Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Grazie  a  questa  nuova  organizzazione  gli  inglesi  cominciano  la  loro  espansione  verso  la  Cina.  Questo  

nuovo   interesse   deriva   dalla   continua   richiesta,   in   patria,   di   tè   cinese,   che   si   poteva   barattare   con  

l’oppio  e  il  cotone  grezzo  dell’India.    

Notiamo   come   paradossalmente,   dopo   la   sconfitta   britannica   in   America,   la   monarchia   francese  

vincitrice   sia   messa   peggio   del   rivale   inglese.   I   volontari   francesi   di   ritorno   cantano   inni   americani  

mobilitati   dal   marchese   di   Lafayette,   e   portano   con   loro   l’idea   di   riformare   la   rappresentanza  

attraverso   assemblee   popolari.   In   questo   clima   i   ministri   provarono   a   iniziare   nuovi   programmi   di  

riforma   che   modificassero   la   monarchia   ma,   non   riuscendo   a   coinvolgere   ne   le   élite   ne   il   popolo,   come  

ad   esempio   avvocati   e   i   nuovi   professionisti   parigini,   riuscirono   solo   a   stimolare   l’opposizione.   Questo  

porta   nel   1789   a   riunire   gli   Stati   Generali,   che   portano   con   sé   conflitti   tra   le   tre   classi   sociali  

rappresentate   (Chiesa,   Nobiltà   e   Borghesia).   Lo   stallo   che   si   viene   a   creare   provoca   le   prime   rivolte  

locali   e   conflitti   sociali   facendolo   diventare   una   rivolta   nazionale.   Al   governo   nel   1792   si   ritrovano  

girondini,   definibili   come   “federalisti”,   contro   giacobini,   credo   che   un   governo   autorevole   possa   creare  

una   “repubblica   delle   virtù”,   spazzando   via   l’istituzione   ecclesiastica,   la   nobiltà   e   la   monarchia.   La  

reazione  conservatrice,  specialmente  nel  Nord  Ovest  del  paese,  porta  ai  massacri  del  Terrone  nel  1793.      

  La  fase  culminante  dalla  Francia  si  riesporta  la  rivoluzione  mondiale,  1789-­‐1815  

L’evento   che   radicalizza   il   processo   rivoluzionario   della   Francia   è   l’invasione   da   parte   delle   grandi  

potenze.   La   presenza   di   eserciti   esteri   da   una   spinta   uguale   e   opposta   corrispondente   ad   un’onda   di  

rivolta   che   porta   la   nuova   nazione   a   varcare   i   propri   confini   –   con   Napoleone   Bonaparte.   Storici  

moderni   sostengono   che   queste   questa   nuova   organizzazione,   prima   che   diventasse   dispotica,   deve  

saper  relazionare  con  personalità  socialmente  cospicue  per  imporre  dipendenza  e  sottoporre  i  nuovi  

territori   a   tassazione,   perciò   i   comandanti   di   Napoleone   decidono   di   rivolgersi   ai   notabili   locali   per  

mantenere   la   quiete.   Queste   nuove   tasse,   e   le   indennità   chieste   ai   territori   minacciati   riescono   a  

risollevare   le   finanze   francesi,   crollate   dopo   la   perdita   delle   colonie.   Proprio   per   questa   pressante  

militarizzazione  dei  territori  conquistati  l’imperatore  deve  retribuire  i  militari  e  gli  ufficiali  di  stanza  in  

questi   territori;   coloro   che   sfruttano   il   momento   ampliando   le   proprie   fortune   sono   i   fornitori   e  

imprenditori  di  materiali.      

Conseguentemente   alla   rivoluzione   ed   alla   conquista   francese   dell’Europa   le   colonie   cominciano   ad  

avere   i   primi   sussulti   rivoluzionari,   come   nei   Caraibi,   con   la   prima   liberazione   di   schiavi,   subito  

revocata  da  Napoleone.  Ad  Haiti,  grazie  alle  rivolte  guidate  dal  “giacobino  nero”  L’Ouverture,  vengono  

impegnati  quasi  100  mila  soldati  inglesi.  In  seguito  anche  Napoleone  cerca  di  ripristinare  la  schiavitù  

nella  stessa  isola  ma  viene  sconfitto  rallentando  la  marcia  del  nuovo  impero.    

Il  cambiamento  europeo  porta  nuove  ondati  di  cambiamento  in  altre  zone  del  mondo:  

La  caduta  della  Spagna,  di  fronte  a  Napoleone,  incentiva  le  sue  colonie  a  rivolte:  

$ L’interruzione  della  tratta  degli  schiavi  e  dell’estrazione  di  argento  in  Messico  e  Perù  comporta  

$ dei  sommovimenti  in  Africa  e  Asia  –  la  Cina  dipende  dall’argento  messicano.    

Gli   Inglesi   decidono   di   imporsi   sull’Irlanda,   dopo   la   ricolta   del   1798;   ricostruiscono   il   primo  

$ dominio   il   Canada.   In   oriente   la   rivoluzione   da   modo   di   schiacciare   gli   stati   indipendenti  

dell’India,  invadendo  le  Indie  Orientali  olandesi  e  la  Repubblica  batava  olandese.    

Anche   lo   stato   Ottomano   deve   riformarsi   per   non   morire.   L’India   e   l’Asia   centrale   vengono  

$ spartite  tra  piccoli  napoleoni  russi  e  britannici.    

Anche   nel   Pacifico   ci   sono   strascichi   che   toccano   la   Nuova   Zelanda,   l’Australia   e   le   isole  

$ polinesiane:   con   il   blocco   coloniale   imposto   dalla   GB   comincia   una   rivalità   commerciale   per  

quanto   riguarda   l’olio   di   balena   ;   ma   anche   le   istituzioni   come   le   colonie   penali   e   le   stazioni  

missionarie   sono   centri   in   cui   iniziano   i   conflitti   rivoluzionari.   (   In   Nuova   Zelanda   i   maori   sono  

i  primi  a  impratichirsi  con  le  tecniche  militari  europee  che  usano  contro  i  l’Isola  del  Sud).  

 

  12  

L’INDEBOLIMENTO  DELLA  LEGITTIMITA’  DELLO  STATO:  DALLA  FRANCIA  ALLA  CINA  

Ciò  che  si  è  sostenuto  fino  a  qui  è  che  la  crisi  mondiale,  tra  1780  e  1820,  sia  dovuta  ad  uno  squilibrio  

tra   i   bisogni   militari   degli   Stati   e   le   loro   capacità   finanziarie.   Questa   crisi   comincia   prima   negli   stati  

dell’Ovest   e   del   Sud   Asia   arrivando   al   culmine   in   Europa   nel   1789.   Ma   questo   non   è   l’unico   motivo,  

notiamo  anche  una  lenta  crescita  economica  che  però  distribuisce  in  maniera  diseguale  la  ricchezza.    

Bisogna  quindi  esaminare  il  legame  che  esiste  tra  crisi  sociale  e  modi  di  opposizione  all’autorità  nelle  

diverse  società  mondiali.  

Povertà,   senso   di   perdita   e   conflitto   sociale   portano   la   popolazione,   anche   grazie   alla   crescita   della  

stampa   e   dell’opinione   pubblica,   a   pensare   se   sia   giusta   la   legittimità   data   ai   governi   a   governare.  

Proprio   la   “cultura   di   opposizione”   cambia   il   conflitto   economico   in   crisi   sociale.   Ad   esempio   in  

America  ciò  che  accomuna  l’opposizione  è  l’ostilità  alla  GB  e  al  cattolicesimo  romano;  in  Francia  invece  

l’incompetenza  finanziaria  dei  sovrani  è  la  goccia  che  fa  traboccare  il  vaso,  che  porta  anche  alla  rottura  

con  la  tradizione  cristiana  abbandonandone  il  calendario.  In  questo  periodo  anche  la  GB  deve  lottare  

con   feroci   satire,   ma   questo   viene   sfogato   attraverso   il   parlamento   e   la   stampa.   Allo   stesso   modo   i  

dubbi   dei   filosofi   riguardanti   la   Chiesa   non   portano   ad   un   attacco   massiccio,   com’era   accaduto   in  

Francia.  Alcuni  illuministi  desiderano  mettere  Dio  in  secondo  piano  ma  sicuramente  non  farne  a  meno.  

Altri   esponenti,   come   evangelisti,   metodisti   e   riformatori   protestanti   aspirano   ad   un   Illuminismo  

conservatore.   Ciò   che   è   possibile   notare   che   tra   la   tensione   sociale   e   la   rottura   politica   radicale   vi   è  

sempre  uno  stadi  intermedio  rappresentato  da:  

Cultura  popolare  

% Credenze  

% Rappresentazioni  della  politica.  

%

Questi  fattori  accelerano  i  processi  portando  al  limite  i  confini  sociali  e  politici.    

Ad   esempio   la   Cina   nel  ‘700   continua   la   sua   espansione,   sia   economica   che   territoriale,   ma   cominciano  

i   primi   movimenti   dissidenti   che   traggono   spunto   da   tensioni   economiche   interne.   In   ciò   notiamo  

come   la   cultura   popolare   si   ritrovi   nei   monaci   erranti   che   diffondono   le   idee   del   buddismo,   la  

conseguenza   immediata   è   lo   scredito   dato   all’aristocrazia   letterata   confuciana.   Si   rafforza   così   la  

rivalità  fra   MANCIÚ,  cioè  la  classe  dirigente,  e   CINESI,  cioè  il  buddismo  popolare.  Il  governo  cinese,  alla  

morte   dell’imperatore   Qianlong   1799,   basato   sulla   corruzione,   comincia   a   scontrarsi   per   avere   il  

potere  sul  nuovo  sovrano.  Nei  vent’anni  successivi  i  ribelli  rivendicano  la  legittimità  basata  su:  

Buddismo  millenaristico    

& Banditismo  sociale  

& Taoismo  popolare  

& Religione  cinese  degli  spiriti    

& Locale  millenarismo  cristiano.  

&

Tutti   spingono   il   popolo   a   pensare   che   i   funzionari   siano   corrotti   e   abbiano   violato   l’economia   morale.  

Ma   queste   turbolenze   non   sono   il   sintomo   del   collasso   dell’impero   cinese.   Infatti   la   legittimità   della  

dinastia  non  vien  messa  in  discussione  fino  al  XIX  secolo.    

Prendendo  a  modello  questo  esempio  possiamo  notare  alcune  convergenze  anche  in:  

Inghilterra,  l’élite  è  spaventata  da  una  possibile  ritorsione  della  popolazione,  come  è  avvenuto  

# in   Francia,   Italia   e   Germania.   Ma   ciò   che   li   distingue   è   la   fiducia   che   hanno,   datagli   da   nobili  

terrieri,  mercanti  e  la  classe  media.    

Giappone,   affronta   guerre   civili,   attacchi   stranieri   e   la   sostituzione   della   dinastia   regnante  

# (come  in  Francia).  Ma  riesce  a  evitare  tutto  ciò  arrivando  a  diventare  una  potenza  industriale,  

con   molta   più   facilità   della   Cina.   Questo   è   dovuto   al   fatto   che   la   sua   popolazione   cresce   in  

maniera   minore,   l’economia   è   basata   su   soggetti   locali,   che   rafforzano   il   decentramento  

politico,   ma   anche   la   classe   governativa   riesce   a   contrastare   i   movimenti   eterodossi   essendo  

presente  nei  villaggi  e  nelle  città,  a  dispetto  della  Cina.    

  13  

In   India   l’élite   dominate   indo-­‐mussulmana   non   è   capace   di   contrastare   i   poteri   locali  

# emergenti.   Ad   esempio   i   sikh  cercano   di   ristabilire   il   dharma.   I   sovrani   di   Delhi   non   riescono   a  

capire  come  contrastare  questo  fenomeno.  

L’Impero  Ottomano  si  colloca  tra  i  due  estremi.  I  sultani  perdono  il  loro  potere  nelle  provincie  

# più   remote,   ma   la   burocrazie   riesce   a   riorganizzare   un   movimento   di   riforma     il   Tazimat.  

Anche  il  movimento  wahhabita  può  essere  visto  come  un  movimento  di  rivoluzione  del  mondo  

islamico  e  proprio  per  questo  repressa  ma  non  bloccata.  

La  legittimità  dei  sovrani  è  data  dall’equità  con  amministrano  l’economia  morale.  

 

LE  ORIGINI  IDEOLOGICHE  DELLA  SINISTRA  E  DELLO  STATO  MODERNO  

All’inizio  dell’ottocento  si  è  pensato  che  la   sovranità  popolare  abbai  avuto  una  vittoria  definitiva,  questo  

viene  visto  positivamente  anche  dai  liberali.  

L’idea   che   il   popolo   abbia   diritti   e   possa   agire   in   politica   si   Il   radicalismo   è   una  corrente  ideologica  sorta  

espande   in   tutto   il   mondo.   Il   radicalismo   però   non   riesce   a   nel   XVIII   secolo   all'interno   del   movimento  

liberale.  I  "radicali"  rappresentavano  la  sinistra  

vincere.   Secondo   Burke   la   rivoluzione   porta   alla   tirannia   dello   schieramento   liberale.   Essi   proponevano  

della  plebe  e  al  Terrore,  come  nel  1793  fanno  i  giacobini.  La   riforme   politiche   appunto   radicali   in   senso  

egualitario,   tra   le   quali   l'introduzione   del  

rivoluzione   porta   con   se   anche   modifiche   alle   associazioni   suffragio   universale,   l'abolizione   dei   titoli  

corporative,   ad   esempio   le   donne   cominciano   a   far   parte   nobiliari   e,   taluni,   la   repubblica.[1]   I   radicali  

della   forza   lavoro,   diminuendo   i   salari   generali.   Fuori   dalla   inoltre   sostenevano   la   libertà   di   stampa   e   la  

rigida  separazione  fra  Stato  e  Chiesa.  

realtà  europea  invece,  la  modifica  apportata  alle  associazioni  

corporative,   porta   al   ritorno   ad   una   economia   nativistica.  

Ad   esempio   in   India   si   proteggono   i   prodotti   pregiati,   nell’Impero   Ottomano   gli   artigiani   si   uniscono   al  

movimento  degli  islamici  puristi  e  antioccidentali;  dando  così  la  possibilità  allo  Stato  di  beneficiarne.  

L’unico  caso  che  fa  eccezione  dono  gli  Stati  Uniti  che,  dopo  al  rivoluzione,  non  è  soggetta  a   una  guerra  

di  sopravvivenza.  

Questo   momento   di   crisi   e   di   modifica   porta   allo   Stato   la   possibilità   di   avere   a   disposizione   nuovi  

strumenti  come:  

Diritti  universali  dell’uomo  

' Criteri  universali  di  diffusione  della  cultura  e  della  benevolenza.  

'

Ciò   può   essere   usato,   ed   usate   come   in   precedenza   era   usata   la   religione.   Ad   esempio   Napoleone  

afferma   di   governare   i   popoli   secondo   i   loro   desideri,   assecondandoli   e   diventando   ciò   che   essi  

vogliono.  Afferma  che  ha  vinto  le  guerre  diventando  rispettivamente  cattolico,  in  Vandea,  mussulmano  

in  Egitto,  devoto  del  papa  in  Italia.  

Nello   stesso   periodo   si   comincia   a   liberare   gli   ebrei   dai   ghetti,   la   GB   riconosce   la   diversità   religiosa  

(vengono   ammessi   i   cattolici   nell’esercito).   Questa   nuova   propensione   non   significa   che   non   ci   fossero  

nette  differenziazioni.  Questo  è  il  periodo  in  cui  cominciano  a  circolare  le  classificazioni  per:  

Razza  

$ Cultura  

$ Religione  

$ Popolo  

$

Si   individua   una   gerarchia   nella   quale   i   popoli   tribali   africani   sono   le   società   meno   sviluppate,   che   non  

hanno   alle   spalle   uno   Stato   riconoscibile.   Attenzione:   Queste   differenziazioni   non   si   basano   su  

pregiudizi  raziali  biologici  e  evoluzionistici.  

Vi  sono  quindi  dei  primi  tentativi  che  cercano  di  sistematizzare  i  primi  dati  antropologici.  I  pensatori  

dell’epoca   pensano   ad   un   aiuto   dato   dalle   società   più   avanzate   per   far   progredire   i   popoli   indigeni   che  

sono   bloccati   a   livello   degli   indigeni.   Ad   esempio:   gli   italiani   sono   considerati   degenerati,   corrotti   e  

incapaci   di   superare   valori   arcaici   e   familiari.   Si   pensi   all’India   di   Cornwallis,   che   non   presenta   ai  

vertici   indiani   e   sanguemisti,   poiché   vede   in   loro   corruzione;   portando   poi   organizzazione   europea  

  14  

nella   gestione   delle   proprietà   territoriali,   portando   poi   ad   una   società   agraria   diseguale   soggetta   a  

ribellioni  contadine.  Nuove  modifiche  all’ordine  preesistente  vengono  fatte  anche  fatte  da  Napoleone  

che,   in   Renania,   toglie   dazi   e   diritti   del   vecchio   ordine   ma   ponendo   la   classe   agraria   come   base  

dell’amministrazione  modernizzatrice.  Questo  scambi  di  ruoli  porta  l’ascesa  della  “classe  media”  .  

questo  però  porta  alla  supremazia  bianca,  a  dispetto  di  quella  indigena.  In  Oceania  i  coloni  cominciano  

a  recintare  le  terre  richiedendo  il  diritto  su  di  esse.  In  alcuni  stati  gli  indigeni  diventano  funzionari  e  

informatori  ai  più  bassi  livelli  integrando  i  concetti  di  civiltà  e  barbarie  data  dai  conquistatori.  

 

LA  NAZIONALITÀ  CONTRO  GLI  STATI  E  GLI  IMPERI  

Ciò   che   è   possibile   identificare   come   spinta   alla   definizione   del   moderno   STATO-­‐NAZIONE   è   stata  

l’occupazione  napoleonica.    

In  Europa  i  sintomi  di  questa  nuova  organizzazione  sono  i  più  intensi:  

La   conquista   da   parte   francese   dei   territori   rafforza   il   sentimento   nazionalista   (Mazzini  

( conosce  l’Italia  dai  giornali  francesi)  

La   mobilitazione   di   massa   dei   russi   contro   l’avanzata   francese   fa   notare   che   la   Russia   non   è  

( fatta   solo   di   Zar   e   nobili   ma   anche   di   contadini   che   sono   disposti   ad   andare   nei   campi   di  

battaglia.    

In   Germania,  dopo  il  1793  con  la  disfatta  degli  stati  tedeschi.  Goethe  infatti  guarda  al   Volk,  non  

( al  Sacro  Romano  Impero.  

La   GB   e   l’America   presentano   un   senso   di   identità   tale   da   poterlo   plasmare   per   combattere  

( nelle  guerre  napoleoniche.  (vd.  Vittorie  di  Trafalgar  e  Waterloo).  

In   Polonia,   dopo   la   spartizione   del   1795,   inizi   il   primo   sentimento   di   “polacchità”   che   arriva  

( sino  al  XIX  secolo.  

Simili  avvenimenti  che  portano  alla  scoperta  dell’identità  patriottiche  avvengono  in  contemporanea:  

Africa  del  Nord  

) India  

) Ceylon  

)

Oltre  a  ciò  risvegliano  anche  un  sentimento  religioso,  come  in  Marocco   e  Algeria,  dove  i  mussulmani  

reagiscono   a   una   crociata   di   Napoleone   unificando   religione   e   patria   dando   vita   alla   jihad.   Iniziano   i  

primi   storici   a   parlare   di   Egitto   in   lingua   araba.   Allo   stesso   modo   anche   gli   Stati   regionali   Indiani  

reagiscono  al  dominio  inglese  per  aizzare  il  popolo  contro  l’invasore.  Il  Vietnam,  il  Giappone  e  la  Cina  

(all’inizio  dell’800)  percepiscono  il  pericolo  che  deriva  dallo  sfruttamento,  fatto  dagli  europei  nei  loro  

territori.   Contemporaneamente   anche   in   Asia   si   nota   l’espansione   delle   comunicazioni,   la   conquista  

violenta  e  improvvisa.  

In   ogni   identità   regionale   e   nazionale   è   possibile   ritrovare   un   ceto   medio   che   recentemente   sia  

arrivato  al  benessere.  Nel  corso  dell’800  però  l’identità  nazionale  e  la  potenza  dello  stato  si  uniscono  

diventando  strumento  nelle  mani  dei  politici.  

 

LA  TERZA  RIVOLUZIONE:  GENTE  PERBENE  E  DEDITA  AI  COMMERCI  IN  TUTTO  IL  MONDO  

La  terza  rivoluzione  è  data  dall’emergere  della  classe  media  commerciale  e  dei  suoi  valori.  L’ascesa  è  

dovuta   alla   riorganizzazione   della   globalizzazione   e   dei   modelli   di   consumo.   La   “rivoluzione  

industriale”  che  ne  consegue  è  specializzata  nella  riorganizzazione  dei  maestri  tessitorie  dei  padroni  

di   piantagioni,   piuttosto   che   di   filatoio   meccanico   e   macchina   a   vapore.   Possiamo   vederla   come   una  

“rivoluzione   industriosa”   accelerata.  Il  miglior  stato  che  incarna  la  terza  rivoluzione  sono  gli  Stati  

Uniti,   infatti   fino   al   1830   si   basava   sull’agricoltura   avendo   come   unica   città   New   York.   Gli   storici  

moderni   hanno   analizzato   questo   dato   notando   che   tra   il   1780,   periodo   in   cui   si   potevano   contare  

pochissimi   imprenditori   commerciali,   nel   1830   notano   molte   imprese   commerciali   che   portano   alla  

  15  

formazione   di   nuove   banche,   che   emettendo   cartamoneta   fanno   progredire   il   commercio,   le   famiglie  

potevano  permettersi  porcellane,  utensili  e  coperte  imbottite!  

Questa   industrializzazione   è   accompagnata   da   una   crescita   della   popolazione,   secondo   Smith,   in  

particolare  nelle  piccole  città  (  come  si  nota  a  New  York,  il  Canada  comincia  la  sua  espansione  verso  

l’entroterra;  ma  anche  aumenta  la  popolazione  di  Città  del  Capo  e  di  Sidney).    

Questi  mutamenti  provocano:  

Mutamenti  nella  vita  politica,  sociale  ed  intellettuale;  

# Si  comincia,  dal  1830,  a  dare  il  diritto  di  voto  a  uomini  bianchi;  

# L’alfabetizzazione  è  disponibile  in  molti  paesi;    

# Si  rafforzano  l’idea  di  uguaglianza  americana  arriva  oltre  oceano;  

# In  America  la  cultura  viene  considerata  come  bene  di  consumo  per  tutta  la  popolazione  e  non  

# solo  per  le  élite;  

Dopo  il  1840  altre  colonie  britanniche  diventano  autonome.  

#

Possiamo  dire  che  l’emergere  della  classe  media,  con  la  terza  rivoluzione,  si  nota  da:  

1. Mutano  i  consumi  

2. Costruzione  di  abitazioni  urbane  modeste  

E  questi  cambiamenti  si  notano  anche  in  politica  e  nel  mondo  intellettuale  che  cominciano,  grazie  ad  

associazione   britanniche,   americane,   tedesche   e   scandinave,   ad   avere   un   grande   impatto   sui   modelli  

sociali   ed   economici   –   soprattutto   in   Africa   del   sud,   Oceania   e   Asia.   Una   di   queste   è   il  

,   che   da   grande   impulso   a   riforma   la   storia,   riuscendo   in   breve   tempo   ad   abolire   la  

schiavitù;  altra  associazione  è  quella  irlandese  che  lotta  per  l’emancipazione  cattolica.    

Simili   cambiamenti   si   ritrovano   nell’Impero   Ottomano,   prima   della   riforma   amministrativa   del  

Tanzimat,   con   l’emergere   di   una   nuova   classe   istruita   di   servitori   dello   Stato,   e   ad   esso   collegate   vi  

anche  l’istituzione  di  scuole,  biblioteche  e  circoli  culturali.    

Prima   del   1820,   nelle   città   portuali   di   India   e   Sudest   asiatico   si   afferma   una   nuova   classe   media.  

Solitamente   leggono   l’inglese   e   olandese,   danno   luogo   a   circoli,   biblioteche   per   favorire   il   campo  

educativo   e   religioso.   Questo   scambio   culturale   porta   alla   “ ”,   costituita  

da   una   rete   molto   estesa   di   informazioni   e   di   sostegno   politico   reciproco.   I   questo   caso   i   missionari  

cristiani  promuovono  biblioteche,  pubblicazioni,  discussioni  e  pubblici  dibattiti.    

La   partecipazione   a   questi   nuovi   circoli   era   molto   diseguale,   infatti   le   donne   sono   confinate   nella   sfera  

domestica   anche   se   nella   rivoluzione   francese   ne   erano   il   simbolo.   Sono   attive   nel   campo   della  

religione,  nell’istruzione  e  nella  carità.    

La  rivoluzione  accelera  i  due  principali  cambiamenti  della  vita  umana  dell’epoca:  

La  crescente  uniformità  tra  società  diverse;  

" La  crescita  della  complessità  al  loro  interno.  

"

 

RIEPILOGO  

La   “restaurazione   dell’ordine”   in   Europa   fa   pensare   ad   un   periodo   di   equilibrio   politico.   Si   trova  

ovunque   un   equilibrio   tra   controllo  e  rivolta,  prosperità  e  indigenza,   tra   liberalismo   e   repressione.   Ma  

oltre  a  questo  non  si  afferma  nessuno  stato  capace  di  imporsi  nella  scena  europea  o  all’esterno.  Resta  il  

fatto  che  l’Europa  e  il  Nord  America  consolidano  le  proprie  colonie  nel  mondo  tra  1815  e  1860.  

 

   

  16  

PARTE  SECONDA:  LA  GENESI  DEL  MONDO  MODERNO  

 

 

IL  QUADRO  DEL  “NAUFRAGIO  DELLE  NAZIONI”  

In  ogni  continente  si  ritrovano  i  sintomi  della  crisi  globale:  

Scarsità  mondiale  di  argento  

 Penuria  di  denaro  liquido,  che  dopo  il  1810  porta  a  tensioni  economiche  che  collassano  gli  Satti  

 euroasiatici.  

Il  cambiamento  si  blocca  lungo  il  proprio  percorso,  molte  persone  che  prima  vedevano  al  rivoluzione  

come  positiva  rimangono  deluse:  

I  radicali  vedono  il  ritorno  degli  Stati  dinastici,  dopo  il  1815  

( I   cattolici   irlandesi   si   sentono   traditi   perché   con   la   loro   annessione   alla   GB   non   si   è   fatto  

( seguito  all’affrancamento  delle  interdizioni  religiose  

La  rivoluzione  è  diventata  patriarcale  e  il  regime  napoleonico  scoraggia  l’entrata  delle  donne  in  

( politica  

Le  vecchie  supremazie,  fuori  dall’Europa  e  dall’America,  sono  minacciate.  I  francesi  controllano  

( la   moschea   del   Cairo,   poi   la   Mecca,   Medina   ;   gli   Inglesi   e   gli   Olandesi   entrano   nei   palazzi   di  

Giava;  un  Oceani  e  in  America  i  territori  degli  indigeni  vengono  minacciati  di  disboscamento.  

All’inizio  dell’800  inglesi  e  francesi  proibiscono  la  tratta  degli  schiavi  ma  questo  non  ferma  la  

( schiavitù  dato  che  il  commercio  vien  trasferito  in  altri  porti  gestiti  da  spagnoli    e  portoghesi.    

 

Tocqueville   ed   altri   pensatori   dell’epoca   cercano   di   accogliere   il   cambiamento.   Nella   prima   parte   del  

XIX   secolo   i   detentori   del   potere   intellettuale   cercano   di   trovare   strade   per   comprimere   le   forze   del  

cambiamento.   In   un   primo   momento   hanno   successo   arrivando   a   contraddistinguere   questo   periodo  

come  “pluralismo  instabile”.  

Tra  il  1840  e  il  1860  la  possibilità  di  tenere  insieme  una  rivisitazione  del  vecchio  ordine  governativo  

diventa   sempre   più   difficile   portando   al   collasso   e   la   radicalizzazione   di   contadini   e   artigiani   he  

attraverso  i  moti  del  1848  manifesta  questa  retrocessione  governativa.  

Dopo  il  1860  i  regimi  cominciano  a  dare  potere  a  burocrazia,  alla  borghesia  e  all’idea  di  nazionalità.    

 

SUPREMAZIA   MARITTIMA   BRITANNICA,   COMMERCIO   MONIDALE   E   RINASCITA  

DELL’AGRICOLTURA  

Dopo   le   guerre   l’Europa   e   i   suoi   governi   hanno   bisogno   di   espandere   l’economia   e   i   traffici.   Portando   a  

ristabilire  le  finanze  e  assicurare  sostenitori  tra  gli  uomini  d’affare  e  gli  agricoltori  benestanti.    

La   GB   è   diventata   la   più   grande   potenza   navale,   sconfiggendo   le   flotte   francesi,   spagnole   e   olandesi.  

Anche   se   il   paese   è   stremato   dalle   guerre   del   1806-­‐14   nella   penisola   iberica   comunque   riesce   a  

diventare  l’arbitro  commerciale  del  mondo.  Le  supremazie  marittime  sono  divise:  

Anche  la   Russia  ha  una  forte  flotta  navale  che  perlustra  il  mar  Baltico  e  il  Mar  Nero.    

• Nel  nuovo  continente  le  influenze  marittime  vengono  divise  tra   Americani,  che  controllano  i  

• traffici   con   l’Europa   riprendendo   la   dottrina   di   Monroe,   e   la   GB   che   controlla   i   mari   del   Sud  

America  e  il  Pacifico.    

La   Francia   riesce   a   controllare   parte   del   mediterraneo   occidentale,   lungo   le   coste   dell’Africa  

• Occidentale.  

 La  GB  riesce  ad  avere  nuovi  scali:  

Città  del  Capo    

& Fernando  Poo,  costa  equatoriale  africana  

& Malta  

&

  17  

Singapore  

& Ed  altri  insediamenti  in  Australia  e  Nuova  Zelanda.  

&

Questo   porta   una   espansione   dell’economia,   di   conseguenza   ci   sono   ditte   private   che   accumulano  

informazioni  in  tutti  i  porti  dove  sono  presenti  i  loro  agenti,  che  avviene  tra  il  1820  e  il  1840.    

Si   formano   nuove   zone   esportatrici,   come   ad   esempio   il   cotone   che   con   le   piantagioni   di   schiavi  

portano  la  materia  prima  a  molti  tessitori  e  ai  telai  meccanici.  Oltre  al  traffico  di  cotone  americano  vi  è  

anche  quello  indiano  che  da  la  possibilità,  alla  GB,  di  avere  più  sostenitori  tra  i  mercanti  che  tra  le  élite  

indigene  indiane.    

Per   quanto   riguarda   l’America   si   può   affermare   che   gli   stati   meridionali   basano   il   loro   commercio  

sullo  spaccio  di  cotone  grezzo  nelle  fabbriche  inglesi  e  dell’Europa  nordorientale.  Questo  commercio  di  

venta  fondamentale  perché  mette  sullo  stesso  piano  gli  Stato  del  Nord,  che  nel  corso  dell’800  si  stanno  

industrializzando,  e  quelli  del  Sud,  che  continuano  la  coltivazione  del  cotone  e  perpetuano  il  sistema  

schiavistico.  

Il  Brasile  ora  si  impone  come  il  più  grande  esportatore  di  caffè.  L’Olanda  contemporaneamente  viene  

salvata  dall’estinzione  grazie  ai  contadini  giavanesi,  con  la  produzione  di  tabacco,  zucchero  e  riso  per  il  

mercato  mondiale.    

In   Australia   si   comincia   a   trasformare   gli   stabilimenti   coloniali   in   produttori   intensivi   di   lana   e   in  

Africa   Occidentale,   gli  inglesi  cominciano  a  sviluppare  le  prime  esportazioni  di  olio  di  palma.  Questi  

traffici   diventano   molto   importanti   anche   per   le   popolazioni   indigene,   come   quella   Ashanti,   che  

vivevano  di  tratta  degli  schiavi.    

I   nuovi   commerci   comportano   il   mantenimento   e   l’ampliamento   delle   reti   commerciali,   come   strade,  

treni  e  con  la  navigazione  a  vapore,  nel  1830,  si  da  una  spinta  al  commercio  di  grano.  

I   governi   europei   aboliscono   gli   antichi   privilegi,   come   i   tributi   feudali   e   le   decime   ecclesiastiche,  

dando  così  grande  stabilità  alle  comunità  agricole,  dando  il  pieno  possesso  ai  contadini  e  ai  coloni  delle  

terre   che   coltivano,   dando   anche   il   pieno   titolo   legale.   Logicamente   da   questi   decreti   vengono   esclusi   i  

popoli  nativi.  

Perciò  possiamo  dire  che  i  vantaggi  vengono  dati  solamente  ai  proprietari  terrieri.    

 

EMIGRAZIONE:  UNA  VALVOLA  DI  SICUREZZA?  

Nel   1807   l’Inghilterra   vieta   il   traffico   di   schiavi   –   commercio   che   arriva   nelle   mani   di   spagnoli   e  

portoghesi.   Gli   uomini   del   vecchio   continente   sperano   che   emigrare   sia   l’unica   possibilità   per   liberarsi  

dai  politici  e  dai  radicali.    

L’esodo  avviene  in  Nord  America,  di  asiatici  e  europei,  che  lasciano  i  loro  paesi  d’origine  per  arrivare  

nel  nuovo  continente  nella  gamma  che  va  dalla  semi-­‐schiavitù  alla  emigrazione  libera.  In  seguito  vi  è  

anche   una   migrazione   di   cinesi   e   giapponesi   verso   l’America   meridionale.   Poiché   devono   ai   loro   datori  

di   lavoro   il   biglietto   del   viaggio   e   sussistenza   la   loro   esportazione   si   può   ascrivere   ad   un   “nuovo  

sistema   di   schiavitù”.   Questo   spostamento   di   persone   riesce   ad   alleviare   l’Europa   dalla   pressione  

demografica.   Ma   rimane   comunque   molto   difficile   l’equilibrio   sociale   ed   economico   all’economia  

mondiale.  

 

I  PERDENTI  DEL  “NUOVO  ORDINE  MONDIALE”,  1815-­‐16  

Il   paragrafo   prende   in   considerazione   le   aree   di   declino   e   di   scontro   che   minacciano   un   equilibro  

instabile  anticipando  i  conflitti  del  ’48.  

 Tra  il  1820  e  il  1840  le  isole  caraibiche  cominciano  il  loro  declino,  causato  da  rivolte  schiavili  e  dalla  

concorrenza   di   altri   produttori   mondiali;   anche   l’esportazione   di   tessuti   indiani   ha   una   flessione  

negativa;   i   traffici   di   spezie   del   Sud-­‐est   asiatico   languono.   Questi   cambiamenti   non   vengono   sentiti  

dalle   popolazioni,   che   sono   intente   ad   affrontare   i   cattivi   raccolti   e   le   carestie,   diventati   insostenibili  

  18  

dalle   malattie   (infatti   i   disastri   naturali   si   moltiplicano   a   partire   dal   1780).   Tra   il   1847-­‐48   un’epidemia  

brucia  le  coltivazioni  di  patate  di  Irlanda  e  Scozia.    

 

In  questo  periodo  si  colloca     Pensa  che  la  divisione  del  lavoro  globale  

  porti  alla  crescita  della  virtù  umana.  

Questa   “integrazione”   del   commercio   mondiale   è  

ancora   agli   inizi   nel   XIX   secolo.   Questo   perché   la  

comunicazione  economica  inizia  con  il  telegrafo  (dal  1850)  con  il  quale  si  stabilizzano  i  prezzi  di   merci  

agricole,   e   quindi   legate   alle   stagioni.   Alcuni   traffici   non   rispondono   alle   leggi   della   domanda   e  

dell’offerta   ma   servono   allo   stato   per   fa   rientrare   in   patria   le   fortune   dei   militarie   e   i   guadagni  

disonesti;  questi  prodotti  sono  il  tabacco  e  l’indaco  da  tintura.    

 

 

 

  La  domanda  viene  stimolata  artificialmente,  spostando  

  l’interesse  da  un  prodotto  all’altro  

 

 

Gli   unici   ad   avere   dei   profitti   sono   i   mercanti,   gli   armatori   e   gli   assicuratori   europei.   Gli   unici  

indigeni   che   se   la   cavano   sono   gli   usurai   o   i   grandi   mercanti   (i   parsi,   i   greci,   i   maltesi,   i   cristiani  

maroniti  di  Alessandria,  gli  spagnoli,  i  portoghesi  e  gli  inglesi  di  Rio  o  Valparaiso).    

Nel  1830  vi  è  una  sovrapproduzione  di  indaco  e  cotone  che  porta  ad  una  forte  depressione;  lo  stesso  

accade  nel  1845.    

Con  l’800  l’ideologia  economica  dominante  è  quella  del  liberalismo  che  pensano:  

  Le   leggi   di   mercato   sono   pietre   angolari   del   piano   divino   dell’umanità.   Pensano   che   i   regimi  

che   mantengono   il   monopoli   degli   scambi,   interni   ed   esterni   (come   gli   stati   dell’Antico  

Regime),  siano  m alvagi  ed  economicamente  inefficienti.    

 

Ad  esempio  in  GB,  tra  1845-­‐46,  si  lotta  contro  la  Corn  laws.  Queste  tassano  eccessivamente  i  

cereali   esteri   agevolando   la   produzione   interna.   L’abolizione   di   queste   leggi   porta   alla  

spaccatura   del   Partito   Conservatore.   Da   qui   in   poi   la   GB   cerca   di   sostenere   la   popolazione  

interna  attraverso  le  materie  provenienti  da  tutto  il  mondo.  

Per   la   GB   è   essenziale   ottenere   accesso   nei   maggiori   mercati   dell’Asia,   dell’Africa   e  

dell’America   latina   senza   pagare   tariffe   elevate.   Uno   dei   mezzi   per   arrivare   a   queste  

agevolazioni  è  l’uso  di  armi  se  necessario  

Contrario  alla  politica  economica  del  libero  scambio  inglese  è  Friedrich  List  che:  

   

 

Scrive  a  favore  di  una  politica  economica  nazionale.  Egli  esorta  i  produttori  a  tenere    

altre   le   barriere   tariffarie,   in   modo   da   poter   aiutare   l’economia   interna   a   crescere    

senza   la   rivalità   con   i   mercati   esteri.   Questa   idea   prende   sempre   più   piede,    

dall’Ungheria   all’Irlanda,   dove   le   produzioni   vengono   danneggiate   dalle    

importazioni  dall’Europa  occidentale.    

 

 

  19  

Queste  idee  contrastanti  portano   alle  guerre  per  l’accesso  ai  mercati.    

La   GB   cerca   di   imporre   agli   altri   regimi   il   libero   scambio,   che   porta   alla   costruzione   di   un   “impero  

informale”  (come  affermano  Robinson  e  Gallagher).  

  Si  forma  grazie  al  prestigio  militare  e  l’influenza  economica  esercitata  

  dall’Inghilterra  sui  regimi,  riducendone  l’indipendenza.  

 

 

L’impero  Inglese  interviene,  imponendo  l’idea  di  libero  scambio:  

In   America   Latina   inizia   un   perenne   conflitto   con   gli   Stati   Indipendenti   che   non   vogliono  

( sottoscrivere  accordi  di  libero  scambio  su  tariffe  e  dazi  che  i  mercanti  inglesi  devono  pagare  

Nel   1840   mandano   una   flotta   nel   golfo   di   Napoli   per   costringere   il   governo   ad   abbassare   le  

( tariffe   doganali.   (porta   alla   rivoluzione   del   48   nel   regno,   poiché   provoca   crisi   commerciale   e  

disoccupazione).  

Anche   in   Oriente   si   cerca   di   instaurare   un   “impero   di   libero   scambio”   ma   quando   inglesi   e  

( francesi   costringono   gli   ottomani   ad   abbassare   le   tariffe   (1838)   ogni   tentativo   dei   sultani   di  

iniziare  una  produzione  industriale  fallisce.  

 

L’esempio  più  clamoroso  è  la   GUERRA  DELL’OPPIO  (1839-­‐42).    

L’argento  cinese  veniva  usato  per  pagare  il  consumo  crescente  di  oppio;  che  proveniente  dall’India   ma  

esportato   dalla   Compagnia   Delle   Indie   Orientali.   Questo   eccessivo   uso   di   oppio   porta   all’inefficienza  

dell’esercito  cinese  e  si  diffonde  anche  nei  contadini.  Nel  1834  i  liberoscambisti  riescono  ad  abolire  il  

monopoli   da   parte   della   Compagnia   Delle   Indie   Orientali   dando   la   possibilità   ai   mercanti   inglesi   e  

americani   di   ampliare   la   quantità   di   oppio   esportata.   In   Cina,   contemporaneamente,   c’è   un   dibattito  

accesso  su  chi  vuole  legalizzare  l’oppio  e  chi  lo  vuole  abolire  per  restaurare  l’autorità  del  governo.    

L’atto   che   porta   alla   guerra   è   l’invio   di   un   magistrato   cinese   nel   porto   di   Canton   per   distruggere   la  

droga   di   contrabbando.   Il   blocco   commerciale   provocherebbe   la   caduta   dell’economia   inglese   basata  

su:   VENDITA   DI   OPPIO   ALLA   CINA   COMPRARE   MERCI   CINESI   RIVENDUTE   PER   ACQUISTARE  

*   *  

COTONE  GREZZO  IN  AMERICA.    

La  guerra  dell’Oppio  comincia  con  la  “Arrow  War”  (o  Seconda   Guerra   Dell’Oppio)  ,  in  cui  le  truppe  

britanniche  incendiano  il  palazzo  estivo  dell’imperatore  cinese,  gli  inglesi  ricorrono  al  libero  scambio  e  

al   diritto   internazionale   per   giustificare   la   politica   di   penetrazione   economica   in   questa   realtà   del  

mondo.  

 

Questi   ci   fa   capire   come   gli   indigeni   non   riescono   a   controbattere   gli   europei   militarmente   non  

essendo   informati   sulle   nuove   tecniche   di   commercio   (di   assicurazione).   Le   tecniche   di   commercio   dei  

mercanti   europei   si   basano   sul   trasporto   di   prodotti   agricoli   nei   nuovi   mercati   per   poi   ritornare   in  

patria   con   stive   piene   d   merci   orientali,   questo   metodo   non   può   essere   utilizzato   anche   da   mercanti  

indigeni  che  non  riescono  ad  esportare  autonomamente.  

All’inizio  dell’800   la  potenza  militare  è  incontrastata  e  l’industrializzazione  accelera  il  passo,  lasciando  

ai  margini  i  paesi  meno  avanzati  

 

PROBLEMI  DI  LEGITTIMITÀ  IBRIDA:  CHI  ERA  LO  STATO?  

Dopo  il  1815  si  riesce  a  neutralizzare  gli  oppositori  ideologici,  ma  questo  equilibrio  viene  sconvolta  nel  

1848.   Questo   spogli   la   monarchia   dei   vecchi   privilegi   facendoli   appoggiare   a   gruppi   di   giuristi   e   di  

burocrati  di  carriera.    

Napoleone  è  il  primo  ad  occuparsi  del  problema  di  stabilità  e  legittimità.  Egli  per  consolidare  l’ascesa  

al  potere:  

reprime  energicamente  la  folla  rivoluzionaria,    

  20  

rafforza   una   nuova   classe   di   proprietari   terrieri   (creati   dalle   confische   dei   terreni  

• ecclesiastici),  

concorda  con  il  Papa  che  la  Chiesa  accetti  la  perdita  delle  sue  proprietà,  

• riorganizza  il  sistema  giudiziario  francese  con  il   Codice  Napoleonico,  

• perfeziona  le  prefetture  e  il  sistema  di  governo  centralizzato.  

• Cerca  di  imparentarsi  con  gli  imperatori  austriaci  

• Da  ai  suoi  familiari  il  governo  di  parti    dei  territori  conquistati  

 

Le   modifiche   allo   stato   non   vengono   applicate   solo   da   Napoleone   ma   anche   la   GB   comincia   il  

rinnovamento   eliminando   gli   abusi   politici.   L’unione   dell’Inghilterra   con   l’Irlanda   da   la   possibilità   a  

quest’ultima  di  porre  fine  alla  corruzione.  Comunque  si  cerca  di  tenere  un  equilibrio,  tenendo  a  bada  le  

sollevazioni  rivoluzionarie,  contando  ora  sull’appoggio  delle  classi   medie   urbane   contro   anarchici,  

proto-­‐socialisti  e  secessionisti.  Alla  fine  la  monarchia  deve  riconoscere  malvolentieri  il  liberalismo.    

In   altri   paesi   come   Austria,   Italia   e   Spagna   l’alleanza   tra   Chiesa   e   burocrati   riesce   a   tenere   a   bada   in  

nuovi  sentimenti.    

Anche  fuori  Europa  si  cerca  di  rimuovere,  o  modificare,  le  cause  degli  attacchi  all’ordine  tradizionale.  

In   America   Latina   i   governati   cercano   di   legittimare   il   proprio   potere   reprimendo   le   rivolte   degli  

amerindi  e  dei  creoli.  Anche  gli  imperi  coloniali  cercano  di  le  sollevazioni  cittadine  appoggiandosi  alle  

preesistenti  corti  locali,  che  con  il  passar  del  tempo  divengono  centri  di  dissidenza.  Altra  tecnica  per  

tenere  a  bada  le  rivoluzioni  coloniali  è  quella  di  coinvolgere  le  élite  indigene  della  cultura  e  nei  valori  

europei.  

I   restanti   imperi   come   Cina,   Giappone,   Vietnam   e   l’impero   Ottomano   cercano   di   combattere   il  

problema   opposto   ogni   tipo   di   ortodossia   politica   e   religiosa   può   incoraggiare   i   pericoli   stranieri   e   i  

loro  agenti.  

In   Cina  i  letterati  confuciani,  conservatori,  e  i  proprietari  terrieri  rivendica  la  lealtà  all’impero  appena  i  

movimenti   buddisti   di   placano   nel   1803.     È   comunque   spagliato   legare   la   rivolta   di   Taiping   (metà  

1800)   a   questo   evento.   Dopo   il   1820   si   comincia   anche   ad   pensare   a   centralizzare   le   conoscenze  

pratiche  e  l’arte  del  governo.  Si  ricorda  che  la  rivolta  contro  la  legittimità  del  Mandato  Celeste  manciù  

si  dispiega  dopo  il  1842  con  le  sconfitte  da  parte  delle  potenze  occidentali  e  del  Giappone.    

 

LO  STATO  ACQUISTA  FORZA,  MA  NON  ABBASTANZA  

A  causa  di  queste  rivolte  i  governi  decidono  di  intervenire  più  radicalmente:  

Le  repubbliche  di  Genova  e  Spagna  vengono  rovesciate  dalle  truppe  francesi  

☯ In   Austria,   Prussia   e   nell’Impero   Russo   viene   usato   l’esercito   per   reprimere   le   ideologie  

☯ radicali.  

diventa   la   maggior   istituzione,   essendo   potente   e   la   più   burocratica.   Questi   si   basa   sul  

*L’esercito  

controllo   militare   e   logistico   dispiegando   le   forze   con   metodi   alternativi   che   permette   ai   governi   di  

avere  maggior  controllo  sui  territori,  rispetto  ai  secoli  precedenti.    

questo   periodo   le   figure   che   ne   guadagnano   sono   gli   avvocati   e   i   funzionari   poiché,   con  

*In  

l’aumento  della  tassazione,  si  ha  bisogno  di  figure  professionali.    

In   Francia   questo   periodo   è   differente;   infatti   la   Rivoluzione   aveva   portato   ad   un   drastico  

cambiamento,   facendo   crollare   le   professioni   riguardanti   la   giustizia   e   l’avvocatura   -­‐   con   il   1876  

quest’equilibrio  cambia  facendo  rientrare  i  professionisti  -­‐.  

Anche  nell’Impero  Britannico  prendono  piede  gli  avvocati,  e  questo  lo  si  nota  anche  in  India  dove  vi  è  

un  efficiente  apparato  legale  esercitato  da  pochi  individui  ma  istruiti  

*  Anche  la   Polizia  porta  allo  sviluppo  del  potere  statale,  in  particolare  con  la  polizia  segreta.      

Ad   esempio   Giuseppe   II   d’Austria   istituisce   una   polizia   politica   ce   tenga   d’occhio   i   nemici   interni,   in  

particolare  snida  la  sedizione  e  le  idee  eterodosse.  

  21  

La  polizia  che  oggi  conosciamo  ha  le  sue  origini  nella  gendarmeria  rivoluzionari  francese,  che  aveva  il  

compito  di  controllare  la  folla  e  raccogliere  le  informazioni.  

In   Gran   Bretagna   e   America   la   polizia   comincia   a   sostituire   gli   agenti   non   ufficiali   che   si   occupavano   di  

debiti  e  crimini.    

 

L’attuazione  di  queste  nuove  forme  di  repressione  e  controllo  della  popolazione  hanno  il  fine  di  :  

Restaurare  l’autorità  

# Rafforzare  il  controllo  giurisdizionale  

# Sorvegliare  a  distanza  

#

Questi   obiettivi   sono   stati   realizzati   solo   in   parte.   In   alcuni   casi   i   militari   si   impossessano   di   regimi  

rivoluzionari,   come   in   Messico   e   Sud   America.   Cominciano   le   prime   leggende   su   alcuni   gruppi   malvagi  

come:  

*alcuni  fattori  irlandesi  aggredivano  le  persone  per  derubarle  (“boweries”);  

*in  Francia  i  cattolici  hanno  paura  del  potere  che  possono  avere  i  massoni:  

*  le  autorità  tedesche  hanno  paura  dei  circoli  rivoluzionari  che  organizzano  addestramenti  militari;  

*  in  Italia  ci  sono  le  società  dei  carbonari.  

 

In  questo  periodo  lo  Stato  non  riesce  comunque  a:  

1. avere  a  disposizione  risorse  sociali    

2. funzionari  istruiti  a  esercitare  un  controllo  più  severo.  

In   Europa   si   comincia   ad   avere   un   vuoto   di   potere   e   una   crisi   di   legittimità,   che   porta   ad   un  

ammodernamento  dei  vecchi  gruppi  dominanti.  Il  modello  più  ovvio  è   la  Santa  Alleanza.  

Questo  momento  di  crisi  porta  a  conflitti  i  cui  centri  sono  :  

Europa  

' Asia  meridionale  –  orientale  

' Nord  America  

'

L’anno  di  svolta  è  il  1848  che  registra  un  anno  ribellioni  in  tutta  Europa,  che  però  viene  sopita  con  al  

polizia.  Circa  un  decennio  dopo  si  è  di  fronte  alla  Guerra  Di  Secessione  Americana  che  si  ripercuote  a  

livello  globale,  con  conseguenze  sui  venditori  di  materie  agricole.    

 

GUERRE  DI  LEGITTIMITÀ  IN  ASIA:  UNA  RASSEGNA  SOMMARIA  

Impero  Ottomano:  

sconvolto   da   rivolgimento   interni   che   modificano   le   istituzioni   dello   Stato,   e   aboliscono   i   sistemi  

burocratici  e  militarti  su  cui  si  era  basato  per  tre  secoli.    

Nel   1851   in   Cina   comincia   la   ribellione   dei   Taiping,   “seguaci   della   via   celeste”   che   con   l’aiuto   di  

contadini,   immigrati   e   proprietari   dissidenti   cercano   di   ridistribuire   le   terre,   emancipare   le   donne   e  

praticare  valori  comuni.  Questo  nuovo  movimento  prende  la  forma  di  una  ribellione  cinese  che  cerca  

di  insediare  una  nuova  dinastia;  il  capo  della  ribellione  infatti  cerca  di  instaurare  la  dinastia  dei  Ming.  

La  ribellione  finisce  nel  momento  in  cui  i  governatori  provinciali  cinesi  decidono  di  intervenire  con  le  

armi.    

La  ribellione  di  Taiping  ha  diverse  cause:  

Pressione  demografica  

! Deflusso  di  argento  per  finanziare  l’oppio  ha  portato  i  contadini  all’inflazione  

!

La   ribellione   per   la   Russia   significa   espansione   verso   il   Nord-­‐est   del   continente,   che   porta   alla  

competizione  con  l’Inghilterra.    

L’influenza  di  Taiping  si  spinge  anche  in  Vietnam  con  disordini  religiosi  e  sociali.    

Questa  ribellione  cinese  si  sovrappone  ad  altre  successe  in  Asia  nello  stesso  periodo:  

  22  

la   ribellione   Indiana   (1857-­‐59).   L’imperatore   Moghul,   a   Delhi,   diventa   il   simbolo   e   il   centro   della  

*  

rivolta.   Gli   inglesi   a   questa   rivolta   rispondono   con   le   armi   riuscendo   a   limitarla   alla   zona   del   centro-­‐

nord  indiana.  

 

LE  RADICI  ECONOMICHE  E  IDEOLOGICHE  DELLE  RIVOLUZIONI  ASIATICHE  

Questi  movimenti  hanno  alla  basa  tre  fattori  fondamentali:  

1. sono   risposte   al   colonialismo   imperante,   alle   nuove   forme   di   governo,   commercio   e   attività  

economica  

2. problemi   interni   di   gestione   delle   comunità   etniche   e   religiose,   nei   grandi   organismi   politici  

che  ormai  sono  anche  influenzati  da  nuove  ideologie  (cristianesimo  con  le  sue  forme  indigene)  

3. crescita  demografia  e  squilibri  economici  locali.  

Così  i  governi  cominciano  a  ridefinirsi  per  ridefinire  le  strutture  interne  di  governo  e  con  un  a  nuova  

burocrazia,  (come  accade  in  Russia  e  nell’impero  Ottomano).  

 

Si  può  notare  come  la  ribellione  cinese  porta  con  se  alcune  influenze  occidentali,  nella  sua  filosofia  è  

possibile   ritrovare   citazioni   bibliche,   prese   da   educatori   missionari.   -­‐Secondo   i   suoi   seguaci   il  

fondatore   morì   e   risuscitò-­‐.   Ciò   che   la   rivolta   mette   in   discussione   è   il   ruolo   sovrano   del   mandato  

celeste.  

 

Ciò   che   svolge   la   parte   più   importante   nelle   ribellioni   che   consideriamo   sono   le   differenze  

religiose   e   le   rivendicazioni   patriottiche.   Ad   esempio   in   India   la   ribellione   del   1857   si   può  

riassumere  come  ribellione  verso  i  “cristiani”,  che  sono  privilegiati  nelle  comunità  locali  e  dall’autorità  

straniera.    

 Tutte   queste   crisi   asiatiche   portano   a   tensioni   agrarie   e   sociali:   ad   esempio   in   Cina,   contemporaneo  

alla  ribellione  dei  Taiping,  vi  è  anche  una  migrazione  interna  che  provoca  conflitti  tra  i  migranti  e  la  

popolazione  locale.    

Notiamo  comunque  differenze  tra  le  diverse  aree  di  interesse.  Ad  esempio  in  Europa  la  pressione  sulle  

risorse   diventa   sempre   più   cospicui   con   l’800.   Per   quanto   riguarda   la   popolazione,   che   stava  

aumentando,  viene  assorbita  dall’emigrazione  in  America  o  Australia,  evitando  un  declino  del  tenore  di  

vita.    

Comunque  la  differenza  tra  Europa  e  Asia  è  stata  enfatizzata.  Lo  sviluppo  Europeo,  come  già  detto,  è  

causato  da  trasformazioni  casuali,  che  prescindono  dal  progresso  economico  europeo.  Infatti  l’Europa  

non   è   immune   dalle   tensioni   economiche   e   politiche   ma   si   distendono   attraverso   la   rete   di   commercio  

globale.  

 

GLI  ANNI  DELLA  FAME  E  DELLA  RIBELLIONI  IN  EUROPA,  1848-­‐51.  

Fino   al   1980   le   rivolte   del   48   erano   viste   come   “guerre   di   processi”   ora   invece   vengono   viste   come  

movimenti  simili  a  quelli  di  Taiping.  Queste  ribellioni  toccano  le  città  più  importanti  del  vecchio  ordine  

(Venezia,  Parigi,  Budapest,  Vienna).    

Una   delle   cause   di   agitazione   è   l’impossibilità   di   accedere   a   terreni   boschivi   per   avere   legna   da   ardere.  

Con   questo   movimento   i   contadini,   in   alcune   zone,   riescono   a   recuperare   le   terre,   dei   padroni,  

dividendole   con   steccati   e   cippi   di   confine.   Le   rivolte   rurali   sono   accompagnate   da   rivolte   urbane,  

della   popolazione   meno   abbiente   (come   nella   vecchia   popolazione   artigiana   e   agli   addetti   alla  

produzione  a  domicilio),  essi   chiedono  maggior  controllo  sul  mercato  del  lavoro.  

Questi  movimenti  fanno  riflettere  sui  vari  conflitti  culturali  e  religiosi  europei    come  l’antisemitismo,  

*

ci  sono  dibattiti  tra  protestanti  e  cattolici,  in  Italia  comincia  l’anticlericalismo.  

Ciò   che   caratterizza   questa   rivolta   nazionale   è   il   suo   spirito   internazionale,   cioè   ogni   nazione   presenta  

al  suo  interno  moti  destabilizzanti.    

  23  

 

I   moti   del   48-­‐51   vengono   stroncati   attraverso   autorità   militare   dei   regimi   (diversamente   da   quanto  

accade  nel  1789  e  nel  1917).  Alcuni  degli  obiettivi  degli  attivisti  vengono  raggiunti  solo  20  anni  dopo  

*  Italia  e  Germania  trovano  l’unificazione;  nascita  della  Terza  Repubblica.  

 

In  tutto  questo  l’Impero  britannico  ha  molte  difficoltà  con  le  ribellioni  sociali.  Ad  esempio  nei  Caraibi,  

in  Giamaica  dove  gli  schiavi  cercano  di  aver  diritto  alle  terre  e  alla  partecipazione  politica.  Poco  dopo  

altri   patrioti   locali   si   mettono   in   azione   in   Canada,   Australia   e   Sud   Africa   per   chiedere  

l’autodeterminazione.  

La   Guerra   di   Crimea   (1853),   tra   Francia   GB   e   Russia,   accelerano   il   processo   con   il   quale   la   Russia   si  

modernizza  e  con  il  quale  la  GB  riorganizza  l’esercito  in  patria  e  in  India.    

 

LA  GUERRA  CIVILE  AMERICANA  COME  EVENTO  GLOBALE  

La  maggior  pare  degli  USA  basava  la  sua  economia  sull’agricoltura,  mentre  le  istituzioni  politiche  del  

paese  hanno  delle  controversie  etniche  e  religiose  per  quanto  riguarda  la  popolazione  bianca.    

La   guerra   Civile   ha   delle   conseguenze   anche   in   Europa,   America   centrale   e   Meridionale.   riesce   anche   a  

bloccare   la   spinta   espansionistica   americana   in   Oceania   e   in   estremo   Oriente,   dove   lascia   posto   al  

Giappone.    

Questa  Guerra  porta  ad  un  evento  globale,  come  la  ribellione  di  Taiping,  perché  ha  al  suo  interno  molte  

connessioni,  che  diffondono  le  nuove  ideologie  nel  mondo.    

Si  nota  come  il  Governo  USA  prima  di  questa  guerra  fosse  visto  come  debole  dagli  stati  che  ne  facevano  

parte   e   proprio   per   questo   gli   stati   dell’Unione   sono   riusciti   a   dividersi   dai   nordisti.   Dopo   la   vittoria  

della  guerra  da  parte  dei  nordisti  gli  stati  dell’ex  Unione  hanno  al  loro  interno  le  forme  di  governanza  

che  avevano  prodotto  durante  la  guerra.    

Con   la   fine   della   Guerra   Civile   cominciano   anche   in   America   le   associazioni   attiviste   contrarie   allo  

schiavismo,   ad   esempio   l’Esercito   della   Salvezza.   Ma   essa   porta   anche   molte   innovazioni   in   campo  

militare   (cannoni   di   grosso   calibro…   armi   che   vengono   portate   di   contrabbando   in   Europa,   Asia   e  

Africa  rafforzando  gli  eserciti  regi  e  coloniali  ma  finiscono  anche  nelle  mani  di  rivoluzionari  anarchici  r  

contadini  ribelli).  

 

CONVERGENZA  O  DIFFERENZA?  

in  questo  capitolo  è  possibile  ravvisare  punti  chiave  come:  

a   metà   dell’800   le   popolazioni   tribali   si   ribellano   ai   governi   per   chiedere   maggiori   diritti,   come  

• quello  della  terra  (che  lo  stato  nega  da  molti  anni).  I  gruppi  di  ribelli  sono  formati  da  lavoratori  

non  qualificati,  prime  femministe,  sette  religiose  e  anarchici.  

I  profeti  principali  di  questa  rivolta  sono  quelli  di  Taiping  (che  portano  con  se  dettami  anche  cristiani),  

che  nel  loro  intimo  sperano  in  un  intervento  Francese  o  degli  Usa  per  sovvertite  l’impero  cinese.  

Anche  i  pensatori  di  sinistra,  come  Marx,  pensano  ad  affrontare  lo  schiavismo  con  rivolte  europee;  ma  i  

moti  riescono  solo  quando  attaccano  istituzioni  già  marce  all’interno.   questo  porta  a  pensare  ad  una  

*

rivolta  mondiale  del  popolo.  La  lotta  che  si  forma  è  tra  l’idea  di   europea  di  STATO  e  quella   indigena,  ad  

esempio  la  depredazione  della  terra  da  parte  europea  in  Nuova  Zelanda,  o  nei  paesi  asiatici.    

In   Europa   la   fame   porta   la   popolazione   a   migrare   verso   territori   fertili   e   vergini   (Nuova   Zelanda   e   Sud  

Africa).  

 

UNO  SGUARDO  D’INSIEME  

La  crisi  di  metà  800  è  portata  dal  “naufragio  delle  nazioni”  avvenuto  tra  1780  e  1820.    

Gli  europei  e  i  nordamericani  risolvono  questo  con  massacri.  

In  Asia  e  Africa  ci  sono  violenze  di  misura  analoga.  

  24  

STORICI,  INDUSTRIALIZZAZIONE  E  CITTÀ  

Ciò  che  anima  la  fine  dell’800  è  l’industrializzazione  e  la  nascita  delle  grandi  metropoli.  Molti  studiosi  

hanno   parlato   del   cambiamento   economico   come   Smith,   Marshall,   Marx   e   Engels.   Questi   ultimi  

affermano  la  nascita  di  un  nuovo  tipo  di  essere  umano:  il  proletario,  che  non  possiede  nulla  se  non  la  

forza-­‐lavoro.  Si  comincia  a  denunciare  i  vizi  delle  nuove  città  industriali,  come  ubriachezza,  malattie,  

prostituzione,   irreligiosità   e   povertà.   Durkheim   riflette   sugli   effetti   che   questa   nuova   società   nei  

confronti  dell’uomo.    

La   maggior   parte   degli   intellettuali   afferma   che   le   forniture   industriali   abbiano   consolidato   le  

gerarchie  sociali  senza  rivoluzionarle.  Hopkins  afferma  che  si  è  davanti  al  “capitalismo  del  Gentlemen”,  

per   sottolineare   che   l’elemento   dominante   del   paese   sia   l’attività   bancaria   e   la   Borsa   (non   la  

produzione  industriale).  

 

IL  PROGRESSO  DELL’INDUSTRIALIZZAZIONE  

La   GB   resta   il   punto   di   partenza   per   studiare   l’industrializzazione,   notiamo   come   il   paese   abbia   una  

crescita  annua  di  circa  il  3%.  Alcuni  storici  affermano  che  le  cause  dell’industrializzazione  della  GB  si  

basino:   altoforno  

! macchina  a  vapore  

! filatoio  meccanico  

!

 

Braudel  afferma  che  la  GB  sia  ai  margini  dell’Europa  e  sia  sempre  stata  spinta  verso  il  mondo  esterno.  

Comunque   la   GB   ha   sempre   avuto   un   flessibile   mercato   di   capitali   in   grado   di   procacciare   grandi  

somme  di  denaro  per  l’investimento,  e  per  mantenere  profitti  alti.      

L’industrializzazione   americana   segue   un   percorso   simile   a   quella   della   GB   ma   su   più   vasta   scala.  

Infatti   le   merci   americane   sono   vendite   su   più   vasta   scala   in   rapida   crescita.   Con   la   fine   dell’800  

l’industrializzazione  si  differenzia  enormemente  rispetto  a  quella  della  GB,  Francia  e  Belgio.  In  queste  

ultime  infatti  la  proprietà  e  la  gestione  rimane  spesso  nelle  stesse  mani,  mente  negli  Usa  la  Produzione  

si   dissocia   dalla   proprietà,   così   i   manager   possono   concentrarsi   sulle   innovazioni   produttive   e   sulle  

tecniche  di  mercato  senza  l’ostacolo  di  interessi  familiari  o  personali.  

Il   cuore   dell’industrializzazione   europea   continentale   è   la   fascia   di   terra   che   va   dalla   Ruhur   fino   alle  

province   occidentali   dell’impero   Austriaco,   dato   dal   giacimento   di   sostanze   chimiche   che   vengono  

studiate  dalle  università  tedesche.      

In  Francia  e  nell’Italia  settentrionale  si  comincia  a  modificare  il  settore  tessile  utilizzando  sempre  più  

l’industria,  (per  quanto  riguarda  l’Italia  si  utilizza  l’industria  anche  in  ambito  metallurgico).  

La  Russia  comincia  la  sua  industrializzazione  molto  lentamente,  nell’ultimo  decennio  dell’800;  questo  

causata   dalla   mancanza   d’investimenti   e   una   forza   lavoro   poco   istruita   (uniche   zone   di  

industrializzazione  sono  quella  del  Don  -­‐  per  il  carbone  -­‐  e  attorno  a  Smolensk  -­‐  per  il  ferro-­‐).    

 

POVERTÀ  E  ASSENZA  DI  INDUSTRIA  

La  povertà  di  alcuni  stati  è  causata  da  un  insieme  di  circostanze:  

essere   produttore   agricolo   può   essere   una   di   queste   se   il   commercio   estero   ostacola   il  

• protezionismo  dell’industria  indigena.  

Ma   avere   un   commercio   estero   fiorente   più   portare   a   una   anch’esso   alla   povertà   se   lo  

• Stato  non  ha  la  capacità  di  favorire  il  processo  transnazionale.  

  25  

Importante   è   anche   in   che   mani   risiede   la   proprietà   di   delle   imprese   e   delle   nuove  

• banche.  

Ad  esempio  il  Messico  alla  fine  dell’800  diventa  una  delle  più  grandi  esportatrici  di  derrate  alimentari  

e  di  materie  prime,  ma  l’assenza  di  un  settore  secondario  rende  difficile  mantenere  i  propri  livelli  di  

vita  sufficienti  per  combattere  la  povertà  rurale.  

La  Cina  può  essere  paragonata  all’Impero  Ottomano  poiché  si  oppone  all’industrializzazione  per  non  

perdere   l’autorità   morale   e   giuridica   sui   loro   cittadini.   Per   quanto   riguarda   il   Giappone   dobbiamo  

sempre  ricordare  che  è  un  caso  a  parte,  una  delle  società  extra  europee  che  ce  l’ha  fatta.    

Il  Bayly  sostiene  che  i  cambiamenti  maggiori  siano  stati  fatto  negli  ultimi  20  anni  dell’800  e  nel  primo  

decennio  del  900;  fino  a  questo  momento  i  differenti  sistemi  di  gerarchia  e  di  localismo  si  riescono  ad  

adattarsi  ai  cambiamenti.  

 

LE  CITTÀ  COME  CENTRI  DI  PRODUZIONE,  DI  CONSUMO  E  DI  POLITICA  

 Il   termine   urbanizzazione   segnala   un   processo   per   il   quale   vi   è   un   aumento   della   popolazione  

residente   in   città   sopra   i   10   mila   abitanti,   oltre   ad   un   cambiamento   culturale   che   porta   alla   prevalenza  

di   valori   urbani   rispetto   a   quelli   rurali.   Le   zone   in   cui   questa   manifestazione   è   più   rapida   sono:   il   Nord  

America,  in  Africa  Subsahariana  e  nel  Pacifico;  mentre  in  Cina,  India  e  Medio  Oriente  questo  fenomeno  

è  marginale.    

Gli  effetti  di  questa  urbanizzazione  portano  a:  

Nuovi  rapporti  sociali  che  facilitano  il  passaggio  di  informazioni  

,  La  cultura  associazionistica  si  diffonde  nei  gruppi  sociali  meno  elevati  e  tra  le  donne.  

,

 

L’IMPATTO  URBANO  DELLA  CRISI  GLOBALE.  1780-­‐1820  

La   prima   rottura   tra   i   modelli   tradizionali   si   ha   tra   il   1776   e   il   1815,   con   lo   scoppio   di   guerre  

rivoluzionarie.   In   buona   parte   le   città   soffrirono   delle   guerre   rivoluzionarie   ma   comunque  

continuarono   ad   espandersi,   questo   perché   continua   il   commercio   di   beni   che   aiuta   soprattutto   i  

grandi  centri  commerciali,  come  Glasgow,  Bordeaux  e  Boston.  Con  questa  nuova  direzione  presa  dalle  

città  ci  è  anche  la  formazione  di  una  nuova  classe:  la  borghesia.  (vedi  movimento  anti-­‐schiavile)  

Tra  il  1870  e  il  1900  il  tasso  di  urbanizzazione  cresce  dal  12  al  20  percento,  e  questo  cambiamento  è  

molto  sensibile  in  Africa  del  Sud,  Sahara  e  Australia.  

 

RAZZA  E  CLASSE  NELLE  NUOVE  CITTÀ  

Anche   le   strutture   familiari   cambiano   con   l’urbanizzazione,   spezzandosi   in   piccole   unità,   i   tassi   di  

mortalità  variano  di  società  in  società  e  rispetto  ai  lavori  che  facevano.  (ad  esempio  c’è  la  morte  per  

malnutrizione).  In  alcune  zone  vi  è  anche  gli  ebrei  urbani  poveri  sono  vittime  di  tumulti  e  persecuzioni  

(alla  fine  dell’800  vi  è  la  conoscenza  della  segregazione  razziale  in  tutte  le  società).    

Inizia  anche  una  politica  di  classe  che  si  esplica  nei  giornali,  come  ad  esempio  il  sospetto  che  le  classi  

inferiori  siano  inclini  a  crimini  e  sono  portatrici  di  malattie.    

 

LA  POLITICA  DELLE  CLASSI  OPERAIE  

Cominciano   i   primi   moti   rivendicativi   degli   operai   nelle   società   più   sviluppate.   Però   queste   reagiscono  

a  condizioni  diverse,  ad  esempio  in  Russia  iniziano  perché  c’è  un  rapporto  di  crisi  tra  Stato  e  società  

cittadine,   e   l’inizio   della   rivolta   inizia   quando   lo   Stato   decide   di   massacrare   lavoratori   inermi.   Anche  

l’esplosione  in  India  (Bombay)  inizia  per  la  volontà  dei  britannici  di  tenere  bassi  i  salari  mentre  il  costo  

del  cibo  e  delle  abitazioni  aumenta.    

La  città  è  il  teatro  della  politica  delle  relazioni  industriali  e  da  la  possibilità  di  adottare  nuovi  modi  di  

protesta  e  di  reagire  politicamente.  

 

  26  

LE  CULTURE  URBANE  NEL  MONDO  E  I  LORO  CRITICI  

 Nel   corso   dell’800   i   cittadini   si   ritrovano,   in   club,   sale   riunioni,   caffee,   per   parlare   di   attualità   (politica  

e  filosofia).  Così  comincia  la  riorganizzazione  dello  spazio  pubblico  e  l’inizio  dei  grandi  magazzini,  che  

cominiano  a  dare  particolari  servizi  alle  donne.    

Vi  è  lo  sviluppo  del  sobborgo  della  classe  media,  dove  a  fine  turno  gli  operai  si  ritrovano.  

 

CONCLUSIONE  

Gli   intellettuali   considerano   l’industrializzazione   e   l’espansione   della   vita   urbana   come   una   delle  

caratteristiche   più   importanti   del   XIX   secolo.   Questo   comporta   anche   l’utilizzo   di   tecniche   avanzate,  

come   il   telegrafo,   le   ferrovie,   l’industria   bellica   e   la   pianificazione   urbana   per   arrivare   ad   avere  

aspirazioni  nazionalistiche.  

  27    

 

LE  TEORIE  DEL  NAZIONALISMO  

Secondo   alcuni   il   nazionalismo   è   il   frutto   delle   precedenti   comunità   di   lingua   e   cultura.   Gli   storici   di  

oggi   pensano   che   le   nazioni   siano   state   costruite   recentemente   da   forze   politiche,   e   non   siano  

organismi   vivi.   Gallner   afferma   che   il   nazionalismo   equivale,   nella   sfera   politica,   al   capitalismo,   che  

hanno  come  fine  ultimo  la  dominazione  del  mondo.  Secondo  Hobsbawn  il  nazionalismo  segue  lo  Stato  

ed   è   la   politica,   insieme   alle   élite,   che   creano   il   nazionalismo.   In   questo   periodo   gli   stati   fanno   dei  

censimenti   regolari   per   controllare   severamente   l’emigrazione.   Possiamo   dire   che   il   nazionalismo   si  

definisce  “contro  gli  altri”.  

 

QUANDO  APPARVE  IL  NAZIONALISMO?  

Molto  spesso  questo  sentimento  è  trasmesso  dai  popoli  più  progrediti  a  quelli  meno,  come  gli  africani  

e   gli   asiatici.   Alcuni   eventi,   come   le   conquiste   napoleoniche,   hanno   spinto   e   stimolato   le   identità  

nazionali,  come  quella  tedesca,  italiane  e  russa.   Negli  ultimi  40  anni  dell’800  le  più  importanti  società,  

come   USA,   Canada,   Australia   e   Nuova   Zelanda   rafforzano   al   propria   coesione,   e   se   domini   britannici  

diventano  Stati  federali.    

 

LA  NAZIONE  DI  CHI?  

Ci  sono  vari  tipi  di  nazionalismo:  

quelli   scaturiti   da   vecchi   patriottismi,   da   comunione   di   lingue   e   religioni   (Inghilterra,  

, Francia,  Giappone,  Irlanda)  

altro   tipo   è   quello   creato   dagli   Stati,   come   la   GB   (che   distinta   dall’Inghilterra)   si   forma  

, durante  la  lotta  contro  la  Francia.    

 

PERPETUARE  I  NAZIONALISMI:  MEMORIE,  ASSOCIAZIONI  NAZIONALI  E  STAMPA  

Dopo   la   metà   dell’800   si   comincia   a   voler   collegare   i   siti   nazionali,   rafforzandoli   anche   attraverso   la  

mobilitazione  militare  e  il  conflitto  “razziale”.  

La  conseguenza  della  crescente  democrazia  non  porta  alla  formazione  del  nazionalismo  degli  ultimi  40  

anni   dell’800;   ma   porta   al   rafforzamento   di   movimenti,   ad   esempio   femministi,   religiosi,   che  

considerano   la   nazione   come   loro   collegio   elettorale.   A   questo   si   aggiungono   le   tirature   di   giornali   che  

veicolano  la  nuova  educazione  e  porta  i  lavoratori  a  sentirsi  anche  cittadini.    

 

DALLA  COMUNITÀ  ALLE  NAZIONI:  GLI  IMPERI  EUROASIATICI  

La   formazione   di   nuove   leadership   nazionalistiche   euroasiatiche   si   collocano   tra   patriottismo   e  

nazionalismo,  ed  è  la  caratteristica  più  importante    tra  la  fine  del  XIX  e  l’inizio  del  XX  secolo.  Ma  questo  

porta   anche   a   grandi   tensioni   all’interno   delle   società   perché   le   minoranze   etniche   vengono   escluse.  

(Impero  Ottomano,  al  suo  interno  la  Siria  ha  un  carattere  arabo,  ma  vi  sono  anche  i  greci,  ma  anche  i  

turchi;   l’eccezione   è   data   dall’Egitto   che   ha   una   lunga   storia   di   autonomia/   l’India   è   in   difficoltà   nel  

momento   in   cui   deve   costruire   un   nazionalismo   panindiano,   dato   anche   dal   fatto   che   la   sua   élite   si  

sente  cittadina  di  un  paese  occupato).  

 

A  CHE  PUNTO  SIAMO  COL  NAZIONALISMO  

Vi  sono  3  fasi  con  cui  il  nazionalismo  emerge:  

si  trasformano  i  vecchi  sentimenti  di  attaccamento  alla  terra    

☯ la   guerra   internazionale   e   il   colonialismo   spingono   gli   intellettuali   ad   adottare   un  

☯ linguaggio  nazionalista  moderno  

  28  


ACQUISTATO

23 volte

PAGINE

38

PESO

2.09 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Studi storici dal medioevo all'età contemporanea
SSD:
Università: Trieste - Units
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher FranceDeVa di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia globale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trieste - Units o del prof Abbattista Guido.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia globale

Riassunto esame Storia Globale, libro adottato Il Commercio degli Schiavi di Lindsay
Appunto
Storia globale - Appunti
Appunto
Storia contemporanea - Primo modulo
Appunto
Riassunto esame Storia della chiesa, prof. Ferrari, libro consigliato  Inquisitori ed Inquisizione del Medioevo,Merlo
Appunto