Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

- POSTIME DI 1-2 ANNI A RADICE NUDA

- In Pieno Campo o in Cassoni

- Dimensioni Maggiori

- Utilizzata per specie a rapido accrescimento

- Minori costi di produzione

- Poche deformazioni radicali

- Difficoltà del trasporto (Radice Nuda)

- Breve tempo di conservazione (Disseccamento Radici)

- Più esposte a crisi di trapianto

- MATERIALE GIOVANE ha un costo minore, più resistente

alle crisi da trapianto, più maneggevole

- MATERIALE ADULTO resiste meglio solo alla competizione con

le infestanti erbacee

METODI DI MIGLIORAMENTO

- Manipolazione genetica (cloni)

- Selezione di fenotipi superiori

- Ibridi

- Individuazione di zone raccolta del seme

- Individuazione di zone di provenienza

Utilizzare materiale clonale in condizioni di optimum climatico ed edafico;

Postime da seme in condizioni più difficili

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

MODELLO COLTURALE

Modalità di distribuzione delle piante

I PIÙ USATI

QUADRATO RETTANGOLO

Semplice la messa a dimora e le successive operazioni colturali

QUINTONCE SETTONCE

Il settonce a parità di superficie permette

un aumento del numero di piante del 15%

rispetto a quadrato e rettangolo

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

MESSA A DIMORA

TRACCIAMENTO

CONSISTE NEL MATERIALIZZARE SUL CAMPO LO SCHEMA

DEL MODELLO COLTURALE

1 – Definire i confini del campo tramite squadro

e paline

2 – Tirare un filo di nylon con delle tacche in

base alla distanza tra le piante

3 – Per piantagione manuale realizzare le

buche con trivelle e segnalarle anche

direttamente col palo tutore.

4 – Per piantagione meccanica realizzare dei

solchetti con trattore e posizionare le

piante all’incrocio tra i solchetti

APERTURA DELLE BUCHE

MANUALE: con vanghe

oppure con trivelle

MECCANICA: con trivelle attaccate posteriormente ai

trattori

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

EPOCA DI MESSA A DIMORA

- Non oltre i 6-8 mesi dalla lavorazione del terreno

- Durante il riposo vegetativo (AUTUNNO)

- In ambienti mediterranei in autunno per permettere la crescita di radici durante

l’inverno ed evitare stress idrici nelle Estati Siccitose;

- In stazioni più fredde mettere a dimora in primavera per evitare gelate tardive

e freddo invernale ACCORGIMENTI PRE-IMPIANTO

- Limitare i tempi di trasporto e conservazione per evitare disidratazioni radicali

- Eventuale leggera potature delle parti disidratate e immersione in prodotti

disinfettanti

- Immersione radicale in una miscela in parti uguali di terra, letame e acqua

(inzaffardatura o imbozzimatura)

MODALITÀ DI MESSA A DIMORA

- Distensione delle radici e orientamento verticale verso il basso

- Colletto a fior di terra (se sussiste pericolo di marciume radicale) o leggermente

interrato

- Costipare il terreno attorno alla piantina

- Messa a dimora manuale o con palo trapiantatore (becco di pellicano)

- Evitare giornate ventose, troppo soleggiate e asciutte; evitare terreno gelato

- TAGLIOLA: solco in cui conservare le piantine anche per pochi mesi se non è

possibile l’immediata messa a dimora

PROTEZIONI

COLLETTIVE

(RECINZIONI PERIMETRALI):

per superfici non troppo estese (max 3 ha);

altezza: dipende dalle dimensioni del bestiame esterno;

eventualmente anche recinzioni elettriche;

INDIVIDUALI

Più utilizzate delle precedenti;

- RETI METALLICHE

- metalliche o plastificate

- minor impatto ambientale

- riutilizzabili

- evitano squilibri ipsodiametrici e attacchi fungini

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- TREESHELTER

- polipropilene (PP), polipropilene violare (PPV) trattato con raggi UV,

polivinincloruro (PVC) poco trasparente e meno usato

- sezione di varia dimensione e forma (cilindrica, quadrata ecc.)

- bordo svasato o no

- di vario colore: varia così l’impatto ambientale

- di varie altezze in base alle dimensioni delle specie animali

- evitare altezze eccessive altrimenti piante con fusto filato ed esile

- durata: 3-6 anni VANTAGGI

- Iniziale incremento ipsometrico maggiore

- Minori danni dovuti alle lavorazioni

- Minori stress idrici

- Maggiori facilità nelle operazioni colturali

SVANTAGGI

- Costo più o meno elevato

- Impatto estetico

- Smaltimento del materiale

- Possibili attacchi fungini

- Possibili squilibri ipso-diametrici

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

PURA FANTASIA

Molte delle pratiche usate nella piantagione e manutenzione degli alberi

sono frutto di pura fantasia

Anche se numerose ricerche scientifiche hanno sfatato molte credenze e pratiche

errate nel campo del vivaismo, alcune di queste rimangono ancora oggi comunque

molto diffuse e seguite. Mito N° 1:

UN APPARATO RADICALE È L’IMMAGINE SPECULARE DELLA CORRISPONDENTE

PARTE AEREA.

Fin da quando, nel 1930, sono iniziati i primi studi sulla struttura degli apparati

radicali, i ricercatori hanno rilevato che, a prescindere dalla specie, dal clima o dalla

localizzazione geografica, le radici degli alberi crescono fondamentalmente poco in

profondità e molto in larghezza. Le radici sono da una volta e mezzo, fino a quattro

volte più ampie della proiezione della chioma e si trovano, generalmente, nei primi

60 cm di terreno. Nello scendere in profondità nel suolo, diminuisce la densità delle

radici, principalmente a causa della diminuzione dei livelli di ossigeno e di umidità.

In rari casi le radici possono spingersi più in profondità, ma solo se le condizioni del

terreno sono favorevoli. Mito N° 2:

LE BUCHE DI PIANTAGIONE PIÙ LARGHE E PROFONDE DELLA ZOLLA,

SONO MIGLIORI PER FAVORIRE L’ATTECCHIMENTO DELL’ALBERO.

Una pratica molto comune è quella di scavare delle grandi buche, larghe e profonde

più di un metro e mezzo, per favorire lo sviluppo delle radici. Un apparato radicale

sviluppato molto in ampiezza e poco in profondità non consente all’albero di

affrancarsi correttamente al terreno.

Il terreno, smosso nella zona al di sotto del pane di terra, può cedere e la zolla si

abbassa. La terra ricopre la zolla e la base del tronco (colletto), ostacolando o

impedendo l’infiltrazione dell’acqua a livello del pane di terra presente intorno alle

radici. Un altro problema si presenta quando il suolo viene in contatto con i tessuti

floematici del colletto, zona di congiunzione tra le radici ed il tronco. Il colletto è

parte integrante del tronco e quindi non è abituato a resistere al costante contatto

con l’umidità del terreno. Questo contatto diminuisce gli scambi gassosi fra

l’atmosfera e il tessuto floematico del colletto, causandone la morte. La piante

diventa suscettibile ai marciumi ed in particolare a Phytophtora.

Per prevenire questi problemi, è sufficiente scavare una buca non più profonda

dell’altezza della zolla. Appoggiata su terreno compatto non tenderà ad affondare.

Affinché le radici laterali possano svilupparsi, è sufficiente scavare una buca da tre a

cinque volte più larga del diametro della zolla. Le radici cresceranno più rapidamente

nel terreno smosso, rispetto a quello compatto, rendendo più veloce l’attecchimento

dell’albero. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

Mito N° 3:

AMMENDARE CON SOSTANZA ORGANICA IL TERRENO DI RIEMPIMENTO

DELLA BUCA, FAVORISCE LA CRESCITA DELLA RADICI.

Durante gli scorsi 15/20 anni, sono stati compiuti oltre 30 studi su come il terreno

ammendato con sostanza organica (come torba, compost o cortecce) influenzi la

crescita della pianta. In molti casi questa pratica inibisce la crescita sia della chioma

che delle radici.

Quando gli ammendanti organici vengono usati in una buca di piantagione profonda,

aumentano il cedimento della zolla. La sostanza organica si riduce significativamente

di volume in seguito alla decomposizione, provocando l’abbassamento della zolla.

L’uso di ammendanti organici provoca anche altri tipi di problemi dovuti

all’incompatibilità dei diversi tipi di terreno.

Nella piantagione degli alberi vengono a contatto, inevitabilmente, diversi tipi di

terreno. Sia che le piante siano allevate in pieno campo che in contenitore, il

materiale che avvolge le radici è quasi sempre diverso dal terreno del sito di

piantagione. Le radici avranno difficoltà a penetrare questo diverso tipo di terreno,

quando il terreno di riempimento viene ammendato con sostanza organica, si

aggiunge un’ulteriore interfaccia da penetrare. Ne può risultare una spiralizzazione

delle radici e un insoddisfacente ancoraggio della pianta.

Per ridurre questo problema, riempite le buche con lo stesso terreno. Non

incorporate alcun ammendante anche se le caratteristiche del terreno del sito di

piantagione sono scadenti. Per una lunga sopravvivenza, gli alberi devono essere in

grado di affrancare le radici nel terreno circostante, benché scadente. Per favorire lo

sviluppo delle radici, lavorate il terreno intorno.

Mito N° 4:

LA POTATURA ALL’EPOCA DEL TRAPIANTO BILANCIA LA VEGETAZIONE

DELLA CHIOMA CON L’APPARATO RADICALE ESISTENTE,

RIDUCENDO QUINDI LO SHOCK DA TRAPIANTO E

FACILITANDO L’ATTECCHIMENTO.

Numerosi studi condotti su piante allevate in contenitore ed a radice nuda, hanno

mostrato che la rimozione dei germogli e delle giovani foglie al momento del

trapianto, riducono la crescita e lo sviluppo di nuove radici. Ciò avviene perché con la

potatura si riduce la fotosintesi e gli zuccheri che sono necessari alla crescita della

radici.

In molte piante i germogli e le giovani foglie producono degli ormoni che stimolano lo

sviluppo delle radici e la loro crescita. Rimuovere la vegetazione, riduce la capacità

dell’albero di produrre queste sostanze che sono necessarie allo sviluppo

dell’apparato radicale. Mito N° 5:

I MASTICI DA FERITA IMPERMEABILIZZANO E

PROMUOVONO UNA RAPIDA CHIUSURA DEI TAGLI DI POTATURA,

PROTEGGENDOLI DAI MARCIUMI E DALLA PENETRAZIONE DI

MICRORGANISMI DANNOSI.

La pratica di applicare mastici o vernici sulle ferite, continua ancora, nonostante

numerose ricerche abbiano mostrato che questi prodotti non hanno nessun valore.

I mastici, non saldano le ferite e non proteggono gli alberi da funghi, marciumi e altri

patogeni, bensì li attirano. Quando viene esposto ai raggi del sole, il rivestimento del

taglio spesso si spacca, consentendo all’umidità di entrare e ristagnare nelle sacche

che si formano tra il legno e la vernice. Questo crea un perfetto ambiente per lo

sviluppo dei patogeni. In aggiunta, se gli attrezzi da potatura sono contaminati con

organismi nocivi come funghi e marciumi, la vernice protettiva li sigilla contro il

taglio. Infine i mastici a base di bitume possono essere fitotossici.

Alcuni vivaisti e giardinieri credono che i mastici da ferita siano necessari sui tagli più

grandi di 2,5 cm di diametro. Tuttavia non dovrebbero essere usati, a prescindere

dalle dimensioni del taglio. Un taglio di potatura ben fatto, rimargina molto più

rapidamente se lasciato scoperto. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

PACCIAMATURA

Copertura localizzata del terreno (a strisce o attorno alla pianta) per creare

condizioni favorevoli alla crescita della pianta.

VANTAGGI:

- Controllo infestanti

- Minore evaporazione

- Minori sbalzi termici nel terreno

- Ridotta costipazione per azione battente della pioggia

- Minore erosione

- Migliore attecchimento e sviluppo iniziale

- Condizioni favorevoli alla microflora

SVANTAGGI:

- Costi più o meno elevati (acquisto, messa in opera, smaltimento)

MATERIALE

- COERENTI DEGRADABILI:

- carta, cartoni, pannelli di bioplastica ecc.

Svantaggi:

- poco durevoli e poco resistenti agli agenti atmosferici

- INCOERENTI DEGRADABILI:

- paglia, ramaglie, cippati, scarti di cartiera ecc.

- in genere sistemati in file larghe 80-100 cm

Vantaggi:

- ridotto impatto ambientale

- apporto organico

- addizionati a fertilizzanti a lento rilascio

Svantaggi:

- scarsa reperibilità

- elevato costo di trasporto e spargimento

- scarsa durata (1-2 anni)

- scarso contenimento delle erbe infestanti

- facile dilavamento

- COERENTI NON DEGRADABILI:

- ghiaia, pietrame, bitumi, materiale plastico ecc.

- in strisce larghe 80-100 cm o in quadrati attorno alla pianta

- durabilità fino a 4 anni

- molto utilizzati teli di plastica nera

Svantaggi:

- elevato costo di mercato e di messa in opera

- attirano talpe e topi

- forte impatto

- costi di rimozione e smaltimento Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- INCOERENTI DEGRADABILI:

- paglia, ramaglie, avanzi di potature

- scarti di segheria o di cartiera

- cippati di legno e/o corteccia Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

FASI DEL MODULO COLTURALE

A – PREPARAZIONE DEL TERRENO PRE-IMPIANTO

B – MESSA A DIMORA (Piantine da vivaio)

C – OPERAZIONI COLTURALI POST-IMPIANTO

D – RACCOLTA DEL PRODOTTO

E – OPERE ACCESSORIE

RISARCIMENTI

- Sostituzione delle piantine morte (crisi post impianto o clima avverso)

- Non oltre il 3° - 4° anno

- Prevedere un acquisto iniziale di piantine sovradimensionato del 10%;

conservare le piantine in un piccolo vivaio aziendale; piantine fittonanti

trapiantate dopo un anno, le altre anche al secondo.

- Sostituzione con piantine della stessa età e provenienza

- Per mortalità >20% valutare bene le cause del decesso

- Se necessario valutare la sostituzione della specie

- Succisione o sgarrettatura: in alternativa alla piantagione ex-novo taglio al

colletto per stimolare la crescita radicale e l’emissione di polloni

(Riceppatura)

- Impianti ad alta densità: risarcimenti facoltativi nel 1° e 2° anno (non tutte

le piantine raggiungeranno la fine del turno); se ritardati troppo le piantine

rischiano di essere sottomesse

- In impianti radi: risarcimenti obbligatori (tutte le piantine a fine turno)

È buona regola che le piantine rimaste

successivamente all’impianto vengano messe sui bordi

dell’appezzamento, in luogo umido e a radici coperte.

Da qui si potranno accingere le eventuali piantine che

in campo muoiono in seguito al trapianto.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

IRRIGAZIONI

- Da considerare una operazione di soccorso in condizioni di deficit idrico.

- Rientra nel modulo colturale solo per specie molto pregiate, moduli colturali

intensivi, superfici poco estese, risorse idriche accessibili.

- Cause: falda freatica assente o bassa, precipitazioni scarse, scarsa trattenuta idrica

del terreno, elevata evapotraspirazione.

METODI PREVENTIVI

- Scelta della specie adatta alla stazione (almeno 600 mm annui; 250-300 mm

nel periodo vegetativo)

- Evitare piantagioni in tarda primavera in climi mediterranei

- Lavorazioni superficiali per eliminare specie erbacee competitive, per ridurre la

risalita capillare dell’acqua.

- Pacciamatura MODALITÀ D’IRRIGAZIONE

- BUCHE: piccole depressioni attorno alle piantine dopo

la messa a dimora; poco efficaci

- AUTOBOTTI: interventi localizzati per singola pianta;

spesso costosi; interventi di soccorso in

assenza di sistemi di irrigazione;

- A GOCCIA: tubi volanti disposti parallelamente alle file

e muniti di gocciolatori;

rifornimento da autobotti o da rete idrica;

consente di ridurre l’evaporazione.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- SCORRIMENTO:

Fossi adacquatori dai quali tracima l’acqua e scorre

superficialmente sull’impianto;

da evitare in terreni sciolti;

elevato quantitativo di acqua; da evitare in terreno con

pendenza eccessiva.

- INFILTRAZIONE LATERALE:

Solchi tra le file dai quali filtra l’acqua

- ASPERSIONE O A PIOGGIA:

Impianti mobili di irrigazione;

evitare giornate ventose per ridurre le perdite idriche;

non bagnare le chiome delle piante. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

LAVORAZIONI POST-IMPIANTO

LAVORAZIONI SUPERFICIALI

SARCHIATURA e/o ERPICATURA 10-15 cm di profondità

- Passaggi incrociati tra le file o singoli;

terreno in tempera;

- Evitare fresature per evitare sminuzzamento ed

erosione;

- Lavorazione manuale attorno alle piantine (3-4 cm

di profondità)

- 2/3 volte l’anno: primavera (prima della fioritura)

estate per ridurre l’evaporazione

Vantaggi:

- eliminazione vegetazione spontanea

riduzione della competizione idrica,

nutritiva e per la luce

riduzione del pericolo di soffocamento

riduzione del pericolo di incendio

FERTILIZZAZIONI POST-IMPIANTO

- Dette anche di mantenimento o di produzione

- In condizioni di stress: dopo i diradamenti o prima delle potature

- A partire dal 2° o 3° anno

- In genere azoto e fosforo

- Valutare bene costi energetici, economici ed ambientali

- Valutare in base alle carenze stazionali

- Valutare in base alle esigenze della pianta (osservare i sintomi)

- Valutare il periodo di somministrazione (più o meno lungo)

- Somministrazione tramite interramento o aerea

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CONTROLLO DELLA VEGETAZIONE SPONTANEA

- Fondamentale nei primi anni di vita quando il terreno è

scoperto e l’invasione di vegetazione spontanea è elevata

- Operazione molto onerosa

- Importante in stazioni siccitose per ridurre la

competizione idrica

- 2-3 volte l’anno, fino al 5° - 7° anno (fino alla chiusura

delle chiome) METODI PER IL CONTROLLO DELLA VEGETAZIONE

PACCIAMATURA

LAVORAZIONI PRE E POST-IMPIANTO

DISERBO MECCANICO

DISERBO MANUALE

DISERBO CHIMICO

- Solo quando non è possibile intervenire con diserbo meccanico o manuale

- Pericoli igienico-sanitari ed ambientale

- Valutare la persistenza del principio attivo (max in suoli calcarei e argillosi,

min in quelli sciolti e ricchi di sostanza organica)

- Pericolo di inquinamento delle falde e dei corsi d’acqua

- Pericolo di inserimento inquinanti nella catena alimentare

- Max precauzione personale: evitare giornate ventose, rispettare le dosi, adottare

protezioni individuali (maschere, occhiali ecc.)

- Localizzare l’applicazione attorno alla pianta

SCELTA DEL PRINCIPIO ATTIVO

- Grado di selettività (Totali o Selettivi per determinate specie vegetali)

- Definire dose ed epoca di applicazione

- Autorizzazione in base alla specie

- Grado di residualità

- Grado di volatilità

- Meccanismi di azione

- Paracquat e diquat: ad azione fogliare

- Glifosate e glifosate trimesio: azione sistemica (assorbimento radicale)

INERBIMENTI

Controllo fenomeni erosivi

Praticato tra le file

Permanente o stagionale (climi siccitosi)

Aumento competizione idrica

Aumento dei consumi idrici (20-30%)

Trifolium subterraneumm

Medicago sativa Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

DIRADAMENTI

SIMULAZIONE DEL FENOMENO NATURALE DELLA

MORTALITÀ E DELL’AUTODIRADAMENTO DOVUTI ALLA COMPETIZIONE.

in impianti a densità non definitiva

OBBIETTIVI:

Miglioramento delle caratteristiche qualitative degli alberi attraverso

- la riduzione della densità e l’incremento della disponibilità di risorse.

- Riduzione della competizione idrica e per elementi nutritivi.

- Maggiore disponibilità di luce.

- Redditi intermedi.

- Eliminazione piante sottomesse senza futuro.

- Miglioramento stato fitosanitario (eliminazione piante malate)

- Miglioramento della stabilità meccanica e biologica del popolamento

- Stimolazione e regolarità accrescimenti diametrici

- Aumento del valore mercantile delle piante rilasciate

- Ritardo della culminazione di incremento medio e corrente

- Regolazione della composizione specifica

FINALITÀ DELLA CLASSIFICAZIONE

- Analisi oggettiva del soprassuolo

- Definire la posizione sociale delle singole piante

- Definire lo stato fitosanitario

- Definire le potenzialità di sviluppo

METODI DI CLASSIFICAZIONE

Kraft

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

De Philippis

Assmann

PARAMETRI DEI DIRADAMENTI

ETÀ DI INIZIO: precoci o tardivi

(prima o dopo culminazione accrescimento in altezza)

FREQUENZA:

- distanza temporale tra due diradamenti consecutivi

- meglio se frequenti e poco intensi (ma molto costosi)

- dipende dalla velocità di accrescimento, dalle potenzialità aziendali

La scelta della frequenza dipende da:

- temperamento della specie

- età del soprassuolo

- velocità di accrescimento

- massa ritraibile (definire costi e ricavi)

- capacità organizzative del cantiere

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

TIPI DI DIRADAMENTO

DAL BASSO

- Rilasciare solo piante dominanti

- Assicurare la regolarità del soprassuolo

- Evitare vuoti

- Eliminare anche deperienti, malformate e morte

DALL’ALTO

- Intervenire su dominanti e sub-dominanti

- Eliminare malate, malformate e deperienti

MISTO

- Intervenire sul piano dominato e dominante

- Soprassuolo superstite con dominante rado e intermedio denso

LIBERO

- Indipendentemente dalla posizione sociale della pianta

- Valutare le condizioni delle singole piante

GRADO DI DIRADAMENTO

Dipende dalla densità di impianto e definisce l’intensità dell’intervento:

Debole, Moderato, Forte, Fortissimo

UTILIZZO DI INDICI BASATI SU PARAMETRI DENDROMETRICI

CCF: Crown Competiton Factor

- Valuta la densità di un popolamento

- Per soprassuoli coetanei

- Distanza di impianto regolare

- Esiste una relazione lineare tra il diametro a petto d’uomo e quello della chioma,

in assenza di competizione laterale di altre piante.

Maximum Crown Competition-Area

Superficie massima della chioma in funzione del diametro a 1,30 m

Crown Competition Factor (CCF)

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

AREA BASIMETRICA

- Conservare tramite i diradamenti un valore ottimale di area basimetrica tale da

permettere il maggior incremento possibile.

- Evitare valori eccessivi (riducono gli accrescimenti) e troppo bassi (perdita di

prodotto finale). FATTORE DISTANZIALE

RAPPORTO IPSODIAMETRICO O DI SNELLEZZA

- Rapporto tra altezza totale e diametro a 1,30

H/D

SCHEMI DI DIRADAMENTO

GEOMETRICO-SISTEMATICO:

- In base ad uno schema prefissato (una fila su due, oppure una si e una no, ecc)

- Ridurre i tempi ed i costi di intervento

- Massimizzare la massa legnosa

- Ottenere assortimenti di maggiori dimensioni

- Intensità funzione di indici dendrometrici e non delle classi arboree

- Distanze regolari tra le piante

- Stazioni favorevoli alla meccanizzazione

- Assenza di venti forti

- Pericolo di stabilità per le piante superstiti

- Pericolo di canali erosivi (il vento che si incanala tra le file diradate)

- Difficoltà di controllo per struttura e mescolanza

- Pericolo di chiome irregolari

- Anche in impianti misti con specie disposte regolarmente

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

SELETTIVO:

- Valutare ogni singolo individuo

- Specie pregiate

- Prodotto legnoso di qualità

- Cicli lunghi

- Necessità di controllo erosivo

- Specie con apparati radicali superficiali

- Popolamenti misti (controllo della mescolanza)

- Futura destinazione selvicolturale

- Costi elevati (tempi lunghi e personale specializzato)

- Diverso grado di intensità nelle diverse classi

SISTEMATICO-SELETTIVO:

- Per popolamenti misti per file o a gruppi

- Bilanciare aspetti economici e biologici

- Attenuare i difetti di entrambi i metodi

- Variazione del sistema geometrico

- Conservare esemplari migliori e/o di elevato valore

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

INTERVENTI FITOSANITARI

BIOCENOSI MOLTO SEMPLICE IN CUI È DI FONDAMENTALE IMPORTANZA

IL CONTROLLO DEGLI AGENTI PATOGENI BIOTICI

Soglie di intervento molto basse quindi interventi tempestivi.

METODI PREVENTIVI:

->

- Specie adatte alla stazione Sono in grado di resistere naturalmente allo stress

->

- Materiale vivaistico idoneo Non vulnerabile

->

- Genotipi e cloni selezionati Varietà più resistenti

->

- impianti misti Per ottenere una variabilità tra le specie

->

- Densità non eccessive Per evitare veloci trasmissioni di patogeni tra le piante

->

- Evitare eccessi di azoto Per evitare uno sviluppo eccessivo delle piante

->

- Evitare ristagni idrici Marciumi radicali

->

- Evitare ferite Selvaggina, potature o lavorazioni del terreno

- Trattamenti al seme o disinfestazione del terreno

->

- Tutelare predatori o parassitoidi del patogeno Lotta Biologica

->

- Eliminare piante deperienti Possibili incubatrici di patogeni

->

- Controlli periodici Per un tempestivo riconoscimento e intervento

NORMATIVA:

D.Lgs. 17 marzo 1995, n.194 in attuazione

della direttiva 91/414/CEE

Successive modifiche dell’allegato I recante

elenco dei principi attivi Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

SORVEGLIANZA

- Osservazioni dirette sulla pianta

- Trappole (cromotropiche, chemiotropiche, luminose, adesive, a feromone di

aggregazione)

- Definire presenza, dinamica del ciclo, potenziale biotico e momento di intervento

LOTTA DIRETTA:

- Meccanica: eliminazione diretta

- Bande adesive

- Trattamenti delle parti attaccate

- Lotta biologica

- Catture di massa e metodo della confusione

- Prodotti di sintesi ALCUNI PATOGENI:

- FUNGHI: marciumi radicali, carie, cancri ecc.

- AFIDI: scarso vigore vegetativo, malformazioni, filloptosi anticipata ecc.

- COCCINIGLIE: scarso vigore vegetativo, malformazioni ecc.

- LEPIDOTTERI E COLEOTTERI DEFOGLIATORI: rallentamento della crescita

- LEPIDOTTERI E COLEOTTERI XILOFAGI: riduzione valore del legno

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

FASI DEL MODULO COLTURALE

A – PREPARAZIONE DEL TERRENO PRE-IMPIANTO

B – MESSA A DIMORA (Piantine da vivaio)

C – OPERAZIONI COLTURALI POST-IMPIANTO

D – RACCOLTA DEL PRODOTTO

E – OPERE ACCESSORIE

TAGLIO

- IN BASE AL TURNO:

- Diametro prefissato

- Max rendita finanziaria

- Max incremento legnoso

- TAGLIO A RASO

- CONTROLLARE EROSIONI (Minima Superficie Tagliata)

- CONTROLLARE IMPATTO AMBIENTALE

ELIMINAZIONE CEPPAIE

- Per Legno pregiato o utilizzabile (Radica di Noce, Ciliegio o Acero)

- Per effettuare lavorazione del terreno

- PICCOLI DIAMETRI Triturazione: frese; distruzione delle ceppaie

- GROSSI DIAMETRI Estrazione: cavaceppi

FASI DEL MODULO COLTURALE

A – PREPARAZIONE DEL TERRENO PRE-IMPIANTO

B – MESSA A DIMORA (Piantine da vivaio)

C – OPERAZIONI COLTURALI POST-IMPIANTO

D – RACCOLTA DEL PRODOTTO

E – OPERE ACCESSORIE

VIABILITÀ DI SERVIZIO:

- Accesso macchinari per operazioni colturali e movimentazione legname

DIFESA ANTINCENDIO: viabilità per mezzi antincendio

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

LE POTATURE

SCOPI

Chioma equilibrata

Fusti verticali e cilindrici

Privi di rami e difetti interni ed esterni

Fusti di 3-8 m di altezza

QUESTI FATTORI PORTANO AD UN AUMENTO DEL VALORE DEL LEGNAME

E

UN AUMENTO DEL RENDIMENTO IN LEGNAME LAVORATO

TIPI DI INTERVENTO SULLE SPECIE FORESTALI

RACCORCIAMENTO DELLE BRANCHE:

Potature di recupero su piante ornamentali o mai potate

RACCORCIAMENTO DEI RAMI:

potature di produzione o di correzione

SCACCHIATURA: eliminazione giovani ricacci indifferenziati (inizio primavera)

CIMATURA:

Asportazione apice dei giovani germogli differenziati (primavera inoltrata)

ACCIECAMENTO GEMME: Eliminazione gemme prima della schiusa

RIMONDA: Eliminazione rami secchi o deperienti (qualsiasi dimensione e stagione)

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

ULTIMI STUDI SULLE POTATURE

Tra tutte le opere di manutenzione, la potatura è sicuramente la più controversa

poiché se ben eseguita aumenta la longevità di un albero ma se viene realizzata

scorrettamente può determinarne la morte prematura.

I tagli di potatura devono rispettare la biologia e la fisiologia degli alberi e non

devono in nessun caso andare ad alterare la loro capacità di chiudere le ferite

prodotte.

La biologia classica ci ha insegnato che gli alberi prima di abscindere le foglie in

autunno recuperano da esse tutte le sostanze accumulate durante la stagione

vegetativa: la clorofilla in primo luogo ma anche una grande quantità di sostanze

nutritive (carboidrati, proteine, vitamine). Dopodichè l’albero forma un tessuto

cicatriziale che fa cadere le foglie senza lasciare soluzioni di continuità.

In anni successivi la moderna arboricoltura ha chiarito i meccanismi che portano

all’abscissione dei rami non più utili all’albero perché in posizione svantaggiata dal

punto di vista fotosintetico.

Il punto di rottura avviene in una zona che l’albero prepara per tempo e che

consente una completa e perfetta compartimentazione non appena il ramo si stacca.

Questa zona è stata ampiamente studiata e viene definita come la ZONA DEL

COLLARE DEL RAMO ed è il luogo in cui il legno del fusto ed il legno del ramo si

sovrappongono creando una fascia di reazione biologica impermeabile agli agenti

patogeni.

Se il collare del ramo viene lesionato si crea irrimediabilmente un’apertura che

permette ai funghi agenti di carie e cancri di invadere i tessuti legnosi e

compromettere, nel tempo, la stabilità dell’albero.

Fino a metà degli anni Ottanta queste nozioni erano

ancora sconosciute ed era molto diffuso il taglio raso dei

rami durante gli interventi di potatura.

Con il taglio raso si eliminava non solo il ramo

indesiderato ma anche la zona protettiva del collare del

ramo inibendo di fatto la reazione dell’albero e

consentendo agli agenti patogeni di infettare il legno.

Oggi solo chi non conosce la biologia dell’albero continua

ad adottare queste tecniche di taglio che danneggiano le

barriere difensive e predispongono gli alberi a difetti

strutturali.

Le operazioni di taglio non vanno mai ad intaccare il

collare del ramo poiché la potatura deve preservare la

sanità dell’esemplare, salvaguardare lo stato strutturale

dei tessuti e mantenere la vitalità fisiologica degli alberi.

I tagli di potatura devono rispettare la biologia e la

fisiologia del sistema albero. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

FORMAZIONE DEL COLLARE

Ogni anno alla ripresa vegetativa l'attività del cambio cribro-vascolare produce un

cono di tessuti legnosi che ricopre quelli precedenti. La ripresa dell'attività cambiale

non è simultanea in tutte le parti dell'albero; i primi a risvegliarsi sono i tessuti dei

giovani germogli e questo flusso di crescita interessa le ramificazioni via, via più

grosse fino a raggiungere i tessuti del fusto.

Il cono di tessuti legnosi prodotto dal ramo, giunto sul fusto produce un primo collare

(collare del ramo) che successivamente viene ricoperto dal collare prodotto dai

tessuti del fusto (collare del fusto).

In questo modo se il ramo è vivo ogni anno si formano due collari (un collare del

ramo ed un collare del fusto) la cui sovrapposizione garantisce la solidità dell'unione

fra le due parti.

Nel caso della morte del ramo si svilupperà solo il collare del fusto che col passare

del tempo avvilupperà ciò che resta del ramo morto. Il collare è una porzione molto

importante in quanto all'interno di esso l'albero produce una prima barriera chimica

per opporsi alla penetrazione di eventuali patogeni (zona di protezione del ramo). La

rimozione del collare, e della relativa barriera, favorisce l'ingresso di patogeni e la

formazione di difetti interni. In ogni caso all'internodo (parte del ramo posta fra due

gemme o rami) non è presente alcuna zona di protezione; il taglio all'internodo è

perciò sempre da evitare.

COSA OSSERVARE DOPO L'ESECUZIONE DEL TAGLIO

Se il taglio è stato eseguito in modo corretto sulla superficie del taglio si formerà una

"ciambella" circolare di legno da ferita che chiuderà la ferita stessa.

Se il collare è stato danneggiato questa "ciambella" non risulterà circolare ma

assumerà forme diverse in funzione della posizione e della entità del danno.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

COME RIMUOVERE RAMI CODOMINANTI

I rami codominanti sono rami inseriti molto vicini tra loro e hanno all'incirca la stessa

forza e dimensione. In queste situazioni non si ha né la formazione dei collari né la

zona di protezione del ramo. I rami codominanti possono rappresentare un difetto

strutturale soprattutto quando sono inseriti con un angolo piuttosto stretto.

I rami codominanti che presentano una inserzione con angolo aperto a U spesso

mostrano una unione più forte rispetto a quelli più stretti inseriti a V anche se

l'indice più importante da osservare è la conformazione del corrugamento della

corteccia al punto di inserzione dei due rami.

Se questo corrugamento forma una cresta che spinge

chiaramente verso l'alto all'interno delle due ramificazioni

troveremo legno ad unirle (unione forte).

Se nel punto di inserzione delle ramificazioni la corteccia

si ripiega verso l'interno formando una specie di sacca si

avrà sicuramente corteccia inclusa che separa i due rami.

La corteccia inclusa è uno strato di corteccia che - prodotta al punto di inserzione dei

due rami - forma una specie di cuneo che tende a separare e a dividere le due

ramificazioni invece che ad unirle (tessuto morto che non consente alle due parti di

saldarsi tra loro).

Aumentando la dimensione di due rami inseriti nello stesso punto si creano forze che

tendono a separare i rami stessi e ciò porta ad un progressivo aumento del rischio di

apertura e rottura della biforcazione.

I rami codominanti dovrebbero essere eliminati sull'albero giovane già durante la

fase di potatura di allevamento in vivaio o, nel caso di alberi giovani, appena messi a

dimora; in alternativa si può ricorrere ad una potatura selettiva di una delle due

ramificazioni in modo da ridurre il vigore di una ramificazione e consentire lo

sviluppo di una unione del tipo fusto/ramo con la formazione di un forte

collare. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

REGOLA FONDAMENTALE PER UNA CORRETTA POTATURA

ASSICURARE UNA RAPIDA E BUONA CICATRIZZAZIONE

DELLE FERITE

FATTORI CHE INFLUENZANO LA CICATRIZZAZIONE

- Fattori genetici della specie (Una specie cicatrizza più facilmente di un’altra)

- Vigore vegetativo della pianta al momento della potatura

- Intensità della potatura (Non asportare mai, più di 1/3 della chioma)

- Possibilità di migliorare il vigore vegetativo

- Mediante diradamenti, irrigazioni, lavorazioni, concimazioni.

- Dimensione e stato delle Ferite

- In relazione alle dimensioni dei rami asportati

- In relazione alle modalità di esecuzione dei tagli

- Epoca di potatura

- CONIFERE fine Inverno (metà Febbraio, metà Marzo)

- LATIFOGLIE metà Estate (metà Luglio, inizi Agosto)

- NO ai periodi di gelo o di risalita linfatica

FASI DI UNA BUONA CICATRIZZAZIONE

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

REGOLE FONDAMENTALI PER IL TAGLIO DEI RAMI

- Non asportare mai il collare del Ramo (È una barriera protettiva)

- Tagliandolo, la ferita è più grande e rimargina male (Bitorzolatura)

- Non lasciare monconi di rami (Provocano marciumi e Nodi vistosi)

- Non danneggiare le gemme e i germogli rilasciati

- Praticare tagli netti evitando lacerazioni o slabbrature della corteccia

- Usare attrezzi affilati ed adeguati al diametro dei rami

CORRETTO RACCORCIAMENTO DI UN GIOVANE RAMO

Allo scopo di frenare il suo sviluppo

- Il taglio deve essere eseguito subito sopra

una gemma esterna vitale

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CORRETTA ESECUZIONE DEL TAGLIO

DI UN RAMETTO DI PICCOLE DIMENSIONI

CORRETTO TAGLIO DI UNA

CIMA BIFORCATA DI PICCOLE DIMENSIONI

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CATTIVA ESECUZIONE DEL TAGLIO

DI UN RAMO DI MEDIE O GRANDI DIMENSIONI

CORRETTA ESECUZIONE

1- A 30-40 cm dall’inserzione del Ramo si esegue una

traccia nel senso della freccia

2- Si avvia il taglio, sfasandolo di qualche cm rispetto alla

Tacca 1. Il ramo cadrà senza torcersi

3- Si taglia il moncone senza danneggiare il cercine.

TAGLIO DI UNA BRANCA PER SEZIONI SUCCESSIVE (1 - 9)

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

ESECUZIONE CORRETTA DEL TAGLIO DI RAMI VIVI & MORTI

Quando un ramo secca sull’albero il collare diviene

molto evidente.

Non rimuovere mai o Ferire questi collari vivi che

circondano i rami morti.

Il seccume deve essere rimosso perché costituisce un

veicolo per i patogeni che così possono diffondersi nel

tronco.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CORRETTA ESECUZIONE DI UNA CAPITOZZATURA

- La CAPITOZZATURA consiste nel

troncare bruscamente il tronco

o i Rami.

- È un’operazione raramente

necessaria.

- Rappresenta sempre un grave

danno.

- Si suggerisce di tagliare da D E

RAPPRESENTA SEMPRE UN GRAVE DANNO

IL CAPITOZZO è per definizione un taglio eseguito

all'internodo e può riguardare sia le grosse branche ad

andamento verticale che le ramificazioni laterali.

In ogni caso il taglio all'internodo è da evitare. L'albero infatti

non è predisposto a perdere il ramo in questa posizione (parte del ramo

posta fra due gemme o rami) e non presenta alcuna zona di protezione

del ramo.

Il risultato è che il taglio eseguito all'internodo ha spesso come

conseguenza lo sviluppo di carie del legno prodotte da agenti fungini.

Inoltre il taglio all'internodo - quando non porta alla morte del ramo o

della branca - stimola la produzione di vegetazione epicormica (succhioni)

in prossimità della superficie del taglio che per molti anni rimane male

inserita (assenza del collare del fusto) o inserita su un punto di potenziale

debolezza per lo sviluppo di carie interne.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

OTTO BUONE RAGIONI PER NON “CAPITOZZARE” UN ALBERO

Deficit Di Sostanze Nutritive

Interventi di potatura eseguiti correttamente molto raramente rimuovono più di

1/4 – 1/3 della chioma, al fine di non interferire con la facoltà dell’apparato fogliare

di produrre sostanze nutritive. La capitozzatura, invece, elimina una porzione di

chioma tale da sconvolgere l’assetto generale di un albero ben sviluppato,

interrompendo temporaneamente la facoltà di produrre sostanze nutritive e

determinando una “crisi energetica” a svantaggio di funzioni vitali quali la difesa

dalle aggressioni. Shock

La chioma di un albero è paragonabile ad un ombrello parasole capace di schermare

le parti dell’albero dall’azione diretta dei raggi solari. Con l’eliminazione improvvisa di

questo schermo, il tessuto della corteccia residuo è fortemente esposto alle

scottature solari. Si possono verificare anche effetti dannosi sugli alberi e gli arbusti

vicini. Se questi ultimi si sono sviluppati all’ombra della pianta capitozzata, possono

ridursi in pessime condizioni o morire.

Insetti & Malattie

I grossi mozziconi presenti in un albero capitozzato formano il callo di cicatrizzazione

con difficoltà ed in tempi lunghi. La posizione apicale di queste ferite e le loro

notevoli dimensioni ostacolano il buon funzionamento del sistema naturale di difesa

dell’albero, che si basa su reazioni chimiche. I mozziconi residui sono facilmente

attaccabili da insetti e parassiti, come pure dalle spore di funghi agenti di carie del

legno. Inoltre se un processo cariogeno fosse già in atto nel ramo, tale processo

risulterà accelerato dall’ulteriore ferita.

Indebolimento Dei Rami

Nel migliore dei casi, il legno di un nuovo ramo epicormico emesso su una parte

capitozzata presenta un’attaccatura molto più debole di quella naturale. Se nella

parte tagliata si origina un processo di decadimento del legno interno, la situazione

tende a peggiorare in seguito allo sviluppo ed all’appesantimento dei ricacci che vi

sono inseriti. Ricrescita Accelerata

Frequentemente lo scopo di una capitozzatura è il controllo della crescita in verticale

di una pianta. Spesso però si ottiene l’effetto opposto: infatti i ricacci successivi

(rami epicormici) sono nettamente più numerosi di quelli che si svilupperebbero in

una situazione normale e crescono con grande rapidità, tanto da riportare in breve

tempo l’albero alla grandezza precedente, con l’aggravante di una chioma più

disordinata e meno sana. Morte Del Soggetto

Alcuni alberi adulti sopportano la capitozzatura meno degli altri. I faggi, ad esempio,

non reagiscono prontamente ad un intervento drastico e la riduzione del fogliame

conduce all’essiccamento dei soggetti cimati.

Risultato Estetico Sgradevole

Un albero capitozzato diventa come “sfigurato”. Perfino in caso di buona reazione e

di crescita non potrà mai recuperare bellezza e conformazione naturale della specie

di appartenenza. Pertanto il paesaggio e la comunità sono privati di un aspetto

estetico di valore. Costi

Per un giardiniere, capitozzare con una motosega un albero è molto più facile che

non eseguire una potatura a regola d’arte. Una capitozzatura può apparire

economica a breve termine, tuttavia i costi a lungo termine tendono a moltiplicarsi.

Il vero costo di una capitozzatura include: il deprezzamento dell’area e dell’albero, il

costo di sostituzione in caso di morte, i danni ad arbusti o altri alberi nelle vicinanze

per le mutate condizioni, il rischio di instabilità, l’aumento dei costi di manutenzione.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

POTATURE SU LATIFOGLIE

LE LATIFOGLIE RISPETTO ALLE CONIFERE SONO CARATTERIZZATE DA:

- Capacità di produrre legname molto più pregiato di quello delle conifere,

pertanto le potature sono molto più remunerative sulle Latifoglie.

- Portamento meno innalzante e slanciato delle conifere, pertanto

necessitano di tagli di correzione e potature precoci, frequenti e assidue.

- Capacità di emettere ricacci lungo il fusto e dalla ceppaia, pertanto

le potature non devono essere traumatiche per evitare i ricacci lungo il fusto.

Queste stesse capacità permettono interventi di potatura sulle latifoglie impensabili

per le conifere. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

TIPI DI POTATURA

AUTOPOTATURA: attuata spontaneamente dalla pianta

ARTIFICIALE: dall’uomo

- Di formazione o correzione

- Di allevamento o produzione

- Straordinaria: recupero, ringiovanimento, risanamento

POTATURE DI FORMAZIONE o Tagli di Correzione:

- Sostituzione apice morto o rachitico con germoglio o ramo laterale

- Eliminazione doppie cime

- Eliminazione rami pericolosi

EPOCA: METÀ LUGLIO-PRIMI DI AGOSTO

- Le piante non sono in succhio

- Non si verificano fuoriuscite di linfa

- La corteccia non si stacca facilmente

- Si riduce il rischio di ricacci lungo il fusto

- Le ferite si rimarginano più facilmente

SCOPI:

- Per ottenere la dominanza apicale

- Per avere una chioma equilibrata

- Per mantenere il fusto dritto

POTATURA DI FORMAZIONE DALLA MESSA A DIMORA FINO AL

SUPERAMENTO DELLA CRISI DA TRAPIANTO

DURATA DELLA CRISI DA TRAPIANTO: 1 - 3 ANNI

secondo la specie

SITUAZIONI POSSIBILI

NELLA PRIMAVERA SUCCESSIVA AL TRAPIANTO

- Piantina gracile e

poco sviluppata - Eventuale taglio apice morto

- Ripulitura ricacci al piede

- Favorire il vigore vegetativo con lavorazioni

del terreno

- Piantine

perfettamente

attecchite e vigorose Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- APICE PRINCIPALE MORTO PIÙ NUMEROSI RICACCI ERBACEI

(ASPETTO CESPUGLIOSO)

Metà Giugno,

quando i germogli si sono ben differenziati

a) Taglio della cima morta sopra il germoglio più vigoroso.

b) Asportazione dei germogli in competizione con l’apice,

per un tratto di 10 cm.

c) Cimatura o raccorciamento di tutti gli altri germogli

- DOPPIE E TRIPLE CIME

a) Rilascio della cime più dritta, vigorosa, maglio attaccata

b) Cimatura o raccorciamento di eventuali germogli in competizione con l’apice

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

POTATURA DI FORMAZIONE DURANTE LA CRESCITA (Rami Lignificati)

EPOCA: Metà Luglio - Primi di Agosto

- Se i Rami sono grossi (3-4 cm alla base)

- Se la Potatura sarà intensa ½ della chioma

SCOPI:

- Eliminazione delle Biforcazioni

- Sostituzione del getto Apicale

- Eliminazione dei Rami Pericolosi

ELIMINAZIONE DELLE BIFORCAZIONI

- PRESENZA DI ALMENO UNA CIMA DRITTA

a) Rilascio della cima

b) Eliminazione delle altre in diretta competizione con l’apice principale

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- CIME INCLINATE MA RECUPERABILI

- Le cime A & B vengono legate insieme

- La cima A viene raccorciata sopra la legatura per evitare concorrenza

- Quando B si è raddrizzata, Si taglia A

- CHIOMA PRATICAMENTE PIATTA

TECNICA PRATICATA SE:

- C’è la mancanza di rami idonei alla sostituzione

- Fusto da recuperare di almeno 2 m

- Capitozzatura + Sramatura completa della pianta

- La scelta dell’apice si farà sui germogli che compariranno nella Primavera

successiva. Su di essi si opereranno le opportune cimature o raccorciamenti per

favorire il nuovo apice principale. Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

- PIANTA MALFORMATA

TECNICA PRATICATA SE:

- Pianta di circa 2-3 anni

- Il fusto è Lungo meno di 2 m

- Ceduazione Raso Terra a Fine Inverno

- Numerosi ricacci primaverili

- Si sceglie il Migliore e in Estate si Tagliano gli altri

SOSTITUZIONE DEL GETTO APICALE

SOSTITUZIONE DI UN GETTO APICALE MORTO CON

UNA GEMMA O UN RAMO:

Cima Morta a causa di, gelata o attacco parassitario

Eventualmente si possono asportare le

successive 3-4 Gemme poste più in Basso

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CARATTERISTICHE DEI RAMI PERICOLOSI

RAMO CHE TENDE

A RADDRIZZARSI:

- Angolo di inserzione più acuto degli altri rami.

- Velocità di crescita e vigore maggiori

degli altri rami.

- Entra in competizione col getto principale e tende

a formare una biforcazione della chioma.

- È instabile a causa di un inclusione di corteccia

nel punto di inserzione sul fusto.

RAMO DI DIMENSIONI

PERICOLOSE

Si considerano pericolosi tutti i rami che hanno

superato i 4 cm di diametro alla base

- In rapporto al diametro del fusto i rami sono

pericolosi quando presentano un diametro

alla base pari ad ½ del diametro del fusto.

- Provoca vistose rastremazioni del fusto.

- Se l’angolo è troppo grande rischia di

spezzarsi

UN RAMO CHE ABBIA SUPERATO I 2 cm DI DIAMETRO ALL’INSERZIONE, PUÒ

RITENERSI POTENZIALMENTE PERICOLOSO, SE NON LO SI

ASPORTA SUBITO, PER I SEGUENTI MOTIVI:

- Il nodo che si viene a formare interessa già diverse cerchie

legnose.

- Le dimensioni della ferita cominciano a non essere trascurabili.

- 2 cm rappresenta il limite tecnico per il corretto uso delle forbici

da potatura. Oltre questo limite bisogna cambiare arnese e

le operazioni di potatura diventano più lunghe e costose.

LE POTATURE DI FORMAZIONE CONTINUERANNO SINO A CHE

NON SI SARÀ COSTITUITO UN FUSTO DRITTO E PRIVO DI RAMI

PER ALMENO 3 (8-10) m DI ALTEZZA

Questi interventi correttivi si eseguiranno contemporaneamente alle potature di

Allevamento e mireranno ad eliminare ad altezze via, via crescenti:

- EVENTUALI BIFORCAZIONI

- RAMI TROPPO VERTICALI & GROSSI

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

POTATURE DI ALLEVAMENTO o di Produzione

- Innalzamento della chioma

- Graduale eliminazione dei rami più bassi per ottenere un fusto senza Nodi

SCOPI:

Asportare gradualmente i rami più bassi

per evitare la formazione di Nodi nel Legno.

PER NON TRAUMATIZZARE LE PIANTE

&

PER EVITARE RISCOPPI DI VEGETAZIONE LUNGO IL FUSTO

LE POTATURE DEVONO ESSERE:

- Precoci (Iniziano quando la pianta raggiunge 4-6 m d’altezza)

- Progressive (asportare rami di MAX 2 cm di diametro)

- Moderate (Asportare non più di 1/3 della chioma; ½ se la chioma è

molto espansa, regolare e vigorosa)

- Frequenti

ESECUZIONE DELLE POTATURE DI ALLEVAMENTO

Si eseguono solo sulle piante che arriveranno a Fine Turno

1° INTERVENTO

Asportazione del Terzo Basale della chioma

SUCCESSIVI

Ad ogni intervento la chioma verrà innalzata di:

0,5 - 1 m (Nelle piante ISOLATE)

1-2 m (In popolamenti DENSI)

INTERVALLO

Tra due interventi l’intervallo è variabile secondo l’accrescimento della

specie. REGOLA GENERALE:

Si interviene ogni volta che l’altezza totale dell’albero

aumenta di:

1-2 m (Negli alberi ISOLATI)

2-4 m (In popolamento DENSO)

ERRORI PIÙ FREQUENTI COMMESSI CON LE LATIFOGLIE

A) POTATURE DI CORREZIONE TROPPO TARDIVE E QUINDI INTENSE

(Potature di Recupero).

B) POTATURE DI RECUPERO TROPPO INTENSE

Ambedue i casi provocano traumi nella pianta che reagisce con:

- Depressione nella crescita

- Emissione di succhioni lungo il Fusto ed i Rami

I succhioni comportano sempre danni al legno, tranne quando compaiono poco

prima del taglio dell’albero. RIMEDI

- RIPULITURE: Sono molto costose e spesso vanno ripetute 2-3 volte

- PREVENZIONE: Rimedio migliore

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

CASO DELLE POTATURE DI FORMAZIONE

- ESTIVE

- PROGRESSIVE: Iniziando dai Rami più grossi

- MODERATE: Con adeguato intervallo per far riprendere la pianta

NON SONO CONSIGLIABILI

SE IL FUSTO HA UN DIAMETRO + 25-30 cm

CASO DELLE POTATURE DI ALLEVAMENTO INTENSE

- Valutare la densità del Popolamento

- Nel dubbio essere prudenti (Valgono le regole selvicolturali)

POTATURE PER LE CONIFERE

POTATURA DI FORMAZIONE ALLA PIANTAGIONE

- Le Conifere vengono trapiantate con tutti i rami.

- Se sono a Radice Nuda e presentano evidenti amputazioni alle radici si potranno

tagliare alcuni Rami.

POTATURA DI FORMAZIONE ALL’AFFRANCAMENTO

Si esegue molto raramente ad esempio quando si riscontrano danni da selvaggina

o bestiame (FRECCE BIFORCATE).

POTATURA DI PENETRAZIONE

- Eliminazione dei palchi bassi morti o seccaginosi al fine di

facilitare la circolazione negli impianti densi, nonché ridurre i rischi

d’incendio.

- Si esegue quando gli alberi sono alti 6-7 m ed interessa i primi

2 m di fusto.

- È costosa. POTATURA DI ALLEVAMENTO

- Non ha senso se non si eseguono i diradamenti.

- Si potano solo le piante più belle che arriveranno sicuramente

a Fine Turno.

- La potatura di Allevamento potrà essere eseguita in 1-2-3

passaggi

- Si dovranno ottenere fusti privi di rami per almeno 6 (8-10) m.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

REGOLAMENTO (CEE) N. 2080/92

Il Regolamento (CEE) 2080/92 si occupa dell'imboschimento delle superfici

agricole. Riveste particolare importanza sia per l'utilizzazione del suolo e per la

difesa dell'ambiente, sia come contributo alla riduzione della carenza di risorse

silvicole nella Comunità e come complemento della politica comunitaria intesa a

tenere sotto controllo la produzione agricola.

Con il Regolamento (CEE) 2080/92 si è inteso rimboschire le superficie agricole e

migliorare le condizioni dei boschi esistenti. Con il miglioramento delle superfici

boschive nelle aziende agricole si contribuisce a migliorare, sotto il profilo del

reddito, la situazione di quanti lavorano nell'agricoltura.

Il beneficio per i nuovi imboschimenti è pari all’importo dei lavori di realizzazione

dell’impianto ed a contributi pari a venti annualità.

L’impegno per i nuovi imboschimenti ha una durata di venti anni. I primi cinque

anni il beneficio è inteso a contribuire alle spese di manutenzione delle nuove

superfici boschive ed alla perdita di reddito. Gli ulteriori quindici anni il beneficio

è pari alla sola perdita di reddito subita dagli agricoltori durante il periodo non

produttivo delle superficie imboschite.

La Regione Basilicata, con proprie delibere ed in attuazione della normativa

comunitaria e del Decreto Ministeriale del 18 dicembre 1998, n. 494 e della

successiva Circolare del 4 ottobre 2000, n. 4373 recante norme di applicazione,

ha fissato i massimali per gli aiuti riportati.

Si tenga presente che, sebbene la maggior parte degli impegni possa essere attuata

da qualsiasi persona fisica o giuridica di diritto privato, il Regolamento (CEE)

2080/92 prevede che gli investimenti per il miglioramento delle superfici

boschive (quali la sistemazione di frangivento, di fasce tagliafuoco, di punti d'acqua e

di strade forestali) possano essere finanziati solo agli imprenditori agricoli

(figura determinata con il D. Lgs. 99/2004) o a loro associazioni.

Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS

SHORT ROTATION FORESTRY

Tecnica colturale che prevede l’utilizzo di specie arboree a rapido accrescimento

finalizzata alla massimizzazione della produzione di biomassa

CARATTERISTICHE

1) Turni brevi o molto brevi: da 1-2 anni a 5-6 anni

2) Specie a rapido accrescimento: Populus sp, Robinia, Eucaliptus sp.

3) Moduli colturali intensivi: elevata meccanizzazione e pratiche colturali dedicate

4) Condizioni stazionali ottimali: climatiche e pedologiche

MODELLI COLTURALI

Europeo: elevatissima densità per biomassa

Americano: densità inferiore per destinazioni industriali

SPECIE UTILIZZATE

- Principali: Cloni di Populus, Eucaliptus sp, Salix sp, Robinia pseudoacacia

- Sperimentali: Alnus sp. Platanus sp, paulownia, Acer sp.

MODULI COLTURALI

1) MODELLO EUROPEO (esempio di modulo italiano)

- Ciclo annuale: 14.000 p/ha;

- File binate (2,8 m tra le bine, 0,7-0,8 m tra le file delle bine, 0,4-0,7 m sulla fila

- Ciclo biennale: file binate o singole; 6.000/10.000 p/ha

Cicli annuali

- Facilità di raccolta con falciatrinciacaricatrici

- Produzioni annuali

- Elevato costo di impianto

- Rapido esaurimento delle ceppaie

- Elevata produzione di corteccia

- Elevata produzione anche al II e III anno

- Fino a 16 t/ha

Cicli biennali

- Riduzione del costo di impianto

- Minore densità e più spazio per le piante

- Più difficile il controllo delle infestanti

- Minore quantità di corteccia

- Fino a 20 t/ha

2) MODELLO AMERICANO

- Ciclo: 5-7 anni

- Densità: 1.000/1.500 p/ha

- Spaziatura: 3x3 o 2x2

- In Italia applicato a molte specie a rapido accrescimento per tronchetti

per l’industria della carta.

Cicli quinquennali

- Materiale da industria (carta ecc.) e da energia

- Stessi mezzi della produzione forestale

- Possibilità di allungare i turni

- Densità quindi elevate superficie Filizzola

Tesina Esame di Arboricoltura - - Scienze Forestali e Ambientali UNIBAS


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

110

PESO

8.93 MB

AUTORE

GPL1987

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Selvicoltura e principi di gestione forestale riguardante le Considerazioni generali e finalità dell'arboricoltura da legno, studio e scelta della stazione Tecniche di impianto, coltivazione e gestione delle piantagioni, Opere accessorie alle piantagioni, Caratteristiche delle specie più comunemente impiegate in impianti puri e misti, Legislazione: Aspetti forestali della PAC.
Progettazione di piantagioni.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze forestali e ambientali
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher GPL1987 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Selvicoltura e principi di gestione forestale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Basilicata - Unibas o del prof Pierangeli Domenico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Selvicoltura e principi di gestione forestale

Selvicoltura e principi di gestione forestale - principi di assestamento forestale
Appunto
Selvicoltura e principi di gestione forestale - verde urbano
Appunto
Selvicoltura e principi di gestione forestale - vivaistica forestale
Appunto
Selvicoltura - assestamento forestale
Appunto