Ominide 2984 punti

Iliade, XXIII versi 257- 286

αὐτὰρ Ἀχιλλεὺς
αὐτοῦ λαὸν ἔρυκε καὶ ἵζανεν εὐρὺν ἀγῶνα,
νηῶν δ' ἔκφερ' ἄεθλα λέβητάς τε τρίποδάς τε
ἵππους θ' ἡμιόνους τε βοῶν τ' ἴφθιμα κάρηνα,
ἠδὲ γυναῖκας ἐϋζώνους πολιόν τε σίδηρον.
- Ἱππεῦσιν μὲν πρῶτα ποδώκεσιν ἀγλά' ἄεθλα
θῆκε γυναῖκα ἄγεσθαι ἀμύμονα ἔργα ἰδυῖαν
καὶ τρίποδ' ὠτώεντα δυωκαιεικοσίμετρον
τῷ πρώτῳ· ἀτὰρ αὖ τῷ δευτέρῳ ἵππον ἔθηκεν
ἑξέτε' ἀδμήτην βρέφος ἡμίονον κυέουσαν·
αὐτὰρ τῷ τριτάτῳ ἄπυρον κατέθηκε λέβητα
καλὸν τέσσαρα μέτρα κεχανδότα λευκὸν ἔτ' αὔτως·

τῷ δὲ τετάρτῳ θῆκε δύω χρυσοῖο τάλαντα,
πέμπτῳ δ' ἀμφίθετον φιάλην ἀπύρωτον ἔθηκε.
στῆ δ' ὀρθὸς καὶ μῦθον ἐν Ἀργείοισιν ἔειπεν·
Ἀτρεΐδη τε καὶ ἄλλοι ἐϋκνήμιδες Ἀχαιοὶ
ἱππῆας τάδ' ἄεθλα δεδεγμένα κεῖτ' ἐν ἀγῶνι.
εἰ μὲν νῦν ἐπὶ ἄλλῳ ἀεθλεύοιμεν Ἀχαιοὶ
ἦ τ' ἂν ἐγὼ τὰ πρῶτα λαβὼν κλισίην δὲ φεροίμην.
ἴστε γὰρ ὅσσον ἐμοὶ ἀρετῇ περιβάλλετον ἵπποι·
ἀθάνατοί τε γάρ εἰσι, Ποσειδάων δὲ πόρ' αὐτοὺς
πατρὶ ἐμῷ Πηλῆϊ, ὃ δ' αὖτ' ἐμοὶ ἐγγυάλιξεν.
ἀλλ' ἤτοι μὲν ἐγὼ μενέω καὶ μώνυχες ἵπποι·
τοίου γὰρ κλέος ἐσθλὸν ἀπώλεσαν ἡνιόχοιο
ἠπίου, ὅς σφωϊν μάλα πολλάκις ὑγρὸν ἔλαιον
χαιτάων κατέχευε λοέσσας ὕδατι λευκῷ.
τὸν τώ γ' ἑσταότες πενθείετον, οὔδεϊ δέ σφι
χαῖται ἐρηρέδαται, τὼ δ' ἕστατον ἀχνυμένω κῆρ.
ἄλλοι δὲ στέλλεσθε κατὰ στρατόν, ὅς τις Ἀχαιῶν
ἵπποισίν τε πέποιθε καὶ ἅρμασι κολλητοῖσιν.


Ma Achille
trattenne la gli uomini, li fece sedere in un largo cerchio
e fece portare dalle navi come premi lebeti e tripodi,
cavalli e muli e buoi dal collo robusto,

donne dalle belle cinture e ferro grigio.
Per prima cosa, propose da portare via, come ricchi premi per i conducenti
dei rapidi carri, una schiava esperta in lavori perfetti
e un tripode a due anse, da ventidue misure,
per il primo, per il secondo, pose una cavalla
di sei anni, non domata, gravida di un mulo,
per il terzo offrì un lebete, non ancora toccato dal fuoco
bello, che conteneva quattro misure, tutto lucente,
per il quarto pose due talenti d'oro, e per il quinto
offrì un'urna a due anse, intatta dal fuoco.
Poi, in piedi in mezzo agli Argivi, disse così:
"Atride, e voi altri, Achei dai belli schinieri,
questi sono i premi che toccano nella gara ai conducenti di carri.
Se ora noi Achei scendessimo in competizione per un altro,
certamente io, conquistato il primo premio, me lo porterei nella tenda.
Voi sapete bene quanto i miei cavalli siano superiori per valore;
sono immortali e Poseidone li donò
a mio padre Peleo ed egli li ha regalati a me.
Ma oggi io starò fermo e così i miei cavalli dai solidi zoccoli,
hanno perduto la nobile gloria di un tale auriga gentile,
che spesso, dopo averli lavati con acqua limpida,
versava liquido olio sulle loro criniere.
Ora essi lo piangono e le loro criniere sfiorano il suolo,
mentre stanno immobili, il cuore pieno di tristezza.
Voi, invece, mettetevi in fila, chiunque fra gli Achei
ha fiducia nei suoi cavalli e nel carro ben costruito".

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017