Che materia stai cercando?

Semiotica generale

Appunti di Semiotica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Leone dell’università degli Studi di Torino - Unito, facoltà di Lettere e filosofia, Corso di laurea in scienze della comunicazione. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Semiotica docente Prof. M. Leone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

mi fanno andare avanti nella vita, si possono costruire dei simulacri mentali che ci impediscono di

vivere. Abito Interpretativo ovvero dei comportamenti di routine. Come collettivamente

condividiamo degli abiti interpretativi? La semiotica cerca di rispondere a questa domanda

formulandalo attraverso un testo i cui i segni vengono accumunati per raccontarci qualcosa.

Possiamo scegliere un'interpretazione di un testo rispetto a tutte le altre? Scegliere è fondamentale

in tutte le circostanze di urgenza o di professionalità. Il giornalista ha di fronte la realtà e rispetto

doveva configurarli all'interno di una realtà. Semiotica interpretativa quando interpretiamo la realtà

noi non siamo mai da soli e non interpretiamo mai da soli e sono guidati da abiti interpretativi fino a

che non siamo diventati membri di una comunità di interpreti. Noi condividiamo una certa comunità

di interpreti che condivide dei contenuti ma una certa ragionevolezza. Differenza tra razionalità e

ragionevolezza. Ragionevole una valutazione rispetto alla quale si è costruito un accordo non

soggettivo e ne oggettivo ma un accordo intersoggettivo.

Umberto Eco distingue tra intentio auctoris ed intentio lectoris ciò che un lettore di un testo ritiene

che le stia comunicando, ovvero il modo in cui ciascuno di noi può immaginare significhi o

comunichi e tra queste possono essere bizzarre. Tra l'intentio auctoris e l'intentio lectoris vi è

un'altra intentio ovvero intentio operis(che è quella che interessa alla semiotica) che è l'insieme

delle strutture testuali che progettano una certa interpretazione di se.

LEZIONE 17.02.17

è nel telefono

LEZIONE 23.02.17

Canale YouTube Lexia

quando il rapresentamen viene messo in relazione con l'oggetto, questa relazione sceglie sempre

qualcosa all'interno dell'oggetto, noi cerchiamo sempre una distinzione ontologico, un oggetto

immediato che è un oggetto nell'ontologia delle cose, conosciamo l'oggetto dinamico il quale poi

viene rappresentato attraverso questa relazione che è mediata indiretta. Distinguiamo secondo la

rappresentazione di semiotica di Perce tre segni: Indice, ogni segno nel quale la relazione sia di

contiguità fisica o causale nello spazio tra due corpi, classico esempio di indice è il Fumo come

indice del fuoco relazione causale il fumo è la causa del fuoco, anche la firma può essere un indice,

in quel momento spazio x e tempo y noi abbiamo prodotto una contiguità fisica tra noi e il foglio.

Arbitrarietà del linguaggio verbale che non è motivato, la parola gatto è un segno motivato? Perchè

dovremmo utilizzare questa parola e non un'altra. Langue e Parole(in francese) langue è il deposito

di forme sociolinguistiche, Parole è l'uso personale delle forme socialmente condivise. Non siamo

noi a decidere il modo in cui cambia la lingua, ma la possiamo influenzare in maniera intenzionale

non ci accorgiamo di questo cambiamento, ci accorgiamo che la Langue è cambiata quando

invecchia quando si viene a contatto con una produzione linguistica storica. Il congiuntivo per

esempio sta scomparendo perchè viene utilizzato sempre di più l'imperfetto, cosa si è perso con la

scomparsa del conguintivo? Il fatto che grammaticamente non sia corretta ma dal punto di vista di

efficacia in quanto si collega al verbo epistemico un indicativo perchè sono convinto al cento per

cento di quello che dico oppure anche l'immediatezza si arriva subito al pubblico. Noi non possiamo

decidere autonomamente di cambiare la Langue cambia da sola e noi non ce ne accorgiamo,

Saussure lo esprime con una metafora come quella dei cambiamenti geologici. Noi attingiamo alla

langue per costruire la parole, quando siamo liberi nel creare la parole, Roland Bart diceva che la

Langue è un pò fascista, che tipo di costrizione c'è? Seguire la grammatica, attenerci ad un contesto

ed attenerci ad un lessico. Dobbiamo attenerci alla sintassi, alla semantica e alla pragmatica.

Sintassi: parte dello studio del linguaggio dal punto di vista delle regole. Semantica: branca degli

studi linguistiche si riferiscono al mondo ed hanno un significato. Pragmatica: modo in cui

possiamo ottenere degli effetti sul mondo. Tripartizione che si riferiscono a C. Morris. Che tipo di

costrizione semantica abbiamo per creare la nostra parole? Usare le parole

pragmatica? Tecnoletto varianti linguistiche costrittive nei confronti dei parlanti perchè ciò che

conta è di veicolare un segmento della realtà.

Si può giocare con la Langue? Con la produzione artistica come i poeti che sono i più liberi, gli

scrittori (i prosatori) che devono farci capire cosa è possibile, i comici, i bambini nel campo della

comunicazione i pubblicitari vogliono produrre degli effetti di attenzione. Ci siamo arrivati per dire

che queste costrizioni nella Langue le abbiamo per una motivazione ma cosa c'è di motivato nella

lingua madre che parliamo? Le onomatopee sono parzialmente motivate ma quando scelgo una

parola lo faccio adottando un sistema di suoni, che sono comunque delle regole arbitrarie. Saussure

ci dice che quasi tutto nella lingua è arbitrario. Tra la scelta di nomi per un elefante tra pic e poc si

sceglierà poc perchè vi è una Relazione Fonosimbolica. Molte delle culture antiche avevano una

concezione etnocentrica perchè gli unici suoni conosciuti erano quelli della propria lingua e quindi

negavano le altre lingue, o anche tutte le volte che c'è un conflitto etnico come quello della bosnia si

tende ad etichettare un sistema linguistico più articolato di un altro. Oppure ci sono delle

connotazioni linguistiche anche per le lingue naturali, come per esempio il tedesco.

Il secondo segno per Perce è l'Icona tipo di segno nel quale persiste una relazione di somiglianza tra

rapresentamen ed oggetto, questa relazione è basata sulla somiglianza, quale tipo di segno possiamo

evocare per evocare questa seconda categoria? Quale tipo di segno possiamo utilizzare? es.

Fotografia funziona come un indice o come un'icona? Funziona come un indice sia come icona.

Plinio il vecchio racconta una storia di un vasaio che aveva una figlia con un compagno che deve

partire, la figlia è molto triste, il vasaio decide di tracciare nel muro il profilo del compagno in

modo che la figlia possa vedere sempre il suo amante, è così che plinio racconta il mito della

pittura, perchè la nascita della pittura dovrebbe essere raccontata in questo modo, che rapporto c'è

tra questo mito e la foto del nostro profilo facebook? Ci dice che la nascita della cultura della

rappresentazione del volto nasce dall'assenza e si ricorda tipo una persona attraverso un segno sia

dal punto di vista indicale che iconico, il volto riesce in qualche modo a colmare un vuoto, il

tracciato del profilo è la motivazione stessa.

La terza categoria di Perce è il simbolo: simbolo di pura convenzionalità immotivata,

convenzionale.

Non esistono quasi mai delle icone, simboli o indici puri ma ci sono delle combinazioni che

emergono in maniera predominante, il fumo come il fuoco, indicale ma ci sono dei gruppi umani

che comunicano con il fumo.

Attraverso un codice abbiamo bisogno di una serie di regole molto complicate ed è difficilissimo

crearlo perchè non è possibile creare una lingua perfetta perchè non è possibile creare una lingua

complessa se non quando vi è interazione tra esseri. Quando si crea un codice creaiamo un piano del

significante (puff) significato (caffè). Saussure ci parla di un Asse Sintagmatico ovvero che la

lingua naturale ha una sua linearità e le giustappongo nel tempo perchè dicendo delle cose prima o

dopo io do un certo significato. Lo posso avere anche in altri sistemi di segni come il cibo .

0 posizione: aperitivo

1 posizione : antipasto

2 posizione: primo ( pasta/riso/zuppa intervengono nel paradigma non nel sintagma – molto forte)

3 posizione: secondo/contorno solo nel caso del pranzo matrimoniale abbiamo carne e pesce e

dunque slitta nel sintagma e il sorbetto tra il pesce e la carne che è una regola paradigmatica.

4 posizione: dolce

5 posizione: frutta

6 posizione: caffè

7 posizione: amaro

tutto ciò nell'asse del sintagma orizzontale, nell'asse del paradigma verticale.

In altre culture funziona in maniera diversa, funziona nella sincronia non c'è l'idea che terrorizza gli

stranieri in italia, è tutto nello stesso posto. Se si va nei ristoranti italiani in Cina si vuole che il

pasto però si adatti alla grammatica cinese.

Esiste un sintagmatico vestimentario? Proviamo

mentre si compone il mio sintagma gastronomico in una dimensione temporale, mentre per i vestiti

lo compongo in un sintagma spaziale costruito sul mio corpo.

In tutti i sistemi di segni che ci circondano possiamo riconoscere un asso del significante e del

significato ma anche un asse del paradigma e un asse sintagmatico. Semaforo: elemento significante

principale è la posizione dei colori rosso in alto, giallo al centro, verde in basso. Significato verde:

procedi, rosso fermati, giallo rallentare progressivamente. Come si compone l'asse del sintagma del

sistema dei segni del semaforo ci sarà prima un verde poi il giallo e poi il rosso ed è un asse del

sintagma ripetitivo

LEZIONE 24.02.17

Hjelmslov padre della glottomatica, la descrizione di segno che si utilizza nella semiotica avanzata

è questa di Hjelmslov che parla di espressione e contenuto, il segno deve essere costituito da questi

due piani Espressioni e Contenuto. Qual è la differenza tra il segno in Hjelmslov e il segno di

Saussure? Il primo porta avanti l'iniziativa di Saussure, scompare l'idea che la mente abbia un

qualche ruolo. La cosa interessante è che egli distingue non solo i due piani ma distingue all'interno

di questi piani tre livelli che chiama strata che è una parola latina che significa livelli, sono

simmetrici e sono Materia, Forma e Sostanza per entrambi. Cosa vuol dire? Che sono costituiti

attraverso la dialettica di questi tre strata. La materia è molto astratta ma si può spiegare con un

episodio da bambino i genitori lo abbandonavano in spiaggia con i giocattoli per bambini le

cosidette formine di plastica come quella a stella, veniva fuori una stellina sulla spiaggia, secondo

Hjemslov noi abbiamo una materia informata senza forma, la lingua che abbiamo appreso dalla

nostra età ci forniscono l'equivalente della materia formata, ciò che viene fuori è la sostanza.

Quando io parlo quale tipo di materia ancora informe articolo? La materia della mia comunicazione

orale non sono i suoni ma è l'aria che si fa passare attraverso il mio apparato fonatorio, che

modulando il flusso dell'aria riesco a modulare la voce. Materia aria, Forma Apparato fonatorio,

Aria Formata. Espressione: quando io scrivo alla lavagna qual è la materia del piano

dell'espressione io utilizzo la luce che è la materia astratta che io articolo costruendo

un'opposizione cromatica per trascrivere una versione scritta alla lavagna.

Anche la danza è un linguaggio e attraverso questa possiamo raccontare delle storie, qual è la

materia dell'espressione della danza? Il corpo, la danza prende un corpo come materia informe ed

articola questo corpo a seconda e seguendo un determinato codice che diventa parte di noi ed è il

modello di segno che ci serve. Materia, forma e sostanza per il piano del contenuto. Materia del

piano del contenuto della lingua italiana?

Es pasta negli stati uniti si chiama Spaghetti, il quale campo semantico è meno articolato rispetto a

quello italiano, c'è una famosa ipotesi di Sapir che dice che il mondo attraverso cui articoliamo la

realtà è il linguaggio. ( soc. Della comunicazione lezione 23.02) le lingue servono a costruire delle

culture e costruiscono delle articolazioni semantiche che ciascuno apprendono attraverso la prima

comunicazione.

Attraverso quale campo semantico della cuginanza ? Numero e genere, maschile e femminile. Cosa

succede quando io traduca dall'italiano all'inglese, ho solo la distinzione numero e non quella del

genere. Le differenze tra campi semantici sono molto importanti per i traduttori soprattutto per

quelli che si trovano ad organizzare una campagna pubblicitaria. La materia del piano del contenuto

è tutto ciò che una cultura può articolare attraverso la sua lingua, come il campo semantico della

pasta, la forma è il modo in cui una certa cultura ci spinge ad articolare questo pensabile in un modo

piuttosta che in un altro, la sostanza non è altro che l'effetto dell'articolazione del pensabile.

Si cerca il vintage il passato è orribile, il passato è da dimenticare, è l'unico tempo che declina il

presente. Quando dura il presente? Ci sono fenomeni che durano pochissimo altri che muoiono

appena nascono. Storia del presente: figura retorica come un chiasmo. Si parla di Storia del

presente su due piani: la storia sostituita dalla memoria, per conoscere il non trapassato. Un

grandissimo storico Charles Le Golf: come tagliano gli storici? Dove c'è il medioevo? Il

rinascimento? Ma dov'è il presente? Sapete come dicevano i romani kash? Pecunia presens, il

presente è vincolato alla presenza e non è esperienza esplicita, il presente si oppone al passato ed un

tempo verbale con manifestazione attuale sul presente. Nei racconti c'è uana cosa bellissima perchè

non si sa mai quando ieri non si sa mai se è un giorno presente. Si pensa che quando ci

raccontavano i racconti: Once Upon a Time si pensa sempre che possa essere un problema di tempo.

I bambini sanno che in realtà i cani non parlano ma nei racconti si; c'è un mondo in cui si declina un

tempo che non si sa quando dura. Sant'Agostino dice che esiste solo il presente ma ormai dov'è il

presente? È qualche dato che è scomparso. Perchè ci facciamo i selfie? La storia ci dice che posso

gestire e controllare la mia rappresentazione per essere io il controllo. Umberto Eco dice "hai visto

che nessuno si piace nella carta d'identità? Uno vuole apparire come vuole per lasciare impronte in

un mondo senza fantasia. Facendo cose fondamentali come guarda come sono, facendo un nuovo

mondo abbiamo bisogno di contribuire al presente. Ma tentiamo di andare avanti, perchè la storia si

vendica della memoria? Sono spariti i monumenti dell'800 si ricordava una specie di monumento

per ricordare quell'evento che ha evitato un monumento perchè incapace di mantenere l'identità. Se

vediamo i monumenti sono identici non ci sono monumenti agli eroi ma alle vittime che hanno il

diritto di mostrare ciò che è accaduto. Il presente è la presenza di impronta in quel momento. Perchè

allora parliamo di aspetto? L'aspetto è una categoria del verbo, aspetto (metafora) il problema è

quello che ci ha permesso di fare delle proposte sintattiche. In spagna ci sono nazionalismi, chi è il

nazionalista? Sono o sono stato qualcosa prima? C'è stato qualcosa prima, ma se parliamo di moda

non si può capire se c'è stato qualcosa prima, se ci sia stato un inizio, i nazionalisti si. Quando si

l'aspetto l'esempio per eccellenza può essere quello dell'ubriaco in un bar che fa delle cose in un bar,

non possiamo sapere chi è stato come si comporta un ubriaco se ripete sempre le stesse cose con il

ritmo. Quando finisce un ubriaco non si sa, l'ubriaco non si sa se morirà, dura quello che dura, come

il fatto della popolarità. Vi sono delle culture destinate solamente alla fine che guidano tutto alla

fine e giustificano una temporalità nell'esclusivo. Come si esporta questo a culture contemporanee?

Se si parla con un nazionalista doc si ci renderà conto che questo parlerà del passato difendendolo

non parlerà mai del presente e del futuro.

Mass media: il presidente Trump si è riunito con un team per vedere come spendere i soldi, hanno

usato i Big Data delle serie tv come The Walking Dead come se rispecchiasse il suo operato e il suo

programma infatti alla fine delle serie tv si alza un muro. Il problema del presente è che un

momento specifico, non è solo qualcosa che viene rotto ma la possibilità di certi ritmi che non ha

solo una pecularità di un'attività spaziale e quindi l'idea della presentificazione del presente anche

con caratteristiche del futuro come un altro mondo, un'utopia qualcosa che da senso al nulla, si può

fare la storia del presente non essendo contemporaneo. Il problema è fare del presente come

qualcosa che dura in uno spazio limitato. Es: Coco Chanel ha fatto qualcosa di incredibile, il lavoro

della stilista è solo per il look perchè esso rimane, guardando gli abiti di Chanel si riconosce il

futuro. Qual è il problema del classico? Simmel dice che bisogna fare un monumento per fare un

eterno presente, il problema è la pochissima possibilità di fare le forme. Questo perchè non

tendiamo di vedere un pò oltre la dimensione di senso basta riferire storia e presente.

Cosa sono i Big Data? Sono tutte le notizie che ci circondano? Perchè devo sapere tutto ciò che fa

Renzi? O perchè devo conoscere il prezzo della maglietta di Renzi? Big Data. Qual è l'arma della

semiotica? La rilevanza e la pertinenza. Se due sono in un bar a bere del Whisky non è necessario

che il bicchiere sia di vestro o di plastica ma per un bar Western è pertinente che questo sia di vetro.

Se per i Big Data ha bisogno di informazione facciamo una dieta dell'informazione, riduciamo

l'informazione solo alla pertinenza, non che abbia tutto perchè tutto non vuol dire niente. A noi non

ci interessano i tweet ma i segni: segnale intellegibile con il senso.

LEZIONE 02.03.17

Doppia articolazione: il linguaggio verbale è costituito da più livelli in modo tale di poter costruire

un numero infinito di enunciati sulla base di un numero finito di elementi. Per quello che si sa non

ci sono altre specie viventi funzionano alla stessa maniera nostra. La zoosemiotica studia la

significazione umana, biosemiotica è quella che cerca di capire come la cultura o la natura sia

interessata dalla semiotica. Danza delle api. Suoni prodotti dai delfini. La prima articolazione

riguarda le unità minime del piano dell'espressione che sono dotate di significato vengono chiamati

morfemi o monemi che si combinano in parole, che si combinano in frasi che si combinano in

enunciati che si combinano in testi, che si aggrefano in serie, che costituiscono culture. Esempio Il

nome della Rosa, nelle postille sul nome della rosa umberto eco dice che voleva assassinare un

monaco, poi dovevo scegliere un tempo e un luogo, sceglie il XIV secolo in un monastero che si

ispira molto al paesaggio piemontese. Una volta scelto il tempo, il medioevo, e il luogo la biblioteca

io non posso più sentirmi libero di inventare qualsiasi cosa perchè ho delle costrizioni.

Scomposizione del lessema giocavano nel monema gioc che designa l'attività ludica nel morfema av

che indica il tempo verbale e nel morfema ano il numero verbale.

Lessema Ritornerai. Monema torn, indica qualcosa che si avvolge a se stessa. Ri morferma

derivazionale prefisso, morfema er morfema è coniugato al futuro, ai mi indica la persona. Mi

consente di capire la struttura semantica.

La semantica strutturale di Greimas. La seconda articolazione è quella che attraverso cui unità del

piano dell'espressione sprovviste di significato si combinano tra loro per costituire unità della prima

articolazione vale a dire morfemi e monemi. Le unità della seconda articolazione si definiscono

fonemi (i suoni che una certa lingua naturale seleziona e adotta per costruire i suoi monemi) o

grafemi( i tratti grafici con cui i monemi o morfemi sono riprodotti nella rappresentazione grafica di

lingua naturale)

es. lessema: Sovrascriverei. Monema scriv, morfemi er che indica sia il condizionale che il futuro,

ei che ci indica che siamo di fronte alla prima persona condizionale, sovra che utilizziamo come

morfema prefisso. Quali sono i fonemi presenti? S-o-v-r-a-s-c-r-i-v-e-r-e-i. Qual è lo scopo della

fonologia? E la fonetica?

È lo studio generale dei suoni producibili all'apparato fonatorio umano; la fonologia è lo studio

particolare del sistema di suoni che una determinata lingua adotta per costruire il piano

dell'espressione dei suoi enunciati. La lingua italiana utilizza circa 31 fonemi per costruire la sua

seconda articolazione. Il pionere della fonologia è Trubeckoj che definì i procedimenti per

determinare i fonemi e distinguere le loro varianti. Secondo la sua teoria ogni fonema all'interno di

un sistema fonologico può essere definito come un insieme di particolarità fonologiche pertinenti

che l'oppongono a tutti gli altri. (dimostrazione scientifica dell'intuizione di Saussure secondo cui

nella lingua ci sono soltanto differenze). La poesia ci spinge a giocare con il linguaggio infatti il

linguaggio poetico ha la capacità di farci riscoprire le alternative del linguaggio o come un gioco

liberatorio. Tutti i messaggi che ci colpiscono quotidianamente ci trattano come soggetti liberi ma

sempre con la funzione di dover fare qualcosa. Il linguaggio poetico non vuole farci credere

qualcosa ma ci chiede solo di essere letta o di essere interpretare. Il testo pubblicitario ci tratta come

delle macchine che cerca di scoprire quel bottone dentro di noi. Il testo poetico ci da la libertà, la

semiotica immagina l'essere umano come essere umano capace di interpretare le alternative.

Chiamiamo le particolarità fonologiche tratti distintivi ovvero quelli che consentono di distinguere

due fonemi tra loro e all'interno del sistema fonologico di una certa lingua. Ad esempio, in italiano i

fonemi /p/ e /b/ si distinguono per un tratto distintivo che è la sonorità, che è detta fema.

Es: "casa" E lessema cas e un morfema a che ci dice che siamo in casa singolare

|cas| |a| C

prova di commutazione provo a vedere se ci sia un effetto sul piano del contenuto con r, ho un

alterazione totale del contenuto. Cosa succede se cambio il fema sul piano dell'espressione con Ch

della toscana nel piano del contenuto? La sostituzione di questo tratto non è un tratto distintivo dal

punto di vista di contenuto linguistico, ma solo distinguo il tratto sociolinguistico.

Es. Semaforo, sistema di segni che utilizza sul piano dell'espressione un senso di funzionamento del

semaforo, a questi elementi vengono collegati degli elementi dimostrativi. Cosa succede se voglio

scomporre in morfemi? Le unità che compongono il semaforo non sono scomponibili. Cosa succede

se applichiamo la prova di commutazione sul sistema semaforico? Non cambia nulla se cambiamo il

formato della luce invece di essere rotonda ha forma romboidale.

Grimas scrive che è difficile scrivere qualcosa di sensata sul senso. Perchè? Come dobbiamo dire

qualcosa sul senso? Quali strumenti utilizzo? Il linguaggio verbale per costruire un testo o enunciato

dotato di un certo senso e devo costruire un altro testo o enunciato il quale per essere spiegato ha

bisogno un altro testo che produce un altro testo, per una continua richiesta di cosa vuoi dire?

Utilizzo un metalinguaggio che è costituito da un piano dell'espressione o del contenuto pechè parla

del linguaggio sottostante. Esempio di metalinguaggio: la semiotica è un metalinguaggio, perchè

questa noiosa lezione? Perchè il modo che Grimas escogita è quello che vi sia un'isormorfia tra il

piano dell'espressione e del contenuto del linguaggio verbale che ipotizziamo il piano

dell'espressione del linguaggio verbale. Il senso è qualcosa di invisibile e dobbiamo studiarlo a

partire dalle cose che vediamo ed è quasi naturale pensare che non è altro che una struttura

affermata nelle articolazione del piano del contenuto.

LEZIONE 03.03.17

Cosa si fa quando interpretiamo un testo? Cerchiamo di attribuire un senso, ma su cosa ci basiamo?

Sulla conoscenza della lingua italiana, più ampia è la nostra enciclopedia più sapremo e facciamo

delle inferenze ovvero diamo delle conclusioni tramite deduzione: partire da una regola, un caso e

dare un significato, intuzione, raccolgo dei dati e do delle conclusioni. Ma vi è anche un terzo tipo

di inferenza che è l'abduzione, siamo rapiti da una conclusione e saltiamo ad una conclusione, è il

ragionamento più illogico ma anche quello più fantasioso. Di fronte ad un testo io formulo un

ipotesi su quale sarà il senso ultimo di questo testo. Grimas dice che quello che vogliamo scoprire in

un testo attraverso abduzione, vi è l'isotopia che deriva da isobara, perchè come una mappa

isobarica che ci consentono di predire il tempo, l'isotopia ci permette di trovare le linee isotopiche

di un testo, collegano i punti del testo in cui emergono gli stessi contenuti semantici, che li

analizzeremo sottoforma di semi. Ci ricorda anche il termine di femi, i semi contribuiscono a

costruire i sememi che sul piano del contenuto che contraggono una relazione autonoma con il piano

dell'espressione. sono li stessi dei fonemi. Ritrovando il modo in cui i semi sono contenuti in un

testo noi tracciamo un metalinguaggio che cerca di spiegare processi che guardiamo razionalmente.

Ci sono due tipi di successo nella comunicazione, conosciamo i gusti comunicativi e creiamo un

testo che soddisfaccia il pubblico, oppure creiamo un testo che non abbia un suo pubblico ma se lo

crea. Così nel mondo della comunicazione.

Punto di partenza è la scelta di un valore come nel caso nell'esercizio, quali sono i valori portanti:

connettività, trasparenza, comunione. Non possiamo però solo concentrarci solo nel valore astratto.

Secondo la semiotica strutturare è in seno ad un'opposizione. Ogni valore viene percepito in

contrapposizione con altri. Roberto Esposito, filosofo napoletano, ha studiato due valori che sono

comunitas e immunitas che sono due contrari, nelle società contemporanee si contrappongono due

macrotendeze che ci spingono una verso la comunitas e l'altra verso immunitas. Comunitas è la

comunicazione umana di cui io faccio dono della mia individualità e la faccio circolare all'interno di

una comunità, l'immunitas è quella di chiudersi verso l'altro.

Altro è il quadrato semiotico di Grimas il cui scopo è prendere una forte contrapposizione di valori

ed articolarla, trovando delle relazioni all'interno del quadrato.

LEZIONE CON ROYCO GONZALES

Funzioni documentarie e aspettualità nei fumetti. Lavoro sull'empirico abbiamo sempre un corpus

da analizzare quello che fanno i semiologi è prendere due concetti ed analizzarli. Il titolo è anche

una conclusione quelle delle funzioni documentari, lavoro fatto con un semiologo sardo, Marcello

Serra e Igor, fumetto non fiction lavoro sull'Ucraina e su la Russia, ricerca giornalistica e ricercare

com'era la vita per questi due. Prospettiva che qualunque testo può svolgereuna forma, secondo

quello che definiamo pertinente; se andiamo in un paese dove la domenica non si lavora, ma se

vediamo in un altro paese che la domenica si lavora cambia la pertinenza. Elenco di definizione del

documento che hanno qualcosa in comune, la prima definizione è solo una riga dove si dice che è

qualunque cosa per riconoscere qualcos'altro; come faccio uso di questa realtà qualunque. La


PAGINE

15

PESO

9.57 MB

AUTORE

Silxxxx

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Semiotica
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Silxxxx di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Semiotica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Leone Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Semiotica

Riassunto esame semiotica, prof. Ferraro, libro consigliato Fondamenti di teoria sociosemiotica, Ferraro
Appunto
Semiotica - comunicare è vivere
Appunto
Riassunto esame Semiotica, prof. Volli, libro consigliato Manuale di semiotica, Volli
Appunto
Riassunto esame semiotica, proff. Ferraro, dispense integrative del corso consigliate
Appunto