Ominide 19798 punti

Proteine e Amminoacidi


Le proteine sono sostanze composte da H, C, O e N (semplici) talvolta S e P (complesse) non hanno solo funzione plastica (muscoli e struttura). Tra di esse vi sono: - Albumine presenti nei tessuti animali e vegetale (latte-uova); - Globumine presenti anch’esse nei tessuti animali e vegetali, equilibrato rapporto di amminoacidi; - Glutine (panificazione); - Proteine di sostegno (scleroproteine, collagene); - Miosina proteina dei muscoli; - Proteine composte (proteine più altre sostanze) nel Dna, ormoni (acidi grassi), Rna, Lipopproteine, Fosfoproteine.
Il fabbisogno di proteine aumenta durante l’accrescimento dai primi attimi di vita dell’animale fino alla fase matura (formazione completa dei tessuti). Le proteine servono anche per reintegrare la materia distrutta per il metabolismo animale. Proteine per le produzioni zootecniche (latte, carne, uova). Proteine digeribili (PD) = Proteine totali - Proteine espulse. Le Proteine digeribili sono le proteine grezze introdotte con la dieta (proteine totali) meno proteina non digerita nelle feci. La proteina digeribile fornisce informazioni sulla resa della nutrizione proteica da parte dell’animale e vale per tutti gli animali (monogastrici e poligastrici). Nei ruminanti, i microrganismi del rumine hanno la capacità di sintetizzare le proteine sia fermentando quelle di origine alimentari sia partendo da Azoto non proteico (Urea) introdotto con la dieta. I microrganismi del rumine necessitano di un equilibrato rapporto tra energia (zuccheri) e proteine provenienti dalla nutrizione stessa degli animali. Di conseguenza nei ruminanti si può quindi aumentare la quota di proteine digeribili (maggiori rese nella nutrizione) facendo lavorare meglio i microrganismi ruminali. Per esempio una dieta con un miscuglio mais: soia = 1:1 è un rapporto C/N toppo basso (mais fonte di C in forma di zuccheri, soia di N). il rapporto più adeguato è mais: soia = 3:1. mais/soia = C/N energia/proteine. Se il rapporto C/N è molto alto, sfavorevole all’azoto, si possono inserire nella razione fonti di azoto non proteico come l’urea (fonte economica) facendo però attenzione a non superare il 30% della razione (rischio tossicità).
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email