Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Egemonia dei Moderati. Si formano una destra e una sinistra

Radicali =Cordiglieri Sinistra= Giacobini Moderati= Foglianti

Avanza la propaganda rivoluzionaria con Clubs e società.

Tra i giacobini emergono tendenze radicali : Marat Danton Roberspierre

1791- annata cattiva Il re viene arrestato, costretto ad accettare la Costituzione, quindi reintegrato

Ottobre1791- agosto1792 Assemblea legislativa

Nasce la nuova sinistra dei girondini (piccola borghesia delle professioni appartenevano al dipartimento della

Gironda) con Brissot, favorevole alla guerra e al consolidamento della democrazia politica

Si forma una Alleanza internazionale contro la Francia Impero/Russia/Prussia

Aprile 1792: sotto la pressione dei girondini il re dichiara guerra all’Austria (Robespierre contrario)

Il popolo dei sanculotti di fronte al pericolo dell’invasione nemica assalta le Tuileries

Arresto e Deposizione del Re Settembre 1792 massacri.

Importante vittoria francese a Valmy sull’esercito austro-prussiano.

Elezioni per la Nuova assemblea, la Convenzione , che il 21 settembre proclama la Repubblica

Radicalizzazione della lotta politica tra chi voleva spingere oltre la rivoluzione e chi voleva frenare

Processo al Re: condanna a morte votata da 387 deputati su 334 Discorso di Robespierre

Esecuzione 21 gennaio 1793

Si prepara la guerra da altri stati: Prima coalizione antifrancese

Esercito francese ufficiali nuovi, ma presto crollo delle armate

I Girondini organizzano rivolte in provincia. Guerra civile in Vandea ed in altre province

1793 marzo Viene istituito un Tribunale Rivoluzionario per processi sommari contro i sospettati

aprile: La Convenzione istituisce un Comitato di salute pubblica per preparare misure urgenti

luglio : invasione austriaca nella Francia del Nord

1793 giugno Seconda Costituzione carattere democratico

Suffragio universale maschile (21 anni) con sistema uninominale

Rafforzamento del potere legislativo. Non entra mai in vigore

Dibattito del comitato di salute pubblica : esce Danton, entrano elementi più radicali

Controllo del comitato di salute pubblica su tutta la società. Ascesa di Robespierre dopo l’assassinio di Marat

Terrore: Organizzazione di giustizia rivoluzionaria senza garanzie Smantellamento di clubs e società

Controllo rigido dell’economia

Decristianizzazione (Robespierre contrario) Calendario repubblicano, feste civili. Marianna simbolo

Grande Terrore per salvare la Repubblica 16.594 esecuzioni capitali di cui il 16% nella sola Parigi

Percentuale: Nobili 8.5 Clero 6.5 Borghesi 25 Contadini 25 Sanculotti 31

Continuazione della guerra con successi militari

1794 Complotto: arresto di Robespierre e di Saint-Just Reazione contro i Giacobini

1794-1795 Reazione del Termidoro-

I borghesi arricchiti con profitto delle guerre riprendono il controllo

Aboliti i tribunali speciali, eliminati strumenti di dittatura, evacuate le carceri

Massacro dei nemici. Chiusura club giacobini. Repressione delle rivolte popolari

Limitazione dei poteri del Comitato di salute pubblica

Fine dell’economia regolata, Liberismo, abolizione dei calmieri

1795 agosto Costituzione dell’anno III

Abolito l’articolo della Dichiarazione del 1789 <<Gli Uomini nascono e rimangono liberi ed uguali nei

diritti>> Uguaglianza giuridica

Abolito il suffragio universale. Suffragio a doppio grado su base censitaria

Separazione dei poteri Potere legislativo a 2 camere:dei Cinquecento e degli Anziani

Potere esecutivo al Direttorio di 5 persone (rinnovato annualmente di un membro)

Libertà economica e di proprietà. Vietate associazioni e Corporazioni. I Giacobini riaprono i clubs

1795-1796 Congiura degli Uguali Gracco Babeuf e Filippo Buonarroti

programma politico di comunismo dei beni; abolizione della proprietà privata

Babeuf e compagni condannati a morte. Buonarroti deportato

Politica internazionale: 1795 trattati di Basilea con Prussia e dell’Aia con l’Olanda

Guerra contro Austria : continua tra difficoltà e con vendite dei Beni nazionali

Il progetto prevedeva di marciare su Vienna e di conquistare Piemonte e Lombardia

Napoleone Bonaparte

a capo di un esercito legato ai valori della rivoluzione.Esercito di “cittadini”, non di sudditi.

Si era schierato a favore di Robespierre, perciò durante il Termidoro era caduto in disgrazia.

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Ebbe poi l’incarico di chiudere i clubs giacobini.

Premiato con il comando dell’armata d’Italia. Seppe rinsaldare i rapporti tra capi e masse popolari

Campagna d’Italia e Repubbliche giacobine (1796-1799)

Bonaparte costringe il re di Sardegna Vittorio Amedeo III all’armistizio di Cherasco (28/04/ 1796)

Entra a Milano 15/V/1796 e crea una municipalità di patrioti

Bonaparte incomincia a staccarsi dal Direttorio che non voleva conquistare la Lombardia

Assedia Mantova Raggiunge i territori pontifici: Pace di Tolentino col Papa,preliminari di pace con Austria

Bonaparte favorisce l’affermazione delle correnti moderate

1796 Repubblica cispadana

1797 Repubblica cisalpina

1797 Repubblica ligure

1797 Trattato di Campoformio Napoleone cede all’Austria Veneto, Istria e Dalmazia

1798 Repubblica romana

1799 Repubblica napoletana

Tra la primavera e l’estate del 1799: caduta delle repubbliche giacobine

1797 marzo: in Francia la destra monarchica aveva vinto le elezioni: secondo Direttorio

Colpo di stato del 17-18 fruttidoro. I militari arrestano i realisti, annullano le elezioni di 198 deputati

Inasprimento delle leggi sui controrivoluzionari; controllo della polizia su censura a stampa

Riforma finanziaria : bancarotta; più efficace riscossione delle imposte

Riforma militare: coscrizione = servizio militare obbligatorio

Il Direttorio, dopo la pace di Campoformio prepara una strategia di attacco con sbarco in Inghilterra ed

insurrezione in Irlanda, affidando il comando a Napoleone

1798 Bonaparte preferisce minacciare indirettamente l’Inghilterra con la Spedizione in Egitto

La flotta francese sconfigge gli egiziani nella battaglia delle Piramidi (1798)

Nelson distrugge la flotta francese ad Abukir..

Napoleone riesce a sfuggire agi inglesi e, tornato in patria, viene salutato come eroe

Il Direttorio cerca il sostegno dei militari: vuole l’aiuto di Napoleone per poi metterlo da parte

Colpo di stato del 18 brumaio 1799. Sieyès, Ducos e Napoleone composero il Consolato

LE TAPPE DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE

1789 1789 1791-92 1792 1793-1794 1795-1799

Monarchia Assemblea Assemblea Convenzione Comitato di Direttorio

Assoluta Nazionale Legislativa Salute Pubblica

Costituente

Stati Presa della Proclamazione Dittatura di

Generali Pastiglia Repubblica Robespierre

Terrore

I Costituzione’91 II Costituzione ‘93 III Costituzione ‘95

(censitario) (suffragio universale) (censitario)

ETA’ NAPOLEONICA

Costituzione dell’anno VIII Non conteneva alcuna dichiarazione dei diritti

Formalmente veniva riconfermato il suffragio universale maschile, ma con forti limitazioni

Il potere esecutivo più forte del legislativo.

Napoleone diventa Primo console, con poteri di nominare ministri, funzionari e giudici

1800 Politica internazionale: ripresa la guerra con l’Austria, vittoria a Marengo

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Ricostituisce la repubblica Cisalpina e la ligure e rioccupa il Piemonte.

1801 Concordato con la Santa Sede. Il Cattolicesimo riconosciuto come religione della maggioranza dei

Francesi. Controllo dello Stato sulla Chiesa

1802 Pace di Amiens con l’Inghilterra

Riorganizzazione amministrativa : accentramento con prefetti, funzionari di nomina governativa

Articolazione in dipartimenti e circondari

Riforma legislativa: Codice civile (o Codice napoleonico)1804, diffuso in tutti i territori dipendenti

dalla Francia, rappresenta una razionalizzazione del diritto e la concreta applicazione di valori

borghesi nella vita giuridico amministrativa del mondo occidentale.

1802 agosto il governo consolare accentua la componente autoritaria: Napoleone Primo console a vita

Tentativo di congiura contro Napoleone. Reazione spietata

1804 Costituzione dell’anno XII

<<Il governo della repubblica è affidato a un imperatore che prende il titolo di imperatore dei francesi>>

Proclamazione dell’Impero

1804 2 dicembre consacrazione nella cattedrale di Notre Dame da parte di Pio VII

Arriva a maturazione una nuova classe dirigente imprenditoriale

Si afferma il Codice civile. Riforme della scuola e dell’Università: licei di Stato e Grandes Ecoles per la

formazione professionale ad alto livello; Scuola politecnica

1808 Creata nuova nobiltà napoleonica o imperiale: costituita una corte imperiale, ristrutturata la Legion d’onore

La conquista dell’Europa (1804-1810)

1805 Napoleone con la Spagna attacca la flotta inglese. Sconfitto a Trafalgar da Nelson che muore

III coalizione antifrancese: Inghilterra, Russia, Impero, Svezia, Regno di Napoli

Napoleone sconfigge l’Austria ad Austerlitz

1806 Conquista il Regno di Napoli e colloca sul trono il fratello Giuseppe Bonaparte

1806 IV coalizione anti napoleonica. : Inghilterra, Russia, Svezia, Prussia

Napoleone risponde col blocco continentale chiudendo i mercati controllati dagli inglesi, ma senza grandi risultati

Sconfigge i prussiani a Jena ed Auerstadt ed entra a Berlino. Crea il Regno di Vestfalia retto dal fratello Girolamo

1807 Guerra contro la Russia. Lo zar Alessandro resta sconfitto, ma infligge perdite ai francesi Pace di Tilsit

1807 Invade il Portogallo e Spagna:

1808 Fa nominare Giuseppe Bonaparte re di Spagna Rivolte spagnole

1809 V coalizione antinapoleonica: Inghilterra, Impero. Napoleone entra a Vienna, impone la pace di

Schombrunn . Metternich favorisce le nozze di Napoleone divorziato, con l’arciduchessa Maria Luisa

L’Italia napoleonica

La repubblica cisalpina diventa repubblica italiana e poi Regno d’Italia: Napoleone RE

Nuove annessioni : Toscana Marche Lazio Umbria Regno Napoli

1808-1815 nel Regno di Napoli a Giuseppe Bonaparte succede Gioacchino Murat marito di Carolina Bonaparte

La Campagna in Russia

L’insorgere di contrasti con la Russia fece maturare il progetto di invasione, nella convinzione di poter procedere con

rapidità con l’aiuto di forze francesi, tedesche, polacche, lituane, italiane e svizzere.

Inferiori per capacità tecniche ed organizzative, i Russi attuarono la strategia di far terra bruciata.Disfatta francese

1813 VI coalizione antifrancese Prussia Russia Austria Svezia

Sconfitto a Lipsia

1814 Le forze alleate marciano su Parigi e la conquistano

Talleyrand dichiara decaduto l’Imperatore che si ritira all’Elba

Luigi XVIII di Borbone sale sul trono di Francia

1815 ritorno di Napoleone a Parigi che lo riconosce imperatore

VII coalizione antifrancese

Disfatta francese a Waterloo

Napoleone abdica. Relegazione a Sant’Elena dove muore nel 1821.

15 La crisi del 600 WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

La rivista Past and Present (1952) aveva pubblicato articoli sulla crisi del XVII secolo

Concetto chiave dei contributi = crisi generale (Hobsbawn, Trevor Roper, Mousnier):

1555 una crisi generale interessò l’Europa tutta

1556 reazioni differenti nei vari paesi: interessante studio comparato

1557 le circostanze nazionali vanno analizzate in rapporto alle strutture politiche e sociali,

alle istituzioni religiose a alle ideologie.

1558 Sbocchi diversi nei singoli paesi

Demografia

Ristagno della popolazione: aumento minimo

1555 Malattie, peste, guerre

1556 Aumento mortalità per denutrizione

1557 Mortalità infantile In media Su 100 bambini solo 61 arrivano a 15 anni

Su 100 maschi di 15 anni solo 41 arrivano a 50 anni

1558 Aumento età media del matrimonio

1559 Diminuzione nascite

1560 La popolazione urbana non diminuì:

1560.56 Emigrazione forzata per motovi religiosi (oltre alla diaspora degli

ebrei)

1560.57 Il tasso di urbanizzazione delle città del Nord Est d’ Europa cresce

Quello del centro resiste, quello del Sud crolla

1561 Contrazione dei consumi, del mercato del lavoro, dei processi di formazione

socio professionale. Conseguenze= nuove gerarchie urbane

Agricoltura

Restrizione delle aree coltivate. Ritorno al pascolo.

Aumento dei gravami feudali ( alcuni parlano di “rifeudalizzazione”)

Aumento del peso della rendita fondiaria sui fittavoli e mezzadri.

Solo in Inghilterra si avvia la rivoluzione agricola: recinzioni, ridistribuzione

e accorpamento delle terre

Economia

Diminuzione delle importazioni di argento ( il vecchio sistema doveva essere sostituito da

un nuovo modello di sviluppo fondato sull’aumento dell’esportazione di manufatti europei)

Industrie: necessario ristrutturare le manifatture:

crollo in Italia, soprattutto Venezia per le vecchie regole delle corporazioni

resistono Olanda e Inghilterra ( ripresa con new draperies)

Commercio: ristagno dei prezzi. Recessione. Contrazioni nelle attività di scambio.

Il baricentro del commercio internazionale si sposta nell’Atlantico.

Olanda= rivelazione politica 1581, rivelazione marinara del 600.

Capacità di iniziativa e flotta in ascesa: attività cantieristica a bassi costi, avanguardia nella

progettazione (fluyt=stiva per merci)

Amsterdam si avvantaggia su Anversa

Le capacità marittime diventano uno strumento di dominio intercontinentale

Gli Olandesi si opposero ad un’emigrazione di tipo coloniale (come Inghilterra)

In Indonesia attuarono un controllo rigidissimo. Misure colonialistiche ( es. distruzione

della produzione eccedente di spezie per mantenere alti i prezzi).

Inghilterra Reazione all’accaparramento olandese delle spezie: Compagnia Inglese delle Indie

Orientali

Gli statuti delle Compagnie potenziarono l’economia capitalistica e la rete delle relazioni

internazionali

Cultura WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Università e Accademia : conservazione e rinnovamento

Cultura religiosa e correnti razionalistiche. Scienza

Stampa e periodici

Città: nuovo volto della città moderna. Corsi, viali per passeggio, godimento, esibizione di

status

16 Vie diverse allo Stato Moderno

Francia =Assolutismo contro forze centrifughe; Polonia = Anarchia feudale, frantumazione del

potere centrale.

Tra l’esperienza francese e quella polacca esistono vari percorsi

LA FRANCIA NEL 600

Da Richelieu a Luigi XIV

LUIGI XIII(1610-1643) Reggente Maria dei Medici vedova di Enrico IV.

-Ripresa agitazioni religiose e offensiva dei signori feudali .

Influenza a corte di Concino Concini. Congiure.

-Politica estera svolta filospagnola : malcontento

-1614 Stati generali: richiesta abolizione della venalità degli uffici. Gli Stati generali non convocati

più sino al 1789.

-1616 Governo del Concini . Ripresa potere aristocratico. Emerge Richelieu, Luigi fa uccidere

Concini, Maria esiliata, anche Richelieu lascia Parigi

1624-1642 Richelieu al potere

I Fase 1624-29-Rafforzamento del potere centrale

° ampliamento organi burocratici. contro poteri locali e anarchia feudale “Intendenti”

° lotta agli ugonotti 1625-29. Assedio de La Rochelle,

1629: Editto di grazia (libertà religiosa senza struttura politica e militare)

II Fase 1629-42 -Affermazione egemonia francese

°Politica estera contro Spagna e Impero (guerra , diplomazia, spionaggio, provocazione)

°Politica culturale: Accademia di Francia 1635

°Aumento pressione fiscale : Rivolte popolari endemiche: conseguenza della crisi economica e

dello sforzo militare.

°I commissari istituiti da Enrico IV estesi a tutto il paese. Intendenti di giustizia, polizia e finanza

LUIGI XIV (1643-1715)

1642-1661 MAZARINO Con la reggenza di Anna d’Austria continua la politica di Richelieu

Problemi finanziari: ricorso alla venalità delle cariche. Proteste degli officiers contro intendenti e

nuove cariche

1647- Il rinnovo della Paulette e la ritenuta di 4 mensilità dei funzionari innescano la rivolta.

Paese scontento per la fiscalità offre al Parlamento di Parigi (=corte giudiziaria) l’occasione di

svolgere l’opposizione (=popolarità).

1648 -agosto. Il Parlamento voleva controllare la spesa pubblica, la soppressione delle tasse e

ottenere la soppressione degli intendenti. Se fosse riuscito si sarebbe appropriato oltre del POTERE

GIUDIZIARIO (già suo) di una parte del LEGISLATIV0 e dell’ESECUTIVO.

Scopi 1) ottenere fine guerra 2) assumere il ruolo degli Stati generali (=rappresentanza) 3) lotta

alla centralizzazione.

Mazarino fa arrestare alcuni parlamentari. La rivolta da Parigi si diffonde in tutti i parlamenti

provinciali (= FRONDA PARLAMENTARE) e, quando coinvolge ampi strati della popolazione,

rientra per timori di sviluppi incontrollabili.Vittoria del principe di Condé.

1649 Pace di St Germain.

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

1650-52 FRONDA dei PRINCIPI, guidata da Condé contro il potere personale e burocratico di

Mazarino. Segno delle divisioni tra Principi e Parlamentari e all’interno della stessa nobiltà di

spada. Coinvolgimento popolare (Anarchia feudale). Mazarino costretto a lasciare Parigi. Vi ritorna

nel 1653 dopo la vittoria di Turenne su Condé con Luigi XIV

Assolutismo prima e dopo la Fronda

Secondo l’ antica costituzione consuetudinaria i re pensavano di dover regolare o stimolare le

attività delle componenti sociali e delle comunità territoriali senza sostituirsi ad esse, assicurando:

difesa, ultima istanza di giustizia, fonte di legge negli interessi comuni.

Mutamento : guerre= occasioni di rafforzamento dell’autorità regia (la guerra dei 30 anni ha

conseguenze sulle forme di governo)

Parigi guidò la rivolta contro questa tendenza (per 4 anni). La sconfitta di Parigi e della Fronda

colpì l’antica costituzione consuetudinaria del regno e aprì la via a nuova forma di governo

Luigi XIV volle conservare a Parigi il ruolo ideale ma la Capitale, invece di essere una forza che

collaborava con il re diventa strumento essenziale della grandezza del re e della Francia.

(Voltaire nel secolo successivo commenterà: “Nelle arti, nel nostro spirito, nel nostro costume si è

compiuta come nel nostro governo una rivoluzione generale”)

Il lungo regno di Luigi XIV(1643-1715)

1643-1661-reggenza di Anna d’Austria -Primi anni segnati dai timori del ricordo delle Fronde.

1661-1679-fondazione dello stato assoluto, riorganizzazione con Colbert.

1680-1715-crisi economica e guerre; opposizione di chi vive della terra e opposizione religiosa

-Fine del I ministro . (L’Etat c’est moi) Il Re al di sopra di 3 ministri: Esteri, Guerra, Finanza

-Riorganizzazione amministrativa 1660-70: Consiglio di Finanze (Probl. economici); Consiglio di

Stato (giustizia);

Consiglio dei dispacci (amministrazione delle province).

-Restrizione dei poteri dei parlamentari, ridotti da Corte suprema a Corti superiori. Registrano

decreti regi. Limitato il diritto di rimostranze (non rappresentano il paese)

-Politica nobiliare: nobili costretti a trasferirsi a Corte e a dimostrare l’autenticità dei titoli; la loro

ascesa e il potere dipendono dal re (pensioni, favori); possono far carriera:

diplomazia, esercito

-Non fu combattuta la venalità degli Uffici ma all’autorità di questi fu sostituito il potere di una

nuova burocrazia (Intendenti e Commissari) dipendente direttamente dal re. Indagini conoscitive

per riorganizzare le finanze

-Politica economica : Mercantilismo. Lo stato favorisce lo sviluppo commerciale e manifatturiero; Protezionismo contro

importazioni; Compagnie commerciali si assicurano il monopolio francese in vari settori commerciali. Contraddizione :

l’ impegno militare frena lo sviluppo

-Politica estera: Egemonia francese Gloria personale del sovrano; Apologia della dinastia;

Espansione territorio nazionale

-Politica culturale: Fondazione Accademie di Stato, Mecenatismo: Molière-Racine. Censura

-Politica religiosa: Lotta contro ugonotti che si rifugiano in Olanda .

1685 Revoca editto di Nantes con editto di Fontainebleau

OPPOSIZIONE °Rivolte contadine endemiche contro inasprimento fiscale

°Nobili e affittuari contro la politica mercantilistica e militare

°Alta nobiltà (Fénelon) e partito devoto contro l’ assolutismo

°Minoranze religiose, Protestanti, Giansenisti contro la politica religiosa

GUERRA DI DEVOLUZIONE (1667-1668)

Luigi XIV invade le Fiandre spagnole: Filippo IV re di Spagna aveva escluso sua figlia M.Teresa,

moglie di Luigi, dal diritto di successione. “Devoluzione” :solo ai figli di primo letto spetterebbe la

successione. Luigi assiste alla guerra come ad uno spettacolo 1668-Pace di Aix al Chapelle (12

città fiamminghe alla Francia)

Preoccupazione dell’Olanda che si allea con Inghilterra e Svezia (pace di Breda)

GUERRA FRANCO-OLANDESE (1672-1678)

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Il pacifismo borghese del Gran Pensionario Giovanni de Witt aveva favorito lo sviluppo economico

ma non quello militare dell’Olanda. La Francia invade l’Olanda che si difende : rottura delle dighe.

Olanda crisi politica: rivoluzione popolare; Guglielmo III d’Orange Stathoulder.

Mentre scoppiano rivolte interne e la Francia invia truppe a sostegno della rivolta di Messina 1674,

si forma la Coalizione antifrancese: Orange, Brandeburgo, Spagna, Imperatore, Principi tedeschi

1678: Pace di Nimega. La Spagna cede la Franca Contea e un po' delle Fiandre. L’Olanda esce

indenne.

CIRCA 10 ANNI DI PACI : il sovrano procede alle annessioni su fondamenti giuridici.

Politica delle riunioni attraverso la Camera delle riunioni

1681- annessione di Strasburgo. Mantova cede a Luigi XIV Casale Monferrato.

1684- tregua di Ratisbona: riconoscimento delle annessioni

Lento mutamento dei rapporti di forze sul piano internazionale: a) Seconda Rivoluzione inglese,

b)Vittoria imperiale sui Turchi. Minacciato da 200.000 uomini che assediavano Vienna, Leopoldo

I lascia la città. 1683-Giov. Sobieski vince i Turchi a KAHLENBERG con un esercito di polacchi,

austriaci, tedeschi e altri. Stroncata l’aggressività turca

1686 Lega di Augusta (antifrancese) << Austria, Spagna, Olanda, Svezia>>. Luigi XIV dichiara guerra

a Spagna e Olanda: occupa il Palatinato: città saccheggiate e distrutte; organizza un

tentativo di restaurazione di Giacomo II Stuart, fallito invade la Savoia

1555.56 crisi finanziaria e carestia; inasprimento fiscale: tasse anche ai privilegiati

vescovi//basso clero

1693 accordo con Innocenzo XII; rinuncia ai 4 articoli della Chiesa gallicana

1697- Pace di Ryswyk: Luigi XIV rinuncia ai territori occupati dopo la pace di Nimega (1678),

riconosce Guglielmo III d’Orange re d’Inghilterra.

1700-Problema Successione spagnola: Carlo II (1665-1700) senza eredi. Testamento: lascia il regno a Filippo d’Angiò,

pronipote di Luigi XIV, con l’impegno di non unire mai le corone di Spagna e di Francia.

Imprudenze francesi: -truppe insediate nelle Fiandre; -flotta francese sul mercato ispano-americano; -Asiento concesso

ad una compagnia francese di cui Luigi e Filippo erano azionisti; -dichiarazione di Luigi a favore degli Stuart

GRANDE ALLEANZA DELL’AIA: Inghilterra, Olanda, Imperatore, Principi tedeschi contro

Francia Spagna Baviera Portogallo Duca di Savoia

1704- fronti della guerra: Germania, Italia, Paesi Bassi. Vittorie del principe Eugenio

1709- Crisi francese, carestia, freddo, pericolo di invasione. Condizioni inaccettabili: guerra a

Filippo V

1710-12- Ripresa francese.

1711 Muore l’imperatore Giuseppe I, gli succede Carlo VI (1711-1740), pretendente al trono di

Spagna. Si placa la tensione: nessuno desidera l’unificazione di Impero e Spagna.

1713- Pace di Utrecht

1714- trattato di Rastadt (con l’imperatore

1715- Fine Grandeur della Francia. Muore Luigi XV. Spagna cede i domini europei all’Austria

17 LA SPAGNA NEL 600

Filippo III (1598-1621) Declino

°Cattivi raccolti, peste 1599-1600, decadenza agricola, spopolamento della Castiglia.

1607 bancarotta (1596-già Bancarotta Filippo II);- arresto filone argento; inasprimento fiscale

penalizza produttività; 1609-14 espulsione moriscos: conseguenze gravi per l’economia.

°mutamenti politici. Creazione della figura del valido (favorito e I ministro);

Duca di Lerma, poi con Filippo IV il duca di Olivares

°politica internazionale pacifista; pace con Inghilterra 1603; tregua con province Unite 1609;

Cervantes nel Don Chisciotte 1605-1614 descrive il paese

°arbitristas= scrittori esperti in economia, inascoltati consiglieri

Filippo IV (1621-1665)

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Olivares valido (1621-1643)- Reagisce alla crisi. Nuovo imperialismo internazionale. Maggiore

coinvolgimento delle province nella vita economica, politica e militare (Olivares=

Richelieu=Strafford)

°Politica estera fasi

I 1621-27 Fine Pax ispanica; alleanza antiolandese successo militare a Breda contro province Unite;

1625-conquista la Valtellina (contenimento Francia)

II 1627-35 Problema di successione del Monferrato per la morte del duca di Mantova.

Olivares tenta la conquista: errore strategico, svela aggressività imperialistica

Il progetto di Union de las armas: opposizioni forti

III 1635-1648- Guerra franco spagnola (fase della guerra dei 30 anni) e impegno sul fronte interno.

Rivolta della Catalogna contro gli abusi degli eserciti eserciti allocati al confine della Francia e

contro fisco.

La Catalogna passa dalla parte della Francia; il Portogallo si dichiara indipendente.

L’unità ricercata da Olivares si frantuma; la Castiglia, che era stata causa di grandezza, lo diventa di

crisi.

1643 Olivares deposto

1647: due rivolte Sicilia e Regno di NA

LA RIVOLTA DI MASANIELLO

Sul Mezzogiorno gravano i pesi per la difesa di Milano/Fiandre/Catalogna/ Portogallo.

1636- pressione fiscale su olio e seta e generi di consumo; 1647 crisi agraria e inflazione

Rivolta a Napoli e province (7 luglio 47-6 aprile 48) non solo Antifiscale

I fase- Tommaso Aniello D’Amalfi con sottoproletariato e ceti artigiani;

“Mente”= Genoino avvocato di Salerno

Lotta antifiscale e Lotta politica dei ceti “popolari” della città

Nel governo della citta i Nobili avevano 5 seggi, il “Popolo” 1 seggio: Richiesta la parità di

peso politico tra nobiltà e “popolo”

II fase-Uccisione di Masaniello, arresto di Genoino.

Radicalizzazione della rivolta in provincia con impronta anti-feudale

III fase- ottobre 1647 i popolari proclamano la “Real Repubblica napoletana” sotto la protezione

della Francia.

Ma Enrico di Lorena, duca di Guisa, proclamatosi doge non ebbe il sostegno francese.

I capi della repubblica (avvocati) non avevano il consenso delle magistrature: cercarono di

trattare con la

Spagna. I feudatari tornarono nelle terre e sostennero la Spagna.

1648-La Spagna, uscita dal conflitto con Olanda, ritornava a Napoli il 6 aprile.

Intanto era rientrata anche la rivolta di Catalogna

18. MODELLI DIVERSI

Polonia- Modello debole. Monarchia elettiva. La sua potente aristocrazia, per mantenere la

debolezza dello Stato centrale dopo l’estinzione della dinastia Jagellone (1572), sceglie un re

francese Enrico III,

metà 600= guerra per controllo del territorio, stremata, spopolamento.

-Anarchia politica= il libero veto, paralizzava lo stato. I magnati controllavano la situazione con un

sistema clientelare di potere. Anderson= Polonia= rifiuto estremo e totale dell’assolutismo

-Fine 600: re soldato Giov. Sobieski tenta ruolo internazionale, aiutando Vienna contro i turchi

(1683 Kalenberg)

Fallito progetto monarchia ereditaria; sale al trono Augusto II di Sassonia

Svezia WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Via all’assolutismo originale

°Forza militare. Feudalità debole. Contadini indipendenti e rappresentati; Ricchezza mineraria=

controllo del mercato internazionale degli armamenti

°Personalità sovrani

Carlo XI (1660-97 favorisce la ridistribuzione della ricchezza agricola

19 INGHILTERRA NEL 600

Con l’Olanda è il centro più attivo della storia mondiale, mentre si verificano il declino del

Mediterraneo, culla di civiltà millenaria, e l’ascesa dell’Atlantico Settentrionale.

Inghilterra ed Olanda = Paesi della libertà politica (I) e religiosa (II)

La libertà inglese è creazione moderna, non sviluppo lineare di un’antica libera costituzione.

Cammino difficile, con guerra civile e uccisione del re.

Complessa lettura della Rivoluzione inglese .

La Rivoluzione inglese: le cause

Lo storico Stone individua cause più remote, di lungo periodo ed altre più recenti:

Prerequisiti 1529-1629:Instabilità della politica dei Tudor

a. Contraddizione: spinta all’assolutismo e ricerca del consenso del Parlamento contro

Roma

b. Economia. Corona soggetta al parlamento. Scarse esazioni fiscali. Ridotta burocrazia

centrale. Venalità uffici tra Ufficiali: corona estranea. Poche tasse, niente ai poveri. Crescita

economica: produzione agricola =più terre ai privati (proprietario/ ricco fittavolo/

bracciante). Attività tessile: elemento di coesione sociale. Più forze interessate.

c. Esercito = milizie locali (modello non assolutistico)

d. Cambiamento sociale La forza dello stato inglese sta nell’equilibrio tra corte e paese.

Favorisce la trasformazione sociale: -aumento ricchezza classe terriere e professionisti,

ascesa gentry (vendita terre)

-declino aristocrazia -

-ascesa mercanti- redistribuzione della ricchezza

e. Nuove idee e valori -Puritanesimo

Fattori precipitanti (1629-39): Politica accentratrice degli Stuart

1. Reazione religiosa: Stato e Chiesa controrivoluzione teologica contro calvinisti e

cattolici

2. Reazione politica: contro Parlamento e giudici di Pace

3. Reazione sociale: alleanza con aristocrazia del privilegio, aumenta vendita titoli

4. Reazione economica: frustati interessi dei ceti dirigenti, favorite oligarchie mercantili, ma

non troppo: si rifiutano di aiutare il re

Tentativo di un assolutismo gerarchico, socialmente stabile e paternalistico, alleato con la

Chiesa (= modello Assolutismo europeo)

Detonatori (1640-42) : Rivolta scozzese

-Per domare la rivolta il Re Carlo affronta con doppiezza lo scontro con il Parlamento

-Predicazione puritana ***

Parlamento inglese: Camere Lords e Comuni

Lords= Alta nobiltà, vescovi, aristocrazia fondiaria, episcopalisti

Comuni= ceti urbani, mercantili, gentry: piccola nobiltà agraria, puritani radicali.

Giacomo I Stuart (1603-1625) (figlio di Maria )

Convinto sostenitore delle origini divine del potere, autore di un libro (Trew Low of free

Monarchies) Tendenze assolutistiche contro la Legge comune (Common Law) e il Parlamento

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Politica religiosa: la Chiesa anglicana episcopalista è alleata con l’ assolutismo

Ridotti finanziamenti della flotta : risentimento dei marinai e commercianti a causa di mancanza di

difesa nella navigazione

Fiscalismo: la lotta coinvolge strati sociali sempre più ampi

1605-congiura delle polveri repressione contro cattolici

1621 scontri con Parlamento per le alleanze sgradite: cercò prima di far sposare Carlo con l’Infanta

di Spagna poi con Enrichetta Maria di Francia cattolica

Carlo I (1625-1649) sposa la cattolica Enrichetta Maria di Francia.

Contrasti con il Parlamento per imposizioni fiscali.

1628: Petizione dei diritti: Umilmente le Camere chiedono il rispetto degli antichi diritti

1629: Sciolto il parlamento per 11 anni. Governo autocratico e repressivo(conte Strafford).

Autoritarismo religioso Vescovo Laud: Chiesa Alta. Emigrazione dei Puritani perseguitati.

Per influenza della regina cessano le misure contro i cattolici

Corona e Chiesa Alta : origine divina del potere.

Parlamento e Chiesa bassa puritana: partecipazione

1638-1640: rivolta scozzese promossa da calvinisti contro Laud che voleva imporre il cerimoniale

anglicano

13 aprile - 5 maggio 1640: Riunito il Corto Parlamento per chiedere finanziamenti per una

spedizione contro la Scozia. Sciolto dopo il rifiuto del finanziamento

nov; 1640 Lungo Parlamento- Più radicale; Protagonista la camera dei Comuni più autorevole nei

confronti della Corona.

1642: Carlo si presenta in Parlamento per arrestare i capi. Il Parlamento va nella City, Carlo a

Oxford

Guerra civile mette gli uni contro gli altri:

1555 RE con Chiesa anglicana, Alta nobiltà, cavalieri;

1556 Parlamento- Puritani radicali, teste rotonde, New Model Army, Iron side

(convinzioni religiose, radicalismo politico, organizzazioni democratiche indipendenti)

1645. Cromwell e New Model Army (disciplina, volontariato, merito, giusta causa): Vittoria a

Naseby, fuga del re in Scozia.

Scissione fra i Parlamentaristi : Presbiteriani contro Puritani indipendenti.

1646-1647 Fermenti democratici e dibattiti sul suffragio universale. Sconfitti i radicali (=livellatori)

Fuga del re e cattura.

1649 Carlo I processato come tiranno, assassino, nemico pubblico e decapitato.

Proclamata la REPUBBLICA, Commonwealth

Abolita la Camera dei Lords, Epurato il Lungo Parlamento.

1649-50 Cromwell sottomette Scozia e Irlanda. Massacro di cattolici.

1653: Cromwell Lord Protettore. Accusato di indole opportunistica. Segue i tempi

Governo militare contro l’ anarchia Poi virata: governo costituzionale “dittatoriale”.

Motivazioni religiose. Puritanesimo severo contro cattolici, livellatori, diggers, quacqueri

mercantilismo.

Le riforme di Cromwell 1649-1660

Abolizione della camera dei Lord, dei privilegi nobiliari :giustizia separata e diritti feudali; delle

immunità pene corporali e arresto per debiti

Politica mercantilistica ( era dell’imperialismo britannico): investimenti produttivi, sostegno a

iniziative commerciali

1651 Atto di navigazione (commercio con Inghilterra riservato a navi inglesi o del paese di

provenienza per escludere l’Olanda.

1652-54 guerra: contro il monopolio olandese. Partecipazione inglese alla tratta degli schiavi

1666-67 e 1672-74 ancora guerre,ma l’Olanda deve riconoscere l’Atto di Navigazione che si

impone anche nelle colonie

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

1658-Muore Cromwel

1658 Gli succede il figlio Riccardo: difficoltà con l’esercito. Preoccupazione di mercanti e gentry.

Parlamento vota la Restaurazione

1660 Per evitare l’anarchia e ristabilire gli antichi diritti: accordo con Carlo con Dichiarazione di

Breda.

Restaurazione di Carlo II, dell’anglicanismo e della Camera dei Lords, ma persistenze puritane.

Carlo II (1660-1685) figlio del Re decapitato, assolutista per educazione. Fu il Parlamento a

convocare il re. Non furono conservati alla Corona antichi privilegi. Frizioni con Parlamento.

Re filofrancese. Può giovarsi del sostegno di Luigi XIV per evitare di ricorrere ai finanziamenti

parlamentari

Re filocattolico.1672: Dichiarazione di indulgenza verso i cattolici. Reazione del Parlamento= Test

Act (che esclude i cattolici da ogni incarico pubblico).

Nuovo equilibrio sociale con ripresa dei grandi proprietari terrieri anche se c’è sviluppo

commerciale.

Scelte politiche economiche antiolandesi

Problema della successione

WHIGS (opposizione): favorevoli a Maria, figlia di Giacomo e sposa di Guglielmo III d’Orange;

TORIES (Lords / Ch. Angl. /Re ): Legalisti, favorevoli a Giacomo duca di York fratello di Carlo,

cattolico.

Giacomo II (1685-88) fratello di Carlo apertamente cattolico, ma senza eredi diretti.

Chiede abolizione del Test Act e dell’Habeas Corpus. Mentre i Whigs chiedono libertà di stampa,

tolleranza, partecipazione

Nasce un figlio al Re: la certezza della continuità cattolica spinge i Whigs a rivolgersi a Guglielmo

III Hannover che entra a Londra (dicembre 1688): Giacomo costretto a lasciare l’Inghilterra per la

Francia.

Guglielmo. sale al trono con la moglie ed accetta la Dichiarazione dei diritti (Bill of Rights)

1689 pieno trionfo delle classi proprietarie e controllo di ogni tendenza radicale e egualitaria.

Questa trasformazione della monarchia d’origine divina viene definita pacifica e gloriosa

rivoluzione, senza spargimento di sangue

Significato e valore delle rivoluzioni inglesi

Nonostante il fallimento della Rivoluzione, sopravvissero le idee di tolleranza religiosa;

libertà (contro le libertà), uguaglianza (contro privilegio), limiti del potere esecutivo, politica

fondata su un ampio consenso (John Locke).

Invidia e modello dell’Europa nel 700 . Da Monarchia di origine divina a Monarchia Costituzionale

I benefici non toccavano i poveri. Ma si apriva la via ad un ampliamento di quei benefici verso

strati inferiori. Modello da utilizzare altrove.

20 RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

1500 – 1700 Cambiamento. Dal vecchio cosmo aristotelico e dalle antiche certezze scolastiche,

nuova visione del mondo, nuovo metodo nella conoscenza, pluralismo di conoscenze

Non opera di geni, ma legami con rivolgimenti ideologici e sviluppo della tecnica.

-1450-1550 Periodo di preparazione -1543 Copernico De revolutionibus orbium coelestium. Basi

astronomia moderna.

-1550-1650 Affermazione Galileo Galilei 1590 De motu -1632 Dialogo sopra i due massimi

sistemi del mondo. Bacone 1620 Novum organum

-1650-1710 Sistemazione -1687 Newton, Principia mathematica

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Definizione : fu quel vasto e articolato movimento di ricerche e operazioni concrete sulla realtà e di

elaborazioni teoriche e concettuali, che ebbe inizio e si consolidò tra XVI-XVII, da cui nacque la

visione razionale e scientifica del mondo che caratterizza la mentalità moderna.( A. CARUGO,

Antonio, La nuova Scienza. Le origini della rivoluzione scientifica e dell’età moderna in AAVV.

Nuove questioni di Storia. Moderna., I, 1-165)

Rinascimento: Tecnici e scienziati nuovo rapporto col mondo naturale . Pochi e disprezzati (Erasmo

li chiamava Folli)

Rovesciamento del tradizionale rapporto tra esperienza e teorizzazione.

XVI secolo: transizione - varietà di tendenze, permanenza di visioni medievali.

Difficile distinguere nettamente tra: filosofia naturale e scienza mistica; astronomia -navigazione e

astrologia; chimica -metallurgia e ricerca pietra filosofale, alchimia; filosofia- filosofia naturale e

magia naturale

Magia naturale feconda per lo sviluppo della scienza sperimentale (=archimatria). Si proponeva di

studiare le forze occulte della natura con mezzi naturali e non sopranaturali come la magia pura.

Forze= simpatie, magnetismo su cui solo il mago naturale aveva controllo.

Nella seconda metà del 500 si delineano alcune tendenze della ricerca moderna:

1-esigenza di rigorosi metodi di osservazione e sperimentazione

2- limitazione della ricerca a entità materiali tangibili

3- ricerca non di un quadro plausibile della natura ma di uno in cui tutti gli elementi trovino un

ordinamento logico.

Uso delle macchine per analizzare e trasformare le forze naturali

Gli scienziati mostrano interesse per i procedimenti tecnici della fabbricazione, si rivolgono ai

tecnici, ma hanno bisogno, acconto all’abilità manuale, dell’immaginazione concettuale. Cambia il

rapporto tra teorizzazione e esperienza. prima la verità di una teoria non dipendeva dalla sua portata

realistica, quanto dalla sua adeguatezza a principi filosofici,estetici o religiosi dati (non

contrastante con i fenomeni), insistenza sulla verità di un’ ipotesi scientifica.

Nuova posizione sociale dello scienziato Si afferma la figura dello scienziato-tecnico: problemi di

fortificazione e navigazione. Mecenatismo dal carattere ufficiale.

Tecnici e artigiani alle origini del carattere di collaborazione, progresso e comunicabilità della

Scienza.

Scopo dello scienziato = contribuire allo sviluppo della ricerca scientifica per sé o per pubblica

utilità, con nuovi contributi che correggono i risultati dei predecessori. Processo mai concluso e

definitivo.

Idea virtualmente assente nell’antichità classica in cui l’attività scientifica = impresa individuale e

isolata per lo più svincolata da finalità pratiche.

Assente anche tra scolastici medievali e umanisti rinascimentali (antichità insuperabile + ricerca

forma e gloria personale)

Invece nelle Botteghe degli artigiani del tardo medioevo la collaborazione era naturale conseguenza

delle condizioni materiali di lavoro (tradizione corporativa)

Artigiani superiori “artisti”: trattati (XV-XVI sec.) per pubblica utilità

Continuità metodologica, ma nuovo modo di fare la ricerca che corrispondeva a un nuovo modo di

lavorare produrre vivere pensare.

Età moderna: la scienza si presenta nella sua forma caratteristica di un corpo di dimostrazioni

matematiche i cui principi sono scoperti mediante l’analisi risolutiva di casi dell’esperienza

opportunamente scelti (es. caduta gravi)

1543 COPERNICO Momento fondamentale per la nuova immagine dell’universo. Copernico

rimedita i dati precedenti in una originale formulazione matematica e cosmologica. Ripensamento

critico dell’immagine del cosmo. Riprende le antiche teorie sul moto della terra intorno al sole e su

se stessa di ARISTARCO di SAMO (IIIa.C.) e di ERACLIDE di PONTO (IV a. C.). Ribalta il

geocentrismo tolemaico e aristotelico e offre un modello cosmologico che legittima

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

matematicamente il moto terrestre. Libro di rottura ma pieno di tracce del passato con elementi

dell’antica cosmologia.

Entusiasmo e Reazioni negative : Lutero, Melantone, Calvino, Bodin contrari alla sua audacia

”Esplosione dell’antico cosmo” (Koyré 1957 )

1610 GALILEO Sidereus nuncius ( cannocchiale) paragonato a Magellano e Colombo.= Scoperta

di nuovi mondi.

Ribaltamento della fisica aristotelica, nuova concezione del movimento in cui si quantificano peso,

forza, velocità; tempo

<< Con la scoperta della formula del moto di caduta dei gravi fu finalmente chiaro che il moto

seguiva leggi matematiche e che il tempo e lo spazio obbedivano a “leggi del numero”>>

1632 Dialoghi intorno ai due massimi sistemi scenario inedito

Bacone Temi accolti dalla filosofia rinascimentale della natura:

1) tutti i corpi sono dotati di percezione, 2) esiste fra gli essere un legame universale/ forza di

attrazione o di ripulsione

3) la forza dell’immaginazione è importantissima: poteri occulti

Compresenza nella fisica di Bacone di una concezione meccanicistica e di una concezione

dinamico-vitalistica della realtà. Quindi: persistenza di temi della tradizione magico-alchimistica.

Evidente l’influsso della dottrina ermetica della trasmutazione dei metalli (=liberare un metallo

dalle <<impurità>> introducendovi lo spirito di un altro metallo

Per Bacone la scienza deve abbandonare l’incontrollata genialità individuale per una collaborazione

fra scienziati.

Novum Organum: Necessità di organizzazione e istituzione scientifiche Utopia <<New Atlantis>>:

Casa di Salomone

La scienza ha carattere pubblico, democratico, collaborativo; non è una realtà culturale indifferente

ai valori etici.

Cadeva l’immagine del sapiente come <<illuminato>> e solitario. Contro la segretezza della magia

= divisione del lavoro.

22 La guerra dei 30 anni

Scontro tra due civiltà, tra due modelli. Conflitto internazionale

Le motivazioni dello scontro da religiose diventano politiche ed economiche.

Mutamento di equilibrio.Emergere di nuove potenze (Danimarca Svezia). Conflitto di massa.

Le premesse

1555 . Pacificazione di Augusta

1570 Nunzi e Gesuiti avvio di una politica di riconquista delle terre passate alla riforma

Conflitti religiosi, ma anche politici

Situazione dei paesi tedeschu: sistema costituzionale fondato su distinti poteri

IMPERATORE

7 PRINCIPI ELETTORI DIETE

GENERALI

3 ecclesiastici + 3 laici + Re di Boemia Città

Principi Ordini

TREVIRI PALATINATO

MAGONZA SASSONIA

COLONIA BRANDEBURGO

Lega Cattolica Unione Evangelica

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Asburgo: tentativo di restaurare potere imperiale e unità religiosa

Reazione cattolica, lotta contro l’eresia e per l’espansione della casa asburgica

1582: l’Arcivescovo di Colonia passa al protestantesimo. Nuovo arcivescovo

Preludio della guerra

(1610 assassinio di Enrico IV di Borbone in Francia)

1618-1624. FASE BOEMO-PALATINA

Situazione della Boemia: possedimento ereditrio degli Asburgo, difficile da controllare per la

vivacità della vita spirituale = riforma hussita, protestante, calvinismo, sette religiose

1555.56 Eius regio eius religio

1560 Arcivescovato cattolico di Praga, ostile ai riformati, ma l’imperatore Rodolfo instaura un

clima di tolleranza, concedendo la Lettera di maestà. Periodo di tranquillità

1612-1618 Imperatore Mattia, fratello di Rodolfo

Distruzione di una chiesa protestante ordinata dall’arcivescovo di Praga

1618 Defenestrazione di Praga ( i rappresentanti imperiali vengono mesi alla porta)

1619 Muore l’imperatore Mattia.. La corona di Boemia va a Ferdinando di Stiria cattolico

I Boemi offrono la corona a Federico V elettore del Platinato calvinista. Perché?

Federico V, principe elettore del Palatinato, aveva sposato nel 1613 la figlia di Giacomo I Sttuart re

d’Inghilterra, che portava il nome di Elisabetta, come la grande regina scomparsa nel 1603,

divenuta sostegno e simbolo dell’Europa riformata contro la potenza asburgica e la reazione

cattolica.

(Elisabetta Tudor aveva appoggiato i Paesi Bassi contro la Spagna, i protestanti nei paesi tedeschi,

gli ugonotii in Francia, aveva assunto la guida di un imperialismo riformato e purificato espresso

simbolicamente nell’immagine di Astrea)

Nozze alla corte, festeggiamenti con 20 spettacoli teatrali della compagnia di Shakespeare (i King’s

Man).

Federico V viene insignito dell’onorificenza dell’Ordine cavalleresco della Giarrettiera.

I Kin’ Man seguirono gli sposi nel viaggio di ritorno ad Heidelberg, allietando le soste e

diffondendo idee.

Il castello di Heidelberg diventa centro di stimolanti inflenze (reigione, magia scienza, alchimia,

giochi meccanici,)

Hidelberg aveva attuato una politica antispagnola e filofrencese

Dopo la morte di Enrico IV di Borbone Federico V viene indicato come guida della resistenza

riformata antiasburgica.

1620. Battaglia della Montagna bianca. Federico viene sconfitto. Perde la Boemia e il Palatinato.

Esiliato.

Repressione violenta: cattolicesimo religione di stato. Per i non cattolici esilio e vendita dei bemi.

La restaurazione cattolica controriformistica fu completata affidando l’istruzione ai gesuiti

1625-1629. FASE DANESE

Cristiano IV di Danimarca interviene per precedere la Svezia e mantenere il controllo del Baltico

Esercito imperiale guidato da Alberto di Wallenstein: autogestione e saccheggi (ufficiali pagati con

saccheggi

Sconfitta danese. Pace di Lubecca

1630-1635. FASE SVEDESE

Richelieu decide di andare contro l’Impero sul piano diplomatico

1631-32 Vittoria di Gustavo Adolfo di Svezia il “Leone del Nord” che muore in guerra

1634 L’Imperatore fa uccidere Wallenstein di cui non si fida più

1635 pace di Praga. L’Impero fa importanti concessioni.

1625-1648. FASE FRANCESE

1643 a Rocroi i francesi sconfiggono la fanteria spagnola. Ma la guerra continuerà tra Francia e

Spoagna anche dopo le paci

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

1648 Paci di Westfalia posero limiti precisi al tentativo asburgico di restaurazione cattolica e di

assolutismo

Punto fermo nella storia d’Europa, frutto di un congresso di rappresentanti di stati cristiani.

Unità non più sul piano religioso, ma di interessi. Riconosciuta la convivenza di più fedi religiose.

Come escono levarie potenze dalla guerra?

Impero= ridotto a finzione giuridica. Indipendenza dei principi. Limiti geografici sempre più

ridotti.

Paesi tedeschi spopolati, sviluppo economico rallentato

Spagna= decadenza. Costretta a riconoscere lìindipendenza di Olanda e Portogallo

Francia= ottiene molti possedimenti. Fa la pace con la Spagna nel 1656. Occupa il vuoto di potere

lasciato dal’Impero.

Danimarca e Svezia= accresciuto benessere economico

23 Teorie e ideologie del potere

Età moderna: declino Impero-Papato; nascita Stati nazionali moderni; abbandono di un astratto

bene comune; ricorso alla nozione di utilità e sicurezza tendenza ad una giustizia omogenea

Come conciliare giustizia e Realpolitik?

1. Cicerone << ratio rei pubblicae>>. Stato come supremo valore di vita

2. Cristianesimo contrario alla separazione giustizia e governo;

sant’Agostino:<<remota iustitia, quid sunt regna nisi magna latrocinia>>

3. Ora si avvia la tendenza a distinguere tra morale pubblica (regole ragion di stato) e morale

privata, tra morale e politica

MACHIAVELLI Nuova collocazione del letterato rispetto al potere politico. Riflessione politica e

attività di governo.

Infrange il vincolo unitario etico-religioso, sovverte la subordinazione della politica alla meta

religiosa.

Reazioni contro Machiavellismo

Jean BODIN (1529-1596) Importante nella storia del pensiero politico per una moderna teoria

dello Stato che prelude all’Assolutismo. Sostenitore di una politica di tolleranza, “partito dei

politici” favorevole a Enrico IV.

1576- Six livres de la Republique (ristampa 1578-1580) scritto sotto l’impressione delle guerre di

religione .

Idea di stato = governo giusto di più famiglie. Alla base dello Stato è l’aggregato familiare.

La famiglia per la sua sacralità è modello di autorità e limite al potere Passaggio dalla concezione

dello Stato dinastico e patrimoniale allo Stato impersonale che giustifica la sua esistenza e l’uso

della forza con la necessità di garantire il bene pubblico FORZA = base del potere politico.

<<Nulla è più giusto di ciò che è necessario>>

La sovranità presenta un carattere:

-perpetuo: stessa sede anche se il potere viene delegato temporaneamente

-indivisibile: non può essere divisa tra più poteri

-incondizionato, illimitato ma non arbitrario

Limite invalicabile: Dio e natura. Bodin esercitò molta influenza su Hobbes

Thomas HOBBES (1588-1679) Viaggi in Europa , Italia; Francia 1640-1651

1651- ritorna in Inghilterra durante il protettorato di. Cromwell. Scrive il Leviathan, opera che

prende il nome dal mostruoso serpente marino del libro di Giobbe. <<quel dio mortale, cui

dobbiamo la nostra pace e sicurezza>> <<non vi è potere sulla terra che gli possa stare a paro >>

Il suo pensiero matura nell’esperienza delle guerre civili = sfiducia; concezione pessimistica

dell’uomo dominato da sete di potere bellum omnium contra omnes .

Natura dell’uomo=stato di guerra; Desiderio=pace per timore di morte violenta

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Paura= essenza di stato

Con l’elaborazione della sua dottrina vuole dare un fondamento razionale e laico per lo stato che

garantisca sicurezza. Abbandona l’origine divina del potere.

Per Hobbes alla base della sovranità e del legame sociale c’è un criterio di utilità e necessità.

Necessaria una dottrina al di sopra dei partiti i cui diritti venivano sostenuti da una parte e dall’altra

con pari dignità da teologi, filosofi e giuristi.

Il problema della filosofia morale cristiana, alternativa BENE//MALE, si ripete in campo politico GUERRA//PACE.

Nella guerra civile non è possibile distinguere Bene e Male.

La filosofia morale deve elaborare la legalità (morale privata # morale politica ragion stato)

<<l’Autorità non la verità fa le leggi>>

Leviathan= stato assoluto Lo Stato Assoluto è possibile solo se tutti con un PATTO SOCIALE

accettano l’assoluta sovranità del Principe come necessità morale.

La ragione si innalza sul CAOS e fonda lo Stato. L’istinto di conservazione spinge l’uomo a

rifugiarsi nello Stato, a delegare i propri diritti (PATTO IRREVOCABILE)

Fondamentale è la teoria dell’obbedienza e la conseguente lotta contro i dissidenti.

Lo Stato Assoluto si realizza solo se mette fine alla guerra civile e la neutralizza.

Lo Stato priva l’individuo di ogni diritto politico, di ogni libertà di espressione

Lo Stato= risposta della paura organizzata alla paura scatenata

Divisione dell’uomo pubblico e privato - azioni e opinioni

L’uomo solo in segreto è uomo; come cittadino è soggetto al sovrano, quindi è suddito. Spazio

morale dell’opinione= focolaio di disordine . Resistenze all’assolutismo. Persecuzioni

L’Illuminismo non accetterà la scissione uomo/ suddito:

Segreto e Massoneria ( Genesi del segreto : vedi KOSELLECK)

I Massoni circondano col segreto lo spazio interno extrastatale e lo elevano a mistero.

Il segreto massonico si pone accanto agli arcana delle Chiesa e degli Stati

John LOCKE (1632-1704)

Padre spirituale del liberarismo, famiglia puritana: suo padre combatté contro la Monarchia

1652-67 Oxford

1667 Londra

1681-82 Due trattati sul governo

1683-89 Fuga in Olanda. Saggio sulla tolleranza

1688-89 Inghilterra

1690 Saggio sull’intelletto umano (1670-76 inizio) Ragionevolezza del

cristianesimo.

1693 Pensieri sull’educazione

Due trattati sul governo

Lo stato di natura: pace (Hobbes invece= guerra). Il passaggio alla società civile è determinato

dalla volontà degli uomini di essere liberi e proprietari.

Non delega ma TRUST= affidamento, potere conferito con limiti e in funzione di un fine preciso.

LIMITE al potere politico= benessere e sicurezza di Stato

LO STATO deve difendere i sacri diritti dell’uomo sopratutto nell’esercizio delle sue attività

economiche.

Locke giustifica la proprietà fecondata dal lavoro, condanna quella derivata da privilegio.

PROPRIETA’= Fare più che avere, lavoro più che possesso.

Saggio sulla tolleranza Lunga stesura 1671-1690

Difesa la libertà di coscienza. Il magistrato può intervenire nella vita spirituale solo se le opinioni

religiose, divenendo politiche, disturbano la pace.

La richiesta di tolleranza. non è più la richiesta di una setta perseguitata, ma il fondamento dello Stato. I partiti del

tempo erano partiti religiosi: chiedere la libertà religiosa significa chiedere quella politica.

Saggio sull’intelligenza umana 1670-76 terminato in Olanda;, pubbl. Inghilterra 1690

Leggi fondamentali di 3 tipi:

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

LEGGE DIVINA-misura del tempo, rivelata dalla natura o dalla rivelazione.

LEGGE CIVILE- misura del crimine, legge dello Stato per proteggere i cittadini

LEGGE DEI FILOSOFI- opinione pubblica.

Nello spazio lasciato libero dall’Assolutismo i cittadini esprimono giudizi morali che per Locke

hanno carattere di legge. Queste leggi della morale borghese acquistano la loro

obbligatorietà universale dal consenso segreto e inespresso dei concittadini.

Viene teorizzata per la I volta l’opinione pubblica come sede del giudizio morale e quindi

l’autonomia della società civile del governo politico

Era questo un passaggio obbligato per una più matura articolazione costituzionale della teoria

contrattualistica basata sul consenso;

-L’interpretazione di Locke è legata alla situazione inglese in cui dal 1688 si era verificata una

fusione della società dirigente (Parlamento) e dell’esecutivo monarchico.

Trasferita nell’Europa continentale la teoria di Locke ebbe un ruolo politico diverso, rivoluzionario. Critica

all’Assolutismo. Influenza su Rivoluzioni americane e francese.

Pensieri sull’educazione 1693

Scopo: rendere l’individuo autonomo, adatto ai compiti cui era destinato.

La riforma costituzionale richiedeva una riforma culturale.

Utopia dell’uomo nuovo, dell’uomo liberato che instaura il nuovo ordine non per conoscere

l’essenza delle cose ma per usarle e trasformarle: proposta antropologica rivoluzionaria. Fondazione

teorica del LIBERALISMO STORIA MODERNA prof Elvira Chiosi

Anno accademico 2005 2006 I semestre

Argomenti trattati a lezione

1. PRESENTAZIONE DEL CORSO E DELLA DISCIPLINA

a)La scelta della facoltà di Scienze politiche

Momento di transizione e di riforme (3+2)

Dal Vecchio a Nuovo Ordinamento a quello riformato. Motivazioni della scelta: con quali informazioni?

Una facoltà multidisciplinare per acquisire un’ampia comprensione del sociale attraverso problematiche

politiche, economiche, sociali.

Percorso idoneo a superare le barriere delle discipline, a formare alla duttilità ed allo spirito critico

Le sfide del nostro tempo (globalità, complessità ed espansione incontrollata del sapere) richiedono, secondo

Edgard Morin, una testa ben fatta, capace di organizzare le informazioni

Colonne portanti della facoltà: economia, diritto, storia, scienze politologiche

b)Le discipline storiche

il filo di Arianna per non perdersi nel labirinto della pluralità dei saperi e affrontare le SFIDE del nostro tempo:

Contenuti e metodi:

Lo studio dei fatti storici viene proposto valorizzando competenze generali di inquadramento, di analisi,

comparazione, analogia e affiancando alla dialettica passato/presente quella identità/diversità

Gli insegnamenti garantiscono ampio spazio alle culture europee ed extra-europee, favorendo la conoscenza

della specificità dei diversi popoli

Obiettivi:

Promuovere capacità di lettura dei segni di mutamento e di permanenze nel nostro tempo relativi a:

società, istituzioni, politica, economia, cultura, religione

Valore degli studi storici:

Terreno fertile per contribuire a costruire “una testa ben fatta”qualunque attività si decida di intraprendere

c)La storia moderna:

Nei programmi dei corsi universitari e della scuola secondaria, non solo in Italia, ma in molti altri paesi, si fissa

l'inizio della Storia moderna al 1492. Questa data, alla quale alcuni preferiscono il 1350 o il 1454 (caduta di

Costantinopoli) o ancora il 1517 (inizio riforma protestante), non rappresenta naturalmente uno spartiacque tra

la storia medioevale e la moderna, ma un semplice punto di riferimento di eventi e processi molteplici che si

sono avviati o evidenziati intorno a tale termine cronologico. La formazione del sistema moderno delle potenze

europee, il crollo della unità della Res publica christiana con la riforma protestante, l'apogeo e la crisi della

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

cultura rinascimentale, gli effetti sull'economia della scoperta del Nuovo Mondo conferiscono a questo evento

un valore emblematico per l'inizio dell'età moderna.

Il termine ad quem viene invece indicato, almeno per l'Italia, nel 1815 (Congresso di Vienna), termine

cronologico da cui si fa iniziare la storia contemporanea, più per esigenze didattiche che per una corretta

periodizzazione.

La denominazione moderna ( dall'avverbio latino modo = ora) indicava ciò che era più recente rispetto a

quanto era accaduto precedentemente. In questo senso il termine appare già nel XII e XIII secolo. In seguito è

via via diventata una categoria di giudizio: le generazioni quattro-cinquecentesche, grazie alle innovazioni

tecniche, alla nuova visione dl mondo, hanno maturato un senso di superiorità. Anche rispetto agli Antichi,

stimati e amati, ritengono di non essere inferiori, ma anzi di averli uguagliati e superati. Mantenuta alta la stima

dell'antichità e della modernità, nel mezzo si aprirebbe il periodo "buio" del Medioevo, termine tardivo, apparso

nella seconda metà del XVII secolo. L'aggettivo moderno, usato in contrapposizione a quello di antico o

medievale , privilegia tutto ciò che si afferma come particolarità dei tempi nuovi. In genere nell'opinione

comune erroneamente si associa al moderno un giudizio di positività, mentre il medioevo viene rappresentato

nella mentalità collettiva come qualcosa di negativo.

Vero è che nell'età della cosiddetta "società post-industriale" anche l'insieme delle caratteristiche proprie della

"società moderna" appare subire una radicale modifica, tanto che è stato possibile parlare di un' epoca post-

moderna, intendendo con questo il superamento di un sistema di valori, di un patrimonio storico, culturale e

mentale.

2. LO STORICO E I FATTI STORICI ( E. Carr, Sei lezioni sulla storia)

La produzione dell’avvenimento

Come e perché un fatto diventa storico

L’interpretazione e l’obiettività nella storia

Storia e scienza; storia e morale; storia e fede

La periodizzazione come problema storiografico

3. L’EUROPA ALLE SOGLIE DELL’ETA’ MODERNA

Dalla fine del 400 alla prima metà del 500 si verificarono profondi mutamenti, base dell’età moderna.

Periodo decisivo per la costruzione del mondo globalizzato nel quale oggi, più che nel passato, siamo coscienti

di vivere

Con la scoperta dell’America si aprono NUOVI ORIZZONTI. ETA’ di “RIVOLUZIONI”:

1, Culturale

La visione del mondo tipica del Medioevo fu scossa dalla scoperta dell’esistenza di terre e popoli estranei alla

narrazione biblica . Da qui prese le mosse la grande crisi intellettuale che si sarebbe manifestata nella

rivoluzione scientifica

Umanesimo e Rinascimento: affermazione dell’individuo. Ribaltamento di prospettiva. Nascita dell’uomo colto

laico, ma in ambienti più limitati.

Invenzione e diffusione della stampa: definita “rivoluzione inavvertita” (Eisenstein 1995). Moltiplica gli effetti

dirompenti di opere come quelle di Lutero o le traduzioni della Bibbia. Circolazione delle idee.

2. RELIGIOSA

Riforma protestante: fine della unità religiosa e culturale

Rivoluzione della fede e della morale individuale che coinvolse grandi masse della popolazione e disegnò

caratteri peculiari tuttora evidenti nel nostro continente.

Erosione di autorità. Spoliazione di beni ecclesiastici: secolarizzazione.

3. POLITICA

Crisi di IMPERO e PAPATO : tramonto di ideali universalistici. Rafforzamento delle monarchie nazionali e

degli Stati territoriali regionali. Nascita degli Stati moderni. Nuovo equilibrio europeo.

Tendenza all’accentramento. Giustizia/ Finanza/ Esercito / Burocrazia / Diplomazia.

4. ECONOMICA-

L’individualismo sconvolge i rapporti sociali ed influenza l’evoluzione economica determinata da:

-tendenza a costituirsi in Stati nazionali.

-indebolimento della forze feudali

-avvio accentramento

Le scoperte geografiche aprono nuovi orizzonti geografici e culturali.

La mondializzazione della storia umana non elimina il persistente eurocentrismo.

UMANESIMO E RINASCIMENTO (Abbagnano., II, 3)

-Il problema storiografico

Opposizione o continuità con il Medio Evo?

Nuovi interessi= Non antitesi fra uomo “medievale” e “rinascimentale”, ma permanenze e differenze

“Rinascita” dello spirito dell’età classica:

a) Nuova concezione del mondo

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

b) Nuova concezione della storia, della politica e dei rapporti fra gli uomini.

c) Arte nuova

d) Basi della scienza moderna.

Aspetti fondamentali del Rinascimento

1) scoperta della storicità del mondo umano

2) scoperta del valore dell’uomo e della sua natura mondana

3) tolleranza religiosa.

1. Esigenza di riconoscere la dimensione storica degli eventi

Il Medio evo conosceva e utilizzava la cultura classica, ma assimilandola a sé, ai propri valori.

Ogni figura o dottrina si muoveva in una sfera senza tempo.

L’umanesimo realizza la prospettiva storica: distacco dell’oggetto storico dal presente storiografico.

Esigenza filologica.

Scoperta della prospettiva storica : (sta al ) tempo= (come) scoperta della prospettiva ottica: (sta allo) spazio

Distanza degli oggetti fra loro e da colui che li considera. Centralità della personalità umana.

2.Valore dell’uomo

Riconoscimento dell’uomo come essere inserito nel mondo della natura e della storia. Artefice del proprio

destino.

Esperienze già avvenute in città che furono la culla dell’ umanesimo (Firenze)

Riconoscimento del valore del piacere. Esaltazione del legame uomo-società

Avversione per l’ascetismo medievale. Esaltazione della vita attiva rispetto a quella speculativa e della filosofia

morale rispetto alla metafisica.

Positività della ricchezza (contro la mistica della povertà). La ricchezza è segno di intelligenza,: può essere

procurata con la virtù

Iconografia: preferenza per la vita attiva (Marta) su quella contemplativa (Maria). Ma permane il disprezzo per

arti meccaniche, anche se si avvia una nuova considerazione di esse.

3. Tolleranza religiosa e compito civile della religione.

Ideale di pace religiosa: identità filosofia / religione. Unità, nella diversità dei culti, delle religioni.

Origine religiosa della parola Rinascimento= Rinascita dell’uomo nuovo.

Strumento della rinascita: ritorno agli antichi, ritorno al principio

Ritorno dell’uomo a Dio; ritorno dell’arte alla natura; ritorno della natura all’oggettività (scienza)

Filologia e riforma religiosa: ripristinare nella sua purezza il testo biblico, ritornare al significato vero della

parola divina.

Le origini della scienza sperimentale

-Riconoscimento del carattere determinante del rapporto uomo/natura: premessa dell’indagine sperimentale

moderna, fondata sull’osservazione.

Presupposto fondamentale (Leonardo, Copernico, Galilei): la natura è scritta in caratteri matematici, il

linguaggio della scienza è quello della matematica.

4. ECONOMIA E SOCIETA’

LA POPOLAZIONE .

Per l’età moderna disponiamo di studi abbastanza attendibili sulla popolazione (Vedi Tabella Capra,7)

Quella europea cresce allo stesso ritmo di quella asiatica, mentre quella americana ha un tracollo.

Dopo la peste del 1348 si ha una progressiva crescita dal 1450 in poi con una fase di espansione demografica

Causa: incerta -meno catastrofi demografiche; Guerre; Peste (malattie endemiche)

-carestie per accidenti metereologici diventano più rare (clima migliorato in tutto il mondo);

Vecchie e nuove malattie tifo sifilide mal francese

-aumento natalità.

Conseguenze:- crescita centri urbani per immigrazione solo Parigi NA, VE, e MI 1500= 100.000 abitanti.

-Le condizioni della popolazione (cfr. GOUBERT, 139; )

°Continuità nelle caratteristiche della vita quotidiana almeno fino al XVIII sec. (quando ci saranno progressi

igiene e medicina sociale; alimentazione; abiti). Crescita della famiglia nucleare (divisioni ereditarie).

La famiglia dal punto di vista economico era unità di consumo e di produzione.

Prima dell’età modena non si aveva alcuna attenzione per l’infanzia come età della vita con esigenze peculiari

Studi sulla famiglia difficili: testimoniano la necessità di distinguere le differenti aree

°Mortalità infantile elevatissima 40-50-68%; vita media : donne 34 anni, uomini 28. Popolazione giovane.

Durata media dei matrimoni 12 /15 anni (probabili 5 o 6 figli)

Le fonti della storia della famiglia documentano situazioni diverse tra il nord e il sud dell’Europa ,

comportamenti diversi anche se non generalizzabili

°Malattie epidemiche: popolazioni decimate. Peste (ma anche tifo, vaiolo )

1575-76: Venezia muore il 30% della popolazione

1630 : Mantova il 70%

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

1656 : Napoli e Genova il 50%

Colpiti i quartieri poveri più dei ricchi; città più che campagna.

Effetti dell’aumento della popolazione: aumento della domanda di generi alimentari -> rivoluzione dei prezzi

->sviluppo agricolo estensivo non intensivo.

-Geografia dello sviluppo molto diversificata.

Europa occ. si afferma l’esproprio delle terre contadine. Legge di mercato domanda offerta.

Europa orient. si rafforza il servaggio o servitù della gleba (dipendenza giuridica del servo).

In Europa circa i 4/5 della popolazione vivevano della terra e solo in paesi come Olanda e Inghilterra già dal

600 una quota della popolazione si poteva dedicare ad altre attività

La rivoluzione dei prezzi

°Tendenza all’aumento già da fine 400.

°Fenomeno europeo ma non sincronico +++ Spagna.

°Fenomeno imprevisto. Cause: spiegazioni varie (avidità mercanti ..)

JEAN BODIN 1568: lo collegò con l’afflusso dei metalli preziosi dal Nuovo Mondo (SPINI, 105).

Ha influenzato la storiografia. Ma si riferiva alla Francia e nell’ultimo trentennio del XVI sec. 1493-1520

-scarsi arrivi; 1545 -l’arrivo supera i depositi europei.

°Terremoto bancario. Instabilità finanziaria in tutta Europa. Svilimento dei coni porta all’ inflazione. 1578-

1650: in Spagna argento sostituito dal rame.

° Ripercussioni della rivoluzione dei prezzi nei rapporti tra ceti :

°mercanti e industriali la sostennero

°salariati: crisi graduale declino salari reali

°feudatari: crisi: cedono terre ai nuovi ricchi

CRISI del sistema feudale di gestione della proprietà fondiaria.

Resta la giurisdizione feudale, con l’esercizio dei poteri di polizia, la riscossione dei censi annui e dei pedaggi

La riserva signorile viene spezzettata e affidata a famiglie coloniche

Maggiore libertà dei coltivatori. Corvées (= giornate di lavoro obbligatorie e gratuite) limitate

Consumi Autoconsumo: bisogni primari + materiali d’uso.

Domanda di manufatti: crescita sopratutto nel settore pubblico e ceti abbienti.

Fiere : da economia cittadina a economia nazionale concorrenza non più tra mercanti ma tra paesi diversi.

Strade: strumenti essenziali dell’accentramento = possibilità di evoluzione. economiche degli Stati con

indebolimento forze feudali + costituzione nuove monarchie.

Protoindustria = industria a domicilio, artigianato e corporazioni Scarsi progressi tecnici. Miniere/Siderurgica.

Settore tessile + sviluppo: Italia/Fiandre LANA/LINO/SETA.

ESPANSIONE DEI TRAFFICI

-Aumento produzione industriale + richiesta prodotti = espansione traffici marini.

Protagonisti=OLANDESI mare e terra.

-Avvento del capitalismo commerciale: Lo sviluppo dei traffici internazionali favorisce la formazione di nuovi

capitali. Si stringono rapporti tra Banchieri e governi.

ANVERSA: Quattro fiere annue. Centro di INTERNAZIONALISMO FINANZIARIO.

1532: istituita la BORSA - Fortuna di AMSTERDAM

-Speculazioni sulle differenze di prezzo fra i vari mercanti. PIRATI delle FINANZE. Nuovo capitalismo.

CARATTERISTICHE DELLA VITA ECONOMICA

1) AUMENTO DEMOGRAFICO

2) CRESCENTE BISOGNO DI MERCI E DI STRUMENTI MONETARI

3) NAZIONALIZZAZIONE delle forze economiche, indebolimento delle forze feudali, costituzione nuove

monarchie, tendenza all’accentramento, da economia cittadina a economia nazionale, costruzione strade

4) ESPANSIONE DELLE ECONOMIE NAZIONALI

5) AMPIEZZA DELLE TRANSAZIONI E DEI MERCANTI

SOCIETA’

Stratificazione sociale fortemente gerarchizzata basata su: differenze, disuguaglianze, distinzioni, privilegi

Divisione in ORDINI o STATUS (Divisione medioevale :orantes/ pugnantes/ laborantes)

Clero secolareIregolare (=ordini religiosi)-alto/basso ricchezze (proprietà ecclesiastiche, lasciti pii = manomorta)

Attività: culto, predicazione, assistenza, carità, insegnamento

NOBILITA’ di SPADA - origini antiche: discendenti degli antichi conquistatori

Giurisdizione feudale (proprietà + gestione del potere giuridico economico e politico)

(Francia: vendita degli uffici + tassa della Paulette = nuova nobiltà di TOGA)

TERZO STATO — tutti quelli che non sono nobili né ecclesiastici

Mercanti/Professionisti/Artigiani/Commercianti/Contadini/Braccianti/ Disoccupati/ + Vagabondi (IV stato)

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

ORDINE = insieme di persone che, per la comune condizione in cui si trovano,

godono della medesima posizione in ordine ai diritti e ai doveri politici,

elaborano e praticano forme di gestione della loro posizione comunitaria e forme di rappresentazione.

Gli individui vengono assegnati agli ordini con meccanismi di natura ascrittiva

(società fondata su sistema ereditario di trasmissione di caratteri)

(Nei meccanismi di natura acquisitiva sono importanti le capacità, a prescindere dal ruolo sociale, anche se

clientele e possibili favoritismi persistono)

La stratificazione sociale in sociologia indica la collocazione degli uomini in posizioni diverse per l’accesso ai

beni sociali. Alla base della stratificazione ci sono:

differenziazione delle posizioni e dei ruoli sociali, in base a divisione dei compiti la scala dei valori dei

ruoli viene determinata da esigenze della società e delle élites di mantenere il primato

assegnazione delle ricompense differenziali: ricchezza prestigio potere

Le incongruenze di status sono fonte di mutamento sociale

Anche all’interno di una società fortemente gerarchizzata si aprono spazi per la mobilità.

°Vagabondaggio-Pauperismo.

Nel 500 il problema dell’assistenza assume nuova rilevanza ed esce dalla sfera ecclesiastica.

(ll Luteranesimo affida la pubblica assistenza all’autorità laica).

Poveri = minaccia sociale , non più concezione medievale.

Alcuni stati decidono di concedere delle licenze di accattonaggio per zone stabilite. Londra: segni di

riconoscimento per autorizzati a chiedere la carità. Misure severe per i disobbedienti: dalla schiavitù alla morte,

sopratutto fra i protestanti.

Ospedali = ricoveri per invalidi senza risorse.

Ospizi = per mendicanti sani. LIONE (1533) LONDRA (1544) PARIGI (1554)

Nuova etica del lavoro e della produttività. (vedi calvinismo, vocazione)

Spia delle tensioni sociali: rivolte urbane e contadine, banditismo.

Rivolte - Lo Stato ne impedisce la grande ampiezza.

Banditismo: soluzione individuale o collettiva fenomeno endemico in Spagna e nell’Italia meridionale.

Condizioni dei contadini (1580) Montaigne : I contadini si caricano solo per morire

(1689) La Bruyere: Si vedono degli animali selvatici, maschi e femmine, sparsi per le campagne, neri, lividi e

bruciati dal sole, attaccati alla terra che zappano e rimuovono con un’ostinazione invincibile

cfr. P. JACCARD, Histoire sociale du travail de l’antiquité à nos jours, Paris 1960

Soc. Antico regime=. organizzata in funzione della terra SIGNORI-PADRONI / SERVI (anche se proprietari)

Contadini coltivano il proprio terreno non recintato e quello del proprio signore.

Devono censi e diritti al signore /allo stato/alla chiesa. Usufruiscono di usi civici (“sistema

comunitario”, diritto di pascolo e di far legna) che scoraggiano investimenti.

5. LE SCOPERTE GEOGRAFICHE

Rese possibili da una complessa serie di elementi:economici, politici, culturali, tecnici

1.Necessità di trovare nuove vie per il commercio delle spezie ed accresciuta domanda di oro

Cina: rapporti difficili con la dinastia Ming

Africa: oro avorio e schiavi arrivano da stati del nord

Presenza dei Turchi nel Mediterraneo

2. Formazione degli stati assoluti:

nuove possibilità di investimenti a lunga scadenza

politica mercantilistica delle grandi monarchie (es finanziamento Colombo dopo presa di Granada)

3. Resistenze della cultura ufficiale

4. Sviluppo delle tecniche della vita marittima fuori della sapere universitario (dissociazione teoria / pratica)

I marinai possedevano strumenti empirici per la navigazione

Già prima che apparisse la caravella ( barca che rispondeva alle esigenze della navigazione oceanica, 1440=

scafo lungo leggero) in Spagna e in Portogallo si erano preparate le condizioni per le scoperte.

Elemento unificante: Contatti degli Europei con altri continenti

L’insieme di queste innovazioni portò ad un sistema di vita articolato e diverso che assicurò la preminenza

europea.

Conseguenze Economiche:

Si apriva un ciclo economico nuovo

Nuovi prodotti in Europa (mais patate)

Trasformazione delle abitudini alimentari

Conseguenze Culturali:

Si chiudeva un’epoca culturale con la scoperta di nuovi mondi

Identità dell’Europa in crisi, ma rafforzata : “L’Europa scopre sé stessa” (Elliott).

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

R.Romeo, Le scoperte americane nella coscienza italiana del 500:

- straordinario ampliamento orizzonti per la scoperta di nuove terre e per nuova concezione del mondo.

- la cultura europea interviene nelle interpretazioni dei fatti nuovi, reagisce ad essi

- apparizione del “selvaggio”: Colombo descrive i selvaggi miti, belli, facili da convertire

Origine del mito del buon selvaggio settecentesco: idea diffusa nella cultura occidentale a rappresentare

l’immaginario stato di natura (Rousseau), l’età dell’oro, l’antica e perduta felicità

Differenti tipi di colonizzazione

Portogallo Primo grande impero coloniale Posizione geografica avamposto sull’Adriatico

-unità nazionale già nel XIII secolo

-tradizione di riconquista: lotta ai mori

-dinastia Aviz sensibile alle esigenze dei ceti mercantili Re Enrico detto il Navigatore (+1460)

investimenti

1420 ricognizione delle coste africane, inizio tratta dei negri

1456 scoperta delle Isole di Capoverde, Sudan (oro)

1472 Ferdinando Po: golfo di Guinea

1487 Bartolomeo Diaz : Capo di buona Speranza

1497-98 Vasco de Gama : India

Impero eterogeneo, più di rotte che di terre. Costruzione di porti, fortezze. Superiorità navale e militare

Sfruttamento a fini commerciali della via marittima.

Motivazioni economiche: oro africano, spezie, schiavi.

Dopo che Colombo aveva scoperto il nuovo mondo, fu conquistato il Brasile

Possedimenti retti da Capitanati-donatari

Empori= snodi di una rete monopolistica di gestione del commercio

Limiti: stato incapace di coordinare politicamente grandi terre. Non aspirava al monopolio

Profitti utilizzati per la difesa

Incapacità di controllare il Mar Rosso: mercato europeo diviso con Venezia

Spagna Colombo, naufragato nel 1476 a Lisbona, decide di tentare l’impresa di raggiungere l’India,

circumnavigando la terra ( sulla base delle carte di Paolo dal Pozzo Toscanelli)

Il Portogallo gli rifiuta l’appoggio per l’impresa di raggiungere Cina e Giappone navigando verso occidente

Monarchia castigliana aragonese: legame stretto tra religione/ politica/ economia.

Modernizzazione> assolutismo> inquisizione

Isabella concede a Colombo 17.000 fiorini + 1/10 sulle imposte e sugli utili delle terre da scoprire

Il titolo di “ammiraglio del mare Oceano”, viceré e governatore delle terre scoperte

Privilegi di nobiltà

Colombo lascia Palos : 1° viaggio 3 agosto 1492 - 12 ottobre 1492 ritorno 15 marzo 93

2° viaggio 1493-1496, 3° viaggio 1498-1500 (Polemiche)

1493. Alessandro VI Bolla Inter coetera che legittimava la conquista spagnola

Ma Giovanni II (Portogallo)non accettò questo preteso potere su tutto il mondo e condusse negoziati

1494: Trattato di Tordesillas : Spartizione dell’ecumene extra europeo in 2 zone:spagnola e portoghese.

Conquistadores = i gruppi sociali interessati alla conquista erano soldati marinai avventurieri agricoltori attirati

dal miraggio dell’oro. Ossessione dell’oro. 5000 uomini, piccole compagini militari

Metodo: controllo e sfruttamento dei domini

Molte immigrazioni dall’Europa e schiavi dall’Africa

Genocidi, distruzione di identità

Fondazione di città per il governo del territorio

Creazione dell’encomienda: adattamento di un istituto spagnolo simile al feudo, ma non ereditario: le

terre venivano date in commenda (godimento) ad un colono che esigeva tributi e prestazioni in danaro,

assicurando difesa e conversione

Missioni: ordini regolari

Istituzioni che affiancavano il re per il governo delle colonie

Consiglio delle Indie

Casa di Contractaciòn a Siviglia (cause civili e penali per commercio e controllo navigazione)

2 Viceré di 2 vicereami= Nuova Spagna e Perù

Su proposta del Consiglio venivano nominati dal Re: -funzionari

-giudici (circoscrizioni giudiziarie = audiencias)

-vescovi (22 diocesi) e prelati

Conquiste: 1519 Herman Cortés, hidalgo, accolto da Montezuma II, lo imprigionò e distrusse l’impero azteco.

Fondò Mexico

1531 Francisco Pizarro conquista Ecuador e Perù scontro con Incas. Capitale Lima

Come fu possibile così presto distruggere antiche civiltà?

Superiorità militare= armi

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE

Malattie

Distruzione del sistema economico e culturale

Dibattiti: 1542 Bartolomeo de Las Casas, Brevissima relazione sulla distruzione delle Indie. Prete ordinato in

America, vuole eliminare l’encomienda e difendere gli indigeni

Sepulveda sostiene i diritti dei bianchi sui negri

1542 le nuove leggi di Carlo V mostrarono maggiore moderazione, vietando la schiavitù degli indigeni

Conseguenze economiche:

la Spagna sceglie la via della rendita coloniale

Rifiuto della produttività agricola, artigiana, manifatturiera. Dipendenza da merci estere

Mentalità restia agli investimenti

Inghilterra

spedizione Caboto padre e figlio.

Guerre di corsari: Francis Drake

1585 fondazione della Virginia

Inizio 600: emigrazione dissidenti religiosi, padri Pellegrini, verso Nuova Inghilterra

Compagnie commerciali

Francia

Finanziamento spedizione Giovanni da Terrazzano 1524

Inizio 600: Nuova Francia, Québec

Iniziativa del governo per favorire l’emigrazione

6. LO STATO MODERNO

La formazione dello stato moderno è uno dei processi più importanti della storia europea.

Comporta lo studio di: formazione degli apparati statali, società, dottrine politiche.

STATO e SOCIETA’: influenza reciproca. L’Autorità dello stato è sempre mediata dai gruppi sociali.

La formazione dello stato è il risultato di una serie di tentativi di integrazione politica di territori diversi.

Implica un processo squilibrante o equilibrio dinamico.

.

I. Lo S. M. come forma storica determinata (ROTELLI-SCHIERA , Lo stato moderno, II vol)

- Non concetto universale ma serve a descrivere una forma di ordinamento politico sorta in Europa dal XIII-

XIX, per poi estendersi in tutto il mondo civilizzato.

-Elemento caratterizzante questa forma è il progressivo accentramento del potere secondo un’istanza sempre più

ampia che finisce col comprendere l’intero ambito dei rapporti politici.

-L’accentramento si fonda sul principio della territorialità dell’obbligazione politica e sulla progressiva

acquisizione della IMPERSONALITA’ del COMANDO POLITICO, attraverso l’evoluzione del concetto di

officium

-La storia della nascita dello Stato moderno è la storia di una tensione tra policentrismo e accentramento. Dal

sistema policentrico e complesso della signorie di origine feudale si giunge allo Stato Territoriale accentrato e

unitario attraverso una razionalizzazione del potere dettata dall’evolversi delle condizioni storiche materiali.

Lo stato è caratterizzato dalla funzione di normalizzazione dei rapporti politici nell’ambito di un territorio

unificato.

Questa normalizzazione è compiuta con strumenti amministrativi, costruzione di una rete di uffici e competenze

accentrate.

Provoca resistenze: da parte dell’antica società per ceti e della nuova società borghese in formazione.

Ha 3 fasi storiche:

1) ‘500: presenta un carattere di dualismo costituzionale giocato tra il principe titolare dell’istanza unitaria e

accentratrice e i ceti portatori di interessi peculiari dell’antica forma di organizzazione della società, ma già con

nuovi interessi.

2) ‘600, prima metà: è caratterizzato da tentativi dei principi di consolidare il monopolio del potere legittimo

(assolutismo). Il tentativo riesce sul continente non in Inghilterra.

3) ‘600, seconda metà- ‘700 prima metà: crisi del monopolio del potere

Compresenza nelle 3 fasi di elementi contraddittori che impediscono la vittoria.

Dialettica cardine dello sviluppo costituzionale: CONCENTRAZIONE /PARTECIPAZIONE

Stato Moderno (voce) a.c. P.SCHIERA in Dizionario di politica. 1006.

II. Lo stato come “ordine politico”

-Prevalse una visione tecnica del potere, visto come ordine esterno capace di garantire sicurezza ai sudditi.

Si mirava alla riunificazione del potere stesso nella persona del principe sorretto da un apparato amministrativo

efficiente e funzionale agli interessi degli strati sociali preminenti.

WWW.POLITOLOGI.COM – PORTALE STUDENTI SCIENZE POLITICHE


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

53

PESO

443.55 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia moderna e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Chiosi Elvira.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze politiche

Riassunto esame Teoria politica, prof. Feola, libro consigliato La democrazia in America, Tocqueville
Appunto
Riassunto esame Istituzioni Politiche Europee, prof. Feola, libro consigliato Dinamiche Politiche ed Istituzionali dell'Unione Europea
Appunto
Pufendorf e autolimitazione razionale - Filosofia politica
Appunto
Riassunto esame Diritto, prof. Di Amato, libro consigliato Diritto dei mezzi di comunicazione
Appunto