Che materia stai cercando?

Sociologia generale - Comte e i vari sociologi

Appunti di Sociologia generale sui seguenti argomenti: il metodo scientifico,
la sociologia può far riferimento a determinati mezzi per spiegare le leggi del progresso e dell’ordine sociale, Comte, Montesquieu e gli altri sociologi per l'esame del professor Carabetta.

Esame di Sociologia generale docente Prof. C. Carabetta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

MONTESQUIEU

Duplice aspetto

Egli ha un duplice aspetto, è un teorico della politica e un sociologo.

- Teorico della politica: si può notare quando elabora la teoria dei tipi di governo.

- Sociologo: afferma che il clima, la natura del terreno, il numero degli abitanti e la religione

possono esercitare diverse influenze nella vita collettiva.

Principio relativistico della legge

Nelle sue opere parla del perché le società siano diverse, spiegando che ognuna di esse doveva

possedere un sistema di leggi a sé.

Le leggi infatti non sono universali, ma variano in base a determinati fattori, quali le tradizioni, i

costumi, la religione, il clima.

Nasce così il principio relativistico della legge, che diceva che ogni legge deve essere adeguata alla

società a cui deve essere applicata.

Tipi di governo

Egli distingue tre tipi di governo:

- Monarchia

- Repubblica

- Dispotismo

REPUBBLICA

Tutto il popolo o parte del popolo detiene il potere sovrano.

Tutto il popolo detiene il potere attraverso rappresentanti: democrazia.

Parte del popolo detiene il potere: aristocrazia.

Fondato sull’uguaglianza.

Virtù.

Regime moderato.

MONARCHIA

Una sola persona detiene il potere sovrano secondo leggi fisse e stabilite.

Fondato sulla disuguaglianza.

Onore.

Regime moderato.

DISPOTISMO il male politico assoluto

Un solo individuo detiene il potere sovrano senza legge e senza regola e determina tutto secondo la

sua volontà e i suoi capricci.

Fondato sull’uguaglianza, ma non un’uguaglianza nella virtù come nella repubblica, ma

uguaglianza nella paura, nell’impotenza e nella esclusione del potere sovrano.

Timore.

Regime non moderato.

Natura e principio dei tipi di governo

Ognuno di questi tipi di governo è definito in base alla natura e il principio del governo.

- La natura del governo è ciò che lo fa essere quello che è e dipende dal numero delle persone

che detengono la sovranità e dal modo in cui lo esercitano.

- Il principio è il sentimento che deve animare gli uomini che vivono in un dato tipo di

governo per farlo funzionare in modo armonico.

Virtù, onore, timore: i tre sentimenti politici

Esistono tre sentimenti politici fondamentali che assicurano la stabilità di un tipo di governo:

- Virtù repubblica

- Onore monarchia

- Timore dispotismo

La virtù della repubblica non è una virtù morale ma politica, consiste nel rispetto delle leggi

dell’individuo e della collettività (amor di patria e uguaglianza.)

L’onore della monarchia è un falso onore, è il rispetto da parte di ciascuno di quanto deve al suo

rango sociale (l'ambizione personale)

Il timore del dispotismo è il sentimento elementare (per Hobbes è l’unico che riesce a spiegare

l’esistenza dello stato) che si infonde nei cuori dei sudditi. Secondo Montesquieu, un regime

fondato sulla paura è corrotto, poiché i sudditi obbediscono soltanto per paura e non sono quasi più

uomini ma servi.

Dimensioni / tipo di governo

C’è una dipendenza tra le dimensioni della società e il tipo di governo. Più grande è uno stato più è

presente il dispotismo, quindi per evitare ciò gli stati non devono superare una certa estensione.

Scala di preferenza

Scala di preferenza di Montesquieu delle forme di governo

- Repubblica (migliore)

- Monarchia

- Dispotismo

divisione dei poteri

Montesquieu aveva paura che la monarchia assoluta degenerasse in dispotismo, per evitare questo

bastava che i 3 poteri venissero suddivisi.

- Legislativo ( 2 camere)

- Giudiziario (della legge non del giudice)

- Esecutivo (sovrano, monarca)

Quello esecutivo viene dato ad una sola persona poiché esige rapidità di decisione e di azione e per

evitare così viene evitato lo scoordinamento.

Il potere legislativo viene dato alle due camere, dei Lord (dei nobili) e dei comuni (ordinari); il

primo rappresenta la nobiltà, il secondo il popolo. Esiste questa divisione poiché i nobili dovevano

essere giudicati dai loro pari.

Il potere giudiziario è interprete delle leggi, deve aver minor iniziativa e personalità possibile.

Cause fisiche, sociali, morali.

Montesquieu studiò l’influenza dell’ambiente geografico, ovvero nel clima e nel terreno (in quale

modo gli uomini hanno coltivato il suolo e suddiviso le proprietà), arrivando alla conclusione che

l’ambiente non determina le istituzioni ma le influenza e contribuisce ad orientarle in una certa

direzione.

Successivamente egli studiò non più le influenze fisiche ma quelle sociali, quali il commercio e la

moneta.

Infine esamina le cause morali, ovvero la religione e la sua funzione; essa è considerata come una

delle influenze più efficaci sull’organizzazione della vita collettiva.

SPENCER

Secondo alcuni storici della sociologia, Spencer è un continuatore della concezione evoluzionistica

e organicistica di Comte ma si differenziano perché hanno diverse concezioni.

COMTE SPENCER

- Spiega le concezioni umane - Spiega il progresso del mondo esterno

- Descrive la derivazione - Descrive la derivazione necessaria e

necessaria e reale delle idee. reale delle cose.

- Interpreta la genesi della nostra - Interpreta la genesi dei fenomeni che

conoscenza della natura. costituiscono la natura.

Posizione soggettiva Posizione oggettiva

Evoluzione

Di fondamentale interesse per Spencer sono i mutamenti evolutivi delle strutture e delle istituzioni

sociali.

Egli scrisse “i principi di sociologia” in cui formula la legge universale dell’evoluzione; essa si

applica al mondo:

- Inorganico

- Organico

- Superorganico

Appartengono al mondo organico per esempio i minerali, e con la legge dell’evoluzione si può

spiegare la loro trasformazione.

Appartengono al mondo organico i singoli individui, e la loro evoluzione sta nell’infanzia, maturità,

vecchiaia.

Il mondo superorganico è invece il mondo sociale.

L’evoluzione è un mutamento da uno stato di omogeneità incoerente indifferenziato indefinito ad

uno stato di eterogeneità differenziato definito e coerente.

Anche lui ha una visione organicistica della società.

Lo sviluppo evolutivo comporta mutamenti di ordine strutturale e funzionale nelle unità, così come

i mutamenti nelle dimensioni comportano una progressiva differenziazione.

Sviluppo, struttura, differenziazione

Gli aggregati sociali, come quelli organici, subiscono un progressivo sviluppo delle dimensioni;

inizialmente sono piccole e poi allargano.

Lo sviluppo sociale si può attuare secondo due modalità:

- aumento della popolazione, volume della società

- Le unità precedentemente non collegate si collegano tra loro.

La prima si ha con la moltiplicazione delle unità, la seconda con l’unione dei gruppi e in seguito per

l’unione dei gruppi di gruppi.

Parallelamente alla crescita della dimensione c’è la crescita della complessità strutturale.

In una società dapprima c’è minore diversità tra gli individui, la società è semplice,

successivamente facendosi più popolosa, la società diventa complessa e le divisioni diventano più

spiccate. Quindi si passa da stati indifferenziati e omogenei, a stati differenziati eterogenei e si ha la

divisione del lavoro. Una volta che è stata attuata la differenziazione, si stabilisce tra le parti una

reciproca interdipendenza. Quindi maggiore è la differenza maggiore è l’interdipendenza.

Bisogna quindi dire che le società complesse data la loro struttura sono maggiormente vulnerabili e

fragili di quelle semplici, quindi c’è bisogno di un sistema regolativo che controlli le azioni delle

parti ed assicuri coordinamento.

Classificazioni:

- in base all’ampiezza del loro potere interno

- in base al grado di complessità evolutiva

Società militari e società industriali.

Spencer divide le società in due categorie:

- Società militari

- Società industriali

Nelle società militari la cooperazione tra gli individui è forzata, la libertà è assente.

Nelle società industriali la cooperazione tra gli individui è volontaria, è presente la libertà

individuale, la libera concorrenza, è una società pacifica, non c’è coercizione e gli individui

possono associarsi tra loro.

Ciò che determina il tipo di società non è il grado di complessità ma la presenza o l’assenza di

conflitto con l’ambiente esterno.

Evoluzione unilineare e multilineare

Spencer sosteneva che un organismo sociale, come uno individuale, è soggetto a modificazioni

finché non trova uno stato di equilibrio con le condizioni dell’ambiente.

Le società per spencer non si sviluppano in un unico modo lineare irreversibile seguendo stadi

predeterminati come Comte (sviluppo unilineare).

Funzionalismo

I mutamenti di ordine strutturale corrispondono sempre a cambiamenti di ordine funzionale, così

come la crescita nelle dimensioni delle unità sociali conduce necessariamente ad una progressiva

differenziazione delle attività sociali.

Individualismo e organicismo

Comte era anti-individualista e socio centrico, riteneva che l’individuo fosse subordinato alla

società e il cambiamento riguardava la società e non i singoli, inoltre le leggi dovevano essere date

dagli scienziati sociali non dall’individuo in sé stesso poiché da solo non può decidere. Spencer

invece era individualista e utilitarista. Spencer credeva nell’individuo, la società non doveva subire

delle interferenze da parte dello stato ma doveva essere lasciata a sé stessa (per esempio: non

doveva contribuire con delle leggi a favore dei poveri), doveva esserci libera concorrenza che

avrebbe comportato la sopravvivenza degli individui migliori, quelli meno abili sarebbero

scomparsi. Come Darwin, spencer parlò di selezione naturale e per questo venne detto Darwinista

sociale.


PAGINE

11

PESO

62.07 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze del servizio sociale
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher cucciolina84 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Carabetta Carmelo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia generale

Sociologia generale - relazioni familiari e figli
Appunto
Riassunto esame Servizio sociale, prof. Baronello, libro consigliato Assistenti sociali professionisti, Zalanti, Rovai
Appunto
Riassunto esame Storia delle Istituzioni politiche, prof. Marzo, libro consigliato Manuale di storia del pensiero politico, Galli
Appunto
Riassunto esame Scienza Politica, prof. Anastasi, libro consigliato La Democrazia, Kelsen
Appunto