Che materia stai cercando?

Riassunto esame Economia Politica, docente Luigi Bosco, libro consigliato “L’Economia", TheCOREProject

Riassunto SCRITTO A COMPUTER con GRAFICI e SPIEGAZIONI DI ESERCIZI per l'esame di economia, basato su appunti personali, slide e studio autonomo del testo consigliato dal docente Luigi Bosco, del libro “L'Economia" scritto attraverso un progetto innovativo dai maggiori economisti del momento. Io ho studiato solo su questi e ho preso 30 e lode. Gli argomenti trattati sono i seguenti:... Vedi di più

Esame di Economia politica docente Prof. L. Bosco

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

Esempio  di  come  i  prezzi  relativi  siano  importanti  sui  costi  di  produzione.

Un  proprietario  vuole  produrre  100  m  di  stoffa  al  giorno.  Può  produrli  in  due  modi:  

-­‐ secondo  la  vecchia  tecnologia  (più  lavoro,  meno  energia);  

-­‐ secondo  la  nuova  tecnologia  (meno  lavoro,  più  energia).  

   

 

Isoquanti  (le  due  linee  a  forma  di  L):  forniscono  le  combinazioni  degli   input  (lavoro  e  di  carbone)  che  producono  

una  certa  quantità  di   output  (100  m  di  stoffa).  La  forma  ad  L  di  questi  isoquanti  (non  tutti  sono  a  forma  di  L)  

implica  che  la  tecnologia  impieghi  lavoratori  e  carbone  in   proporzioni  fisse.  

Se  si  accresce  il  numero  dei  lavoratori,  senza  aumentare  il  carbone  (o  viceversa),  si  produrranno  sempre  100  m  

di  stoffa  quindi  conviene  sempre  aumentarli  entrambi  o  mantenerli  costanti  entrambi.  

 

Punto  A :  vecchia  tecnologia    elevata  intensità  di  lavoro    4  lavoratori  e  2  tonnellate  di  di  carbone    

! !

Punto  B :  nuova  teconologia    elevata  intensità  di  carbone    1  lavoratore  e  6  tonnellate  di  carbone    

! !

Punto  C   e   E :  punti  di  non  produzione    mancanza  di  carbone.  

!

Punto  D   e   F :  punti  di  non  produzione    mancanza  di  lavoratori.  

!

 

Quanto  costa  in  questo  caso  produrre  100  m  di  stoffa?  

Mettiamo  che  un  lavoratore  costi  20  sterline  al  giorno  e  una  tonnellata  di  carbone  10  sterline.  

Punto  A :    (20x4)  +  (10x2)  =  100  sterline  di  costi  di  produzione.  

Punto  C :    (20x5)  +  (10x0)  =  100  sterline  di  costi  di  produzione  (ipotetici,  perchè  poi  non  produrrebbero  nulla).  

Punto  D :    (20x0)  +  (10x10)  =  100  sterline  di  costi  di  produzione  (ipotetici,  perchè  poi  non  produrrebbero  nulla).  

Punto  B :    (20x1)  +  (10x6)  =  80  sterline  di  costi  di  produzione.      

Punto  E :      (20x4)  +  (10x0)  =  80  sterline  di  costi  di  produzione  (ipotetici,  perchè  poi  non  produrrebbero  nulla).  

Punto  F :      (20x0)  +  (10x8)  =  80  sterline  di  costi  di  produzione  (ipotetici,  perchè  poi  non  produrrebbero  nulla).  

 

Curva  di  isocosto:  la  linea  che  unisce  i  punti  in  cui  le  combinazioni  di  lavoro  e  energia  hanno  lo  stesso  costo.  

Prezzo  relativo  dei  lavoratori:  è  determinato    dalla   pendenza  della  curva  di  isocosto,  matematicamente    si  trova  

facendo  il  rapporto  tra  prezzo  dei  lavoratori  e  prezzo  di  una  tonnellata  di  carbone    20:10=2     ogni  lavoratore  

! !

costa  quanto  due  tonnellate  di  carbone.  

Le  linee  EF  e  CD  sono  due  differenti  curve  di  isocosto,  ma  esse  sono  parallele  (hanno  la  stessa  pendenza),  quindi  

hanno  prezzi  relativi  uguali.  La  differenza  è  che  EF  è  più  vicina  all’origine  e  vediamo  quindi  che   le  curve  più  vicine  

all’orgine  hanno  un  costo  di  produzione  minore  e  sono  quindi  più  convenienti.    

Vediamo  che   la  nuova  tecnologia  è  più  economica  della  vecchia.  

 

Questo  modello  si  basa  però  tutto  sul  fatto  che  in  Inghilterra  in  quel  momento  il  lavoro  di  un  uomo  costasse  il  

doppio  dell’energia  e  conveniva  quindi  ridurre  operai  e  aumentare  carbone.  In  Francia  i  lavoratori  avevano  

stipendi  bassissimi  e  invece  il  carbone  era  scarso  e  costava  molto,  questa  nuova  tecnologia  al  quel  tempo  non  

avrebbe  portato  guadagni  anzi  gli  conveniva  ridurre  l’uso  di  carbone  e  aumentare  i  lavoratori.  

Rendita  economica:   il  guadagno  ricevuto  in  seguito  all’introduzione  di  una  nuova  tecnologia.  

Queste  rendite  però  non  durano  per  sempre:  altre  imprese  si  accorgeranno  delle  rendite  che  affluiscono  al  

primo  innovatore  e  introdurranno  la  nuova  tecnologia.  Si  abbasseranno  i  costi  di  produzione  e  man  mano  che  

ulteriori  imprese  introdurranno  la  nuova  tecnologia  cadranno  i  prezzi.  Quindi  i  costi  di  produzione  saranno  

sempre  bassi,  ma  saranno  più  bassi  anche  i  prezzi  e  quindi  non  ci  saranno  più  rendite  supplementari.  

3.  SCARSITÀ,  LAVORO  E  PROGRESSO  

   

La  rivoluzione  industriale  in  Inghilterra  portò  a  tre  importanti  conseguenze:  

-­‐ i  salari  reali   aumentarono  del  600%  (di  6  volte  in  circa  130  anni);  

-­‐ le  ore  di  lavoro  diminuirono  solo  del  40%;  

-­‐ il  tempo  libero  aumentò  solo  del  18%.  

Tutto  ciò  si  è  tradotto  in  un  incremento  dello  standard  di  vita.    

Ma  perché  l’aumento  dei  salari  si  è  tradotto  in  produzione  di  più  beni?  Cioè,   perché  le  persone  che  avevano  il  

sestuplo  dello  stipendio  hanno  diminuito  cosí  poco  le  ore  di  lavoro?  Le  risposte  disponibili  fanno  tutte  

riferimento  a  un  problema  economico  di  fondamentale  importanza,  la  

scarsità.    

 

Attività  con  remunerazione  intrinseca    attività  svolta  per  il  piacere  di  farlo  senza  aspettarsi  nulla  in  cambio.  

!

Attività  con  remunerazione  estrinseca    attività  svolta  aspettandosi  qualcosa  di  materiale  in  cambio.  

!

 

Esempio  di  come  gli  individui  sono  influenzati  nelle  le  scelte  fra  due  risorse  scarse.  

Uno  studente  deve  scegliere  quanto   tempo  libero  prendersi  dato  che  vuole   studiare  per  passare  l’esame  finale.  

Funzione  di  produzione  (FdP):   l’equazione  che  esprime  la  relazione  tra  quantità  di  input  usati  (ore  di  studio)   e  

quantità  di  output  prodotti   (voti  ottenuti  all’esame).    

  Ore  di  studio  =  input  

Voti  all’esame  =  output  

 

 

Produttività  marginale:   ci  dice  quanto  aumenta  l’output  per  un’unità  di  input  in  più    lo  stundente  studiando  

"

4  ore  prende  50,  aumentando  a  5  ore  di  studio  prende  57    la  produttività  marginale  di  un’ora  in  più  è  7.  

"

Prodotto  medio  (AP):  il  prodotto  medio  dello  studente  che  studia  4  ore  al  giorno  è  50/4=12,5.  

Costo  opportunità:  il  valore  della  scelta  alternativa  migliore,  ovvero  il  valore  di  quello  a  cui  bisogna  rinunciare  

per  poter  compiere  quella  scelta.

Trade-­‐off:  quando  l’uso  di  una  qualsiasi  risorsa  (o  fare  un’attvità)  comporta  la  rinuncia  a  qualcos’altro.  

 

Frontiera  del  consumo  possibile:   l’equazione  che  definisce  tutte  le  combinazioni  di  tempo  libero  e  voto  che  è  

possibile  ottenere.  Graficamente  si  ottiene  rovesciando  la  funzione  di  produzione.  

   

   

Nella  frontiera  del  consumo  possibile  sostituiamo  alle  ore  di  studio  le  ore  di  tempo  libero.  

L’area  interna  alla  frontiera  si  chiama   insieme   possibile:  le  combinazioni  al  di  fuori  di  esso  non  sono  possibili.  

Punto  A :  una  combinazione  di  tempo  libero  e  voto   tecnicamente  impossibile.  

Punto  B :  una  combinazione  di  tempo  libero  e  voto   tecnicamente  possibile,  ma  non  conveniente.    

Tasso  marginale  di  trasformazione  (MRT):   misura  di  quanto  aumenta  il  voto  quando  lo  studente  rinuncia  a  

un’ora  di  tempo  libero;  è  definito  dalla   pendenza   della  frontiera.  Lo  si  può  anche  interpretare  come  

un’indicazione  di  come  lo  studente  possa  trasformare  un’ora  di  tempo  libero  in  punti  aggiuntivi.  

Matematicamente  è  la  derivata  della  frontiera  del  consumo  possibile  con  il  segno  meno  davanti.  

È  chiaro  che  allo  studente  converrà  stare  sempre  sulla  frontiera,   ma  quale  combinazione  sceglierà?    

 

Dato  che  lo  studente  non  può  godersi  al  massimo  il  tempo  libero  e  avere  il  massimo  dei  voti  all’esame,  dovrà  

effettuare  una  scelta  che  dipende  da  quanto  valore  attrbuisce  alle  diverse  opzioni.  

Gli  economisti  usano  il  termine   utilità  per  indicare  il  valore  che  una  persone  attribuisce  a  una  certa  cosa.  

Funzione  di  utilità:   una  funzione  che  mette  in  relazione  una  quantità  di  beni  consumati  o  di  attività  svolte  con  

un  determinato  livello  di  utilità;  ci  dice  quanta  utilità  un  individuo  trae  dal  consumo  dei  beni.    

Funzione  dell’utilità  marginale  parziale:  ci  dice  come  varia  l’utilità  dello  studente  se  uno  dei  due  input  viene  

mantenuto  costante:  

-­‐se  il  tempo  libero  viene  mantenuto  costante,  l’utilità  dello  studente  sale  man  mano  che  sale  il  voto  che  prende.  

-­‐se  il  voto  dell’esame  viene  mantenuto  costante,  l’utilità  dello  studente  sale  man  mano  che  sale  il  tempo  libero.    

 

Ma  se  un  voto  più  alto  aumenta  la  sua  utilità,  mentre  un’ora  in  meno  di  tempo  libero  la  abbassa,  cosa  

dovrebbe  fare  lo  studente?  

Curva  di  indifferenza:  è   il  luogo  geometrico  (l’insieme)  dei  punti  indifferenti  tra  di  loro  (con  la  stessa  utilità).  

   

 

Punto  A :  a  tale  combinazione  corrisponde  un’utilità  di  8,3.  

Punto  C :  a  tale  combinazione  corrisponde  un’utilità  di  8,3.    

Punto  B :  l’utilità  di  questa  combinazione  è  più  bassa,  corrisponde  a  8,25.  

Quindi  lo  studente  per  avere  la  massima  utilità  deve  raggiungere  la   curva  di  indifferenza  più  lontana  possibile  

dall’origine,  tuttavia  deve  rispettare  il  limite  posto  dalla  frontiera  del  consumo.  

Tasso  (o  saggio)  marginale  di  sostituzione  (MRS):   è  il  numero  di  voti  a  cui  lo  studente  è  disposto  a  rinunciare  

pur  di  avere  un  ora  di  tempo  libero  in  più  rimanendo  stessa  curva  di  indifferenza.  

Rapprensenta  la   pendenza  della  curva  d’indifferenza.  

 

Quest’ultima  figura  ci  mette  in  grado  di  definire  la  scelta  che  lo  studente  sarà  più  incline  a  fare.  

   

 

Punto  E :  è  il   punto  di  tangenza  tra  le  due  curve,  quello  dove   MRT  e  MRS  sono  uguali.  È  il  punto  più  lontano  

possibile  dall’origine  che  rimane  comunque  sulla  frontiera.  Allo  studente  converrà  scegliere  questo  punto.  

 

In  questo  esempio  il  tempo  libero  e  il  voto  dell’esame  sono   risorse  scarse  e  hanno  un  costo  di  opportunità  

perchè  lo  studente  attribuisce  loro  valore  e  perchè  non  può  averne  più  dell’uno  senza  rinunciare  all’altro.  

ESERCIZI  SUL  CAPITOLO  3: indicare  la  scelta  che  massimizza  l’utilità  dell’individuo.  

   

 

Obbiettivo  degli  esercizi:  vengono  forniti  i  dati  per  trovare  la   funzione  di  produzione  dell’individuo  (cioè  quanto  

esso  può  ottenere  lavorando)  e  la  sua   funzione  di  utilità  (cioè  quanta  importanza  dà  al  tempo  libero  e  ciò  che  

vuole  ottenere)  e  devi  trovare  quanto  sceglierà  di  lavorare    e  quanto  godersi  il  tempo  libero.    

In  base  a  quanto  sceglierà  di  lavorare  (e  quindi  di  guadagnare)  potrà  ottenere  una  certa  quantità  di  output.  

   

 

Giulio  scrive  romanzetti,  il  suo  editore  lo  paga  200  euro  a  cartella,  per  scrivere  una  cartella  Giulio  impiega  

 1  giorno  ed  gli  scrive  massimo  per  300  giorni  all’anno.  Con  i  soldi  guadagnati  Giulio  si  compra  solo  delle  

cheesecake  alla  fragola  di  cui  è  ghiottissimo,  il  prezzo  delle  cheesecake  è  di  20  euro.    

Dati:  

T  =  il  tempo  libero  

C  =  il  numero  di  cheesecake    output.      

!

W  =  soldi  guadagnati  al  giorno    200  euro.  

!

Pc  =  prezzo  del  bene  consumato    20  euro.    

!

G  =  giorni  in  cui  sceglie  di  lavorare    input.  

!

̅  =  giorni  massimi  di  lavoro  all’anno  


ACQUISTATO

66 volte

PAGINE

32

PESO

19.83 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto SCRITTO A COMPUTER con GRAFICI e SPIEGAZIONI DI ESERCIZI per l'esame di economia, basato su appunti personali, slide e studio autonomo del testo consigliato dal docente Luigi Bosco, del libro “L'Economia" scritto attraverso un progetto innovativo dai maggiori economisti del momento. Io ho studiato solo su questi e ho preso 30 e lode. Gli argomenti trattati sono i seguenti: La Rivoluzione Capitalista, L’innovazione e la transizione dalla stagnazione alla crescita rapida, Scarsità lavoro e progresso, Strategia altruismo e cooperazione, Proprietà contratti e potere, Impresa e i suoi dipendenti, L’impresa e i suoi clienti, Il mercato concorrenziale, La dinamica dei mercati, Successi e fallimenti del mercato, Credito banche e moneta, La globalizzazione, Le disuguaglianze economiche


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio (AREZZO - SIENA)
SSD:
Docente: Bosco Luigi
Università: Siena - Unisi
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giulia.Clabross di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Siena - Unisi o del prof Bosco Luigi.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia politica

Economia politica - definizioni
Appunto
Economia politica
Appunto
Lezioni, Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche
Appunto
Analisi e Contabilità dei Costi Barnabè
Appunto