoro aveva il viso roseo e bianco e di piacevole aspetto per la giovane età;
e tra i soldati che presero parte a quell'impresa,
non c'era volto di più bell'aspetto e giocondo del suo:
aveva gli occhi neri e i capelli ricci e biondi:
sembrava l'angelo facente parte del coro più alto.


Commento


La guerra tra Cristiani e Saraceni intanto infuria e la situazione sembra precipitare allorquando, posto l'assedio a Parigi, i Mori stanno per avere la meglio. Re Carlo e i suoi Paladini a stento riescono a frenare la situazione, quando finalmente giungono miracolosamente, guidati dall'arcangelo Michele e dal Silenzio, i rinforzi guidati da Rinaldo.
Le sorti della battaglia si capovolgono: le truppe di Rinaldo, fresche, costringono i Mori ormai stremati alla ritirata. Molti saranno i morti sterminati da Rinaldo sul campo; tra i tanti anche un giovanissimo e prode nobile saraceno, Dardinello. Al suo seguito erano venuti due giovani fanti: Cloridano e Medoro.
Inizia qui uno degli episodi più intensi del poema e di virgiliana memoria è l'atmosfera in cui esso si snoda.

per approfondimenti, vedi anche:
Cloridano e Medoro, riassunto
Hai bisogno di aiuto in Orlando Furioso?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email