Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Premessa

Il presente documento è stato realizzato integrando gli appunti presi a

lezione prevalentemente con i manuali ‘Torrente’ e ‘Bessone', ‘Compen-

dio di Diritto Privato’ di Stefano Ambrogio ed altri materiali presi su In-

ternet. INTRODUZIONE

1. N P ........................................................................................................... 8

OZIONI RELIMINARI

1.1. L’ordinamento giuridico .......................................................................................................... 8

1.2. Le fonti delle norme giuridiche ............................................................................................. 10

1.3. L’efficacia temporale delle leggi ............................................................................................. 12

1.4. L’applicazione e l’interpretazione della legge ........................................................................ 13

2. L’ ................................. 16

ATTIVITÀ GIURIDICA E LA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI

2.1. Le situazioni giuridiche soggettive ......................................................................................... 16

2.2. Le vicende del rapporto giuridico ......................................................................................... 17

2.3. L’oggetto del rapporto giuridico ............................................................................................ 18

2.4. La fattispecie giuridica: il fatto, l’atto e il negozio giuridico ..................................................

24

2.5. L’estinzione di un diritto soggettivo: alienazione, rinuncia, prescrizione e decadenza ......... 26

2.6. La tutela giurisdizionale dei diritti: processo di cognizione, di esecuzione e cautelare .........

30

2.7. La prova dei fatti giuridici ..................................................................................................... 32

2.7.1. Le prove documentali: l’atto pubblico e la scrittura privata ........................................................................... 33

2.7.2. Le prove non documentali: la prova testimoniale, la confessione, il giuramento e la presunzione .........................

34

PARTE PRIMA - I SOGGETTI

1. I ........................................................................... 38

L SOGGETTO DEL RAPPORTO GIURIDICO

............................................................................................................... 38

2. L A PERSONA FISICA

2.1. La capacità giuridica ............................................................................................................. 38

2.1.1. La incapacità speciale ............................................................................................................................. 39

2.2. La capacità di agire ............................................................................................................... 40

2.2.1. La incapacità d’agire totale ...................................................................................................................... 40

2.2.2. La incapacità d’agire parziale .................................................................................................................. 43

2.2.3. La incapacità legale ................................................................................................................................ 45

2.3. La scomparsa, assenza e morte presunta ............................................................................... 46

3. L ....................................................................................................... 48

A PERSONA GIURIDICA

3.1. La soggettività giuridica ......................................................................................................... 48

3.2. La personalità giuridica ......................................................................................................... 49

3.3. Le associazioni ....................................................................................................................... 50

3.4. Le fondazioni ......................................................................................................................... 53

3.5. I comitati ................................................................................................................................ 54

PARTE SECONDA - DIRITTI REALI E POSSESSO

1. I ..................................................................................................................... 55

DIRITTI REALI

1.1. I caratteri e le categorie dei diritti reali ................................................................................. 55

2. I : .............................................................. 56

DIRITTI REALI SU COSA PROPRIA LA PROPRIETÀ

2.1. Le limitazioni del diritto di proprietà: i rapporti di vicinato ................................................. 58

2.2. I modi di acquisto della proprietà .......................................................................................... 59

2.2.1. I modi di acquisto della proprietà a titolo derivativo .................................................................................... 59

2.2.2. I modi di acquisto della proprietà a titolo originario .................................................................................... 60

2.3. Le azioni a difesa della proprietà ........................................................................................... 61

3. I ......................................................................................... 63

DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI

3.1. Il diritto di superficie ............................................................................................................. 64

3.2. Il diritto di enfiteusi ............................................................................................................... 65

3.3. Il diritto di usufrutto .............................................................................................................. 66

3.4. Il diritto di uso e di abitazione ............................................................................................... 68

3.5. Il diritto di servitù .................................................................................................................. 69

3.5.1. Le servitù coattive ................................................................................................................................... 72

3.5.2. Le servitù volontarie ................................................................................................................................ 72

4. L .................................................................................................................... 73

A COMUNIONE ............................................................................................ 76

5. I L POSSESSO E LA DETENZIONE

PARTE TERZA - LE OBBLIGAZIONI

1. I ........................................................................................................... 82

DIRITTI DI CREDITO

1.1. Il rapporto obbligatorio ......................................................................................................... 82

1.1.1. Le obbligazioni naturali ........................................................................................................................... 82

1.2. Le fonti delle obbligazioni ..................................................................................................... 83

1.3. Gli elementi del rapporto obbligatorio .................................................................................. 83

1.3.1. I soggetti dell'obbligazione ....................................................................................................................... 83

1.3.2. L’oggetto delle obbligazioni ....................................................................................................................... 86

1.4. Le modificazione dei soggetti del rapporto obbligatorio ....................................................... 89

1.4.1. Le modificazioni nel lato attivo del rapporto obbligatorio .............................................................................. 89

1.4.2. Le modificazioni nel lato passivo del rapporto obbligatorio ........................................................................... 91

2. L’ ’ ..................................................................................... 94

ESTINZIONE DELL OBBLIGAZIONE

2.1. L’adempimento ...................................................................................................................... 94

2.1.1. Colui che compie l’adempimento e il destinatario ......................................................................................... 95

2.1.2. Il luogo dell'adempimento ........................................................................................................................ 96

2.1.3. Il tempo dell'adempimento ....................................................................................................................... 96

2.1.4. Il pagamento con surrogazione ................................................................................................................. 97

2.1.5. La prestazione in luogo di adempimento (datio in solutum) .......................................................................... 97

2.1.6. La mora del creditore ............................................................................................................................... 98

2.2. I modi di estinzione dell’obbligazione diversi dall'adempimento .......................................... 99

2.2.1. Le compensazione ................................................................................................................................... 99

2.2.2. La confusione ....................................................................................................................................... 100

2.2.3. La novazione ....................................................................................................................................... 100

2.2.4. La remissione ....................................................................................................................................... 101

2.2.5. L’impossibilità sopravvenuta .................................................................................................................. 102

3. L’ ............................................................................................................. 102

INADEMPIMENTO

3.1. La responsabilità patrimoniale del debitore ........................................................................ 105

4. L ................................................................................ 106

E CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE

4.1. Il privilegio ........................................................................................................................... 107

4.2. Il pegno e l’ipoteca: diritti reali di garanzia ......................................................................... 108

4.2.1. Caratteristiche generali e comuni ............................................................................................................. 108

4.2.2. Il pegno ............................................................................................................................................... 109

4.2.3. L’ipoteca .............................................................................................................................................. 111

5. I ........................................ 114

MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE

5.1. L’azione surrogatoria ........................................................................................................... 114

5.2. L’azione revocatoria ............................................................................................................ 115

5.3. Il sequestro conservativo ...................................................................................................... 116

PARTE QUARTA - I CONTRATTI

1. I ................................................................................................ 118

CONTRATTI IN GENERALE

1.1. Nozione ............................................................................................................................... 118

1.2. La classificazione dei contratti ............................................................................................. 118

1.3. Gli elementi essenziali del contratto .................................................................................... 120

1.3.1. L’accordo delle parti .............................................................................................................................. 121

1.3.2. La causa del contratto ........................................................................................................................... 124

1.3.3. L’oggetto del contratto ............................................................................................................................ 126

1.3.4. La forma del contratto ........................................................................................................................... 127

1.4. Il contratto preliminare ed i vincoli a contrattare ............................................................... 128

1.4.1. Il contratto di opzione ........................................................................................................................... 128

1.4.2. Il contratto di prelazione ........................................................................................................................ 129

1.4.3. Il contratto preliminare .......................................................................................................................... 130

1.4.4. I requisiti essenziali del contratto preliminare ........................................................................................... 131

1.4.5. Il contratto preliminare e la donazione ..................................................................................................... 133

1.4.6. Il contratto preliminare e i contratti reali .................................................................................................. 133

1.4.7. La trascrizione del contratto preliminare .................................................................................................. 134

1.4.8. La tutela degli acquirenti di immobili da costruire .................................................................................... 136

1.5. Le condizioni generali di contratto ...................................................................................... 137

1.6. Gli elementi accidentali del contratto .................................................................................. 140

1.6.1. La condizione ...................................................................................................................................... 140

1.6.2. Il termine ............................................................................................................................................ 143

1.6.3. Il modus .............................................................................................................................................. 143

1.7. L’interpretazione del contratto ............................................................................................ 144

1.8. Gli effetti del contratto ......................................................................................................... 145

1.9. La clausola penale e caparra confirmatoria ........................................................................

147

1.10. La rappresentanza ............................................................................................................. 148

1.11. La procura ......................................................................................................................... 149

1.11.1. Il conflitto di interessi tra rappresentante e rappresentato ......................................................................... 150

1.11.2. I vizi della volontà e stati soggettivi del negozio rappresentativo ................................................................ 150

1.11.3. La modifica e revoca della procura, rappresentanza senza potere ............................................................... 150

1.12. Il contratto per persona da nominare ................................................................................ 151

1.13. La cessione del contratto ................................................................................................... 152

1.13.1. I rapporti tra ceduto e cedente ............................................................................................................... 153

1.13.2. I rapporti tra ceduto e cessionario .......................................................................................................... 153

1.13.3. I rapporti tra cedente e cessionario ......................................................................................................... 153

1.14. Il contratto a favore di terzi ............................................................................................... 153

1.15. La simulazione ................................................................................................................... 155

1.15.1. Gli effetti della simulazione tra le parti ................................................................................................. 156

1.15.2. Gli effetti della simulazione rispetto ai terzi ........................................................................................... 156

1.15.3. Gli effetti della simulazione nei confronti dei creditori .............................................................................. 157

1.15.4. La prova della simulazione .................................................................................................................. 157

1.16. L’invalidità ed inefficacia del contratto .............................................................................. 157

1.17. La nullità del contratto ...................................................................................................... 158

1.18. La annullabilità del contratto ............................................................................................ 160

1.18.1. L’errore ............................................................................................................................................. 160

1.18.2. La violenza ........................................................................................................................................ 161

1.18.3. Il dolo ............................................................................................................................................... 161

1.19. La rescissione del contratto ................................................................................................ 163

1.19.1. La rescissione per contratto concluso in istato di pericolo .......................................................................... 163

1.19.2. La rescissione per contratto concluso in stato di bisogno ........................................................................... 164

1.20. La risoluzione del contratto ............................................................................................... 164

1.20.1. La risoluzione per inadempimento ......................................................................................................... 164

1.20.2. La risoluzione per impossibilità sopravvenuta ......................................................................................... 166

1.20.3. La risoluzione per eccessiva onerosità .................................................................................................... 167

1.21. La presupposizione ............................................................................................................ 167

2. I ........................................................................................................ 168

SINGOLI CONTRATTI

2.1. Il contratto di compravendita .............................................................................................. 168

2.1.1. Gli obblighi del venditore e del compratore ................................................................................................ 169

2.1.2. I particolari contratti di compravendita .................................................................................................... 171

2.2. La permuta .......................................................................................................................... 176

2.3. La locazione e l’affitto .......................................................................................................... 176

2.3.1. La locazione ........................................................................................................................................ 176

2.3.2. L’affitto ............................................................................................................................................... 177

2.3.3. La locazione di immobili urbani ............................................................................................................. 178

PARTE QUINTA - LA RESPONSABILITÀ CIVILE

1. L ..................................................................... 180

A RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE

1.1. Il fatto .................................................................................................................................. 181

1.2. L’illiceità (o antigiuridicità) del fatto .................................................................................... 181

1.3. L’imputabilità del fatto al danneggiante .............................................................................. 182

1.4. La colpevolezza del danneggiante ....................................................................................... 183

1.5. Il nesso di causalità .............................................................................................................. 184

1.6. Il danno ............................................................................................................................... 184

PARTE SESTA - IL DIRITTO DI FAMIGLIA

1. I : ............................................................. 186

L MATRIMONIO LA FORMAZIONE DEL VINCOLO

1.1. Il matrimonio civile ............................................................................................................. 186

1.1.1. La promessa di matrimonio .................................................................................................................... 186

1.1.2. La capacità e gli impedimenti ................................................................................................................. 187

1.1.3. La pubblicazione e la celebrazione .......................................................................................................... 188

1.1.4. La invalidità del matrimonio .................................................................................................................. 189

1.2. Il matrimonio concordatario ............................................................................................... 190

1.2.1. La trascrizione del matrimonio canonico .................................................................................................. 190

1.3. Il matrimonio religioso ........................................................................................................ 191

1.4. Il matrimonio: il regime del vincolo .................................................................................... 191

1.5. I diritti e i doveri dei coniugi ............................................................................................... 191

1.6. La separazione personale dei coniugi .................................................................................. 192

1.7. Lo scioglimento del matrimonio: il divorzio ........................................................................ 193

1.8. I provvedimenti riguardo ai figli nella crisi della coppia: l’affidamento condiviso ..............

194

2. L ..................................................................................................................... 195

A FILIAZIONE

2.1. La filiazione matrimoniale ................................................................................................... 196

2.2. La filiazione fuori del matrimonio ....................................................................................... 197

2.3. La filiazione adottiva ........................................................................................................... 198

PARTE SETTIMA - LE SUCCESSIONI E LE DONAZIONI

1. L ............................................................................ 199

A SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE

1.1. Princìpi generali ................................................................................................................... 199

1.1.1. La capacità di succedere ........................................................................................................................ 201

1.1.2. La rappresentazione, l’accrescimento e la sostituzione ................................................................................ 202

1.2. La successione legittima ....................................................................................................... 203

1.3. La successione necessaria .................................................................................................... 204

1.4. La successione testamentaria ............................................................................................... 205

2. L ................................................................................................................... 208

A DONAZIONE

2.1. Requisiti e disciplina ............................................................................................................ 209

2.2. L’invalidità della donazione ................................................................................................. 210

2.3. La revoca della donazione ................................................................................................... 211

3. L ............................................................................................. 212

A PUBBLICITÀ IMMOBILIARE

3.1. La trascrizione ..................................................................................................................... 212

Appunti di Francesca Barbato e Pasquale Miele

PARTE PRIMA - I SOGGETTI

1. I L SOGGETTO DEL RAPPORTO GIURIDICO

Le situazioni giuridiche soggettive, sia attive che passive, fanno capo a quelli che

vengono definiti soggetti del diritto. I soggetti di diritto possiamo distinguerli in:

qualsiasi essere umano;

persone fisiche,

- organizzazioni dotate di soggettività giuridica e che quindi possono

persone giuridiche,

- essere titolari delle situazioni giuridiche soggettive.

2. L A PERSONA FISICA

Le persone fisiche sono tutti gli uomini, cittadini italiani o stranieri, che sono defini-

te soggetti del diritto in quando hanno la capacità di essere titolari di situazioni giuridi-

che attive o passive (capacità giuridica).

La capacità giuridica

2.1. ), e non

1

La persona fisica acquista la al momento della nascita (art. 1

capacità giuridica

può essere privata di questa per nessun motivo (art. 22 Cost.), e la perde con la morte.

Si ha la nascita quando si acquisisce la piena indipendenza dal corpo materno an-

che se non si ha vitalità, ovvero acquisisce la capacità giuridica anche il neonato morto

o

i t

subito dopo la nascita: il nato morto non è mai esistito come soggetto giuridico. Entro

d rba

dieci giorni dalla nascita è necessario dichiararla all’ufficiale dello stato civile per la

i

t

formazione dell'atto conservato nei registri dello stato civile di ciascun comu-

di nascita, e

l

n

ne. Si ha morte quando si ha la cessazione di tutte le funzioni dell'encefalo; entro ven-

a e

u

tiquattr’ore dal decesso bisogna dichiararlo all’ufficiale dello stato per la formazione

i

B

p

dell'atto Con la morte tutte le situazioni giuridiche facenti capo al soggetto de-

di morte. M

a

p

funto, a seconda dei casi, si estinguono o vengono trasmesse ai suoi eredi.

esc

A le

Ci sono dei casi però, previsti dalla legge, in cui si deroga al principio secondo il

quale la capacità giuridica si acquista al momento della nascita, poiché riconosce la

a

c

possibilità di attribuire dei diritti anche a favore di chi ancora non è nato (c.d. nascituro;

u

n

art. 1). Ovviamente, i diritti che la legge riconosce ai nascituri sono subordinati alla nasci-

q

a s

cioè il nascituro diventerà titolare di diritti solo quando nascerà, e le uniche ipotesi

ta, r Pa

previste dalla legge nelle quali è possibile diventare titolari di diritti, in questo caso,

F

sono la successione ereditaria e la donazione. In entrambi il casi il nascituro può essere

sia concepito che non, ma in quest’ultimo caso dovrà essere il futuro figlio di una per-

e ) o della donazione (art.

3

sona vivente nel momento in cui si apre il testamento (art. 462

784). " 38 di 213

"

Appunti di Francesca Barbato e Pasquale Miele

L’articolo 462 attribuisce al nascituro concepito la capacità di

1

La successione ereditaria.

succedere per causa di morte sia per legge che per testamento. Si intende concepito un

nascituro che nascerà entro trecento giorni dalla morte del defunto (è una presunzione

).

2

relativa poiché ammette la prova contraria; art. 642

I nascituri non concepiti, ovvero quelli che non nasceranno entro trecento giorni dalla

morte del defunto, possono ricevere solo per testamento se indicati espressamente in

questo e se, come anticipato, saranno futuri figli di una persona vivente nel momento

).

3

in cui si apre la successione (art. 642

Possono ricevere per donazione sia i nascituri concepiti che quelli non

La donazione.

concepiti (art. 784); in quest’ultimo caso, come già detto, la donazione deve essere fatta

e 320,

2

a favore di un futuro figlio di una persona vivente. Ai sensi degli articoli 784

accetteranno la donazione i genitori del figlio nascituro. Poiché questi eventi sono su-

bordinati alla nascita, il donante dovrà amministrare il bene donato (o i beni donati)

): se la donazione è a favore di un nascituro concepito, i frutti

3

sino alla nascita (art. 784

maturati prima della nascita dovranno essere destinati a questo (efficacia retroattiva); se

la donazione è a favore di un nascituro non concepito, i frutti dovranno essere mante-

nuti dal soggetto donante sino al momento della nascita del donatario.

2.1.1. La incapacità speciale o

i

La nascita, come appena detto, è condizione sufficiente per far acquistare alla per-

t

sona fisica la ossia la capacità di essere titolare tendenzialmente

d

capacità giuridica generale: rba

i

di tutte le situazioni giuridiche soggettive connesse alla tutela dei propri interessi. Tut-

t e

tavia, per l’accesso a taluni rapporti, è necessaria la presenza di alcuni presupposti che l

n a

abilitano quel soggetto a esser parte di quel determinato rapporto (c.d. incapacità specia-

e

u i

B

L’incapacità può presentarsi come o

le). speciale assoluta relativa.

p

Al soggetto sono preclusi determinati tipi di rapporti giuri-

Incapacità speciale assoluta. M

a

p

in ambito del matrimonio: un soggetto può con-

2

dici. Si veda ad esempio l’articolo 84 esc

A le

trarre matrimonio allorquando ha raggiunto la maggiore età, tuttavia ci sono dei casi

a

eccezionali in cui il tribunale autorizza un minore di sedici anni a sposarsi; ancora, al-

c u

l’articolo 250 in ambito di riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio (c.d.

n q

è prescritto che una volta riconosciuto un figlio si instaurano tutti quei

figlio naturale), a s

rapporti di dovere e potere tra genitori e figli che oggi chiamiamo responsabilità geni-

r Pa

toriale. F

Al soggetto è precluso un determinato rapporto, ma con

Incapacità speciale relativa. solo

e

riferimento a determinate persone o in determinate circostante. Ad esempio, il notaio

non può essere destinatario di disposizioni testamentarie con riferimento al testamento

che è stato da lui ricevuto (art. 597). " 39 di 213

"

Appunti di Francesca Barbato e Pasquale Miele

La capacità di agire

2.2.

La è la capacità della persona fisica di compiere e

capacità di agire autonomamente perso-

atti di amministrazione dei propri interessi, ovvero la capacità di compiere atti

nalmente

giuridicamente rilevanti. La capacità di agire si acquista con la ovvero con

maggiore età,

il compimento del diciottesimo anno di età (art. 2).

Esistono però delle ipotesi nelle quali un soggetto non è capace di gestire in prima

persona le situazioni giuridiche di cui è titolare, in questi casi la legge ha stabilito degli

istituti che hanno proprio il compito di il soggetto da eventuali

proteggere incapace di agire

rischi derivanti da atti da lui compiuti che incidono negativamente su i suoi interessi.

L’incapacità giuridica può distinguersi in totale o parziale.

2.2.1. La incapacità d’agire totale

Quando un soggetto è incapace totale di agire non può compiere alcun atto, da solo.

Distinguiamo: Come già anticipato, la capacità di agire si acquista nel momento in

Il minore d’età.

- cui un soggetto compie i diciotto anni, prima della maggiore età questo è considera-

to incapace totale di agire. Gli atti riguardanti l’amministrazione del patrimonio del

minore spettano ai suoi genitori. Come è noto, infatti, sui genitori ricade la cosiddet-

o

ta (definizione che ha sostituito quella di potestà con la riforma

responsabilità genitoriale i t

del 2013): ai sensi dell'articolo 316, entrambi i genitori hanno dei poteri-doveri nei

d rba

confronti dei loro figli e dovranno esercitarla sia sul piano che su

non patrimoniale

i

t

quello tenendo conto delle capacità, delle inclinazioni naturali e ispira- e

patrimoniale, l

n

zioni del minore. In sintesi i genitori hanno il dovere di educare ed istruire il proprio

a e

u i

figlio e hanno il potere di rappresentanza e di amministrazione dei beni del figlio,

B

p

ovvero hanno il compito di gestire il patrimonio del figlio e di rappresentarlo in tutti

M

a

p

gli atti civili (art. 320). Quindi, il minore è un soggetto totalmente incapace di agire

esc

A le

e pertanto sono i suoi genitori che per suo nome e per suo conto compiono degli atti

giuridici: in particolare gli atti di ordinaria amministrazione,

disgiuntamente congiunta-

a

c

gli atti di straordinaria amministrazione per i quali ultimi è richiesta l’autori-

mente u

n

zzazione del giudice previa nullità dell'atto (art. 320). Se sorge un conflitto di interessi

q

a s

fra il minore e i suoi genitori (si pensi alla donazione dove i genitori che

patrimoniali r Pa

vogliono donare un bene al proprio figlio sono i donanti e dovrebbero in nome e per

F

conto del minore rappresentare il donatario) il giudice tutelare nomina ai figli un

). Il curatore speciale è nominato anche nei casi in cui i geni-

6

(art. 320

curatore speciale e

tori non possono o non vogliono compiere degli atti di interesse del figlio (art. 321).

Tutti gli atti compiuti senza l’osservanza di queste norme possono essere annullati

(art. 322). " 40 di 213

"

Appunti di Francesca Barbato e Pasquale Miele

Ai genitori è riconosciuto l’usufrutto sui beni del figlio minore con l’obbligo di

legale

destinare i frutti al mantenimento della famiglia, all'istruzione ed educazione del fi-

). L’usufrutto legale può essere alienato e né costituito in garanzia

2

glio (art. 324 non

da parte dei genitori (art. 326).

Il giudice può pronunciare la della responsabilità genitoriale quando il ge-

decadenza

nitore viola o trascura i doveri ad essa inerenti o abusa dei relativi poteri causando

un grave pregiudizio nei confronti del figlio (art. 330). Potranno essere reintegrati

nella responsabilità genitoriale quando siano cessate le ragioni che avevano portato

alla decadenza (art. 332). Sia in tali casi sia in caso di morte di entrambi i genitori,

dovrà essere nominato un (art. 343) da un giudice tutelare (art. 346) che lo sce-

tutore

glierà o nella persona designata dal genitore o tra i prossimi parenti o affini (art.

348). Il tutore, prima di assumere l’ufficio, dovrà prestare (art. 349) e pro-

giuramento

cedere all’inventario del minore (art. 362). Fatto ciò dovrà sollecitare il giudice

dei beni

alla pronuncia delle direttive per l’amministrazione dei beni (art. 371). Il tutore ha

dei poteri a quelli della responsabilità genitoriale; simili perché sono più ristret-

simili

ti in quando non ispira la medesima fiducia dei genitori. Il tutore il potere di rappre-

sentanza e di amministrazione dei beni: per compiere gli atti di straordinaria ammi-

nistrazione dovrà essere autorizzato dal giudice tutelare per gli atti all’articolo 347 e

dal tribunale per quelli all’articolo 374.

Nei casi in cui il tutore non operi ai sensi degli articoli prima indicati, potrà essere

o

i

rimosso dal suo ufficio dal giudice tutelare (art. 384). t

d

A chiusura della tutela bisognerà presentare al giudice un (art. 385) che lo

rendiconto rba

i

dovrà approvare (art. 386). Sia l’apertura che la chiusura della tutela dovranno esse-

t e

re pubblicizzate mediante annotazione a margine dell’atto di nascita e mediante l

n a

iscrizione nel registro delle tutele (art. 389). e

u i

B

p

Ai sensi dell'articolo 414, un soggetto maggiorenne (o minore emancipa-

L’interdetto.

- M

a

p

to) completamente privo della capacità di agire. È dichiarato interdetto quando ri-

esc

A le

corrono i presupposti seguenti:

infermità ovvero quando il soggetto è affetto da una malattia che non gli

di mente,

- a

c

consente di esprimere le sue volontà liberamente e consapevolmente;

u

n

cioè che l’infermità non deve presentarsi in via transitoria (è

abitualità dell’infermità,

- q

a

necessario sottolineare che per infermità non si intende una malattia irreversibile

s

r Pa

o incurabile nemmeno una malattia che privi il soggetto della capaci-

continuamente

F

tà di intendere e volere); poiché un soggetto è interdetto

incapacità del soggetto di provvedere ai propri interessi,

- e

solo quando la sua infermità mentale incida sulla sua capacità di gestire i suoi af-

fari (per interessi non si intendono solo quelli di natura economica ma anche

quelli extrapatrimoniali); " 41 di 213

"


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

25

PESO

203.28 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

ATTENZIONE!! Questa è solo una parte, l'indice si riferisce al documento completo che trovi nel mio store!

Ci tengo particolarmente al tuo commento ed alla tua valutazione di questo documento.

Il presente documento è stato realizzato integrando gli appunti presi a lezione prevalentemente con i testi consigliati dal docente ‘Torrente’ e ‘Bessone', ‘Compendio di Diritto Privato’ di Stefano Ambrogio ed altri materiali presi su Internet.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher pasQuiino di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di Diritto Privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Confortini Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di diritto privato

Riassunto esame Diritto Privato, prof. Confortini, libro consigliato Torrente, Schlesinger
Appunto
Riassunto esame Istituzioni di diritto privato, Diritto privato, Alpa, prof. Alpa
Appunto
Nozioni preliminari, Istituzioni di diritto privato
Appunto
Diritto privato - La famiglia - Appunti
Appunto