Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

RELIGIONE X DURKHEIM: l’idea comune è ke un insieme di credenze e di valori x cui l’uomo si lega a una

divinità; invece D. dice ke la religione non è solo ciò ke lega al sovrannaturale(idea del mana=energia cosmica) e

dunque si rischia di considerare la religione qualsiasi cosa abbia funzione integrativa(es religione politica e

civile); x D. la religione nella società moderna si affievolisce ma non scompare, si trasforma in surrogati ke

mantengono le stesse funzioni della religione.

RUOLO DELLA RELIGIONE OGGI:

-x Weber: si declina e si privatizza nell’individuo

-x Durkheim: si declina e si trasforma

COME LA CULTURA INFLUENZA L’AZIONE SOCIALE: 2 approcci(modelli)

-attore socializzato: valori condivisi nella società sono interiorizzati dall’individuo attraverso la socializzazione,

divenendo motivazioni profonde, stabili della personalità ad agire in maniera conforme ma cmq indipendente

-identità sociale: se le credenze normative sono condivise da un gruppo, ci può essere un’identità convalidata ke

orienta l’individuo(ma tale identità deve essere forte)

ETICA PROTESTANTE E SPIRITO DEL CAPITALISMO(Weber): partendo da dati statistici dice ke molti

imprenditori sono aderenti al protestantesimo ma xkè? C’è legame tra etica protestante e spirito del capitalismo;

lo spirito del capital. è guadagno come fine a sé stesso, come dovere, non x ostentazione ma x reinvestire; nulla

(B.Franklin=massima rivolta ai giovani x guadagnare) a ke vedere con la bramosia di denaro, poikè il

capitalismo persegue un orientamento razionale e metodico; x affermarsi il capital. dovette lottare col

tradizionalismo, fu unico e innovatore.

CAUSE AFFERMAZIONE CAPITALISMO: Weber le rintraccia nell’etica protestante e nell’affermarsi del

protestantesimo che ha prodotto una rottura sul modo di vedere il rapporto fra uomo e Dio e il ruolo dell’uomo

nel mondo.

SOCIETA’ MODERNA: etologia(studia gli animali)= ciò ke fa la differenza fra gli uomini e animali non è

l’organizzazione sociale poikè gli animali cooperano x istinto e gli uomini x l’evoluzione; ma gli uomini si

basano nell’operare sull’accumulo di conoscenze(cultura); gli animali hanno sempre stessa struttura mentre le

persone evolvono nella gerarchia.

TAPPE EVOLUZIONE UMANA:

-cacciatori-raccoglitori

-coltivatori-pastori(10.000-6.000 d.C)

-agricoltori(3.000 a.C)

-agrarie dell’antichità greco-romana(800 a.C-1.000 d.C)

-società feudale (medioevo)

ORIGINE SOCIETA’ IN OCCIDENTE: sviluppo tra 1600 e 1800 con 2 caratteri importanti:

globalità(investe tutti ambiti società) e unicità(in occidente); cambiamenti es. rivoluzione francese e rif.

Protestante; sviluppo scientifico, urbanizzazione, individualismo, razionalizzazione, differenziazione delle varie

sfere sociali.

SECOLARIZZAZIONE= dal latino seculum, termine impiegato x la prima volta nella pace di Vestfalia del 1648

x l’atto di trasferimento dei beni e territori della chiesa allo stato(entità civile); in seguito usato x indicare

rinuncia di un sacerdote(diritto canonico) ai voti; + tardi x indicare usurpazione e condanna da parte della chiesa.

BERGER: definizione processo di secolarizzazione tramite cui alcuni settori della società e della cultura sono

sottratti al dominio delle istituzioni e dei simboli religiosi(chiesa).

WEBER: : affermarsi di un mondo non + dominato dalla religione, cè il disincanto e

DISINCANTAMENTO

l’affermarsi di idea ke il mondo può esser dominato ora dalle scienze e razionalità e non + da cose

soprannaturali.

DUE LIVELLI DELLA RELIGIONE:

-interno: processo di razionalizzazione interno alla sfera religiosa, la religione si è trasformata dall’interno

attraverso la demagificazione(eliminazione degli elementi magici e delle superstizioni vedi protestantesimo e

giudaismo antico, invece nel cattolicesimo alcuni persistono ancora)

processo di autonomizzazione della religione da tutte le altre sfere della società; in passato politica e

-esterno:

religione erano inscindibili e la religione era il sistema culturale x eccellenza, ora vi è la scissione delle due con

conflitti.

MUTAMENTO RELIGIONE NELLA SOCIETA’ A 3 LIVELLI:

-livello istituzionale: la differenziazione sociale ha ridotto il ruolo della religione ke è stata confinata in una sfera

specifica e ridotta=da qui pluralismo religioso(ke però non si è diffuso ovunque; primo paese fu usa a sancire

divisione statoe chiesa)

le credenze religiose sono diventate sempre + soggettive, c‘è individualizzazione della

-livello culturale:

religione(l’adesione è scelta, il non aderire o il cambiare non ha sanzioni)

-livello comportamentale: la religione non orienta + le scelte etiche e ha – influenza su sfere come quella

sessuale o familiare; le scelte diventano autonome.

FATTORI DI CENTRALIZZAZIONE E PACIFICAZIONE:

(CENTRALIZZAZIONE POTERE)

STATO ASSOLUTO

prima i soldati si equipaggiavano da soli ora sono reclutati e stipendiati dallo stato

-eserciti:

-apparato burocratico: aumenta la spesa pubblica x gli eserciti ma ora non è + fondata sul sistema degli appalti;

ora i funzionari esattori sono stipendiati e seguono regole precise

prima ogni feudo batteva la sua moneta, c’era troppa pluralità di monete, ora lo stato

-monopolio monetario:

avoca a sé il diritto di coniare moneta

-giustizia ed emanazione leggi: la vendetta privata diventa illegittima

LEGITTIMITA’ DEL POTERE: il potere è giustificato in quanto chi obbedisce ritiene ke il sovrano ha il titolo e

il diritto di esercitare il potere(principio dinastico di potere).

STATO ASSOLUTO: l’assolutismo è usato in senso negativo, in realtà voleva dire ke il sovrano è svincolato

dalle leggi(libero) (assolutismo illuminato coi sovrani innovatori come Giuseppe II di prussia).

STATO DEI CETI(prima): re e principi riconoscevano poteri ai ceti ke si riunivano in assemblee come

rappresentativi della comunità.

ASSOLUTISMO(dopo): re è l’autorità suprema; c’era la centralizzazione del potere, era l’interprete delle

esigenze dello stato.

LE RIV.INGLESE-FRANCESE-AMERICANA: minarono alle radici l’assolutismo

-Riv. Inglese: restauratrice poikè i ceti non volevano privarsi dei propri diritti e avevano fondato un moderno

costituzionalismo(diritto di cittadinanza x ogni persona a prescindere dalla classe sociale)

Il re non ha + potere illimitato poikè ora la costituzione sancisce il potere autonomo del parlamento(nasce lo

stato di diritto della legge) principio di separazione dei poteri:

-dichiaraz. Diritti fondam. Uomo e cittadino

-sfera di diritti tutelati e garantini x legge

-proclamazione titolarità diffusa della sovranità

-legittimazione politica

-delimitazione esercizio poteri e suddivisione in organi diversi

Diritti garantiti e fissati x legge; idea impersonale di sovranità(il sovrano può esser popolo-stato-nazione ma non

gruppo di individui).

Tali trasformazioni avvengono di pari passo coi valori dell’individualismo e del razionalismo.

CAPITALISMO: Un sist. Economico nuovo, un nuovo modo di produzione fondato sullo scambio del denaro;

mezzi produz.) e

un’organizzazione del lavoro libera xkè non + legata alla terra, si basa su borghesia(detiene

proletariato(forza lavoro).Ora c’è razionalità metodica nel lavoro(Marx=il capitale; il passaggio da un modo di

produz. a un altro si ha in un momento di contraddizione tra rapporti di classi sociali e si ha una sostituzione; le

classi sono il motore delle sostituzioni; la borghesia è stata rivoluzionaria e il proletariato avrebbe instaurato attr.

la dittatura del proletariato, una società senza classi=comunismo;x gli interessi di tutta la società) Marx è 1

storicista-materialista poikè vede nella storia un fine attraverso la dialettica.

SFERE KE INFLUENZANO CAPITALISMO: 1.agricoltura,2.artigianato,3.mercato

1. rapporti contadini-artigiani-commercianti; era statica e forte subordinazione dei contadini al feudatario;

l’agricoltura era estensiva e con bassa produzione e scarsa innovazione(pochi contadini indip. Con fondi

allodiali). Qst precario equilibrio è rotto qnd aumenta a domanda di cibo e manufatti; nel 600

in Inghilterra=contadini espulsi, diventano braccianti, nobiltà terriera diventa

enclosurers

imprenditrice(putting out-lavoro a domicilio)

2. gli artigiani erano organizzati nelle corporazioni di mestiere assicurandosi il monopolio del settore;

regole rigide di divieto di concorrenza e pubblicià; poi con + domanda alcuni escono dalle corporazioni,

producono di +, si ingrandiscono

3. coi mercanti(uomini nuovi) è iniziato il lavoro a domicilio=poi lo si è riunito in uno stesso luogo con la

manifattura salariata(in italia il settore mercantile nel 1300 ha prodotto banchieri e commercianti ma non

vi era ancora carattere capitalistico ma ancora feudale).

SCHUMPETER: gli imprenditori capitalistici sono innovatori ke creano dei monopoli; concetto di

innovazioni distruggono le tradizioni radicate).

distruzione creativa(le

PASSAGGIO DAL SISTEMA FEUDALE AL MODELLO ASSOLUTISTICO: il sistema feudale era

fortemente gerarchizzato ma localistico e sempre in conflitto; il processo ke portò alla pacificazione studiato

da Elias= x processo di pacificaz. e centralizzazione si intende ke il sovrano esercita da solo il potere senza

come esclusivo diritto del sovrano di

delegarlo; si instaura un monopolio di violenza legittima(Weber)=

usare la forza; il potere politico è una forma particolare di potere poikè utilizza il controllo degli strumenti

della violenza legittima; lo stato moderno si fonda su qst presupposto: nessun organo tranne lo stato può

disporre dell’uso della forza. I primi stati moderni furono i regni(dove prevalevano agricoltura e servitù

della gleba) ma in tempi diversi(dopo 19 secolo in italia e germania, prima in spagna-francia-inghilterra-

prussia).

SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI: a partite dagli anni 80 questa disciplina diventa

autonoma(negli anni 70 ci sono i ) e vuole studiare i fattori culturali. Processo di

CULTURAL STUDIES

ke segue passaggio da genetico-biologico a un adattamento culturale (divisione sessuale

OMINIZZAZIONE

dei ruoli). Nell’accezione comune la cultura è un’attività d’elitè come elevazione e affinamento dello spirito

oppure come un insieme dei comportamenti e stili di vita di un gruppo entro una data società.

CULTURA:

1.dei (pretese universali);

DOTTI

2.dei (radicate, relative a un dato contesto)

POPOLI

CONCETTO SCIENTIFICO DI CULTURA: (genealogia del termine cultura)

1. : formazione individuale, attività ke consente di coltivare

CONCEZIONE UMANISTICA/CLASSICA

l’animo umano (dal latino colere in senso metaforico); 13 sec. Coltivazione della terra; 16 sec. L’attività

la cultura è termine utilizzato dai filosofie le vedevano

del coltivare in francia; 18 sec. Con l’illuminismo

come tratto distintivo del genere umano e rappresenta la somma di tutti i saperi tramandati nel corso dei

secoli (legata all’idea di ragione). In francia cultura come civilizzazione; idea ke indica gli aspetti +

valutati della società(arte-musei-teatri)=cultura alta ke si contrappone a quella popolare(fumetti-romanzi

rosa).

ELIAS: cultura/civiltà; kultur/civilizzazione(in germania).

KULTUR: si riferisce all’intellighentia(sfera politica) e indica tutto ciò ke è autentico; i valori spirituali

riguardanti la profondità dell’animo umano.

CIVILTA’: tutto ciò ke è superficiale, d’apparenza, d’etichetta(buone maniere) e riguardava l’aristocrazia. I ceti

colti parlavano francese ma gli intellettuali non partecipavano al potere ke era totalmente in mano

all’aristocrazia(invece in francia i filosofi avevano un’influenza politica). Nasce un’idea di opposizione

nazionale=cultura come marchio distintivo dello spirito di un popolo(esprime autocoscienza e identità di un

popolo).

HERDER: relativismo della cultura=ogni cultura è valida in sé stessa ed è necessario ricondurla alle sue origini.

GERMANIA: enfatizza le diversità dei popoli.

FRANCIA: enfatizza l’idea di unità(nazione elettiva=demos).

: vuole studiare le componenti; la cultura come variegato

2. CONCEZIONE ANTROPOLOGICA/MODERNA

insieme dei costumi e delle abitudini delle diverse popolazioni ma non guardando solo all’individuo ma

anke alla collettività in cui è inserito: (TYLOR=antropologo evoluzionista inglese dice ke cultura è

quell’insieme ke include conoscenza,arte,morale,costume e qualsiasi altra capacità).

COMPONENTI DELLA CULTURA: 3.

1. (elaborate in modo formalizzato)

NORME e CREDENZE ESPLICITE (per il fatto di vivere in 1 determinata comunità)

2. COSTUMI e ABITUDINI ACQUISITE

3. (delle attività umane come opere d’arte, oggetti di uso quotidiano e tutto ciò ke fa

ARTEFATTI

riferimento alla cultura materiale)

CARATTERISTICHE CULTURA: 3

1. : non è riconducibile alla dimensione dell’uomo

APPRESA : ke è opera dell’uomo in cui vive

2. RAPPRESENTA LA TOTALITA’ DELL’AMBIENTE SOCIALE

3. : all’intero di 1 gruppo o società e distribuita omogeneamente all’interno di tali gruppi.

CONDIVISA

CULTURA SECONDO SCUOLA SOCIOLOGICA FRANCESE DI DURKHEIM: D. si pone il problema di

come la società così variegata possa star insieme e si costituisce come comunità simbolica. Qst problema fu

affrontato anke da Spencer, criticato da D. poikè riteneva ke la società sta insieme poikè le persone cercano il

proprio vantaggio e interesse attraverso contratti stipulati liberamente(società intesa come + di singoli individui);

ma D. diceva ke xkè le persone siano in grado di stipulare un contratto devono aver l’idea di un aspetto

normativo: solidarietà precontrattuale(fiducia reciproca). Dunque per D. la società non sta unita né x gli interessi

né x la nazionalità. Enfasi sulla dimensione simbolica della solidarietà=è qst ke cementa la società.

SOLIDARIETA’ MECCANICA=coscienza collettiva; trascende gli individui ke però vi si riconoscono(società

pre-industriale).

SOLIDARIETA’ ORGANICA=nasce dalla differenza degli individui(in seguito alla divisione del lavoro e

specificità dei ruoli) ke però svolgono fuzioni complementari(società industriali).

RAPPRESENTAZIONI COLLETTIVE: credenze, simboli, valori, norme condivisi e obbligatori x tutti(si

oppongono alle =stati mentali psicologici). Sono considerate da D. come

RAPPRESENTAZIONI INDIVIDUALI

vere e proprie istituzioni sociali(anke se hanno carattere di esteriorità e non riconducibili agli stati mentali); x

istituzioni sociali si intendono modelli di comportamento cristallizzati,costanti,costruttivi e indicativi di un dato

gruppo sociale,un insieme di norme sistematico e non casuale (2 giugno in italia festa repubblica). Costituiscono

il cemento delle società e mutano al suo mutare.

VISIONE OLISTICA= per D. non si possono spiegare i fenomeni risalendo dai singoli aspetti, bisgona

considerare la società nella sua totalità.

CULTURA SECONDO SCUOLA SOCIOLOGICA TEDESCA(SIMMEL-WEBER):

CONCEZIONE:

-EMPIRICA

-TEORICA

1.DIBATTITO SUL METODO

2.IDEALISMO E MATERIALISMO

1.Weber influenzato da storicismo tedesco chiama scienze sociali scienze dello spirito(ke non possono

intervenire nelle leggi universali)

METODO NOMOTETICO=tipico delle scienze naturali orientate verso leggi universali

METODO IDIOGRAFICO=tipico delle scienze sociali non orientate verso leggi universali

COMPRENSIONE E SPIEGAZIONE: dei fenomeni sociali e culturali sono metodi complementari

2.La controversia parte dalla metà 800 con la critica di Marx all’idealismo di Hegel; i fattori culturali coincidono

con la realtà? X Weber l’economia, ad es. non è il prodotto della realtà. C’è dunque un divario tra cultura e

società=rapporto di reciproco condizionamento. Come le idee siano il motore degli eventi umani in quanto

influenzano gli individui nell’orientamento delle loro azioni.

CONCEZIONI DEL MONDO: x Weber sono le credenze e i valori ke si costituiscono all’interno di contesti di

interazione sociale, nella relazione con gli altri xciò acquistano carattere intersoggettivo.

CULTURA/SOCIETA'(x gli antropologi coincidono): x Weber e Rimmel sono distinte. La cultura è 1 sezione

finita dell’infinità dle mondo. Nessuna scuola sociologica considera la cultura come una disciplina indipendente.

SOCIOLOGIA DELLA CULTURA(SOCIOLOGIA DELLA CONOSCENZA): Alfred Weber(fratello di Max

Weber) dice ke c’è distinzione fra mondo della cultura(sfera emozionale, classica…) e mondo delle scienze(sfera

tecnico-scientifica). I prodotti della cultura non sono classificabili e ordinabili mentre le elaborazioni scientifike

sono ordinabili. Nel mondo della cultura non si parla di evoluzione ma di fluttuazione.

SOCIOLOGIA DELLA CONOSCENZA(DELLA CULTURA): Mannheim e Scheler=ricercano le relazioni fra

pensiero e/o conoscenza ed esistenza sociale(tra pensiero e contesto storico-sociale in cui si forma).

Scheler distingue tra:

- =sono i fattori sociali ke comprendono molti elementi

FATTORI REALI =riguardano le forme del pensiero(valori,conoscenza,…)

- FATTORI IDEALI

DIBATTITO FRA SCHELER E MANNHEIM: nasce il concetto scientifico di cultura; Scheler dice ke fattori

reali non determinano i contenuti della conoscenza ma favoriscono l’emergere di valori. Mannheim dice ke i

fattori reali influenzano i fattori ideali.

DIMENSIONI E COMPONENTI DELLA CULTURA: 2 paradigmi

- : cultura come totalità sociale(concezione inclusiva): omogeneità

PARADIGMA ANTROPOLOGICO

culturale,tradizione-stabilità,condizionamento

- : distinzione fra cultura e società: differenziazione culturale,innovazione-

PARADIGMA SOCIOLOGICO

cambiamento,interazione(Parsons)

PARSONS: esponente del funzionalismo americano(strutturalfunzionalismo) dice ke la cultura è uno strumento

x interpretare la realtà e attribuisce a essa un carattere normativo=come una bussola ke orienta le azioni degli

individui. Compose una teoria (detto anke sistema ), diviso in 4 sottoinsiemi:

SISTEMA DELL’AZIONE AGLI

1. (adattamento=mette in relazione mondo esterno e individuo, adattandosi ai vincoli

ORGANISMO BIOLOGICO

sociali)

2. (conseguimento=la funzione della personalità è attivare le risorse x conseguire obiettivi)

PERSONALITA’

(latenza=la cultura fornisce alle persone le credenze ke consentono di motivare l’attore sociale

3. CULTURA

orientandolo nell’agire)

4. (integrazione=controlla le spinte ke turbano il sistema sociale)

SISTEMA SOCIALE

Il sottoinsieme della cultura-latenza è il + importante per Parson; ritiene ke le trasmissioni di credenze siano

inconsce e x qst l’individuo non agisce, ecco xkè la cultura è latente.

TEORIA CIBERNETICA: le parti di un sistema si dispongono a seconda della posizione di maggior o minor

energia(le parti con maggior energia hanno minore informazione; le parti con minore energia hanno maggiore

informazione). La cultura è la + povera di energia ma ha molte informazioni(con minor energia è latente). Ogni

insieme si può scindere in un altro sottoinsieme con 4 sottoinsiemi all’infinito…

TEORIA GENERALRE DEL’AZIONE DI PARSONS(GRANDE TEORIA): classificazione dei sottoinsiemi

1.organismo biologico, 2.personalità, 3.sistema sociale, 4.cultura(in senso antni-orario ).

L.I.G.A

CRITICA DI ROCHER: dice ke tale sist. di concezione dell’individuo troppo meccanica e schematica=cultural

dop(drogato di cultura) ed è accusato di determinismo culturale.

DIMENSIONI E COMPONENTI CULTURA: norme,valori,credenze,simboli(Peterson). In qst modo la

sociologia ha ridimensionato la concezione di cultura + ridefinita rispetto agli antropologi

- =nell’accezione comune è qualcosa ke ha un significato importante, ci si riferisce agli ideali in cui si

VALORI ); Weber fu influenzato da qst teoria=i valori costituiscono criteri di

crede(in filo TEORIA DEI VALORI

valutazione(un principio mediante il quale gli attori sociali approvano o disapprovano un modo di comportarsi).

ke deve essere, ciò ke dovrebbe essere desiderato. Sono interconnessi alla realtà

Ha carattere normativo=ciò

sociale e variano geograficamente e storicamente. Alle scienze sociali interessa la genesi dei valori, le funzioni e

i mutamenti.

DEFINIZIONE VALORE: è una concezione del desiderabile implicita ed esplicita, distintiva di uno o di un

gruppo ke, influenza l’azione con la selezione fra modi,mezzi e fini disponibili(Kluckhohn).

HIRSCHAN= nobel x l’economia; sostiene ke i valori sono delle preferenze ke si ritengono giustificabili

moralmente mediante ragionamento, argomentazioni o giudizi. Un gusto discusso cessa di essere tale e diventa

un valore.

DIMENSIONI DEI VALORI:

- =riguarda gli affetti delle persone

AFFETTIVA

- =presentano 1 preferenza giustificabile

COGNITIVA

- =frutto di una scelta e forniscono motivazione necessaria x agire(rapporto valore-

SELETTIVA/CONATIVA

azione).

PARSONS: secondo lui spesso i valori si realizzano attraverso dei dilemmi=lui ne identifica 4 fondamentali e

stila una sorta di mappa dei valori socialmente riconosciuti(variabili,strutturali, ovvero i PATTERN

):

VARIABLES

1. =situazione in cui valgono caratteristike uguali x tutti o solo x qualcuno

UNIVERSALISMO/PARTICOLARISMO

2. =situazione in cui vale ciò ke si fa(prestazione) e ciò ke si è(qualità)

PRESTAZIONE/QUALITA’

3. =situazione in cui si sceglie di tenere da parte il coinvolgimento

NEUTRALITA’ AFFETTIVA/AFFETTIVITA’

emotivo e dall’altro lo si esprime

4. =discorso sui ruoli, differenze tra ruoli specifici e ruoli diffusi

SPECIFICITA’/DIFFUSIONE

RUOLO SPECIFICO=aspetti definiti della personalità(operaio,impiegato).

RUOLO DIFFUSO=aspetti totali delle persone(madre,padre).

NORME=sono imperativi,obbligazioni, + specifike dei valori. La loro efficacia dipende dalle diverse sanzioni ke

dall’autocoscienza e senso di colpa) ed esterne(da specifici organi x il controllo

possono essere interne(derivano

e applicazione regole)

- :generano l’attività(regole dei giochi)

POSITIVE

- :regolano l’attività ke già esiste(sono la maggior parte così).

REGOLATIVE

DISTINZIONE NORME IN BASE AL:

- CONTENUTO

- =

FORMALIZZAZIONE

=emanate da ki si presuppone abbia il potere(con sanzioni);

1. STATUITE

2. CONUETUDINARIE

Un insieme di norme PROGRAMMATICHE forma un’istituzione.

GRADO DI ISTITUZIONALIZZAZIONE: INTENSITA’ SANZIONI e GRADO INTERIORIZZAZIONE

DELLE NORME(delle persone).

CONCETTI:sono le proposizioni descrittive della realtà ke i soggetti utilizzano x organizzare cognitivamente la

loro esperienza; sono espressi col linguaggio.

CREDENZE POSIZIONALI(concetti):identificano 1 sola proposizione, ha significato univoco.

CREDENZE SEMI-PROPORZIONALI(concetti):hanno molte interpretazioni,significato vago.

CONCETTO DI CULTURA COME LOGICA CLASSIFICATORIA.

virtù di una convenzione) e analogici(in grado di evocare una relazione fra un

SIMBOLI: sono convenzionali(in

ogg. concreto e un’idea astratta). Hanno un forte carattere intersogettivo poikè sono condivisi da un gruppo

sociale(es. croce); fanno parte della dimensione implicita della cultura.

SOCIETA’ E CULTURA: la cultura si può analizzare come variabile dipendente dalla struttura sociale; ora

l’attenzione della sociologia si sposta dallo studio della genesi di cultura all’analisi degli effetti della cultura

come variabile indipendente.

SCHEMA: SI NO

SI INFLUENZA DETERMINISMO

RECIPROCA CULTURALE

DETERMINISMO AUTONOMIA

SOCIALE

NO

Oggi la tendenza è quella di considerare un rapporto di reciproca influenza tra cultura e società.

SOCIALIZZAZIONE: termine usato da Durkheim; è il processo mediante il quale un individuo diventa un

essere sociale e tramite cui la giovane generazione apprende dalla precedente modi di

pensare,sentire,agire,norme,regole,valori,socialmente diffusi. Si ha una trasmissione,conservazione e

cambiamento culturale. Molto complesso poikè si realizza a diversi livelli, si ha:

- TRASMISSIONE

- INTERGENERAZIONE

- (opera mediante istituzioni come chiesa,famiglia,scuola);

ISTITUZIONALE

processo di formazione personale, la persona diventa un essere sociale e morale dotato di propria identità. Non

ha mai fine qst processo; può essere:

:riguarda l’infanzia e l’apprendimento delle conoscenza base come il linguaggio (l’agente è la

PRIMARIA

famiglia). :riguarda l’adolescenza e l’età adulta e l’apprendimento di ruoli specifici.

SECONDARIA

RITI DI PASSAGGIO: in molte società i passaggio dalla socializzazione primaria alla secondaria è segnato da

riti,cerimonie,istituzionalizzati e obbligatori(GENNEP=studiò questi riti nelle società tribali, spesso dolorosi con

riti di separazione e aggregazione). Oggi questi riti sono in crisi e privatizzati a causa della moratoria

psicosociale della giovinezza(balli di debutto,adii al celibato).

MORATORIA PSICOSOCIALE(ERIKSON): una condizione di indeterminatezza dei ruoli ke riguarda vita

sociale e privata(posticipare formazione di una propria famiglia e l’ingresso nel mondo del lavoro). Oggi si parla

di giovani-adulti.

BLUMER: internazionalismo simbolico.

MEAD: teoria della socialità della mente; teoria integramente sociale del sé(si forma nella relazione con gli altri,

è un prodotto sociale).

COOLEY: idea del sé specchio(cooking-glass self); lo specchio indica l’immagine del sé ke proviene

dall’esterno; lo specchio è come uno strumento sociale ke ci fa vedere l’immagine ke gli adulti hanno di noi.

Correlazione fra i giudizi ke uno ha di sé rispetto a quello ke gli altri gli attribuiscono. Crediamo spesso ke gli

altri ci tengano in considerazione di + di quanto sia in realtà.

ROSENGBERG: tendenza a credere ke gli altri ci vedono esattamente come noi vogliamo essere

visti=distorsione egocentrica.

CARATTERISTICHE DEL SE’:

- : il sé è un’entità riflessiva, è sia soggetto ke oggetto; si distingue dall’organismo biologico e

RIFLESSIVITA’

non è l’anima. La riflessività avviene non con l’introspezione ma attraverso il linguaggio. L’individuo si mette al

posto degli altri=oggetto a se stesso(si guarda attraverso gli occhi dell’altro). Il linguaggio veicola simboli

significativi diversi dai gesti non coscienti, non implicano interpretazione.

COMPONENTI DEL SE’:

- =(osservato) è la parte sociale del self, l’ogg. Ke è osservato dagli altri, rappresenta l’accettazione del ruolo

ME

degli altri, è parte passiva.

=(ke fa da osservatore) è la parte attiva, il soggetto, è riflessivo poikè riflette sul me, è la risposta al me; è la

- IO

dialettica tra sociale(me) e individuale(io) da cui deriva l’identità dell’individuo ke è il self.

DINAMICHE DI COSTRUZIONE DEL SE’: (in tutte e due le fasi il bimbo riproduce il suo sé)

- =(a 2 anni, fase del gioco semplice) giochi semplici basati sull’imitazione; è un agire privo di significato

PLAY

poikè il bimbo imita l’altro ma non è capace di assumerne il ruolo. Ora l’interazione del bambino è lui stesso, il

suo sé.

- =(fase del gioco collettivo organizzato)il bambino si mette in relazione con i ruoli di altri bambini-

GAME

giocatori e deve essere capace di prevenire le mosse dell’altro ke diventa una sorta di specchio globale.

Dunque l’interazione porta allo sviluppo di un altro generalizzato.

COLLINS: immagine della scacchiera x rappresentare il sé; l’io e l’altro generalizzato. Il sé sono le pedine, l’io è

il giocatore e l’altro generalizzato è la lampada ke illumina la scacchiera.

DIMENSIONI DELL’IDENTITA’: sono 3 e permettono di collocarsi,agire e integrare l’esperienza della vita.

- =l’individuo è capace di collocarsi in un particolare contesto e in altri ke lo rendono simile agli

LOCATIVA

altri(processo di identificazione), così l’individuo si riconosce negli altri. Qst dimensione ha bisogno di un

pubblico ke aiuti le persone a collocarsi.

- è scarsamente indagata; è una concezione di identità come principio regolativi

SELETTIVA O CONATIVA=

dell’azione, mette in relazione identità e azione.

- = l’individuo collega le dimensioni passate, presenti e future x mantenerle nel corso del tempo, è

INTEGRATIVA

il senso della continuità del proprio sé.

PARADIGMA DEL CONDIZIONAMENTO(Parsons)

PARADIGMA DELL’INTERAZIONE(Mead)

SOCIALIZZAZIONE: processo definito da un brusco passaggio tra socializzazione primaria e nuovi modelli di

comportamento e valori.

SOCIALIZZAZIONE ANTICIPATA: l’individuo apprende e interiorizza norme e valori di un gruppo sociale al

quale desidera appartenere(gruppo di riferimento=Merton).

TIPOLOGIA DI INTERPRETARE RAPPORTO SOCIETA’/CULTURA:

4 modelli incrociando modo attivo o passivo di intendere l’azione sociale e l’emergere delle forme culturali.

ASSOCIAZIONE STRUMENTALE

ATTIVO INTERAZIONISTA STRUMENTALE

(COLLINS) (HECHTER-OPP)

FUNZIONALISTA (DURKHEIM- CASUALISTA

PARSONS) (MARX-FREUD-PARETO)

PASSIVO

GRUPPO DI RIFERIMENTO(HYMAM): contrapposto a gruppo di appartenenza(in-group e out-group). Il

gruppo di riferimento è un modello ideale ke l’individuo prende come es. x valutare il proprio

agire(Merton=cittadinanza sociologica al concetto di gruppo di riferimento; teoria dei gruppi di riferimento).

Spesso un individuo fa parte di un gruppo ma ambisce ad entrare in un altro gruppo migliore e ciò avviene con la

socializzazione anticipata= processo attraverso cui l’attore interiorizza i valori e le norme del gruppo in cui vuole

entrare. Es. il mondo del lavoro e della pubblicità commerciale(un operaio a cui offrono promozione si

comporterà in modo diverso; la pubblicità dei paesi ricchi in quelli poveri può favorire l’emigrazione).

PRIVAZIONE RELATIVA: sentimento dell’individuo ke si sente disagiato, insoddisfatto rispetto a un gruppo +

agiato; nasce senso di frustrazione dal confronto con altri soggetti o gruppi + vantaggiati.

EMERGERE DELLE FORME CULTURALI: ce ne sono 4 e derivano dall’incrocio del:

-modo(attivo o passivo)= di intendere l’attore sociale

-modalità di produzione della cultura=somma delle azioni individuali e gruppi

la cultura emerger x:


PAGINE

20

PESO

144.85 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei fenomeni sociali e dei processi organizzativi
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher trick-master di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di sociologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Pacelli Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze dei fenomeni sociali e dei processi organizzativi

L'incontro interumano nella modernità
Esercitazione