Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FORMA DI TRATTAMENTO

Per trattamento si intende un sistema ordinato di operazioni destinate a regolare la

rinnovazione del bosco. Le varie forme di trattamento si definiscono in base al modo

con cui si effettuano i tagli intercalari (durante lo sviluppo, TAGLIO RASO, TAGLI

SUCCESSIVI & TAGLI SALTUARI) ed i tagli di rinnovazione (A maturità, allo

scopo di favorire la rinnovazione).

TURNO

Il turno è il periodo di tempo che intercorre tra due utilizzazioni del soprassuolo

maturo. CONVERSIONE

Cambio forma di governo.

La forma di conversione è quella da CEDUO FUSTAIA

(la conversione FUSTAIA CEDUO è di norma vietata).

TRASFORMAZIONE

Cambio forma di trattamento.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

RINNOVAZIONE NATURALE

(spontanea)

La maggior parte delle foreste italiane si rinnova mediante rinnovazione naturale.

La rinnovazione naturale può avvenire mediante diverse modalità:

RINNOVAZIONE ARTIFICIALE

- Selezione della specie

- Selezione della stazione

- Preparazione della stazione

- Metodo di impianto

- Semina

- Sottoimpianto

- Eliminazione delle specie infestanti (competitive).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- OPERAZIONI DELLA SELVICOLTURA -

(TAGLI)

LE CONSEGUENZE APPORTATE DALLA SELVICOLTURA MODIFICANO NUMEROSI

CARATTERI DELL’ECOSISTEMA E DEL POPOLAMENTO ARBOREO:

– MODIFICA DELLA COMPOSIZIONE SPECIFICA

Si cerca di salvaguardare solo alcune specie o solo gli individui dominanti.

– MODIFICA DELLA DENSITÀ E DISTRIBUZIONE SPAZIALE

PRIMA | DOPO

– MODIFICA DELLA DIMENSIONE E FORMA DEI SINGOLI ALBERI

Le piante che rimangono in piedi, subito dopo il taglio crescono di più sia in diametro

che in altezza, dato che ogni pianta ha a disposizione più risorse.

– MIGLIORAMENTO DELLE CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE DEL LEGNO

La selvicoltura porta a fine ciclo solo le piante dominanti con migliore qualità del

legname.

– MODIFICA DEL CICLO DEGLI ELEMENTI E DELL’ACQUA

Con l’eliminazione delle piante, aumenta anche la superficie su cui la pioggia batte

direttamente al suolo, in questo modo non ha il tempo di essere assorbita, ma viene

persa per ruscellamento (suoli troppo scoperti) sottraendo anche parte degli

elementi nutritivi solubili in acqua.

– MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI CLIMA ALL’INTERNO DEL BOSCO

Con un taglio troppo marcato, si ha un’accelerazione di tutti i processi chimico/fisici,

dovuti al sole diretto che raggiunge il suolo:

- Calore: Escursioni termiche

- Umidità atmosferica: Maggiore evaporazione (perdita di acqua)

- Luminosità: con il suo aumento, si ha la scomparsa di specie sciafile e

l’aumento del grado di rinnovazione del bosco.

– MAGGIORE STABILITÀ NEI RIGUARDI DI AGENTI FISICI

(vento, fuoco, Insetti, Funghi, Malattie).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

I MEZZI DELLA SELVICOLTURA

L'attuazione di un intervento selvicolturale richiede una serie di indagini che

precedono la fase delle decisioni applicative.

È opportuno disporre di conoscenze relative ai diversi aspetti del bosco e

dell'ambiente fisico e sociale in cui esso si trova:

DESCRIZIONE DELLA STAZIONE

STAZIONE

– : Un’area topograficamente definita con condizioni ecologiche

uniformi, sulla quale è possibile applicare il medesimo

intervento selvicolturale. 2

Le sue dimensioni possono estendersi da pochi ettari a centinaia di Km .

Può avere condizioni variabili:

- Fattori di disturbo (incendi, vento, frane, valanghe)

- Errata utilizzazione (Pascolo eccessivo)

FATTORI CHE CARATTERIZZANO LA STAZIONE

- Climatici: precipitazioni, temperatura, luminosità e vento.

- Edafici: proprietà fisiche, chimiche e biologiche.

- Biotici: organismi vegetali ed animali.

INQUADRAMENTO STAZIONALE (indici di FERTILITÀ)

Metodi Diretti

– Tavole alsometriche (Tavole di cubatura)

Esprimono la produzione legnosa del bosco, differenziano soprassuoli caratterizzati

da produttività diverse.

– Statura del popolamento

Altezza media delle 2-5 piante più alte ad ettaro

– Altezza media

Altezza della pianta di area basimetrica media (1,30 m)

– Altezza dominante

Altezza media delle 100 piante con diametro più grande ad ettaro

Metodi Indiretti

– I fattori dell’ambiente

Temperature

Precipitazioni (Disponibilità idrica mensile ed annua)

Spessore e Durata Copertura nevosa annua

Ventosità

Ore di luce

– Limiti altitudinali

Biomi

Classificazione di Pavari (1916)

– Suolo

Profondità Scheletro Tessitura Capacità idrica Esposizione

Giacitura Carta d’uso del suolo

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

– Vegetazione

METODO FITOSOCIOLOGICO

La presenza di alcune piante erbacee indicano lo stato della stazione

Portulaca: Terreni ricchi di Humus

Felci ed Equiseti: Terreno umido & povero di Calcio

Ginestra: Terreni Acidi

Cicoria: Terreni secchi

Sambuco & Ortica: Terreni ricchi di Azoto

CINGOLI DI SCHMID

Distingue popolamenti concreti (Fitocenosi) in cui le specie sono presenti in

proporzioni differenti.

FASCE VEGETAZIONALI CINGOLI DI SCHMID

- Lauretum Quercus ilex - Olea

- Castanetum Quercus - Tilia - Acer

- Fagetum Fagus - Abies

- Picetum Picea - Larix

- Alpinetum Vaccinium - Loiseleuria

ALS - Airborne Laser Scanning (Informazioni 3D della stazione)

La nuova promettente tecnologia, Scansione Laser Aerotrasportata (ALS), prepara

accurate informazioni 3D su foreste.

Potenzialmente potrebbe sostituire la determinazione convenzionale di indicatori

stazionali.

Questo strumento infatti, può sia essere visto come un sensore remoto, basato

sull’evoluzione della crescita e calcoli di produzione stazionale, basato sulle relazioni

Altezza media & Età Dominanti.

In definitiva la tecnologia ALS dovrebbe essere capace di distinguere ecologicamente

importanti foreste che crescono tipicamente su aree con alte fertilità e profili verticali

di foresta meno fertili. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- DESCRIZIONE DEL SOPRASSUOLO -

● TIPO DI BOSCO: Composizione specifica,

Estensione

Grado di copertura delle chiome.

●STRUTTURA ORIZZONTALE: Omogenea,

A gruppi,

Regolare,

Casuale,

In filari,

Biogruppi per le foreste di montagna

(entità costituite da individui molto ravvicinati,

differenziati in altezza, ramificati fin dal basso).

●STRUTTURA VERTICALE: Altezza degli alberi dominanti

Soprassuolo Monoplano

Biplano

Stratificato

● ORIGINE DEL SOPRASSUOLO: Presenza di ceppaie e tracce di altre utilizzazioni

Da seme o da pollone

Artificiale o naturale

● FORMA DI GOVERNO: Fustaia

Ceduo

Ceduo Composto

● FORMA DI TRATTAMENTO: Tagli di rinnovazione

Intercalari

Taglio raso

Successivi

Saltuari

● STADIO EVOLUTIVO, per popolamenti coetaneiformi:

Novelleto,

Spessina,

Perticaia (bassa o alta),

Fustaia (giovane, matura, stramatura).

● DENSITÀ DEL SOPRASSUOLO: Numero di individui/Ha

ceppaie o polloni per i cedui

● NOVELLAME DI RINNOVAZIONE: Densità,

Composizione,

Distribuzione,

Altezza del novellame affermato

Altezza dei semenzali (alti fino a 20 cm).

● COMPOSIZIONE: Grado di copertura degli strati arbustivi ed erbacei

(Specie indicatrici di qualità stazionali)

● STRUTTURA DELLE ETÀ: Utilizzando il succhiello di Pressler (carotina)

Indica la fase del turno raggiunto, ultimo taglio.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

● INCREMENTI: Longitudinali e di volume, utilizzando il succhiello di Pressler

Giovani alberi > incremento legnoso

Alberi Maturi < bande incrementali

● STATO FITOSANITARIO: Piante sane: Stato vegetativo ottimale

Problemi di Dominanza: Crescita stentata

CLASSIFICAZIONE ARBOREA DI KRAFT

Si distingue in base alla posizione sociale: PREDOMINANTI, DOMINANTI,

CO-DOMINANTI, INTERMEDI e SOTTOPOSTI

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CLASSIFICAZIONE ARBOREA IUFRO

(International Union of Forest Research Organizations)

Organizzazione Internazionale Unione Ricercatori Forestali

È simile alla classificazione di ASSMANN,

differisce perché in più aggiunge punteggi

sulla vigoria delle piante e sulla loro classe

selvicolturale (Pianta Utile, Accessoria,

Infestante). Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

STRUTTURA DEL BOSCO

- Bosco Coetaneo (MONOPLANO)

Tutte le piante appartengono alla stessa classe di età (coorte)

ed hanno all’incirca la stessa altezza (struttura monoplana).

Struttura tipica non solo della maggior parte dei boschi gestiti,

ma anche di boschi naturali in presenza di disturbi di ampie

dimensioni (uragani, incendi).

- Bosco Disetaneo (PLURISTRATIFICATO)

Coesistono contemporaneamente nel bosco tutte le classi di età

(dimensioni).

Spesso si osserva la coesistenza di nuclei omogenei al loro

interno, ognuno originatosi nella radura aperta da un disturbo

(bosco disetaneo per gruppi).

Tipico di boschi naturali in stazioni impervie o in presenza di

disturbi localizzati (fulmini, marciumi) o di tagli saltuari.

COETANEIFORME: Talvolta anche il bosco disetaneo può presentare una struttura

monoplana per il convergere, alla stessa altezza massima, di generazioni diverse (le

giovani piante raggiungono le vecchie).

Questa forma può prevalere in specie molto longeve.

I rapporti di competizione fra le piante e la

distribuzione in classi sociali si comprendono

sollevando gli occhi a guardare le chiome.

permettendoci di apprezzare con facilità

l’organizzazione in classi sociali.

Nella pratica, la struttura e l’organizzazione in classi

sociali viene però apprezzata guardando alle chiome

dal basso, valutando la loro ampiezza, la vicinanza

con altre chiome e la stratificazione verticale.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

STADI EVOLUTIVI DI UN SOPRASSUOLO COETANEO

Novelleto: Insediamento novellame.

Concorrenza vegetazione erbacea-arbustiva.

Danni da pascolo e condizioni microclimatiche.

ø

Fino ad una altezza di 2 m circa ( 5-10 cm).

Spessina: Chiome giungono a contatto.

Inizia la competizione intraspecifica.

Si inizia a differenziare la posizione sociale.

La spessina si protrae fino alla

differenziazione tra suolo e chioma

(autopotatura dei rami più bassi).

Altezza raggiunge circa 8-10 m.

1/3 del fusto è libero dalla chioma

Perticaia: Forti incrementi diametrici e

longitudinali.

Forte competizione e mortalità delle piante

dominate.

Differenziazione sociale evidente.

Portamento “forestale” degli individui dominanti.

Altezza fino ai 15-20 m.

Fustaia: Riduzione dell’accrescimento

longitudinale e diametrico.

Diminuzione della competizione

(fase di assestamento).

Diminuzione della mortalità.

Piano dominante vigoroso.

2/3 del fusto è libero dalla chioma.

LA STRUTTURA DEL BOSCO È CARATTERIZZATA

DALLA DIPENDENZA DELLE CHIOME ALLA LUCE.

La capacità di un albero di ricevere luce dipende dalla sua altezza in rapporto alle

piante vicine.

Nel bosco coetaneo, pur avendo piante ad altezza uguale, l’ampiezza delle chiome è

molto più varia, questo perché a causa della competizione per la luce le piante di

altezza inferiore muoiono.

Per evitare di soccombere, le piante ombreggiate danno priorità alla crescita in

altezza. VIGORE DELLA PIANTA

La crescita della pianta è proporzionale alle dimensioni della chioma verde.

La percentuale di chioma viva è un indice di vigore della pianta.

Nell’investimento delle energie, la priorità viene data alla crescita in altezza.

Se la % di chioma viva è minore del 30% si ha una riduzione di crescita diametrale.

Quando poi è minore del 20% si ha anche una riduzione di crescita in altezza.

Le piante dominate con chioma piccola e compressa, sono più basse, ma soprattutto

hanno diametro inferiore. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

INDICE DI SNELLEZZA

Un indicazione della capacità che la chioma ha avuto di nutrire il

fusto nel passato è dato dal ”Coefficiente di snellezza”

H D

Rapporto tra altezza e diametro = (cm)/ (cm)

Piante sottomesse (con chioma molto ridotta) sono caratterizzate da

diametri molto piccoli ma altezze quasi uguali alle piante dominanti

indice di snellezza elevato “FRUSTE”.

Con valori maggiori di 100 si ha perdita di stabilità fisica.

E’ spesso il caso delle piante sottomesse talvolta piegate

(sciabolate).

N.B. La competizione non stimola la crescita in altezza delle piante, infatti l’altezza è

stimolata dalla fertilità della stazione, mentre il “ø” dall’assenza di competizione.

Le piante ombreggiate sono “FILATE” perché la loro crescita diametrica è

sottosviluppata a causa dell’elevato livello di competizione.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- STRUTTURA DEL BOSCO COETANEO

EVOLUZIONE DELLA DENSITÀ E DIFFERENZIAZIONE SOCIALE

DINAMICA DI POPOLAZIONE

Al diminuire della densità del

popolamento, corrisponde un

aumento dell’altezza dominante. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- LEGGE DELL'AUTODIRADAMENTO ( )

Legge del -3/2

-3/2

V = K x N

3

All'aumentare delle dimensioni del Bosco, diminuiscono il Numero di individui.

K è una Costante.

3

V è proporzionale al Diametro.

N è proporzionale alla superficie.

All’aumentare della densità di popolamento, diminuisce il volume

medio di ogni pianta, questo a causa della perdita dei rami più

bassi causata a sua volta dalla troppa vicinanza delle piante.

DEFINIZIONI

- DIAMETRO (Misurato a 1,3 m, a petto d'uomo)

- DIAMETRO MEDIO DEL POPOLAMENTO.

- AREA BASIMETRICA 2

Superficie della sezione trasversale a 1,3 m (m /Ha).

- ALTEZZA DOMINANTE

Media delle 100 Piante più alte ad ettaro. Dopo i Diradamenti viene influenzato il

diametro, non l'altezza.

- VOLUME

- DENDROMETRICO volume totale della pianta compresi fusto e rami.

- CORMOMETRICO volume del solo fusto utile.

- VOLUME

- DI MASSA PRINCIPALE volume delle piante in piedi,

- DI MASSA INTERCALARE somma delle misurazioni dei diametri effettuati.

- DI MASSA TOTALE somma delle masse principali e della massa intercalare.

- INCREMENTO CORRENTE accumulo annuo di volume (incrementi annuali).

- INCREMENTO ANNUO MEDIO

Sviluppo degli incrementi: Terminato lo stadio

di maturità, le piante non incrementano più il

loro volume che quindi rimane costante.

Le tavole alsometriche rappresentano la

dinamica degli incrementi.

- ACCUMULO DI BIOMASSA (volume)

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- CURVA DI MASSA PRINCIPALE (interventi con diradamenti).

LE 5 LEGGI DELL'AUXONOMIA:

1) L'incremento medio culmina sempre dopo l'incremento corrente.

2) Quando l'incremento medio è crescente, è inferiore all'incremento corrente.

3) INCREMENTO PERCENTUALE %V

= 1/età x 100 Pv= In/ V

4) L'incremento medio massimo (In max) è pari a 7/10 dell'incremento max (Ic max)

5) La culminazione dell'incremento medio si osserva ad un età

- TASSI DI CRESCITA E CULMINAZIONE DEGLI INCREMENTI:

Effetti della fertilità.

Condizioni di maggior fertilità inducono anche un avvio più precoce dei fenomeni di

invecchiamento, perché si instaurano prima, anche fenomeni di competizione

(Decremento della produttività forestale).

Confronto tra le specie

Anche tra le specie si osserva una correlazione negativa fra incrementi massimi e

precocità di invecchiamento.

Specie a rapido accrescimento invecchiano e muoiono prima di specie a medio e

lento accrescimento. Legge Di Eichom

Per ogni specie esiste una relazione tra altezza dominante e volume totale,

indipendentemente dalla fertilità (L'altezza= indice di fertilità).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- BOSCO ASSESTATO

ASSESTAMENTO: Organizzare nel tempo l'utilizzazione di un bosco, ottenendo

una periodicità dei ricavi. Questo attraverso una suddivisione del bosco in un N° di

particelle elementari ed utilizzando ogni anno una particella si ottiene una

produzione ed un ricavo costante nel tempo (TURNO FORESTALE).

TURNO FORESTALE:

Età a cui conviene tagliare il Bosco per ottenere finalità economiche.

FISIOCRATICO:

Età a cui corrisponde il massimo incremento medio.

TECNICO:

Legato alla produzione di determinati assortimenti

(Paleria, Toppi Da Trancia).

MAX REDDITO FONDIARIO:

Turno che più conviene al proprietario è sempre inferiore al Turno Fisiocratico

eddito etto

(R N : Profitto + Beneficio Fondiario).

MAX SAGGIO DI INVESTIMENTO:

Turno che più conviene al proprietario che investe nella produzione forestale.

Il NOCE è una coltura i cui capitali possiedono il max saggio di interesse

(30-40 anni).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- STRUTTURA DEI BOSCHI DISETANEI

- STRATO SUPERIORE (Pochi alberi con

chiome libere e diametri vigorosi).

- STRATO INTERMEDIO (Piante in fase di

massimo accrescimento in altezza

"Longitudinale" e piccolo diametro, a causa

della forte concorrenza).

- STRATO INFERIORE

(Piante fortemente ombreggiate con

individui di età diversa ma giovani).

● CARATTERISTICHE:

- È la conseguenza di interventi selvicolturali apportati dall'uomo.

- Alberi di tutte le età e dimensioni su una superficie ristretta.

- Viene occupato tutto lo spazio in senso verticale.

- Non esiste una distribuzione spaziale ordinata.

- Rinnovazione naturale con rinnovazione continua.

- Produttività costante nel tempo con piccole variazioni dovute alle variazioni di

provvigione.

- Esiste una grande varietà di Microclimi presenti nel popolamento.

- Il turno perde significato così come l'età, le quali vengono sostituite dal concetto di

DIAMETRO.

● MESCOLANZA:

- PER PIEDE D'ALBERO (con chioma sullo stesso piano)

- PER GRUPPI

- PER PIEDE D'ALBERO (con piani sovrapposti)

● FASI:

1) RINNOVAZIONE (Soprassuolo con ampi spazi, copertura irregolare)

2) INTERMEDIA (Struttura omogenea)

3) FINALE

4) SENESCENZA Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TRATTAMENTO -

TAGLI INTERCALARI TAGLI DI RINNOVAZIONE

Sono interventi di taglio effettuati durante la vita del popolamento, dall'inizio, fino al

raggiungimento del livello di Fustaia giovane.

I Tagli intercalari si dividono in diradamenti & sfolli.

- SFOLLI: Realizzati durante il novelleto o spessina, quando ancora non è

cominciata la competizione.

Sono finalizzati a ridurre la densità numerica, eliminare le Piante Malate, Tagliare le

piante agevolando gli individui di maggiore interesse e di solito anche per creare una

viabilità interna (strade).

- DIRADAMENTI:

Vengono realizzati dallo stadio di perticaia fino a Fustaia giovane, con la finalità di

guidare i processi di competizione e differenziazione sociale.

Accelerano quello che avviene lentamente in natura (autodiradamento) andando a

tagliare le piante sottomesse che sottraggono nutrimento e limitano la crescita alle

piante dominanti. OBBIETTIVI DEL DIRADAMENTO:

- Ridurre la Densità (aumentando lo spazio tra le piante).

- Proteggere le piante migliori (eliminando le piante storte, difettose o malate).

- Favorire lo sviluppo di un numero di individui inferiore di quello che sarebbe

in natura, ottenendo minor produzione ma di elevata qualità.

- Aumento della stabilità del bosco (con i diradamenti si stimola l'accrescimento

in diametro, l'altezza invece dipende dalla fertilità del terreno, le piante avendo un

diametro maggiore, sono più resistenti alle calamità e quindi tutto il bosco è più

stabile).

Migliorando l'indice di snellezza si riducono i rischi da

schianti da vento e si riduce la vulnerabilità agli incendi.

- Si migliora l'accesso al bosco, permettendo di

intervenire tempestivamente in caso di incendi.

Raggiunto lo stadio di Fustaia matura, non c'è più

competizione dato che gli individui si sono affermati,

quindi è inutile il diradamento, anzi può anche essere

negativo provocando solo una rinnovazione anticipata e

precoce.

Nel Bosco disetaneo, che si avvicina di più alla forma

naturale, non bisognerebbe eliminare tutti gli alberi morti,

in quanto questi oltre ad apportare sostanza organica al

Terreno, potrebbero essere zone di rifugio per piccoli

animali. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

DIRADAMENTI: EFFETTI SULL'AMBIENTE FISICO DEL BOSCO

- ILLUMINAZIONE: La maggior parte della luce solare è intercettata dalla

copertura aerea ed al suolo ne arriva pochissima.

Con l'aumentare dei diradamenti e la diminuzione di individui, arriva una percentuale

sempre superiore al suolo.

- TEMPERATURA: Inizialmente la temperatura maggiore è sulle chiome, poi

successivamente con l'avanzare dei diradamenti la temperatura all'interno del bosco

aumenta.

- PRECIPITAZIONI: La maggior parte della pioggia è intercettata dalla copertura

aerea ed al suolo ne arriva pochissima. Con l'aumentare dei diradamenti e la

diminuzione di individui, ne arriva una percentuale sempre maggiore al suolo.

- LETTIERA: In seguito ai diradamenti non subisce diminuzioni in %.

Quello che avviene invece è una diminuzione della sostanza organica nel terreno,

perché la lettiera che c'è, con l'aumentare della temperatura interna del Bosco viene

decomposta più velocemente dai meccanismi metabolici dei microorganismi ed è

subito utilizzata dalle piante rimaste.

La maggiore ampiezza delle cerchie legnose annuali, determina un peggioramento

della resistenza nel legno tardivo delle conifere (di chiusura), mentre nelle latifoglie

determina un miglioramento della resistenza (maggiore legno tardivo).

TAGLI DI DIRADAMENTO

- Dal Basso: Si interviene nel piano dominato-

intermedio favorendo lo sviluppo delle piante migliori

(Rapporto minore di 1).

VANTAGGI:

Semplicità di esecuzione.

Si lasciano le piante che mostrano una crescita sostenuta.

Ha un effetto estetico eliminando le piante morte e

difettose.

SVANTAGGI:

Primi diradamenti a macchiatico negativo.

Per ottenere accrescimenti maggiori devono essere ripetuti

frequentemente.

Vanno ad eliminare piante che naturalmente dopo qualche

anno moriranno ugualmente.

- Dall'Alto: Si interviene nel piano Dominante-

CoDominante lasciando il piano dominato vivo, si conserva

una buona copertura del suolo (Rapporto maggiore di 1).

VANTAGGI:

Maggiore redditività, eliminando piante grosse da utilizzare

e lasciando piante che cresceranno e si potranno utilizzare

in futuro.

SVANTAGGI:

Prevede personale qualificato per determinare quali piante

tagliare e come tagliare, viste le dimensioni delle piante

dominanti. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Spesso si tagliano le piante più grosse e belle, senza curarsi degli effetti futuri.

- Selettivo: È una evoluzione del diradamento dall'alto, si interviene osservando

le caratteristiche individuali di ciascun Albero eliminando gli alberi malformati o

infestanti (indesiderati).

Prima devono essere scelte le piante da portare a fine turno e poi si tagliano quelle

che le danneggiano.

- Geometrico: Si interviene seguendo uno schema numerico.

VANTAGGI:

Non richiede personale esperto.

Possibilità di meccanizzazione con il conseguente abbattimento dei costi.

SVANTAGGI:

Si riducono i ricavi a fine turno. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TRATTAMENTO -

TAGLI DI RINNOVAZIONE

TAGLI INTERCALARI TAGLI SUCCESSIVI TAGLI SALTUARI

TAGLIO RASO

TAGLIO RASO

È applicato solo in presenza di una

sola specie e prevede l'eliminazione di

tutte le piante. Tende a favorire le

specie Eliofile.

Il taglio raso ha un forte impatto

visivo, per questo motivo bisogna

procedere al taglio con forme che si

avvicinano alle forme naturali

(MARGINI IRREGOLARI).

Le piantine in rinnovazione iniziano la

loro crescita con piena disponibilità di

spazio per crescere.

La rinnovazione avviene in un breve

intervallo di tempo dopo il disturbo.

RINNOVAZIONE NATURALE:

Nel caso di taglio raso su ampie superfici,

vengono rilasciate PIANTE PORTA SEME con

funzione di disseminazione.

Queste piante sono ad alto rischio di

sradicamento o di schianto, quindi per la loro

scelta bisognerebbe trovare un giusto rapporto di

Snellezza. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

taglio raso

- A Strisce taglio raso

-

A Buche

La superficie di ciascun gruppo dipende dal Temperamento della specie (Eliofila,

Buche più grandi o sciafila, Buche ridotte), in genere le dimensioni medie si aggirano

2

sui 1000-1500 m , per permettere alla luce diretta di giungere al suolo.

Un altro parametro utile a determinare le dimensioni delle buche è l'altezza delle

piante mature circostanti (il raggio lungo 1 o 1,5 volte la loro altezza).

Nelle Buche si avrà comunque un gradiente di luce che favorirà la

rinnovazione di SPECIE DIVERSE

(Eliofile verso il centro e Sciafile verso i bordi).

RINNOVAZIONE ARTIFICIALE

Si effettua solo nel caso la rinnovazione naturale non abbia avuto successo, questo

perché ha costi di manodopera elevati.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TRATTAMENTO -

TAGLI DI RINNOVAZIONE

TAGLI INTERCALARI TAGLI SUCCESSIVI

TAGLIO RASO TAGLI SALTUARI

TAGLI SUCCESSIVI

Con questa tipologia di taglio (evoluzione del diradamento dal basso), il soprassuolo

viene eliminato con una serie di interventi (2-5).

I Tagli in ordine temporale sono:

TAGLIO DI SEMENTAZIONE 1° Taglio

- :

Finalizzato ad ottenere la rinnovazione, si esporta fra il 30% (se la specie del

popolamento è Sciafila) e il 70% (se la specie del popolamento è Eliofila).

Tutto questo rilasciando le piante migliori.

TAGLI SECONDARI 2°-3° Taglio

- :

Sono finalizzati allo sfoltimento graduale del popolamento, accompagnando la

crescita graduale della Rinnovazione.

TAGLIO DI SGOMBERO Ultimo Taglio

- :

Quando si è certi che la rinnovazione si è affermata (piantine di 80-100 cm),

si asporta tutto il soprassuolo maturo residuo.

PERIODO DI RINNOVAZIONE

Periodo tra Taglio di Sementazione e Taglio di sgombero

(5-6 anni per le piante Eliofile).

(Fino a 30 anni per specie Sciafile).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

MODALITÀ DI TAGLIO

- TAGLI SUCCESSIVI UNIFORMI:

Viene eseguito uniformemente su tutta la superficie del popolamento.

Si fa coincidere il taglio di sementazione con l'annata di Pasciona allo scopo di

favorire una maggiore disseminazione e Rinnovazione.

10-20 anni prima della fine del turno si asporta una parte del bosco (10-20% con

TAGLI INTERCALARI) per migliorare il terreno e prepararlo alla rinnovazione.

La caratteristica dei tagli successivi è che, la rinnovazione è garantita in quanto

viene rilasciata una quantità di piante tale da garantire la copertura e la

disseminazione, in questo modo però favoriscono maggiormente le specie sciafile e

poco quelle Eliofile (a causa della rinnovazione sotto copertura).

Un altro punto a favore dei tagli successivi è che sono particolarmente indicati per le

specie a disseminazione Barocora (per gravità).

In alcuni casi “SBAGLIATI” si effettuano tagli di sementazione molto

energetici senza poi effettuare successivamente i tagli secondari e di

sgombero, provocando un eventuale infestazione di piante Eliofile

indesiderate.

QUANDO È IL MOMENTO DEL TAGLIO DI SEMENTAZIONE?

- Piano di Assestamento.

- Esigenze Economiche.

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TAGLI SUCCESSIVI

A STRISCE:

Non si interviene su

tutta la superficie, ma

l'intervento viene

effettuato a strisce:

È importante procedere

al taglio tenendo conto

della protezione contro

vento. Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TAGLI SUCCESSIVI

A BUCHE:

È indicato per boschi misti

plurispecifici con

rinnovazione di specie sia

Eliofile che sciafile.

Bisogna prevedere ogni

10-30 anni un Taglio di

sementazione di forte

intensità (70%).

Filizzola

Tesina Esame di Sistemi Forestali - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

57

PESO

2.63 MB

AUTORE

GPL1987

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze forestali e ambientali
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher GPL1987 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Selvicoltura generale e sistemi forestali e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Basilicata - Unibas o del prof Ripullone Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Selvicoltura generale e sistemi forestali

Selvicoltura generale e sistemi forestali - Appunti
Appunto
Selvicoltura - assestamento forestale
Appunto
Selvicoltura - Arboricoltura
Appunto
Selvicoltura - vivai forestali
Appunto