Ominide 11269 punti

Le figure di significato


I testi poetici vengono analizzati per le loro immagini, che l’arte retorica chiama “figure di significato”. I primi due testi presi in esame, Odio e amo e il Cantico dei cantici, sono cronologicamente a noi lontani: per comprenderli bene è necessario avere una conoscenza almeno parziale delle culture in cui sono stati prodotti e delle quali sono espressione creativa. Una volta acquisite queste conoscenze, le loro immagini risultano facili a capirsi: sono infatti immagini condivise dal poeta che scrive e dal pubblico che legge la poesia.
Nell’ottocentesca Vocali, di Rimbaud, appare invece la caratteristica più evidente della poesia contemporanea: le immagini sono create dall’autore del tutto liberamente, senza alcun legame né con la tradizione poetica né con il linguaggio comune. È questo che le rende difficili. In questo nuovo tipo di poesia diventa fondamentale un paziente e umile lavoro di analisi. Se l’autore ha lasciato qualche spiegazione tutto diventa più facile; in caso contrario il lettore deve cercare di interpretare la poesia usando con molta cautela una serie di “spie” legate sia all’opera del poeta sia alle conoscenze relative alla sua vita e al contesto storico e culturale in cui egli è vissuto.
Al contrario, in Margarita Narajo di Neruda le immagini sono volutamente semplici e realistiche. È un volontario e cosciente omaggio al popolo cui la poesia è dedicata. Una parte della poesia del Novecento, alla fine della parabola intrapresa negli ultimi due secoli, ritorna a immagini elementari e comprensibili come consapevole scelta di riavvicinamento all’uomo comune e ai suoi bisogni.
Le figure retoriche relative alle immagini si chiamano “figure di significato”. A questo ambito appartengono l’allegoria, la similitudine, la metafora, lì analogia, la metonimia, la sineddoche, l’ossimoro, la sinestesia, l’iperbole e la litote, l’eufemismo, la preterizione, l’ellissi.
Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove