Che materia stai cercando?

Tesi magistrale

Tesi di laurea magistrale per la cattedra del professor Perussia. gli argomenti trattati sono i seguenti: l'Europa del XVIII e del XIX secolo, Pinel e il suo Traitè mèdico philosophique sur l’aliènation mentale del 1801, la nascita della psichiatria, Johan Christian Reil.

Materia di Psicologia della personalità relatore Prof. F. Perussia

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

14

riporta alla luce il Katzenklavier: il pianoforte coi gatti. Si tratta di una

invenzione attribuita ad Athanasius Kircher, poichè descritta nell’opera

Musurgia Universalis di questo gesuita del XVII secolo (che si dice

abbia dato vita anche alla lanterna magica e al primo prototipo di

megafono e dell’ “arpa eolica”) che riteneva di veder riflessa nella

musica l’armonia dell’ universo.

Reil lo utilizza soprattutto per i pazienti giovani che noi oggi

definiremmo iperattivi, poichè pensa che, costringendoli non solo a

osservare il funzionamento di questo “strumento”,

sentire, ma anche ad

si possa catturare la loro attenzione e iniziare il processo di cura.

I gattini venivano selezionati per rispettare la scala di toni del pianoforte

e le loro code collegate ai tasti, di modo che essi miagolassero per il

dolore ogni volta che si toccava la tastiera.

Altri tipi di strumenti meno barbari sono stati costruiti nei manicomi,

come l’organo citato da Reil stesso (ma non è chiaro se si trovasse ad

pure l’utilizzo del semplice suono

Halle o altrove) e viene incoraggiato

delle voci degli animali.

E’ raccontato il caso di un uomo ad Hannover, cieco da due anni, che,

dopo aver udito questi suoni per sei mesi ad intervalli regolari, si era

ripreso, prima tanto da distinguere i colori e poi pure nel leggere.

Si può, inoltre, tentare un recupero con l’ascolto di colpi di pistola, di

Questo rimedio era noto già agli ebrei e ai pagani. Sam. C. XVL Caelius

14 Aurelianus L. I. morb. ehr. c. 5. Principi di arte medica 80

cannone, del suono acuto di uno strumento a fiato, di un organo a canne,

del lento e soffocato rintoccare di una grande campana, o di singoli colpi

somministrato in un’ unica volta

sul tamburo turco; tutto questo viene

con volume alto, ed eventualmente con le estremità dei malati fissate.

l’orecchio, raggiungono l’encefalo

I suoni non articolati colpiscono e

stimolano le stesse “strade nervose” della fantasia.

Con un altro paziente si è tentato un selvaggio e caotico insieme di suoni

da tamburi, campane, voci umane, versi di animali e sembrava essere

E’ stata unita una terapia d’acqua: nella stanza in cui si trovava

benefico.

veniva messa una bacinella di rame e dal soffitto scendeva acqua tiepida

che cadeva sulla sua testa: il suono ha inizialmente suscitato emozioni

e poi misurata attenzione, e l’aveva

moderate successivamente fatto

15

cadere in un sonno tranquillo.

La parte, però, che più aiuta i medici nella comprensione della mente del

matto è quella grafica della produzione libera di segni e simboli, in

particolare linguistici e di scrittura. Sembra quindi che essi siano i

veicoli attraverso cui le nostre idee, le fantasie, le nozioni e le decisioni,

anche dirette ai poteri esterni, diventano effettive e vengono prese.

Favorendo la produzione di scritti, ci si troverebbe, quindi, a contatto

diretto con le oscillazioni cerebrali; inoltre il ripetere certe attività le

rende competenze, sia nei soggetti normali sia nei pazienti psichiatrici.

Reil cerca, utilizzando queste produzioni, non solo di comprendere

meglio le patologie e le menti dei singoli, ma anche di correggere alcune

facoltà mentali poiché riesce a controllare la riproducibilità e il richiamo

dell’ideazione.

Ruolo importantissimo è infine svolto da ciò che Pinel chiama

“riconoscimento allo specchio” ovvero il confronto diretto con gli altri

15  Quorundam discutiendae tristes cogitationes: ad quod symphoniae et

cymbala strepitusque proficiunt. Celsus; art. med. princ, T, VIII. p. 161.

 Adhibenda aquae destillatio crebra, cujus sonitu saepe aegrotantes inducti

sornnuin capiunt, Caelius Anrelianus; artis med. principes T. XI. p. 81.

 Prodest etiam aliquid ad somnum silanus juxta cadens; vel gestatio post

cibum, et Koctu; maxmieque lecti suspensi motus. Celsus L. II. c. i3. Swieten

Comm. in Boerhaavii Aphor. T. IL p. 335.

 Cuique vero usitata somnum accerssum : nautis in cymba decubitus, et in

mari navigatio, et littorum sonus, et undarum murmur, et ventorum bombus,

et maris navisque odor. Musico tibiarum exercitatio quietem affert, aut lyrae

cantus, aut cytharae etc. Aretaeus de curatione morbor. acutorum Lib. I. c. i.

81

pazienti, che non sarebbe mai possibile in condizioni di isolamento e

segregazione.

A questo proposito Reil cita proprio un caso clinico di Pinel, in cui un

paziente credeva di essere il Re di Francia; gli viene presentato un altro

internato che precedentemente soffriva della stessa convinzione ed era

stato da tutti deriso. Dopo undici giorni questa sua convinzione, gli è

passata e solo pochi mesi più tardi può far ritorno alla sua famiglia.

I medici spesso tendono a dimenticare l’importanza delle differenze

individuali e si fossilizzano sulle solite terapie, sulle batterie di compiti

già comprovate, dimenticando che esiste una guarigione dei disturbi

mentali tramite mezzi psicologici. Le regole che ognuno crea nella

malattia sono fondamentali nella personalità e quindi non possono essere

dimenticate in un processo di cura.

I principi di base del funzionamento cerebrale, da cui dipende il

comportamento, possono essere rimossi o seriamente compromessi ed è

proprio sullo studio di tutto questo che deve puntare la nuova figura del

medico. Bisogna creare strumenti per la “misurazione e correzione” di

personalità e farli entrare nel sentire comune del corpus medico. Piegare

le convinzioni individuali, viste come il maggior problema poichè foriere

dei comportamenti bizzarri, esagerati, controllabili solo con la

coercizione, al servizio dell’ospedale e della guarigione.

In der That eine missliche Arbeit, In realtà (bisogna compiere) un

da uns die Kräfte der Mittel , das lavoro scomodo, ci sono le forze

centrali, l’essenza del malattia, la

Wesen der Krankheit, ihre

Zusammensetzung, ihr Verhältniss sua composizione, il suo rapporto

zu den entfernten Ursachen und con le cause remote e le sue

modifiche all’individualità che

ihre Modifikationen

durch die Individualität so ost sono così spesso sconosciute.

unbekannt sind. ibidem p.217, 218

Non esiste quindi ancora un metodo affidabile di guarigione dalle

malattie mentali, poichè non sempre la loro conoscenza è facilmente

accessibile nè capiamo le relazioni causali sottostanti. Non conosciamo

inoltre la naturà, nè i tempi, nè il modo di propagazione dei sentimenti

sarebbe

nell’anima; utile comparare il funzionamento del malato con

82

quello degli artisti, dei filosofi, dei pensatori perchè Reil crede che la

genialità (die Genie) abbia degli antenati comuni alla follia.

che manca all’epoca del nostro autore e

Una parte molto importante, che

gli preme particolarmente, tanto da ritornarvi più volte nel corso

dell’opera sin dall’introduzione, è:

Eine Hauptsache ist es, dass der Un fattore fondamentale è che il

Kranke gleich beim ersten malato

Ausbruch seiner Geisteszerrüttung alla comparsa dei primi focolai

in die Hände eines geschickten del suo disturbo mentale cada

Arztes falle. nelle mani di un medico esperto.

ibidem p.219

Il medico dev’essere ben formato in tutti e tre i campi che compongono

il sapere del “triumvirato” (psicologia, farmacologia e chirurgia) e avere

un’ equipe che crei un clima armonioso e favorevole, poichè già dai

primi momenti si decide la compliance al trattamento e le modificazioni

che la malattia subirà durante il ricovero.

Di solito il matto è più intelligente di ciò che il personale pensa, ma ci si

fa ingannare dalla prima impressione e poi è difficile uscirne: si perde la

fiducia non solo nel paziente ma pure nella riuscita del metodo di cura e

dottore dovrebbe avere l’onestà

allora il di ammettere la propria

incapacità e inviarlo a qualcun altro.

La malattia mentale è insidiosa pure nel senso che il portatore spesso non

sa di esserne affetto o, peggio ancora, è convinto di esser sano e allora va

in un primo momento costretto, come un bambino che non vuol prendere

le medicine. 83

CAPITOLO 5

5.1 MEZZI “PSICHICI”

Non c’è luogo migliore del manicomio per testare gli effetti delle cure

psicologiche e quindi per formare e poi mettere alla prova medici

specializzati.

I metodi psichici possono avere un duplice scopo: alle volte restituire al

paziente la fiducia in sè e le capacità di cui la malattia lo ha privato, altre

all’obbedienza. Entrambi gli scopi possono

volte semplicemente ridurlo che riguardino l’attenzione o con lievi

esser raggiunti tramite modifiche

cambiamenti o con qualcosa di più doloroso; Reil non sa offrire regole

assolute ma semplici suggerimenti.

Si deve aumentare la sicurezza e far rispettare l’obbedienza; le norme per

ottenere ciò si basano sull‘individualità dei pazienti, il grado e la natura

della malattia, l‘educazione, i sentimenti attuali e la comprensione delle

determinazioni interne.

Il medico con competenze esclusivamente pratiche ha bisogno di aiuto

natura dell’uomo e le pressioni alla

per adattarsi al singolo caso. La

far sì che un animo rigido, con senso dell’onore e

sottomissione possono

buona educazione, si abitui all’obbedienza.

simili ai bambini che tentano d’imporre la loro

Queste persone sono

volontà sugli adulti, ma ben presto devono cedere, se il genitore è capace

di imporsi con punizioni e lo ostacola in diversi modi.

Per sottomettere il paziente, bisogna derubarlo di qualsiasi supporto, in

dalla sua

modo da farlo sentire del tutto impotente: l’allontamento

famiglia e dalla sua città natale con il relativo venir meno delle abitudini

a cui era consueto, il fatto che siano dei suo conoscenti a volerlo mettere

in un manicomio, in cui né l’ambiente nè le persone sono noti,

contribuiscono in maniera decisiva a tale scopo.

Inoltre tutto ciò in parte distorce la sua aspettativa, tanto più quando

l’introduzione all’istituzione è vissuta come “solenne” e senza ritorno o

accompagnata da scene terribili. La controparte di questo modus

operandi è la non semplice percezione della vera personalità del

paziente; tuttavia, quando la si ottiene, si scopre che è ancora abbastanza

84

intelligente, e dietro la maschera di gesti, azioni o atti mancati

incomprensibili si trova più saggezza di quanto si possa pensare.

Reil dice che, almeno all’inizio, si è tenuti a fornire ordini a brevi

un “canale” che si è sicuri venga

scadenze regolari e attraverso

percepito; la persuasione con argomenti ragionevoli è inadeguata. Si

impone solo ciò che si può far valere con la violenza; persino ai più

recalcitranti o disapprovatori i comandi vanno ripresentati e si deve

insistere finchè li eseguono correttamente. Ritorna il paragone secondo

cui nell’educazione dei figli seguiamo le stesse massime.

Le forme più forti di primo trattamento, come i bagni o il ferro bollente,

sono usate quando non ci sono possibilità di comunicare altrimenti, come

negli iperattivi o nei catatonici. Altre volte si cerca di far leva sui

sentimenti e quindi essere prima gentili e disponibili e poi, quando si è

stabilito un contatto, imporsi anche fisicamente e con lo sguardo e le

16

parole. costringe l’anima all’attenzione, non solo in quel momento,

Il dolore ma

anche successivamente verso coloro che hanno condotto il trattamento;

inoltre per alcuni la rimozione dell’oggetto o dell’azione che costituisce

una fissazione basta a far sì che l’organo dell’anima non ne senta più la

necessità, per altri bisogna saper essere più pazienti perchè il risultato si

può apprezzare solo dopo una fase iniziale di furore crescente.

Und welche Vortheile gewinnen E quali vantaggi otteniamo? In

wir dadurch? In der That keine effetti, non sono pochi.

geringen. Il paziente rimane sano e la sua

obbedienza diventa un’abitudine;

Der Kranke bleibt gesund und sein e l’addetto può mantere più

Gehorsam wird zur Gewohnheit; l’ordine ricevuto

die Wärter können ihn leichter facilmente

dall’ospedale.

pflegen und die Ordnung des

Spitals erhalten.

(...) (...) c’è

Denn kein Anblick ist empörender Per la vista non nulla di

als die chaotische Verwirrung, in maggiormente rivoltante della

welcher die Kranken in den confusione caotica in cui i malati

meisten Tollhäusern durch si agitano nella maggior parte dei

Reil cita Willis. Vedi oltre Appendice I

16 85

einander schwirren. manicomi. ibidem p. 233,234

Reil cita qui il caso di Pinel e Pussin che possono costituire un passo

avanti nella sua tesi per cui tutto il personale, e non solo quello medico,

formato e quindi, in queste prime fasi di “riforma”,

dev’essere può

essere utile sia per i pazienti sia ai fini del funzionamento della struttura,

avvalersi delle competenze dei ricoverati più obbedienti.

Jean-Baptiste Pussin è ammesso al manicomio di Bicetre nel 1771,

“infirme atteint des humeurs froides”, vale a dire con una lesione da

adenite tubercolare o scrofolosi, successivamente guarita. Come spesso

accade con ex pazienti, ha trovato lavoro nell’ospedale stesso, prima

come supervisore del reparto “incurabili

come cameriere, poi, nel 1784,

mentali” detto anche logge degli alienati agitati. Questi inquieti erano

ovviamente coloro che venivano trattati con meno umanità e sottoposti

alle costrizioni per ridurli alla disciplina. Pussin invece, forse per esserci

precedentemente passato, li considera con un certo riguardo, che viene

notato da Pinel. Questi ha cominciato il suo lavoro a Bicetre nel 1793

l’incarico di direttore medico,

assumendo in un periodo successivo al

ricovero di Pussin, che con la moglie aveva già iniziato le riforme

umanitarie volte a rimuovere il “barbaro costume dell’uso delle catene”

per i malati. Jean-Baptiste Pussin viene poi nominato Capo della Polizia

delle logge interne e “Governatore dei dipendenti”.

Il suo compito consiste inizialmente nella selezione del personale tra i

pazienti guariti o convalescenti; in seguito si aggiunge un sistema, che

rimarrà in auge fino alla scoperta dei neurolettici, di punizioni o

a distinguere i “buoni malati” dai “cattivi”.

ricompense, mirate

Pinel stesso ritiene che il personale composto da ex pazienti sia più

qualificato perchè maggiormente in grado di capire i bisogni degli

internati. Quello di Pussin, e di molti altri successivamente, è quindi un

ruolo di osservatore attento, che non mira a scavalcare il supervisore di

trattamento a cui lascia le iniziative sia amministrative sia di altro

genere. Il Surgeon General stesso abbandona la sua posizione scettica e

dogmatica, quando si accorge che Pussin avrebbe potuto insegnargli

molto. Lo accompagna in visite frequenti, a volte per diverse ore al

giorno, e questo lo aiuta a familiarizzare con le deviazioni, le grida e le

stravaganze dei più violenti tra i maniaci. Su quest’area Pinel stesso dice

86

l’uomo più

che ricercava dei colloqui con lui perchè lo riteneva

qualificato per comprendere la condizione precedente e i deliri dei

malati, e non muoveva obiezioni quando Pussin aveva opinioni

divergenti e teorie di cui lui dubitava.

Pussin ha continuato a lavorare lì fino alla morte ed è stato tanto

apprezzato da Pinel che si dice abbia fatto sua e reso celebre l’idea di

Pussin del liberare dalle catene i pazzi a Bicetre. Si può dire quindi che

a tutt’oggi

entrambi abbiano contribuito ad apportare riforme studiate, e

a inventare la cura, sostituendola alla pena e cercando di eliminare gli

elementi utilizzati fino a quel momento.

Reil attribuisce addirittura a Pussin il merito della guarigione di quel

paziente che credeva di essere re, già citato in precedenza, e racconta di

un altro paziente:

Ein wahnsinniger Soldat in Bicetre Un soldato impazzito era

wurde wild, weil man ihn nicht, diventato selvaggio a Bicetre,

wie es ihm träumte, zur Armee perché non lo si lasciava tornare

nell’esercito. come lui aveva

zurückgehen lassen wollte.

Er zerriss alles und musste in sognato.

Banden gelegt werden. Man liess Rompeva tutto e si è dovuto

ihn acht Tage lang in dieser Lage incatenarlo. Lo si è tenuto per otto

seine Wuth ausschnauben. Nun giorni in questa posizione per

kehrte er in sich und sahe ein, sfogare la sua rabbia. Poi (Pussin)

dass er zu ohnmächtig sei, seinem tornò e vide che era troppo debole

Eigensinn zu solgen. Eines perchè potesse continuare nella

Morgens, als der Vorsteher die sua caparbietà. Una mattina,

Runde machte, bat er denselben in mentre il responsabile faceva il

einem demüthigen Ton , ihn giro, egli stesso ha chiesto in un

loszulassen, wenn er ruhig sein tono sottomesso di lasciarlo

würde. andare e che sarebbe rimasto

tranquillo. ibidem p. 231

87

5.2 ATTIVITA’ FISICA

L’ergoterapia, letteralmente terapia del lavoro, nella concezione moderna

è detta anche terapia occupazionale, e richiama quella molto utilizzata

negli ospedali psichiatrici spesso coniugando l’interesse a curare con i

vantaggi nella gestione della vita istituzionale. In molti casi la sua

valorizzazione in quanto antidoto alla passività dei degenti si basa su

assunti terapeutici che nascondono un sottinteso moralistico, talora

inconsapevole, in quanto “l’ozio è il padre dei vizi”. l’iniziativa

Per questo è suonata come veramente rivoluzionaria

basagliana di costituire cooperative di lavoro dei degenti e degli

operatori, o solo degenti, che si ponevano nel mondo esterno

all‘istituzione in un’ottica sociale di parità, rifiutando il lavoro parziale e

mal fatto, fine a se stesso, che in precedenza veniva chiesto ai degenti

spesso sotto forma di sfruttamento, e , in quanto tale, gratuito. Basaglia

definiva questo processo come un’ennesima costrizione verso i pazienti

che alimentano la loro “prigionia” stessa.

Oggi però pensiamo all’ergoterapia come a una forma specialistica di

rieducazione psicomotoria tesa a promuovere attività finalizzate a uno

un’attività

scopo e la classificheremmo come tra la riabilitazione e la

terapia. Le attività promosse dalla terapia occupazionale possono essere

collettive o individuali, sia di tipo manuale ripetitivo o creativo, come

nel caso dell‘artigianato, sia intellettuale. Attualmente lo scopo va dalla

rieducazione delle insufficienze motorie a quella delle competenze

emotive e mentali che riguardano attività necessarie alla vita quotidiana

Per riportare il paziente all’autonomia,

e attinenti alla socializzazione. si

persegue non soltanto il miglioramento delle abilità di esecuzione

attraverso richieste di complessità crescente, ma anche delle capacità di

all’ambiente.

adattamento e partecipazione

E’ un intervento delicato che deve tener conto sia della realtà soggettiva

interna del paziente, sia della relazione che egli ha con il mondo esterno.

Ma dove si situano le radici di questa pratica?

nei manicomi, ancor prima dell’ epoca del grande

Sappiamo che

internamento, era invalsa la regola per cui i malati buoni sostenevano i

ritmi lavorativi e quindi potevano essere trasferiti in appositi reparti detti

dei “recuperabili”. 88

Pochi anni dopo, ai tempi di Pinel, i pazienti assumono ruoli di

“infermieri”, l’idea

inservienti o, come abbiamo visto, di fomentando

che il lavoro non solo aiuta a mentenere le istituzioni, ma anche a

occupare i pazienti, nel rispetto di regole simili a quelle secondo cui è

strutturata la società.

Reil ne parla nel libro che stiamo analizzando attraverso alcuni esempi di

suoi contemporanei: il lavoro può essere sempre esperito da tutti, per

alcuni dopo un addestramento (cita l’esempio di malati che venivano

sguinzagliati in un labirinto nel cortile del manicomio in cui trovavano

degli ostacoli e delle minacce ed erano lasciati lì finchè non riuscivano a

cavarsela, pur essendo sempre tenuti sotto controllo da un osservatore in

cima ad una collina).

Il lavoro non solo libera da “se stessi”, l’attenzione

ma aiuta a trattenere

su qualcosa di esterno alla propria patologia e aumenta la resistenza alle

frustrazioni.

Il racconto del ricovero di York di Tuke si concentra sull’aspetto della

libertà concessa ai pazienti negli spazi aperti della struttura in cambio

della cura che dovevano dedicare alle piante, non appena le condizioni di

salute lo permettessero.

Un certo Gregory, in Scozia, utilizza per il lavoro nei suoi campi degli

alienati, alcuni li riduce in vera e propria schiavitù, altri godono di una

posizione migliore.

Poi Reil passa all’esempio di Saragozza: nella città spagnola esiste un

rifugio aperto per tutti i malati di mente con una semplice regola per

l’iscrizione: Urbis et Orbis.

Il fondatore non solo ha compiuto degli studi sulle funzioni della

meccanica stessa del sistema nervoso, ma principalmente sulle attrattive

sui capricci dello spirito: è un antidoto per

esercitate dall’agricoltura

opporvisi.

Alla mattina si può vedere come la maggior parte dei malati si

distribuiscono, con allegria, in file differenti, sotto la prudente gestione

del sovrintendente del campo, che è sempre una persona inserita nella

struttura ospedaliera; scaturisce, in secondo luogo, una sorta di

competizione tra i braccianti che li stimola e non sfocia in violenza

grazie ai controlli appena citati.

Esistono altri tipi di terapie proposte da Reil che non sono strettamente

un’attività fisica.

lavorative ma comportano 89

Man halte ihn zum Schwimmenn, Si ritengono pratiche come il

Tanzen, Balanciren, Exerciren, nuoto, la danza, lo stare in

Voltigiren, zum Ringwerfen Strick equilibrio, gli esercizi, il

springen und zu anderen volteggio, il gettare gli anelli, il

gymnastischen Uebungen an. Sie salto con la corda e altra

stärken beides die Kräfte der Seele ginnastica (idonee per i pazzi).

dell’

und des Körpers. Questi rafforzano sia i poteri

In der That verdiente dieser anima che del corpo. In realtà

Gegenstand einer eignen questo argomento merita un

Beherzigung. interesse specifico.

Eine Gymnastik für Wahnsinnige, La ginnastica per i pazzi, istituita

die nach ihren Bedürfnissen in base alle loro particolari

besonders eingerichtet wäre, esigenze, produrrebbe

würde wahrscheinlich viel Gutes probabilmente risultati molto

stiften. positivi.

Schade dass sie hier, wie in der Peccato che in questo campo,

come nell’ educazione dei figli,

Erziehung der Kinder, so wenig sia

benutzt wird. così poco utilizzata.

Man unterrichte den Kranken im Si insegnano ai pazienti la pittura,

Mahlen, Zeichnen, Singen, in der il disegno, il canto, la musica e

Musik und in anderen altre abilità artistiche, per cui egli

Kunstfertigkeiten, zu welchen er è predisposto.

Anlage hat. In particolare un concerto insieme

mantene l’attenzione su

Besonders würde ein Concert die potrebbe

Aufmerksamkeit auf einem Punkt un certo punto.

zusammenhalten. ibidem p. 246

L’equitazione giova attraverso le

Das Reiten nützt zugleich noch

durch Zerstreuung und distrazioni e le vibrazioni

dell’addome (dell’animale)

Erschütterung des Unterleibes. ibidem. p. 242

e altri esercizi fisici spostano il locus of control sull’ esterno e ciò

Questi

condiziona il senso interno, poichè i due sono strettamente collegati. Le

impressioni del matto vengono guidate a una corretta interpretazione del

90

mondo; è uno dei metodi alternativi agli shock fisici per ottenere

consapevolezza di sè, si colpisce indirettamente l’immaginazione

interiore e la si riporta al bilanciamento proprio delle personalità

normali.

Queste attività che perseguono scopi specifici, vengono proposte in

a poco a poco nell’ organo dell’anima

forme variabili e affermano diversi

tipi di forze, le stesse che all’ origine del trattamento del paziente erano

state risvegliate dalla forza degli stimoli e dalle costrizioni. 91

5.3 PSICOTEATRO

La storia dello psicoteatro è molto lunga e, come in altri ambiti, la si può

far risalire all’antica Grecia; il concetto di catarsi è introdotto da

Aristotele per esprimere il peculiare effetto esercitato dal dramma greco

sui suoi spettatori.

Il termine κἁθαρσις, deriva da katháirein, etimologicamente purificare:

la liberazione dell’individuo da una contaminazione che danneggia o

corrompe la natura dell’uomo. Aristotele afferma:

“Tragedia dunque mimesi di un’azione seria e compiuta in se stessa,

è

con una certa estensione; in un linguaggio abbellito di varie specie di

abbellimenti, ma ciascuno, a suo luogo, nelle parti diverse; in forma

drammatica e non narrativa; la quale, mediante una serie di casi che

suscitano pietà e terrore, ha per effetto quello di sollevare e purificare

l’animo da siffatte passioni”. Aristotele, Poetica, 6,

1449 p.24-28

Nella “Poetica” Aristotele sostiene che lo scopo del dramma è mondare

gli spettatori attraverso l’eccitazione artistica di alcune emozioni che

funzionano come un tipo di sollievo dalle loro passioni personali.

L’evento scenico traumatico è la messa in atto di un conflitto e delle sue

conseguenze fino all’estrema lacerazione; assistervi consente tanto un

coinvolgimento quanto una presa di distanza che rende possibile

un’osservazione più consapevole.

La catarsi ha una duplice valenza: esiste quella delle emozioni con cui,

rivivendoli, rendo i miei sentimenti più armonici, più chiari al mio

sistema di conoscenza ed esiste quella dalle emozioni con cui si compie

la vera e propria liberazione dalle impurità.

In tutti gli spettacoli teatrali c’è sempre un conflitto che si risolve alla

fine della storia, esso può essere contro il “nemico” o semplicemente

una serie di contrasti interiori.

La psicotecnica, in questo senso, ha lo scopo di portare ad esprimere le

potenzialità individuali, a rivivere la storia personale, a richiamare alla

memoria il cammino della conoscenza e vuole essere un momento di

condivisione. 92

Per sua stessa natura più che un’innovazione è un ritorno alle origini per

il teatro che rinuncia al copione e pure al semplice canovaccio, ad una

netta distinzione di ruoli e a un’esibizione con marcata separazione tra

attore e pubblico (in origine non esisteva il palco e la platea). E’ un teatro

dell’attore e, nel caso della psicopatologia, è una malattia recitata in cui

ognuno può alternare diversi ruoli attraverso l’imitazione o l’

immaginazione.

Le performance che si ottengono sono sempre diverse ma con elementi

dell’emersione della parte

che si ripetono e questo è il segno tangibile

incosciente di chi si esibisce.

Lo psicoteatro si potrebbe anche descrivere come un dialogo con se

stessi, un po’ come il soliloquio che tutti conduciamo nel quotidiano, pur

negandolo o non rendendocene conto, ed è importante perchè permette di

esprimere l’interiorità in modo percepibile. Come in ogni dialogo che si

rispetti la componente essenziale è il contrasto, la cui risoluzione

comporta un passo avanti nella comprensione dei problemi psichici del

paziente. Questo principio evidenzia la vicinanza di questa pratica con la

psicoterapia in cui lo psicologo è spettatore per professione ed elicita,

con tecniche diverse, lo sviluppo del dialogo interiore.

Quando si pensa a questo tipo di teatro il primo nome che viene alla luce

certamente Stanislavskij, celebre per la sua idea: “Lo strumento

è

dell’attore non sia il corpo, ma il proprio universo psichico”,

17

formalizzata nel metodo e nelle sue opere .

In realtà altri prima di lui avevano proposto forme teatrali in contesti

strettamente legati alla malattia mentale.

Ad esempio, il marchese De Sade (1740-1814) il quale, rinchiuso prima

a Bicetre e successivamente, nel 1804, nel manicomio di Charenton

allestisce lavori teatrali, alcuni scritti da lui stesso, nei quali recitano i

pazienti.

Anche nell’Ospedale di Aversa, nello stesso periodo, l’abate Giovanni

Maria Linguiti (1773 1825) viene nominato, malgrado non sia medico,

della “Casa dei folli”,

ma dottore in legge, direttore che diverrà

l’Ospedale Psichiatrico di Aversa. Egli nella conduzione dell’istituto

porta due innovazioni: far lavorare i matti e dare loro degli svaghi, come

la danza e la musica; all’interno della sua cura, che potremmo definire

Il lavoro dell'attore su se stesso, 1938

17 Il lavore dell'attore sul personaggio, 1957 93

morale, si dà pure grande rilievo alle rappresentazioni teatrali.

Secondo lui il recitare non solo aiuta nella comprensione di sè ma

l’interpretare un

diventa un vero e proprio strumento terapeutico poichè

personaggio la cui passione o idea fissa sia opposta a quella che affligge

il malato consente a quest’ ultimo di liberarsi dalla sua mania originaria.

che i folli, avendo l’impegno di recitare la

Il monaco-alienista nota

figura psicologica loro affidata, penetrano talmente nella parte che quasi

senza avvedersene, a poco a poco si spogliano delle loro precedenti idee

stravaganti.

gli anni 30 dell’ l’attività

Verso Ottocento, al manicomio di Napoli,

teatrale è riproposta dal frenologo Biagio Miraglia (1814–1885), dopo un

periodo di interruzione per il disinteresse dei vari direttori succedutisi.

Miraglia arriva addirittura a rendere famosa la compagnia di matti,

ricoverati nela struttura da lui diretta, facendoli recitare nel teatro del

questa, molto apprezzata,

Fondo di Napoli; un’operazione, tra gli altri,

dal famoso alienista Dominique Esquirol il quale scrive di ritenere uno

strumento terapeutico il teatro dei folli rappresentato a Napoli, e da

Dumas che, avendo avuto occasione di assistere ad uno spettacolo, ne

L’Indipendente

imprime subito la sua opinione in I pazzi di Aversa, in

(Napoli), III (1862) e in Les fous du docteur M., in La Presse, (6, 7, 8

giugno 1863).

Proprio all’inizio dell’Ottocento, e forse già sul finire del Settecento,

visto che troviamo il resoconto di questa pratica in Rhapsodien über die

Anwendung der psychischen Curmethode auf Geisteszerruttungen del

1803, Reil includeva lo psicoteatro, tra le cure adoperate. Esso ha per lui

la particolare forza di far riaffiorare scene della storia personale propria e

altrui, senza sentirsi eccessivamente sotto esame, come può avvenire in

un “setting terapeutico”; il paziente sposta l’ attenzione dalle sue vicende

a quelle dei compagni.

La recitazione di eventi personali, che siano propri o meno, aumenta il

senso di sè, aiuta a scindere realtà e fantasia, i pensieri dagli eventi e

chiarisce i modi con cui la nostra anima crea le associazioni tra fatti e

desideri.

Si passa da scene più prettamente legate agli oggetti ad astrazioni, la cui

parte più importante è quella in cui si affrontano gli ostacoli (o ciò che il

paziente ritiene tale) verso la realizzazione delle aspirazioni del soggetto;

in un secondo tempo si prendono in considerazione i sentimenti, il senso

94

dell’orgoglio, l’amore, la religione, gli affetti.

Lo scopo finale è creare o ricreare quelle facoltà particolari di cui il

paziente sente di avere più bisogno.

Reil inoltre redige un diario delle sedute di recitazione per tenere sotto

controllo eventuali incidenti e come prototipo di cartella clinica

anamnestica.

Purtroppo l’idea di ridurre tutto questo a un semplice canovaccio che

permetta la produzione di uno spettacolo compiuto, godibile anche da

l’effetto terapeutico ed

esterni al manicomio, appiattisce quasi totalmente

è per questo che Reil non riferisce di averne mai messi in scena.

Ciò può fornire un’ idea per

Hier mag noch eine Idee ihren

Platz finden, könnten nicht eigne trovare il proprio posto, non si

Schauspiele fürs Tollhaus potrebbe creare uno spettacolo

angefertigt werden? proprio per il manicomio? I più

Die besonnensten fahrten sie auf, riflessivi si lasciano trasportare,

die übrigen fähen sie an. gli altri stanno a guardare.

Zuverlässig erfordert dies Spiel Questo gioco richiede attenzione

die pünkthchste Aufmerksamkeit, puntuale, in un secondo momento

dann könnte man durch die si potrebbe sfruttare la

Vertheilung der Rollen noch distribuzione dei ruoli per

andere Vortheile erreichen; ottenere altri vantaggi;

jeden Narren seine eignen ciascun pazzo può lasciarsi

Thorheiten prendere in giro riguardo le

lächerlich machen lassen. proprie follie.

Man lässt die Kranken Si consente ai malati di copiare,

abschreiben, rechnen, auswendig contare, memorizzare, leggere le

lernen, Correcturen lesen. correzioni.

Sie mussen anfangs mechanisch, Essi devono prima di tutto

in der solge mit Ausdruck vorlefen meccanicamente rileggere la

und zu letzt über den Inhalt sequenza con espressione e infine

dessen, was sie gelesen haben, riferire circa il contenuto di ciò

aus dem Gedächtniss referiren. che hanno letto (richiamandolo)

dalla memoria. ibidem p. 246, 247

95

5.4 CAUSE REMOTE DELLE MALATTIE MENTALI

Per quanto si possano, coi metodi sopra descritti, alleviare i sintomi

primari più evidenti e immediati, la malattia mentale ha delle cause

remote, in gran parte ancora sconosciute, che vanno indagate per

rimuoverla completamente.

Gli stati esterni sono considerati come attività volte a uno scopo o come

cause accidentali della follia a seconda che si tratti di rallentamenti, di

iperattivismo o del deterioramento effettivo degli stati mentali. Essi sono

stati indagati talmente a lungo e approfonditamente che Reil non vuole

più soffermarvisi oltre.

Gli eventi interni, invece, sono spesso tralasciati per la loro complessità

in fatto di dinamiche, di rapporti di causalità, di analisi e di ipotesi di

cura; riguardano inoltre non solo sfere fisiologiche neurali ma pure la

l’educazione e la morale del singolo individuo.

sensibilità,

Alle entfernten Ursachen der Tutte le cause remote dei disturbi

Geisteszerrüttungen, sie mögen mentali, devono essere

absolut äussere Dinge oder assolutamente cose esterne o stati

dell’ organizzazione, sono

Zustände der Organization sein,

sind entweder Zustände des entrambi stati del sistema nervoso

Nerven systems selbst, oder stesso o devono, pochissimi tra

essi, appartenere all’organo

mussen weningstens durch dell’anima.

dasselbe zum Seelen organ

gelangen. Il sistema nervoso osserva come

un lavoratore esterno dell’organo

Das Nervensystem ist gleichsam dell’anima, è uno strumento dei

als Aussenwerk des Seelenorgans

anzusehn, ist Instrument der modificatori della sensualità

Sinnlichkeit Modifikationsmittel della nostra capacità morale

dell’anima. Pertanto influenze

unserer moralischen Fertigkeiten

der Seele. Daher müssen abnorme abnormi dello stesso o malattie di

Einflüsse auf dasselbe oder questa stessa capacità feriscono

l’anima.

Krankheiten in deniselben die più o meno gravemente

Vermögen der Seele mehr oder (...)

weniger verletzen. Per la profonda conoscenza e cura

(...) delle cause remote della follia,

96

Zur gründlichen Erkenntniss und potrebbe essere necessario che in

Cur der entfernten Ursachen des parte i rapporti di potenze

Wahnsinns würde es nöthig sein, assolutamente esterne con il

dass theils der Zusammenhang der cervello, attraverso la mediazione

absolut äusseren Potenzen mit dei nervi, in parte le specifiche e

dem Gehirn, durchs die peculiari malattie

dell’organizzazione che

Vermittelung der Nerven, theils die le facoltà dell’anima

specifisch eigenthümlichen colpiscono

Krankheiten der Organization, die siano specificatamente destinati.

die Seelen vermögen verletzen, Entrambe ci sono sconosciute

bestimmt angegeben würden. nella maggior parte dei casi.

Allein beides ist uns in den

meisten Fällen unmöglich. ibidem p. 256,257

Il considerare i prodotti piuttosto che le cause è dovuto al fatto che essi

sono il lato più visibile delle violazioni alla nostra anima.

Le facoltà mentali sembrano esistere senza limiti nel sistema nervoso e

alcune parti di quest’ultimo funzionano come organi della sensibilità

generale e del movimento, mentre altre sembrano influenzare gli istinti e

l’eccitazione delle singole unità motorie. nell’architettura

Ciascuna funzione sembra ben organizzata cerebrale in

modo da essere isolata, da funzionare ognuna su un determinato circuito,

come per impedire al medico di risalire facilmente alla fonte della

malattia mentale partendo dai suoi prodotti.

Das Gehirn ist eigentliche Il cervello è un reale laboratorio

Werkstätte des Denkens und per la comprensione del pensiero,

della volontà e dell’intero sistema

verständigen Wollens, das ganze

System Organ des Gefühls. degli organi di senso. ibidem p. 258

L’anima, per dissipare e finalizzare tutta la sua potenza, soddisfando il

corpo, sfrutta l’organizzazione del cervello e si rivolge prima verso gli

organi ricettivi, in un secondo momento dà vita a un centro che ordini le

idee riguardo alle sensazioni generali e le impressioni dei sensi una volta

97

venuto meno l’oggetto esterno.

Gli organi percettivi, il senso comune e l’immaginazione sono connessi

con il corpo e sono in diversa misura responsabili dell’affiorare delle

idee e delle aspettative; infatti a volte le nostre azioni derivano da stimoli

squisitamente mentali e non da risposte sensoriali all’esterno nè da

sollecitazioni corporee periferiche (infatti Reil postula l’esistenza di

nervi sparsi in tutto il corpo che restituiscano le sensazioni al cervello, il

quale le raccoglie e ha sempre uno schema corporeo aggiornato).

Quindi sono queste tre funzioni cerebrali ad esser maggiormente

responsabili nella patologia mentale e a creare squilibri nello spirito oltre

che nel corpo il quale gioca un ruolo fondamentale perchè non solo

stimola l’anima e il sistema nervoso con sensazioni interne, ma veicola i

contatti con il mondo; importante è pure la considerazione di dolore e

piacere. Forse i nervi e gli organi periferici possono creare alcune

sensazioni senza l’ausilio del cervello, come nel caso del cuore, e più

essi si rafforzano in questi procedimenti meno le ramificazioni del

sistema nervoso riescono a essere efficaci e processi distorti possono

prendere il sopravvento. Infatti sorgono autonomamente nuove

emozioni, aspetti del carattere, idee, e queste possono sfociare in crisi

epilettiche, incubi, scoppi d’ira, ninfomania e satiriasi (per questo motivo

la castrazione è stata proposta come una possibile cura).

In England sollen nämlich die In Inghilterra, in particolare, i

Diebe kastriert werden, um ihnen ladri vengono castrati, per far

cessare (l’istinto) di rubare.

das Stehlen abzugewohnen ibidem p. 261

Wem sind nicht die auffallenden Chi non conosce i suggestivi

Gemüthsveränderungen bekannt, cambiamenti di indole che

appaiono con l’esordio della

die bey dem Eintritt der Pübertät

erscheinen? Wer kennt nicht die pubertà?

wechselnden Launen Chi non conosce i capricci

hypochondrischer Personen? Die mutevoli delle persone

schüchterne Niedergeschlagenheit ipocondriache?

der Onanisten, die zum Selbstmord Il timido sconforto degli onanisti,

führt? che porta al suicidio?

Le irritazioni nell’addome, le

Beize im Unterleibe, Krankheiten 98

der Eingeweide dieser Höhle, eine malattie nelle viscere di questo

“buco”

anomaalische Vitalität der (?), una anormale vitalità

splanchnischen Nerven erregen del nervo splenico stimola appetiti

particolari, i timorosi giochi dell’

ungewöhnliche Appetite,

ängstliche Spiele der Phantasie, immaginazione, la propensione

Hang zu traurigen per i sentimenti tristi, oscurano la

Leidenschasten, umnebeln den comprensione

Verstand und bestimmen den e determinano la volontà di agire

Willen, nach dunklen Gefühlen zu sui sentimenti oscuri.

handeln. ibidem p. 258

L’autore l’insorgenza della malattia mentale prima dell’arrivo

esclude

dell’adolescenza, e ritiene questa età il momento giusto per agire, se si

mostrano segni di scompenso. La castrazione e il controllo ormonale

femminile sono quindi due possibilità, poichè insieme al crescere della

massa testicolare e durante la gravidanza è come se si sviluppasse un

collettore di agenti patogeni della malattia, di stati d’animo devianti, di

irritabilità, di fantasie, di propensione alla menzogna e ai comportamenti

insoliti.

Altre aree corporee devono essere tenute sotto controllo: il nervo

che, insieme all’ottava coppia di nervi

splenico sopra citato spinali,

plesso solare; quest‘ultimo

controlla lo stomaco, la bocca e il sembra

avere una grande influenza sul sistema nervoso forse perchè funge da

“diga” tra le costole e il sistema fonatorio. Mal funzionamenti di queste

parti comportano sbalzi d’umore tra il maniacale e il depresso e

fissazioni su idee incoerenti o spaventose.

Infine riveste sempre un ruolo di primo piano la polarità del sistema

nervoso che se non regolare o addirittura invertita invia messaggi errati

sia all’anima che a tutti gli altri nervi (quelli del cuore, della bocca, dello

stomaco, del diaframma, delle gambe e tutti quelli della colonna

dorsale).

E’ attraverso il cervello, quindi, che le disfunzioni corporee entrano in

coi disturbi dell’anima; infatti

uno stretto rapporto di causalità si instaura

un circolo vizioso tale per cui sensazioni di disagio corporeo elicitano

idee fisse o pensieri bizzarri nell’anima e questa, a sua volta, invia

segnali distorti al cervello alimentando i problemi. 99

Si pensi a quanto è evidente questo circuito nei pazienti ipocondriaci: in

nessun altro le sensazioni corporee sono così associate ai disturbi

mentali.

Die Geisteszerrüttungen I disturbi mentali poi di solito

schwinden dann meistens von scompaiono da soli, con la

selbst durch die Entfernung rimozione di stimoli anormali

abnormer Reize aus dem Magen dallo stomaco o dal canale

und Darmkanal, durch die intestinale, con la diminuzione di

Beruhigung der splanchnischen attività dei nervi splenici e del

Nerven und des Sonnengestechts, plesso solare, siamo in grado di

den Wahnsinn auf der Stelle zu curare la follia.

heilen ibidem p. 271

Reil racconta di una paziente convinta che metà della sua testa fosse

posseduta dal demonio e tutte le notti aveva terribili incubi; si fa rasare,

in accordo con il medico, metà dei capelli e i sintomi si placano. Quindi

riporta il caso di un ipocondriaco con parestesia a un piede a cui viene

curato il nervo del ginocchio e, nel giro di due mesi scompaiono tutte le

altre sue idee fisse sulle malattie. Cita Chiarugi e Cabanis che nelle loro

strutture utilizzavano cure similari, cercando inoltre di agire sugli organi

di senso. Sono più rari i casi di malattia mentale che dipendano

puramente dala percezione, spesso sono i processi interni che li

dannosi per l’individuo. Basti

distorcono e li rendono pensare alle

allucinazioni in cui gli oggetti sono semplicemente immaginati o

ricordati erroneamente o la percezione viene scambiata per qualcosa di

totalmente diverso.

Tra i vari casi citati da Reil c’è quello di un uomo che credeva di esser

perseguitato dal demonio e lo vedeva ovunque: il problema si risolse

completamente con una semplice operazione di cataratta!

Quando le cause remote riguardano il corpo, il compito del medico non è

così complesso, ma nel caso delle cause “morali” non si sa come e dove

agire e non si è ancora capito se sia meglio cercare di correggere le

condizioni attuali del paziente o di inculcare nuove conoscenze che

sostituiscano quelle devianti. 100

APPENDICE I

RAPPORTI CON L’ESTERO

Come abbiamo visto, Reil cita spesso altri colleghi conterranei o di Paesi

stranieri e sembra avere una conoscenza approfondita dei loro lavori,

prendendo anche spunto da essi.

Vediamone alcuni:

 Vincenzo Chiarugi (1759-1820) è stato uno dei più importanti

medici italiani dell’età moderna; nato ad Empoli, la sua vita

trascorre quasi per intero in Toscana. Si laurea a Pisa a soli

vent’anni necessario all’abilitazione presso

e svolge il praticantato

l’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, dove inizia la sua

carriera di medico. Nel 1785 viene assegnato al reparto di malattie

psichiatriche, cioè il vecchio ospedale di Santa Dorotea che è stato

accorpato al Santa Maria Nuova.

Qui Chiarugi inizia a teorizzare la riorganizzazione dell’assistenza

ai dementi.Grazie anche alla “legge sui pazzi” promulgata nel

Granducato toscano da Pietro Leopoldo di Lorena nel 1774, le

istituzioni per le malattie mentali non hanno più solamente scopo

di reclusione (fatto che, tra l’altro, causava un altissimo tasso di

mortalità): l’alienato è finalmente considerato un malato

bisognoso di terapie. Il regolamento che Chiarugi impone

Bonifazio

all’ospedale si basa essenzialmente sul rispetto della

persona ed esclude, di conseguenza, le punizioni corporali, gli

strumenti di contenzione (quando non strettamente necessari), lo

sfruttamento lavorativo. Anche la struttura, con ampi spazi verdi

fruibili dai pazienti, era innovativa. Pur riprendendo spunti già

presenti nella clinica psichiatrica europea, Chiarugi rappresenta

probabilmente il primo tentativo sistematico di applicare la nuova

visione terapeutica alla malattia mentale. Nel 1788 ottiene

l’incarico di direttore dell’ospedale Bonifazio, dove si trasferisce

con i suoi assistiti e dove ha finalmente la possibilità di mettere in

atto un programma clinico a tutti gli effetti per i malati mentali.

Nei tre volumi del suo trattato Della pazzia in genere e in ispecie.

101

Trattato medico-analitico con una centuria di osservazioni (1793 -

1794), Chiarugi espone compiutamente la sua classificazione

clinico-osservativa della malattia mentale, distinguendola

chiaramente dalle forme di alienazione temporanee dovute ad altre

patologie note.

Proprio nel 1793 fornisce la sua definizione di follia, o per dirla

“Pazzie”,

come Chiarugi, delle

“Le Pazzie sono adunque Errori di Giudizio, e di raziocinio

procedenti da una affezione Idiomatica del Sensorio Comune,

senza accompagnamento di febbre primitiva, o di affezione

desumendo l’essenza

Comatosa. È da quanto si è detto fin qui,

delle Malattie da comprendersi tra le Pazzie, potrà dirsi Pazzo con

giustizia quell’infelice Individuo della specie umana, che senza

avere Malattia febbrile, o lesione dei sensi esterni, e fuori delle

circostanze di Sonno, di Ubriachezza, Temulenza, e altre simili

occasioni, mostra di avere delle sensazioni, che non hanno i

circostanti posti nella medesima situazione; agisce o ragiona in

maniera contraria a ciò che esigono le sensazioni, le quali abbiamo

ragione di supporre, che egli abbia; e finalmente, senza che la

forza della ragione, e la testimonianza dei sensi possa convincerlo,

si trova persuaso di un errore di per se stesso facile a riconoscersi,

prima non l’avrebbe ingannato”.

e che tutti gli altri medici di quell’epoca,

Come il suo nome viene spesso

paragonato a Pinel ma, a differenza di quest’ultimo, nella sua

nosologia manca una solida base fisiologica. Gli si deve

riconoscere il merito di aver dato una sistemazione sperimentale a

questa tipologia di malattie, che è poi il motivo per cui il nostro

Reil lo prende in considerazione.

La traduzione in tedesco del Trattato medico-analitico viene

pubblicata a Lipsia due anni dopo la prima uscita nel 1796,

precedentemente alla stesura di Rhapsodien über die Anwendung

der psychischen Curmethode auf Geisteszerruttungen. Per le

nell’assistenza Chiarugi

innovazioni introdotte è chiamato, come

consulente, a Venezia per stendere il regolamento dell’istituto

ospedaliero di San Servolo.

l’ospedale

Dal momento che Bonifazio ospita anche i cosìddetti

“incurabili”, Chiarugi ha la possibilità di svolgere numerose

102

osservazioni cliniche su diversi tipi di affezioni, in particolare

sulle patologie dermatologiche derivanti da malattie veneree e

sulla pellagra che affliggeva le campagne toscane ed è per questo

che negli anni successivi l’attività di Chiarugi si concentra

sull’aspetto più strettamente medico e pubblica alcuni volumi in

18

merito.

Seppur poco noto in Europa, in Italia godeva di un certo prestigio:

nelle istituzioni mediche toscane ricopre numerosi incarichi e

nell’agosto del

diventa membro di molte Accademie scientifiche;

1802 gli conferiscono la carica di Lettore Onorario di malattie

assume l’incarico di

cutanee e Mentali. Nel 1810 pubblico

dell’Università di Pisa ed è il primo al mondo con una

professore

cattedra di Dermatologia e Malattie Mentali.

Vediamo alcuni punti in cui Reil lo cita:

Chiarugi tragt kein Bedenken in Chiarugi non porta nessuna

obiezione all’ammissione

den Verrückten zu verstatten, und dei

glaubt dass er zur Heilung der pazzi, e pensa che (i rapporti

Melancholie beitragen konnen sessuali) possano contribuire alla

cura della malinconia.

Rhapsodieen über die Anwendungen

der psychischen Curmethode p. 181

Chiarugi erzählt dass man einen Chiarugi dice che si tirano i matti

con una fune verso l’alto, così li si

Tobsuchtigen an einem Stricke in

die Hohe gezogen, ihn dadurch riesce a domare in fretta e ben

18 Opere principali Chiarugi

 Lettere sopra un caso di mal venereo, 1783.

 Della pazzia in genere e in ispecie. Trattato medico-analitico con una

centuria di osservazioni, 1793-1794.

 Saggio teorico-pratico sulle malattie cutanee sordide osservate nel R.

Ospedale Bonifazio di Firenze, 1799.

 Istoria delle malattie afrodisiache, e di quelle malattie ostinate e non guarite

dall'arte medico-chirurgica venute nel R. Ospedale di Bonifazio negli anni

1802 e 1803, 1804.

 La fisica dell'uomo, ossia corso compleo di medician ad uso degli Ufficiali di

Sanità, 1811-12.

 Saggio di ricerche sulla pellagra, 1814.

 Principi elementari di Medicina Teorica, 1820. 103

schnell zahm gemacht und bald presto li si porta alla guarigione.

ganz geheilt habe. Per perseguire questo scopo si

Man legt zu diesem Behuf dem fissa il corpo del paziente

Kranken bequeme leibriemen an, confortevolmente alla cintura, lo

bring diese durch stricke und si porta con flaconi (?) e pezzi di

Flaschenzuge mit einem hohen stoffa ad un arco alto, ad un

Gewolbe oder mit einem albero enorme o entrambi, e lo si

ungeheuren Mastbaum in tira in alto in modo che galleggi

celeste nell’

Verbindung, und zieht ihn in die come un messaggero

Hohe dass er wie ein himmelsbote aria.

in der luften schwebt. ibidem. p. 210

Chiarugi erzählt von einer Frau, Chiarugi racconta di una donna

die sich einbildete, sie sein vom che credeva di essere posseduta

Teufel befessen. Litt dieselbe nicht dal diavolo. Non ha forse subito

lei stessa l’incubo?

vielleicht am Alpdrücken? ibidem p. 271

 Johann Gottfried Langermann (1768-1832), pur avendo

incominciato la sua carriera con studi in legge, si sposta

successivamente su medicina all’università di Jena dove ha

contatti diretti con Fichte. Si laurea con una tesi sulla diagnosi e il

trattamento della melanconia (De methodo cognoscendi

curandique animi morbos stabilienda) e comincia a lavorare al

manicomio di Torgau per poi essere tra il 1805 e il 1810 direttore

dell’istituto a Bayreuth. Più tardi la sua carriera lo porta al servizio

per la salute dello stato prussiano e incomincia la sua influenza sui

programmi di cura per la malattia mentale che si espande non solo

in Prussia ma in tutta Europa. Proprio a Bayreuth avvia la sua

riforma, pur ottenendo scarsa fama nell’immediato; secondo lui la

pazzia è dovuta a passioni incontrollate che la terapia deve

riportare sotto il dominio della ragione con una corretta

educazione. Gli viene, infatti, affidato un incarico dal Ministero

per migliorare la condizione dei manicomi, a partire da quello di

S. Georgen. Quando Bayreuth viene ceduta alla Baviera, egli si

104

trasferisce a Berlino dove promuove tutta la riorganizzazione

ospedaliera: dall’area veterinaria a quella psichiatrica. Il metodo di

Langermann si basa in parte sulla nozioni teoriche di Stahl che

diventavano famose in quegli anni ma ha il merito di essere ben

definito anche nella pratica.

Langermann besuchte eine Langermann ha visitato una pazza

wahnsinnige Person, die sich che credeva di avere ucciso il

einbildete, ihren Sohn, den sie sehr figlio che amava molto.

liebte, umgebracht zu haben. Non le faceva effetto che le si

Es wirkte nicht auf sie, dass man mostrasse suo figlio. Non lo

ihr den Sohn vorstellte. Sie percepiva. Allora Langerman lo

bemerkte ihn gar nicht. Nun allontanò da lei e le disse che suo

entfernte Langermann denselben figlio, sotto shock per le sue

von ihr und sagte ihr, dass ihr esternazioni prive di senso, si era

Sohn vor Schreck über ihre ammalato mortalmente.

Questo l’ha riportata alla

unsinnige Aufführung todtkrank

geworden sein. ragionevolezza.

Dies brachte sie zur besonnenheit, Si è informata sulla grandezza del

sie erkundigte sich nach der rischio, ha chiesto assistenza per

grösse der Gefahr, bat um sè stessa e ha promesso di

Beistand für denselben und rinsavire.

verfprach ihn nicht wieder zu

erfehrecken. ibidem p. 183

 Inghilterra di

Thomas Willis (1621-1675), medico di fama nell’

Carlo I e del suo successore finisce per occupare una posizione di

all’interno dell’università di

rilievo Oxford. La sua opera è

innovativa nell’ unire la iatrochimica alla iatromeccanica e cioè le

scoperte anatomiche con le cure allora esistenti.

Lavora con colleghi importanti ed è, verso la fine del Seicento, un

esponente di spicco del Philosophical Club di Oxford, dopo la

pubblicazione del suo Diatribae duae medico-philosophicae la cui

parte più significativa è il connubio tra una personale concezione

eziologica e la sua esperienza nella pratica. Egli ha, inoltre, reso

un servizio inestimabile alla neuroanatomia, alla neurofisiologia e

105

alla neuropatologia, come possiamo vedere dalle sue

pubblicazioni. In Cerebri anatomae (1664) si discutono i circuiti

delle motivazioni e delle emozioni tra cui quello che lo ha reso

celebre: il poligono di Willis dove confluiscono le due arterie

carotidi e l’arteria basilare. In Pathologiae Cerebri et Nervosi

(1667) egli espone l’idea che le patologie come

Generis Specimen

l’epilessia, l’ipocondria e l’isteria, partano dall’esplosione di

all’interno delle

particelle zone muscolari del corpo per la

presenza di una grande varietà di elementi alcoolici altamente

volatili e successivamente causino convulsioni. Infine in De

Anima Brutorum (1672) presenta la fisiologia e le patologie

dell’anima animale che è in comune tra l’uomo

il punto e le bestie

e quella che l’autore ritiene essere la fonte fisica delle passioni del

corpo. I disturbi dell’anima sono responsabili di una serie di

malattie, attribuite a disfunzioni dei nervi capaci di modificare

radicalmente i pensieri e i comportamenti umani come accade per

esempio nella malinconia e nella mania. Willis suggerisce in più

l’ipotesi che esaltazione e depressione alternate siano forme

diverse di una stessa malattia mentale.

Reil parla di Willis per far tesoro delle sue esperienze cliniche e

dei suoi consigli pratici:

Daher, Sagt Willis, werden Perciò, dice Willis, diventano

Fremde, die auch nicht einmal die facilmente curabili gli sconosciuti

Sprache des Tollhauses verstehn, che non parlano nemmeno la

unter gleichen Umständen leichter lingua per comprendere il

geheilt als Einländer, weil sie manicomio, perché sono meglio

vollkommner isolirt sind. Ferner isolati.

kommt sehr viel auf Körperbau, Inoltre, sono sempre molto

Gang, Geberden, Stimme und auf (sensibili) alla posizione del

corpo, all’andatura,

den festen und durchdringenden ai gesti, alla

Blick der Vorgesetzten an. voce e allo sguardo fisso

Des D. Willis Miene so gewöhnlich e penetrante dei superiori.

L’espressione del dottor Willis è la

freundlich und leutfeelig sein,

abersich augenblicklich solita amichevole e gioiosa, ma si

verändern, wenn er einen Kranken modifica istantaneamente quando

zum erstenmale ansichtig wird. Er il malato si gira per la prima

106

gebietet demselben Ehrfurcht volta.

durch sein Ansehn und fasst ihn Egli comanda la stessa reverenza

scharf ins Auge, als könnte er alle verso il suo aspetto e lo guarda

Geheimnisse aus dem Herzen dritto negli occhi, come se potesse

desselben ans Tageslicht portare alla luce tutti i segreti del

hervorlocken. So gewinnt er suo cuore.

augenblicklich eine Herrschast Così ottiene subito una

über den Kranken, die er hernach padronanza sugli ammalati, che

mit Vortheil zu seiner Heilung poi vantaggiosamente utilizza

gebraucht . nella guarigione. ibidem p. 226, 227

 Cabanis: di lui è già stato detto in precedenza nel Capitolo I,

“Nascita della psichiatria”.

paragrafo 1.3

Vediamo ora alcuni passaggi in cui è citato da Reil :

(...) die Nymphomanie des (...) la ninfomania delle donne e la

weiblichen und die Satyriasis des satiriasi del genere maschile,

männlichen Geschlechts, denn nie poichè la follia non si verifica

entsteht der Wahnsinn vor der prima della pubertà, quindi si può

Pübertät, daher hat man auch die anche usare la castrazione contro

Castration wider denselben. queste stesse.

Ja sogar wider moralische Contro le malattie morali

Krankheiten der Seele in dell’anima è stata già proposta.

Vorschlag gebracht. (Cabanis: (Cabanis: rapport du physique et

du moral de l’homme, Paris,

rapport du physique et du moral

de l’homme, Paris, 1802). 1802).

In England sollen nämlich die In Inghilterra, in particolare, i

Diebe kastriert werden, um ihnen ladri vengono castrati, per far

cessare (l’istinto) di rubare.

das Stehlen abzugewohnen ibidem p. 258

L’anima è timida, oscura,

Die Seele ist scheu, düster,

versteckt, hartnäckig in ihren nascosta, persistentemente

Entschlüssen und mit ganzer Kraft attaccata alle sue decisioni e con

angeheftet an einzelne tutte le forze ai singoli oggetti fino

107

Gegenstände, bis sie erschöpft a quando non sono esauriti.

Inoltre sembra che quest’area del

sind. Auch scheint diese Gegend

auf das Temperament der temperamento influenzi le persone

Menschen und dies auf die e la costituzione delle loro regole

Constitution ihrer sinnlichen, sensoriali,

geistigen und moralischen Bestim mentali e morali.

mungen einzufliessen. ibidem p.265

 Jean Baptiste von Helmont (1579-1644) è un personaggio

particolare poichè la sua opera è stata sicuramente influenza dal

fatto che non è diventato subito medico ma ha studiato diverse

discipline e visitato parecchi Stati europei per sfuggire alla

dottrina gesuita che voleva spirito e corpo in perfetta armonia con

la natura.

Helmont è da un lato un amante del metodo sperimentale e

dall’altro un alchimista seguace a suo modo di Paracelso; si

a lui l’invenzione del termine gas che egli pensava

attribuisce

essere la vera essenza della materia in quanto contrasto con il

vuoto. solo l’aria e l’acqua

Inoltre egli ritiene elementi primi e vede in

quest’ultima qualcosa di divino poichè da essa dipende la vita

(famoso il suo rigoroso esperimento sulla crescita di un albero: ne

ha misurato la massa nel tempo e, dopo cinque anni, non avendo

aggiunto nient’altro che acqua, ha dedotto che bastasse questa per

il suo sviluppo).

Van Helmont teorizza anche un complicato sistema di agenti

soprannaturali simili agli archei di Paracelso, che controllano e

dirigono il funzionamento del corpo e si muovono grazie ai

fermenti. Le malattie, secondo questa concezione sono causate da

dell’archeo, e quindi i

una qualche anomalia di funzionamento

rimedi consisteranno nel riportarlo ad uno stato normale.

Reil ritiene particolarmente significativa una delle sue idee

sull’acqua, considerata durante la ricerca di terapie efficaci sui

suoi pazienti:

Sofern dies Mittel bloss psychisch Se questo mezzo deve agire solo

108

wirken soll, scheint das lange psicologicamente, sembra che la

Untertauchen ohne Zweck zu seyn. lunga immersione sia senza

Doch fordert v. Helmont es als obbiettivi.

eine nothwendige Bedingung. Nur Ma van Helmont definisce essa

dann sagt er, hilst das Stürzen ins come una condizione necessaria.

Meer nicht wider den Wahnsinn, Solo allora, dice lui, la caduta in

wenn man die Kranken aus mare non è salutare contro la

Furcht, sie möchten sterben, zu follia, quando si tira su troppo

früh wieder in die Höhe zieht. presto il maloto per paura che egli

voglia morire. ibidem p. 193

 Ludovico Antonio Muratori (1672-1750), di modeste origini

contadine studia in un collegio gesuita e poi si laurea in materie

giuridiche. Nel 1700 si stabilisce a Modena, dove lavora come

archivista e bibliotecario e quindici anni dopo gli è assegnata la

prevostura di Santa Maria della Pomposa, una delle più povere

parrocchie modenesi. Questa esperienza di contatto quotidiano con

un gran numero di indigenti alimenta la sua innata devozione ed

egli si assume incarichi sempre oltre il suo reale compito. Grazie

all’importante sostegno dell’aristocrazia cittadina, nel febbraio

1720, fonda la “Compagnia della Carità”, “opera pia laicale” che

persegue molteplici obbiettivi e riesce a conseguirne la maggior

parte, tra cui spiccano la fondazione del nuovo Monte di Pietà,

aperto nel 1746, e la progettazione di un avveniristico “Spedale

per invalidi”. Sempre rimasto profondamente sensibile ai problemi

del suo tempo, negli ultimi tre decenni di vita, Muratori

19

concepisce significative opere di impronta sociale ed

Opere principali di Muratori:

19  Riflessioni sopra il Buon Gusto intorno le Scienze, e le Arti, Venezia,

Pavino, 1708.

 Del Governo della peste e delle maniere di guardarsene, diviso in politico,

medico ed ecclesiastico, Modena, Soliani, 1714.

 Della Carità Cristiana, in quanto essa è amore del prossimo, Modena,

Soliani, 1723.

 La Filosofia Morale esposta e proposta ai giovani, Verona, Targa, 1735.

 Dei Difetti della Giurisprudenza, Venezia, Pasquali, 1742.

 Il Cristianesimo felice nelle Missioni de’ Padri della Compagnia di Gesù

109

assistenziale i cui pensieri predominanti sono la felicità pubblica e

il bene collettivo.

Vediamo come Reil riporta una delle sue esperienze di vita come

caso clinico, parlando di un certo Padre Sgambari che credeva di

essere un cardinale:

Der Provincial suchte ihn von Il provinciale (?) lo stava

diesem Wahn zu befreien; allein er cercando per liberarlo dalla

antwortete ihm mit folsfendem pazzia; egli gli rispose solo con il

Dilemma: “entweder halten Sie seguente dilemma: o mi prendete

per pazzo o no. In quest’ ultimo

mich für einen Narren oder nicht.

Im letzten Fall begelin Sie ein caso lei commette un grande torto

grosses Unrecht, dass Sie mit mir parlandomi in questo tono. Nel

in einem solchen Ton reden Im primo caso penso che lei, con il

erften Fall halte ich Sie, mit Ihrer suo permesso, mi abbia scambiato

Erlaubnifs , für einen grosseren con un pazzo più grave di me,

Narren als mich selbst, weil Sie poichè lei si immagina di poter

sich vorstellen, einen Narren convincere uno sciocco della sua

durch blosses Zureden von seinem follia solo con la persuasione.

Wahn überzeugen zu können”. ibidem p. 316

o ancora:

Der grosse Weltweise Newton fass Il grande filosofo Newton si

in einer Gesellschaft neben einem accompagna in un ricevimento ad

Frauenzimmer und ergriff, in un donna, e assente, assorto nei

Gedanken vertiest, den Finger suoi pensieri, apre la porta di

derselben , um sich den camera della donna con lo stesso

brennenden Taback in seiner dito che usa per ottenere la

Pfeife fest zu stopfen. Erst als das combustione di tabacco nella pipa

Frauenzimmer vor Schmerz zu e per farcirla con fermezza.

nel Paraguay, Venezia, Pasquali, 1743.

 Della Regolata Divozione de’ Cristiani, Venezia, Albrizzi, 1747.

 Della Pubblica Felicità, oggetto de’ buoni Principi, Venezia, Albrizzi,

1749. 110

schreien anfing, entdeckte er Quando la donna cominciò a

seinen Irrthum. gridare di spavento, scoprì il suo

errore. ibidem p. 105

Von einer ähnlichen Taubheit der Da un simile intorpidimento di

Hälfte des Kopfs rührte metà della testa è derivata

wahrscheinlich die Krankheit probabilmente la malattia di una

eines Frauenzimmers her, die donna, che per il resto era

sonst vollkommen bei Verstande perfettamente sana, ma

war, aber sich einbildete, sie habe immaginava di aver perso metà

den halben Kopf verlohren della testa. ibidem p. 270

111

APPENDICE II

ARCHIV FÜR DIE PHYSIOLOGIE

La rivista Archiv für die Physiologie, già citata più volte è di

fondamentale importanza perchè, per la prima volta si cerca di coniugare

medicina e psicologia e di trovare basi biologiche a diversi tipi di

disturbi tra cui anche le malattie mentali.

Molto influenzata delle idee dell’epoca ma pure a suo modo innovativa,

porta Reil ad una certa notorietà. Oggi si potrebbe dire che egli è stato

uno dei fautori principali del vitalismo, come si evince appunto dal suo

saggio sulla forza vitale e uno dei più grandi sostenitori, in campo

medico, non solo di Schelling ma pure di Mesmer, tanto che nel 1812

viene formata a Berlino una commissione di inchiesta sul magnetismo

diretta dall’ amico e collega di Reil Cristof Wihlem Hufeland.

La rivista non ha avuto solo questa conseguenza ma è stata fondante

come punto di incontro delle teorie in medicina, biologia, fisiologia,

psicologia, veterinaria, e molto altro per l’intero panorama europeo; è

“Mondo

stata addirittura citata da Schopenauer nel come volontà e

rappresentazione”.

Non trovo modo migliore di mostrare la varietà di argomenti e di autori

che hanno collaborato alle diverse edizioni della rivista che elencarne

20

tutte le uscite .

http://www.uni-saarland.de/fak4/fr41/Engel/Projekt/inhvz/zsft06ab.htm

20 112

1. Band, 1. Heft (1795 - 1796): 1. Volume 1, Edizione (1795 -

1796):

 

Reil, J. C.: Zuschrift, S.3-7 Reil, J. C.: Comunicazione,

 Reil, J. C.: Über die p. 3-7

Lebenskraft, S.8-162 Reil, J. C.: Sulla forza

 Recensionen, S.163 vitale, p.8-162

 Opinioni, p.163

1. Band, 2. Heft (1795 - 1796): 1. Volume 2, Edizione (1795 -

1796):

  A proposito dell’

Anon : Über Nervenkraft Anon :

und ihre Wirkungsart, S.3- energia nervosa, e la sua

20 modalità di azione, p.3-20

 

Fourcroy, A.F.: Chemische Fourcroy, A.F.: Esame

Untersuchung des Gehirns chimico del cervello di vari

verschiedener Thiere, S.21- animali, p.21-55

55 Fourcroy, A.F.: A proposito

 Fourcroy, A.F.: Über das del regno organico, p.55-75

organische Naturreich, Parmentier, Déyeux: Un

S.55-75 trattato sul sangue, p.76-

 Parmentier, Déyeux: 140

Abhandlung über das Blut, Opinioni, p.141-192

S.76-140

 Recensionen, S.141-192

1. Band, 3. Heft (1795 - 1796): 1. Volume 3, Edizione (1795 -

1796):

 

Parmentier, Déyeux: Parmentier, Déyeux: Un

Abhandlung über das Blut. trattato sul sangue.

Fortsetzung, S.3-37 Continuazione, p.3-37

 

Fourcroy, Vauquelin: Fourcroy, Vauquelin:

Zerglie derung der Thränen Dissezione delle lacrime e

und des Nasenschleims, muco nasale, p.38-53

S.38-53 Vauquelin: Studi chimici del

113

 Vauquelin: Chemische fegato delle razze (di pesci),

Unter suchungen der Leber p.54-58

des Rochen, S.54-58 Brugnarelli, L. Riguardo un

 Brugnarelli, L.: Über einen nuovo presunto senso nei

mutmasslich neuen Sinn bei pipistrelli, p.58-63

 Un’

Fledermäusen, S.58-63 Laumonier:

 Laumonier: Eine osservazione anatomica e

anatomisch-physiologische fisiologica, p.64-67

Beobachtung, S.64-67 Madai, D.; da: Sulla

 Madai, D. von: Über die modalità di azione degli

Wirkungsart der Reize und stimoli e degli organi

der thierischen Organe, animali, p.64-148

S.64-148 Opinioni, p.149-185

 Recensionen, S.149-185

2. Band, 1. Heft (1797): 2. Volume 1, edizioni (1797):

 

Pezold: Versuche mit dem Pezold: Esperimenti con il

thierischen Magnetismus, magnetismo animale, p.1-18

S.1-18 Koellner, J.: Sulla fine della

 Köllner, J.: Über den Zweck tuba di Eustachio, p.18-24

der Eustachischen Röhre, Home, E.: Il movimento dei

S.18-24 muscoli, p.25-50

 

Home, E.: Die Klugel: Osservazioni sulla

Muskelbewegung, S.25-50 discussione precedente,

 Klugel: Bemerkungen über p.51-57

die vorstehende Cruikshank, W.:

Abhandlung, S.51-57 Esperimenti sui nervi, in

 Cruikshank, W.: Versuche particolare sulla loro

über die Nerven, besonders riproduzione e sul midollo

über ihre Wiedererzeugung spinale di animali viventi,

und über das Rückenmark p.57- 71

lebendiger Thiere, S.57-71 Haighton, J.: Esperimenti

 Haighton, J.: Versuche über sulla riproduzione dei nervi,

die Reproduction von p.71-86

Nerven, S.71-86 Home, E.: Lezioni sul

 Home, E.: Vorlesung über movimento muscolare, p.87-

114

die Muskelbewegung, S.87- 108

108 Mangili, Joseph: Il sistema

 Mangili, Joseph: Das nervoso del sangue del

Nervensystem des Blutigels, riccio, del lombrico e di

des Regenwurms und altri vermi, p.109-122

anderer Würmer, S.109-122 Anon.: La decomposizione

 Anon.: Zerlegung del flusso stesso di liquidi

derjenigen Flüssigkeit, die che viene scaricata

durch den Bauchstich aus attraverso la puntura

der Bauchhöhle ausgeleert addominale della cavità

wird, S.123-126 addominale, p.123,126

 

Recensionen, S.127-168 Opinioni, p.127-168

2. Band, 2. Heft (1797): 2. Volume, 2 Edizioni (1797):

 

Gärtner, C.F.: Bemerkungen Gardener, C.,F.,:

über die Natur des Urins, Osservazioni sulla natura

S.169-203 delle urine, p.169-203

 

Schmidt, P.: Bemerkungen Schmidt, P.: Osservazioni

über die Struktur der Augen sulla struttura degli occhi

der Vögel, S.204-209 degli uccelli, p.204-209

 

Reil, J.C.: Über die nächste Reil, J. C.: Sulla causa

Ursache der Krankheiten, prossima della malattia,

S.209-231 p.209-231

 

Abernethy, J.: Einige Abernethy, J.: Alcune

Eigenheiten in der peculiarità della dissezione

Zergliederung des della balena, p.232-239

Wallfisches, S.232-239 Koellner, J.: Riesame dei

 Köllner, J.: Prüfung der più recenti sforzi e le

neuesten Bemühungen und indagini relative alla

Unter suchungen in der determinazione di forze

Bestimmung der organiche, secondo i

organischen Kräfte, nach principi della filosofia

Grundsätzen der kritischen critica, p.240-350

Philosophie, S.240-350 115

2. Band, 3. Heft (1797): 2. Volume 3, Edizioni (1797):

 

Köllner, J.: Prüfung der Koellner, J.: Riesame dei

neuesten Bemühungen und più recenti sforzi e le

Unter suchungen in der indagini relative alla

Bestimmung der determinazione delle forze

organischen Kräfte, nach organiche, secondo i

Grundsätzen der kritischen principi della filosofia

Philosophie. Fortsetzung, critica. Continuazione, p.

S.351-396 351-396

 

Home, E.: Einige Home, E.: Alcune

Bemerkungen über die osservazioni sugli usi di

Erzeugungsart des riproduzione del canguro,

Känguruhs, nebst einer insieme ad una descrizione

Beschreibung der delle parti riproduttive di

Zeugungstheile desselben, esso, p. 397-417

S.397-417 Home, E.: Sul movimento

 Home, E.: Über die dei muscoli, p. 418-448

Muskelbewegung, S.418- Meyer, J. C. H.: Sulla

448 riproduzione dei nervi, p.

 Meyer, J.C. H.: Über die 449-467

Wiedererzeugung der Reil, J. C.: La piega, la

Nerven, S.449-467 macchia gialla e il punto

 Reil, J. C.: Die Falte, der chiaro nella retina

dell’occhio,

gelbe Fleck und die p. 468-473

durchsichtige Stelle in der Fontana, F.: Una lettera ad

Netzhaut des Auges, S.468- un amico sul sistema di

473 evoluzione, p. 474-486

 

Fontana, F.: Ein Brief an Veit, D.: Alcune

considerazioni sull’origine

einen Freund über das della “hydatiden”,

System der Evolution, p. 486-

S.474-486 496

 

Veit, D.: Einige Recensioni p.496-524

Bemerkungen über die

Entstehung der Hydatiden,

S.486-496

 Recensionen, S.496-524 116

3. Band, 1. Heft (1799): 3. Volume 1, Edizioni (1799):

 

Home, E.: Vorlesung über Home, E.: Lezioni di alcune

einige Krankheiten der malattie della cornea e dei

muscoli retti dell’occhio ed

Hornhaut und der geraden

Muskeln des Auges, und il loro trattamento, p.1-30

ihrer Behandlung, S.1-30 Haighton, J.: Sulla

 Haighton, J.: Über die fecondazione degli animali,

Befruchtung der Thiere, qualsiasi trattato relativi

eine mit Versuchen esperimenti, p.31-73

verbundene Abhandlung, Cruikshank, W.: Ricerca

S.31-73 sulle uova di coniglio il

 Cruikshank, W.: Versuche, terzo giorno dopo

l’accoppiamento nelle tube

bey welchen die Eyer der

Kaninchen am dritten Tage della madre, e il quarto,

nach der Begattung in den trovate nell’utero materno

Muttertrompeten, und am (?), insieme con la prima

forma del “frutto”,

vierten in der Gebärmuter p.74-94

gefunden wurden; nebst der Fischer, G.: Riguardo una

ersten Gestalt der Frucht, nuova recente scoperta di

S.74-94 un verme nella vescica della

 Fischer, G.: Über einen neu trota, Cystidicola Farionis,

entdeckten Wurm in der di Reil, p.95-100

Fischblase der Forelle, Arnemann: Qualche parola

Cystidicola Farionis, an sulla riproduzione dei nervi,

Reil, S.95-100 p.100-105

 

Arnemann: Ein Paar Worte Reil J. C.: Un contributo

über die Wiedererzeugung alla semeiotica medica,

der Nerven; S.100-105 p.105-148

 

Reil, J.C.: Ein Beitrag zur Schmid, C.C.E.: Estratto di

medicinischen Zeichenlehre, una lettera a Reil, p.148-

S.105-148 154

 

Schmid, C.C.E.: Auszug Opinioni, p.155-164

eines Briefes an Reil, S.148-

154

 Recensionen, S.155-164 117

3. Band, 2. Heft (1799): 3. Volume, 2 Edizioni (1799):

 

Herhold, J.D.: Eine Herhold, J.,D.,: Una nota

sulla fisiologia dell’udito,

Anmerkung über die

Physiologie des Gehörs, p.165-178

S.165-178 Smith, E.: Osservazioni ed

 Smith, E.: Beobachtungen esperimenti sulle attività di

und Versuche über das bile, che causano

l’indigestione,

Vermögen der Galle, die p.179-187

Verdauung zu bewirken, Rudolphi, C.A.: Qualcosa

circa l’atmosfera sensibile

S.179-187

 Rudolphi, C.A.: Etwas über dei nervi, p.188-201

die sensible Atmosphäre der Wilmans, C.A.: A proposito

dell’arte medica e la sua

Nerven, S.188-201

 Wilmans, C.A.: Über metodologia, p. 202-348

medicinische Kunst und ihre Greiling, J. C.: Alcuni

Methodologie, S.202-348 principi generali di una

 Greiling, J.C.: Einige teoria delle opinioni, p.

allgemeine Grundsätze zu 349-385

einer Theorie der Opinioni p. 386-400

Recensionen, S.349-385

 Recensionen, S.386-400

3. Band, 3. Heft (1799): 3. Volume 3, Edizioni (1799):

 

Rudolphi, Carl Asmund: Rudolphi, Carl Asmund:

Beytrag zur Geschichte der Racconto sulla storia dei

Zähne, S.401-410 denti, p.401-410

 

Chaptal: Bemerkungen über Chaptal: Note su alcuni

einige Pflanzensäfte, und succhi vegetali, e la natura

über die Art der Bewegung del movimento di carbonio e

des Kohlenstoffs und seines del suo deposito nella

Absatzes in den Pflanzen, pianta per nutrirla, p. 411-

um sie zu nähren, S.411-423 423

 

Reil, J.C.: Veränderte Reil J.C.: Alterata miscela e

Mischung und Form der forma della materia

thierischen Materie, als animale, considerata come

118

Krankheit oder nächste causa prossima della

Ursache der ricaduta della malattia,

Krankheitszufälle p.424-461

betrachtet, S.424-461 Smith: Osservazioni sulla

 Smith: Beobachtungen über produzione di zolfo e delsuo

die Erzeugung des acido, p. 461-465

Schwefels und seiner Säure, Hoffbauer: Sul concetto

S.461-465 della vita e della salute e

 Hoffbauer: Über den Begriff della malattia, come stati

des Lebens und der stessi; di Reil, p. 465-476

Gesundheit und Krankheit, Opinioni p. 477-499

als Zustände desselben; an

Reil, S.465-476

 Recensionen, S.477-499

4. Band, 1. Heft (1800): 4. Volume 1, Edizioni (1800):

 

Wilmans, C.A.: Grundsatz Wilmans, C.A.: Il principio

der Beurtheilung des di giudizio del sistema

Brownischen Systems, S.1 browniano, p.1

 

Rudolphi, Carl Asmund: Rudolphi, Carl Asmund:

Einige Beobachtungen über Alcune osservazioni sui villi

die Darmzotten, S.63 intestinali, p.63

 

Fischer, G.: Über den Fischer, G.: A proposito

jetzigen Zustand der dello stato attuale di

vergleichenden Anatomie anatomia comparata e

und Physiologie in fisiologia in Francia. - Il

Frankreich. - Erstes primo frammento, da una

Fragment, aus einem Briefe lettera a Blumenbach, p.89

an Blumenbach, S.89 Koellner, J.: Rassegna di

 Köllner, J.: Prüfung der osservazioni sulla fisiologia

dell’ udito di Herhold

Bemerkungen über die in 3/2,

Physiologie des Gehörs von p.105

Herhold in 3/2, S.105 Fourcroy: Un trattato

 concernente l’applicazione

Fourcroy: Abhandlung über

die Anwendung der della chimica pneumatica

pneumatischen Chemie auf per la medicina e il potere

119

die Heilkunde, und über die medico del corpo

medicinischen Kräfte der ossigenato, p.116

oxygenirten Körper, S.116 Fourcroy, Vauquelin:

 Sull’acido benzoico nelle

Fourcroy , Vauquelin: Über

die Benzoesäure im Harn urine degli animali erbivori,

grasfressender Thiere, p.162

S.162 Fourcroy, Vauquelin:

 Fourcroy, Vauquelin: Estratti da un trattato

sull’orina di cavallo

Auszüge aus einer e p.164

Abhandlung über den Daubenton: Riflessioni

Pferdeharn, S.164 metodologiche sulla

 Daubenton: Reflexionen ripartizione delle produzioni

über die methodische naturali, p.172

Eintheilung der Opinioni, p.175

Naturproducte, S.172

 Recensionen, S.175

4. Band, 2. Heft (1800): 4. Volume, 2 Edizione (1800):

 

Martin E., Martin D.J.: Martin E., Martin D.J.:

Über die Verwandlung des Sulla trasformazione della

Muskelfleisches in sostanza muscolare in carne

Fettsubstanz, S.189 grassa, p.189

 

Harles: Bemerkungen, diese Harles: Osservazioni su

Erscheinung betreffend questo fenomeno osservato

Martin d. A..: Beobachtung da Martin d.A.:

osservazione di un’

einer Verirrung der

Saamenfeuchtigkeit, S.201 aberrazione delle sementi

 Harles: Einige umide, p.201

Bemerkungen Harles: Alcune Note

 

Harles: Eine merkwürdige Harles: Una strana

Misgestaltung eines Kindes. Misgestaltung un bambino.

Aus Collombs Werken, Da Collombs opere, p.213

S.213 Harles: Trasformazione del

 Harles: Verwandlung der tessuto osseo, in sostanza,

Knochen in carne, contribuendo alla

Fleischsubstanz; ein Beitrag patologia del brutale-

120

zur Pathologie der materia organica, p.220

thierisch-organischen Schallhammer, da malattie

Materie, S.220 delle fibre muscolari, che

 Schallhammer, von: sono stabilite sul loro

Krankheiten der miscela verketzten e forma,

Muskelfasern, die in ihrer p.222

verketzten Mischung und Windischmann, K.J.:

possibile e

Form gegründet sind, S.222 Riguardo l’unico

 l’unico giusto punto di vista

Windischmann, K.J.: Über

den einzig möglichen und delle scienze naturali.

Insieme con l’annuncio di

einzig richtigen

Gesichtspunkt aller un trattato sulla meccanica

Naturforschung. Nebst der della natura, p.290

Ankündigung einer Schrift Alibert, S.L.: Osservazioni

über die Mechanik der sulla fisiologia del frutto

Natur, S.290 della pianta di mele

 Alibert, S.L.: cotogne, p.306

Physiologische Opinioni, p.314

Betrachtungen über die

Frucht des Quittenbaums,

S.306

 Recensionen, S.314

4. Band, 3. Heft (1800): 4. Volume 3, Edizioni (1800):

 

Rudolphi, Carl Asmund: Rudolphi, Carl Asmund:

Einige Beobachtungen über Alcune osservazioni sui villi

die Darmzotten. intestinali. Continuazione,

Fortsetzung, S.339 p.339

 

Kade: Über die Krankheiten Kade: Sulle malattie dello

des Magens, die von einer stomaco, che nascono da

verletzten Normalmischung una miscela di forma feriti e

und Form desselben normale degli stessi, p.365

entstehn, S.365 Goetz: Dalle malattie dei

 Goetz: Von den Krankheiten legamenti derivanti dalla

der Bänder, die von einer violazione della loro forma

Verletzung ihrer normale e miscelata, p.387,

121

Normalform und Mischung Léveillé: Un estratto sulla

herrühren, S.387 nutrizione da frutta in

 Léveillé: Ein Auszug über mammiferi e uccelli, p. 413

die Ernärung der Frucht in Cuvier: A proposito dei vasi

den Säugethieren und sanguigni del sangue e del

Vögeln, S.413 colore rosso del liquido in

 Cuvier: Über die esso contenuto, p. 436

Blutgefässe des Blutigels Anon.: Dissezione della

und die rothe Farbe der retina, p.437

 Dell’ effetto del gas

Flüssigkeit, die darin Anon.:

enthalten ist, S.436 idrogeno puro sulla voce, p.

 Anon.: Zergliederung der 438

Netzhaut, S.437 Sue, J.J.: Riguardo la

 Anon.: Von der Wirkung des preparazione (?) degli

reinen Wasserstoffgas auf scheletri di animali e piante,

die Stimme, S.438 p.438

 

Sue, J.J.: Über die Home, E.: Studi sull

‘apertura nella retina di

Bereitungsart der Skelette

von Thieren und Pflanzen, animali vari, p.440

S.438 Wilson, J.: Descrizione di

 Home, E.: Untersuchungen una forma insolita di un

über die Öffnung in der cuore, p.448

Netzhaut verschiedener Clarke, J.: Circa una

Thiere, S.440 placenta in cui è staato

 Wilson, J.: Beschreibung trovato un tumore, p.455

einer ungewöhnlichen Doutrepont, J.S.: Lo

Bildung eines Herzens, scambio di materia animale,

S.448 p.460

 

Clarke, J.: Über eine im Meyer: Estratto da una

Mutterkuchen gefundene lettera, p.508

Geschwulst, S.455 Opinioni, p. 510

 Doutrepont, J.S.: Über den

Wechsel der thierischen

Materie, S.460

 Meyer: Auszug aus einem

Briefe, S.508

 Recensionen, S.510 122

5. Band, 1. Heft (1802): 5. Volume 1, Edizioni (1802):

 

Sybel, Johann Karl: Von den Sybel, Johann Karl: Tra le

malattie dell’occhio che

Krankheiten des Auges, die

aus einer verletzten possono essere viste da una

Mischung und Form mescolanza e dalla forma

desselben erkennbar sind, della lesione stessa, p.1

S.1 Cuvier, G.: A proposito della

 Cuvier, G.: Über den untern laringe inferiore degli

Larynx der Vögel, S.67 uccelli, p.67

 

Cuvier, G.: Über die Cuvier, G.: Sulla nutrizione

Ernährung der Insekten, degli insetti, p.97

S.97 Abernethy, J.: Sul Thebesii

 Abernethy, J.: Über die foramina (?) nel cuore,

Foramina Thebesii im p.128

Herzen, S.128 Wilmans: Sulle leggi

 Wilmans: Über die normali e le loro prestazioni

Normalgesetze und ihren nella nuova arte medica,

Nutzen in der Arzneykunde, p.137

S.137 Wiedemann: Qualche

 Wiedemann: Ein Paar parola sul caso raro di

Worte über den seltenen carenza di colecisti

nell’uomo,

Fall des Mangels der p.144

Gallenblase bey Menschen, Jacob: Estratto di una

S.144 lettera a Reil, p.147

 

Jacob: Auszug eines Briefes Cooper, Astley: Tre esempi

an Reil, S.147 di un blocco del dotto

 Cooper, Astley: Drey toracico, insieme ad alcuni

Beyspiele einer Verstopfung esperimenti sulle

des Brustkanals, nebst conseguenze, che provoca la

einigen Versuchen in Betreff chiusura di esso, p.157

der Folgen, die die

Unterbindung dieses

Gefässes veranlasst, S.157 123

5. Band, 2. Heft (1802): 5. Band, 2 Edizioni (1802):

 

Roose: Über die Willkühr Roose: A proposito

dell’irregolarità della

beym Athemholen. An Reil,

S.159 respirazione. da Reil, p.159

 

Bichat: Auszug aus der Bichat: Estratto dal trattato

Abhandlung über die sulle membrane, p.169

Membranen, S.169 Gregorini, D.: Sulla

 Gregorini, D.: Über die vegetazione, p.275

Vegetation, S.275 Opinioni, p.313

 Recensionen, S.313

5. Band, 3. Heft (1802): 5. Volume 3, Edizioni (1802):

 

Dömling: Über die Ursache Dömling: Sulla causa dei

movimenti dell’iride,

der Bewegungen der p.335

Regenbogenhaut, S.335 Sybel, Johann Karl: Tra le

 Sybel, Johann Karl: Von den malattie degli occhi, che

Krankheiten des Auges, die sono danneggiati da una

aus einer verletzten miscela della stessa forma e

Mischung und Form riconoscibile.

desselben erkennbar sind. Continuazione, p.357

Fortsetzung, S.357 Nicholson, W.: Chi

 l’irritabilità della polvere di

Nicholson, W.: Über die

Reizbarkeit des piante fiori, p.382

Blumenstaubs der Pflanzen, Venture, J.B.: Osservazioni

S.382 sulla conoscenza della

 Venture, J.B.: distanza che riceviamo

attraverso lo strumento dell’

Betrachtungen über die

Erkenntniss der Entfernung, udito, p.383

die wir durch das Werkzeug Heidmann, Johann Anton:

des Gehörs erhalten, S.383 Alcune nuove scoperte ed

 Heidmann, Johann Anton: esperienze nelle ricerche sul

Einige neue Entdeckungen galvanismo composito da

und Erfahrungen aus den diverse combinazioni di

Versuchen mit der metallo sugli esseri umani e

zusammengesetzten gli animali, p.393 124

 Sull’

ungleichartigen Emmert, A.,G.,F.,:

Medallverbindung oder dem indipendenza del piccolo

verstärkten Galvanismus circuito della respirazione,

auf Menschen und Thiere, p.401

S.393 Schaufuss: Sulla causa della

 Emmert, A.G.F.: Über die differenza del vaiolo tra

Unabhängigkeit des kleinen vaccinati e non vaccinati,

Kreislaufs von dem Athmen, p.417

S.401 Meierotto, D.: Sulla crescita

 Schaufuss: Über die dei corpi animali, p.434

Ursache der Roose: Qualcosa

sull’esuberanza

Verschiedenheit der (?), p.439

 Un’osservazione

geimpften und ungeimpften Reil J. C.:

Pocken, S.417 fisiologica, p.445

 

Meierotto, D.: Über das Hoffbauer: Idee per una

Wachsthum thierischer classificazione delle

Körper, S.434 malattie mentali dai concetti

 Roose: Einiges über die stessi, in aggiunta ad alcune

Überschwängerung, S.439 osservazioni circa la follia,

 Reil, J.C.: Eine p.448

physiologische

Beobachtung, S.445

 Hoffbauer: Ideen zu einer

Classification der

Seelenkrankheiten aus dem

Begriffe derselben, nebst

beyläufigen Bemerkungen

über den Wahnsinn, S.448

6. Band, 1. Heft (1805): 6. Volume 1, Edizioni (1805):

 

Seiler, R.: Über die Seiler, R.: Sulla dissezione

Zergliederung des del corpo umano in età

menschlichen Körpers im avanzata, p.1-119

Alter, S.1-119 A proposito dei diversi tipi

 Über die verschiedenen (modi) del processo di

Arten (modi) des vegetazione nella natura

125

Vegetationsprozesses in der animale, e le leggi da cui

animalischen Natur, und die sono dominati, p.120-167

 L’esame

Gesetze, durch welche sie Barzellotti, Jacob,

bestimmt werden, S.120-167 di alcune moderne teorie

 Barzellotti, Jakob: Prüfung circa la causa prossima

einiger neuern Theorien della contrazione

muscolare. Dall’ Ital,

über die nächste Ursache p.168-

der Muskelzusammen 221

ziehung. Aus dem Ital., Opinioni, p.222-224

S.168-221

 Recension, S.222-224

6. Band, 2. Heft (1805): 6. Volume, 2 Edizioni (1805):

 

Hufeland, Friedrich: Hufeland, Friedrick:

Ausserordentliche Erhöhung Aumento straordinario di

der Sensibilität; ein Beitrag sensibilità, che contribuisce

all’esperienza di

zu den Erfahrungen über

Somnambulismus und sonnambulismo e

thierischen Magnetismus, magnetismo animale, p.225-

S.225-263 263

 

Fischer, F.: Einige Fischer, F.: Alcune

Beobachtungen über osservazioni sul

thierischen Magnetismus magnetismo animale e sul

und Somnambulismus, sonnambulismo, p.264-281

S.264-281 Weber, D.: Spiegazione

 Weber, D.: Anatomisch- anatomica e fisiologica per

l’esecuzione vicariante del

physiologische Erklärung

der Sinnesverrichtung des viso, p.282-326

Gesichts, S.282-326 Visualizzazioni, p.327-416

 Anzeigen, S.327-416

6. Band, 3. Heft (1805): 6. Volume 3, Edizioni (1805):

 

Heidmann, Johann Anton: Heidmann, Johann Anton,

Veränderungen, welche das Cambiamenti a cui va

Blutunter einem incontro il sangue visto al

126

Microscopium compositum microscopio sotto gli effetti

della luce solare, l’aumento

auf die Einwirkung des

Sonnenlichtes, der di energia elettrica

verstärkten galvanischen galvanica e vari reagenti,

Elektrizität und p.417- 431

verschiedener Reagentien Vrolik, Gerard: La funzione

erleidet, S.417 monotona della natura nella

 Vrolik, Gerard: Die produzione del corpo della

gleichförmige Wirkung der pianta. Un discorso che si

svolge, presso l’Ateneo di

Natur in der Amsterdam nell’illustre

Hervorbringung der

Pflanzen körper. Eine Rede, Felix Meritis. Da Holl.

die am illustren Athenäum Johann August Schmidt,

zu Amsterdam in der p.432-451

Gesellschaft Felix Meritis Vrolik, Gerard: Qualcosa

gehalten ist. Aus dem Holl. circa la respirazione e il

Johann August Schmidt, calore degli animali, da una

S.432-451 conferenza tenutasi presso

 Vrolik, Gerard: Etwas über la Società di Felix Meritis

das Athemholen und die ad Amsterdam, p.452-468

thierische Wärme; eine Vrolik, Gerard: Pensieri di

Vorlesung in der Camper e Hunter sui

Gesellschaft Felix Meritis benefici delle ossa lunghe

zu Amsterdam gehalten, negli uccelli. Considerando

S.452-468 ed esaminando più in

 Camper’s

Vrolik, Gerard: dettaglio una conferenza

und Hunter’s Gedanken della società di Felix

über den Nutzen der Meritis ad Amsterdam

Röhrenknochen bey Vögeln. tenutasi il 25 Gennaio 1803,

Näher erwogen und geprüft p.469-490

in einer, in der Amsterdamer Deimann, Johann Rudolph:

Gesellschaft Felix Meritis Sulle forze di terra, secondo

den 25sten Januar 1803 le idee di Immanuel Kant.

gehaltenen Vorlesung, Da Holl. sul livello del

S.469-490 mare. Johann August von

 Deimann, Johann Rudolph: Schmidt, p.491-517

Über die Grundkräfte, nach Deimann, Johann Rudolph:

127

E’ la forza vitale nei regni

den Vorstellungen des

Immanuel Kant. Aus dem animale e vegetale che

Holl. ü. v. Johann August subordina la forza di base

Schmidt, S.491-517 generale per la materia, o si

 Deimann, Johann Rudolph: tratta di un campo di potere

Ist die Lebenskraft im Thier- peculiare?, p.518-548

und Pflanzenreiche der Meckel: Riguardo la

allgemeinen Grundkraft der formazione

dell’insufficienza

Materie untergeordnet, oder cardiaca,

ist sie eine eigne p.549-610

Grundkraft?, S.518-548

 Meckel: Über die

Bildungsfehler des Herzens,

S.549-610

7. Band, 1. Heft (1807): 7. Volume 1, Edizioni (1807):

 

Autenrieth, J.H.F. von: Autenrieth, J. H. F., da:

Bemerkungen über die Osservazioni circa la

Verschiedenheit beider differenza tra i due sessi e i

Geschlechter und ihrer loro organi riproduttivi,

Zeugungsorgane, als come contributo ad una

Beytrag zu einer Theorie teoria di anatomia, p.1-139

der Anatomie, S.1-139 Caldani, M. A.: La

 Caldani, M. A.: Das Athmen respirazione è un atto

ist eine willkührliche arbitrario, dimostrato da

Aktion, durch einige alcuni fatti, comunicata da

Thatsachen erwiesen, Weigel, p.140-144

mitgetheilt von Weigel, Autenrieth, Pfleiderer:

S.140-144 Dissertazione inaugurale,

 Autenrieth, Pfleiderer: sulla disfagia collusiva,

dissertatio inauguralis, de 1806, p. 145 - 188

Dysphagia lusoria, 1806,

S.145-188 128

7. Band, 2. Heft (1807): 7. Volume, 2 Edizioni (1807):

 

Reil, J. C.: Über die Reil J. C.: Le proprietà del

Eigenschaftendes Ganglien- sistema gangliare e la sua

Systems und sein Verhältniss relazione ai sistemi

zum Cerebral-System, cerebrali, p.189-254

S.189-254 Autenrieth, J.H.F., da:

 Autenrieth, J.H.F. von: Indagini sulla

Untersuchung ausgearteter degenerazione delle ovaie in

Eyerstöcke in termini fisiologici, p.255-

physiologischer Hinsicht, 293

S.255-293 Autenrieth, J.H.F.: Sulla

 Autenrieth, J.H.F. von: Über posizione effettiva dello

die eigentliche Lage der stato interno degli organi

innern weiblichen genitali femminili, p.294-

Geschlechtstheile, S.294- 295

295 Autenrieth, di J.H.F.: Sul

 Autenrieth, J.H.F. von: Über taglio della circoncisione

die beschnitten - gebohrnen nei bambini ebrei, p.296-

Judenkinder, S.296-298 298

 

Autenrieth, J.H.F. von: Über Autenrieth, J.H.F.: Sulla

die Rindensubstanz der sostanza esterna del fegato,

Leber, S.299-300 p.299-300

 

Dumeril: Über die Dumeril: Sulle diverse

verschiedenen Formen der forme delle falangi estreme

äussersten Phalangen bey nei mammiferi. Comunicato

den Säugethieren. da Harles, p.301-316

Mitgetheilt von Harles, Visualizzazioni, p.317-340

S.301-316

 Anzeige, S.317-340

7. Band, 3. Heft (1807): 7. Volume 3, Edizioni (1807):

 

Calza, Ludwig: Über den Calza, Ludwig: Il

Mechanismus der meccanismo di gravidanza.

Schwangerschaft. Comunicato dal primo e

Mitgetheilt aus dem ersten dalla seconda parte degli

129

Atti dell’Academia di

und zweyten Bande der Atti

dell’ Academia di Padova Padova da Weigel, p.341-

von Weigel, S.341-393 393

 

Weigel: Nachschrift des Weigel: Trascrizioni degli

Herausgebers, S.394-401 editori, p.394-401

 

Reil, J. C.: Über das Reil J. C.: A proposito della

polarische divergenza di poli delle

Auseinanderweichen der forze originali della natura

ursprünglichen Naturkräfte nel grembo materno al

in der Gebärmutter zur Zeit momento della gravidanza e

der Schwangerschaft und la loro influenza al

deren Umtauschung zur Zeit momento della nascita,

der Geburt, als Beytrag zur come dimostrazione alla

Physiologie der fisiologia della gravidanza

Schwangerschaft und e del parto, p.402-501

Geburt, S.402-501

8. Band, 1. Heft (1807-1808): 8. Volume 1, Edizioni (1807-

1808):

 

Reil, J. C.: Fragmente über Reil J. C.: Frammenti della

die Bildung des kleinen formazione del cervelletto

nell’uomo,

Gehirns im Menschen, S.1- p.1-58

58 Reil J. C.: Sulla morte

 Reil, J. C.: Über das delle singole membra, in

Absterben einzelner Glieder, particolare le dita, p.59-66

besonders der Finger, S.59- Bressa, Cesar: Riguardo i

66 principali vantaggi della

 Bressa, Cesar: Über den tuba di Eustachio. Pavia

Hauptnutzen der 1808 Comunicati da

Eustachischen Röhre. Pavia Meckel, p.67-80

1808. Mitgetheilt von Visualizzazioni, p.81

Meckel, S.67-80

 Anzeigen, S.81 130

8. Band, 2. Heft (1807-1808): 8. Volume, 2 Edizioni (1807-

1808):

  Dissertazione sull’

Emmert: Beyträge zur Emmert:

nähern Kenntniss des approccio alla conoscenza

Speiseastes und dessen del cibo e dei suoi metodi di

Bereitung, S.145-212 preparazione, p.145-212

 

Autenrieth, Zeller: Über das Autenrieth, Zeller: Circa

l’esistenza del mercurio,

Daseyn von Quecksilber,

das äusserlich angewendet che è stato applicato

worden, in der Blutmasse esternamente nel sangue

der Thiere, S.213-263 degli animali, p.213-263

 

Autenrieth, J.H.F. von: Autenrieth, J.H.F. da:

Un’aggiunta al trattato De

Zusatz zu der Abhandlung:

De dysphagia lusoria, lusoria disfagia, p.264-268

S.264-268 Schmidtmuller: Descrizione

 Schmidtmüller: di muscoli rari della gola,

Beschreibung eines seltenen p.269-270

Halsmuskels, S.269-270 Gruithuisen: Una rana

 Gruithuisen: Ein Frosch trasforma il suo stomaco, e

stülpt seinen Magen um, lo ripulisce dalla melma,

und reinigt ihn vom p.271-272

Schleime, S.271-272 Reil J. C.: Studi sulla

 Reil, J.C.: Untersuchungen struttura del cervelletto

nell’uomo. Prima

über den Bau des kleinen

Gehirns im Menschen. 1. Continuazione, p.273-304

Fortsetzung, S.273-304

8. Band, 3. Heft (1807- 1808): 8 Volume 3, Edizioni (1807-1808):

 

Reinhold, Leopold: Versuch Reinhold, Leopold,:

einer skizzirten, nach Tentativo di abbozzo, in

galvanischen Gesetzen base alle leggi galvaniche

entworfenen Darstellung che progettano la

des thierischen Lebens, rappresentazione della vita

S.305-354 animale, p.305-354

 

Nitzsch: Über die Nitzsch: Circa la

131

Respiration der Thiere, respirazione degli animali,

S.355-379 p.355-379

 

Burns, J.: Über die Bildung Burns, J.: Sulla formazione

des menschlichen Eys, delle Eys umani, p.380-382

S.380-382 Rousseau: La pelle non è

 Rousseau: Die Haut saugt brutta. Un estratto della

nicht ein. Ein Auszug aus dissertazione inaugurale,

der Inaugural-Dissertation, p.383-384

S.383-384 Reil J. C.: Studi sulla

 Reil, J. C.: Untersuchungen struttura del cervelletto

nell’uomo. Secondo

über den Bau des kleinen

Gehirns im Menschen. 2. continuazione. Circa

l’organizzazione dei lobi e

Fortsetzung. Über die lobuli, dei “tronchi”, dei

Organisation der Lappen “rami”, “ramoscelli” e

und Läppchen, oder der “vegetazione” del

Stämme, Äste, Zweige und

Blättchen des kleinen cervelletto, che si posano

Gehirns, die auf dem Kern sul core, p.385-426

desselbben aufsitzen, s.385- Mangili: Riguardo il sonno

426 invernale degli animali,

 Mangili: Über den p.427-448

Winterschlaf der Thiere, Postfazioni, p.449-450

S.427-448

 Nachricht, S.449-450

9. Band, 1. Heft (1809): 9 Volume 1, Edizioni (1809):

  Dall’età delle

Philites: Von dem Alter des Philites:

Menschen überhaupt und persone in generale e in

dem Marasmus senilis particolare sul marasmus

insbesondere, S.1-128 senilis, p.1-128

 

Reil, J. C.: Nachtrag zur Reil J. C.: Addendum alla

Anatomie des kleinen anatomia del cervelletto,

Gehirns, S.129-135 p.129-135

 

Reil, J. C.: Untersuchungen Reil J. C.: Studi sulla

über den Bau des grossen costruzione del cervello

Gehirns im Menschen, negli esseri umani, p.136-

132

S.136-208 208

a. Das Hirnschenkel- a. Il peduncolo

System oder die cerebrale, un sistema

o l’organizzazione del

Hirnschenkel-

Organisation im peduncolo cerebrale

grossen Gehirn nel cervello

b. Das Balken-System b. Il fascio di

oder die Balken- irraggiamenti di

Organisation im sistema o

grossen Gehirn organizzazione nel

c. Die Sylvische Grube cervello

oder das Thal, das c. La fossa o valle di

gestreifte grosse Sylvio, la grande

Hirnganglium, dessen striscia del ganglio

Kapsel und die del cevello, la

Seitentheile des capsula e le parti

grossen Gehirns laterali del cervello

 

Viviani: Bemerkungen über Viviani: Osservazioni sul

das Nervensystem und das sistema nervoso e il sangue

Blut der Amphitriten, S.209- degli anfibi, p.209-212

212 Mangili, G.: Sul sistema

 Mangili, G.: Über das nervoso di qualche mollusco

Nervensystem einiger zweys bivalvo (?), p.213-224

chaaligen Muscheln, S.213- Graefe: Sulla

determinazione dell’umidità

224

 Gräfe: Über die di Morgagni, la capsula del

Bestimmung der cristallino e la curva di

Morgagnischen piegatura, come esempi

della fisiologia dell’occhio,

Feuchtigkeit, der

Linsenkapsel und des p.225-236

Faltenkranzes, als ein

Beytrag zur Physiologie des

Auges, S.225-236

9. Band, 2. Heft (1809): 9. Volume, 2 Edizioni (1809):

 

Nasse, C.F.: Wet, C.F.: Studi sul

133

Untersuchungen über das rapporto del magnetismo

animale nell’ energia

Verhältnis des thierischen

Magnetismus zur elettrica, p.237-313

Elektricität, S.237-313 Autenrieth, Kerner:

 Autenrieth, Kerner: Osservazioni sulla funzione

di parti particolari dell’

Beobachtungen über die

Function einzelner Theile udito, p.313-376

des Gehörs, S.313-376 Autenrieth, J.H.F. da: Note

 Autenrieth, J.H.F. von: su un esperimento di

Bemerkung über einen Galeno riguardante il senso

dell’olfatto,

Versuch von Galen den p.377-379

 Sull’

Geruchssinn betreffend, Emmert, A.G.F.:

S.377-379 influenza dello stoppino

 Emmert, A.G.F.: Über den sulla respirazione nervoso,

Einfluss der p.380-420

herumschweifenden Nerven

auf das Athmen, S.380-420

9. Band, 3. Heft (1809): 9. Volume 3, Edizioni (1809):

 

Meckel: Über die Divertikel Meckel: A proposito del

am Darmkanal, S.421-453 diverticoli del canale

 Duméril, C.: Allgemeine intestinale, p.421-453

Betrachtungen über die Duméril, C.: considerazioni

zwischen allen Knochen und generali sia sulle ossa che

Muskeln des Stammes der sui muscoli del tronco degli

un’

Thiere Statt findende animali per trovare

Analogie. Aus dem Magazin analogia. dalla rivista:

encyclopédique, mitgetheilt Encyclopédique

von Meckel, S.454-484 Comunicato dal Meckel,

 Reil, J.C.: Das verlängerte p.454-484

Rückenmark, die hinteren, Reil J.C.: Il midollo

seitlichen und vörderen allungato, il posteriore,

Schenkel des kleinen gamba laterale e vörderen

Gehirns und die theils del cervelletto e in parte fili,

strangförmig, theils als in parte come una catena di

gangli nell’asse del midollo

Ganglienkette in der Axe 134

des Rückenmarks und des spinale e la materia grigia

Gehirns fortlaufende graue del cervello continuo,

Substanz, S.485-524 p.485-524

 

Home, Everard: Über den Home, Everard: Sulla

Bau und die Verrichtung der struttura e la performante

Milz. Ü. v. Pfaff, S.525-537 della milza. Ü. V. Pfaff,

 Home, Everard: Fernere p.525-537

Versuche über die Milz, Home, Everard: Esperimenti

S.538-550 remoti sulla milza, p.538-

 Lucae: Anatomische 550

Beobachtungen über die Lucae: Osservazioni

Nerven, die zu den Arterien anatomiche sui nervi che

gehn und sie begleiten, vanno alle arterie e le

nebst einem Anhang über seguono, insieme con

un’appendice sul tessuto,

das Zellgewebe, S.551-559 p.551-559

10. Band, 1. Heft (1811): 10. Volume 1, Edizioni (1811):

 

Müller, A.W.: Beytrag zum Mueller, A.W.: Ricerche sul

thierischen Magnetismus, magnetismo animale, p.1-41

S.1-41 Emmert: Studio della

 Emmert: Untersuchung vescicola ombelicale, p.42-

über das Nabelbläschen, 83

S.42-83 Emmert, Hochstetter:

 Indagine sull’evoluzione

Emmert, Hochstetter:

Untersuchung über die della lucertola nelle sue

Entwicklung der Eidechse in oscillazioni (?), p.84-122

ihren Eyern, S.84-122 Keuffel: A proposito del

 Keuffel: Über das midollo spinale, p.123-203

Rückenmark, S.123-203

10. Band, 2. Heft (1811): 10. Band, 2 Edizioni (1811):

  Sull’ influenza

Nasse, C.F.: Über den Nasse, C. F.:

Einfluss, den hellrothes Blut del sangue rosso vivo sullo

auf die Entwickelung und sviluppo e le operazioni del

135

die Verrichtungen des corpo umano ha, dalle

menschlichen Körpers hat, osservazioni sui pazienti blu

aus Beobachtungen (?) affetti da dipendenza,

blausüchtiger Kranken, p.213-297

S.213-297 Rosenthal: Principi per la

 Rosenthal: Grundzüge zur futura gestione di una

künftigen Bearbeitung einer fisionomia scientifica,

wissenschaftlichen p.298-318

Physiognomik, S.298-318 Rosenthal: Sulla formazione

 Rosenthal: Über die della massa fusa (?), p.319-

Schmelzbildung, S.319-325 325

 

Rosenthal: Über die Rosenthal: Sulle cause di

Ursachen der verschiedenen accumulo osseo in varie

Knochenanhäufung in organizzazioni animali

verschiedenen p.326-339

Thierorganisationen, S.326- Rosenthal: Sullo scheletro

339 del pesce, p.340-358

 

Rosenthal: Über das Skelett Rosenthal: Sulla formazione

der Fische, S.340-358 delle ossa delle pinne e la

 Rosenthal: Über die Bildung loro connessione con lo

der Flossengräten und ihre scheletro, p.359-369

Verbindung mit dem Skelett, Emmert, Hochstetter:

S.359-369 Aggiunta ai due trattati

 Emmert, Hochstetter: della vescicola ombelicale e

l’evoluzione delle lucertole

Nachtrag zu den beiden

Abhandlungen über das nelle loro oscillazioni,

Nabelbläschen und über die p.370-373

Entwickelung der Eidechsen

in ihren Eyern, S.370-373

10. Band, 3. Heft (1811): 10. Volume 3, Edizioni (1811):

 

Emmert: Beobachtungen Emmert: Osservazioni su

über einige anatomische alcune peculiarità

Eigenheiten der Vögel, anatomiche degli uccelli,

S.377-392 p.377-392

 

Rosenthal: Zergliederung Rosenthal: Dissezione degli

136

des Fischauges, S.393-414 occhi di pesce, p.393-414

  Sull’occhio,

Rosenthal: Über das Auge, Rosenthal:

S.415-426 p.415-426

 

Rosenthal: Über den Rosenthal: Sul senso

dell’olfatto negli insetti,

Geruchssinn der Insekten,

S.427-439 p.427-439

 

Nitzsch: Über das Athmen Nitzsch: Circa la

der Hydrophilen, S.440-458 respirazione di sostanze

 Barba, A.: Mikroskopische idrofile, p.440-458

Beobachtungen über das Barba, A.: Osservazioni

Gehirn und die Nerven. microscopiche sul cervello e

Auszugsweise aus dem Ital. sui nervi. Estratti dalla Ital.

Reich, S.459-478 Reich, p.459-478

11. Band, 1. Heft (1812): 11. Volume 1, Edizioni (1812):

  Sull’ origine

Niemeyer: Über den Niemeyer:

Ursprung des fünften della quinta coppia di nervi

Nervenpaars des Gehirns, del cervello, p.1-88

S.1-88 Reil J. C. : La commessura

 Reil, J.C.: Die vördere anteriore nel cervello, p.89-

Commissur im grossen 100

Gehirn, S.89-100 Reil J. C.: Il setto, le sue

 Reil, J.C.: Die Scheidewand, cavità, il doppio legame e le

ihre Höhle, die cavità nel cervello, p.101-

Zwillingsbinde und die 116

Höhlen im Gehirn, S.101-

116

11. Band, 2. Heft (1812): 11. Band, 2 Edizioni (1812):

 

Emmert, A.F.: Nachtrag zu Emmert, A.F.: Aggiunta alle

osservazioni sull’influenza

den Beobachtungen über

den Einfluss des del nervo vocale sulla

Stimmnervens auf die respirazione, insieme ad

Respiration, nebst einigen alcune osservazioni sul

Bemerkungen über den sistema nervoso simpatico

137

sympathischen Nerven bey dei mammiferi e gli uccelli,

den Säugethieren und p.117-130

Vögeln, S.117-130

 

Zimmermann: Über Zimmermann: A proposito

Reproduction im della riproduzione in

Allgemeinen, und über generale, e della capacità di

Reproductionsfähigkeit riproduzione di singoli

einzelner Organe, organi, soprattutto nervi e

besonders der Nerven und muscoli, p.131-155

Muskeln, S.131-155 Nicolai: A proposito del

 Nicolai: Über das midollo spinale degli uccelli

Rückenmark der Vögel und e la formazione degli stessi

die Bildung desselben im negli embrioni delle uova,

bebrüteten Ey, S.156-219 p.156-219

 

Franke: Einige Bruchstücke Franke: Alcuni frammenti di

aus der Anatomie des anatomia del cervello degli

Gehirns der Vögel, S.220- uccelli, p.220-228

228 Reimarus: Circa la

 Reimarus: Über das respirazione, in particolare

Athmen, besonders das la respirazione degli uccelli

Athmen der Vögel und der e degli insetti, p.229-236

 Sull’ origine e la

Insekten, S.229-236 Mosovius:

 Mosovius: Über die natura delle concrezioni

Entstehung und Natur der animali, in particolare dei

thierischen Concremente, calcoli biliari, p.237-262

insbesondere aber der

Gallensteine, S.237-262

11. Band, 3. Heft (1812): 11. Volume 3, Edizioni (1812):

 

Meckel: Über die Meckel: Sulla formazione

Zwitterbildungen, S.263- ibrida, p.263-340

340 Reil J.C.: Mancanza di parti

 Reil, J.C.: Mangel des libere e centrali della parte

mittleren und freyen Theils di controllo nel cervello

des Balkens im umano, p.341-344

 Aggiunta all’

Menschengehirn, S.341-344 Reil J.C.: 138

 Reil, J.C.: Nachträge zur anatomia di grandi e piccoli

Anatomie des grossen und cervelli,

kleinen Gehirns, S.345-376 p.345-376

12. Band, 1. Heft (1815): 12. Volume 1, Edizioni (1815):

 

Sigwart, G.C.L.: Resultate Sigwart, G.C.L.,: Risultati di

einiger Versuche über das alcuni test sul sangue e la

Blut und seine sua metamorfosi

dell’Istituto di Cultura della

Metamorphosen aus dem

Institut für Cultur der storia naturale degli

Naturlehre der Organismen, organismi, p.1-12

S.1-12 Sigwart, G.C.L.:

 Sigwart, G.C.L.: Osservazioni sui movimenti

Bemerkungen über die della Mimosa pudica, in cui

Bewegungen der Mimosa si mostra una chiara

pudica, in welchen sich ein differenza tra le impressioni

deutlicher Unterschied des esteriori e interiori, presso

l’Istituto per la Cultura

äusseren und innern

Eindrucks zeigt; aus dem della storia naturale degli

Institute für Cultur der organismi, p.13-36

Naturlehre der Organismen, Meckel: Sugli esperimenti

primaverili, presso l’Istituto

S.13-36

 Meckel: Über die per la Cultura della storia

Federbildung; aus dem naturale degli organismi,

Institute für Cultur der p.37-96

Naturlehre der Organismen, Knight, Thomas Andrew:

S.37-96 Sulla diversa influenza del

 Knight, Thomas Andrew: padre e della madre, su ciò

Über den verschiedenen che è stato generato da loro,

Einfluss des Vaters und der p. 97-108

Mutter, auf die von ihnen Home, Eberhard:

Erzeugten, S.97-108 Suggerimenti sulla

 Home, Eberhard: Winke secrezione degli animali per

über die thierische le indagini future, p.108-118

Absonderung für künftige Sewell, William: Su un

Untersuchungen, S.108-118 canale nel midollo spinale

139

 Sewell, Wilhelm: Über di alcuni mammiferi. Da

einen Kanal in dem una lettera a casa, p.119-

Rückenmark einiger 121

Säugethiere. Aus einem Legallois: Dalla

Briefe an Home, S.119-121 formazione di un disturbo

 Legallois: Von einem nel cuore e nei grandi vasi

Bildungsfehler in dem di un coniglio, p.122-124

Herzen und den grossen

Gefässen eines Kaninchens,

S.122-124

12. Band, 2. Heft (1815): 12. Volume, 2 Edizioni (1815):

 

Home, Eberhard: Versuche, Home, Eberhard: Ricerca

um zu beweisen, dass per dimostrare che i liquidi,

Flüssigkeiten, ohne ihren senza prendere la strada

Weg durch den Brustgang attraverso il dotto toracico,

zu nehmen, aus dem Magen dallo stomaco entrano

unmittelbar in den Kreislauf direttamente in circolo e da

und von hier aus in die qui vanno nelle cellule della

Zellen der Milz, in die Gall- milza, della cistifellea e

und Harn-Blase übergehen della vescica urinaria,

können, S.125-136 p.125-136

 

Brodie, B.C.: Brodie, B.C., : Studi sul

Untersuchungen über den influenza del cervello per

l’azione del cuore e la

Einfluss des Gehirns auf die

Thätigkeit des Herzens und produzione del calore

die Erzeugung der animale, p.137-155

thierischen Wärme, S.137- Brodie, B. C., : Esperimenti

155 e osservazioni sulla

 Brodie, B.C.: Versuche und comparsa di diverse cause

Bemerkungen über die di morte causata da tossine

verschiedene vegetali, p.156-198

Entstehungsweise des durch Brodie, B.C.,: Remoti

Pflanzengifte verursachten esperimenti e osservazioni

sull’influenza

Todes, S.156-198 del cervello

 Brodie, B.C.: Fernere sulla produzione di calore

140

Versuche und Bemerkungen animale, p.199-222

über den Einfluss des Brodie, B.C., : Ulteriori

Gehirns auf die Erzeugung esperi menti e osservazioni

der thierischen Wärme, sugli effetti dei veleni sul

S.199-222 corpo animale, p.223-254

 

Brodie, B.C.: Weitere Emmert: Sulla soppressione

Versuche und Bemerkungen della Gekrösblutader (?), da

über die Wirkung der Gifte una lettera a Meckel, p.255-

auf den thierischen Körper, 257

S.223-254 Wet, C.F.: Studi sugli effetti

 Emmert: Über die del calore sui movimenti

Unterbindung der degli stami di alcune piante,

Gekrösblutader; aus einem p.258-284

Schreiben an Meckel, Nasse, C. F. : Esperimenti

sull’ influenza del

S.255-257

 Nasse, C.F.: magnetismo animale sui

Untersuchungen über den movimenti degli stami di

Einfluss der Wärme auf die alcune piante, p.285-292

Staubgefässbewegungen

einiger Pflanzen, S.258-284

 Nasse, C.F.: Versuche über

den Einfluss des thierischen

Magnetismus auf den

Pflanzenwachsthum, S.285-

292

12. Band, 3. Heft (1815): 12. Volume 3, Edizioni (1815):

 

Saissy, J.A.: Saissy, J.A.: Studi sulla

Untersuchungen über die natura dei mammiferi in

Natur der letargo, p.293-369

winterschlafenden Delaroche, F.: Sulla base

Säugethiere, S.293-369 del fenomeno che il corpo

 Delaroche, F.: Über den animale, esposto al calore,

Grund der Erscheinung, genera freddo, p.370-392

dass der thierische Körper, Brodie, B.C.: Da un feto

der Hitze ausgesetzt, Kälte umano, in cui è avvenuta la

141

erzeugt, S.370-392 circolazione del sangue

 Brodie, B.C.: Von einem senza cuore. Comunicati da

menschlichen Fötus, bey Eberhard Home, p.393-403

dem der Blutumlauf ohne Nasse, C.F.: Osservazioni

Herz geschah. Mitgetheilt sugli esperimenti Brodie su

von Eberhard Home, S.393- il calore animale, p.404-446

403

 Nasse, C.F.: Bemerkungen

zu Brodies Versuchen über

die thierische Wärme,

S.404-446 142

CONCLUSIONI

Il primo impatto col lavoro da svolgere è stato complesso e, se vogliamo,

fuorviante rispetto a ciò che realmente la tesi esigeva.

Quando il Professor Perussia mi ha assegnato il libro, non si sapeva bene

cosa aspettarsi sia dalla forma sia dal contenuto e si immaginava

qualcosa di maggiormente incentrato sulla pratica clinica e su resoconti

di nuove terapie come lo psicoteatro. dell’indice mi ha

La complessità rivelatasi già dopo la consultazione

contemporaneamente intimorita e incuriosita, così mi sono addentrata

nella lettura senza sapere se sarei stata in grado di comprendere, tradurre

e portare a termine il mio lavoro.

Il linguaggio è risultato affascinante già esteticamente per i caratteri

particolarmente elaborati e decorati, probabilmente una forma di

transizione tra il gotico e il moderno; così ci è voluto qualche tempo

di poter distinguere le “esse”, le “erre”, le “t”. Il

prima tutto è stato

ulteriormente complicato dal fatto che la stesura risale al 1803: molte

parole sono cambiate, per esempio quelle che prevedono l’uso della “K”,

non così frequente all’epoca, alcune non esistono nemmeno più o forse

fanno parte di un registro strettamente medico di non semplice ricerca.

Inoltre non è stato possibile avvalersi dell’aiuto della tecnologia

informatica, proprio per via della particolarità delle lettere che non

possono essere riconosciute.

Fortunatamente il contenuto non si è rivelato altrettanto impenetrabile,

anzi sorprendentemente non ridondante, attuale, accurato, senza eccessi

virtuosi e con un’alternanza tra teorie e storie di vita di uomini illustri o

di pazienti che ravviva ogni capitolo.

Il personaggio di Reil si è via via delineato nelle sua duplice natura di

grande studioso e di uomo spiritoso, polemico, pungente, poco curante

delle gerarchie sociali e di quel contegno alto borghese che, soprattutto

gli accademici, amavano tenere per affermare la loro autorità e le proprie

idee. Mi ha dato l’impressione che il vero grande amore della sua vita

sia stato lo studio e delle materie di sua competenza e di un sapere

generale, ricercato soprattutto nei classici e in terreni poco battuti.

Proprio qui, nelle opere, nei resoconti, nelle narrazioni che gli arrivavano

da tutt’ Europa, incontrava i semi che coltiverà nella sua pratica, tenendo

143

conto sia di ciò che sosteneva la sua visione sia di chi aveva evidenze

opposte.

Amava frequentare e organizzare circoli culturali e salotti letterari per

coltivare i suoi talenti e confrontarsi con poeti e filosofi; rivestire la

figura di insegnante lo inorgogliva sia perché poteva iniziare gli allievi

alle materie, sia perché questi ultimi, con il loro entusiasmo, gli

offrivano sempre nuovi spunti e poteva quindi formare una nuova classe

medica secondo i propri criteri, osservandola poi lavorare nelle sue

strutture.

Non poteva scegliere termine più indicato di rapsodie per sintetizzare il

l’impressione generale lasciata dal volume è infatti quella di

suo lavoro:

completezza non nell’accezione di aver esaurito l’argomento o di esser

giunto a qualche verità inconfutabile, quanto piuttosto di aver raccolto e

analizzato molto materiale su altrettanti punti che trattassero

esaurientemente la tematica.

Se si vuole trovare una pecca a Reil, si deve notare che egli sembra

carente nel contatto diretto con gli ammalati: assume infatti in questo la

classica veste di medico che li guarda come cavie da laboratorio e li

pensa come numeri di un campione, come polarità cerebrali, come

oggetti da manipolare. Probabilmente il compito che prediligeva era

quello di dirigere altri che portassero avanti la parte psicologica, che

verificassero le sue supposizioni, che applicassero le sue terapie

alternative. Sotto questo punto di vista Reil nasce e resta

fondamentalmente un neurologo, affascinato da ogni evento in cui si

dimostri la potenza del cervello sulla vita umana, convinto della

supremazia della conduzione dell’impulso elettrico sull’anima. Non

dimentichiamoci che egli è lo scopritore dell’insula, che ha fondato

riviste mediche per approfondire la fisiologia umana e animale in ogni

sua forma.

Alla luce di ciò, gli va riconosciuto ancora di più il pregio di aver messo

i suoi interessi al servizio della malattia mentale, di non essersi

accontentato di governare il manicomio da dottore abbarbicato sulle

proprie posizioni, ma di aver capito quanto potesse essere utile uno

scambio tra il suo potenziale e quello dei matti.

Non si deve trascurare infine il lato di Reil più agguerrito, quello in cui si

portatore delle riforme, quale l’ istituire

fa la prima cattedra di psichiatria

o l’avversare le istituzioni ospedaliere e lo Stato in generale. 144

A conclusione del mio lavoro posso affermare che ognuno di questi

elementi ha reso interessante non solo la globalità del lavoro e

dell’indagine, la conoscenza stessa dell’opera e

ma, nello specifico,

dell’autore, ovvero il piacere della scoperta di un personaggio

ingiustamente poco conosciuto che entra a buon diritto a far parte della

lunga storia di uomini che hanno contribuito a rendere i Paesi di lingua

tedesca culla delle materie psicologiche.

Inoltre la ricerca che ho dovuto compiere mi ha permesso di

approfondire figure già in parte studiate e di scoprirne alcune nuove e

altrettanto stimolanti, che rimarranno di fondamentale importanza nel

mio bagaglio culturale sia di persona che di psicologa.

“La storia nostra è storia della nostra anima;

e storia dell'anima umana è la storia del mondo.”

Benedetto Croce,

La storia come pensiero e come azione,

1938

145

BIBLIOGRAFIA

Aristotele, Poetica, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, 2008

Attenasio, L. (a cura di), Fuori norma: la diversità come valore e sapere,

Armando Editore, Roma, 2000

Bandorf, M. J., Langermann, Johann Gottfried. In: Historische

Kommission bei der Bayerischen Akademie der Wissenschaften,

Allgemeine Deutsche Biographie.

La distruzione dell’ospedale psichiatrico come luogo di

Basaglia, F.,

istituzionalizzazione, 1964

Che cos’è la psichiatria,

Basaglia, F. (a cura di), Collana I Nani, Baldini

Castoldi Dalai, Milano, 1997.

L’istituzione negata,

Basaglia, F., Baldini Castoldi Dalai, Milano, 1998

Benjamin, W., Parigi capitale del XIX Secolo, Einaudi, Torino, 1986

Binswanger, L., Über Psychotherapie, in Ausgewählte Vorträge und

aufsätze, volume I, Zur phänomenologischen Antropologie, Franke,

Bern, 1947

Binswanger, L., Daseinanalyse und psychoterapie, in Ausgewählte

Vorträge und aufsätze, volume I, Zur phänomenologischen Antropologie,

Franke, Bern, 1954

Bleuer, E., Lehrbuch der Psychiatrie, Springer, Berlin- Heidelberg, New

York, 1989 Storia dell’educazione occidentale, The History of western

Boyd, W.,

education, a cura di Trieste Valdi, traduzione di Luciana Picone,

Armando Editore, Roma, 1966.

Borgna, E., I confini del conoscere, Feltrinelli, Milano 1985

Borgna, E., Come se finisse il mondo, Feltrinelli, Milano, 1995

Borgna, E., Le emozioni ferite, Feltrinelli, Milano, 2009

Che cos’è la follia,

Borgna, E., Luca Sossella editore, Roma, 2008

Bresadola, M., Piccolino, M., Rane, torpedini e scintille. Galvani, Volta e

l’elettricità animale, Collana Saggi Scienze, Bollati e Boringhieri,

146


PAGINE

150

PESO

1.30 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze della mente
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher nene.1988 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia della personalità e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Perussia Felice.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in scienze della mente

Riassunto esame Psicologia clinica, prof. Ardito libro consigliato Un modello dissociativo del disturbo Borderline di personalità di Russel Meares
Appunto
Appunti di Psicologia della comunicazione, Prof ssa Bosco, libro consigliato Pragmatica cognitiva. I processi mentali della comunicazione, Bruno G Bara
Appunto
Riassunto esame Psicologia della comunicazione, prof. Bosco, libro consigliato Fondamenti di psicologia della comunicazione di Luigi Anolli
Appunto
Riassunto esame Psicologia della comunicazione, prof. Bosco, libro consigliato Neuropsicologia cognitiva della schizofrenia di Christopher D. Frith
Appunto