Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

del linguaggio analogico, che per la forza percettiva con cui sono

recepiti, rappresentano gli elementi di maggiore forza in una

situazione comunicativa faccia a faccia . Per ciò che riguarda da

mimica facciale essa connota in modo diretto ciò che si vuole

trasmettere a livello comunicativo, la faccia quindi diventa il più

importante canale della nostra espressività attraverso cui si

trasmettono messaggi di diversa natura e a un diverso grado di

consapevolezza (pallore o rossore, difficilmente gestibile dal

soggetto). Anche il modo di muoversi rappresenta una fonte di

se4gnali analogici attraverso cui si manifestano i propri stati

emotivi e i tratti della personalità . Per quanto la struttura corporea

sia frutto del patrimonio genetico, è pur vero che il corpo stesso è

modellato dall’uso che ne facciamo e dalle posture che più

frequentemente assumiamo. Un altro importante veicolo della

comunicazione analogica è costituito dalla gestualità che in

particolare per i popoli mediterranei rappresenta un elemento di

supporto e rinforzo del linguaggio verbale con il quale agire in forte

interconnessione e sintonia. La gestione dello spazio inoltre incide

in modo sostanziale in tutti i processi comunicativi, giacché la

distanza che s’interpone con gli interlocutori è esplicativa in base al

tipo di comunicazione che s’intende condurre. Secondo la scienza

della prossemica le sfere dello spazio (intima, personale, sociale,

pubblica) vengono gestite da ciascun individuo in relazione hai

contesti comunicativi in cui si è coinvolto e in base agli scopi che ci

si prefigge, quindi una pur se limitata violazione di tali limiti può

essere percepita come sorta di violenza o minaccia attivando

pertanto nel soggetto dei meccanismi reattivi sia psicologico sia

cosciente. Pari importanza assumono i segni paralinguistici,

attraverso cui si attua l’espressività verbale umana, in larga parte in

modo inconsapevole, ma comunque sempre in maniera conforme

alle situazioni comunicative. Il piano delle relazioni, in una’azione

comunicativa interpersonale è dunque attivato dai messaggi

analogici che in larga parte rappresentano il linguaggio delle nostre

emozioni, che sia a livello personale e sociale, occupano una

dimensione centrale nei processi di significazione comunicativa.

Pur se basate su meccanismi fisiologici innati, le emozioni

assumono una dimensione sociale in quanto, sono incapsulate

all’interno di una serie di schemi a valenza normativa che ne

condizionano e ne regolano la grammatica espressiva. In questo

senso quindi rappresentano il motore di ogni comportamento

umano e di conseguenza di ogni azione comunicativa.

CONOSCENZA SOCIALE

L’organizzazione della conoscenza osservata dalla prospettiva delle

rappresentazioni sociali, rimanda alla concezione culturalista della

conoscenza secondo cui i sistemi simbolici di cui, gli esseri umani si

servono per elaborare e scambiare conoscenze, sono già presenti

nell’ambiente sociale perché costituiscono la cultura condivisa e il

linguaggio. Lo sviluppo della mente non può non essere

immaginato, calato all’interno del sistema di simboli e significati

condivisi da una certa comunità culturalmente definita. Non è

possibile immaginare una mente senza una cultura di riferimento, la

quale modella le menti degli i8ndividui che a loro volta la utilizzano

e ridefiniscono tutte le volte in cui devono dare significato alla realtà

che li8 circonda. La realtà sociale è il risultato dell’interazione tra il

dato fenomenico, l’azione del soggetto e le categorie concettuali

utilizzate per interpretarla e darle un senso. Conoscere il mondo

significa intervenire su esso anche solo attraverso l’azione del

conoscere, per ricondurlo all’interno di costrutti mentali la cui

origine è appunto prevalentemente sociale. E’ ciò che conta non è

tanto che le conoscenze contengono la verità, quanto piuttosto che

la nostra conoscenza sia in linea con il senso comune, con

quell’insieme di certezze tacite e indubitabili che ciascun elemento

condivida con i suoi simili. Ciascun individuo quindi, nel momento

in cui condivide con il gruppo di appartenenza, simboli, segni e

significati che altri prima di lui hanno condiviso, trova una sorta

comune di facilitatore cognitivo, una strategia attraverso cui la

realtà viene semplificata e quindi facilmente comprensibile.

COMUNICAZIONE E CONOSCENZA

La comunicazione non è una semplice trasmissione d’informazioni,

bensì è un’azione complessa e dinamica, un processo di costruzione

di significati, il cui presupposto è la condivisione dei codici, da

quello linguistico a quello analitico. Essa è fondamento della

conoscenza, intesa come quel bagaglio di esperienza, saperi che ci

aiutano a comprendere la realtà, a interpretarla per elaborare una

rappresentazione del mondo. Ma se da un lato la conoscenza

diventa il prodotto della comunicazione, nel senso del rapporto che

si genera tra un testo e il significato che l’attore sociale ne dà di esso

in base alle sue esperienze o dal suo interesse, essa è determinata in

larga misura dal diverso grado di coinvolgimento del fruitore. Il

coinvolgimento a sua volta non dipende soltanto dalle motivazioni

soggettive dell’attore sociale ma anche dalla capacità deduttiva del

testo e dalla situazione situazionale. I diversi livelli di

coinvolgimento consentono il passaggio dalla semplice percezione

all’interpretazione del testo. Ecco che l’interconnessione tra

comunicazione e conoscenza appare chiara attraverso due processi

dell’encoding attraverso cui l’attore sociale organizza le sue

conoscenze per mezzo dei codici, e del decoding, processo attraverso

il quale l’attore sociale interpreta, cioè dà significato ai messaggi

comunicativi che riceve. Ma il processo di decodifica pur se

condizionato dal coinvolgimento esso è attivato dagli schemi

cognitivi di cui si è in possesso e che rappresentano quelle strutture

cognitive che svolgono molteplici funzioni nel passaggio dalla

percezione alla decodifica. Essi infatti, guidano l’organizzazione

della conoscenza, in quanto rappresentano una sorta di definizione-

interpretazione riconosciuta e accettata dal proprio gruppo sociale,

che può differire da soggetto a soggetto solo negli elementi più

connotati emotivamente, lo schema inoltre generalizza

l’osservazione collegandola appunto agli schemi cognitivo - emotivo

soggettivi, richiamando emozioni e sentimenti . Lo schema serve da

guida per l’osservazione successiva. Gli schemi cognitivi


PAGINE

11

PESO

65.19 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e sociali
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher trick-master di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia della Comunicazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Cepernich Cristopher.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze politiche e sociali

Sociologia dell'educazione - Appunti
Appunto
Mill riassunto: La libertà, L'utilitarismo, L'asservimento delle donne
Appunto
Riassunto esame di Sociologia, Prof Olagnero, libro consigliato Corso di Sociologia, il Mulino
Appunto
Riassunto esame Scienza politica, Prof. Caponio, libro consigliato:Manuale di scienza politica, il Mulino
Appunto