Che materia stai cercando?

Vie sensitive speciali Appunti scolastici Premium

Appunti di Neurologia del prof. Sorbi sulle Vie sensitive speciali: vie olfattive (cellule olfattorie, filamenti olfattori), vie ottiche (retina, nervo ottico), vie acustiche (ganglio spirale del Corti, nervo acustico), vie vestibolari (ganglio vestibolare di Scarpa, nervo vestibolare).

Esame di Neurologia docente Prof. S. Sorbi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

VIE OLFATTIVE:

I recettori della sensibilità olfattiva sono le cellule olfattorie, che si trovano nella regione posterosuperiore delle cavità

nasali. Gli assoni di queste cellule si chiamano filamenti olfattori e si dirigono superiormente entrando nella cavità

cranica attraverso la lamina cribrosa dell'etmoide.

Entro il cranio, i filamenti olfattori fanno sinapsi con le cellule mitrali del bulbo olfattivo (circonvoluzioni olfattorie =

superficie inferiore del lobo frontale);

gli assoni delle cellule mitrali del bulbo olfattivo decorrono come un tronco unico costituendo le cosiddette strie

olfattive (laterale e mediale) dirette alle circonvoluzioni olfattive del lobo F, all'ippocampo, all'amigdala e al nucleo DM

del talamo.

A livello centrale le vie olfattive seguono interconnessioni molto complesse che rendono ragione del legame importante

che c'è tra gli odori e le emozioni e tra gli odori e la memoria:

infatti l'ippocampo è una stazione del circuito di Papez: è connesso ai nuclei anteriori del talamo, i quali proiettano ai

tubercoli mammillari (ipotalamo), i quali sono connessi al giro del cingolo, oltre che al tegmento del mesencefalo.

Meno conosciute sono le connessioni della corteccia olfattiva, che pare proietti al nucleo subtalamico di Luys.

_

Per riassumere:

neuroni di 1° ordine della via olfattiva = cellule olfattorie della mucosa nasale

filamenti olfattivi

neuroni di 2° ordine della via olfattiva = cellule mitrali del bulbo olfattivo

strie olfattive

neuroni di 3° ordine della via olfattiva: nell'ippocampo, corteccia olfattiva, amigdala, nucleo DM del talamo.

Circuito di Papez (memoria): ippocampo ---> nuclei ant. del talamo ---> tubercoli mammillari ---> giro del cingolo & tegmento del

mesencefalo. VIE OTTICHE:

I fotorecettori si trovano nella retina e come sappiamo si chiamano coni e bastoncelli (coni per la visione diurna,

bastoncelli per quella notturna).

Si può immaginare ogni retina come divisa in quattro quadranti: superolaterale, inferolaterale, superomediale,

inferomediale: esiste una corrispondenza invertita fra i quadranti retinici di ciascun occhio e quelli del campo visivo che

in essi trovano la loro rappresentazione. Ciò significa, ad esempio, che ciò che vedo nella zona superolaterale del campo

visivo viene captato dal quadrante nasale inferiore della retina.

Nella retina due zone dobbiamo tenere presenti: la papilla del nervo ottico, che è l'unica zona priva di fotocettori ed è l'emergenza del nervo ottico, e

la fovea o "zona della visione distinta", che al contrario è la zona in cui i fotocettori sono più densi e a cui corrisponde la più estesa area di

.

rappresentazione somatotopica sulla corteccia visiva

Dai fotocettori lo stimolo fisico della luce viene trasformato in uno stimolo chimico e poi lungo gli strati dell'epitelio

della retina in uno stimolo elettrico: si arriva fino alle cellule gangliari del VII strato della retina, i cui assoni

costituiscono il nervo ottico.

Il nervo ottico si dirige posteriormente ed entra nella cavità cranica tramite il foro ottico;

una volta entrati nel cranio ed arrivati davanti alla sella turcica della sfenoide avviene il chiasma ottico = la

decussazione delle fibre provenienti dalle emiretine nasali, mentre le fibre provenienti dalle emiretine temporali

rimangono ipsilaterali.

Dal chiasma ottico dunque originano i tratti ottici: il tratto ottico di sx è formato dalle fibre provenienti dall'emiretina temporale di sx e

dall'emiretina nasale di dx e quindi trasporta gli stimoli della metà destra del campo visivo; all'opposto il tratto ottico di dx è formato dalle fibre

provenienti dall'emiretina temporale di dx e dall'emiretina nasale di sx e quindi trasporta gli stimoli della metà sinistra del campo visivo;

i tratti ottici si dirigono a fare sinapsi nei corpi genicolati laterali del talamo; dai corpi genicolati laterali del talamo

partono le proiezioni per la corteccia visiva, che costituisce le labbra superiori e inferiori della scissura calcarina, nel

polo occipitale (lobo O): area 17 di Brodmann.

Da notare che le fibre provenienti dalle emiretine nasali trasportano gli impulsi visivi provenienti dagli emicampi visivi

laterali, mentre quelle provenienti dalle emiretine temporali trasportano gli impulsi visivi provenienti dagli emicampi

visivi mediali; perciò le vie ottiche sono vie sensitive crociate rispetto agli emicampi visivi: alla corteccia visiva del

lobo O sinistro arrivano le informazioni dell'emicampo visivo destro, alla corteccia visiva del lobo O destro

arrivano le informazioni dell'emicampo visivo sinistro.

i labbri superiore ed inferiore della scissura calcarina corrispondono alla proiezione dei quadranti rispettivamente

superiore ed inferiore delle emiretine omolaterali, che corrispondono nel campo visivo ai quadranti rispettivamente

inferiore e superiore controlaterali.

_

Riassumendo:

coni e bastoncelli ----------------------------------> cellule gangliari VII° strato retina ----------------------------------------------> corpi genicolati

laterali ----> area 17 (lobo O)

stimoli luminosi stimoli chimici, stimoli elettrici nervo ottico; chiasma ottico; tratti ottici


PAGINE

2

PESO

84.29 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Neurologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - durata 6 anni)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neurologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Sorbi Sandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neurologia

Demenze frontotemporali
Appunto
Traumi cranici
Appunto
Vie motorie
Appunto
Tronco encefalico
Appunto