Ominide 760 punti
Questo appunto contiene un allegato
Cleopatra sulla tomba di Antonio scaricato 30 volte

Cleopatra sulla tomba di Antonio


Κλεοπάτρα ἐπὶ τὸν τάφον κομισθεῖσα και περιπεσοῦσατῇ σορῷ μετὰ τῶν συνήθων γυναικῶν «ὦ φίλ᾽ Ἀντώνιε» εἶπεν «ἔθαπτον μέν σε πρώην ἔτι χερσὶν ἐλευθέραις, σπένδω δὲ νῦν αἰχμάλωτος οὖσα καὶ φρουρουμένη μήτε κοπετοῖς μήτε θρήνοις αἰκίσασθαι τὸ δοῦλον τοῦτο σῶμα καὶ τηρούμενον ἐπὶ τοὺς κατὰ σοῦ θριάμβους. ἄλλας δὲ μὴ προσδέχου τιμὰς ἢ χοάς· ἀλλ᾽ αὗταί σοι τελευταῖαι Κλεοπάτρας ἀγομένης. ζῶντας μὲν γὰρ ἡμᾶς οὐθὲν ἀλλήλων διέστησε, κινδυνεύομεν δὲ τῷ θανάτῳ διαμείψασθαι τοὺς τόπους, σὺ μὲν ὁ Ῥωμαῖος ἐνταῦθα κείμενος, ἐγὼ δ᾽ ἡ δύστηνος ἐν Ἰταλίᾳ, τοσοῦτο τῆς σῆς μεταλαβοῦσα χώρας μόνον. ἀλλ᾽ εἰ δή τις τῶν ἐκεῖ θεῶν ἀλκὴ καὶ δύναμις —οἱ γὰρ ἐνταῦθα προὔδωκαν ἡμᾶς—, μὴ πρόῃ ζῶσαν τὴν σεαυτοῦ γυναῖκα, μηδ᾽ ἐν ἐμοὶ περιίδῃς θριαμβευόμενον σεαυτόν, ἀλλ᾽ ἐνταῦθά με κρύψον μετὰ σεαυτοῦ καὶ σύνθαψον, ὡς ἐμοὶ μυρίων κακῶν ὄντων οὐδὲν οὕτω μέγα καὶ δεινόν ἐστιν, ὡς ὁ βραχὺς οὗτος χρόνος ὃν σοῦ χωρὶς ἔζηκα.»

Cleopatra, portata alla tomba e, dopo aver abbracciato l'anfora delle ceneri, in compagnia delle ancelle abituali, disse: “Amato Antonio, poco fa ti seppellivo ancora con mani libere, ora, invece, verso libagioni mentre ormai sono schiava e sono sorvegliata affinché io non colpisca né con pugni né con pianti questo mio corpo ormai schiavo, che viene conservato in vista del trionfo su di te. Ma non aspettarti altri onori o libagioni: queste sono le ultime per te, mentre io, Cleopatra, sono condotta via. Infatti nulla ci ha separati l'un l'altra mentre eravamo in vita, ora invece rischiamo con la [nostra] morte di scambiare i luoghi [di nascita], tu, Romano, mentre giaci qui, io, invece, misera, giacerò in Italia, dopo aver ottenuto solamente quel pezzo di terreno del tuo Paese che mi ospiterà. Ma se poi, la forza e la potenza degli dei di là (dell'Italia) sono vere -infatti gli dei di qui ci hanno traditi - non abbandonare la tua donna mentre è viva, e non permettere che egli (Cesare) celebri un trionfo su di te servendosi del mio corpo (lett.: nella mia persona), ma nascondimi qui con te e seppelliscimi con te, poiché, sebbene io abbia moltissimi mali, nulla è così grande e terribile come questo breve tempo che io ho vissuto separata da te”.

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email