Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Disoccupazione (15505)

Tema svolto sul problema della disoccupazione a seguito della crisi economica e sulle conseguenze sociali che comporta

E io lo dico a Skuola.net

La disoccupazione è un problema che oggi affligge l'Italia e tanti altri paesi industrializzati. Parla di questo grave problema sociale, descrivendone i vari aspetti

L'economia italiana, e non sono quella, è oggi in crisi. Questa notizia giunge anche a noi ragazzi perché ne parlano tutti i giorni i diversi telegiornali e giornali. In casa e qualche volta a scuola se ne discute e ognuno esprime le proprie opinioni. Avvertiamo la difficoltà della situazione anche perchè a volte siamo costretti a rinunciare a qualcosa perchè i nostri genitori la reputano poco opportuna dal punto di vista economico.
La crisi economica colpisce in diverso modo tutti i cittadini, anche se alcuni di questi ne soffrono maggiormente rispetto ad altri.
Soprattutto nell'Italia del nord, dove vi sono molte fabbriche, si stanno verificando tanti licenziamenti e così gente, che prima aveva un lavor, adesso si trova ad essere disoccupata improvvisamente. L'Italia del sud invece ha sempre conosciuto in modo molto accentuato questo problema.
Migliaia e migliaia sono i disoccupati e spesso si organizzano, promuovendo delle manifestazioni per chiedere un lavoro agli amministratori locali e governativi.
Non è facile per noi studenti comprendere le ragioni di un così difficile problema, ma certamente ne possiamo vedere le conseguenze sulla popolazione che ci circonda e sulla vita che conduciamo.
Qualche amico che ha il papà disoccupato si nota subito: egli ha difficoltà a stare insieme ai compagni, perchè, non potendo avere determinate cose di cui i ragazzi si vantano (i jeans di gran marca ad esempio), si sente inferiore. Questo, secondo me, non è affatto giusto ed io cerco sempre di fare in modo che intorno a me nessuno possa sentirsi emarginato.
La disoccupazione costringe le persone a cercare di procurarsi del denaro per vivere in tutti i modi possibili. Spesso i disoccupati si adattano a svolgere delle attività cosiddette di lavoro nero, cioè non dichiarate e per questo anche poco pagate. Assistiamo a volte anche a vere e proprie forme di sfruttamento. Nel meridione, poi, si assiste ancora oggi a quel doloroso e drammatico fenomeno del "lavoro nero" minorile: tanti bambini e ragazzi, vengono costretti dai genitori ad assentarsi dalla scuola dell'obbligo per svolgere dei lavori che non offrono nessuna garanzia e nessuna sicurezza. A poco valgono le iniziative della scuola o delle forze dell'ordine di fronte a questa piaga sociale: fanciulli anche molto piccolo vengono utilizzati come garzoni nelle officine e nei negozi.
Altri giovani, purtroppo, non avendo alcuna possibilità di lavorare onestamente, o forse perchè abbagliati dalla prospettiva di un guadagno veloce e facile, si dedicano a compiere azioni criminose per conto della malavita organizzata, soprattutto rapine e spaccio di droga.
La disoccupazione è un problema che affilge anche altri paesi dell'Europa e del mondo e deve essere combattuta dai governanti con una azione politica appropriata e giusta, oltre che internazionalmente concertata, che rispetti tutti i ceti delle società. Purtroppo io credo invece che a volte le scelte politiche non siano molto giuste e la disoccupazione aumenti sempre anche per questo.
Non fa molto piacere rivedere dei giovani, anche con il diploma o addirittura la laurea, che si adattano a fare lavori umili e malpagati. Dispiace ancora di più vedere delle famiglie in cui il papà e la mamma non hanno un lavoro e quindi non sanno come andare avanti. Forse il governo potrebbe far pagare più tasse a coloro che guadagnano di più e colpire quelli che non le pagano affatto. in un Paese civile come il nostro non dovrebbero esistere delle grandi disparità tra i cittadini come invece in realtà vi sono. Il problema della disoccupazione si potrebbe risolvere, almeno in parte, con un più giusta distribuzione della ricchezza. Purtroppo questa è una meta difficile da raggiungere e le previsioni che gli esperti fanno per il futuro sono abbastanza negative perchè prevedono un aggravarsi del problema.
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare