Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

5.2 Verifica dei rettifili

Affinché i rettifili non risultino troppo brevi , dando luogo a tracciati tortuosi, o

eccessivamente lunghi, dando luogo a percorsi monotoni che

comprometterebbero l’attenzione alla guida e faciliterebbero il superamento dei

limiti consentiti , abbiamo cercato un compromesso che non impegni troppo il

conducente alla guida ma che anche non ne distolga l’attenzione.

5.3 Verifica raccordi circolari

Allo scopo di evitare brusche variazioni di velocità, è stato adottato un raggio

minimo di 60m solo in casi estremi si può scendere fino a 45m ma nel nostro

caso non si è reso necessario.

6.ANDAMENTO ALTIMETRICO

Per la rappresentazione grafica del profilo longitudinale si è scelto di utilizzare la

scala 1:1000 per le distanze longitudinali(ascisse), ed 1:100 per le quote

(ordinate), assumendo per quota di riferimento 370m.

L’elaborato è poi corredato da un apposito registro di profilo in cui sono stati

indicati i seguenti elementi altimetrici e planimetrici: numerazione delle sezioni,

quote del terreno, quote del progetto, distanze progressive fra ciascun picchetto

,distanze parziali tra picchetti consecutivi , distanze ettometriche , lunghezza dei

rettifili, dati riguardanti ciascuna curva, livellette e loro pendenza.

6.1 Profilo nero (o del terreno)

Per la formazione del profilo del terreno lungo l’asse stradale è stato necessario

procedere al calcolo delle quote nere in corrispondenza di ciascun picchetto.

Queste sono state approssimativamente dedotte sulla carta topografica a curve di

livello , sfruttando laddove se necessario la proporzione fra triangoli simili.

6.2 Profilo rosso (o di progetto)

Al fine di rendere i cambiamenti di pendenza meno percettibili dal conducente

del veicolo, ci si è curati di effettuare il passaggio da una livelletta a quella

successiva in corrispondenza dei punti di tangenza delle curve, dove la velocità

risulta ridotta.

Il compenso fra sterri e riporti si è fatto operando sull’intera area creatasi fra il

profilo del terreno e l’asse delle ascisse. Una volta impostata la pendenza delle

livellette si è potuto procedere al calcolo delle quote di progetto in

corrispondenza dei picchetti.

6.3 Quote di progetto e quote rosse

Ritenutosi completato lo studio del profilo di progetto, se ne sono determinate le

quote in corrispondenza di ciascun picchetto.

6.4 Punti di passaggio

La posizione piano-altimetrica dei punti di passaggio, venutesi a creare

dall’intersezione tra il profilo del terreno e il profilo di progetto, è stata

determinata sfruttando la relazione di proporzionalità tra gli elementi omologhi i

triangoli simili.

7.SEZIONI TRASVERSALI

Nelle pagine seguenti vengono riportate 3 sezioni su 39 della strada in progetto.

Nella parte sottostante a ciascuna di esse, sono indicati, in un apposito prospetto,

i valori piano-altimetrici, relativi al profilo del terreno e di progetto in senso

trasversale all’asse stradale: quote del terreno (Q.T.), quote di progetto (Q.P.),

distanze progressive (D.Pr.) e parziali (D.P.), queste ultime riguardante gli

estremi del corpo stradale (piede per le scarpate di riporto e unghie per quelle di

sterro).

Nelle sezioni le parti di sterro sono evidenziate in giallo mentre quelle di riporto

sono evidenziate in rosso. Ciascuna sezione infatti è suddivisa in figure

triangolari e trapezoidali, mediante i piani verticali paralleli all’asse stradale,

passanti attraverso i cigli superiori e/o inferiori delle scarpate, oltre che per i

punti di passaggio nelle eventuali sezioni miste che precedono o seguono la

sezione considerata.

Di seguito sono riportate tre sezioni tipo, calcolate analiticamente:

SEZIONE 6

pt1=0% psterro=100% pt2=3,09% psterro=100%

BC= qm= 0,65m qTE=qm+4,25*pt2=0,78 mq

DC=BC/(psterro-pt1)=0,65m HG=TE/(psterro-pt2)=0,804 m

S1=1/2DC*CB=0,211mq FP=qTE+0,75*pt2=0,803m

S2=(0,25+0,75)*0,25/2=0,125mq S4=(qm+qTE)*4,25/2=3,038mq

S3=BC*5=3,25mq S5=1/2*FP*HG=0,343mq

S6=(0,25+0,75)*0,25/2=0,125mq

S7=(qTE+FP)*0,75/2=0,593mq

SEZIONE 20

pt1=11% psterro=100% pr=2/3 pt2=4%

qAA’=4,25*pt1=0,45m qHI= 4,25*pt2=0,17 m

qDB=qAA’+CD=0,532m FG=qHI/(pr-pt2)=0.27 m

CD=0,75*pt1=0.082m S6=qHI*4,25/2=0,361 mq

S7=1/2*qHI*FG=0,022 mq

EL=qDB/(ps-pt1)=0,597m

S1=1/2 qDB*EL=0,158 mq

S2=1/2CD*0,75=0.030mq

S3=qAA’*0,75=0.336 mq

S4=(0,25+0,75)*0,25/2=0,125mq

S5=1/2*4,25*qAA’=0.956 mq

SEZIONE 25

pT1= 4,4% pr = 2/3 pT2 = 0% pr = 2/3

qm = 0,81m

qAB = qm-pT1*4,25=0,62m qDE= qm+pT2*4,25= 0,81m

HC= qAB/ ( pr – pT1) = 1,28 m DF= qDE/ ( pr – pT2) = 1,63 m

S1= ½* qAB* HC= 0,396mq S3=(qm+qED)*4,25/2=3,442 mq

S2= (qAB + qm) *4,25/2= 3,038mq S4=1/2qED*DF=0,66 mq

8.ZONA D’OCCUPAZIONE

Al fine di anticipare le valutazioni di massima sulla distribuzione del movimento

delle terre e determinare le superfici che verranno occupate dal corpo stradale si è

realizzato un apposito diagramma detto, ZONA D’OCCUPAZIONE, per il quale

si è scelto di impiegare, per le sezioni trasversali 1:100, per le distanze

longitudinali 1:1000.

Le linee di passaggio tra le zone di sterro e quelle di riporto sono state ricavate

graficamente, mentre il calcolo della superficie complessiva occupata dall’intero

corpo stradale è stato svolto analiticamente come sommatoria delle aree occupate

tra due sezioni consecutive.

9. DIAGRAMMA DELLE AREE

Allo scopo di farsi un’ idea complessiva in merito all’entità dei volumi di sterro e

di riporto, alla loro distribuzione lungo il tracciato stradale, nonché alla presenza

di zone in cui è possibile effettuare il paleggio , ovvero di zone caratterizzate

dalla presenza simultanea di volumi di sterro e di riporto, si è realizzato un’

ulteriore elaborato, denominato diagramma delle aree. Per la sua

rappresentazione grafica si è adottata per le distanze (ascisse) la scala 1:1000,

mentre per le aree in corrispondenza di ciascuna sezione trasversale si è scelta

una scala convenzionale in cui 1cm = 0,5 mq, ne consegue una scala dei volumi

pari a 1cmq=5mc.

L’ individuazione dei paleggi, evidenziati con colore grigio, si è ottenuto

graficamente , mediante il ribaltamento delle aree di sterro su quelle di riporto e

viceversa.

Immaginando poi il corpo stradale tra due sezioni consecutive come un solido,

delimitato dal piano di campagna , dalla piattaforma e dalle scarpate laterali ed

assimilando questo stesso ad un prismoide , se ne è calcolato il volume mediante

la formula delle sezioni ragguagliate .

Calcolo dei volumi analiticamente

Sezion Aree

Aree Iniziali Distanze Volumi

i Paleggiate Riport Parzial Progressiv

Sterro Riporto Sterro Riporto Totale Sterro Riporto Sterro o e o

2 2 2 2 3 3 3 3

m m m

m m m m m m m m

1 0,000 3,276 0,000 3,276 32,06 22,10 9,96 80,293 16,318 63,976 63,976

2 7,267 0,000 7,267 0,000

2 7,267 0,000 7,267 0,000 354,64 354,64

32,06 32,06 0,00 0,000 418,623

8 8

3 14,857 0,000 14,857 0,000

3 14,857 0,000 14,857 0,000 588,20 588,20

31,77 31,77 0,00 0,000 1006,829

6 6

4 22,172 0,000 22,172 0,000

4 22,172 0,000 22,172 0,000 461,09 461,09

23,03 23,03 0,00 0,000 1467,924

5 5

5 17,871 0,000 17,871 0,000

5 17,871 0,000 17,871 0,000 294,35 294,35

23,03 23,03 0,00 0,000 1762,282

8 8

6 7,692 0,000 7,692 0,000

6 7,692 0,000 7,692 0,000 146,15 146,15

18,72 18,72 0,00 0,000 1908,439

6 6

7 7,923 0,000 7,923 0,000

7 7,923 0,000 7,923 0,000 437,00 437,00

37,07 37,07 0,00 0,000 2345,438

0 0

8 15,654 0,000 15,654 0,000

8 15,654 0,000 15,654 0,000 403,91 403,91

37,07 37,07 0,00 0,000 2749,353

5 5

9 6,138 0,000 6,138 0,000

9 6,138 0,000 6,138 0,000 125,72 125,72

37,07 37,07 0,00 0,000 2875,076

3 3

10 0,876 0,231 0,645 0,000

10 0,876 0,231 0,645 0,000 39,36 39,36 0,00 94,503 0,000 94,503 2969,579

11 4,357 0,200 4,157 0,000

11 4,357 0,200 4,157 0,000 264,09 264,09

39,35 39,35 0,00 0,000 3233,677

8 8

12 9,266 0,000 9,266 0,000

12 9,266 0,000 9,266 0,000 5,91 5,91 0,00 51,878 0,000 51,878 3285,555

13 8,290 0,000 8,290 0,000

13 8,290 0,000 8,290 0,000 101,71 101,71

16,22 16,22 0,00 0,000 3387,270

6 6

14 4,252 0,000 4,252 0,000

14 4,252 0,000 4,252 0,000 3,59 3,59 0,00 13,818 0,000 13,818 3401,088

15 3,446 0,000 3,446 0,000

15 3,446 0,000 3,446 0,000 19,81 19,81 0,00 36,609 0,000 36,609 3437,697

16 0,250 0,000 0,250 0,000

16 0,250 0,000 0,250 0,000 22,98 22,98 0,00 5,745 0,000 5,745 3443,442

17 0,250 0,000 0,250 0,000

17 0,250 0,000 0,250 0,000 22,93 22,93 0,00 5,733 0,000 5,733 3449,175


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

15

PESO

1.17 MB

AUTORE

koganzjo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti contenenti una tesina che riporta tutte le fasi del progetto stradale, dalla scelta del tipo di strada (calcolo dell' ora di punta del traffico), scelta del tracciolino più conveniente, rettifica del tracciolino, realizzazione delle curve, creazione del profilo stradale, esempi di sezioni, tutti i diagrammi delle aree di sterro e riporto (con compensazione, di bruckner...)
Di 14 pag. perché in aggiunta ci vanno le tavole (gli 8 allegati descritti alla fine), che per le dimensioni (90cm x 120cm min) non mi è stato possibile caricare.


DETTAGLI
Esame: Topografia
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria civile
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher koganzjo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Topografia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico di Milano - Polimi o del prof Carnielli Manuela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in ingegneria civile

Esercizi svolti su telai iperstatici: metodo delle forze e degli spostamenti e plv
Esercitazione
Temi d'esame costruzioni idrauliche
Esercitazione
Esercizi svolti su telai iperstatici
Esercitazione
Esercitazioni costruzioni idrauliche
Esercitazione