Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-­‐Le  realtà  della  TV  sono  spesso  assunti  base  riguardanti  i  fatti  della  vita.  La  televisione  non  

insegna  fatti  e  figure,  essa  costruisce  frame  generali  di  riferimento.  

-­‐La  funzione  principale  della  TV  è  stabilizzare  gli  schemi  sociali.  I  rapporti  di  potere  della  cultura  

esistenti  sono  rinforzati  e  mantenuti  attraverso  pattern  ripetitivi  che  arrivano  dalla  TV.  Infatti,  la  

cultura  difficilmente  critica  i  sistemi  che  l’hanno  arricchita.  

-­‐I  contributi  osservabili  e  indipendenti  della  tv  alla  cultura  sono  relativamente  piccoli.  

In  altre  parole,  se  non  vediamo  sempre  gli  effetti  dei  media,  è  perché  potrebbero  verificarsi  e  

cambiare  la  cultura  in  vie  più  profonde  e  meno  visibili.  

GLI  EFFETTI  DELLA  COMUNICAZIONE  DI  MASSA  -­  LE  QUATTRO  QUESTIONI  

La  violenza  nei  media  conduce  all’aggressione?  

Negli  anni  ’60  con  la  diffusione  della  TV  c’è  stato  anche  un  aumento  della  violenza  negli  USA.  

Viene  così  creata  una  commissione  nel  1969  che  decide  di  intervenire  contra  la  violenza  e  il  

comportamento  antisociale.  

Nonostante  questo,  sembra  che  non  ci  sia  un  effettivo  contributo  dei  media  nell’aumento  di  un  

comportamento  aggressivo.  

C’è  una  causale  diretta  tra  contenuti  violenti  e  comportamento  aggressivo  (stimulation  model)  che  

è  stato  dimostrata  scientificamente  con  degli  esperimenti.  Si  è  raggiunto  il  modello  del  segnale  

aggressivo  (aggressive  cues  model),  cioè  l’idea  che  le  rappresentazioni  dei  media  possono  

influenzare  determinate  categorie  di  persone  che  potrebbero  essere  perfetti  target  per  una  

aggressione  reale;  in  questo  modo  aumenta  la  probabilità  che  alcune  persone  possano  diventare  

violente  verso  persone  di  gruppi  sociali  diversi.  

I  cognitivisti  hanno  sgonfiato  la  nozione  di  catarsi,  cioè  l’idea  che  guardare  violenza  nei  media  

riduce  l’istinto  aggressivo  delle  persone.  L’istinto  diminuisce,  ma  perché  la  gente  vede  che  a  

comportamenti  sbagliati  corrispondono  delle  punizioni.  

I  cognitivisti  hanno  introdotto  il  concetto  di  rinforzo  vicario,  cioè  che  l’osservazione  di  qualcosa  di  

sbagliato  e  le  successive  conseguenze  possono  portare  ad  un  effetto  inibitorio  o  disinibitorio.  

I  cognitivisti  hanno  introdotto  anche  il  concetto  di  enviromental  incentives,  cioè  la  nozione  che  gli  

incentivi  nel  mondo  reale  possono  condurre  gli  spettatori  a  ignorare  i  rinforzi  vicari  negativi  che  

hanno  imparato  ad  associare  ad  un  determinato  comportamento.  

Dall’esperimento  di  Bandura  in  un  asilo  nido,  si  è  visto  che  il  rinforzo  vicario  può  ridurre  la  

probabilità  che  un  comportamento  da  punire  possa  essere  fatto,  ma  quel  comportamento  è  ancora  

apprendibile  osservandolo.  Allo  stesso  tempo  però,  se  lo  si  osserva  e  si  impara,  gli  spettatori  

capiscono  che  non  devono  farlo.  

Una  continuata  visione  di  violenza  però  può  portare  alla  desensibilizzazione  della  violenza  nella  

vita  reale.  

La  rappresentazione  di  droghe  e  alcool  incrementa  il  loro  consumo?  

La  pubblicità  sull’alcol  stimola  un  più  alto  consumo  di  alcool  e  può  essere  considerata  un  fautore  

dell’uso  eccessivo  di  esso  e  dei  conseguenti  problemi.  Molti  ragazzi  bevono  perché  sono  attrattivi  

per  il  rischio  e  la  gratificazione  immediata  che  esso  dà.  

Qual  è  il  contributo  dei  media  negli  stereotipi  di  genere,  razziali  e  etnici?  

Lo  stereotipo  è  un’applicazione  di  un’immagine  o  un  concetto  standardizzato  su  membri  di  un  

gruppo  ed  è  di  solito  basato  su  informazioni  limitate.  

I  media  non  possono  rappresentare  tutta  la  realtà,  così  scelgono  gruppi  specifici  che  sono  facili  da  

stereotipizzare  (donne,  persone  di  colore,  omosessuali,  stranieri,  basso  locati).  

I  media  hanno  avuto  un  ruolo  fondamentale  nello  sviluppo  di  cognizioni  razziali/etniche  e  

comportamenti  nella  società.  

Le  teorie  sull’analisi  culturale,  interazionismo  simbolico  e  della  costruzione  sociale  spiegano  questi  

effetti.  Questo  sotto  rappresentazione  influenza  la  percezione  della  gente,  e  la  percezione  quindi  

influenza  i  loro  comportamenti.  

I  media  hanno  effetti  prosociali?  

Gran  parte  degli  studiosi  hanno  dimostrato  che  la  gente,  soprattutto  i  bambini,  può  e  riesce  a  

modellare  il  buon  comportamento  sociale,  ispirandosi  ai  media,  e  lo  fanno  spesso  in  maniera  più  

grande  rispetto  ai  loro  comportamenti  negativi.   5 di 10

11.  PERSUASION  

(LA  PERSUASIONE)  

QUALI  VIE  CONDUCONO  ALLA  PERSUASIONE?  

Hovland,  dell'università  di  Yale,  durante  la  Seconda  Guerra  Mondiale  lavorò  come  

ricercatore  presso  il  Dipartimento  di  Guerra  degli  Stati  Uniti  con  l'obiettivo  di  studiare  la  

persuasione,  ossia  il  processo  che  mediante  atti  di  comunicazione  conduce  alla  formazione,  

rafforzamento  o  modiwica  degli  atteggiamenti.  Di  ritorno  da  Yale  e  winita  la  guerra  continuò  a  

studiare  che  cosa  rende  un  messaggio  persuasivo.  La  prospettiva  assunta  dagli  studiosi  di  Yale  e  da  

McGuire  nel  suo  Paradigma  dell'elaborazione  dell'informazione  vede  la  persuasione  come  un  

processo  che  prevede  diverse  fasi:  esposizione  del  soggetto  al  messaggio,  attenzione  al  

medesimo,  comprensione  dei  suoi  contenuti,  accettazione  della  posizione  in  esso  

sostenuta,  memorizzazione  della  stessa  e  azione.  Secondo  questa  prospettiva  la  persuasione  

agisce  efwicacemente  solo  se  si  veriwicano  tutte  le  fasi.  

A  differenza  dei  ricercatori  di  Yale  che  consideravano  il  ricevente  del  messaggio  persuasivo  

come  un  soggetto  passivo,  i  ricercatori  della  State  University  dell'Ohio,  ideatori  dell'approccio  

della  risposta  cognitiva,  consideravano  il  soggetto  come  parte  attiva  nel  processo  persuasivo,  

perché  ritenevano  che  anche  l'opinione  delle  persone  fosse  importante  ai  wini  della  risposta  ai  

messaggi  persuasivi.  

Se  un  modello  è  chiaro  ma  non  convincente,  è  facile  controbattere  e  non  farsi  persuadere.  Se  

invece  offre  argomenti  convincenti,  le  opinioni  sono  più  favorevoli  e  la  persuasione  più  probabile.  

Due  sono  i  modelli  principali:  

•Il  modello  della  probabilità  di  elaborazione  ELM  di  Petty  e  Cacioppo  

•Il  modello  Euristico-­‐Sistematico  di  Eagly  e  Chaiken  

I  due  modelli  sono  molto  simili  in  quanto  prevedono  due  vie,  considerando  l'essere  umano  un  

economizzatore  di  risorse  cognitive,  quindi  portato  ad  adottare  le  strategie  che  consentono  un  

maggiore  risparmio  di  energie  cognitive  ed  entrambi  considerano  la  motivazione  e  le  abilità  

cognitive  del  soggetto  fattori  fondamentali.  La  principale  differenza  tra  i  due  modelli  è  invece  

rappresentata  dal  rapporto  tra  le  due  vie:  mentre  l'ELM  sono  alternative  nel  modello  Euristico-­‐  

Sistematico  le  due  modalità  di  elaborazione  non  si  escludono  a  vicenda  giungendo  a  potenziarsi  

reciprocamente  in  caso  di  accordo  o  ad  attenuare  gli  effetti  del  processo  persuasivo  in  caso  di  

discordanza.  

LA  VIA  CENTRALE  

La  via  centrale,  nell'ELM,  è  il  processo  di  elaborazione  sistematica  e  attenta  delle  informazioni  

contenute  nel  messaggio  persuasivo.  Questo  processo  implica  la  valutazione  delle  qualità  delle  

informazioni  fornite  dal  messaggio,  mette  in  relazione  il  contenuto  del  messaggio  con  le  

informazioni  che  già  si  possiedono  rispetto  a  quell'argomento  così  da  elaborare  una  nuova  

valutazione.  Se  le  argomentazioni  sono  forti  e  convincenti  persuadono,  in  caso  contrario,  

quindi  se  il  messaggio  offre  argomentazioni  deboli  chi  ascolta  nota  che  non  sono  convincenti  e  

le  confuta.  Nel  modello  Euristico-­‐Sistematico,  questa  via  prende  il  nome  di  processo  

sistematico  e  similmente  all'ELM  si  conwigura  come  una  elaborazione  accurata  e  intenzionale  

del  messaggio  persuasivo.  

LA  VIA  PERIFERICA  

In  assenza  di  motivazione  e  abilità  cognitive,  si  segue  la  via  periferica,  cioè  il  processo  in  cui  le  

persone  si  focalizzano  sugli  aspetti  superwiciali  del  messaggio  e  impiegano  semplici  regole  di  

presa  di  decisione  che  portano  a  stimare  in  maniera  automatica  e  immediata  la  validità  del  

messaggio  persuasivo.  Nel  modello  Euristico-­‐Sistematico,  questa  via  prende  il  nome  euristiche  

e  similmente  all'ELM  consiste  in  semplici  regole  di  presa  di  decisione  che  portano  a  stimare  in  

maniera  automatica  e  immediata  la  validità  del  messaggio  persuasivo.  

VIE  DIVERSE  PER  DIVERSI  OBIETTIVI  

I  due  fattori  chiave  che  determinano  la  scelta  dell'una  o  dell'altra  via  sono  la  motivazione  e  

l'abilità  cognitiva.  La  motivazione  fa  riferimento  alla  rilevanza  che  l'argomento  del  messaggio  

persuasivo  riveste  per  il  soggetto,  in  riferimento  agli  obiettivi  che  si  propone  di  raggiungere.  La  

motivazione  però  non  basta  perché  la  via  periferica  diventi  il  processo  utilizzato  dal  soggetto.  

E'  necessario  anche  che  questi  possieda  l'abilità  cognitiva  che  lo  renda  in  grado  di  elaborare  in   6 di 10

maniera  approfondita  un  messaggio.  Per  abilità  cognitiva  intendono  sia  capacità  stabili  del  

soggetto,  quali  per  esempio  la  sua  intelligenza,  le  conoscenze  tecniche  necessarie,  sia  

l'assenza  di  cognizioni  contingenti  di  disturbo  e  distrazione  che  possono  inwluire  sui  processi  

cognitivi  messi  in  atto  dal  soggetto  impedendogli  di  concentrarsi.  In  assenza  di  motivazione  e  

abilità  solitamente  i  soggetti  optano  per  la  via  periferica.  L'obiettivo  di  chi  parla  in  pubblico  non  

è  quello  di  avere  qualcuno  che  presti  attenzione  al  messaggio  quanto  provocare  qualche  tipo  di  

cambiamento  nei  comportamenti  di  quest'ultimi.  I  ricercatori  hanno  notato  che  l'elaborazione  

sistematica  della  via  centrale  conduce  a  un  cambiamento  più  duraturo  rispetto  alla  via  

periferica.  Quando  si  pensa  in  profondità  piuttosto  che  superwicialmente  è  più  probabile  che  

ogni  cambio  di  atteggiamento  persista,  resista  agli  attacchi  e  inwluenzi  il  comportamento.  E'  

quindi  più  probabile  che  la  via  centrale  conduca  a  cambiamenti  profondi  di  atteggiamenti  e  

comportamenti,  e  che  la  via  periferica  porti  solo  a  un  cambiamento  superwiciale  e  temporaneo  

degli  atteggiamenti  e  dei  comportamenti.  

QUALI  SONO  GLI  ELEMENTI  DELLA  PERSUASIONE?  

Tra  le  componenti  principali  della  persuasione  prese  in  esame  dagli  psicologi  sociali  vi  sono:  

1.  La  fonte  del  messaggio,  chi?  (Credibilità,  esperienza,  afwidabilità,  fascino)  

2.  Il  contenuto  del  messaggio,  cosa?  (Ragione  o  emozione,  discrepanza,  unilaterale  o  

bilaterale,  primancy  o  recency)  

3.  Il  canale,  ossia  come  avviene  la  comunicazione  del  messaggio;  come?  (attivo  o  passivo,  

personale  o  media)  

4.  Il  ricevente,  a  chi?  (Abilità  cognitive  e  tratti  di  personalità,  età).  

CHI  PARLA?  LA  FONTE  

Non  conta  solo  il  messaggio  ma  anche  chi  lo  trasmette.  Gli  effetti  della  credibilità  della  fonte  

diminuiscono  dopo  un  mese  circa.  Se  il  messaggio  di  una  persona  credibile  è  persuasivo,  il  suo  

impatto  può  svanire  nel  momento  in  cui  si  dimentica  la  fonte  o  la  si  dissocia  dal  contenuto  del  

messaggio.  La  persuasione  che  avviene  in  un  secondo  momento,  dopo  aver  dimenticato  la  

fonte  o  la  sua  connessione  con  il  messaggio  è  dewinita  effetto  ritardato,  ossia,  l'inwluenza  

ritardata  di  un  messaggio  che  inizialmente  svalutato,  diventa  successivamente  efwicace,  si  

ricorda  il  messaggio  ma  si  dimenticano  ma  si  dimenticano  le  ragioni  della  precedente  

svalutazione.  

Percezione  di  competenza,  una  modalità  è  quella  di  iniziare  dicendo  cose  con  cui  l'audience  si  

sente  d'accordo  e  che  fanno  sembrare  l'oratore  intelligente.  Un'altra  è  quella  di  farsi  presentare  

da  qualcuno  ritenuto  esperto  sull'argomento.  Un  altro  modo  per  apparire  credibili  è  quello  di  

parlare  con  sicurezza.  

Percezione  di  afwidabilità.  L'afwidabilità  è  più  alta  anche  quando  il  ricevente  ritiene  che  il  

comunicatore  non  stia  cercando  di  persuaderlo.  Si  percepisce  la  sincerità  anche  in  coloro  che  

affrontano  discussioni  contro  i  loro  stessi  interessi.  Anche  essere  disponibili  a  soffrire  per  le  

proprie  convinzioni  aiuta  a  convincere  la  gente  della  propria  sincerità.  L'afwidabilità  e  la  

credibilità  aumentano  quando  le  persone  parlano  velocemente,  questo  perché  vengono  valutati  

più  oggettivi,  intelligenti,  informati  rispetto  agli  oratori  che  parlano  lentamente.  Si  è  notato  

anche  che  più  l'oratore  è  rapido  più  è  persuasivo.  

Attrazione  e  somiglianza  

La  maggior  parte  di  noi  è  consapevole  che  le  star  che  si  prestano  alle  pubblicità  non  sono  ben  

informate  sui  prodotti  che  rappresentano  e  che  l'intento  è  persuaderci.  Tali  pubblicità  sono  

basate  su  un'altra  caratteristica  del  comunicatore  efwicace:  l'attrazione.  Si  può  pensare  di  non  

essere  inwluenzati  dall'attrazione  o  dalla  simpatia  ma  i  ricercatori  hanno  visto  che  non  è  così.  

Persino  una  conversazione  fugace  con  una  persona  è  sufwiciente  ad  aumentare  la  simpatia  per  

quella  persona  e  la  sensibilità  alla  sua  inwluenza.  La  persuasione  può  renderci  sensibili  alle  

ragioni  del  comunicatore  (via  centrale  alla  persuasione)  o  può  scatenare  associazioni  positive  

quando  successivamente  vediamo  il  prodotto  (via  periferica).  

Ci  sono  sei  principi  fondamentali  della  persuasione:  

1.  L'autorità,  nel  quale  le  persone  si  rivolgono  a  esperti  credibili;  

2.  La  simpatia,  nel  quale  la  gente  reagisce  positivamente  a  chi  gli  è  simpatico;  

3.  La  prova  sociale,  nel  quale  le  persone  seguono  l'esempio  di  altri  per  convalidare  

pensieri,  sentimenti  ed  azioni;  

4.  La  reciprocità,  nella  quale  le  persone  si  sentono  costrette  a  ripagare  con  favori  ciò  che  hanno  

ricevuto;  

5.  La  coerenza,  nel  quale  le  persone  tendono  a  onorare  gli  impegni  presi  pubblicamente;   7 di 10

6.  La  scarsità,  nel  quale  le  persone  apprezzano  ciò  che  è  limitato.  

L'attrazione  usa  molte  vie  di  espressione  e  una  di  queste  è  la  somiglianza;  si  prova  simpatia  

per  chi  è  come  noi  e  se  ne  rimane  anche  inwluenzati.  Le  persone  che  agiscono  come  noi  

mimando  sottilmente  le  nostre  posture  sono  più  inwluenti.  

CHE  COSA?  IL  CONTENUTO  DEL  MESSAGGIO  

Non  conta  solo  chi  parla  ma  anche  che  cosa  questa  fonte  dice.  

RAGIONE  O  EMOZIONE  

Un  dibattito  si  può  basare  sia  sulla  ragione  che  sull'emozione.  Si  possono  sposare  passione  e  logica  

ma  che  cos'è  più  inwluente:  la  ragione  o  l'emozione?  Dipende  dai  riceventi  del  messaggio.  

Le  persone  istruite  o  analitiche,  ossia  portate  a  ragionare  in  maniera  accurata  e  sistematica,  

sono  più  sensibili  agli  appelli  razionali  di  quelle  meno  istruite  e  meno  analitiche.  

L'audience  attenta  e  coinvolta  spesso  imbocca  la  via  centrale,  è  più  sensibile  agli  argomenti  

presentati  in  maniera  approfondita  e  accurata.  Un'audience  disinteressata  più  spesso  prende  la  

via  periferica,  è  più  colpita  dalla  simpatia  per  il  comunicatore.  E'  anche  importanti  come  si  sono  

formati  gli  atteggiamenti  delle  persone.  Se  gli  atteggiamenti  iniziali  si  formano  soprattutto  in  

base  all'emozione,  le  persone  si  fanno  persuadere  di  più  dai  successivi  appelli  emotivi,  se  

invece  si  formano  in  base  alla  ragione  sono  più  persuasivi  argomenti  di  tipo  intellettivo.  

L'effetto  sentirsi  bene.  I  messaggi  sono  più  persuasivi  se  associati  al  benessere.  Il  sentirsi  bene,  

provare  emozioni  positive,  spesso  aumenta  la  persuasione,  in  parte  per  l'incremento  del  

pensiero  positivo,  se  le  persone  sono  motivate  a  pensare,  e  in  parte  per  l'associazione  tra  la  

sensazione  di  benessere  e  il  messaggio.  

L'effetto  mettere  paura.  I  messaggi  possono  diventare  efwicaci  anche  se  suscitano  emozioni  

negative.  Quando  si  cerca  di  persuadere  le  persone  a  ridurre  il  fumo,  a  lavarsi  i  denti  più  

spesso,  a  fare  l'antitetanica,  un  messaggio  che  mette  paura  può  essere  molto  efwicace.  Quanta  paura  

è  bene  risvegliare?  Spesso,  più  la  gente  è  spaventata,  più  è  sensibile.  L'efwicacia  delle  comunicazioni  

che  destano  paura  viene  utilizzata  per  i  messaggi  che  scoraggiano  non  solo  il  fumo  ma  anche  i  

comportamenti  sessuali  a  rischio  e  la  guida  in  stato  di  ebbrezza.  Accrescere  le  paure  signiwica  

suscitare  più  interesse  verso  l'informazione  su  una  malattia  e  i  modi  per  prevenirla.  Giocare  

sulla  paura  però  non  sempre  rende  un  messaggio  più  efwicace,  basti  pensare  che  molte  persone  

terrorizzate  dalla  morte  prematura  causata  dal  fumo  continuano  a  fumare  ugualmente.  I  messaggi  

che  mettono  paura  sono  spesso  efwicaci  se  spingono  le  persone  non  solo  a  temere  la  probabilità  

di  un  evento  minaccioso  ma  anche  a  percepire  una  soluzione  a  sentirsi  in  grado  di  attuarla.  

LA  DISCREPANZA  

Il  disaccordo  produce  disagio  e  il  disagio  spinge  a  cambiare  opinione.  Così  forse  un  disaccordo  

maggiore  può  produrre  un  cambiamento  più  grande  ma  un  comunicatore  che  proclama  un  

messaggio  sgradevole  corre  il  rischio  di  venire  screditato.  Le  persone  sono  più  aperte  verso  le  

conclusioni  che  si  situano  all'interno  della  loro  gamma  di  accettabilità.  Così  può  accadere  che  

un  disaccordo  maggiore  produca  un  disaccordo  minore.  Alcuni  ricercatori  ritenevano  che  una  

fonte  credibile,  difwicile  da  smentire  suscitasse  un  cambiamento  di  opinione  maggiore  quando  

sosteneva  una  posizione  molto  discrepante  da  quella  del  ricevente.  La  discrepanza  e  la  

credibilità  interagiscono,  l'effetto  di  una  grande  discrepanza  rispetto  a  una  piccola  dipende  

dalla  credibilità  del  comunicatore.  Se  si  possiede  un'autorità  credibile  e  l'audience  non  è  molto  

interessata  al  problema  è  possibile  sostenere  un'opinione  discrepante.  

APPELLI  UNILATERALI  E  BILATERALI  

Prendere  atto  e  venire  a  conoscenza  delle  obiezioni  potrebbe  confondere  l'audience  e  

indebolire  la  tesi  proposta  dalla  fonte.  Dall'altra  parte,  un  messaggio  che  riconosce  gli  

argomenti  dell'opposizione  potrebbe  sembrare  più  equo  ed  essere  più  disarmante.  Werner  e  

colleghi  hanno  mostrato  il  potere  disarmante  di  un  semplice  messaggio  bilaterale,  cioè  che  

fornisce  accanto  al  messaggio  persuasivo  anche  uno  discordante  con  il  contenuto  del  primo.  

L'efwicacia  del  messaggio  dipende  dall'ascoltatore.  L'appello  unilaterale  era  più  efwicace  con  chi  

era  già  d'accordo,  quello  bilaterale  funzionava  meglio  con  chi  non  era  d'accordo.  Gli  

esperimenti  rivelano  anche  che  la  presentazione  bilaterale  è  più  persuasiva  e  duratura  se  le  

persone  sono  informate  delle  obiezioni.  Apparentemente,  un  messaggio  unilaterale  stimola  

un'audience  informata  a  pensare  a  possibili  obiezioni  e  a  considerare  di  parte  chi  porge  il  

messaggio.  Quindi  se  l'audience  è  esposta  a  opinioni  opposte,  meglio  utilizzare  un  apparecchio  

bilaterale.  L'effetto  interazione  è  tipico  nella  ricerca  sulla  persuasione.  Gli  ottimisti  ritengono   8 di 10


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

10

PESO

141.17 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Comunicazione, Media e pubblicità
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher andreaschmid di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia della comunicazione audiovisiva e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Libera Università di Lingue e Comunicazione - Iulm o del prof Russo Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia della comunicazione audiovisiva

Parziale, Psicologia della comunicazione audiovisiva
Appunto
Riassunto esame Psicologia, prof. Russo, libro consigliato Scegliere, comprare. Dinamiche di acquisto, Balconi
Appunto
Riassunto esame Psicologia della Comunicazione Audiovisiva, prof. Russo, libro consigliato Scegliere, Comprare, Balconi, Antonietti
Appunto
Riassunto esame completo Psicologia della Comunicazione Audiovisiva, docente Russo, libro consigliato Psicologia della Comunicazione Audiovisiva (a cura di V. Russo), edizione McGraw-Hill
Appunto