pser di pser
Ominide 5819 punti

Il valore delle leggi

Απας ο των ανθρωπων βιος, ω ανδρες αθηναιοι, κανεγαλην πολιν οοκωσι καν μικραν, φυσει και νομοις διοικειται. Τουτων δε η μεν ψυσις εστιν ατακτον και κατ' ανδρ' ιδιον του εχοντος, οι δε νομοι κοινον και τεταγμενον και ταυτο πασιν. Η μεν ουν φυσις, αν η πονηρα, πολλακις φαυλα βουλεται: διοπερ τους τοιουτους εξαμαρτανοντας ευρησετε. Οι δε νομοι το δικαιοιν και το καλον και το συμφερον βουλεται, και τουτο ζητουσιν, και επειδαν ευρεθη, κοινον τουτο προσταγμ' απεδειχθη, πασιν ισον και ομοιον, και τουτ' εστι νομος: ω παντες πεισεσθαι προσεκει δια πολλα, και μαλιστα οτι πας εστι νομος ευρημα μεν και δωρον θεων, δογμα δε ανθρωπων φρονιμων, επανορθωμα δε των εκουσιων και ακουσιων αμαρτηματων, πολεως δε συνθηκη κοινη, καθ' ην πασι προσεκει ζην τοις εν τη πολει.

Traduzione

Tutta la vita degli uomini, o Ateniesi, sia che essi abitino una grande città sia che essi ne abitino una piccola, è regolata dalla natura o dalle leggi. Di queste la natura da una parte è disordinata e per l’uomo propria di coloro che la posseggono, le leggi, invece, sono comuni, ordinate e le medesime per tutti. Dunque, la natura, qualora sia malvagia, desidera spesso cose sbagliate: perciò, scoprirete che tali sono sbagliati. Le leggi, invece, desiderano il giusto, il buono e l’utile e desiderano ciò, e quando fu scoperto e fu mostrato questo ordine comune, giusto ed uguale per tutti, questo è la legge; a ciò conviene che tutti obbediscano per molti motivi, ma soprattutto perché ogni legge è scoperta ed è dono degli dei, comando degli uomini saggi, correzione degli errori volontari ed involontari, patto comune della città, in base al quale bisogna che vivano tutti quelli che sono nella città.

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità