Che materia stai cercando?

Tessuto osseo

Questo è un file con appunti completi ed esaustivi sul tessuto osseo. All'università prendo appunti con il pc e sono molto veloce, quindi garantisco sulla loro completezza. Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Nistri.

Esame di Citologia e istologia docente Prof. S. Nistri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Queste fibre partono dal periostio, si inseriscono all'interno dell'osso legandosi alle sue

fibre e facendo in modo che il periostio sia a contatto con l'osso.

Le fibre elastiche sono virtualmente assenti: se ne può trovare una piccola quota

all'interno delle fibre perforanti; le fibre reticolari sono soltanto quelle della membrana

basale dei vasi.

L'ostionectina e l'ostiocacina sono due proteine che hanno un'azione antagonista:

l'ostiocalcina ha affinità per il calcio, lo prende e fa in modo che li avvenga la

formazione dei fosfati di calcio, mentre l'ostionectina esegue l'azione opposta.

L'adecorina va invece a mettersi intorno alle fibre collagene come una coroncina e

orienta i fosfati di calcio intorno alle fibre collagene.

LE CELLULE DEL TESSUTO OSSEO

Le cellule del tessuto osseo sono quattro: le cellule osteoprogenitrici o preosteoblasti,

osteoblasti, osteociti e gli osteoclasti.

I primi tre non sono tre tipi cellulari diversi, ma sono tre fasi differenziative di uno

stesso tipo di cellula. La funzione degli osteoblasti è quella di produrre la sostanza

intercellulare dell'osso e di mineralizzarla; sono anche coinvolti in maniera indiretta

nella degradazione della sostanza intercellulare.

Gli osteoclasti sono un'altra popolazione cellulare. Non derivano dal differenziamento

della cellula mesenchimale, ma il loro precursore sono i preosteoclasti: questi

viaggiano nel sangue e hanno a loro volta un precursore della famiglia dei monociti. La

funzione degli osteoclasti è quella di degradare il tessuto osseo.

Le cellule osteoprogenitrici si ritrovano in due particolari distretti dell'osso, e restano lì

ferme in attesa che ci sia bisogno di formare nuovo tessuto osseo; quando c'è bisogno

di nuovi osteoblasti, esse si attivano e diventano appunto osteoblasti. Si trovano a

livello del periostio e dell'endostio: entrambi sono dei tessuti connettivi propriamente

detti. Il periostio, che va ad avvolgere l'osso, è formato da due strati: lo strato più

esterno (fibroso, denso) poi, al di sotto di questo, lo strato osteogenico di Olier, a

contatto con l'osso, riccamente vascolarizzato e contenente appunto le cellule

osteoprogenitrici.

L'endostio è anche questo un tessuto connettivo propriamente detto, ma più lasso

rispetto al periostio; va a rivestire le cavità interne dell'osso. Anche qui ci sono le

cellule osteoprogenitrici che vanno a differenziarsi in osteoblasti.

GLi osteoblasti sono cellule metabolicamente attive, hanno citoplasma basofilo per la

presenza di reticolo endoplasmatico rugoso, evidente cromatina e nucleoli. Nelle fasi

iniziali di sintesi, gli osteoblasti sono posti in fila, uno accanto all'altro, a formare una

struttura epiteliale simile.

Ma come avviene la sintesi? Per prima cosa l'osteoblasto comincia a sintetizzare

sostanza intercellulare non ancora mineralizzata, per cui sintetizza fibre collagene e

sostanza fondamentale Anista; la sintetizza dalla parte della cellula rivolta verso la

trabecola ossea. Viene rilasciato per primo un tessuto osseo non mineralizzato, che

prende il nome di tessuto osteoide. Man mano che va avanti col tempo, l'osteoblasto

comincia ad un certo punto a sintetizzare e rilasciare la sostanza intercellulare da tutto

il suo corpo e non solo da un'unica porzione. Man mano che rilascia la sostanza

intercellulare, si allontana dagli oisteoblasti vicini. Rimane circondato dunque dalla

sostanza intercellulare che ha prodotto, occupando dunque uno spazio. Va poi a

mineralizzarla, formando così il tessuto osseo, ritrovandosi rinchiuso all'interno della

matrice ossea.

Quando il processo è esaurito, gli osteoblasti che si trovano a livello della matrice

ossea si trasformano in una membrana appiattita formata da cellule che prendono il

nome di cellule di rivestimento dell'osso.

La mineralizzazione è un processo molto complesso; il meccanismo con cui avviene

non è ancora noto con certezza. Ma come avviene il processo?

All'interno dell'osteoblasto si formano dei granuli che si chiamano globuli calcificanti;

essi compaiono all'interno dell'osteoblasto quando esso deve mineralizzare l'osteoide.

Essi contengono al loro interno degli enzimi necessari affinchè avvenga per la

mineralizzazione, come la fosfatasi alcalina che serve a togliere il gruppo fosfato da

determinati sostrati; oppure enzimi necessari anche a far sì che il fosfato e il calcio si

liberino da altre strutture. Al momento di mineralizzare, questi lobuli vengono rilasciati

nella sostanza intercellulare con un meccanismo fondamentale: la gemmazione. Dal

momento che vengono fuori per gemmazione, questi globuli hsono rivestiti da una

doppia membrana. Adesso il loro nome cambia: vengono chiamati vescicole della

matrice. La membrana esterna ha un ruolo fondamentale: sembra che i fosfolipidi

della membrana agiscano da catalizzatori e da centro di nucleazione dei fosfati di

calcio.

Successivamente si rompe la membrana esterna. Quando ciò avviene, i frammenti di

membrana si allontanano e si disperdono nella sostanza intercellulare, agendo da

ulteriori catalizzatori per le zone limitrofe. Si rompe poi anche la membrana interna,

dalla quale fuoriescono gli enzimi necessari per la formazione dei cristalli.

Una volta che gli osteoblasti hanno sintetizzato e mineralizzato la sostanza

intercellulare, diventano cellule più quiescienti, gli osteociti, cellule metabolicamente

meno attive che si dotano di prolungamenti. Il corpo cellulare dell'osteocita e

dell'osteoblasto è, come si è detto, circondato da sostanza intercellulare mineralizzata,

per cui era come alloggiato in una lacuna all'interno della matrice ossea. I

prolungamenti degli osteociti sono accolti all'interno dei canalicoli ossei. Tra la

membrana della cellula dell'osteocita e la matrice ossea vi è un sottile strato di

tessuto osteoide, matrice non mineralizzata.

Gli osteoclasti sono le cellule deputate alla degradazione del tessuto osseo. Essi

derivano, come detto, dai preosteoclasti. Derivano, e non si differenziano, perchè gli

osteoclasti sono dei sincizi, ossia delle grosse cellule plurinucleate, che possono

arrivare ad avere anche cinquanta nuclei, originatesi dalla fusione di elementi

mononucleati, appunto i preosteoclsti. Quando c'è bisogno di rimuovere un segmento

osseo, dal torrente circolatorio arrivano in quella sede i preosteolasti, che si fondono

tra di loro dando origine all'osteoclasto, che si attacca al segmento osseo e comincia a

degradarlo.

L'osteoclasto è una cellula che ha una disposizione particolare dei propri organuli. I

vari nuclei dell'osteoclasto si ritrovano nella porzione della cellula più lontana da

quella che guarda la trabecola ossea. Ci sono poi i vari organuli e ci sono tanti

lisosomi, che servono per la degradazione. Dopo di che, particolare è la porzione della

membrana dell'osteoclasto che guarda verso la trabecola ossea: è fatta da delle

porzioni più periferiche, aventi una membrana a profilo liscio, chiamate zone chiare

(due regioni), ricche di microfilamenti; tra le due zone chiare, la membrana fa una

sorta di piega e forma una struttura chiamata orletto increspato. La zona compresa tra

le due cavità si chiama zona sigillata, poichè tutto cio che avviene all'interno di questa

zona resta lì e non va altrove.

Attraverso le zone chiare, l'osteoclasto prende contatto con la superficie dell'osso. La

zona sigillata viene sigillata dalle zone chiare e tutto ciò che succede lì non viene fuori.

Una volta che, attraverso le zone chiare, si è formata la zona sigillata, c'è bisogno di

distruggere il tessuto osseo. La prima componente della matrice ossea che viene

distrutta è la componente minerale. Essa si dissolve perchè avviene l'acidificazione

della zona sigillata: il PH della zona sigillata diventa acido, e questo dissolve i cristalli

di fosfato di calcio. All'interno di un'enzima c'è una cellula, l'anidrasi carbonica, che

prende l'acqua e forma l'acido carbonico. Lo ione H+ viene preso da delle terminasi di

membrana che si trovano sull'orletto increspato, che lo portano nella zona sigillata,

acidificandola. L'orletto increspato serve ad aumentare la superficie di membrana per

poter mettere un numero maggiore di permeasi, ossia le proteine di membrana di

trasporto. In questo modo si sono disciolti i cristalli di fosfato di calcio.

A questo punto c'è da distruggere la componente della sostanza fondamentale Anista;

per questo viene esocitato il contenuto dei lisosomi. Le idrolasi acide vanno a

distruggere le proteine, e tutto il contenuto dei lisosomi distrugge le componenti della

sostanza fondamentale Anista.

Le fibre collagene vengono invece distrutte dall'enzima collagenasi, che viene attivato

anche dagli osteoblasti. In questo modo si è formata una sorta di lacuna dall'azione

erosiva dell'osteoblasto. Questa lalacuna si chiama lacuna di Auship.

Le cellule che costituiscono il tessuto osseo interagiscono tra di loro, e il metabolismo

del tessuto osseo è anche regolato da sitmoli ormonali. Il paratormone e la calcitonina

concorrono alla regolazione della calcemia, ossia lac concentrazione del livello di

calcio nel sangue. Se la calcemia diminuisce, questa variazione della concentrazione di

calcio viene avvertita dalle paratiroidi, le quali vanno a rilasciare il paratormone nel

torrente circolatorio. Gli osteoblasti hanno un recettore per il paratormone. Quando il

paratormone si lega al recettore, gli osteoblasti rilasciano all'esterno delle molecole, la


PAGINE

8

PESO

25.40 KB

AUTORE

kekkodis

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in fisioterapia (EMPOLI, FIRENZE, PISTOIA)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kekkodis di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Citologia e istologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Nistri Silvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Citologia e istologia

I tessuti del corpo umano
Appunto
Tessuto ghiandolare
Appunto
Tessuto cartilagineo
Appunto
Il tessuto muscolare
Appunto