Pillaus di Pillaus
Genius 7338 punti
Anacreonte - Frammenti

356

[greek]ἄγε δή, φέρ' ἡμίν, ὦ παῖ,
κελέβην, ὅκως ἄμυστιν
προτίω, τὰ μὲν δέκ' ἐγχέας
ὕδατος, τὰ πέντε δ' οἴvου
κυὰθους, ὡς ἀνυβρίστως
ἀvὰ δηὗτε βασσαρήσω.

ἄγε δηὖτε μηκέτ' οὕτω
πατάγῳ τε κἀλαλητῷ
Σκυθικὴv πόσιν παρ' οἴνῳ
μελετῶμεν, ἀλλὰ καλοῖς
ὑποπίvοvτες ἐv ὕμvοις.
[/greek]

Suvvia dunque, portaci un orcio, ragazzo, di modo che beva d'un fiato, versando dieci parti d'acqua e dieci di vino, affinchè di nuovo io possa baccheggiare sfrenatamente. Suvvia, di nuovo non più così con chiasso e urla pratichiamo la bevuta sciitica, ma sorseggiando fra canti leggiadri.
[newpage]
358

[greek]σφαίρῃ δηὖτε με πορφυρέῃ
βάλλvν χρυσοκόμηω Ἔρvς
νήνι ποικιλοσαμβάλῳ
συμπαίζειν προκαλεῖται.

ἡ δ', ἔστιν γὰρ ἀπ' εὐκτίτου
Λέσβου, τὴν μὲν ἐμὴν κόμην,
λευκὴ γάρ, καταμέμφεται,
προς δ' ἄλλην τινὰ χάσκει.[/greek]

Di nuovo Eros dalla bionda chioma colpendomi con una palla rossa mi invita a scherzare con la ragazza dal sandalo variopinto; ma lei, proviene infatti da Lesbo ben costruita, disprezza la mia chioma, infatti essa è bianca, e guarda incantata verso un'altra chioma.
[newpage]
395

[greek]πολιοὶ μὲν ἡμὶν ἤδη
κρόταφοι κάρη τε λευκόν,
χαριεσσα δ' οὐκέτ' ἥβη
πάρα, γηράλεοι δ' ὀδόντες,
γλυκεροῦ δ' οὐκέτι πολλὸς
βιότου χρόνος λέλειπται.
διὰ ταῦτ' ἀνασταλύζω
θαμὰ Τάρταρον δεδοικώς˙
Ἀιδεω γάρ ἐστι δεινὸς
μυχός, ἀργαλέη δ' ἐς αὐτὸν
κάτοδος˙ καὶ γὰρ ἑτοῖμον
καταβάντι μὴ ἀναβῆναι.[/greek]

Canute (sono) ormai a noi le tempie e bianco (è) il capo e non c'è più la leggiadra giovinezza, e vecchi (sono) i denti resta più molto tempo della dolce esistenza; per questo spesso singhiozzo paventando il Tartaro: pauroso è infatti l'abisso di Ades e dolorosa la discesa ad esso; e infatti è fissato per chi vi sia disceso di non risalire.
Hai bisogno di aiuto in Lirici?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email