Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-­‐  Le  rivoluzioni  russe  e  l’Unione  Sovietica  

 

La  Russia  imperiale  entrò  nella  prima  guerra  mondiale  sicura  della  vittoria  sulle  Potenze  Centrali,  ma  ben  presto  si  accorse  

del   contrario.   Nel   marzo   1917   scoppiarono   a   Pietrogrado   scioperi   e   sommosse   di   lavoratori;   i   dirigenti   degli  scioperanti  e  

dei  soldati  si  riunirono  in  un  Soviet  (consiglio)  dei  rappresentanti  degli  operai  e  dei  soldati.  Lo  stesso  giorno  un  comitato  

del  Duma  (parlamento)  decise  di  formare  un  governo  provvisorio,  ottenendo  l’abdicazione  dello  zar.    

Il   governo   provvisorio,   unione   di   aristocratici-­‐intellettuali-­‐parlamentari,   proclamò   immediatamente   la   libertà   di   parola,   di  

stampa  e  di  religione,  annunciò  che  avrebbe  realizzato  riforme  sociali  e  tentò  di  continuare  la  guerra  con  la  Germania,  e  

proprio  questo  determinò  la  sua  rovina.    

Lenin,  leader  della  fazione  bolscevica,  tornò  a  Pietrogrado  dall’esilio  nel  1917,  col  tacito  consenso  del  governo  tedesco  –  

che  si  aspettava  avrebbe  contribuito  ad  accrescere  l’agitazione  sociale  e  il  caos  politico.  Lenin  affermò  la  propria  autorità  

sul  soviet  di  Pietrogrado  e  cominciò  una  campagna  inesorabile  contro  il  governo  provvisorio,   che   offrì   scarsa   resistenza  

quando,  nell’ottobre  1915,  le  Guardie  Rosse  occuparono  il  Palazzo  d’Inverno  (sede  del  governo).  Il  giorno  seguente  Lenin  

formò  il  nuovo  governo:  il  Consiglio  dei  commissari  del  popolo.  

La   rivoluzione   d’ottobre   fu   seguita   da   4   anni   di   conflitti   e   guerre   civili;   nel   1918   venne   firmata   la   pace   con   la   Germania  

(trattato   di   Brest-­‐Litovsk),   ma   il   governo   dovette   ancora   fronteggiare   gli   attacchi   delle   Armate   Bianche   (che   ricevettero  

anche  aiuti  dagli  Alleati).    

Per  mantenere  il  potere  i  bolscevichi,  che  cambiarono  nome  in  

comunisti,  introdussero  il  comunismo  di  guerra:  

Nazionalizzazione  dell’economia  urbana;  

• Confisca  e  ridistribuzione  della  terra  ai  contadini;  

• Nuovo  sistema  giuridico;  

• Introduzione  del  governo  di  un  partito  unico  presieduto  da  Lenin:  la  “dittatura  del  proletariato”.  

Nelle  elezioni  per  l’assemblea  costituente,  i  socialisti  rivoluzionari  (Sr)  ottennero  la  maggioranza,  instaurando  un  delibera-­‐

to  regime  del  terrore,  assassinando  gli  oppositori  politici.    

Nel   1922   Lenin   decise   di   creare   una   federazione:   nasceva   l’Unione   delle   repubbliche   socialiste   sovietiche   (Urss),   che   com-­‐

prendeva  Russia  europea  +  Siberia  +  Ucraina  +  Bielorussia  +  Transcaucasia.    

Nel   1921,   quando   venne   firmata   la   pace   con   la   Polonia,   l’economia   era   nel   caos:   il   comunismo   di   guerra,   sufficiente   a  

sconfiggere   il   nemico,   non   poteva   servire   da   fondamento   per   l’economia   a   lungo   termine.  La   produzione   industriale   era  

crollata;  i  contadini  rifiutavano  di  consegnare  i  loro  prodotti  ai  prezzi  artificialmente  bassi  imposti  dal  governo,  facendo  

così   prosperare   il   mercato   nero.   Di   fronte   alla   prospettiva   della   paralisi   economica,   Lenin   istituì   la   Nep   (Nuova   politica  

economica):  una  specie  di  imposta  in  natura  sulla  produzione  agricola  sostituì  le  requisizioni  obbligatorie,  e  fu  permesso  ai  

contadini  di  vendere  le  eccedenze  ai  liberi  prezzi  di  mercato;  le  piccole  industrie  furono  privatizzate  e  autorizzate  a  pro-­‐

durre  per  il  mercato.  Tuttavia  i  settori  dominanti  dell’economia  rimasero  statali  e  sotto  gestione  statale.  La  Nep  prevedeva  

inoltre  un  rigoroso  programma  di  elettrificazione,  fondazione  di  scuole  tecniche,  creazione  di  un’organizzazione  per  i  set-­‐

tori  dell’economia  controllati  dallo  stato:  la  produzione  crebbe  sia  nell’industria  che  nell’agricoltura.  

Nel  frattempo  si  assistette  a  grossi  mutamenti  nel  partito  comunista:  Lenin,  morto  nel  1924,  non  aveva  designato  esplici-­‐

tamente   il   suo   successore.   Tra   i   due   maggiori   contendenti   c’erano   Trockij,   che   aveva   ampio   seguito   anche   al   di   fuori   del  

partito  ma  risultava  sospettoso  ai  vecchi  bolscevichi  (tarda  conversione  alla  causa  bolscevica),  e  Stalin,  fedele  seguace  di  

Lenin  e  dei  vecchi  bolscevichi.  Dopo  la  morte  di  Lenin,  Stalin  si  avvalse  della  propria  carica  di  segretario  generale  del  Co-­‐

mitato  centrale  del  partito  per  formare  coalizioni  nel  partito  al  fine  di  neutralizzare  i  propri  rivali,  Trockij  per  primo.    

Mentre  Trokij  propugnava  una  rivoluzione  mondiale,  Stalin  si  schierò  con  chi  preferiva  un  forte  stato  socialista  in  Unione  

Sovietica.  Dopo  aver  avuto  la  meglio  sul  suo  contendente  (e  averlo  rimosso-­‐esiliato-­‐ucciso),  Stalin  assunse  un  potere  prati-­‐

camente  assoluto  sul  partito  e  sul  paese.    

Il   programma   staliniano   di   “socialismo   in   un   solo   paese”   implicava   un   rafforzamento   dell’industria   russa   per   rendere   il  

paese   autosufficiente   e   potente   nei   confronti   di   un   mondo   largamente   ostile.   Nel   1929   lanciò   il  primo   piano   quinquennale,  

avvenimento  definito  “la  seconda  rivoluzione  bolscevica”.  Venne  istituita  la  Gosplan  (Commissione  statale  di  pianificazio-­‐

ne):  i  sindacati  furono  usati  per  mantenere  la  disciplina  nei  luoghi  di  lavoro,  impedire  scioperi  e  sabotaggi  e  stimolare  la  

produttività.  L’agricoltura,  uno  dei  settori  con  i  problemi  più  complessi  e  persistenti,  fu  organizzata  in  aziende  statali:  lo  

stato,   proprietario   della   terra,   del   bestiame   e   delle   attrezzature,   nominava   un   dirigente   di   professione.   I   contadini   si   oppo-­‐

sero   alla   collettivizzazione,   e   il   governo   scese   a   compromessi   con   loro,   permettendo   in   qualche   caso   di   formare   fattorie  

cooperative  in  cui  ogni  nucleo  familiare  era  autorizzato  a  possedere  piccoli  appezzamenti  di  terra  per  uso  esclusivo,  seb-­‐

bene   la   maggior   parte   del   terreno   era   comune.   Gli   obiettivi   del   primo   piano   quinquennale   vennero   dichiarati   raggiunti,  

sebbene  in  realtà  non  fu  un  completo  successo,  soprattutto  per  i  costi  che  furono  sostenuti  e  i  milioni  di  morti.    

Nel  1933  fu  inaugurato  il  secondo  piano  quinquennale,  in  cui  i  beni  di  consumo  dovevano  essere  privilegiati.  Nonostante  

gli  incrementi  della  produzione  industriale,  il  paese  rimase  prevalentemente  agrario,  e  l’agricoltura  era  il  settore  più  debo-­‐

le.  Un  elemento  del  secondo  piano  fu  la  Grande  purga  (1936-­‐37),  in  cui  migliaia  di  individui  furono  sottoposti  a  processo  

per  crimini  come  sabotaggio  e  tradimento.    

Il  terzo  piano  quinquennale,  varato  nel  1938,  fu  interrotto  dall’invasione  tedesca  del  1941,  e  l’Unione  Sovietica  ripiombò  in  

qualcosa  di  simile  al  comunismo  di  guerra.  

 

-­‐  Aspetti  economici  della  seconda  guerra  mondiale  

 

La  seconda  guerra  mondiale  fu  la  più  massiccia  e  distruttiva  delle  guerre;  rappresentò  un’estensione  ed  intensificazione  di  

caratteristiche   manifestatesi   già   nella   prima   guerra   mondiale,   come   il   ricorso   alla   scienza   per   la   tecnologia   militare,  

l’irrigidimento  e  pianificazione  dell’economia  e  della  società  e  l’uso  raffinato  e  sofisticato  della  propaganda.  

Caratteristiche  della  seconda  guerra  mondiale:  

1. Fu  una  guerra  mondiale,  di  movimento  (terra-­‐aria-­‐mari);  

2. La  tecnologia  fu  responsabile  di  nuove  armi  speciali,  come  i  radar  o  le  bombe  volanti;  

3. Acquisirono  nuova  importanza  le  capacità  economiche  e  industriali  dei  belligeranti;  

4. La  forza  numerica  perse  importanza;  

5. L’arma  segreta  dei  vincitori  fu  l’enorme  capacità  produttiva  dell’economia  americana.    

I   danni   alle   cose   furono   molto   più   ingenti   della   prima   guerra   mondiale,   a   causa   dei   bombardamenti   aerei.   Tra   i   bersagli  

preferiti  dell’aviazione  statunitense  c’erano  le  infrastrutture  di  trasporto  (ferrovie,  porti,  bacini).  Tutti  i  paesi  belligeranti  

fecero  ricorso  alla  guerra  economica.  

 

 

Cap.  XV:  LA  RICOSTRUZIONE  DELL’ECONOMIA  MONDIALE,  1945-­‐73   (Cameron-­‐Neal)  

 

Alla  fine  del  conflitto,  tutti  i  paesi  belligeranti  erano  stati  sconfitti  e  occupati  dal  nemico,  a  eccezioni  di  Unione  Sovietica  e  

Gran  Bretagna;  quest’ultima  subì  danni  gravissimi  dai  bombardamenti  aerei.  Solo  pochi  paesi  neutrali  evitarono  danni  di-­‐

retti.   Prima   della   guerra   le   importazioni   europee   erano   state   superiori   alle   esportazioni,   e   la   differenza   era   stata   pagata  

con  i  proventi  derivanti  dagli  investimenti  esteri.  Dopo  la  guerra,  l’Europa  riusciva  solamente  a  provvedere  alle  necessità  

di  base  della  popolazione,  poiché:  

Le  flotte  mercantili  erano  state  distrutte;  

• Gli  investimenti  esteri  erano  stati  liquidati;  

• I  mercati  finanziari  erano  stati  sconvolti;  

• I  mercati  d’oltremare  dei  manufatti  europei  erano  stati  conquistati  dagli  americani;  

• Erano  state  fondate  nuove  aziende  in  paesi  una  volta  sottosviluppati.  

Gli  aiuti  provenienti  dall’America  arrivarono  attraverso  due  canali  principali:  

1. Gli  eserciti  alleati  distribuirono,  nel  1944-­‐45,  razioni  di  emergenza  e  medicinali  alle  popolazioni  civili,  sia  dei  paesi  

nemici  che  di  quelli  liberati;  

2. Attraverso  la  United   nations   relief   and   rehabilitation   administrarion   (Unrra)  che,  nel  1945-­‐46,  distribuì  tonnellate  

di   cibo,   indumenti,   coperte   e   medicinali.   L’opera   dell’Unrra   fu   perseguita   dall’Organizzazione   mondiale   della   sani-­‐

tà  ed  altre  agenzie  specializzate  delle  Nazioni  Unite.    

Gli  Stati  Uniti  uscirono  dalla  guerra  più  forti  che  mai;  lo  steso  accadde  al  Canada,  ai  paesi  del  Commonwealth  e  all’America  

Latina.   Tuttavia   dopo   l’abolizione   del   razionamento   e   dei   prezzi   controllati,   che   durante   la   guerra   avevano   mantenuto   i  

prezzi  a  un  livello  artificiosamente  basso,  la  domanda  determinò  un’inflazione  postbellica  che  nel  1948  aveva  portato  al  

raddoppio  dei  prezzi.  Tale  inflazione  permise  agli  Stati  Uniti  di  concedere  gli  aiuti  economici  necessari  alla  ricostruzione  

dell’Europa.    

 

-­‐  Pianificazione  dell’economia  postbellica  

 

Uno  dei  compiti  più  urgenti  era  il  ripristino  della  normalità  nella  giustizia,  nell’ordine  pubblico  e  nell’amministrazione  sta-­‐

tale.  Molti  paesi  vittime  dei  nazisti  avevano  formato  dei  governi  in  esilio  a  Londra;  il  loro  ritorno  però  non  significò   un   pu-­‐

ro  e  semplice  ritorno  alla  normalità.  Sul  continente,  nella  politica  postbellica  assunsero  un  ruolo  considerevole  i  dirigenti  

delle   opposizioni   clandestine   alla   Germania   nazista.   In   Gran   Bretagna   la   partecipazione   del   partito   laburista   durante   la  

guerra  al  governo  di  coalizione  capeggiato  da  Churchill  permise  la  vittoria  del  partito  subito  dopo  la  fine  della  guerra.  

In  tutti  i  paesi  l’opinione  pubblica  chiedeva  riforme  politiche,  sociali  ed  economiche.  La  sfera  economica  subì  cambiamenti:  

Nazionalizzazione  dei  settori  chiave  dell’economia  (trasporti,  produzione  di  energia,  sistema  bancario);  

• Estensione  del  sistema  previdenziale  e  dei  servizi  sociali  (pensione,  assegni  familiari,  assistenza  medica);  

• Assunzione  da  parte  dello  stato  di  maggiori  responsabilità  per  il  mantenimento  di  livelli  economici  soddisfacenti.  

Nel   1941   Roosevelt   e   Churchill   avevano   firmato   la   Carta   Atlantica,   nel   tentativo   di   ripristinare   un   sistema   mondiale   di  

scambi   multilaterali   in   luogo   del   bilateralismo   degli   anni   trenta.   Successivamente,   nel   1944,   nella   conferenza   di   Bretton  

Woods  vennero  poste  le  basi  di  due  grandi  istituzioni  internazionali:  

1. Il  Fondo  monetario  internazionale  (Fmi),  che  aveva  la  responsabilità  di  gestire  il  sistema  dei  tassi  di  cambio  tra  le  

monete  mondiali  e  di  finanziare  squilibri  a  breve  termine  nei  pagamenti  tra  i  vari  paesi;  

2. La  Banca  mondiale,  che  doveva  concedere  prestiti  a  lungo  termine  per  la  ricostruzione  delle  economie  devastate  

dalla  guerra  e  per  lo  sviluppo  delle  nazioni  più  povere.  

I  partecipanti  alla  conferenza  avevano  previsto  inoltre  la  creazione  di  un’Organizzazione  internazionale  per  il  commercio,  

che  avrebbe  dovuto  formulare  le  regole  di  scambi  equi  fra  le  nazioni.  Tuttavia  si  riuscì  solo  ad  ottenere  un  Accordo  genera-­‐

le   sulle   tariffe   di   commercio   ( Gatt),   in   cui   i   firmatari   si   impegnavano   a   estendere   reciprocamente   la   clausola   della   nazione  

più  favorita,  a  cercare  di  ridurre  i  dazi,  a  non  ricorrere  a  restrizioni  quantitative  e  a  consultarti  prima  di  ogni  importante  

cambiamento  di  politica.  Nel  1994  il  Gatt  fu  sostituito  dalla  World  Trade  Organization  (Wto).  

 

-­‐  Il  Piano  Marshall  e  i  “miracoli”  economici  

 

Verso  la  fine  del  1947  l’Europa  occidentale,  tranne  la  Germania,  era  tornata  ai  livelli  prebellici  di  produzione  industriale.  

Nel  caos  monetario  e  finanziario  degli  anni  trenta,  tutti  i  paesi  europei  avevano  adottato  controlli  sui  cambi,  rendendo  pos-­‐

sibile   la   conversione   della   valuta   solo   mediante   autorizzazione.   Questi   controlli   vennero   necessariamente   protratti   per  

tutta  la  guerra.  Il  denaro  concesso  dagli  Stati  Uniti  sotto  forma  di  aiuti  e  sovvenzioni  contribuì  ad  alleviare  la  penuria  di  

dollari  nei  primi  due  anni  del  dopoguerra.  Inoltre  la  crescente  “guerra  fredda”  tra  Stati  Uniti  e  Urss  e  il  ruolo  dei  partiti  

comunisti  nella  vita  politica  davano  all’America  motivo  di  preoccupazione  sulla  stabilità  politica  dell’Europa  occidentale.  

Nel   1947   il   generale   Marshall,   segretario   di   stato,   pronunciò   un   discorso   in   cui   annunciava   che   se   i   paesi   europei   avessero  

presentato  una  richiesta  di  assistenza  congiunta  e  coerente,  il  governo  statunitense  avrebbe  risposto  in  modo  soddisfacen-­‐

te:  fu  questa  l’origine  del   Piano  Marshall.    

Nel  1947  si  incontrarono  a  Parigi  rappresentanti  di  sedici  nazioni  dell’Europa  occidentale,  autodefinititi  Commissione  di  

cooperazione   economica   europea   (Ccee);   né   l’Unione   Sovietica   né   gli   altri   paesi   dell’Europa   orientale   erano   rappresentati;  

la  Spagna  franchista  non  fu  invitata;  la  Germania  non  aveva  un  governo  di  cui  inviare  rappresentanti.  

Il  popolo  e  il  Congresso  americani  dovevano  essere  ancora  persuasi  che  un  ulteriore  aiuto  economico  all’Europa  era  nel  

loro  interesse:  così  nel  1948  fu  approvato  il  Foreign  Assistance  Act,  che  istituiva  lo  European  Recovery  Program  (Erp),  la  

cui   gestione   era   affidata   alla   Economic   cooperation   administration   (Eca).   Il   programma   però   non   convinceva   tutta  

l’Europa:   la   Gran   Bretagna   aveva   sperato   in   maggiori   aiuti   bilaterali   degli   Stati   Uniti   (e   non   incanalati   attraverso  

un’organizzazione  europea),  e  i  francesi  erano  preoccupati  del  ruolo  che  avrebbe  potuto  ricoprire  la  Germania  nella  futura  

organizzazione.   Dopo   la   delibera   del   congresso,   la   Ccee   si   trasformò   nell’Organizzazione   europea   per   la   cooperazione   eco-­‐

nomica  (Oece),  responsabile  della  distribuzione  degli  aiuti  americani.    

Dopo   la   sconfitta   della   Germania   (1945),   i   capi   di   governo   di   Stati   Uniti-­‐Gran   Bretagna-­‐Urss   si   incontrarono   a   Posdam   per  

decidere  del  destino  della  Germania,  ma  non  risolsero  che  di  prolungarne  l’occupazione.  I  disaccordi  tra  Russia  e  Alleati  

occidentali  spinse  entrambe  le  potenze  a  concedere  sempre  più  autonomia  ai  tedeschi  nelle  rispettive  zone  di  occupazione,  

fino  a  che  il  risultato  fu  la  divisione  della  Germania  in  due  stati  divisi:  la   Repubblica  federale  tedesca   (Rft  –  Occidentale)  e  la  

Repubblica  democratica  tedesca   (Rdt  –  Orientale).  Anche  Berlino  fu  divisa  in  Berlino  Est,  capitale  della  Rdt,  e  Berlino  Ovest,  

appartenente  alla  Rft.  In  assenza  di  un  governo  tedesco,  la  suprema  autorità  nominale  era  il  Consiglio  alleato  di  controllo,  

anche  se  di  fatto  ogni  potenza  occupante  amministrava  indipendentemente  la  propria  zona.    

La  conferenza  di  Posdam  aveva  previsto:  

Lo  smantellamento  dell’industria  degli  armamenti  e  delle  industrie  pesanti;  

• Il  Pagamento  delle  riparazione  ai  vincitori  e  alle  vittime  dell’aggressione  nazista;  

• Rigorose  limitazioni  alla  capacità  produttiva  tedesca;  

• Un  programma  di  denazificazione,  con  il  processo  dei  capi  nazisti  come  criminali  di  guerra.  

Presto   le   potenze   occidentali   capirono   che   l’economia   tedesca   doveva   essere   lasciata   integra,   non   solo   per   sostenere   il   po-­‐

polo   tedesco   ma   soprattutto   per   contribuire   alla   ripresa   economica   dell’Europa   occidentale.   Così   furono   prese   misure   atte  

a   incoraggiare   la   produzione   tedesca,   provvedimenti   per   la   riunificazione   dell’economia,   processo   iniziato   con   la   Bizona  

(unione  tra  zona  americana  e  britannica,  a  cui  dopo  fu  aggiunta  quella  francese).  L’unificazione  economica  delle  zone  occi-­‐

dentali  di  occupazione  delineava  la  futura  Repubblica  federale  tedesca.    

Nel   frattempo   erano   sorte   però   nuove   difficoltà.   Per   assicurare   la   sopravvivenza   nella   propria   zona   di   occupazione,  

l’amministrazione  militare  americana  finanziò  2/3  delle  importazioni  primarie  e  nel  1948,  assieme  alle  altre  potenze  occi-­‐

dentali,   attuò   la   riforma  della  moneta  tedesca,   rimpiazzando   il   Reichsmark   con   il   Deutschemark.   La   risposta   fu   positiva:  

merca  che  precedentemente  erano  incettate  o  vendute  al  mercato  nero  riapparvero,  le  fabbriche  ricominciarono  a  produr-­‐

re  e  la  Germania  occidentale  cominciò  la  sua  ripresa  economica.  

L’Unione   Sovietica,   che   non   era   ancora   stata   consultata   a   proposito   della   riforma   monetaria,   replicò   sbarrando   tutti   gli   ac-­‐

cessi   stradali   e   ferroviari   che   collegavano   le   zone   occidentali   con   Berlino   Ovest;   gli   Alleati   occidentali   risposero   pronta-­‐

mente  con  un  imponente  ponte  aereo  di  rifornimenti  strategici.    

Nel  frattempo  la  Germania  veniva  integrata  nell’European  Recovery  Program.  Gli  stati  tedesco-­‐occidentali  furono  autoriz-­‐

zati  ad  eleggere  propri  rappresentanti  ad  un’assemblea  costituente  e,  nel  1949,  nasceva  la  Repubblica  federale  di  Germa-­‐

nia.  L’Unione  Sovietica  fondò,  subito  dopo,  la  Repubblica  democratica  tedesca,  e  nel  mese  di  settembre  fu  tolto  il  blocco  a  

Berlino.   Il   Piano   Marshall   si   concluse   nel   1952,   con   un   successo   superiore   alle   attese   dei   partecipanti   e   degli   ispiratori.  

Sebbene  lasciò  irrisolti  molti  gravi  problemi,  l’Europa  occidentale  aveva  raggiunto  e  superato  i  livelli  prebellici  di  produ-­‐

zione.  Una  delle  più  importanti  istituzioni  fu  l’Unione  europea  dei  pagamenti  (Uep),  che  permise  un  libero  commercio  mul-­‐

tilaterale  all’interno  dell’Oece:  si  tenevano  le  registrazioni  di  tutti  gli  scambi  fra  paesi  europei.  Ai  paesi  creditori  erano  ri-­‐

conosciuti  dei  crediti  sul  medesimo  conto,  e  ne  incassavano  una  parte  in  oro  o  dollari,  cosa  che  permetteva  loro  di  impor-­‐

tare   di   più   dalle   aree   a   moneta   forte   (principalmente   area   del   dollaro).   Ciò   incentivo   i   paesi   dell’Oece   ad   aumentare   le  

esportazioni  reciproche  e  a  diminuire  la  propria  dipendenza  dagli  Stati  Uniti  e  dagli  altri  fornitori  d’oltreoceano.    

Il  commercio  mondiale  crebbe  ad  un  tasso  medio  annuo  dell’8%,  il  più  elevato  della  storia.  L’Uep  ebbe  tanto  successo  che  i  

paesi  dell’Oece  furono  in  grado  di  tornare  alla  libera  convertibilità  delle  loro  valute  e  ad  un  pieno  commercio  multilaterale  

(1958).   Nel   1962   l’Oece   si   trasformò   nell’Organizzazione   per   la   cooperazione   e   lo   sviluppo   economica   (Ocse),   alla   quale  

aderirono  Stati  Uniti  e  Canada;  le  sue  funzioni  erano  coordinare  gli  aiuti  dei  paesi  sottosviluppati,  cercare  accordi  su  que-­‐

stioni  di  politica  macroeconomica  e  dibattere  problemi  di  reciproco  interesse.    

 

-­‐  Una  crescita  senza  precedenti  

 

I  25  anni  seguenti  alla  seconda  guerra  mondiale  furono  quelli  che  segnarono  il  ritmo  più  elevato  di  crescita  ininterrotta  dei  

paesi  industrializzati.  I  paesi  che  alla  fine  della  guerra  avevano  i  redditi  pro  capite  più  elevati  ebbero  una  crescita  più  lenta  

che  non  nell’Europa  occidentale  o  in  Giappone,  ma  più  rapida  che  in  qualsiasi  altro  lungo  periodo  della  loro  storia.    

L’espressione  “miracolo  economico”  venne  usata  per  descrivere  il  balzo  in  avanti  della  Germania  Occidentale  dopo  la  ri-­‐

forma  valutaria  del  1948;  si  notò  poi  anche  altri  paesi,  come  Italia  e   Giappone,   avevano   tassi   di   interessi   uguali   o   superiori  

a  quello  tedesco.  Furono  quindi  davvero  dei  miracoli?  In  realtà,  gli  alti  tassi  di  crescita  furono  sensazionali,  ma  non  miraco-­‐

losi,  per  i  seguenti  motivi:  

1. Gli  aiuti  americani  svolsero  un  ruolo  determinante  nella  ripresa  economica;  

2. In  Europa  ci  furono  alti  livelli  di  risparmi  e  investimenti:  negli  anni  della  depressione  e  della  guerra  si  era  costitui-­‐

ta  una  riserva  di  innovazioni  tecnologiche  che  attendeva  il  capitale  e  il  lavoro  specializzato;  

3. La  modernizzazione  tecnologica;  

4. L’atteggiamento   e   il   ruolo   dell’amministrazione   pubblica,   che   nazionalizzò   alcune   industrie   di   base,   stilò   pro-­‐

grammi  economici  e  assicurò  un’ampia  gamma  di  servizi  sociali;  

5. I   bassi   livelli   di   analfabetismo   e   l’abbondanza   di   istituzioni   scolastiche   specializzate   che   assicuravano   personale  

specializzato  e  il  brainpower  necessario  per  applicare  la  nuova  tecnologia.  

Lo   storico   successo   europeo   rese   i   governanti   eccessivamente   fiduciosi   di   poter   alimentare   una   crescita   guidata   dalla  

esportazioni   e   affrontare   i   mutamenti   strutturali   che   erano   necessari   a   livello   di   modelli   occupazionali   e   abitativi.   Verso   la  

fine  degli  anni  sessanta  gli  scioperi  divennero  più  frequenti,  con  i  sindacati  che  reclamavano  una  ridistribuzione  dei  profit-­‐

ti  a  vantaggio  dei  lavoratori.  Molto  dipendeva  dalla  sopravvalutazione  del  dollaro:  quando  gli  Stati  Uniti  svalutarono  il  dol-­‐

laro  (1971),  a  molti  paesi  europei  occorse  oltre  un  decennio  per  adeguarsi  ai  nuovi  scenari  commerciali  e  internazionali.    

 

-­‐  La  formazione  del  blocco  sovietico  

 

L’Unione  Sovietica  subì  i  danni  più  ingenti  tra  tutti  i  paesi  belligeranti.  Nonostante  le  sofferenze,  l’Unione  Sovietica  si  af-­‐

fermò  come  una  delle  due  superpotenze  del  dopoguerra,  e  questo  fu  consentito  dall’immensità  del  suo  territorio  e  dalla  

sua  popolazione.  Nel  1946  il  governo  varò  il  quarto  piano  quinquennale,  che  poneva  l’accento  sull’industria  pesante  e  sugli  

armamenti,   con   particolare   attenzione   all’energia   atomica.   Nell’immediato   dopoguerra   Stalin   decise   di   apportare   diversi  

cambiamenti  nelle  alte  sfere  del  governo  e  dell’economia:  sostituì  al  Consiglio  dei  commissari  del  popolo  un  Consiglio   dei  

ministri  in  cui  lo  stesso  Stalin  assunse  la  posizione  di  presidente.  Si  procedette  ad  una  drastica  epurazione  del  personale  

dei  ministeri  incaricati  della  supervisione  e  del  controllo  dell’industria  e  dell’agricoltura.    

Stalin  morì  nel  1953.  Dopo  due  anni  di  “direzione  collettiva”,  il  leader  supremo  diventò  Nikita  Chruscev  che,  nel  1956,  pro-­‐

nunciò  un  discorso  in  cui  denunciava  Stalin  quale  tiranno  spietato  che  aveva  ordinato  l’esecuzione  di  innumerevoli  inno-­‐

centi,   come   il   responsabile   dello   scollamento   tra   lo   stato   e   la   gente.   In   teoria   segreto,   il   discorso   di   Chruscev   trapelò   al  

pubblico   sia   dentro   che   fuori   l’Unione   Sovietica,   provocando   fermenti   tra   i   popoli   dei   paesi   comunisti.   Il   governo   intrapre-­‐

se  una  campagna  ufficiale  di  “destabilizzazione”.  

Nonostante   la   nuova   dirigenza,   la   natura   del   sistema   economico   sovietico   non   mutò.   L’industria   pesante   rimase   ben   lonta-­‐

na  dall’obiettivo  dichiarato  di  raggiungere  quella  statunitense;  l’industria  dei  beni  di  consumo  continuò  a  procedere  a  ri-­‐

lento,  con  una  produzione  scarsa  e  di  bassa  qualità.    

L’agricoltura   sovietica   rimase   per   tutto   il   dopoguerra   in   una   situazione   quasi   permanente   di   crisi   nonostante   i   massicci  

sforzi  del  governo  di  stimolare  la  produttività.  I  contadini,  che  non  ricevevano  incentivi  dalle  fattorie  collettive,  concede-­‐

vano  i  propri  sforzi  nei  piccoli  appezzamenti  privati.  Nel  1954  Chruscev  diede  l’avvio  a  un  progetto  di  “terre  vergini”  che  

prevedeva  la  messa  a  coltura  di  grandi  distese  di  terra  aride  nell’Asia  sovietica.  Nessuno  di  questi  programmi  si  avvicinò  

agli   obiettivi   dichiarati.     Chruscev   e   i   suoi   pianificatori   non   riuscirono   ad   avere   la   meglio   sul   tempo   avverso,   la   cattiva   con-­‐

duzione  burocratica,  la  carenza  di  fertilizzanti  e  soprattutto  la  mancanza  di  entusiasmo  dei  contadini.  La  vita  sovietica  con-­‐

tinuò  ad  essere  caratterizzata  dalla  carenza  di  generi  alimentari.    

Gli  Alleati  riuscirono  a  stipulare  trattati  con  i  paesi  satelliti  della  Germania  e  ad  accordarsi  sul  trattamento  delle  vittime  

dell’aggressione   nazista   in   Europa   orientale.   I   termini   generali   della   sistemazione   dell’Est   europeo   erano   stati   delineati  

nelle  conferenze  svoltesi  durante  la  guerra,  soprattutto  quella  di  Yalta.  Dopo  un  anno  e  mezzo  di  negoziati  (1947)  vennero  

firmati   i   trattati   con   Romania-­‐Ungheria-­‐Bulgaria-­‐Finlandia.   La   reintegrazione   della   Cecoslovacchia   e   dell’Albania   era   un  

fatto  scontato,  dato  che  non  erano  mai  stati  in  guerra  con  gli  Alleati.  

Durante   la   guerra   Churchill   e   Stalin,   senza   consultare   Roosevelt,   si   erano   accordati   su   un’equa   spartizione   delle   sfere  

d’influenza  in  Jugoslavia  dopo  la  guerra.  I  partigiani  jugoslavi,  guidati  da  Tito,  liberarono  il  paese  ricevendo  pochi  aiuti  rus-­‐

si  e  nessun  aiuto  britannico,  e  ciò  diede  al  paese  una  certa  indipendenza.   Nel  1945  Tito  rovesciò  la  monarchia  e  proclamò  

una  repubblica  popolare  federale,  ma  Tito  non  governò  il  paese  in  modo  diverso  da  Stalin;  rifiutò  tuttavia  di  accettare  le  

imposizione  dell’Unione  Sovietica.    

La   determinazione   dei   confini   postbellici   della   Polonia   e   della   sua   forma   di   governo   rappresentò   uno   dei   problemi   più   spi-­‐

nosi  del  processo  di  pacificazione.  Nelle  ultime  fasi  della  guerra  erano  esistiti  due  governi  provvisori  polacchi,  a  Londra  e  

in  Polonia;  i  due  gruppi  si  fusero  poi  in  un  governo  provvisorio  di  unità  nazionale.  La  coalizione  resse  fino  al  1947,  quando  

i   comunisti   estromisero   i   loro   alleati   ed   assunsero   il   completo   controllo   del   governo.   La   sistemazione   territoriale   decisa   in  

via   provvisoria   a   Posdam   spostò   la   Polonia   300   miglia   più   a   ovest;   l’accordo   prevedeva   che   la   Polonia   dovesse   avere  

un’amministrazione  temporanea  della  regione  a  est  della  linea  Oder-­‐Neisse.    

I  trattati  di  pace  non  affrontarono  in  alcun  modo  il  problema  della  scomparsa  dei  paesi  baltici  della  Lettonia,  della  Lituania  

e   dell’Estonia.   Nel   1949   l’Unione   Sovietica   creò   il   Consiglio  di  aiuto  economico  reciproco  (Comecon)   nel   tentativo   di   dare  

maggiore  coesione  alle  economie  dei  suoi  satelliti  dell’Est  europeo.  Tuttavia  l’Unione  Sovietica  se  ne  servì  per  accrescere  la  

dipendenza  economica  dei  paesi  satelliti.  

Alla   morte   di   Stalin   nel   1953   il   blocco   sovietico   in   Europa   aveva   un   aspetto   monolitico:   ciascuno   dei   paesi   satelliti   era   una  

riproduzione   in   miniatura   dell’Unione   Sovietica,   e   tutti   si   muovevano   sulle   stesse   note.   Subito   dopo   la   morte   di   Stalin,  

scoppiarono  scioperi  e  sommosse,  che  furono  così  gravi  da  costringere  le  autorità  sovietiche  che  ancora  li  occupavano  a  

reprimerli  con  la  forza  delle  armi.    

Nel  1956  in  Ungheria  divenne  primo  ministro  un  “nazionalcomunista”  che  promise  ampie  riforme  e  libere  elezioni;  annun-­‐

ciò  che  l’Ungheria  si  sarebbe  ritirata  dal  Patto  di  Varsavia  e  chiese  alle  Nazioni  Unite  di  garantire  la  sua  neutralità  perpe-­‐

tua.  Questo  era  troppo  per  l’Unione  Sovietica,  che  riportarono  la  situazione  sotto  controllo  e  insediarono  un  nuovo  gover-­‐

no  fantoccio.  La  rivolta  ungherese  mostrò  che  persino  la  Russia  non  era  preparata  a  rinunciare  al  suo  impero  comunista.  

La  repubblica  popolare  cinese,  sebbene  non  appartenente  al  blocco  sovietico,  fu  per  breve  tempo  alleata  dell’Unione  Sovie-­‐

tica.  Nel  corso  della  seconda  guerra  mondiale  i  comunisti  cinesi  avevano  collaborato  con  il  leader  nazionalista  Jiang  Jieshi  

nella  resistenza  ai  giapponesi,  conservando  però  un  esercito  indipendente.  Alla  fine  del  conflitto  si  rivoltarono  contro  Jiang  

Jieshi  e,  nel  1949,  i  comunisti  guidati  da  Mao  Zedong  proclamarono  formalmente  la  repubblica  popolare  cinese  con  capita-­‐

le   Pechino.   I   comunisti   estesero   rapidamente   il   loro   dominio   all’intero   paese,   e   intrapresero   la   modernizzazione  

dell’economia   e   la   ristrutturazione   della   società.   Cominciarono   a   incoraggiare   la   collettivizzazione   dell’agricoltura   e   nazio-­‐

nalizzarono   l’industria;   tuttavia   i   risultati   non   soddisfarono   il   partito,   che   nel   1958   si   lanciò   in   un   “grande   balzo   in   avanti”  

per  raggiungere  le  economie  industriali  avanzate.  La  popolazione  non  era  però  in  grado  di  sopportare  gli  sforzi  e  i  sacrifici  

richiesti  dai  suoi  capi.  

Uno  degli  obiettivi  principali  della  dirigenza  comunista  cinese  era  quello  di  dare  una  nuova  struttura  alla  società  e  di  ri-­‐

formare   i   processi   di   pensiero,   il   comportamento   e   la   cultura.   Più   difficile   si   dimostrò   ottenere   la   lealtà   e   obbedienza  

dell’immensa  burocrazia  ancora  abbarbicata  alle  antiche  tradizioni;  così,  nel  1966,  Mao  varò  una  “grande  rivoluzione  cul-­‐

turale”   contrassegnata   da   tre   anni   di   terrorismo   e   violenza,   durante   i   quali   molti   intellettuali   furono   costretti   a   lavorare  

come  contadini  e  operai  comuni.    

Già  dall’inizio  l’Unione  Sovietica  aveva  accordato  assistenza  alla  Cina,  ma  questa  si  rifiutò  di  conformarsi  alle  direttive  so-­‐

vietiche;  nel  1960  l’Urss  interruppe  quindi  tutti  gli  aiuti  e  ritirò  tutti  i  suoi  consiglieri  e  assistenti  tecnici.  Per  compensare  

l’ostilità   sovietica,   i   cinesi   intrapresero   un   processo   di   riavvicinamento   all’occidente   che   culminò   con   il   ritiro   da   parte   sta-­‐

tunitense  delle  obiezioni  all’ammissione  della  repubblica  popolare  cinese  nelle  Nazioni  Unite  (1971).  Dopo  la  morte  di  Mao  

(1976)   i   contatti   con   l’occidente   si   intensificarono   e   Xiaoping,   che   guidava   il   governo,   permise   una   limitata   reintroduzione  

del  libero  mercato  e  della  libera  impresa.    

L’Unione  Sovietica  possedeva  in  Asia  altri  tre  satelliti  o  stati  vassalli:  

1. La  repubblica  popolare  mongola,con  un’economia  essenzialmente  pastorale,  ma  che  dopo  la  seconda  guerra  mon-­‐

diale  iniziò  a  sfruttare  anche  le  risorse  minerarie  con  l’aiuto  dell’Unione  Sovietica  e  di  altri  paesi  comunisti;  

2. La  Corea,  occupata  congiuntamente  dalle  truppe  americane  e  sovietich:  tutti  gli  sforzi  di  riunire  il  paese  in  un  solo  

stato  fallirono,  e  nel  1948  sovietici  e  americani  organizzarono  regimi  distinti  nelle  rispettive  zone.  La  repubblica  

popolare  democratica  di  Corea  (Corea  del  Nord)  fu  fondata  su  modello  sovietico;  nel  1950  le  truppe  nordcoreane  

invadevano  la  Corea  del  Sud  che,  grazie  agli  aiuti  americani,  riuscì  a  scongiurare  l’invasione.  Sotto  il  regime  autori-­‐

tario  di  Kim  Il-­‐sung,  la  Corea  del  Nord  divenne  una  delle  società  più  repressive  e  irreggimentate  al  mondo.  

3. La  repubblica  socialista  del  Vietnam,   erede  della  repubblica  democratica  del  Vietnam.  Terminata  la  seconda  guerra  

mondiale,  i  francesi  cercarono  di  riprendere  il  potere   –  ma  furono  sconfitti  nel  1954  dai  vietnamiti.  Il  paese  fu  al-­‐

lora  diviso  in  Vietnam  del  Nord  comunista  e  un  Vietnam  del  Sud  anticomunista,  che  rimase  sconfitto  nella  guerra  

civile  negli  anni  sessanta  e  settanta.  L’economia  era  tradizionalmente  agraria,  ma  i  francesi  avevano  sviluppato  nel  

Nord  anche  un’area  industriale  incentrata  sulla  trasformazione  delle  risorse  minerarie.  

L’unico  stato  occidentale  socialista  alleato  dell’Unione  Sovietica  era  la  repubblica  di  Cuba:  Fidel  Castro  si  rivelò  marxista  

solo  nel  momento  in  qui  la  politica  anticastrista  statunitense  non  lo  gettò  tra  le  braccia  dell’Unione  Sovietica.  Tagliata  fuori  

dai   mercati   tradizionali   (soprattutto   con   gli   Stati   Uniti),   ma   comunque   dipendente   dal   suo   prodotto   d’esportazione   per  

eccellenza,  lo  zucchero,  Cuba  riceveva  la  maggior  parte  dei  manufatti  dal  blocco  sovietico.    

 

-­‐  Economia  della  decolonizzazione  

 

La  seconda  guerra  mondiale  inflisse  un  colpo  mortale  all’imperialismo  europeo:  Filippine,  Indie  orientali  olandesi,  Indoci-­‐

na   francese,   Birmania   e   Malaysia   britanniche   caddero   temporaneamente   sotto   il   dominio   giapponese.   In   Asia   e   in   Africa   le  

potenze   europee   lasciarono   le   dipendenze   coloniali   in   gran   parte   in   balia   di   se   stesse;   alcune   di   esse   proclamarono   imme-­‐

diatamente  l’indipendenza,  mentre  altre  videro  la  nascita  di  partiti  indipendentisti  che  si  battevano  contro  il  dominio  co-­‐

loniale.  Nell’immediato  dopoguerra  le  potenze  imperiali  ripresero  temporaneamente  il  controllo  delle  ex  colonie,  ma  que-­‐

ste  furono  gradualmente  abbandonate  a  causa  (1)  della  debolezza  provocata  dalla  guerra,  (2)  della  forza  crescente  dei  mo-­‐

vimenti  indipendentisti  locale  e  (3)  del  ruolo  ambivalente  degli  Stati  Uniti.  

Paesi   come   la   Birmania,   l’Indonesia,   la   Cambogia,   il   Vietnam   e   la   Malaysia   hanno   molte   caratteristiche   in   comune,   tra   cui   il  

clima  e  la  topografia:  

Sono   prevalentemente   rurali   e   agrari     la   forza   lavoro   si   divide   tra   la   produzione   per   la   sussistenza   delle   fattorie  

à

• contadine  e  quella  per  l’esportazione  delle  piantagioni;  

Alcune  possiedono  risorse  minerarie  strategiche  apprezzate  sui  mercati  mondiali;  

• Hanno  alti  livelli  di  analfabetismo;  

• Hanno  alti  tassi  di  crescita  demografica;  

• Sebbene  siano  nominalmente  repubbliche,  le  forze  democratiche  sono  deboli  e  molti  sono  sottostati  a  dittature;  

Singapore,  diversamente,  è  molto  urbanizzata,  alfabetizzata  e  relativamente  ricca.  

In  Africa  le  vecchie  potenze  coloniali  controllavano  ancora  quasi  tutto  il  continente;  sotto  la  superficie,  però,  erano  state  

messe   in   movimento   potenti   correnti   di   cambiamento   che   nei   due   decenni   seguenti   alterarono   completamente   il   volto   del  

continente.  La  Libia,  ex  colonia  italiana,  fu  il  primo  paese  africano  ad  ottenere  l’indipendenza,  trasformandosi  in  una  mo-­‐

narchia  costituzionale  (1951).  L’Egitto  fu  formalmente  sotto  protettorato  britannico  fino  al  1922,  sebbene  la  Gran  Breta-­‐

gna  conservò  il  controllo  delle  questioni  militari  e  le  relazioni  con  l’estero.  

Il  nord  africa  francese  fu  teatro  di  una  lunga  lotta  per  l’indipendenza.  In  Tunisia,  Marocco  e  Algeria  si  svilupparono,  dopo  la  

guerra,  forti  movimenti  nazionalistici  e  panarabi.  La  Tunisia  e  il  Marocco  ottennero  alla  fine  la  piena  indipendenza  dalla  

Francia,   che   cercò   quindi   di   rafforzare   il   controllo   sull’Algeria.   Nel   1958,   di   fronte   alla   minaccia   di   un   colpo   di   stato   milita-­‐

re,  il  governo  della  Quarta  repubblica  abdicò  ai  suoi  poteri  a  vantaggio  del  generale  De  Gaulle,  che  assunse  poteri  presso-­‐

ché  dittatoriali.  Tutti  e  tre  i  paesi  nordafricani  sono  prevalentemente  agrari,  con  un’agricoltura  di  tipo  mediterraneo,  ma  

oltre   a   questo   possiedono   importanti   risorse   minerarie   (petrolio,   gas   naturale);   commercialmente   erano   orientati   verso   la  

Francia,  ma  i  mercati  esteri  furono  ampliati  nel  1976  con  un  accordo  commerciale  con  la  Comunità  europea.  Il  sorprenden-­‐

te  sviluppo  dell’Africa  nera  fu  dovuto  in  parte  alla  forza  dei  movimenti  indipendentisti,  e  in  parte  alle  difficoltà  interne  del-­‐

le  potenze  imperiali,  che  le  resero  meno  disponibili  a  sopportare  gli  alti  costi  della  conservazione  del  dominio  su  popola-­‐

zioni  straniere  contro  la  loro  volontà.  Una  volta  iniziato  il  processo  di  emancipazione,  diventò  inarrestabile.    

Dopo   la   seconda   guerra   mondiale   il   governo   britannico   preparò   i   suoi   sudditi   africani   all’autogoverno,   costruendo   più  

scuole,   università   e   ammettendo   gli   africani   al   pubblico   impiego;   nelle   intenzioni   dei   britannici   erano   previste   ulteriori  

concessioni,  sia  pure  nell’arco  di  diversi  decessi.  Le  prime  colonie  britanniche  in  Africa  a  conquistare  l’indipendenza  erano  

tra   le   meno   avanzate   economicamente   e   politicamente,   popolate   quasi   interamente   da   neri   africani.   Nel   1965  la   Gran   Bre-­‐

tagna   aveva   concesso   l’indipendenza   a   tutte   le   colonie   africane   ad   eccezione   della   Rhodesia   meridionale;   l’eccezione   era  

determinata   dal   rifiuto   della   popolazione   bianca   di   accordare   uno   statuto   egualitario   ai   concittadini   neri,   molto   più   nume-­‐

rosi  dei  bianchi.  Alla  fine  la  maggioranza  nera  trionfò  (1979),  cambiando  il  nome  del  paese  in  Zimbabwe.    

De  Gaulle,  con  l’installazione  della  Quinta  repubblica  (1958),  offrì  alle  colonie  francesi  –  tranne  l’Algeria  –  la  possibilità  di  

diventare  immediatamente  indipendente;  delle  quindici  colonie,  solo  la  Guinea  scelse  l’indipendenza,  mentre  le  altre  orga-­‐

nizzarono  propri  governi,  permettendo  ai  francesi  di  mantenere  il  controllo  della  difesa  e  della  politica  estera  in  cambio  di  

assistenza  economica  e  tecnica.    

Alla  metà  degli  anni  sessanta  tutte  le  ex  potenze  coloniali  europee,  tranne  il  Portogallo,  avevano  concesso  l’indipendenza  a  

quasi  tutte  le  loro  dipendenze  asiatiche  e  africane;  il  Portogallo  rifiutò  ogni  consiglio  di  preparare  le  colonie  ad  una  even-­‐

tuale  emancipazione.    

Il   colonialismo   lasciò   tuttavia   un   doloroso   legato:   i   nuovi   stati   erano   disperatamente   poveri,   poiché   le   nazioni   europee  

avevano   estratto   minerali   e   prodotti   senza   dividere   la   ricchezza   con   gli   africani.   Tuttavia   non   esistevano   basi   sociali   ed  

economiche  per  democrazie  stabili  e  vitali:  molte  delle  ex  colonie  caddero  sotto  regimi  monopartitici,  influenzati  spesso  

dai  comunisti  russi  o  cinesi.  Alcuni  piombarono  nell’anarchia  e  nella  guerra  civile;  gran  parte  delle  amministrazioni  furono  

afflitte  dall’inefficienza  e  dalla  corruzione.  

 

-­‐  I  travagli  del  Terzo  Mondo  

 

Grazie  al  loro  vantaggio  comparato  nel  settore  dei  prodotti  primari,  i  paesi  latino  americani  si  erano  inseriti  a  pieno  nella  

divisione   internazionale   del   lavoro   (fine   XIX   secolo   –   inizio   XX).   In   seguito   gran   parte   di   questi   paesi   insistette   in   pro-­‐

grammi   di   industrializzazione   finalizzati   alla   sostituzione   delle   importazioni,   nel   tentativo   di   produrre   direttamente   i   beni  

di  manifattura  precedentemente  importati.  I  programmi  latinoamericani  fallirono  per  diversi  motivi:  

1. Le  ridotte  dimensioni  e  potere  d’acquisto  dei  mercati  interni;  

2. Un’insufficiente   cooperazione   a   livello   regionale   (=   mancato   decollo   dell’associazione   latinoamericana   di   libero  

scambio  –   Lafta);  

3. La  mancanza  del  capitale  umano  necessario  per  fare  un  uso  efficace  della  nuova  tecnologia  d’importazione  e  per  

svilupparne  una  propria;  

4. I  bassi  tassi  di  accumulazione  rispetto  alle  economie  asiatiche  in  via  di  industrializzazione  (con  alti  tassi  di  incre-­‐

mento  demografico).  

Il  risultato  fu  la  precipitazione  dei  livelli  di  reddito  procapite  dei  paesi  latinoamericani.  Così  i  paesi  latinoamericani  assie-­‐

me  alle  ex  colonie  occidentali  in  Africa  e  Asia  adottarono  l’appellativo  di  Terzo  Mondo,  né  comunista  né  capitalista,  ugual-­‐

mente  disposto  ad  accettare  l’aiuto  proveniente  da  Stati  Uniti,  Europa  occidentale  e  Unione  Sovietica.  

Comunque,  già  negli  anni  sessanta  si  era  avviata  in  certe  economie  dell’Asia  sudorientale  (soprattutto  Corea  del  Sud  e  Tai-­‐

wan)  una  consistente  crescita  industriale;  retrospettivamente,  è  evidente  che  questi  paesi  erano  riusciti  a  imitare  la  politi-­‐

ca  giapponese  di  industrializzazione  guidata  dallo  stato  e  stimolata  dalle  esportazioni.    

 

-­‐   Le  origini  dell’Unione  Europea  

 

Molti  furono  i  tentativi  della  creazione  di  un’unione  europea:  il  Sacro  Romano  Impero;  l’impero  francese  di  Napoleone;  il  

concerto  europeo  sviluppatosi  col  Congresso  di  Vienna  (1815);  la  Società  delle  nazioni;  il  tentativo  di  Hitler  di  creare  una  

Festung  Europa.  Tutti  questi  tentativi,  però,  fallirono  per  l’incapacità  degli  unificatori  di  conservare  il  monopolio  del  potere  

di  coercizione  e  la  riluttanza  dei  soggetti  a  sottomettersi  volontariamente  alla  loro  autorità.  Fino  alla  seconda  guerra  mon-­‐

diale  le  nazioni  moderne  si  opposero  con  sollecitudine  ad  ogni  tentativo  di  usurare  o  limitare  la  loro  sovranità.  

Distinzione  tra  organizzazioni  internazionali  e  sopranazionali:  

Internazionali:   dipendono   dalla   cooperazione   volontaria   dei   loro   membri   e   non   possiedono   un   reale   potere   di  

• coercizione;  

Sopranazionali:  richiedono  che  i  loro  membri  cedano  almeno  una  parte  della  loro  sovranità  e  possono  costringerli  

• a  uniformarsi  alle  proprie  disposizioni.  

Le   proposte   di   vari   tipi   di   organizzazioni   sopranazionali   europee,   provenienti   da   fonti   sempre   più   influenti,   sono   divenute  

via  via  più  frequenti  a  partire  dal  1945.  Queste  proposte  scaturiscono  da  due  motivazioni:  

1. Motivo  politico:  la  minaccia  di  una  guerra  tra  le  potenze  europee  può  essere  permanentemente  estirpata.  Se  le  na-­‐

zioni  europee  vogliono   riconquistare   l’antico   ruolo   negli   affari   mondiali,   devono   unirsi   e   disporre   di   un   capitale  

umano  e  di  risorse  paragonabili  a  quelle  degli  Stati  Uniti;  

2. Motivo   economico:   mercati   più   ampi   promuovono   la   specializzazione   e   la   concorrenza,   e   portano   quindi   a   una  

produttività  più  elevata.  

I   due   motivi   si   fondano   nella   considerazione   che   un’economia   europea   pienamente   integrata   renderebbe   le   guerre   in-­‐

traeuropee  meno  probabili,  se  non  impossibili.    

L’Oece   richiedeva   solo   cooperazione,   e   non   una   piena   integrazione.   Nel   1950   il   ministro   degli   esteri   francese   Robert   Schu-­‐

man  propose  il  cosiddetto  Piano  Schuman:  integrare  le  industrie  di  carbone  e  acciaio  della  Francia  e  della  Germania  Occi-­‐

dentale,  invitando  anche  altre  nazioni  a  partecipare.  Tale  piano  era  però  un  artificio  per  mantenere  l’industria  tedesca  sot-­‐

to  sorveglianza  e  controllo.  La  Germania  Occidentale  rispose  con  operosità,  seguita  dai  paesi  del  Benelux  e  dall’Italia  (che  

temevano  di  restare  indietro).  Il  trattato  istitutivo  della  Comunità  europea  del  carbone  e  dell’acciaio  (Ceca)  prevedeva:  

L’eliminazione   delle   tariffe   e   dei   contingenti   in   materia   di   scambi   intracomunitari   di   minerale   ferroso,   carbone,  

• coke  e  acciaio;  

Una  tariffa  esterna  comune  sulle  importazioni  da  altri  paesi;  

• Controlli  sulla  produzione  e  sulle  vendite.  

Per  sovraintendere  a  queste  operazioni  furono  creati  numerosi  organismi  di  carattere  sopranazionale.  Subito  dopo  l’inizio  

delle  attività  della  comunità,  le  stesse  nazioni  tentarono  un  altro  gigantesco  passo  in  avanti  sulla  strada  dell’integrazione  

con   un   trattato   per   una   Comunità   di   difesa   europea,   dovuto   soprattutto   alla   guerra   di   Corea,   all’istituzione   della   Nato  

(North  Atlantic  Treaty  Organization)  e  alla  ripresa  economica  della  Germania,  che  aveva  sottolineato  l’esigenza  di  include-­‐

re   i   contingenti   tedeschi   in   una   forza   militare   europea.   Tuttavia   questo   suscitò   il   sospetto   e   l’ostilità   di   coloro   che   poco  

tempo  prima  erano  stati  vittime  dell’aggressione  nazista;  così  i  sostenitori  dell’unità  passarono  a  tattiche  più  caute.  

Nel   1957   i   partecipanti   al   Piano   Schuman   siglarono   a   Roma   due   trattati   che   istituivano   l’Euratom   (Comunità   europea  

dell’energia   atomica),   per   lo   sviluppo   di   usi   pacifici   per   l’energia   atomica,   e   la   Cee   (Comunità   economica   europea);  

quest’ultima  prevedeva:  

1. La  graduale  eliminazione  dei  dazi  sull’importazione;  

2. La  limitazione  quantitativa  su  tutti  gli  scambi  tra  i  paesi  membri;  

3. L’introduzione  di  una  tariffa  esterna  comune;  

4. L’attuazione  di  politiche  comune  nei  trasporti,  in  agricoltura,  nella  previdenza  sociale;  

5. Il  permesso  di  libero  movimento  di  persone  e  capitali  all’interno  dei  confini  della  comunità;  

6. Clausola  fondamentale:  il  trattato  non  poteva  essere  denunciato  unilateralmente  e,  dopo  un  certo  stadio  del  pe-­‐

riodo  di  transazione  (che  sarebbe  durato  12-­‐15  mesi),  le  ulteriori  decisioni  sarebbero  state  prese  da  una  maggio-­‐

ranza  qualificata  piuttosto  che  dall’unanimità.    

Il  trattato  del  Mercato  comune  (altro  nome  per  indicare  la  Cee),  in  vigore  dal  1°  gennaio  1958,  sorprese  i  pessimisti  e  ab-­‐

breviò   il   periodo   di   transazione,   invece   di   prolungarlo.   Dopo   la   firma   del   trattato   istitutivo   della   Cee,   la   Gran   Bretagna-­‐

paesi   scandinavi-­‐Svizzera-­‐Austria-­‐Portogallo   (denominati   i   “sette   esterni”)   crearono   l’Associazione   europea   di   libero  

scambio   (Efta),   che   prevedeva   unicamente   l’eliminazione   delle   tariffe   sui   prodotti   industriali   tra   i   paesi   firmatari.   Era  

un’unione  più  debole  della  Cee,  in  quanto  non  erano  compresi  i  prodotti  agricoli,  non  si  parlava  di  una  tariffa  esterna  co-­‐

mune   e   ogni   membro   poteva   ritirarsi   in   qualsiasi   momento.   Nel   1961   la   Gran   Bretagna   si   rese   disponibile   a   entrare   nel  

Mercato   comune   a   certe   condizioni;   il   veto   di   De   Gaulle,   riveduto   più   volte,   fu   accettato   nel   1972,   e   la   Gran   Bretagna   fu  

ammessa  alla  Cee.    

Dopo   la   firma   dei   trattati   di   Roma   cominciarono   a   parlare   di   “Comunità  europee”   e,   dopo   la   fusione   delle   alte   commissioni  

nel  1965,  di  “Comunità  europea”;  dalla  fusione  delle  assemblee  generali  nacque  il  parlamento  europeo,  eletto  direttamente  

dal  popolo  (dopo  il  1979),  i  cui  membri  erano  raggruppamenti  di  partiti  piuttosto  che  secondo  le  nazionalità.    

L’unità   europea   era   però   ben   lungi   dall’essere   un   fatto   compiuto:   nel   periodo   di   allargamento   dell’organizzazione,  

l’economia   mondiale   era   molto   meno   propizia   alla   crescita.   I   piani   per   la   creazione   di   una   voluta   comune   nei   sei   paesi  

membri   originali   della   Cee   furono   vanificati,   poiché   ciascuno   dovette   affrontare   pressioni   speculative   contro   la   propria  

valuta  tali  da  alterare  le  parità  precedenti.  Nel  1973,  quando  la  Gran  Bretagna  era  già  entrata  nella  Cee,  assieme  a  Irlanda  e  

Danimarca,  il  promo  shock  petrolifero  travolte  i  piani  economici  di  tutti  i  paesi  membri,  che  erano  basati  sul  presupposto  

di   un   approvvigionamento   costante   di   petrolio   a   basso   prezzo   dal   Medio   Oriente.   Inoltre,   l’ingresso   della   Gran   Bretagna  

rese  necessari  ulteriori  cambiamenti  nella  politica  della  Comunità,  oltre  ad  aver  complicato  i  rapporti  della  Cee  con  gli  ex  

possedimenti  coloniali  dei  paesi  membri.    

Nel   complesso,   la   risposta   comune   all’incremento   dei   costi   delle   importazioni   petrolifere   passò   per   la   promozione   delle  

esportazioni   e   la   ricerca   di   fonti   più   economiche   di   importazione   di   materie   prime   e   generi   alimentari.   Il   risultato   fu   un  

incremento  netto  e  permanente  dell’importanza  del  commercio  nei  paesi  coinvolti,  nonostante  il  rallentamento  della  cre-­‐

scita  complessiva.    

 

 

Capitolo  9:  I  REGIMI  MONETARI  INTERNAZIONALI   (Persson)  

 

1.  Il  Gold  Standard  (1870-­‐1914)  

 

Nel  tempo  si  è  compreso  che  i  tassi  di  cambio  fissi  non  sono  necessari:  si  è  arrivati  a  questo  sistema  per  caso.  L’oro  era  uti-­‐

lizzato  come  moneta  sin  dall’antichità.  Il  Gold  Standard  come  istituzione  ha  le  sue  origini  nel  1819  in  Gran  Bretagna,  con  

l’approvazione   del   Resumption   Act   che   ripristinò   e   rese   permanente   la   pratica   del   cambio   di   banconote   in   oro   su   richiesta  

a  un  tasso  fisso,  abolendo  al  contempo  le  restrizioni  vigenti  sull’esportazione  di  oro.    

In  passato,  i  paesi  avevano  adottato  un  sistema  bimetallico  (oro  e  argento);  l’oro  era  però  troppo  costoso  per  essere  facil-­‐

mente  divisibile  in  unità  sufficientemente  piccole  da  essere  utilizzate  per  acquisti  di  minor  valore.  Il  Regno  Unito  fu  il  pri-­‐

mo   paese   a   fissare   il   valore   della   propria   valuta   esclusivamente   in   oro.   Gli   Stati   Uniti   mantennero   il   sistema   bimetallico  

fino  al  1873,  quando  l’argento  fu  demonetarizzato.    

I   paesi   emergenti,   come   Stati  Uniti  e  Germania,  istituirono  rapidamente  le  proprie  unioni  monetarie  interne;  ci  furono  an-­‐

che  tentativi  di  creare  unioni  monetarie  internazionali  più  ampie,  come  l’Unione  monetaria  scandinava  e  l’Unione  moneta-­‐

ria  latina  (UML)  –  che  univa  Francia,  Belgio,  Italia,  Svizzera  e  Spagna.  Il  fattore  di  maggior  peso  per  l’istituzione  dell’UML  

era  la  volontà  francese  di  acquisire  influenza  politica  ed  economica:  venne  così  adottato  un  sistema  bimetallico,  al  contra-­‐

rio  del  sistema  aureo  britannico.    

In  realtà  le  unioni  monetarie  non  avevano  molta  importanza  sul  piano  economico  in  un  mondo  regolato  da  tassi  di  cambio  

fissi:  negli  anni  settanta  dell’ottocento,  quasi  tutti  i  paesi  ormai  fissavano  il  valore  delle  proprie  valute  in  oro,  e  la  diretta  

conseguenza  fu  un  passaggio  a  un  sistema  di  tassi  di  cambio  fissi.  Ciò  era  dovuto  alle  

regole  del  gioco  del  Gold  Standard:  

1. La  valuta  doveva  essere  liberamente  convertibile  in  oro  a  un  valore  prestabilito  (“parità  di  zecca”);  

2. Non  dovevano  sussistere  barriere  ai  flussi  di  capitale  (oro)  tra  un  paese  e  l’altro;  

3. La  moneta  doveva  essere  convertibile  in  oro  su  richiesta,  e  dunque  doveva  essere  sostenuta  da  riserve  auree.  

In  realtà,  erano  possibili  piccole  variazioni  del  tasso  di  cambio  dal  valore  previsto  ( punti  dell’oro).  I  tassi  di  cambio  fluttua-­‐

vano   all’interno   di   bande   di   oscillazione   determinate   dai   costi   di   trasporto   dell’oro,   poiché   l’arbitraggio   era   conveniente  

solo  se  i  guadagni  erano  superiori  dei  costi  di  trasporto  dell’oro  tra  paesi  e  continenti  diversi.    

Durante  l’epoca  del  Gold  Standard,  i  governi  nell’insieme  adottarono  un  approccio  “laissez  faire”  alla  politica  economica.  

Nel  1752  Hume  aveva  descritto  il  cosiddetto   meccanismo  prezzo-­‐flusso  monetario,  in  base  al  quale  il  Gold  Standard  avrebbe  

automaticamente  garantito  l’equilibrio  della  bilancia  dei  pagamenti.  Hume  ipotizzava  una  situazione  nella  quale  si  verifi-­‐

cava  un  afflusso  di  oro  nel  Regno  Unito  dagli  altri  paesi,  con  un  conseguente  aumento  dei  prezzi  britannici  rispetto  a  quelli  

esteri.   All’aumentare   della   domanda   britannica   di   beni   stranieri,   e   al   diminuire   della   domanda   di   beni   britannici,   i   flussi   di  

oro  si  sarebbero  nuovamente  diretti  all’estero  e  l’equilibrio  sarebbe  stato  risparmiato.  Nella  pratica  commerciale  si  impie-­‐

gava  la  moneta  cartacea,  ma  ciò  non  faceva  differenza,  perché  l’offerta  di  moneta  era  legata  alle  riserve  auree.  Se  il  Regno  

à

Unito  presentava  un  avanzo  della  bilancia  commerciale    gli  operatori  commerciali  avrebbero  accumulato  valuta  estera  

in   eccesso,   offerta   alle   banche   straniere   in   cambio   di   oro     questo   sarebbe   stato   a   sua   volta   cambiato   in   valuta   britannica  

à

dalle   banche   nazionali,   determinando   un   incremento   dell’offerta   di   moneta   e   del   livello   dei   prezzi   che   avrebbe   ripristinato  

l’equilibrio  iniziale.    

In  realtà,  le  banche  centrali  erano  più  allarmate  dalle  possibili  perdite  di  oro  che  dalle  eccedenze,  e  spesso  ricorrevano  alla  

sterilizzazione  dei  flussi  di  oro  in  entrata  per  evitare  che  aumentasse  l’offerta  di  moneta.  In  questo  modo  le  banche  erano  

in  grado  di  costruire  riserve  auree  in  eccesso,  senza  alterare  l’offerta  di  moneta.    

Il  Gold  Standard  rimase  in  vigore  per  diversi  decenni,  e  le  ragioni  del  suo  successo  sono  sintetizzate  in  tre  punti:  

Impegno:  le  eventuali  deviazioni  del  tasso  di  cambio  fisso  erano  presto  seguite  da  un  ritorno  alla  parità  originaria;  

• Fiducia:  la  diffusa  convinzione  che  i  tassi  di  cambio  sarebbero  rimasti  fissi  faceva  sì  che  gli  interventi  speculativi  

• andassero  nella  direzione  del  loro  mantenimento;  

Simmetria:  nessun  singolo  paese  aveva  un’influenza  determinante  sui  livelli  dei  prezzo.  

Di  fatti,  i  livelli  dei  prezzi  in  tutti  i  paesi  erano  regolati  dalla  domanda  e  dall’offerta  di  oro.  Nel  breve  periodo  si  verificarono  

fasi   di   inflazione   o   deflazione   comuni   ai   diversi   paesi:   inflazione   o   deflazione   elevate   possono   avere   conseguenze   negative  

sull’economia   reale,   ma   generalmente   i   governi   ignorano   il   problema,   e   potevano   farlo   perché   la   politica   non   si   poneva  

obiettivi  interni.  

 

2.  Il  periodo  tra  le  due  guerre  

 

Gli  anni  tra  le  due  guerre  segnarono  la  fine  del  Gold  Standard.  Durante  la  prima  guerra  mondiale  fu  sospeso,  i  governi  fi-­‐

nanziarono   la   spesa   pubblica   attraverso   l’espansione   dell’offerta   di   moneta,   emettendo   titoli   di   debito   pubblico   e   stam-­‐

pando  moneta.  Alla  fine  del  conflitto,  alcuni  paesi  finanziarono  la  ricostruzione  stampando  ancora  moneta:  il  risultato  fu  

un’iperinflazione.   Gli   Stati   Uniti,   usciti   indenni   dal   conflitto,   tornarono   al   Gold   Standard   nel   1919.   Stando   alle   regole   del  

gioco,  se  tutti  i  paesi  fossero  tornati  alle  parità  iniziali  (dati  i  tassi  di  inflazione)  si  avrebbe  avuto  una  deflazione  quasi  ir-­‐

realistica.  La  deflazione  può  determinare  un  disagio  economico,  perché  normalmente  i  salari  non  diminuiscono,  il  lavoro  

diventa  quindi  più  costoso  e  produzione/occupazione  si  riducono.  Con  la  diffusione  della  democrazia,  del  socialismo  e  del-­‐

le  organizzazioni  sindacali,  l’azione  dei  governi  era  sempre  più  condizionata:  alcuni  paesi  tornarono  al  Gold  Standard  con  il  

prezzo  della  valuta  in  oro  al  livello  anteguerra,  come  nel  caso  del  Regno  Unito.   Questo  però  si  trovava  in  una  situazione  

particolare,   poiché   la   Bank   of   England   aveva   sempre   avuto   un   ruolo   centrale   nell’amministrazione   del   Gold   Standard;   il  

ritorno  alla  parità  prebellica  implicò  quindi  una  considerevole  deflazione  e  un’elevata  disoccupazione.  

Nel  1929,  il  governo  statunitense  tentava  di  far  rallentare  un’economia  “surriscaldata”  attuando  una  contrazione   moneta-­‐

ria,  mentre  la  Francia  ritornava  al  Gold  Standard.  Entrambi  i  paesi  ricorrevano  alla  sterilizzazione  dell’oro,  assorbendo  le  

riserve   auree   mondiali:   gli   altri   paesi   furono   dunque   costretti   a   ridurre   l’offerta   di   moneta.   Questa   contrazione   monetaria,  

aggiuntasi   al   crollo   di   Wall   Street   nell’ottobre   1929,   scatenarono   la   Grande  Depressione   degli   anni   trenta   del   Novecento.  

Eichengreen  dimostrò  che  il  Gold  Standard  ebbe  un  ruolo  rilevante  nel  prolungare  e  aggravare  la  Grande  Depressione:  i  

fallimenti  bancari  si  moltiplicarono  perché  i  governi  non  davano  liquidità,  intendendo  preservare  le  proprie  riserve  auree.  

Il  diffuso  ricordo  a  controlli  sui  movimenti  di  capitali  e  valutari  determinò  una  notevole  riduzione  del  commercio  mondiale  

negli  anni  trenta  del  Novecento.  

Nel  1931il  Regno  Unito  abbandonò  il  Gold  Standard,  seguito  dagli  Stati  Uniti  (1933).  Fu  una  decisione  vincente:  i  paesi  sva-­‐

lutarono   le   loro   valute   rispetto   al   tasso   di   cambio   del   1929   e   si   ripresero   più   rapidamente   dalla   Grande   Depressione;   le  

loro  industrie  conquistarono  una  quota  di  mercato  maggiore,  sui  mercati  interni  e  internazionali.  La  svalutazione  aumentò  

l’inflazione,  che  ridusse  sia  il   product  wage  (=costo  dei  salari  rispetto  al  prezzo  dei  beni  prodotti)  sia  i  tassi  di  interessi  rea-­‐

li;  la  politica  monetaria  poté  essere  utilizzata  per  stimolare  la  crescita  economica.  

Dipendendo  dai  tassi  di  cambio  fissi  e  libera  mobilità  dei  capitali,  il  Gold  Standard  non  poteva  sopravvivere  in  un  mondo  

dove   la   politica   monetaria   aveva   assunto   un’importanza   cruciale,   e   infatti   crollò   –   assieme   all’Unione   monetaria   scandina-­‐

va  e  all’UML.  

 

3.  Il  sistema  di  Bretton  Woods  

 

La  reazione  alla  Grande  Depressione  fu  disastrosa:  

Il  protezionismo  aumentò;  

• Furono  imposte  restrizioni  sui  flussi  di  capitale;  

• I  paesi  divennero  più  autarchici;  

• Il  commercio  mondiale  diminuì;  

• Si  diffusero  ideologie  politiche  di  stampo  autoritario.  

Nel  1944  i  rappresentanti  di  48  paesi  si  riunirono  a  Bretton  Woods,  cercando  di  delineare  un  sistema  monetario  interna-­‐

zionale  per  il  dopoguerra.  Fu  istituito  il  Fondo  monetario  internazionale  (FMI).  Keynes,  il  delegato  britannico,  auspicava  la  

creazione  di  un  sistema  più  flessibile  del  Gold  Standard  classico:  il  suo  obiettivo  era  un  sistema  con  tassi  di  cambio  fissi  e  

l’utilizzo  di  una  politica  monetaria,  senza  porre  restrizioni  al  commercio  internazionale.  

La   fiducia   nei   sistemi   di   tassi   di   cambio   fissi   era   legata   all’esperienza   del   periodo   tra   le   due   guerre   e   alla   convinzione   che   i  

tassi   di   cambio   flessibili   avessero   causato   instabilità   e   danneggiato   il   commercio   internazionale.   Il   sistema   di   Bretton  

Woods  assunse  la  struttura  di  un   dollar  exchange  standard:  

1. Il  valore  del  dollaro  era  fissato  rispetto  all’oro  (35  $  per  oncia);  

2. I  paesi  membri  detenevano  riserve  in  oro/attività  in  dollari,  avevano  il  diritto  di  vendere  dollari  in  cambio  di  oro  

alla  Federal  Reserve  al  prezzo  ufficiale.  Le  riserve  non  erano  legate  all’offerta  di  moneta;  

3. Tutte  le  valute  avevano  un  valore  fisso  rispetto  al  dollaro.  

Tutti   i   paesi   erano   quindi   responsabili   per   il   mantenimento   del   rispettivo   tasso   di   cambio,   a   eccezione   degli   Stati   Uniti,   re-­‐

sponsabili  del  prezzo  in  oro  del  dollaro.  La  differenza  sostanziale  con  il  Gold  Standard  stava  nella  libertà  dei  singoli  paesi  

di  usare  la  politica  monetaria.  Diventava  dunque  necessario  limitare  la  mobilità  dei  capitali,  imponendo  la  convertibilità  

delle  valute  per  le  partite  correnti  (beni/servizi)  e  non  per  movimenti  di  capitale  (attività  finanziarie).  Il  sistema  di  Bretton  

Woods  voleva  garantire  flessibilità  ai  paesi  che  registravano  un  disavanzo  delle  parti  correnti:  il  FMI  veniva  dotato  di  un  

fondo  per  effettuare  prestiti  ai  paesi  che  avevano  tale  disavanzo.   Inoltre  le  parità  erano  modificabili:  se  la  bilancia  dei  pa-­‐

gamenti  presentava  un  “disequilibrio  strutturale”,  i  singoli  paesi  avrebbero  potuto  svalutare  la  propria  valuta  rispetto  al  

dollaro  in  caso  di  calo  strutturale  della  domanda  per  i  loro  prodotti.  Proprio  questa  flessibilità  rappresentò  una  delle  cause  

dell’instabilità  del  sistema  di  Bretton  Woods.  Gli  speculatori  impararono  ad  aggirare  le  restrizioni  alla  mobilità  dei  capitali:  

potevano   contrarre   prestiti   all’estero   ritardando   i   pagamenti   delle   transazioni   commerciali,   o   concederne   anticipandoli.  

Questo  determinò  attacchi  speculativi  destabilizzanti.    

La   pecca   fondamentale   del   sistema   di   Bretton   Woods   stava   nella   sua   asimmetria:   tutte   le   valute   potevano   essere   svalutate  

rispetto   al   dollaro,   ma   questo   non   poteva   accadere   al  dollaro   stesso.   Gli   Stati   Uniti   godevano   della   libertà   di   fissare   il   tasso  

di  interesse  e  gestire  la  politica  monetaria,  ma  questa  situazione  era  accettabile  solo  se  tutti  i  paesi  erano  disposti  ad  adot-­‐

tare  la  politica  monetaria  statunitense  e  i  tassi  di  inflazione  che  ne  derivavano.  Questo  sistema  mancava  di  impegno,  fidu-­‐

cia  e  simmetria.  La  possibilità  di  associare  l’autonomia  monetaria  a  tassi  di  cambio  fissi  dipendeva  dalla  capacità  di  evitare  

attacchi  speculativi  destabilizzanti;  gli  operatori  non  credevano  nell’impegno  delle  banche  centrali  di  mantenere  fissi  i  tas-­‐

si  di  interesse;  il  predominio  del  dollaro  determinò  un  rapido  crollo  del  sistema  quando  gli  Stati  Uniti  non  furono  più  pron-­‐

ti  a  sostenerlo.    

 

4.  Il  mondo  dei  tassi  di  cambio  flessibili  

 

Il   regime   di   tassi   di   cambio   fissi   fra   paesi   molto   eterogenei   ha   poche   probabilità   di   sopravvivenza,   perché   gli   shock   econo-­‐

mici  sono  asimmetrici  e  le  preferenze  politiche  dei  diversi  governi  sono  eterogenee.  Dopo  l’abbandono  del  sistema  di  Bret-­‐

ton  Woods  i  livelli  dei  prezzi  nei  vari  paesi  mostrarono  una  divergenza  ancora  più  rapida  e  significativa:  ciò  rese  sempre  

più  improbabile  un  ritorno  a  un  regime  di  tassi  di  cambio  fissi.  Invece  i  tassi  di  cambio  flessibili  si  rivelarono  compatibili  

con  il  libero  flusso  dei  capitali  e  il  libero  commercio.    

In  genere,  i  nuovi  regimi  di  tassi  di  cambio  ebbero  carattere  regionale,  come  il  Sistema  Monetario  Europeo  (SME):  nono-­‐

stante  avesse  solo  portata  regionale,  la  stabilità  fu  difficile  da  mantenere,  con  defezioni  e  frequenti  aggiustamenti  del  tasso  

di  cambio.  All’interno  del  SME  la  Germania  conduceva  la  politica  monetaria:  numerosi  paesi  ancorarono  la  propria  valuta  

al  marco  tedesco,  che  aveva  mantenuto  l’inflazione  bassa  dalla  Seconda  guerra  mondiale  in  poi.  In  questo  modo,  si  obbli-­‐

gavano  a  seguire  la  politica  monetaria  tedesca,  ritenuto  l’unico  modo  per  frenare  le  aspettative  inflazionistiche  interne.    

Un   progetto   di   unificazione   monetaria   si   realizzò   nel   2002   con   la   creazione   dell’area   euro:   un’unione   monetaria   priva   i  

governi  nazionali  di  autonomia  nella  definizione  della  politica  monetaria;  inoltre  la  Banca  Centrale  europea,  organo  indi-­‐

pendente,  ha  fissato  un  livello  massimo  di  inflazione  accettabile.  La  capacità  di  affrontare  le  difficoltà  poste  da  severi  shock  

economici  dipenderà  dall’abilità  nel  coordinare  le  politiche  fiscali.  Non  è  ovvio  che  i  paesi  della  zona  dell’euro  abbiano  dato  

vita  a  un’unione  monetaria  ottimale;  ciò  non  toglie  che  l’Europa  potrebbe  diventarlo.  

Le   motivazioni   politiche   hanno   di   norma   giocato   un   ruolo   essenziale   nella   creazione   delle   unità   monetarie:   quando  

l’unione   si   trovò   in   difficoltà,   mancava   una   struttura   istituzionale   centrale   che   fungesse   da   sostegno.   La   dimensione   sovra-­‐

nazionale,  fondamentale  nell’unione  europea  moderna,  non  aveva  precedenti  nella  prima  parte  del  XX  secolo.  

Capitolo  10:  DALLO  STATO  MINIMO  ALLO  STATO  SOCIALE   (Persson)  

 

1.  Economia  e  politica  alla  fine  del  diciannovesimo  secolo  

 

Durante  gli  ultimi  trent’anni  del  XIX  secolo,  un  gruppo  di  paesi  dell’Europa  occidentale  avviò  un  processo  di  crescita  eco-­‐

nomica   moderna,   che   permise   di   ridurre   il   divario   con   il   Regno   Unito:   era   l’epoca   dello   “Stato  minimo”,   in   cui   la   spesa   pub-­‐

blica  a  livello  centrale  e  locale  era  in  gran  parte  destinata  alla  difesa,  al  mantenimento  dell’ordine  pubblico  e  all’apparato  

amministrativo.  Lo  Stato  doveva  stabilire  le  regole  del  gioco,  promulgare  le  leggi  e  regolamentare  l’industria  e  il  commer-­‐

cio.  L’assistenza  alle  fasce  più  povere  della  popolazione  rimase  molto  ridotta  per  tutto  il  XIX  secolo.  In  questo  periodo  si  

creò   un   diffuso   consenso   a   favore   di   una   politica   commerciale   liberista,   anche   se   l’opinione   collettiva   cambiò   negli   anni  

ottanta   dell’ottocento,   con   la   reazione   protezionista   dei   gruppi   che   erano   stati   danneggiati   dalla   liberalizzazione   degli  

scambi.  Comunque,  l’intervento  dello  Stato  nelle  questioni  economiche  era  limitato.    

La  gestione  dell’offerta  di  moneta  fu  affidata  al  sistema  bancario,  per  poi  passare  alle  banche  centrali;  la  politica  macroe-­‐

conomica,  con  il  ricorso  alla  tassazione  e  alla  spesa  pubblica  per  influire  sul  ciclo  economico,  era  uno  strumento  sconosciu-­‐

to.  Le  classi  dirigenti  credevano  in  un’ortodossia  economica  secondo  la  quale  l’economia  era  un  sistema  autoregolato;  gli  

eventuali   shock   al   sistema   potevano   essere   assorbiti   da   variazioni   dei   prezzi   e   dei   salari   e   che   non   avrebbero   determinato  

alcun  impatto  nell’economia  reale  nel  breve-­‐medio  periodo.  Il  meccanismo  auto-­‐equilibratore  del  Gold  Standard  può  esse-­‐

re  considerato  un  emblema  dell’armonia  dell’ordinamento  liberista.  

La   Prima   guerra   mondiale   determinò   cambiamenti   radicali   nei   rapporti   commerciali,   che   furono   interrotti,   e   nella   sospen-­‐

sione  del  Gold  Standard,  oltre  ai  livelli  dei  prezzi  che  iniziarono  a  divergere.  Fu  introdotta  la  piena  democrazia  parlamen-­‐

tare,  le  organizzazioni  sindacali  si  consolidarono  e  i  partiti  socialdemocratici  si  formarono  un  solido  consenso  elettorale.    

 

2.  Il  lungo  addio  all’ortodossia  economica:  la  reazione  alla  Grande  Depressione  

 

Allo   scoppio   della   Prima   guerra   mondiale   il   Gold   Standard   era   stato   sospeso,   e   dopo   la   guerra   gran   parte   delle   valute   si  

trovavano  in  un  sistema  di  tassi  di  cambio  flessibili.  Fu  ripristinata  la  parità  del  potere  d’acquisto,  ma  i  tassi  di  cambio  no-­‐

minali  raggiunsero  livelli  molto  diversi  da  quelli  precedenti  la  guerra,  e  l’idea  di  un  ritorno  ai  tassi  di  cambio  nominali  pre-­‐

cedenti  alla  guerra  andava  alimentandosi.  Si  presumeva  che  la  flessibilità  al  ribasso  di  prezzi  e  salari  avrebbe  ripristinato  

la  parità  di  potere  d’acquisto  della  valuta.  

Si  levarono  però  voci  di  dissenso,  come  quella  di  Kenyes,  che  con  le  sue  teorie  contribuì  a  distruggere  l’ortodossia  econo-­‐

mica.  Nelle  economie  in  cui  l’inflazione  non  era  stata  controllata,  l’adeguamento  ai  prezzi  e  salari  nominali  (necessario  per  

ripristinare   la   competitività   internazionale)   era   inconcepibile.   Si   cercò   quindi   una   soluzione   più   pragmatica,   cioè   il   ritorno  

al  Gold  Standard  a  una  parità  inferiore.    

I  paesi  che  seguirono  in  modo  più  rigoroso  l’ortodossia  (Regno  Unito;  paesi  scandinavi)  si  trovarono  in  una  situazione  di  

svantaggio  rispetto  ai  paesi  meno  rigidi  (Francia).  Infatti  le  riserve  internazionali  defluirono  dalle  economie  dei  paesi  con  

disavanzi  delle  partite  correnti  verso  la  Francia  e  gli  Stati  Uniti.  L’emergere  di  nuovi  scenari  politici  e  sociali  rese  ancora  

più  difficile  il  ricorso  a  politiche  deflazionistiche,  in  quanto  i  sindacati  non  erano  disposti  ad  accettare  riduzioni  salariali  e  

la  determinazione  del  prezzo  dei  beni  industriali  erano  meno  flessibile  al  crescere  delle  dimensioni  delle  imprese,  ormai  in  

grado  di  imporre  i  propri  prezzi.  Tra  le  due  guerre  si  registrarono  aggiustamenti  minimi  del  livello  dei  prezzi  e  dei  salari,  e  

gli  squilibri  iniziali  rimasero  evidenti  anche  allo  scoppio  della  Grande  Depressione  nel  1929.    

La  Grande  Depressione,  che  ha  origine  negli  Stati  Uniti,  trova  la  sua  gravità  negli  errori  di  politica  economica  o  nell’assenza  

di  risposte  politiche  adeguate.  Fu  causata  da  un  forte  shock  negativo  su  consumi  e  investimenti  al  termine  di  una  fase  di  

eccessiva  euforia  del  mercato  azionario.  Lo  scoppio  della  bolla  speculativa  nel  1929  ridimensionò  la  fiducia  delle  imprese  e  

la  ricchezza/consumi/investimenti,  aggravando  ulteriormente  la  crisi.  Gli  Stati  Uniti  adottarono  misure  protezionistiche  e  

il  resto  del  mondo  seguì  il  suo  esempio:  tra  il  1929-­‐1  il  valore  del  commercio  mondiale  diminuì,  i  tassi  di  interesse  nomina-­‐

li   erano   molto   bassi,   ma   la   deflazione   mantenne   i   tassi   di   interesse   reali   sufficientemente   alti   da   ostacolare   la   ripresa   degli  

investimenti.  Di  conseguenza,  le  banche  non  riuscirono  a  svolgere  la  propria  funzione  di  creazione  di  moneta.    

Nel  1931  il  Regno  Unito  abbandonò  il  Gold  Standard,  seguito  dai  paesi  scandinavi  e  altri,  che  svalutarono  le  proprie  valute.  

Fu  il  primo  passo  verso  una  riconsiderazione  delle  opinioni  consolidate  in  merito  alla   gestione   della   politica   economica.  

Dopo  l’abbandono  della  parità  aurea,  la  politica  monetaria  non  era  più  racchiusa  in  “gabbie  d’oro”,  e  i  risultati  in  termini  di  

ripresa   economica   arrivarono   presto.   Durante   la   Grande   Depressione   i   prezzi   erano   diminuiti,   mentre   i   salari   nominali  

erano  rimasti  ai  livelli  precedenti  la  crisi;  di  conseguenza,  i  salari  reali  e  i   product  wage  erano  aumentati,  incidendo  negati-­‐

vamente  sulla  redditività  delle  imprese  e  minacciandone  la  sopravvivenza.  Si  ebbe  una  moderata  inflazione,  che  fece  dimi-­‐

nuire   i   product  wage   e   i   tassi   di   interesse   reali,   che   stimolò   gli   investimenti.   La   svalutazione   favorì   l’industria   nazionale,  

aumentando  i  prezzi  dei  beni  di  importazione  sul  mercato  interno  e  riducendo  i  prezzi  delle  esportazioni.    

Di  fatto,  numerosi  governi  fecero  fronte  alla  diminuzione  delle  entrate  fiscali  legato  all’aumento  della  disoccupazione  au-­‐

mentando  le  imposte  e  aggravando  così  la  crisi;  l’idea  che  la  politica  fiscale  dovesse  essere  usata  attivamente  per  influire  

sull’occupazione  e  la  crescita  era  troppo  radicale  per  i  politici  dell’epoca.  La  disciplina  di  bilancio  non  fu  messa  in  discus-­‐

sione,  e  numerosi  paesi  perseguirono  una  politica  economica  prociclica  –  anziché  neutrale  o  anticiclica.  

L’Europa  restò  un  bastione  dell’ortodossia  economica:  

La   Francia,   grazie   alle   riserve   internazionali,   aveva   retto   bene   il   primo   anno   della   Grande   Depressione.   L’adesione  

• alla   parità   aurea   causò   deflazione   e   stagnazione,   ma   gli   occupanti   godettero   di   un   aumento   dei   salari   (che   rimase-­‐

ro  costanti  o  diminuirono  nei  paesi  che  abbandonarono  il  Gold  Standard).  L’aggiustamento  del  tasso  di  cambio  nel  

1936  avvenne  troppo  vicino  allo  scoppio  della  Seconda  guerra  mondiale  per  generare  la  ripresa  economica;  

La   Germania   sostenne   spese   eccessive   dopo   la   Prima   guerra   mondiale,e   queste   portarono   a   iperinflazione  

• all’inizio  degli  anni  venti  del  Novecento.  Di  nuovo  stabile,  il  marco  aderì  al  Gold  Standard  e  beneficiò  della  fiducia  

degli   investitori   internazionali.   Tuttavia,   quando   la   Grande   Depressione   ridusse   le   entrate   derivanti   dalle   esporta-­‐

zioni,  il  crescente  debito  estero  e  il  pagamento  delle  riparazioni  posero  pesanti  vincoli  alla  politica  economica:  il  

governo  adottò  misure  di  austerità,  che  ridussero  sia  attività  economica  sia  importazioni,  aumentando  così  il  livel-­‐

lo   di   disoccupazione.   La   situazione   politica   degenerò,   spianando   la   strada   all’ascesa   del   nazismo.  Nel  1931  la  Ger-­‐

mania   aveva   introdotto   controllo   sui   capitali   –   una   violazione   delle   regole   non   scritte   del   Gold   Standard   che  

avrebbe   permesso   al   governo   tedesco   di   frenare   eventuali   movimenti   di   valuta   destabilizzanti   (=seguire   una   poli-­‐

tica  monetaria  indipendente).  Nel  1932  il  versamento  delle  riparazioni  di  guerra  fu  sospeso,  si  intravide  una  fragi-­‐

le  ripresa  e  la  disoccupazione  e  i  consensi  al  Partito  nazionalsocialista  ebbero  un  leggero  calo;  

Il   Regno   Unito   non   subì   gli   effetti   più   disastrosi   della   Grande   Depressione:   l’aumento   della   disoccupazione   non  

• toccò  i  livelli  tedeschi  e  si  arrestò  dopo  la  svalutazione  del  1931.  

 

3.  Successi  e  fallimenti  della  gestione  macroeconomica  nella  seconda  metà  del  Novecento:  dalla  piena  occupazione  agli    

obiettivi  di  inflazione  

 

Le  idee  di  Keynes  sono  associate  al  finanziamento  della  spesa  pubblica  in  disavanzo  (deficit  spending),  ma  si  tratta  di  una  

descrizione   superficiale.   La   spesa   in   disavanzo   è   adottata   comunemente   durante   le   guerre   o   nelle   fasi   di   preparazione   alla  

guerra.  La  dottrina  keynesiana  ha  invece  dimostrato  che  un  incremento  della  spesa  pubblica  era  in  grado  di  influenzare  

l’andamento  dell’economia  e  quantificando  l’effetto  esercitato  sul  reddito  nazionale  mediante  la  crescita  del  moltiplicatore.  

I   modelli   di   Keynes   suggerivano   sia   di   stimolare   l’economia   in   risposta   a   una   crisi   dell’occupazione,   sia   di   ridurre   l’attività  

nelle  fasi  in  cui  la  domanda  si  avvicinava  al  limite  della  capacità  produttiva  dell’economia.    

La   “nuova   economia   keynesiana”   i   fonda   sulla   tesi   secondo   la   quale   le   fluttuazioni   dell’economia   possono   essere   gestite  

attraverso  la  politica  fiscale  e  monetaria.  I  teorici  che  si  opponevano  all’intervento  attivo  della  politica  economica  per  ap-­‐

pianare   le   fluttuazione   dell’economia   persero   influenza   negli   anni   quaranta-­‐cinquanta   del   Novecento,   ma   godettero   di   una  

rinnovata   popolarità   negli   anni   settanta-­‐ottanta.   La   “critica   neo-­‐classica”   si   basava   sulla   convinzione   che   le   fluttuazioni  

economiche  derivassero  principalmente  da  shock  tecnologici  e  che  fosse  giusto  e  necessario  lasciare  ai  mercati  concorren-­‐

ziali  il  compito  di  produrre  i  necessari  aggiustamenti.    

I  neo-­‐keynesiani  hanno  contribuito  a  spiegare  perché  i  prezzi  e  i  salari  non  sono  completamente  flessibili.  Se  il  mercato  è  

caratterizzato  da  concorrenza  monopolistica,  le  imprese  godono  di  un  certo  potere  di  fissare  i  prezzi  dei  propri  prodotti,  

anche   a   livelli   superiori   ai   loro   costi   marginali.   Possono   quindi   reagire   a   un   incremento   della   domanda   aumentando   la  

produzione   invece   che   i   prezzi.   Se   i   prezzi   non   sono   completamente   flessibili,   la   banca   centrale   può   agire   sul   tasso   di   inte-­‐

resse  reale,  la  variabile  più  importante  per  gli  investitori.  I  teorici  keynesiani  hanno  tuttavia  ammesso  di  aver  trascurato  il  

rischio  di  inflazione  se  imprese  e  organizzazioni  sindacali  anticipano  le  politiche  macroeconomiche  di  gestione  della  do-­‐

manda.  Inoltre,  si  è  constatato  che  nella  gestione  della  domanda  i  politici  mostrano  una  maggior  propensione  ad  aumenta-­‐

re  la  spesa  nei  periodi  di  crisi  economica,  piuttosto  che  ad  aumentare  le  imposte  nelle  fasi  di  crescita.    

Una  visione  di  sintesi  delle  politiche  macroeconomiche  negli  ultimi  decenni  sottolinea  il  progressivo  abbandono  della  con-­‐

vinzione  ottimistica  di  poter  controllare  le  fluttuazioni  mediante  la  “sintonizzazione  accurata”  (fine  tuning)  delle  politiche  

economiche;  tale  strategia  ha  lasciato  posto  a  una  politica  di  contenimento  degli  shock  più  significativi,  accettando  livelli  di  

disoccupazione  che  negli  anni  1950-­‐60  non  sarebbero  stati  tollerati.  

Dopo  la  Seconda  guerra  mondiale,  nelle  politiche  di  gestione  della  domanda  appare  più  semplice  combattere  la  disoccupa-­‐

zione  riducendo  le  imposte/aumentando  la  spesa  pubblica,  piuttosto  che  attuando  misure  di  austerità  e  tagli  della  spesa.  

Le   politiche   di   gestione   minuziosa   della   domanda   spesso   diedero   risultati   mediocri   per   gli   errori   nella   scelta   nei   tempi.   La  

combinazione   di   incrementi   imprevisti   della   domanda  estera  e  di  spesa  pubblica  in  disavanzo  poteva  determinare  feno-­‐

meni  di  “surriscaldamento”  dell’economia;  la  pratica  di  prendere  decisioni  riguardo  tassazioni  e  spesa  una  volta  l’anno  mal  

si   conciliava   con   il   fine   tuning.   I   frequenti   cambiamenti   nella   politica   economica   diffusero   l’opinione   che   l’economia   bri-­‐

tannica   fosse   caratterizzata   da   cicli   di  stop  and  go   di   origine   politica:   fino   ai   primi   anni   settanta   la   disoccupazione   fu   gene-­‐

ralmente  bassa,  ma  non  sarebbe  rimasta  tale  in  seguito.    

I   sindacati   non   si   preoccupavano   dell’effetto   negativo   degli   aumenti   salariali   sull’occupazione   se   erano   certi   che   il   governo  

avrebbe  aumentato  la  spesa  pubblica  per  evitare  l’aumento  della  disoccupazione:  si  accumulavano  quindi  pressioni  infla-­‐

zionistiche.   Le   politiche   di  fine   tuning   erano   efficaci   solo   se   i   sindacati   erano   centralizzati,   moderati   e   lungimiranti.   Il   rela-­‐

tivo   successo   della   gestione   della   domanda   durante   l’Età   dell’oro   (1950-­‐73)   dipese   anche   dai   bassi   prezzi   delle   materie  

prime  e  dalla  grande  offerta  di  lavoro  determinata  dal  declino  del  settore  agricolo  e  dai  flussi  migratori.    

La  rapida  crescita  dell’Età  dell’oro  è  da  attribuire  a:  

Profitti  e  investimenti  elevati;  

• Trasferimento  tecnologico;  

• Apertura  al  commercio  internazionale;  

• Elevata  produttività  dei  fattori.  

Lo  Stato  sociale  è  caratterizzato  da  un’alta  pressione  fiscale:  un  aumento  della  disoccupazione  fa  diminuire  le  entrate  fisca-­‐

li   e   aumentare   la   spesa   con   un   effetto   stabilizzante   sull’economia.   In   una   fase   di   ripresa   economica,   maggiori   imposte   e  

minore   spesa   per   i   sussidi   di   disoccupazione   determinano   un   automatico   rallentamento   dell’espansione.   Dopo  

l’accettazione  delle  dottrine  keynesiane  si  affermò  un  consenso  generalizzato  sull’opportunità  di  far  funzionare  gli  stabi-­‐

lizzatori  automatici  (che  riducono  la  necessità  di  ricorrere  a  interventi  attivi  di  politica  fiscale).  In  questo  modo  è  il  merca-­‐

to  del  lavoro  a  stabilire  la  tempistica  degli  interventi  correttivi,  liberando  i  governi  da  questo  compito  difficile.    

Negli  anni  1950-­‐60  si  pensava  che  esistesse  un  trade-­‐off  tra  inflazione  e  disoccupazione,  curva  di  Phillips:  essa  mostrava  

che   una   diminuzione   della   disoccupazione   era   associata   a   un   incremento   dell’inflazione   e   viceversa.   Negli   anni   settanta  

emerse  un  nuovo  scenario  economico,  caratterizzato  da  un  incremento  sia  della  disoccupazione  che  dell’inflazione.    

I  paesi  che  continuarono  a  far  parte  del  Sistema  monetario  europeo  avrebbero  poi  continuato  a  far  parte  del  nucleo  centra-­‐

le   della   zona   dell’euro.   La   loro   maggior   preoccupazione  –   negli   anni   ottanta   –   era   la   lotta   ai   tassi   d’inflazione.   La   Germania  

aveva  una  tradizionale  ‘tolleranza  zero’  verso  l’inflazione  elevata,  cosicché  un  numero  sempre  maggiore  di  paesi  aggancia-­‐

rono  la  propria  valuta  al  marco  tedesco,  rinunciando  a  una  politica  macroeconomica  indipendente.    

La   scelta   di   obiettivi   espliciti   di   inflazione   implica   che   una   banca   centrale   indipendente   ha   il   compito   di   mantenere   il   tasso  

di   inflazione   annuo   attorno   o   al   di   sotto   di   una   certa   cifra.   La   logica   alla   base   suggerisce   che   si   possa   conseguire   il   tasso   di  

disoccupazione   minimo   compatibile   con   le   necessità   di   consentire   ai   lavoratori   di   cambiare   impiego,   sia   con   un   tasso   di  

inflazione   basso   che   elevato:   tutto   dipende   dalle   aspettative   di   inflazione.   Nel   nuovo   paradigma   della   politica   economica,   i  

governi  possono  ancora  perseguire  una  politica  fiscale  anticiclica,  ma  sono  soggetti  all’intervento  della  banca  centrale  in-­‐

dipendente  quando  tale  politica  mette  a  rischio  la  stabilità  dei  prezzi.    

I  paesi  europei  sono  riusciti  a  ottenere  un  abbassamento  dell’inflazione  negli  anni  1990-­‐2010  grazie  sia  alla  politica  della  

banca  centrale,  sia  grazie  alle  pressioni  competitive  esercitate  dall’abbondante  offerta  di  manufatti  provenienti  da  paesi  in  

via  di  sviluppo.    

 

4.  La  trappola  di  Karl  Marx:  ascesa  e  declino  delle  economie  socialiste  in  Europa  

 

Marx   sosteneva   che   i   sistemi   sociali   prosperano   e   si   espandono   solo   se   sono   in   grado   di   sviluppare   tecnologie   e   sostenere  

un  incremento  della  ricchezza  materiale  .  L’esito  dell’esperimento  socialista  è  in  linea  con  la  spiegazione  storica  di  Marx:  le  

economie  socialiste  hanno  fallito  perché  non  sono  state  in  grado  di  determinare  progresso  tecnologico  e  miglioramenti  alla  

vita  materiale  su  scala  paragonabile  alle  economie  di  mercato  europee.    

Le  economie  socialiste  erano  caratterizzate  da  un  dominio  quasi  assoluto  della  politica  sull’economia,  con  la  presenza  di  

uno  Stato  massimo,  mentre  i  socialdemocratici  e  i  liberali  ricercavano  l’equilibrio  tra  influenza  dei  mercati  e  quella  della  

politica  ( Economia  mista).    

Marx   ipotizzava   che   il   comunismo   si   sarebbe   affermato   quando   il   capitalismo   avesse   portato   a   un   alto   livello   di   benessere  

materiale;  egli  non  negava  infatti  la  forza  e  portata  del  capitalismo,  lo  considerava  piuttosto  come  un  passaggio  necessario.  

La  Russia,  prima  economia  socialista,  era  prevalentemente  agricola  e  arretrata  dal  punto  di  vista  di  sviluppo  tecnologico,  

intellettuale  ed  economico.  Dopo  la  rivoluzione  del  1917,  i  comunisti  russi  si  orientarono  verso  il  controllo  amministrativo  

dell’economia.  Il  paese,  indebolito  dalla  Prima  guerra  mondiale,  dovette  abbandonare  questo  rigido  controllo  centralizzato  

a  favore  di  elementi  di  un’economia  di  mercato.  Non  è  chiaro  cos’abbia  ispirato  la  pianificazione  centralizzata,  probabil-­‐

mente  le  burocrazie  amministrative  tedesche:  l’impresa  appare  un  sistema  di  pianificazione  centralizzata  su  piccola  scala.  

La  prima  pianificazione  socialista  si  caratterizzava  per:  

1. L’abolizione  della  proprietà  privata  delle  risorse  e  dei  mezzi  di  produzione;  

2. I  tassi  di  investimento  molto  elevati;  

3. Il  forte  sbilanciamento  verso  la  produzione  di  beni  capitali;  

4. La  poca  attenzione  alla  produzione  di  beni  di  consumo.  

L’industria  si  sviluppo  abbastanza  per  sostenere  una  macchina  da  guerra  che  ricacciò  i  nazisti  dalla  Russia  e  dall’Europa  

orientale,  ma  i  costi  della  campagna  militare  furono  molto  elevati.  Dopo  la  Seconda  guerra  mondiale,  i  sovietici  imposero  

un   sistema   economico   e   politico   di   stampo   sovietico   in   Polonia,   Germania   dell’Est,   Cecoslovacchia,   Ungheria,   Romania,  

Bulgaria,   Jugoslavia   e   Albania:   verso   la   metà   degli   anni   cinquanta,   un   terzo   della   popolazione   europea   viveva   in   un   regime  

di   economia   pianificata.   Le   nuove   economie   socialiste   erano   prevalentemente   agricole   e   dotate   di   un’industria   poco   svi-­‐

luppata,  con  la  sola  eccezione  della  Germania  dell’Este  e  della  Cecoslovacchia;  gli  altri  membri  godevano  di  un  vantaggio  

comparato  nel  settore  agricolo,  nel  quale  però  si  investì  poco.    

Il   cambiamento   strutturale   fu   una   delle   cause   dell’elevata   crescita   nell’Età   dell’oro.   Rispetto   a   Spagna   e   Portogallo   (due  

paesi  autoritari),  la  crescita  annua  del  PIL  procapite  dell’Europa  orientale  risultava  inferiore  di  due  punti  percentuale.  Le  

ragioni  erano:  

La  scarsa  efficienza  degli  investimenti,  legata  alle  difficoltà  poste  dalla  pianificazione  centralizzata,  in  cui  le  autori-­‐

• tà  stabilivano  i  fattori  di  produzione  e  le  materie  prime  necessarie  alla  produzione;  

La  distorsione  delle  informazioni  sui  fattori  di  produzione  necessari  =  garantirsi  una  sovra-­‐allocazione  di  risorse;  

• La  qualità  dei  prodotti  che  veniva  alterata  per  raggiungere  gli  standard  di  produzione.  

Nella  prima  fase  del  sistema  socialista  non  venivano  applicati  i  prezzi  di  mercato.  Il  mercato  di  fatto  è  un’enorme  macchina  

“invisibile”   per   l’elaborazione   delle   informazioni   (Adam   Smith   lo   definisce   mano   invisibile):   le   autorità   di   pianificazione  

cercarono  di  sostituirlo  con  una  mano   visibile.    

Le   difficoltà   associate   alla   pianificazione   centralizzata   divennero   evidenti   dopo   i   primi   anni   della   ricostruzione   post-­‐

bellica:  si  tentò  di  introdurre  incentivi  economici  basati  sui  principi  di  mercato.  Negli  anni  1970-­‐80  la  crescita  rallentò:  le  

economie   socialiste   si   indebitarono   nei   confronti   dell’occidente   e   consentirono   disavanzi   della   bilancia   commerciale   per  

rabbonire   una   popolazione   sempre   più   ostile   mediante   la   fornitura   di   beni   di   consumo.   Il   successivo   allentamento   delle  

tensioni   internazionali   permise   il   trasferimento   tecnologico,   ma   non   furono   sufficienti:   la   Russia   sovietica   e   i   paesi  

dell’Europa  orientale  divergevano  sia  dagli  Stati  Uniti,  sia  dall’Europa  occidentale.    

Negli   anni   trenta   del   Novecento,   molti   intellettuali   guardarono   all’esperimento   di   pianificazione   sovietico   con   grande   inte-­‐

resse  e  ammirazione,  poiché  consideravano  la  pianificazione  centralizzata  un  sistema  economico  esente  dal  rischio  di  crisi.  

I  lavoratori  delle  economie  socialiste  erano  privi  di  diritti  politici,  e  non  avevano  accesso  ai  beni  di  consumo  del  mercato  

dell’Europa  occidentale.  Come  aveva  previsto  Marx,  il  sistema  non  aveva  funzionato,  e  i  sistemi  economici  non  erano  stati  

in  grado  di  garantire  una  crescita  del  benessere  non  potevano  sopravvivere.  Con  poche  eccezioni,  ci  fu  una  fase  di  recupero  

tecnologico  e  i  tassi  di  crescita  raggiunsero  livelli  doppi  rispetto  a  quelli  delle  economie  dell’Europa  occidentale.    

 

5.  Una  teoria  dello  Stato  sociale  basata  sui  fallimenti  di  mercato  

 

Nel  primo  decennio  del  ventesimo  secolo  la  spesa  pubblica  era  per  lo  più  destinata  a  funzioni  essenziali  come  il  manteni-­‐

mento  dell’ordine  pubblico,  gli  investimenti  nelle  infrastrutture  e  la  difesa.  L’incremento  della  spesa  pubblica  per  lo  Stato  

sociale  avvenne  solo  con  l’estensione  del  suffragio  (dopo  la  Prima  guerra  mondiale);  l’estesa  copertura  dello  Stato  sociale  

moderno  si  sviluppò  dopo  la  Seconda  guerra  mondiale.    

Pur  essendo  comunemente  associato  all’egalitarismo  e  alla  redistribuzione,  lo  Stato  sociale  è  un’istituzione  di  trasferimen-­‐

to  di  risorse  lungo  il  ciclo  di  vita  delle  famiglie  e  degli  individui.  La  redistribuzione  è  un  effetto  secondario  della  spesa  per  

lo  Stato  sociale  e  può  essere  spiegata  in  virtù  dell’esistenza  del  suffragio.  I  sistemi  di   tassazione  progressiva  contribuiscono  

alla  ridistribuzione  perché  i  redditi  al  netto  delle  imposte  risultano  distribuiti  in  modo  più  egualitario  che  al  lordo.  Tuttavia  

le   economie   dotate   di   sistemi   complessi   di   Stato   sociale   dipendono   più   pesantemente   dalle   imposte   sui   consumi,   che   sono  

regressive  anziché   progressive,  rispetto  alle  economie  con  un  sistema  di  Stato  sociale  limitato.  Il  motivo  è  che  per  finanziare  

uno   Stato   sociale   complesso   con   imposte   sul   reddito   sarebbe   necessario   un   livello   di   tassazione   così   elevato   da   disincenti-­‐

vare  il  lavoro.    

Definiamo   equilibrio  netto  dello  stato  sociale   la   differenza   tra   il   contributo   della   famiglia   al   finanziamento   dello   Stato   socia-­‐

le,  attraverso  le  imposte  e  altri  canali,  e  il  valore  monetario  ricevuto  dalla  famiglia,  in  termini  di  trasferimenti  e  servizi  ero-­‐

gati  dallo  Stato  sociale.  Lo  Stato  sociale  è  quindi  un  erogatore  di  trasferimenti  e  servizi  che  aiutano  le  famiglie  a  uniformare  

le  loro  possibilità  di  consumo  durante  il  ciclo  di  vita,  che  può  subire  anche  degli  shock  temporanei  del  reddito.  

La  fase  di  formazione  è  onerosa  a  causa  delle  necessità  legate  all’allevamento  e  all’istruzione  dei  figli,  e  alla  ridu-­‐

• zione   delle   entrate   per   via   dei   vincoli   d’offerta   di   lavoro   legati   alla   presenza   dei   figli.   Durante   questa   fase,   la   fami-­‐

glia  è  un  beneficiario  netto,  che  versa  una  quota  di  imposte,  inferiore  al  contributo  che  riceve  sottoforma  di  istru-­‐

zione&sanità&congedo  parentale,  per  finanziare  lo  Stato  sociale.  

Quando  i  figli  concludono  la  formazione,  la  famiglia  diventa   contributore  netto,  essendo  i  sussidi  di  disoccupazione  

• o  i  congedi  per  malattia  di  natura  transitoria.  

La  vecchiaia  è  il  momento  in  cui  la  famiglia  passa  a  consumare  una  quota  elevata  di  servizi  sanitari  e  beneficia  di  

• una  pensione  finanziata  attraverso  fondi  pubblici.  

I  trasferimenti  durante  il  ciclo  di  vita  sono  frutto  di  un  contratto  inter-­‐generazionale  implicito:  i  contributori  netti  divente-­‐

ranno  beneficiari  netti,  e  viceversa;  la  reciprocità  è  un  elemento  essenziale  per  la  stabilità  del  sistema!  

Le   istituzione   dello   Stato   sociale   sono   state   preferite   alle   alternative   di   mercato   perché   queste   ultime   erano   considerate  

inferiori,  per  quattro  motivi:  

1. Le   soluzioni   di   mercato   determinano   effetti   distributivi,   anche   in   contrasto   con   la   generale   preferenza,   per   un  

eguale  accesso  ad  alcuni  servizi  essenziali;  

2. Le  esternalità  e  difficoltà  di  coordinamento  possono  rendere  inefficienti  le  soluzioni  di  mercato;  

3. Le   imperfezioni   dei   mercati   dei   capitali   possono   impedite   a   una   parte   di   popolazione   l’accesso   al   credito   necessa-­‐

rio  per  la  redistribuzione  intertemporale  del  reddito;  

4. Gran  parte  degli  individui  risparmierebbe  troppo  poco  in  vista  della  pensione  o  per  assicurarsi  contro  la  disoccu-­‐

pazione,  a  causa  dell’incoerenza  temporale  delle  preferenze.  

Gli   economisti   assumono   che   gli   esseri   umani   sono   animati   primariamente   dall’interesse   personale,   ma   in   realtà   è   più  

complessa.  Inoltre  i  problemi  di  coordinamento  causano  inefficienze,  e  ciò  cade  nel  dominio  della  scienza  economica.  Un  

esempio  è  l’istruzione,  che  divenne  pubblica  e  obbligatoria.  L’istruzione  crea  esternalità  perché  l’utilità  delle  conoscenze  di  

un  individuo  risulta  meno  amplificata  se  altri  individui  sono  dotati  di  conoscenze  corrispondenti;  l’obbligatorietà  impedi-­‐

sce  che  gli  individui  sotto-­‐investano  in  istruzione,  come  tenderebbero  a  fare  normalmente.  

Un’alternativa  di  mercato  per  la  redistribuzione  illustrata  è  la  possibilità  delle  famiglie  di  contrarre  prestiti  per  far  fronte  

alla   tipica   fase   della   formazione;   è   tuttavia   probabile   che   le   imperfezioni   del   mercato   dei   capitali   renderebbe   tutt’altro   che  

universale  tale  soluzione,  perché  molti  individui  non  avrebbero  accesso  al  credito.  Ad  esempio,  se  l’assicurazione  sanitaria  

fosse   affidata   al   mercato,   verrebbe   a   determinarsi   il   problema   della  selezione  avversa:   gli   individui   più   esposti   al   rischio  

sceglierebbero,   ovviamente,   di   assicurarsi,   determinando   un   incremento   dei   costi   che   spingerebbe   gli   individui   meno  

esposti   al   rischio   a   rinunciare   all’assicurazione.   Se   i   rischi   non   fossero   condivisi,   la   polizza   assicurativa   sanitaria   risulte-­‐

rebbe  troppo  costosa.  Le  pensioni,  invece,  sono  previste  dagli  Stati  sociali  sviluppati:  i  sindacati  concludono  accordi  con  i  

datori   di   lavoro   per   destinare   una   quota   dei   potenziali   incrementi   salariali   ai   contributi   pensionistici.  L’incoerenza   tempo-­‐

rale,  tuttavia,  fa  sì  che  gli  individui  investano  troppo  poco  tempo  per  prepararsi  a  possibili  eventi  futuri  sfavorevoli  (disoc-­‐

cupazione;  problemi  di  salute),  ed  essendo  consapevoli  della  loro  mancanza  di  autocontrollo,  questi  sono  disposti  a  dele-­‐

gare  tali  decisioni  a  politici  o  sindacati,  in  una  sorta  di   paternalismo  autoimposto.  

Lo  Stato  sociale  è  associato  a  un’elevata  pressione  fiscale  e  già  dall’origine  si  è  sospettato  che  l’alta  tassazione  potesse  dan-­‐

neggiare  la  crescita  per  effetto  negativo  delle  imposte  e  dei  generosi  trasferimenti  sull’offerta  di  lavoro.    

   


ACQUISTATO

12 volte

PAGINE

30

PESO

497.52 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e finanza
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher millamalve di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia economica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bocconi - Unibocconi o del prof Podestà Gian Luca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e finanza

Riassunto esame Management, prof. Salvemini, libro consigliato Management delle istituzioni artistiche e culturali
Appunto
Finanza aziendale - Appunti
Appunto
Microeconomia - Esercizi vari
Esercitazione
Riassunto esame Statistica, prof. Scricciolo, libro consigliato Statistica, Pearson
Appunto