Che materia stai cercando?

Sviluppo uccelli Appunti scolastici Premium

Appunti di Biologia dello sviluppo sullo sviluppo degli uccelli basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Cecconi dell’università degli Studi di Tor Vergata - Uniroma2, Scienze matematiche fisiche e naturali, Corso di laurea in scienze biologiche. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Biologia dello sviluppo docente Prof. F. Cecconi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sviluppo uccelli

[Gallus gallus] uovo di grandi dimensioni, molto ricca in tuorlo, circondata da un fluido denso,

l’albume, e da un guscio calcareo.

Oocita di pollo è formato da:

L’area pellucida del citoplasma propriamente detto;

• L’area opaca, cerchio concentrico piuttosto denso che circonda una gran quantità del

• tuorlo.

Zona marginale, situata tra l’area pellucida e l’opaca.

• Segmentazione

Segmentazione meroblastica, telolecitica con simmetria discoidale.

Le divisioni sono incomplete: non dividono tutto il tuorlo ma solo l’area pellucida. La divisione

cellulare è molto accelerata nella zona centrale dell’area pellucida: il blascodisco. La

segmentazione avviene solo nel blastodisco, lungo pochi mm, posto al polo animale dell’uovo.

Uovo telolecitico, quindi lo sviluppo avviene sulla sommità del tuorlo ed inizialmente

coinvolge pochissime cellule.

Le cellule della zona pellucida in divisione mantengono contatto con la porzione di tuorlo

sottostante, dalla quale ricevono nutrimento.

Formazione del blastoderma La segmentazione su piano equatoriale del

blastodisco è responsabile della

formazione del blastoderma

pluristratificato (doppio strato).

Lo strato di cellule a contatto con il tuorlo

si divide per formare uno strato

abbastanza spesso, formato da 2/3 file di

cellule.

Si forma un cuscinetto di cellule

sovrapposte: le cellule sotto il primo strato

muoiono per apoptosi, lasciando spazio ad

una cavità, la cavità sottogerminale; la

morte cellulare richiama acqua

dall’albume denso all’interno della cavità

formata.

Lo strato più esterno rimane isolato sulla

superficie: è l’epiblasto.

Le cellule di questo monostrato secernono proteine specifiche che si vanno ad accumulare

nella cavità.

La regione posteriore dell’epiblasto, in contatto con la zona opaca, s’inspessisce: si forma la

zona marginale posteriore, regione d’inizio della gastrulazione.

Formazione dell’ipoblasto

Per un movimento di delaminazione della zona marginale posteriore, le cellule si dividono e

iniziano a migrare nella cavità sottogerminale. Grazie alla composizione proteica della cavità

le cellule della zona marginale posteriore sono in grado di migrarci seguendo un cammino

lineare, sempre in connessione con la zona di origine: migrano per collocarsi al centro nella

cavità.

Queste cellule formano dei nuclei di aggregazione, le isole di poli-invaginazione: gruppi di ¾

cellule distribuiti circa a metà altezza della cavità che costituiscono l’ipoblasto primario.

Molte cellule migrano dalla zona marginale posteriore fino alle isole di poli-invaginazione e si

distribuiscono a formari uno strato al centro della cavità: l’ipoblasto secondario.

Le fasi di delaminazione e migrazione portano alla formazione dell’ipoblasto secondario che

divide la cavità subgerminale in due cavità: quella inferiore all’ipoblasto viene riassorbita dal

tuorlo; mentre lo spazio tra epiblasto e ipoblasto forma la cavità del blastocele.

Il tuorlo non è contatto con il blastocele, perché le cellule dell’ipoblasto negli uccelli daranno

origine agli annessi extra-embrionali: potranno migrare e circondare completamente il tuorlo

per formare il sacco del tuorlo, che rimarrà a contatto con il tubo digerente dell’embrione.

*annessi extraembrionale: strutture che serve per l’embriogenesi ma che si trova al difuori

dell’embrione vero e proprio, quindi non permane nell’adulto.

Il blastoderma diblastico (epi/ipoblasto) è saldato a livello marginale dell’aria opaca e lo

spazio tra i 2 costituisce il blastocele. Gastrulazione

Il blastocele serve per i movimenti gastrulativi delle cellule dell’epiblasto, che daranno origine

all’embrione. Mentre l’ipoblasto forma porzioni delle membrane esterne: il sacco del tuorlo e

il tratto che unisce il sacco del tuorlo al tubo digerente, generato dal foglietto embrionale

dell’endoderma.

La stria primitiva è una struttura che si origina dalla zona marginale posteriore e si estende

in senso postero-anteriore e attraversa l’intero embrione.

È una struttura analoga al blastoporo degli anfibi, ma non è una struttura longitudinale e non

circolare come negli anfibi. L’embrione di tuorlo è schiacciato sulla superficie del tuorlo che

favorisce una struttura longitudinale, piuttosto che circolare, che determinerà gli assi del

corpo e divide l’embrione in una porzione destra e una sinistra.

Le cellule in migrazione “cadono” all’interno della stria primitiva, dal dorso verso il ventre e si

distribuiscono nella cavità del blastocele.

La testa della stria primitiva (porzione anteriore) equivale al labbro dorsale del blastoporo e

prende il nome di nodo di Hensen.

Nelle fasi successive, nella porzione posteriore, la stria primitiva regredisce e si accorcia, e le

cellule continuano a migrare al suo interno; contemporaneamente, nella porzione anteriore,

iniziano a formarsi le strutture primitive della testa: encefalo, notocorda, somiti e cuore.

Quindi anteriormente continua la gastrulazione mentre posteriormente inizia la morfogenesi.


PAGINE

5

PESO

550.84 KB

AUTORE

greta.lb

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze biologiche
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher greta.lb di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Biologia dello sviluppo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Cecconi Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Biologia dello sviluppo

Biologia dello Sviluppo - Appunti
Appunto
Tecniche diagnostiche molecolari: transgenesi, northern blot, ibridazione in situ e immunoistochimica.
Appunto
Biologia dello sviluppo - Apoptosi
Appunto
Segmentazione e gastrulazione
Appunto