Che materia stai cercando?

Storiografia Greca - Carone di Lampsaco Appunti scolastici Premium

Appunti di Storiografia greca per l’esame della professoressa Gazzano contenente una tesina su Carone di Lampsaco. Gli argomenti trattati sono i seguenti: Carone di Lampsaco nella raccolta di Jacoby, i trasmissori di Carone, la traduzione e commento di FGrHist 262 T 1.

Esame di Storiografia greca dal corso del docente Prof. F. Gazzano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

4. Traduzione e commento di FGrHist 262 F 1

Il frammento è tratto da Ateneo XII 19:

Ta_ o(/moia i(sto/rhse kai_ peri_ Kardianw=n o( Lamyakhno_v Xa/rwn e)n deute/rw?

«Bisa/ltai

(/Wrwn gra/fwn ou!twv: ei)v Kardi/hn e)strateu/santo kai_

e)ni/khsan. (Hgemw_n de_ tw=n Bisalte/wn h]n Na/riv. Ou[tov de_ pai=v w!n e)n th?=

Kardi/h? e)pra/qh, kai/ tini Kardihnw=? douleu/sav korswteu/v e)ge/neto.

Kardihnoi=v de_ lo/gion h]n w(v Bisa/ltai a)pi/contai e)p au)tou_v, kai_ pukna_

peri_ tou/tou diele/gonto e)n tw?= korswthri/w? i(za/nontev. Kai_ a)podra_v e)k th=v

Kardi/hv ei)v th_n patri/da tou_v Bisa/ltav e!steilen e)pi_ tou_v Kardihnou/v,

a)podeixqei_v h(gemw=n u(po_ tw=n Bisalte/wn. Oi( de_ Kardihnoi_ pa/ntev tou_v

i(/ppouv e)di/dacan e)n toi=v sumposi/oiv o)rxei=sqai u(po_ tw=n au)lw=n: kai_ e)pi_

<w(/sper

tw=n o)pisqi/wn podw=n i(sta/menoi toi=v prosqi/oiv xeironome/ontev>

w)rxou=nto e)cepista/menoi ta_ au)lh/mata. Tau=t ou]n e)pista/menov o( Na/riv

e)kth/sato e)k th=v Kardi/hv au)lhtri/da: kai_ a)fikome/nh h( au)lhtri/v ei)v tou_v

Bisa/ltav e)di/dace pollou_v au)lhta/v, meq’ w[n dh_ kai_ strateu/etai e)pi_ th_n

Kardi/hn. Kai_ e)peidh/ h( ma/xh suneisth/kei, e)ke/leusen au)lei=n ta_ au)lh/mata

o(/sa oi( i(/ppoi tw=n Kardihnw=n e)cepistai/ato: kai_ e)pei_ h!kousan oi( i/(ppoi tou=

au)lou=, e!sthsan e)pi_ tw=n o)pisqi/wn podw=n kai_ pro_v o)rxhsmo_n e)tra/ponto.

Tw=n de_ Kardihnw=n h( i)sxu/v e)n th?= i(/ppw? h]n, kai_ ou/(twv e)nikh/qhsan».

«Gli stessi fatti sono stati narrati anche a proposito dei Cardiani da Carone di

Lampsaco, che nel secondo libro degli Annali scrive così: “I Bisalti fecero una

spedizione contro Cardia e vinsero. Al comando dei Bisalti vi era Naride. Costui

era stato venduto a Cardia da bambino, e dopo essere stato schiavo di un cardiano

era diventato barbiere. I Cardiani avevano una profezia secondo cui i Bisalti li

avrebbero attaccati, e discorrevano spesso di questo seduti nella bottega del

barbiere. Fuggito da Cardia alla volta della patria, Naride fu designato

comandante dai Bisalti e li guidò all’attacco dei Cardiani. Tutti i Cardiani

insegnavano ai loro cavalli a danzare al suono del flauto durante i simposi: i

13

cavalli, reggendosi sulle zampe posteriori, con quelle anteriori, muovendole a

ritmo, eseguivano movimenti di danza, riconoscendo le musiche del flauto.

Sapendolo, Naride si procurò una flautista di Cardia: una volta arrivata, la

suonatrice istruì numerosi auleti, accompagnato dai quali Naride si mise in marcia

contro Cardia. Quando la battaglia ebbe inizio, egli ordinò loro di suonare tutte le

melodie per flauto che i cavalli di Cardia erano in grado di riconoscere; e quando i

cavalli udirono il suono del flauto, si alzarono sulle zampe posteriori e si

lasciarono trascinare nella danza. La cavalleria era il punto di forza dei Cardiani, e

fu così che furono sconfitti”».

Si tratta di una citazione testuale piuttosto cospicua, che Ateneo afferma di aver desunto

dal secondo libro degli Annali di Lampsaco (‘=Wroi ), la sola opera di

Lamyakhnw=n

Carone che, insieme ai , è attestata con certezza dai frammenti.

Persika/

Il testo di Carone si riesce a isolare con una certa facilità sia grazie alle indicazioni di

Ateneo, che segnala in modo inequivocabile l’inizio della citazione (Xa/rwn... gra/fwn

sia per le particolarità linguistiche del testo stesso. Salta subito agli occhi la

ou/(twv),

coloritura ionica della prosa di Carone, che contrasta in modo evidente con il dettato

atticizzante di Ateneo: sono presenti il tipico vocalismo in (Kardi/h

, in

h Kardihnoi/

luogo di , ), forme psilotiche (a)pi/contai), desinenze non contratte

Kardi/a Kardianoi/ 23

(Bisalte/wn), forme verbali proprie del dialetto ionico (e)cepistai/ato) .

La presenza degli ionismi non è però costante: accanto a parole che potremmo definire a

tutti gli effetti “erodotee” si trovano anche le più comuni forme attiche (a)fikome/nh,

senza psilosi). Vi sono inoltre alcune voci verbali che a prima vista sembrerebbero più

tipiche della prosa erudita di età imperiale che della scrittura di uno storiografo ionico di

V sec. a. C. (ad esempio aoristo passivo con vocalismo in luogo dello ionico

e)pra/qh, a

oppure l’uso del piuccheperfetto) e potrebbero pertanto non risalire

e)prh/qh,

direttamente a Carone ma essere innovazioni successive.

Pur con tutta la dovuta cautela, la presenza nel frammento di una commistione di

23 In realtà l’imperfetto con desinenza ionica di attestato in Erodoto è (cfr. Hdt.

e)p i/stamai e)p iste/ato

VIII 123, 3). La forma potrebbe essere esito di un errore di itacismo, tanto più probabile se

e)pistai/ato

Ateneo citava Carone a memoria o rifacendosi a trasmissori “intermedi” cronologicamente vicini a lui.

14

elementi linguistici differenti, lungi da voler essere un dato puramente fine a se stesso,

sul versante storico apre al complesso problema del rapporto tra gli storici frammentari

e le fonti che li tramandano: se, cioè, nel caso specifico, Ateneo leggesse direttamente

Carone, o se lo conoscesse attraverso la mediazione di uno o più trasmissori intermedi,

che potrebbero quindi aver alterato in misura più o meno consistente il testo originale.

Da un lato la notevole distanza cronologica che separa Ateneo da Carone induce a una

certa prudenza circa la possibilità che nella tarda età imperiale gli Annali di Lampsaco

potessero essere ancora in circolazione nella loro forma originaria; dall’altro, però,

l’indicazione precisa del libro dell’opera da cui è tratto il frammento e, per contro, il

fatto che Ateneo non menzioni nessun autore che possa avergli tramandato il testo di

Carone sembrerebbero suggerire che egli possa aver lavorato direttamente su una

qualche copia degli Annali. Altrettanto arbitrario sarebbe cercare di stabilire se Ateneo

citasse a memoria Carone, magari con l’ausilio di appunti e commentari

u(pomnh/mata,

redatti nel corso della lettura dell’opera, o se avesse invece sott’occhio una copia di

riferimento, anche se la prima ipotesi potrebbe in effetti spiegare la patina dialettale non

uniforme del frammento.

Dal punto di vista del contenuto, il frammento è di carattere aneddotico molto più che

storico, e si inquadra pienamente nel tipico gusto per i mirabilia che caratterizza le

opere erudite di età imperiale. Sarebbe pertanto fuorviante cercare di valutare l’opera di

Carone – così come di qualsiasi altro storico frammentario – sulla base del contenuto di

questo frammento, senza tener conto dell’epoca, del genere letterario e delle finalità del

suo trasmissore.

L’episodio narrato, riguardante uno scontro tra la città di Cardia e la popolazione dei

Bisalti, si inserisce all’interno di una lunga disquisizione, intervallata da numerosi

aneddoti tratti dagli autori più svariati, a proposito di alcune particolarmente

po/leiv

dedite alla lussuria (trufh/

). A partire da XII 15 Ateneo si sofferma in particolare sulla

città di Sibari, proverbiale per la sua dissolutezza fin dall’età arcaica, epoca a cui risale

la sua rivalità con l'acerrima nemica Crotone (considerata, al contrario, un esempio di

moderazione e purezza di costumi, anche grazie al ferreo regime di vita promosso dalla

scuola pitagorica, che lì aveva sede). Dopo essersi diffuso per alcuni capitoli sulle varie

forme di praticate dai Sibariti, all’inizio di XII 19 Ateneo si sofferma sulla loro

trufh/ 15

abitudine di far danzare i cavalli alle feste e riporta un frammento della perduta

di Aristotele (fr. 583 Rose): «I Crotoniati, essendo a conoscenza

Subaritw=n politei/a

di ciò, come afferma Aristotele nella Costituzione a loro dedicata, quando fecero guerra

ai Sibariti insegnarono ai loro cavalli la melodia su cui danzare: nella compagine del

24

loro esercito vi erano infatti anche dei flautisti» .

Proprio questo aneddoto consente ad Ateneo di chiamare in causa Carone, che racconta

un episodio molto simile a proposito della città di Cardia, nel Chersoneso tracico. La

citazione del testo di Carone costituisce una breve digressione, terminata la quale

Ateneo riprende immediatamente a parlare dei Sibariti. Sul piano narrativo, pertanto, la

funzione del frammento è solamente quella di variare e vivacizzare il racconto

inserendovi un aneddoto poco noto: la citazione avviene per pura e semplice

associazione di idee e si conclude in se stessa, senza segnare il passaggio a un nuovo

argomento.

La somiglianza tra il racconto di Aristotele e quello di Carone, benché i due frammenti

siano riferiti a città diverse, induce a ipotizzare che Aristotele, cronologicamente

posteriore, avesse presente il testo degli ‘=Wroi e abbia volutamente

Lamyakhnw=n

ripreso l’episodio modificandone l’ambientazione, come osservava già George Huxley

25

in un articolo di alcuni decenni fa . Il racconto di Carone sarebbe quindi stato

reimpiegato come una sorta di che, ricontestualizzato, ben si addice a una città

to/pov

proverbiale in tutto il mondo greco per la sua e, al tempo stesso, all’interno di

trufh/

un’opera storica, quale era la aristotelica, introduce una nota di colore,

Politei/a

funzionale a divertire il lettore spezzando la monotonia della narrazione.

24 ’

Tou=t ou]n ei)do/tev oi( Krotwnia=tai o(/te au)toi=v e)pole/moun, w(v kai_ )Aristote/lhv i(storei= dia_

th=v Politei/av au)tw=n, e)ne/dosan toi=v i(/ppoiv to_ o)rxhstiko_n me/lov: sumparh=san ga_r au)toi=v

kai_ au)lhtai_ e)n stratiwtikh?= skeuh?=.

25 Cfr. Huxley 1972, p. 166. 16

5. Carone negli studi moderni: breve rassegna bibliografica

Forse a causa della scarsità non solo dei frammenti, ma anche delle informazioni

storicamente significative che da essi si possono ricavare, nel corso dell’ultimo

decennio Carone è stato oggetto di un numero di studi piuttosto limitato.

L’ultimo, in ordine di tempo, è un articolo di Pier Giovanni Guzzo, apparso nel 2010

sulla rivista Incidenza dell’Antico (n. 8, pp. 197-212), dal titolo “Intorno a Lampsake:

ipotesi di un modello foceo”. Esso prende in esame la colonizzazione della città di

Lampsaco da parte dei Focesi, descritta da Carone in FGrHist 262 F 7a, il cui

trasmissore è Plutarco (Mul.Virt. 18, 255 a-e), al fine di porre a confronto le modalità di

fondazione di questa città con quelle di altre colonie focee. Un’analisi di questo tipo era

già stata svolta una quindicina di anni prima da Antonietta Brugnone, che, in uno studio

sulle testimonianze relative alla fondazione di Massalia (“In margine alle tradizioni

ecistiche di Massalia”, La Parola del Passato 50, 1995, 50, pp. 46-66), poneva a

confronto tale tradizione con il racconto di Carone a proposito della fondazione di

Lampsaco.

Da questi contributi emerge un interesse nei confronti di Carone, e nella fattispecie del

frammento 262 F 7a, come fonte per comprendere alcune dinamiche relative al

fenomeno della colonizzazione; e non è da escludere che l’opera di Carone fosse in

effetti ricca di notizie riguardanti fondazioni di città, se la Suda gli attribuiva, tra le altre

opere che oggi gran parte della critica spurie o inesistenti, uno scritto intitolato Kti/seiv

26

.

po/lewn

Del 2005 è, infine, un articolo dello studioso americano Victor Parker, pubblicato sulla

rivista Philologus (149, pp. 3-11), dal titolo “Pausanias the Spartiate as depicted by

Charon of Lampsacus and Herodotus”, in cui si individua Carone come possibile fonte

per l’excursus tucidideo su Pausania (cfr. Thuc. I 95). Sulla stessa linea si collocava, già

nel 1977, anche Westlake, che dedicò uno studio (“Thucydides on Pausanias and

Themistokles: a written source?”, Classical Quarrel 27, pp. 95-110) all’analisi delle due

figure di Pausania e Temistocle in Tucidide, ipotizzando la dipendenza di quest’ultimo

da una fonte scritta alternativa a Erodoto, che quindi doveva necessariamente

26 A una fondazione fa riferimento anche il brevissimo 262 F 6 (Phot. Lex. s.v. ).

o)stako/v

17

27

identificarsi in Carone , in quanto autore di o, comunque, di narrazioni di

Persika/

argomento persiano.

Negli stessi anni di Westlake, dunque tra la seconda metà degli anni ’70 e i primi ’80,

diversi studiosi hanno cercato di fare luce sui rapporti tra la storiografia erodotea e

l’opera di Carone, sempre nei limiti di ciò che si può desumere dallo stato frammentario

di quest’ultima. Del 1982 è “La leggenda di Ciro in Erodoto e Carone di Lampsaco” di

Silvio Accame (Miscellanea Greca e Romana 8, pp. 1-43), che, come si è accennato in

un precedente capitolo, ritiene plausibile che Erodoto conoscesse Carone, ma che il suo

racconto sia comunque indipendente da quello del suo predecessore e, inoltre, propende

per una comune dipendenza di entrambi da una terza e non meglio identificabile fonte.

Diversa la posizione di Mauro Moggi, che, in “Autori greci di Persiká” (Annali della

Scuola Normale Superiore di Pisa 8, 1977, pp. 1-26), affermava che non solo Erodoto

non abbia tenuto presente l’opera di Carone, ma che non ne avesse neppure conoscenza.

Al rapporto tra Carone ed Erodoto è dedicato infine un contributo di Luigi Piccirilli

(“Carone di Lampsaco ed Erodoto”, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa 5,

1975, pp. 1239-1254), in cui si sosteneva che tale rapporto fosse essenzialmente

polemico e che la narrazione erodotea non solo non dipenda da quella di Carone, ma se

ne distacchi volutamente.

27 In realtà l’ipotesi che Tucidide possa dipendere da Carone per quanto riguarda la caratterizzazione sia

di Pausania che di Temistocle è oggi assai dibattuta, data l’esiguità delle informazioni che si possono

ricavare dai frammenti di Carone: chi è maggiormente scettico a questo proposito è Hornblower (cfr.

Blösel 2012, pp. 226-227). 18

6. Conclusioni

L’analisi di ciò che sopravvive dell’opera di Carone e di come questo autore è stato

preso in esame dagli studiosi moderni non è certo sufficiente, data l’incertezza delle

notizie che possediamo su di lui e lo stato frammentario della sua opera, a delinearne la

fisionomia in modo esaustivo e completo. Tuttavia, lo studio della documentazione

antica e moderna permette se non altro di individuare alcuni elementi a partire dai quali

sia possibile tentare un seppur approssimativo inquadramento di Carone nel panorama

della storiografia greca.

Pur con tutte le incertezze relative alla cronologia di Carone, di cui si è cercato di dare

conto in questa breve trattazione, sulla base delle testimonianze antiche e del parere

della maggior parte degli studiosi moderni appare verosimile che lo storico si collochi

nella prima metà del V secolo a.C., quindi nell’alveo della storiografia pre-erodotea (o

anche coeva, ma comunque ancora legata a modalità di composizione che non si

possono ancora definire storiche a tutti gli effetti) di ambito ionico. Carone sarebbe

28

quindi, per ricorrere alla terminologia tradizionale, un logografo , vale a dire uno di

quegli autori di cronache locali che vedono la luce nella Ionia di inizio V sec. a.C. e che

si considerano i diretti antecedenti non solo di Erodoto, ma della storiografia come

29

genere letterario . A questo proposito è particolarmente significativo il fatto che l’opera

principale di Carone – che è anche la sola a essere concordemente riconosciuta come

autentica – sia intitolata ‘=Wroi, cioè Annali, se è vera la tesi secondo cui l’impianto

annalistico sarebbe caratteristico di queste primissime storie locali, che verosimilmente

30

attingevano dai documenti ufficiali e dai registri della di riferimento .

po/liv

Sulla validità dell’opera di Carone è difficile dare un giudizio basandosi sui pochi

28 Anche se, come fa notare Meister (Meister 1990, trad. it. M. Tosti Croce 1992, p. 21), “sarebbe meglio

non usare il concetto di logografi in questo contesto: innanzitutto in Tucidide la parola indica in

generale gli ‘scrittori in prosa’. In secondo luogo egli non ne esclude [...] Erodoto, anzi polemizza

soprattutto con lui. In terzo luogo gli scrittori menzionati da Dionigi [di Alicarnasso: cfr. de Thuc. 5]

non rappresentano un gruppo omogeneo [...], ma sono autori che in parte si sono dedicati, sulle orme di

Ecateo, al mito e in parte hanno dato vita a opere storiche su singoli popoli e terre”.

29 Cfr. Accame 1982, p. 29, in cui viene ribadita la distinzione tra una prima generazione di logografi,

anteriori alla guerra del Peloponneso, al cui interno si collocherebbe Carone, e una seconda generazione

nella seconda metà del V secolo.

30 Cfr. Meister 1990 (trad. it. M. Tosti Croce 1992), p. 21, che però respinge questa teoria e difende

invece quella di Jacoby, secondo cui le cronache locali non vedrebbero la luce prima della fine del V

sec. a.C., e quindi non sarebbero anteriori ma posteriori a Erodoto.

19

frammenti che possediamo, sia perché essi costituiscono una parte assai ridotta di quella

che doveva essere la sua produzione (anche se non siamo ovviamente in grado di

quantificarne l’ampiezza totale), sia perché non è detto che il loro contenuto rispecchi le

caratteristiche dell’opera nel suo complesso, ma per ciascun frammento bisogna tener

conto delle finalità, degli orientamenti e del genere letterario di appartenenza del suo

trasmissore.

L’impressione che si può tuttavia ricavare è che Carone, pur non essendo un autore di

primissimo piano nell’ambito della storiografia greca, fosse considerato dagli antichi

una fonte tutto sommato credibile, utile per confermare o smentire dati a seconda degli

scopi dei trasmissori. La collocazione cronologica dei trasmissori stessi induce a

ipotizzare che Carone abbia iniziato a godere di una certa fortuna diversi secoli dopo la

sua morte, mentre i dati che possiamo ricavare da autori precedenti sono molto incerti e,

comunque, scarsi. Sulla vexata quaestio del rapporto con Erodoto si è già detto a

sufficienza e né lo stato della documentazione né i pareri discordi degli studiosi

permettono di pronunciarsi con sicurezza a riguardo; sembra invece più convincente

quanto emerso dall’analisi del frammento 262 F 1 (cfr. supra) a proposito del fatto che

Carone possa essere stato una fonte di Aristotele per una sua opera storica perduta (se

anche di altre, o per altri passi della stessa, è impossibile dire).

In età ellenistica, l’opera di Carone deve essere andata incontro a più tentativi di

sistemazione, verosimilmente da parte degli eruditi alessandrini, che si presume siano

31

stati la fonte principale della Suda ; è pertanto molto probabile che almeno una parte di

essa sia circolata in più redazioni, diversamente intitolate e suddivise al loro interno, ma

anche sul numero esatto e sul titolo dell’opera – o delle opere – di Carone sussistono,

come si è visto, non pochi dubbi. È altresì impossibile stabilire quale fosse lo stato di

conservazione di questa produzione nelle epoche cui risalgono i trasmissori e, anzi, si

può anche immaginare che essa fosse già in parte frammentaria, e che proprio

l’esistenza di lacerti che circolavano autonomamente abbia spinto gli eruditi antichi e

bizantini a ipotizzare che essi provenissero da una serie di opere indipendenti una

dall’altra.

Purtroppo l’esiguità della documentazione impedisce di spingersi oltre e di fornire dati

31 Cfr. Accame 1982, p. 30. 20

più accurati su un autore cui i manuali di storiografia dedicano a stento qualche riga in

sede introduttiva, all’interno di quel variegato quanto incerto insieme di autori che si

collocano agli albori della storiografia di V secolo e che costituiscono i predecessori dei

suoi più illustri rappresentanti.

L’auspicio è che nuovi studi, magari con il supporto di ulteriori ritrovamenti di

materiale antico che possa aggiungersi a quello già in nostro possesso, gettino una luce

un po’ più nitida su queste prime testimonianze storiografiche e sulle singole personalità

degli scrittori che possiamo considerare i della narrazione storica.

prw=toi eu(rhtai/

21


PAGINE

22

PESO

218.41 KB

AUTORE

amber_90

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in letterature e civiltà classiche
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher amber_90 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storiografia greca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Gazzano Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in letterature e civiltà classiche

Riassunto esame Letteratura italiana, prof. Marini, libro consigliato Storia della colonna infame, Manzoni
Appunto
Tesi - Canto e scene di canto nell'Iliade e nell'Odissea
Tesi
Storia greca - Epitafio di Pericle come manifesto della democrazia ateniese
Appunto
Letteratura italiana - vita e opere di Manzoni
Appunto