Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

politico  che  si  adegua  alle  necessità  del  suo  regno,  deve  essere  un  leader  astuto.  Il  principe  è  colui  

che   possiede   le   virtù   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   astuzia,   è   una   qualità   dell’uomo   politico   che   sa   conquistare   e  

mantenere  il  potere.  Per  Machiavelli  la  virtù  non  è  la  perfezione  morale  e  nemmeno  l’uomo  che  

tende  al    bene,  tutto  questo  non  vale  per  la  politica.  La  virtù  politica  è  vista  come  combinazione  di  

legge   e   forza,   di   astuzia   (volpe)   e   violenza   (leone),   di   calcolo   e   brutalità.   Il   politico   deve   possedere  

entrambe  queste  qualità:  meglio  essere  temuto  che  amato,  è  più  importante  il  fine  piuttosto  che  i  

mezzi.    

La  virtù  però  non  basta,  anche  con  tutti  gli  sforzi  che  può  fare  il  principe  qualcosa  può  sfuggire.  

Buona  parte  della  riuscita  è  data  dalla  virtù  ma  un  altro  fattore  molto  importante  è  quello  della  

fortuna.  Più  il  principe  è  virtuoso  meno  sono  le  possibilità  di  imponderabilità.  Il  principe  per  essere  

virtuoso   deve   individuare   i   segni   della   fortuna,   è   lui   che   deve   condurre   i   giochi   e   non   lasciarsi  

giudicare.  Deve  cercare  di  far  rientrare  questa  prospettiva  nelle  sue  finalità,  deve  intervenire  nel  

momento  giusto  senza  farsi  colpire  dall’imprevisto.  Più  sono  le  virtù  del  principe,  più  avrà  fortuna.  

La  fortuna  è  potente  dove  non  c’è  virtù  ordinata  che  la  contrappone.  L’entrare  nel  male  da  parte  

del   principe   è   reso   necessario   per   fronteggiare   l’imprevedibile   corso   degli   eventi.     Le   forme   di  

governo   positive   per   Machiavelli   sono   il   principato   o   la   repubblica.   L’opera   di   Machiavelli   lascia  

degli  interrogativi  che  cambieranno  i  temi  futuri:  

Il  rapporto  tra  politica  e  morale    

• Il  problema  dell’uguaglianza  tra  cittadini  in  una  struttura  politica,  bisogna  tener  conto  di  chi  

• gestisce  ma  anche  dei  gestiti.    

Rapporto  tra  politica  e  religione  risolto  poi  con  i  Patti  lateranensi  del  1929.    

Il   principe   di   cui   parla   Machiavelli   non   è   un   tiranno,   non   si   occupa   solo   degli   interessi   del  

governante.    

Altre   opere   di   Machiavelli   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   “   le   storie   fiorentine”:   Machiavelli   riflette   sulla   sua   città,   Firenze,  

e   sui   motivi   della   sua   decadenza,   ragione   che   sembrava   risiedere   in   una   disunione   voluta   dal  

papato.   Mentre   a   Roma   le   contese   si   definivano   disputando,   a   Firenze   si   definivano   combattendo,  

le   parti   contese   a   Roma   accrescevano   le   virtù   della   città,   a   Firenze   cercavano   la   distruzione  

reciproca  mirando  alla  rovina  del  nemico  a  costo  di  rovinare  lo  stato.  La  volontà  del  vincitore  di  

cancellare  l’avversario,  dilaniava  lo  stato.    

                                                                                           -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   “   i   discorsi”:     “i   discorsi   sopra   la   prima   deca   di   Tito   Livio”sono  

disposti  in  3  libri.  Si  parla  delle  cose  accadute  a  Roma,  del  popolo  romano  e  delle  relazioni  con  i  

problemi   presenti   a   Venezia   e   Firenze.   Essi   sono   una   riflessione   sulla   crisi   della   repubblica   romana  

e  sullo  sfondo  dell’odierna  Firenze.  Machiavelli  si  interroga  sull’esistenza  di  una  pluralità  di  forme  

politiche  e  riconosce  dietro  a  ciascuna  di  esse  una  differenza  di  umori.    

Machiavelli   parla   del   concetto   di   stato   che   progressivamente   diventerà   una   precisa   istituzione.  

Machiavelli  lo  inaugura  ma  viene  ancora  gestito  a  livello  personale.  Dopo  Machiavelli  si  comincia  a  

pensare  allo  stato  come  istituzione  collettiva,  pensata  al  plurale.  Lo  stato  diventa  tema  generale.    

 

CAPITOLO  V:  (pp.  166  –  169)  

BODIN  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  opera  centrale:  “  la  repubblica”  

Agli  antipodi  del  principe  di  Machiavelli,  che  esorta  invece  alla  tirannide,  nutrendosi  di  ingiustizia.    

“la   repubblica”   è   un   trattato   di   politica,   rigoroso   e   molto   ampio.   Nei   sei   libri   della   repubblica   vi  

sono   una   moltitudine   di   argomenti,   con   un   tema   che   emerge:   il   concetto   di   sovranità,   ovvero   il  

principio  che  regge  l’ordine  politico,  il  fondamento  dello  stato.  La  sovranità  è  la  forza  coesiva  che  

unifica  lo  stato.  Si  parla  di  sovranità  e  di  sovrano,  come  colui  che  si  distingue  ed  è  superiore  alle  

controversie   della   società,   è   oggettivo   e   per   questo   può   regolare   tra   le   varie   contraddizioni,   la  

società   e   portare   la   pace.   La   sovranità   per   Bodin   è   assoluta   ma   non   illimitata,   nel   senso   che   chi   ha  

il   potere   comanda   e   non     è   soggetto   a   comandi   altrui.   Il   sovrano   fa   o   abroga   le   leggi,   non   ha   limiti  

  5  

temporali,   è   inalienabile.   Vi   sono   comunque   dei   limiti   naturali   o   della   legge   divina,   dei   diritti  

inviolabili  (es.  la  proprietà  privata).    L’associazione  familiare  deve  essere  naturale  e  originaria,  la  

difesa  del  diritto  e  l’intangibilità  della  proprietà  costituiscono  i  limiti  della  sovranità.  Il  sovrano  ha  il  

potere   assoluto,   però   vi   sono   dei   limiti   da   considerare   (i   diritti   dell’uomo).   Per   Bodin   il   sovrano  

assoluto   non   va   confuso   con   il   tiranno,   che   pensa   solo   per   se   e   genera   fanatismo,   senza   tener  

conto  di  nessuno.  Il  potere  deve  essere  assoluto  ma  equilibrato,  non  deve  cadere  nell’arbitrio.    

La  sovranità  può  risiedere:    

In  una  moltitudine  (democrazia)  governo  di  molti  –  giustizia  aritmetica  (stati  popolari)    

• In  una  minoranza  (aristocrazia)  comandano  in  pochi  –  giustizia  geometrica    

• In  uno  solo  (monarchia)    

 

        sovranità  

monarchia   aristocrazia   democrazia  

       

secondo   Bodin   la   monarchia   è   la   forma   governativa   più   conforme   alla   natura.   Governando   solo  

una   persona,   essa   offre   più   garanzia   in   quanto   non   divide   il   potere   con   altri,   offre   meno  

inconvenienti.   La   monarchia   garantisce   l’armonia   sociale   ovvero   la   giustizia   armonica,   dove   il  

monarca   gestisce   la   giustizia.   La   distingue   dalla  giustizia   aritmetica   tipica   della   democrazia   in   cui  

ogni  cittadino  ha  pari  titoli,  e  anche  dalla  giustizia  geometrica  caratteristica  invece  dell’aristocrazia  

in   cui   visto   che   governano   in   pochi,   il   potere   viene   spartito   in   modo   non   equo.   La   giustizia  

armonica   crea   invece   equilibrio   sociale   compensando   le   disuguaglianze   con   una   certa   omogeneità  

del  diritto  e  con  l’autorità  generale  dello  stato.  Utilizza  in  modo  equilibrato  le  varie  parti  sociali,  

mantenendo  l’autonomia  della  proprietà  come  garanzia  delle  libertà.  

Bodin  si  occupa  anche  di  aspetti  socio-­‐economici  e  in  questo  ambito  opera  una  scelta  lontana  sia  

dal   comunismo   integrale,   sia   dal   liberalismo.   Secondo   lui   non   c’è   nulla   di   pubblico   dove   non   c’è  

nulla   di   privato.   Il   principio   della   comunanza   dei   beni   è   da   escludere   perché   provoca   inerzia   e  

parassitismo.  Ogni  solidarietà  coatta  perde  la  sua  forza  e  la  sua  virtù.  Il  collettivismo  esagerato  non  

porta  bene  a  nessuno.  In  uno  stato  ideale  bisogna  trovare  un  equilibrio  tra  il  sovrano  e  i  cittadini,  

tra  chi  ha  il  potere  e  chi  no,  come  funziona  in  natura  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  porta  a  un  equilibrio.    

Anche   per   l’economia,   bisogna   garantire   la   proprietà   privata,   ognuno   deve   poter   tenere   ciò   che   di  

natura  è  suo.    

 

 

 

 

 

  6  

CONTRATTUALISMO  

Lo  stato  viene  considerato  come  un  oggetto  non  naturalmente  definibile,  ma  come  qualcosa  che  

va  costruito  e  organizzato,  in  questo  caso  con  un  nuovo  elemento:  il  contratto.  Esso  rappresenta  

un  nuovo  metodo,  un  modello  che  deve  rispondere  alla  domanda  di  come  deve  essere  organizzato  

uno  stato  legittimo.  Lo  stato  va  quindi  organizzato  attraverso  il  contratto.  In  questa  ideologia,  lo  

stato   è   visto   come   un   elemento   squilibrato,   e   i   rapporti   di   forza   al   suo   interno   vanno   ordinati.   Per  

evitare   conflitti   tra   forze   bisogna   utilizzare   il   contratto,   un   patto   quindi,   che   deve   colmare   e  

fratture  sociali.  L’uso  del  termine  patto  non  fa  più  solo  riferimento  alla  trascendenza,  ma  è  un’idea  

che  non  si  preoccupa  di  obbedire  a  indicazioni  sovrannaturali  o  a  finalità  etiche.  E’invece  la  ricerca  

di   una   comunità   di   interessi,   e   i   fini   sono   dell’individuo.   Il   patto   è   un   elemento   esclusivamente  

umano   e   terreno,   elimina   la   preoccupazione   di   giustificarsi   o   di   ricercare   una   pace   collettiva.   Vi  

sono   vari   esponenti   di   questo   pensiero,   con   idee   differenti   ma   che   come   radici   hanno   questo  

pensiero   comune   del   contratto.   Il   patto   è   inteso   come   un   incontro   di   volontà   e   la   società   è   invece  

intesa   come   un   insieme   di   interessi   concreti.   Vi   è   un   estremo   interesse   per   l’individuo   più   che   per  

la  collettività.  Esponenti  di  questo  pensiero  sono:  Rousseau,  Kant,  Spinoza,  Locke,  Hobbes.    

 

CAPITOLO  VII:  (pp.  195-­‐215)  Hobbes  e  Locke  

T.  HOBBES  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  1600  inglese,  in  questo  periodo  presenza  di  guerre  civili,  fratture  e  scontri  nella  

società.   Hobbes   elabora   una   sua   teoria   in   un   contesto   storico   difficile.   Teoria   centrata   sulla  

costruzione  dell’ordine  sociale.  Secondo  lui  ci  vuole  un  potere  sovrano  che  deve  assicurare  l’ordine  

in   una   società   in   conflitto,   come   quella   inglese   di   quel   tempo.   Il   pensiero   di   Hobbes   incontra   in  

alcuni   aspetti   quello   di   Bodin.   Tutto   deve   essere   nelle   mani   del   sovrano,   senza   suddivisioni,  

bisogna  evitare  governi  misti  che  generano  fazioni  e  scontri.  Il  potere  deve  essere  indivisibile,  per  

lui  dividere  il  potere  vuol  dire  non  avere  un  vero  potere.  Hobbes  fa  riferimento  al  potere  e  a  come  

esso  deve  essere  gestito,  pone  anche  lui  l’interesse  per  le  forme  di  governo:      

Democrazia  -­‐-­‐-­‐-­‐>  può  sfociare  in  anarchia  

• Aristocrazia  -­‐-­‐-­‐-­‐>  può  generare  oligarchia  

• Monarchia  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  può  diventare  tirannide  (è  comunque  la  posizione  privilegiata  da  Hobbes)  

Tutte   queste   forme   di   governo   analizzate   da   Hobbes   sono   considerate   da   lui   eccessive.   Si  

dovrebbe   passare   progressivamente   da   una   all’altra   arrivando   alla   migliore   per   fare   il   patto.  

Hobbes   critica   la   democrazia   in   quanto   il   popolo   ha   la   possibilità   di   ribellarsi,   creando   fazioni  

durante  le  assemblee  e  generando  quindi  scontri  e  conflitti.  Nella  monarchia  invece  l’interesse  del  

sovrano  coincide  con  l’interesse  pubblico,  dei  sudditi.  Il  monarca  può  conciliare  l’interesse  di  tutti.    

Opera  fondamentale:  “il  Leviatano”    

Hobbes   prende   spunto   da   un’immagine   biblica.   Sulla   copertina   infatti   domina   un   gigante  

incoronato  che  regna  su  tutto  ciò  che  lo  circonda,  egli  è  costituito  da  una  massa  di  individui,  che  

quindi   egli   sovrasta   e   raccoglie.   In   mano   porta   i   simboli   del   potere,   lo   scettro   segno   di   supremazia  

politica,   e   il   bastone   per   quanto   riguarda   la   sfera   spirituale.   Nell’introduzione   del   Leviatano,   si  

parla   della   cosa   pubblica,   il   Leviatano   rappresenta   lo   stato   come   uomo   artificiale,   di   forza  

maggiore   all’uomo   naturale.   Egli   guida   e   porta   alla   salvezza   la   società   che   conduce.   Questo  

personaggio  artificiale  ingloba  tutti  i  sudditi  della  società  politica.    

Hobbes  ha  una  visione  negativa  della  natura  dell’uomo.  -­‐-­‐-­‐-­‐>  hominis  lupus  

Ogni   individuo   è   concorrente   dell’altro,   è   avido   e   contrasta   gli   altri.   La   condizione   primitiva  

del’uomo   impedisce   la   socialità   e   lo   porta   alla   conflittualità.   Ognuno   pensa   di   avere   il   diritto   su  

tutto,  il  diritto  personale  è  superiore  agli  altri.  Nella  natura  umana  c’è  antagonismo.  “tutti  contro  

tutti”,  l’uomo  è  pronto  a  prevalere  sugli  altri.  Da  questa  condizione  di  conflittualità  non  se  ne  esce  

in   maniera   spontanea.   L’ordine   sociale   non   arriverà   mai   spontaneamente   dall’uomo   data   la   sua  

natura.   Bisogna   costruire   una   società   civile.   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   passaggio   da   natura   a   civiltà   attraverso   il  

  7  

contratto/patto  civile.  Il  patto  consiste  nel  conferire  tutti  i  poteri  naturali  dell’uomo  a  un  potere  

superiore   (Leviatano),   a   un   essere   che   domina   tutti   i   singoli.   Tutti   i   poteri   si   assorbono   in   un’unica  

persona.   -­‐-­‐-­‐-­‐>   uomo   artificiale   in   cui   tutti   si   incontrano   e   a   cui   tutti   si   sottomettono  

spontaneamente.    

Ogni   uomo   deve   rinunciare   ai   propri   diritti   e   deve   stringere   un   patto   di   associazione   accordandosi  

con  i  propri  simili,  e  sottomettersi  tutti  insieme  ad  un  essere  superiore  artificiale.  Tutti  insieme  si  

firma   un   patto   di   associazione   e   di   sottomissione,   autorizzando   un   unico   esponente   a   comandarli.  

Questa  forma  di  contratto  ha  lo  scopo  di  superare  le  frantumazione  della  società.  E’  un  patto  in  cui  

cambiano   i   contraenti,   (coloro   che   aderiscono   al   patto)   tradizionalmente   da   una   parte   vi   è   il  

popolo   e   dall’altra   il   re,   mentre   il   patto   proposto   da   Hobbes   ha   un'altra   natura,   è   un   patto   tra  

singoli,  ciascuno  è  artefice  del  patto.  Rappresenta  una  volontà  comune  di  unirsi  e  sottostare  a  un  

Leviatano,  il  quale  non  ha  vincoli  e  obblighi.  In  lui  confluiscono  tutti  i  diritti  dell’individuo,  e  non  

corrisponde  obblighi.  Il  patto  non  può  essere  fatto  senza  una  potenza  superiore.    

Cit.  -­‐-­‐-­‐>  “  i  patti  senza  la  spada  sono  soltanto  parole.”  

Il   Leviatano   di   cui   parla   Hobbes,   non   è   un   mostro,   è   però   colui   che   ha   il   massimo   potere,   che   è  

stato   creato   per   non   avere   paura   ma   per   incuterla.   Con   lui   non   si   possono   stringere   patti.   Il  

Leviatano  è  diviso  in  quattro  sezioni  secondo  Hobbes:  

Dell’uomo  

• Della  natura  

• Di  uno  stato  cristiano  

• Del  regno  delle  tenebre  

La  natura  degli  uomini  è  conflittuale,  è  un’assenza  di  ordine,  in  cui  tutti  gli  individui  sono  animati  

solo   dal   desiderio   di   libertà.   La   libertà   serve   a   ciascuno   per   soddisfare   i   propri   bisogni,   e   in   questo  

modo   si   genera   una   continua   competizione.   Ogni   uomo   è   un   lupo   per   l’altro.   Per   uscire   da   questo  

stato  negativo  di  natura,  gli  uomini  devono  autorizzare  un  attore  che  agisce  per  conto  loro  come  

rappresentante.   Il   patto   implica   l’instaurazione   di   una   fiducia   reciproca.   La   rappresentanza   si  

realizza  con  un  patto  di  tutti  con  tutti,  il  cui  contenuto  è  la  cessione  dei  diritti  naturali  a  un  terzo,  

esterno,  creato  dal  patto.  Un  Dio  mortale  che  rappresenta  tutti.  E’  un  patto  di  tipo  orizzontale,  tra  

eguali,   che   genera   un   terzo,   che   però   non   vi   ha   preso   parte.   Nessuna   legge   può   essere   ingiusta   se  

creata  dal  Leviatano,  in  quanto  essa  è  espressione  di  tutti.    

Stato  di  natura  -­‐-­‐-­‐-­‐>  stato  civile  dell’uomo  

La   pace   ordinata,   la   salvezza   della   vita,   si   pagano   al   prezzo   di   un’alienazione   irreversibile.   Il  

Leviatano,   ha   tutti   i   poteri   senza   aver   stretto   alcun   patto,   è   titolare   di   un   potere   indivisibile,  

incondizionato,   irresistibile.   Hobbes   esclude   ogni   tipo   di   divisione   dei   poteri,   egli   affida   anche  

l’instaurazione   della   proprietà   privata   al   sovrano.   Per   eliminare   il   Leviatano,   bisognerebbe  

costruire   un   potere   più   forte   del   suo.   -­‐-­‐-­‐-­‐>   guerra   tra   Leviatani:   la   guerra   fra   di   loro   è   sempre  

possibile,   come   avveniva   fra   gli   uomini   nello   stato   di   natura.   Gli   stati   tra   di   loro   sono   nello   stato   di  

natura,  quindi  la  guerra  tra  di  loro  è  un  atto  di  sovranità.  Lo  stato  è  un  Dio  mortale.    

Religione   e   politica:   Hobbes   aveva   individuato   i   semi   della   religione,   svelandone   l’origine   dalla  

superstizione,  dall’ignoranza  umana.  Unica  eccezione  è  la  nostra  religione,  che  ci  ha  insegnato  le  

leggi  del  regno  di  Dio,  le  religioni  diverse  sono  false.  Il  Leviatano  è  la  soluzione  per  eliminare  ogni  

effetto   politico   polemico   della   religione.   Lo   stato   deve   presentarsi   come   stato   cristiano,  

comprendendo   il   potere   divino.   Il   rapporto   con   Dio   è   tenuto   dallo   stato.   Quindi   dal   sovrano.  

Hobbes   critica   comunque   la   gerarchia   ecclesiastica,   anche   quella   cattolica.   Il   Leviatano   è  

vicereggente  del  potere  di  Dio  sulla  terra,  quindi  chi  obbedisce  al  sovrano  obbedisce  a  Dio.  Hobbes  

afferma   l’inesistenza   dei   miracoli   e   della   sacralità   delle   scritture.   -­‐-­‐-­‐-­‐>   politicizzazione   della  

religione  (religione  come  politica  divina).  

 

  8  

LOCKE   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   (fine   600   –   30/40   anni   dopo   Hobbes   e   Spinoza)   –   inglese   ma   con   successi  

internazionali.   Locke   vuole   trovare   un   equilibrio   tra   i   due   contendenti   (monarchia/parlamento),  

che   si   contendevano   la   politica   in   Inghilterra   in   quel   periodo.   Prepara   il   filone   culturale  

dell’illuminismo.   Egli   attua   una   rivoluzione   antiassolutistica,   che   consente   di   limitare   il   potere   a  

beneficio  del  cittadino.  Sono  basi  del  costituzionalismo  moderno.    

 

  CONTRATTUALISMO  

LOCKE       HOBBES  

funzione  del  potere  del   asoslutismo,  con  

parlamento,   monarchia  con  sovranità  

contrattualismo  politico,   illimitata  del  sovrano,  

con  idea  di  divsione  dei   idea  di  concentrazione  

poteri     dei  poteri    

 

   

Locke  pone  l’idea  della  divisione  dei  poteri,  un  potere  limitato  e  controllato,  non  illimitato.  Ci  sono  

comunque   alcune   affinità   metodologiche   tra   Locke   e   Hobbes   (   stato   di   natura,   società   civile).   Si  

pone  l’attenzione  all’individuo  e  alla  sua  identità.    

I  due  libri  fondamentali  di  Locke  sono  i  “due  trattati  sul  governo”.    

Temi  fondamentali:    

Lo  stato  di  natura  -­‐-­‐-­‐-­‐>  per  Locke  l’uomo  non  è  un  animale,  non  solo  in  contrapposizione  con  i  suoi  

simili.  La  prevaricazione,  l’egoismo  non  sono  le  sole  caratteristiche  dell’uomo  come  era  invece  per  

Hobbes.   Distinzione   netta   tra   stato   di   natura   stato   di   guerra.   Locke   indica   lo   spirito   di  

conservazione  reciproca,  di  pace  e  di  solidarietà  dello  stato  di  natura,  dove  prevale  la  volontà  di  

sopravvivere.  Per  Locke  quello  che  per  Hobbes  era  uno  stato  di  natura,  è  uno  stato  di  guerra.  Lo  

stato   di   natura   ha   diversi   aspetti,   positivi   e   negativi.   L’uomo   è   dotato   della   ragione,   non   è   solo  

dominato  da  istinti  e  impulsi.  Ci  sono  anche  sentimenti  di  solidarietà,  che  per  Hobbes  non  c’erano.  

Locke  definisce  l’esistenza  umana  come  una  coesistenza,  dove  non  vi  è  l’esigenza  solo  individuale  

perché  si  coesiste  con  il  resto  della  collettività.  Vi  è  un  bisogno  di  solidarietà  e  socialità.  L’uomo  

non  è  solo  l’animale,  descritto  da  Hobbes,  ha  altri  bisogni  che  vanno  soddisfatti  più  o  meno  con  

altri.  E’  un  lato  della  natura  dell’uomo  che  Hobbes  non  aveva  preso  in  considerazione.  In  natura  gli  

uomini  sono  sottoposti  a  una  sola  autorità,  quella  dei  genitori,  e  locke  afferma  la  superiorità  del  

marito  rispetto  alla  moglie.  Tuttavia  le  regole  famigliari  riguardano  soltanto  la  sfera  privata  e  non  

quella  pubblica.  Altra  differenza  fondamentale  tra  Locke  e  Hobbes  è  lo  stato  di  libertà,  che  Locke  

colloca  in  coincidenza  con  lo  stato  di  natura.  Lo  stato  di  libertà  non  deve  coincidere  con  la  licenza  

  9  

assoluta,   poiché   in   questo   modo   si   rientra   in   una   visione   conflittuale,   ed   è   in   questo   caso   ch  

subentra  la  ragione  dell’uomo.  La  ragione  regola  la  libertà  dell’uomo,  ognuno  ha  una  sua  ragione  

naturale  che  può  contenere  gli  impulsi  animali  e  permettergli  di  collaborare.-­‐-­‐-­‐>  idea  di  un  uomo  

capace   di   scegliere   tra   cosa   è   giusto   e   cosa   è   sbagliato.   Nella   sua   natura   per   Locke,   l’uomo   ha   una  

sua  capacità  di  giudizio.  Queste  capacità  nascono  dalle  esperienze  dell’individuo.  Sulla  base  della  

ragione  e  dell’esperienza  si  può  concretizzare  il  concetto  di  libertà.    

Il  governo  civile  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  gli  aspetti  negativi  dell’uomo  devono  però  essere  controllati  e  regolamentati  

da  uno  stato  sociale  in  quanto  lo  stato  di  natura  non  ne  è  in  grado.  Anche  per  Locke,  per  risolvere  i  

contrasti   è   necessario   un   accordo   politico,   e   ci   vuole   un   governo   civile   che   regoli   e   preservi   gli  

uomini   dalla   violenza.   Il   contratto   in   questo   caso   è   finalizzato   a   garantire   la   coesistenza   e   la  

convivenza   degli   individui   e   attraverso   esso   i   cittadini   possono   riconoscere   questa   forma   di  

coesistenza.   Per   Locke   la   monarchia   assoluta   non   è   una   buona   soluzione,   funziona   invece   la  

poliarchia  -­‐-­‐-­‐>  pluralità  di  poteri.  

Il   potere   non   deve   essere   incentrato   in   una   sola   persona.   In   questo   potere   viene   conferito  

attraverso  il  consenso  dei  cittadini.  Ognuno  si  deve  attenere  alle  decisioni  della  maggioranza  che  

guida   il   popolo   ed   evita   di   cadere   nell’assolutismo.   La   monarchia   non   prevede   il   consenso   degli  

uomini,  privilegia  una  sola  persona.  Ci  vuole  una  forma  di  governo  che  invece  rispetti  la  volontà  

della  maggioranza.  Tripartizione  dei  poteri:  

 

      potere  

diviso  

potere  

potere   potere  

esecutivo  

federativo   legislativo    

  il  potere  legislativo  esprime  il  volere  popolare  ed  è  esercitato  dai  rappresentanti  del  

♦ popolo.  Deve  promulgare  le  leggi.  

Il  potere  esecutivo  deve  garantire  il  rispetto  e  il  funzionamento  delle  leggi  approvate  

♦ dal  popolo.    

Il  potere  federativo  risolve  le  controversie  tra  l’interno  e  l’esterno,  stipula  alleanze,  

♦ crea  accordi.    

Il   potere   legislativo   è   il   più   importante,   è   fondamentale.   L’esecutivo   deve   essere   invece   sempre  

funzionante   in   quanto   funge   da   controllo   sulle   leggi   applicate.   Le   leggi   sono   l’espressione   del  

consenso   popolare,   mentre   il   potere   assoluto   creava   le   leggi   senza   questo   consenso.   Locke   si  

preoccupa   di   salvaguardare   e   garantire   protezione   al   singolo   individuo.   -­‐-­‐-­‐-­‐>   fondamenti   del  

liberalismo.   Nel   caso   in   cui   la   fiducia   del   potere   legislativo   venisse   a   mancare,   il   potere   torna   nelle  

mani   di   coloro   i   quali   lo   hanno   conferito,   ovvero   il   popolo.   I   cittadini   posso   quindi   concedere   o  

ritirare   la   fiducia   nel   governo.   E’   una   prospettiva   di   democrazia   rappresentativa.   un   ragionamento  

  10  

simile  viene  fatto  da  Locke  anche  in  ambito  economico,  il  discorso  riguarda  soprattutto  il  diritto  di  

proprietà  privata  (salvaguardia  dei  diritti  del  singolo).  Lavorando  l’uomo  si  assicura  la  proprietà  dei  

beni  su  cui  lavora.  Questo  tipo  di  diritto  rappresenta  un  modo  per  affermare  la  libertà  dell’uomo.  

Salvaguardando   il   diritto   di   proprietà   si   incorre   in   minor   conflitti   e   minor   violenza.   Questi   sono  

tutti  meccanismi  di  difesa  della  società  contro  gli  stati  di  tipo  assolutistico  come  quello  proposto  

da  Hobbes.  Altro  tema  affrontato  da  Locke  è  quello  della  tolleranza  religiosa:  -­‐-­‐-­‐-­‐>  “trattato  sulla  

tolleranza”  per  affrontare  il    problema  dei  conflitti  tra  religioni  diverse.  Si  vogliono  superare  anche  

i   contrasti   di   tipo   religioso.   La   mancata   tolleranza   aumenta   i   conflitti   e   le   disuguaglianze,   locke  

propone   il   superamento   di   questi   problemi,   affermando   la   libertà   religiosa   (altro   principio   di  

libertà).    -­‐-­‐-­‐-­‐>  “tre  lettere  sulla  tolleranza”  in  cui  Locke  individua  la  libertà  di  culto  e  la  pubblicità  

dei  culti.  Propone  uno  stato  liberale  che  non  tema  la  libertà  religiosa.  Esprime  la  separazione  fra  

stato  e  chiesa.  La  chiesa  ha  poteri  di  insegnamento,  non  politici.  Locke  è  deista,  ovvero  vede  in  Dio  

un  principio  religioso  esistente,  ma  indeterminato.  Proprio  perché  nessuna  religione  esaurisce  la  

conoscenza   di   Dio   comporta   quindi   che   tutte   vengano   tollerate.   Le   chiese   devono   essere   tollerate  

dallo  stato  e  devono  tollerarsi  a  vicenda.  I  limiti  posti  dall’ordine  politico  riguardano:  

La  non  tolleranza  per  chiese  fondate  su  dogmi  avversi  alla  società  umana  

• Estremisti  religiosi  

• Papisti  

• Atei    -­‐-­‐-­‐-­‐>  la  mancanza  di  un’idea  religiosa  implica  anche  la  mancanza  di  un’idea  politica    

Con   Locke   vengono   poste   le   basi   per   il   costituzionalismo   e   il   liberalismo   moderno,   nei   quali   si  

vuole   gestire   la   società   in   modo   libero.   Il   costituzionalismo   tutela   la   vita   collettiva   e   considera  

l’autorità   politica   importante   ma   che   non   può   prevalicare   la   sfera   individuale.   L’autorità   politica  

non  deve  avere  il  pieno  potere  su  ogni  cosa.  Le  garanzie  stanno  alla  base  delle  libertà  civili.  Altro  

tema   fondamentale   è   quello   della   divisione   dei   poteri   che   impedisce   che   i   cittadini   vengano  

strumentalizzati  da  un  unico  potere.    

 

CAPITOLO  VIII:  (pp.  233  –  236)  

MONTESQUIEU  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  (1700)  autore  complesso  e  articolato  (importante  anche  per  l’illuminismo).  

Fa  un  tentativo  di  sintesi  del  pensiero  politico.  Non  ricerca  un  modello  preciso,  ma  cerca  di  unire  

più   discipline   (storia,   politica,   sociologia…)   per   creare   questa   sintesi.   L’idea   di   libertà  

accompagnerà  tutta  la  sua  riflessione.  Essa  deve  essere  salvaguardata  e  bisogna  evitare  qualunque  

tipo   di   dispotismo,   che   si   fonda   invece   sulla   paura   e   sul   terrore.   L’intento   di   Montesquieu   è   quello  

di   indagare   la   società,   fatta   di   innumerevoli   elementi,   che   egli   vuole   analizzare   in   profondità.   Lo  

scopo  è  quello  di  trovare  un  sistema  che  possa  unificare  tutto.    

Opera   fondamentale   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   “lo   spirito   delle   leggi”:   cerca   di   trovare   ciò   che   unifica   tutte   le   leggi  

rispettandone   però   le   differenze.   Vuole   cogliere   i   rapporti   necessari   che   derivano   dalla   natura  

delle  cose.  Studia  le  relazioni  tra  i  popoli  e  vuole  creare  un  ordine  che  rispetti  i  diritti  e  le  libertà.  Si  

cerca  di  spiegare  la  relazione  tra  leggi  naturali  e  leggi  umane.  L’opera  è  un  quadro  di  ricostruzione  

storico   –   sociale   delle   istituzioni   umane.   Montesquieu   elabora   la   teoria   delle   forme   di   governo  

possibili  sencondo  la  dialettica  di  natura  e  pricipio:    

Repubblica  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  aristocratica:  il  potere  va  a  una  parte  del  popolo  distinta  x  ceto.  

                                                                                             -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  democratica:  il  potere  è  di  tutti  

Monarchia:  il  potere  appartiene  uno  solo,  ma  giudicato,  limitato  e  disciplinato.  

• Dispotismo:  comanda  uno  solo,  ma  senza  regole  ne  limiti.  

Montesquieu  critica  le  due  forme  repubblicane.  Afferma  che  il  principio  che  muove  la  repubblica  

democratica   è   la   virtù,   quello   che   invece   muove   quella   aristocratica   è   la   moderazione.   La  

monarchia   è   invece   retta   dall’onore.   Nella   repubblica   aristocratica   c’è   il   rischio   che   i   pochi   che  

comandano   accentuino   le   differenze   sociali,   facendo   nascere   delle   discriminazioni.   Per   quanto  

  11  

riguarda  la  repubblica  democratica,  Montesquieu  sostiene  che  il  popolo  da  solo  non  riesca  ad  auto  

controllarsi.   La   forma   repubblicana   è   apparentemente   corretta   ma   rappresenta   un   ideale,   che  

nella  realtà  non  è  però  concretamente  applicabile.  Il  dispotismo  infine,  pone  un’unica  figura  che  

comanda  ma  che  non  tiene  conto  di  nessuno  al  di  fuori  di  se  stesso.  È  un  regime  del  terrore,  nel  

quale  i  sudditi  hanno  con  il  sovrano  un  rapporto  di  paura  e  di  sottomissione.  La  soluzione  migliore  

per   Montesquieu   è   quindi   la   monarchia,   che   comporta   un’autorità   disciplinata   con   un   potere  

limitato.  -­‐-­‐-­‐-­‐>  monarchia  costituzionale.  Egli  infatti  critica  la  monarchia  assoluta  francese,  ponendo  

invece  come  modello  quella  inglese,  che  garantisce  la  libertà.  Essa  è  composta  da  un  potere  diviso,  

in  cui  anche  se  comanda  uno  solo,  salvaguarda  i  diritti  di  tutti.  E’  organizzato,  mantiene  l’ordine  

ma   non   opera   solo   per   sé.   Questo   introduce   il   tema   della   divisione   dei   poteri,   per   evitare   in  

particolare  il  problema  dell’abuso  di  potere.  Ogni  uomo  che  ha  a  disposizione  troppo  potere,  ne  

abusa.  Bisogna  invece  disporre  le  cose  in  modo  che  il  potere  elimini  il  potere.  (affiancamento)  il  

potere   è   cioè   affiancato   da   un   altro   potere.   Per   Montesquieu   il   potere   è   della   nobiltà     e   del  

popolo.  Non  bisogna  eccedere  in  uno  dei  due  sensi,  poiché  queste  due  fonti  dovrebbero  costituire  

il  potere  legislativo.  La  gestione  legislativa  va  divisa  tra  nobiltà,  quindi  coloro  che  hanno  privilegi,  e  

con  il  resto  della  massa  popolare.  Queste  due  parti  devono  collaborare  ponendo  così  dei  limiti  alla  

sovranità   popolare   espressa   ad   esempio   nella   repubblica.   Questo   rappresenta   una   condivisione  

del  potere  legislativo,  che  rappresenta  la  società  nella  sua  diversità,  si  rispetta  lo  spirito  delle  leggi.  

Per   quanto   riguarda   il   potere   esecutivo   esso   è   nelle   mani   del   re,   del   monarca,   in   modo   da  

collaborare  con  il  legislativo.  Non  è  un  potere  illimitato,  univoco,  ma  è  un  potere  che  non  agisce  da  

solo,    che  collabora.  Il  monarca  indirettamente  collabora  con  il  legislativo  non  solo  perché  convoca  

assemblee,  ecc…  ma  perché  usa  un  diritto  di  veto  nei  confronti  del  legislativo,  ovvero  di  fronte  alle  

iniziative  legislative  può  esprimere  un  giudizio  positivo  o  negativo.  Il  rapporto  tra  potere  e  potere  

prevede  che  l’uno  si  ripari  dall’altro,  ma  che  nello  stesso  tempo  lo  garantisca.  Rispetto  al  potere  

giudiziario,   i   magistrati   sono   la   bocca   che   pronuncia   le   parole   della   legge,   niente   altro.   Questo  

potere   deve   essere   separato   e   autonomo   rispetto   al   potere   esecutivo   e   al   legislativo.   I   giudici   non  

possono   in   alcun   modo   sostituirsi   a   un   altro   dei   due   poteri.   I   tre   poteri   devono   bilanciarsi   a  

vicenda.-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   immobilismo   (problema   che   potrebbe   scaturire   da   un’eccessiva   divisione)   che  

Montesquieu  non  condivide  perché  il  movimento  necessario  delle  cose  però  fa  si  che  i  tre  poteri  si  

bilancino   si   equilibrino   naturalmente.   Anche   Montesquieu   affronta   il   tema   della   tolleranza,   e   si  

colloca   vicino   a   Hobbes,   affermando   che   bisogna   evitare   contrasti   religiosi   interni   allo   stato.  

Propone  uno  stretto  rapporto  tra  leggi  e  religione.  Egli  ritiene  possibile  l’unita  religiosa  nello  stato,  

ma  rimane  dovere  dello  stato  controllare  che  non  si  introducano  altre  forme  religiose.    

 

CAPITOLO  IX:  Rousseau,  la  Rivoluzione  francese,  Sieyes,  Girondini,  Giacobini,  Kant  (pp.  279-­‐  305)  

ROUSSEAU   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   (1700)   tema   centrale:   legame   tra   libertà   e   uguaglianza.   Bisogna   analizzare   la  

società   per   valorizzare   questi   ideali.   Rousseau   pone   come   soluzione   la   democrazia,   unica   forma   di  

governo  che  salvaguarda  la  libertà  e  l’uguaglianza.    

Tre  opere  fondamentali:    

“il  discorso  sull’origine  della  disuguaglianza”  (anni  50)  

• “il  contratto  sociale”  

• “il  discorso  sull’economia  politica”  (anni  50)  

•  

“il  discorso  sull’origine  della  disuguaglianza”  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  Rousseau  individua  la  posizione  dell’individuo  in  

uno  stato  di  natura  e  in  uno  stato  civile.  

Nello  stato  di  natura,  l’uomo  è  libero  e  felice,  guidato  dagli  istinti  e  dai  suoi  bisogni  naturali.  Non  

c’è     guerra   continua   come   per   Hobbes.   Per   Rousseau   l’uomo   è   pacifico,   non   spinto   verso   il  

conflitto.  Il  sentimento  prevalente  è  quello  dell’amore  per  se  stesso  temperato  dalla  pietà  e  dalla  

  12  

compassione   per   i   suoi   simili.   Nella   società   civile   al   contrario,   l’uomo   è   guidato   dalla   ragione,  

ottenendo   risultati   negativi.   Tuttavia   l’ingresso   in   società   è   inevitabile   ed   è   dovuto   alla  

caratteristica  dell’uomo,  la  perfettibilità.  Essa  rende  gli  uomini  capaci  di  evolversi,  e  corrompersi  

talvolta.  Si  tratta  a  questo  punto  di  distinguere  tra  buona  e  cattiva  uscita  dallo  stato  di  natura.  La  

ragione,   elemento   che   caratterizza   la   civiltà   moderna,   distrugge   la   compassione   e   la   solidarietà.  

Non   scaturisce   amore   per   se   e   per   gli   altri   ma   ne   deriva   un   amore   proprio   -­‐/-­‐   dall’amore   di   sé.  

Questo  sentimento  è  a  discapito  degli  altri.  L’uomo  diventa  individuo,  si  chiude  in  se  stesso  ed  è  

l’unico  termine  di  paragone.  Vuole  primeggiare  sugli  altri.  È  un  uso  individualistico  della  ragione  -­‐-­‐-­‐

-­‐-­‐>  egoismo.  

Si   crea   una   società   civile   basata   sulla   ragione.   In   questo   processo   si   perfezionano   le   abilità  

industriali   e   le   capacità   linguistiche.   La   ragione   è   il   mezzo   più   efficace   per   organizzare   la   società.   Il  

problema   è   che   più   la   ragione   progredisce,   più   aumentano   le   differenze   tra   gli   uomini,   che  

diventano   disuguali,   allontanandosi   sempre   di   più   dallo   stato   di   natura   originario.   Le  

disuguaglianze  diventano  radicali  nel  momento  in  cui  si  afferma  la  proprietà  privata.  Da  qui  nasce  

l’orgoglio,   l’ambizione,   la   paura   e   la   società   diventa   uno   scontro   tra   fazioni   (ricchi   vs   poveri).   In  

questo   modo   si   può   arrivare   alla   guerra   totale.   Lo   stato   di   guerra   per   Rousseau   coincide   con  

l’umanità  civilizzata.  Per  Hobbes  questo  era  il  punto  di  partenza,  per  Rousseau  la  guerra  e  la  lotta  

sono   il   punto   d’arrivo.   Attraverso   la   ragione   e   attraverso   la   proprietà   privata   si   arriva   alla  

disgregazione.  La  società  civile  progredisce  attraverso  il  predominio  dei  pochi  sui  molti,  e  l’uomo  

diventa   sempre   di   più   uno   schiavo.   Il   massimo   della   schiavitù   è   il   dispotismo   che   per   Rousseau   è   il  

ritorno,   capovolto   alla   situazione   originaria,   poiché   tutti   sono   uguali   ma   non   nel   senso   di   liberi  

(positivo),   ma   nel   senso   che   sono   tutti   sottomessi   nello   stesso   modo   al   despota   (negativo).  

Rousseau  vede  il  la  storia  come  un  processo  degenerativo  e  la  causa  di  tutto  questo  è  la  società.    

“il  discorso  sull’economia  politica”  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  funzione  dell’economia  politica  secondo  Rousseau:    più  

che   offrire   dei   modelli   di   sviluppo   dovrebbe   mantenere   i   privati   nella   pace   e   nell’abbondanza,  

dovrebbe   essere   popolare.   L’economia   politica   non   è   intesa   come   sviluppo   produttivo   ma   come  

strumento  di  uguaglianza  sociale.  Per  realizzare  questo  compito  bisogna  che  le  leggi  si  conformino  

alla   volontà   generale   -­‐-­‐-­‐-­‐>   strumento   per   mettere   ordine   nella   società,   per   rendere   giustizia.   La  

volontà  generale  non  è  la  somma  delle  volontà  individuali,  ma  piuttosto  è  un  interesse  comune.  

Nel   contesto   dell’economia   politica   la   proprietà   privata   può   essere   lo   strumento   di   uguaglianza  

sociale.  Rousseau  vede  l’economia  politica  nel  senso  comune,  come  volontà  generale.    

“il   contratto   sociale”   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   “l’uomo   è   nato   libero,   e   ovunque   è   in   catene.”   (rapporto  

natura/società).  Con  questa  frase,  Rousseau  contesta  l’ordine  sociale.  La  società  è  così  la  causa  dei  

problemi,   le   istituzioni   negano   la   natura   dell’uomo,   l’individuo   deve   liberarsi   dalle   catene   e  

riappropriarsi  della  libertà  dello  stato  di  natura.  Temi  centrali:  

rapporto  tra  popolo  e  stato  

• rapporto  con  la  sovranità  dello  stato  

• le  forme  di  governo  

 

rapporto  tra  popolo  e  stato  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  nello  stato,  l’uomo  dovrebbe  esprimere  la  sua  volontà,  per  cui  

per  Rousseau  lo  stato  deve  essere  un  insieme  di  uomini  liberi,  che  attraverso  una  volontà  comune,  

si  associano  in  un  contratto  con  vincolo  reciproco.  Contratto  diverso  da  quello  di  Hobbes,  perché  

in  questo  caso  condividendo  questo  patto  gli  uomini  non  alienano  i  proprio  diritti,  non  è  un  patto  

attraverso  il  quale  si  perdono  i  diritti  per  ottenere  la  protezione  del  Leviatano.  Gli  uomini  devono  

raggiungere   un’associazione/contratto   capace   di   proteggere   i   beni   e   i   diritti   di   ciascuno.   È   un  

alienazione   nei   confronti   della   società.   È   un   accumulare   di   beni,   non   alienarli.   Questo   tipo   di  

alienazione   permette   una   compartecipazione   organica   di   ciascuno.   L’individuo   non   perde  

  13  

qualcosa,  ma  la  guadagna.  L’individuo  diventa  cittadino,  ed  è  parte  di  un  tutto.  Si  vuole  creare  una  

collettività  di  interessi  e  l’uomo  ci  guadagna,  non  ci  perde.  

Questo  patto  è  il  contratto  sociale,  al  posto  dei  singoli  contraenti  vi  è  un  corpo  organico  collettivo.  

Il  corpo/organismo  collettivo  diventa  lo  stato,  dove  i  diritti  di  tutti  convergono.  

Rapporto   con   la   sovranità   dello   stato   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   la   sovranità   dello   stato   è   l’espressione   della   volontà  

collettiva.  Solo  la  volontà  generale  può  guidare  lo  stato  verso  l’interesse  di  tutti.  La  volontà  privata  

porta   al   privilegio,   mentre   quella   generale   tende   invece   all’uguaglianza.   La   volontà   generale   non   è  

solo   la   volontà   di   tutti   (come   somma)   ma   è   invece,   l’interesse   comune.   Questa   sovranità   è   il  

potere   diretto   della   volontà   generale.   Quando   il   cittadino   deve   compiere   un   dovere,   in   questo  

contesto,  opera  in  definitiva  per  se  stesso,  non  obbedisce  e  non  sottostà  a  un  terzo.  Anche  i  doveri  

ai   quali   deve   rispondere   sono   nell’interesse   comune,   obbedisce   a   se   stesso.   Inalienabilità   e  

indivisibilità  della  società  come  volontà  comune.  Il  popolo  non  può  indicare  qualcuno  al  posto  suo.  

Se  la  sovranità  viene  messa  nelle  mani  di  un  altro,  il  cittadino  non  gestisce  più,  il  popolo  ritorna  

suddito.   La   sovranità   è   indivisibile   perché   è   caratterizzata   dall’unità,   non   si   possono   dividere   i  

poteri  sennò  non  è  più  unica.  La  divisione  rischia  di  separare  l’interesse  collettivo.  Funzioni  diverse  

nella  società  si,  ma  non  divisioni.    

Forme   di   governo   -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>   il   governo   è   un   amministratore.   Ogni   governo   per   Rousseau   è   transitorio,  

perché   c’è   bisogno   che   lo   stato   sacrifichi   il   governo   per   il   popolo.   Il   governo   può   cambiare   a  

seconda  del  popolo  ma  la  forma  preferita  da  Rousseau  è  la  repubblica.    In  essa  infatti  si  esprime  

meglio   la   volontà   generale,   ogni   governo   legittimo   è   repubblicano.   Il   popolo   è   l’autore   delle   leggi.  

In   particolare   Rousseau   adotta   la   scelta   della   repubblica   democratica   di   tipo   puro,   assoluto,  

autentico  e  diretto,  deve  coinvolgere  tutti  ed  esprimere  realmente  il  potere  sovrano  del  popolo.  

Rousseau   parla   di   poteri   come   l’esecutivo,   il   legislativo,   etc..   ma   sono   esercitati   dall’assemblea.  

Non   ci   sono   rappresentanti   quindi,   semmai   ci   sono   commissari.   Il   legislatore   ha   il   ruolo   di  

canalizzare   l’espressione   del   popolo.   Sono   infatti   solo   funzioni   diverse   e   non   poteri   divisi.   Chi  

esegue  i  poteri  svolge  solo  delle  funzioni  per  il  popolo.  I  protagonisti  sono  tutti  per  gli  interessi  di  

tutti.    

 

LA  RIVOLUZIONE  FRANCESE  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  Ancien  regime  (fine  1700).  Alla  vigilia  della  Rivoluzione  francese,  

l’assolutismo  monarchico  francese  si  basava  ancora  su  tre  ordini:    

nobiltà  

• clero  

• borghesia  

In  Francia  la  monarchia  prevaleva  e  le  differenze  sociali  erano  piuttosto  nette.  Si  distingueva  chi  

era   di   un   ceto   e   chi   di   un   altro.   Attraverso   le   istituzioni   si   rompono   gli   schemi   classici.   Il   popolo  

sente   l’esigenza   di   farsi   sentire.   Vengono   messe   in   crisi   la   monarchia   e   la   nobiltà.   Si   lanciano   gli  

ideali   di   fraternità,   di   libertà   della   Rivoluzione   francese,   frutto   di   idee   di   progresso   maturate   nel  

1700.  Questo  mette  in  discussione  gli  ordini  politici  e  sociali  del  tempo.  Sono  ideali  positivi,  ma  in  

quel   contesto   anche   distruttivi,   destabilizzanti   per   il   passato.   Buttano   all’aria   un   passato  

consolidato  e  certo.  Sono  ideali  con  prospettive  non  ben  definite,  confusionali.  Nasce  una  nuova  

società  da  definire  e  ricostruire.  La  Rivoluzione  si  porrà  come  manifestazione  concreta  di  questa  

ideologia,  ponendo  le  basi  dei  principi  di  uguaglianza,  fratellanza  e  libertà.  La  Rivoluzione  p  stata  

anche  un  evento,  oltre  che  rivoluzionario,  pieno  di  contraddizioni:  

è  stato  un  evento  sia  costruttivo  che  distruttivo  

• si   è   proposta   con   intenti   individualistici   e   razionalistici   espressi   con   le   dichiarazioni   dei  

• diritti  dell’uomo.  

L’azione  rivoluzionaria  si  svolge  però  non  attraverso  il  singolo,  ma  con  il  popolo,  la  nazione.  

 

  14  


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

23

PESO

728.22 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in servizio sociale (BIELLA - CUNEO - TORINO)
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher eleonora.demarco di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del pensiero politico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Crivellin Egidio Walter.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del pensiero politico

Riassunto esame Storia delle Istituzioni politiche, prof. Crivellin, libro consigliato Manuale di storia del pensiero politico, Galli
Appunto
Riassunto esame Metodi e tecniche del servizio sociale, prof. Cellini, libro consigliato Le dimensioni dell'intervento sociale, Ferrario
Appunto
Riassunto esame Scienza Politica, prof. Ravazzi, libro consigliato Manuale di scienza politica
Appunto
Riassunto esame Servizio sociale, prof. Dellavalle, libro consigliato Le radici del servizio sociale in Italia, Dellavalle
Appunto