Che materia stai cercando?

Organizzazione aziendale e gestione dei processi - Caso Fai da te Appunti scolastici Premium

Appunti di Organizzazione aziendale e gestione dei processi per l’esame della professoressa Culasso. Gli argomenti trattati sono i seguenti: Caso Fai da te, Leroy Merlin che è una delle più importanti catene europee, business process reengineering di Leroy Merlin.

Esame di Organizzazione aziendale e gestione dei processi docente Prof. F. Culasso

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lo slogan che sintetizza il progetto di revisione (profonda) della supply chain affrontato da Leroy

Merlin Italia è: “d’accordo il servizio al cliente, ma senza sprechi!”.

Gli sforzi aziendali dovevano essere incentrati sul mantenimento di un elevato livello di servizio al

cliente finale (disponibilità dei prodotti nel punto vendita) contenendo, nel contempo, i costi (più

efficienza nella distribuzione delle referenze nei punti vendita e riduzione degli stock a magazzino)

che segnavano da due anni una forte tendenza alla crescita.

Il progetto è pensato per raggiungere tre obiettivi:

1) continuare a garantire elevato servizio al cliente, dunque minimizzare le cosiddette rotture di

stock (mancanza di referenze al punto vendita);

2) incrementare efficacia ed efficienza del servizio logistico riducendone i costi;

3) diminuire il capitale circolante immobilizzato in scorta di prodotto, riducendo gli stock;

Il lavoro può essere schematizzato in tre aree di sviluppo: una prima area di intervento sui costi

logistici, una seconda area con azioni finalizzate al monitoraggio e alla riduzione degli stock e al

planning delle attività distributive e, infine, una terza in cui sono stati realizzati e messi a punto gli

strumenti informatici a supporto delle attività operative.

La revisione della distribuzione ai punti vendita: il potenziamento del Cross Docking

Sul fronte dei costi logistici si interviene in più modi. In primis si rivede il modello distributivo.

Fino a quel momento i negozi Leroy Merlin, sparsi sul territorio nazionale erano riforniti una volta

al giorno attraverso due modalità: o consegne dal magazzino centrale Leroy Merlin, per quanto

attiene la merce estera, o consegne dirette dai fornitori nazionali ai punti vendita. Questo modello

presenta diverse inefficienze: innanzitutto non tutti i punti vendita necessitano di un rifornimento al

giorno, inoltre i numerosi fornitori che quotidianamente affollano gli accessi al punto vendita

(magari per la consegna di una manciata di articoli) assorbono molto tempo in attività di scarico e

amministrative.

Senza dubbio il circuito diretto, dal fornitore, al punto vendita è il migliore: è il più economico, il

più veloce, il più affidabile in termini di puntualità e integrità della merce, il più in linea con la

filosofia aziendale di autonomia dei negozi. Viceversa, il transito dal magazzino centrale avrebbe

incrementato il costo dell’handling, annullando quasi del tutto il margine. Ma ci sono due vincoli

importanti allo sviluppo di questo circuito: il negozio deve vendere almeno 1/2 bilico di merce del

fornitore ogni 2 settimane, e il fornitore deve essere in grado di consegnare in tutta Italia in meno di

10 gg lavorativi in modo affidabile. Per questi motivi il circuito diretto è destinato esclusivamente

ai prodotti di basso valore e ad alto volume (pellet, cemento, mattone) e agli ordini di impianto di

prodotti stagionali.

Per le merci “basso-vendenti” ma ad alto valore si definisce, invece, una modalità di rifornimento a

stock centrale e consegne in base all’effettivo venduto dei negozi.

Al di fuori di questi rari casi di circuito “Diretto” e del circuito “Stock”, l’azienda ha optato per il

potenziamento del “Cross Docking”, modalità distributiva in cui i diversi fornitori consegnano ad

una piattaforma di transito da cui nel giro di poche ore si consolidano i carichi verso i punti vendita,

con la finalità di inviare ai negozi mezzi a carico completo e nel rispetto di frequenze e calendari

predefiniti. Tra l’altro questa modalità di distribuzione rende più semplice tutte le attività di

ricevimento merce sul punto vendita, visto che i tanti camion di fornitori in arrivo quotidianamente

sono sostituiti da un unico veicolo il cui arrivo e chiaramente calendarizzato.


PAGINE

4

PESO

127.13 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in business administration
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Diletta.Macario di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Organizzazione aziendale e gestione dei processi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Culasso Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Organizzazione aziendale e gestione dei processi

Riassunto esame Organizzazione aziendale e gestione dei processi, prof. Culasso, libro consigliato la gestione dei processi e del rischio, Culasso
Appunto
Organizzazione Aziendale e Gestione Dei Processi appunti + Casi svolti in Aula
Appunto
Organizzazione aziendale e gestione dei processi (Casi svolti in aula)
Appunto
Organizzazione aziendale e gestione dei processi -  esercitazione sul Caso JIM
Esercitazione