Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

CAPITOLO  I  

Concetti  fondamentali  che  vengono  utilizzati  nell’analisi  politica:  

il  concetto,  è  un  termine,  un’idea  o  una  categoria.  La  concezione  è  invece  una  lettura  più  ampia  

paragonabile  all’interpretazione  di  un  concetto.  Per  determinare  il  concetto  di  “politica”  bisogna  

evidenziare  tre  aspetti  fondamentali:  

1. La  politica  è  un’attività  collettiva  che  si  determina  all’interno  dei  gruppi  e  tra  i  gruppi,  non  

si  può  praticare  singolarmente.    

2. La  politica  comporta  la  presa  di  decisioni  su  questioni  che  coinvolgono  il  gruppo.    

3. Le   decisioni   politiche   diventano   obbligatorie   per   il   gruppo,   in   quanto   vincolano   e  

impegnano  i  suoi  membri.    

La   politica   è   quindi   l’attività   o   il   processo   attraverso   cui   determinati   gruppi   raggiungono   e  

applicano  decisioni  vincolanti  che  incidono  sulla  collettività  nel  suo  complesso.  Una  volta  raggiunte  

le  decisioni  devono  essere  ovviamente  messe  in  atto.  Un  sistema  politico  si  può  descrivere  come  

l’insieme   delle   interazioni   attraverso   cui   determinati   valori   vengono   allocati   mediante  

provvedimenti   forniti   di   autorità   in   una   società:   è   questo   che   distingue   un   sistema   politico   da   altri  

sistemi   che   operano   nel   suo   ambiente.   CIT:   Aristotele   -­‐-­‐-­‐-­‐>   la   politica   è   il   perseguimento   di  

obiettivi  comuni  e  i  cittadini  dovrebbero  contribuire  alla  loro  realizzazione.    

I   paesi   devono   sviluppare   procedure   standard   per   prendere   e   applicare   decisioni   collettive.   Le  

strutture   decisionali   costituite   a   questo   scopo   comprendono   per   definizione   il   Governo,   ossia  

l’insieme  di  istituzioni  deputate  a  risolvere  problemi  politici.  Il  governo  è  composto  da  istituzioni  

che   hanno   la   responsabilità   di   prendere   decisioni   collettive   per   la   società.   in   un’ottica   più  

restrittiva   il   governo   si   riferisce   al   livello   politico   più   elevato   di   queste   istituzioni.   Nella   comune  

accezione,  il  governo  è  costituito  unicamente  dal  massimo  livello  delle  cariche  elettive:  presidenti,  

primi   ministri   e   altri   soggetti   che   stanno   all’apice   della   scala   di   potere.   Ma   in   un’accezione   più  

estensiva  il  governo  è  composto  da  tutte  le  organizzazioni  che  hanno  il  compito  di  raggiungere  e  

implementare   decisioni   per   la   comunità.   In   questo   senso   più   ampio   il   governo   è   l’intero   ambito  

delle  istituzioni  che  sono  investite  di  pubblica  autorità.  (Tomas  Hobbes).    

Concetto  di  Governance:  si  tratta  più  di  una  concezione.  Il  suo  significato  si  colloca  a  metà  strada  

tra   politica   e   governo:   non   coincide   con   la   politica   ma   non   si   riduce   al   governo.   La   governance  

designa   le   procedure   istituzionalizzate   che   si   usano   per   risolvere   i   problemi   politici;   dunque   si  

concentra  su  un  solo  aspetto  della  politica,  ma  fa  riferimento  anche  alla  vasta  gamma  di  attori  non  

governativi   coinvolti   in   queste   procedure,   estendendo   così   la   nostra   prospettiva   al   di   là   del  

governo.   Il   termine   designa   quindi   l’attività   che   consiste   nel   prendere   decisioni   collettive,  

un’attività   in   cui   le   istituzioni   governative   potrebbero   non   avere   un   ruolo   primario.   Intesa   come  

gestione  di  società  complesse,  la  governance  implica  il  coordinamento  di  entità  che  appartengono  

sia   al   settore   pubblico   che   al   settore   privato;   è   la   capacità   di   fare   le   cose   senza   la   capacità   di  

imporre  che  si  facciano.  Es.  più  importante  di  governance:  l’Unione  Europea.    

Classificare  i  governi:  

classificazione   moderna   ispirata   al   modello   di   Aristotele   (monarchia,   oligarchia   e   politia).   Oggi  

distinguiamo  tre  tipi  di  governo:  

La   democrazia   liberale   è   attualmente   la   forma   più   nota   e   diffusa.   I   governanti   vengono  

• scelti   attraverso   elezioni   libere,   competitive,   corrette   e   periodiche.   Quasi   tutti   i   cittadini  

hanno  diritto  al  voto  e  per  consentire  una  scelta  effettiva,  gli  elettori  possono  associarsi  ai  

  1  

partiti   politici   o   costituirne   di   nuovi.   Il   governo   di   una   democrazia   liberale   è   soggetto   a  

limiti   costituzionali.   I   diritti   individuali   vengono   difesi   efficacemente   in   tribunali  

indipendenti.   (liberalismo).   Es.   i   paesi   occidentali   (Stati   Uniti,   Italia,   Germania,   Francia,  

Australia,  ecc…).  

I   regimi  autoritari  non  sono  invece  né  liberali  né  democratici.  La  popolazione  non  ha  alcun  

• mezzo  efficace  per  controllare  i  suoi  governanti.  Le  elezioni  non  si  tengono  affatto,  inoltre  

segmenti  di  popolazione  potrebbero  essere  esclusi  dal  voto.  I  governanti  sfruttano  a  loro  

vantaggio  la  loro  posizione,  si  pongono  al  di  sopra  della  legge  e  sono  sottratti  a  un’effettiva  

responsabilità   nei   confronti   del   popolo.   Per   giunta,   i   leader   dei   regimi   autoritari   sono  

disposti,   se   necessario   a   manipolare   il   risultato   delle   elezioni.   Es.   il   medio   oriente   continua  

ad  ospitare  diversi  regimi  autoritari).    

Distinzione  tra  regimi  autoritari  e  regimi  totalitari  (regimi  fascisti  e  comunisti):  i  leader  di  questi  

sistemi  perseguono  un  rigido  controllo  e  una  completa  trasformazione  della  società.  Es.  recente:  

Iran.     La   democrazia   illiberale   rappresenta   la   via   di   mezzo   tra   gli   altri   due   modelli.   Molti   paesi  

• post   comunisti,   post   militari   o   post   coloniali   a   basso   reddito   assumono   questa   forma.   I  

governanti  tengono  elezioni  non  fraudolente  ma  pur  sempre  controllate.  I  leader  vengono  

eletti  senza  falsificazione  dei  risultati  elettorali  anche  se  tuttavia  i  governanti,  sfruttano  la  

propria   posizione   per   evitare   un   livellamento   del   terreno   di   gioco.   Manipolano   le   leggi,   i  

media  e  il  mercato.  Es.  Russia,  Messico  e  molti  paesi  post  militari  dell’Africa.  

Per  realizzare  gli  obiettivi  del  governo,  l’elemento  fondamentale  da  possedere  è  il   potere.  Il  potere  

politico  è  una  risorsa  collettiva  desiderabile  che  consente  ai  governanti  di  perseguire  con  successo  

il   pubblico   interesse.   Mentre   il   potere   è   la   capacità   d’agire,   l’autorità   è   il   diritto   riconosciuto   di  

agire.  Si  crea  quando  i  subordinati  accettano  la  capacità  dei  superiori  di  impartire  ordini  legittimi.  

L’autorità  è  il  diritto  di  comandare  e  si  crea  quando  le  persone  riconoscono  al  soggetto  investito  di  

quell’autorità   il   diritto   di   prendere   decisioni.   Weber   identifica   tre   mezzi   per   riconoscere   la   validità  

del  potere  politico:  

1. La   tradizione:   si   basa   sul   rispetto   di   ciò   che   effettivamente   o   presumibilmente   è   sempre  

esistito.  Chi  governa  in  base  alla  tradizione  non  deve  giustificare  la  propria  posizione.  

2. Il  carisma:  opposta  alla  tradizione,  si  basa  non  sul  passato  ma  sulla  creazione  della  storia.  Il  

profeta  convince  i  seguaci  che  la  terra  promessa  è  a  portata  di  mano,  egli  rappresenta  un  

capo   trascinante,   unico   ed   eroico.   I   leader   carismatici   emergono   generalmente   nei  

momenti  di  crisi    e  di  turbolenza.  (Gandhi,  Hitler,  Gesù).  L’autorità  carismatica  al  contrario  

della  tradizione  ha  però  vita  breve,  in  quanto  se  viene  a  meno  il  leader  viene  a  meno  anche  

l’autorità  politica.    

3. Le   norme   legali-­‐razionali:   qui   l’obbedienza,   si   deve   alle   regole   anziché   ai   regolatori.  

L’autorità   legale-­‐razionale   tutela   i   diritti   individuali   e   rappresenta   una   componente  

essenziale   della   democrazia   liberale;     la   legge   determina   come   si   assurge   a   ruoli   di  

comando  e  sempre  la  legge  indica  quali  limiti  i  governanti  devono  rispettare  nell’esercizio  

delle  loro  funzioni.  

Oltre  al  concetto  di  autorità,  è  importante  anche  quello  di   legittimazione,  infatti  l’autorità  consiste  

nel   potere   legittimato.   La   legittimazione   è   il   processo   attraverso   il   quale   si   forma   la   legittimità.  

Quando  un  regime  è  generalmente  accettato,  lo  definiamo  legittimo.    

Lo  stato  è  una  comunità  politica  legittima  formata  da  una  popolazione  territoriale  assoggettata  a  

un  governo.  Lo  stato  è  un’istituzione  particolare  che  si  pone  al  di  sopra  di  tutte  le  organizzazioni  

della  società.  è  una  combinazione  tra  forza  e  autorità.  Lo  stato  definisce  la  comunità  politica  di  cui  

il   governo   è   gestore.   Lo   stato   crea   un   mandato   di   gestione   che   poi   viene   affidato   al   governo.  

Questa   distinzione   si   riflette   nella   classica   separazione   dei   ruoli   di   capo   dello   stato   e   capo   del  

  2  

governo.  Lo  stato  è  l’istituzione  che  detiene  il  potere  sovrano  (C.Bodin)  in  quanto  è  l’ente  che  non  

viene   mai   limitato   da   un’autorità   superiore.   La   sovranità   contraddistingue   la   massima   fonte   di  

autorità  della  società.  Il  sovrano  è  il  decisore  di  più  alto  livello  all’interno  di  una  comunità.    

Il   concetto   di   nazione   è   più   ambiguo   rispetto   a   quello   di   stato.   Le   nazioni   sono   comunità  

immaginarie  e  la  nazione  si  identifica  spesso  con  qualsiasi  gruppo  che  chiede  di  essere  considerato  

come   tale.   Le   nazioni   sono   popoli   con   una   patria   e   implica   la   rivendicazione   di   un   determinato  

territorio.  Quando  un  gruppo  si  qualifica  come  nazione,  afferma  il  diritto  all’autodeterminazione  

all’interno   dei   propri   confini.   Vuole   la   sovranità   sulla   propria   terra   usando   o   inventando   una  

cultura  comune  per  giustificare  la  propria  pretesa.  -­‐-­‐-­‐-­‐>  nazionalismo:    è  l’ideologia  principale  del  

XX  secolo  ed  è  la  dottrina  che  afferma  il  diritto  delle  nazioni  all’autodeterminazione.    

Vi  sono  quattro  combinazioni  che  si  determinano  in  pratica  tra  stato  e  nazioni:  

Stato  nazione:  

uno  stato  che  ospita  una  sua  nazione.  Es.  Islanda  

• Stato  multinazionale:  uno  stato  che  ospita  più  di  una  nazione.  Es.  Regno  Unito  diviso  tra  

• inglesi,  scozzesi,  gallesi  e  irlandesi.  

 

Nazione  senza  stato:  una  nazione  che  manca  di  uno  stato  e  la  cui  patria  è  composta  da  vari  

• paesi.  Es.  Curdi  

Diaspora:  una  nazione  che  si  estende  al  di  là  della  sua  patria.  Es.  Ebrei.  

Concetto  di  

ideologia:  

l’azione   politica   è   motivata   dalle   idee   delle   persone.   L’ideologia   è   un   insieme   di   convinzioni   ed  

atteggiamenti  collettivi  a  favore  di  un  determinato  tipo  di  struttura  sociale,  che  i  suoi  sostenitori  

intendono   promuovere   e   mantenere.   -­‐-­‐-­‐-­‐>   C.Marx   considerava   le   ideologie   come   un   insieme   di  

illusioni  astratte.    

L’ideologia   deve   essere   considerata   come   un   sistema   di   idee   connesso   con   l’azione,   al   fine   di  

cambiare  o  difendere  l’ordine  politico  esistente.  Nonostante  la  crisi  delle  ideologie  novecentesche,  

i  termini  destra  e  sinistra  continuano  ad  essere  utili  per  capire  la  politica  contemporanea:    

Estrema  sinistra:  movimenti  egualitari  e  autoritari.  

• Centro  sinistra:  movimenti  egualitari  e  libertari.  

• Centro   destra:   movimenti   libertari   non   egualitari   che   ammettono   un’uguaglianza   solo  

• formale.  

Estrema  destra:  movimenti  antiegualitari  e  antiliberali.    

 

CAPITOLO  II  

Principali   approcci  teorici  allo  studio  della  politica:  

1. approccio  istituzionale:    

E’   lo   studio   delle   istituzioni   politiche   e   rappresentava   il   fondamento   originario   dello   studio   della  

politica.   L’istituzione   è   un’organizzazione   formale,   investita   spesso   di   uno   status   pubblico   i   cui  

membri  interagiscono  sulla  base  dei  ruoli  specifici  che  esercitano  all’interno  dell’organizzazione.  In  

politica,   l’istituzione   designa   tipicamente   un   organo   di   governo   reso   obbligatorio   dalla  

costituzione.   Le   istituzioni   sono   particolarmente   importanti   nelle   democrazie   liberali.   Tali   entità  

possiedono  spesso  la  personalità  giuridica  in  quanto  titolari  di  privilegi  e  doveri  per  disposizione  di  

legge.   In   questo   senso   esse   vengono   considerate   letteralmente   degli   attori.   La   parola   istituzione  

viene   però   anche   usata   in   un’accezione   più   ampia,   per   indicare   qualunque   pratica   politica  

consolidata  e  riconosciuta.  Le  istituzioni  hanno  delle  regole  che  i  membri  devono  seguire  e  proprio  

grazie   a   queste   regole   si   forma   l’ossatura   base   a   cui   i   membri   sovrappongono   determinate  

pratiche   informali.   L’approccio   istituzionale   offre   due   ragioni   principali   per   supporre   che   le  

organizzazioni  influenzino  il  comportamento:  

forniscono  benefici  e  opportunità,  esse  condizionano  gli  interessi  del  loro  staff.  

• incidono  sullo  sviluppo  di  una  cultura  comune.  

  3  

Un   punto   di   forza   dell’approccio   istituzionale   è   proprio   la   capacità   di   spiegare   le   origini   degli  

interessi  e  delle  culture,  anziché  limitarsi  a  darli  per  scontati.  Questo  approccio  suggerisce  più  di  

qualunque   altro   che   l’azione   politica   si   comprende   al   meglio   facendo   riferimento   alla   logica  

dell’appropriatezza  anziché  alla  logica  delle  conseguenze.  Esso  consente  di  capire  le  variazioni  di  

percorso   nelle   politiche   pubbliche   e   tiene   sotto   controllo   la   variabile   istituzionale;   spiega   inoltre  

molti   casi   di   resistenza   ai   cambiamenti.   Lo   studio   delle   istituzioni   è   lo   studio   della   stabilità   politica  

anziché   del   cambiamento.   Dell’approccio   istituzionale   bisogna   mettere   in   luce   anche   dei   limiti  

specifici:  

in   primo   luogo,   alcune   istituzioni   vengono   create   specificatamente   per   risolvere  

• determinati  problemi.  Da  per  scontato  che  l’individuo  sia  molto  condizionato  dalle  norme  

dell’istituzione,  in  realtà  non  tiene  conto  degli  interessi  individuali.    

In  secondo  luogo,  non  tengono  conto  delle  forze  sociali.    

2. Approccio  comportamentista:  

Si   diffonde   negli   anni   cinquanta   del   secolo   scorso   e   sposta   la   sua   attenzione,   dalle   istituzioni   al  

comportamento   degli   individui.   Il   principio   base,   è   quello   del   comportamentismo   che   affermava  

che  la  radice  è  uomo  e  non  le  istituzioni.  Il  comportamentismo  anteponeva  lo  studio  degli  individui  

a   quello   delle   istituzioni.   L’attenzione   si   concentrava   sugli   elettori   anziché   sulle   elezioni,   sui  

legislatori   anziché   sulle   assemblee   legislative   e   sui   giudici   anziché   sull’apparato   giudiziario.   Nella  

tradizione  comportamentista,  le  istituzioni  non  venivano  ignorate  del  tutto.  Ciò  che  contava  era  il  

comportamento  delle  persone  nel  contesto  istituzionale,  in  tutta  la  sua  complessità.    

Tra  le  ragioni  principali  dello  sviluppo  del  comportamentismo  vi  sono:  

La  decolonizzazione  

• Lo  sviluppo  e  l’interesse  per  i  metodi  quantitativi  che  tengono  sotto  controllo  un  numero  

• consistente  di  dati.  (sondaggi).  

Il  comportamentismo  venne  criticato  poiché  aveva  prodotto  alla  fine  una  scienza  politica  troppo  

sbilanciata  sul  versante  della  scienza,  a  spese  della  politica.    

3. Approccio  strutturale/sistemico:  

il  concetto  di  struttura  è  molto  più  vasto  e  potenzialmente  più  profondo  di  quello  di  istituzione.  

Per   struttura   rappresenta   il   quadro   di   riferimento   che   sostiene   e   in   ultima   analisi,   determina   la  

politica   effettiva.   In   politica   un   approccio   strutturale   enfatizza   le   relazioni   oggettive   tra   gruppi  

sociali,  inclusi  le  classi  sociali  e  lo  stato.  I  vari  interessi  e  le  varie  posizioni  di  questi  gruppi  leader  

influenzano   la   configurazione   complessiva   del   potere   e   attivano   la   dinamica   del   cambiamento  

politico.  Al  pari  di  un  sistema,  una  struttura  viene  definita  dalle  relazioni  che  intercorrono  tra  i  suoi  

componenti.   Gli   strutturalisti   guardano   esclusivamente   al   quadro   complessivo   -­‐/-­‐  

comportamentismo.   Gli   individui   in   questo   caso   sono   considerati   come   conseguenti,   anziché  

precedenti  alla  loro  collocazione  sociale,  hanno  un  ruolo  secondario  rispetto  al  complesso  dramma  

politico  che  si  svolge  intorno  a  loro.  L’enfasi  è  sull’ambiente  sociale,  anziché  sui  singoli  attori.  La  

prospettiva  strutturale  considera,  la  cultura  un  fattore  di  scarsa  importanza.  In  linea  di  principio,  le  

strutture  si  possono  esaminare  senza  fare  riferimento  alla  storia.  La  prima  ricerca  che  ha  ispirato  

questo  approccio  è  la  ricerca  pioneristica  di  Barrington  Moore  (1966).  Egli  voleva  capire  perché  la  

democrazia  liberale  si  sviluppò  prima  e  più  facilmente  in  Francia,  in  Inghilterra  e  negli  Stati  Uniti  

che  in  Germania  e  in  Giappone.  Oggi  l’approccio  strutturale/sistemico  viene  utilizzato  per  studiare  

le  decisioni  pubbliche.  

4. Approccio  della  scelta  razionale:  

E’   un’analisi   che   ci   riporta   agli   individui;   si   focalizza   unicamente   sugli   interessi   degli   attori   come  

fattori  esplicativi.  L’assunto  di  base  è  che  le  persone  siano  in  grado  di  valutare  le  alternative  che  

hanno  a  disposizione  in  ogni  situazione  specifica  e  possano  scegliere  coerentemente  l’opzione  che  

si  colloca  al  primo  posto  nel  loro  ordine  di  preferenza.  Bisogna  solo  identificare  gli  obiettivi  degli  

  4  

attori   e   capre   come   si   possono   perseguire   nel   migliore   dei   modi   in   una   determinata   situazione.  

Tutto   il   resto,   inclusi   i   resoconti   che   danno   gli   attori   del   proprio   comportamento,   sono   dettagli.   Lo  

scopo   è   modellizzare   le   componenti   essenziali   dell’interazione   umana,   non   ricostruire  

dettagliatamente   le   motivazioni.   Il   soggetto   dell’analisi   basata   sulla   scelta   razionale   è  

generalmente   l’individuo.   Anzi   il   punto   di   partenza   è   talvolta   l’individualismo   metodologico:   il  

principio  secondo  il  qual  l’unità  elementare  della  vita  sociale  è  l’azione  dell’individuo.  Spiegare  le  

istituzioni   e   il   cambiamento   sociale   significa   dimostrare   che   sono   il   risultato   delle   azioni   degli  

individui.  -­‐-­‐-­‐>  Cit.  J.Schumpeter.  Uno  dei  principali  contributi  di  questo  approccio  sta  nella  capacità  

di   mettere   in   luce   i   problemi   dell’azione   collettiva,   ossia   le   difficoltà   che   emergono   nel   coordinare  

le  azioni  degli  individui  in  modo  da  ottenere  il  migliore  risultato  possibile  per  ciascuno.  I  problemi  

dell’azione  collettiva  emergono  quando  il  comportamento  razionale  di  ciascuna  persona  produce  

un  risultato  complessivamente  sub  ottimale.  Il  problema  emerge  tipicamente  quando  le  persone  

cercano  di  sfruttare  gratuitamente  gli  sforzi  di  altri  soggetti  per  la  fornitura  di  beni  pubblici.    

5. Approccio  interpretativo  

Affronta  la  relazione  che  intercorre  tra  le  idee  e  la  politica.  L’approccio  interpretativo  assume  che  

le   strutture   dell’associazione   umana   siano   determinate   principalmente   da   idee   comuni   anziché   da  

forze   materiali   e   le   identità   e   gli   interessi   di   attori   propositivi   siano   costruite   da   queste   idee  

comuni,  anziché  fornite  dalla  natura.  Questa  posizione  afferma  che  la  politica  consiste  nelle  idee  

nutrite   su   di   essa   dai   soggetti   che   vi   partecipano.   Non   c’è   nessuna   realtà   politica   separata   dalle  

nostre   costruzioni   mentali   che   si   possono   esaminare   per   valutare   l’impatto   delle   idee.   Anzi   la  

politica  è  formata  dalle  idee.  La  vera  costituzione  politica  è  il  complesso  delle  idee  condivise.  Le  

idee   vengono   prima   dei   fattori   materiali,   perché   il   valore   attribuito   a   questi   ultimi   è   comunque  

un’idea.   L’approccio   interpretativo   si   avvicina   alla   corrente   filosofica   ed   epistemologica   del  

costruttivismo.    

 

CAPITOLO  III  

Strategie  di  ricerca  

La  ricerca  politologica  non  è  riconducibile  a  uno  schema  unitario,  vi  sono  varie  strategie:  

1. Lo  studio  di  caso:    

Gli  studi  di  caso  costituiscono  una  delle  strategie  più  usate  nella  ricerca  politologica.  Lo  scopo,  è  

quello   di   fornire   un   esempio   dettagliato   che   illustra   un   fenomeno   più   vasto;   bisogna   aver   ben  

chiaro  il  problema  da  rappresentare.  Dunque,  lo  studio  di  caso  crea  un  valore  aggiunto  offrendo  

l’illustrazione   dettagliata   di   un   tema   più   ampio.   Per   loro   natura,   gli   studi   di   caso   sono   multi  

metodo,   in   quanto   usano   l’intera   gamma   delle   tecniche   a   disposizione   dello   scienziato   politico  

(esami,   valutazione   di   documenti,   analisi   delle   fonti,   interviste   ed   esperienze   dirette).   Questo  

approccio   si   pone   in   contrasto   con   i   metodi   specifici   che   mirano   a   studiare   la   materia   in   esame  

attraverso   un’unica   lente,   come   l’analisi   statistica.   Al   contrario,   lo   studio   di   caso   mira   ad  

identificare   l’interazione   tra   una   serie   di   fattori   per   produrre   determinati   risultati   nel   caso  

specifico.   Un  caso  può  essere  utile  perché  è:  

Rappresentativo:  è  di  gran  lunga  il  caso  più  comune,  i  ricercatori  usano  spesso  il  proprio  

• paese  come  caso  rappresentativo.    

Prototipico:   viene   scelto   non   per   la   sua   rappresentatività,   ma   per   la   sua   tipicità.  

• Es.Toqueville  nello  studio  degli  Stati  Uniti.    

Deviante:   si   va   alla   ricerca   di   un   fenomeno   eccezionale,   non   nella   norma.   Si   usano   per  

• rendere  più  chiara  la  comprensione  di  eccezioni  e  anomalie.    

Esemplare:  sono  archetipi  generativi  della  categoria  che  sono  chiamati  a  rappresentare.    

• Critico:   permette   di   testare   una   proposizione   nelle   circostanze   meno   favorevoli   alla   sua  

• validità.      

  5  

2. Studi  comparati:  

Comparando   diversi   sistemi   politici   si   possono   trarre   numerosi   benefici.   La   comparazione   migliora  

la  nostra  comprensione  del  mondo  politico  dando  luogo  a  classificazioni  più  analitiche;  ci  permette  

di  capire  meglio  i  luoghi  che  conosciamo  meno.  Un  secondo  vantaggio  della  comparazione  è  che  ci  

mette  in  condizione  di  classificare  le  strutture  di  governo  e  i  processi  politici.  Possiamo  distinguere  

tra   democrazie   liberali,   illiberali   e   confrontarle   con   i   regimi   autoritari.   Si   possono   classificare   le  

costituzioni  scritte  e  non  scritte,  le  formule  elettorali  in  proporzionali  e  non  proporzionali.  Inoltre  i  

comparatisti  nel  comprendere  il  funzionamento  dei  sistemi  politici  cercano  di  formulare  e  testare  

delle  ipotesi.  L’ipotesi  è  una  relazione  tra  due  o  più  fattori  o  due  o  più  variabili.  Gli  studi  comparati  

infine  una  volta  convalidati,  possono  indurre  delle  previsioni.  La  capacità  di  previsione  permette  di  

trarre  lezioni  trasversali  ai  paesi.    

All’interno  degli  studi  comparati    di  tipo  qualitativo,  troviamo  due  approcci  principali:  

Approccio  della  massima  similarità:  impone  di  selezionare  i  casi  più  simili  possibili  fra  loro,  

• che   differiscono   solo   per   la   variabile   che   vogliamo   studiare.   (Es.   sistemi   elettorali   sui  

partiti).  

Approccio   della   massima   differenza:   si   selezionano   i   casi   che   sono   diversissimi   su   tutti   i  

• profili,  tranne  su  quello  che  intendiamo  studiare.    

Le   comparazioni   qualitative   si   collocano   a   metà   strada   tra   lo   studio   di   caso   e   l’analisi   statistica.  

Rappresentano   la   forma   standard   di   comparazione,   che   consiste   in   un   numero   limitato   di   studi  

focalizzati  sulla  comparazione  intensiva  di  un  solo  aspetto  della  politica,  in  un  gruppo  ristretto  di  

paesi.   Al   pari   dello   studio   di   caso,   rimangono   sensibili   alla   specificità   e   alle   politiche   dei   singoli  

paesi  ma  richiedono  anche  la  disciplina  intellettuale  insista  nel  confronto.  Bisogna  identificare  le  

affinità   e   le   differenze   e   bisogna   cercare   di   spiegare   i   contrasti   osservati.   Le   comparazioni  

qualitative,  al  contrario  delle  analisi  statistiche,  rimangono  sensibili  alla  storia.    

3. Metodo  qualitativo:  

I  casi  sono  pochi  perché  si  va  in  profondità.  Ci  sono  tante  informazioni  sulle  singole  unità.  Sono  più  

dettagliate  e  meno  generalizzabili.  Lo  strumento  principale  è  costituito  dall’intervista.    

4. Metodo  quantitativo:  

L’approccio   quantitativo   al   contrario   delle   altre   tecniche,   si   basa   sulle   variabili   anziché   sui   casi.  

Nello   specifico,   l’obiettivo   è   capire   in   che   misura   le   variabili   o   i   fattori   co-­‐variano,   per   cui   la  

conoscenza   del   valore   rilevato   in   un   paese   su   una   variabile   ci   consente   di   prevedere   il   valore   di  

un’altra  variabile.  In  queste  analisi  la  variabile  è  dipendente,  mentre  le  altre  sono  indipendenti  o  

esplicative.  Nell’analisi  statistica,  la  variabile  dipendente  è  il  fattore  che  vogliamo  spiegare,  come  

per   esempio   il   partito   che   viene   votato,   mentre   la   variabile   indipendente   è   il   fattore   che  

influenzerebbe  la  variabile  dipendente,  per  esempio  il  livello  di  istruzione.  

Il   coefficiente   di   correlazione   misura   l’accuratezza   con   cui   possiamo   prevedere   una   variabile  

statistica  in  funzione  dell’altra.    

5. Analisi  storica:  

E’  un  metodo  lungo  e  complesso.  Non  si  sofferma  sui  meccanismi  ma  ricostruisce  interamente  un  

processo.   La   ricostruzione   del   processo   consiste   nell’identificazione   e   nella   descrizione   delle  

sequenze  storiche  che  legano  una  causa  a  un  effetto.    

 

CAPITOLO  IV    

Lo  stato  

Prima   che   nascesse   lo   Stato,   i   sistemi   politici   erano   costituiti   principalmente   da   regni,   imperi   e  

città.  Lo  stato  moderno  rimane  una  forma  distinta  da  tutte  le  formazioni  che  l’hanno  preceduta.  

Gli  stati  di  oggi  possiedono  il  potere  sovrano  di  governare  la  popolazione  di  un  territorio  specifico,  

un   concetto   che   contrasta   con   la   forma   di   governo   più   personale   e   non   centralizzata   dei   re   e   degli  

  6  

imperatori.  L’idea  moderna  di  stato  si  sviluppò  in  Europa  tra  il  XVI  e  il  XVIII  secolo.  Lo  stato  nacque  

dalle   ceneri   dell’Europa   medioevale,   dominata   all’epoca   dalla   chiesa   cattolica   romana   e   dai  

signori  feudali.  Se  c’è  stata  una  forza  che  ha  determinato  la  transizione  allo  stato  moderno,  questa  

è  la  guerra,  le  nuove  tecnologie  obbligarono  i  governanti  a  ragionare  in  termini  innovativi.  Con  il  

venir   meno   dei   vincoli   feudali   e   lo   sviluppo   di   un   commercio   omogeneo,   iniziarono   a   comparire   le  

prime  monarchie  centralizzate.  Inoltre  la  Riforma  di  Lutero  batté  le  fondamenta  religiose,  dando  

inizio   a   un   conflitto   che   si   concluderà   solo   con   la   pace   di   Westfalia   che   conferì   ai   governanti  

maggior   controllo   all’interno   dei   loro   regni,   confermando   così   la   diminuita   autorità   transnazionale  

della  chiesa.    

Pensatori  di  uno  stato  moderno:  J.Bodiin,  T.Hobbes,  J.locke  -­‐-­‐-­‐-­‐-­‐>  affermazione  dei  diritti  naturali  

dei   cittadini,   alla   libertà,   alla   vita   e   alla   proprietà.   Nell’opera   di   Locke   si   assiste   a   un’immagine  

moderna  di  stato  liberale,  in  cui  la  sovranità  è  limitata  dal  contratto  e  dal  consenso.    

I   due   eventi   che   maggiormente   imposero   queste   idee   furono   la   rivoluzione   americana   con   la  

dichiarazione  di  indipendenza  (1776),  e  la  rivoluzione  francese  (1789).  I  principi  della  rivoluzione  

francese   furono   articolati   nella   dichiarazione   dei   diritti   dell’uomo   e   del   cittadino,   e   i   poteri  

venivano  conferiti  a  un  governo  autorizzato  a  perseguire  la  volontà  generale  -­‐-­‐-­‐>  decisioni  prese  

dai  cittadini  per  il  bene  della  società,  anziché  per  gli  interessi  di  determinati  gruppi  o  individui  (j.  

Rousseau).   Con   il   pensiero   ispiratore   della   rivoluzione   francese,   le   basi   teoriche   dello   stato  

democratico   occidentale,   erano   praticamente   complete.   L’opera   di   costruzione   fu   portata   a  

termine   nel   XIX   secolo   e   nei   primi   tre   quarti   del   XX   secolo   anche   grazie   all’affermazione   delle  

identità   nazionali.   Nel   XIX   secolo,   i   confini   si   trasformarono   lentamente   in   barriere   perché   le  

mappe  dettagliate  fornivano  frontiere  ben  definite.  Anche  sul  piano  economico  la  seconda  metà  

del   XIX   secolo   vide   la   fine   di   un’epoca,   caratterizzata   da   un   interscambio   commerciale  

relativamente  libero.  In  quel  periodo,  infatti,  molti  governi  adottarono  politiche  protezionistiche.  I  

conflitti  del  1914-­‐1918  e  del  1939-­‐1945  furono  delle  guerre  totali,  combattute  tra  intere  nazioni  

anziché  tra  forze  armate  specializzate.  Il  XX  secolo  fu  un’era  dominata  dallo  stato,  perché  fu  anche  

un’era  di  guerra.  La  fine  della  guerra  nel  1945,  portò  lo  sviluppo  in  tutta  l’Europa  occidentale  di  un  

modello   di   stato   sociale   (welfare   state),   in   cui   i   governanti   assumevano   direttamente   il   compito   di  

proteggere  i  cittadini  dai  rischi  di  malattia,  disoccupazione  e  vecchiaia.  In  questo  modo,  si  creò  uno  

stato  post  bellico  -­‐-­‐-­‐>  stato  sociale  keynesiano:  che  integrava  pieno  impiego  e  assistenza  pubblica  

con  un’economia  nella  quale  il  settore  privato  continuava  ad  avere  un  ruolo  di  primo  piano.    

Lo   stato   nacque   in   Europa   e   fu   poi   esportato   nel   resto   del   mondo   dalle   potenze   coloniali,  

soprattutto  dalla  Gran  Bretagna,  dalla  Francia  e  dalla  Spagna.  Di  conseguenza,  quasi  tutti  gli  stati  

del   mondo   in   cui   viviamo   sono   post   coloniali.   I   paesi   che   hanno   ottenuto   l’indipendenza  

all’indomani   della   seconda   guerra   mondiale,   hanno   subito   l’arrivo   dei   coloni   che   cercavano   di  

soppiantare   le   comunità   indigene,   con   l’obiettivo   di   portare   con   sé   elementi   di   una   tradizione  

europea   che   ricrearono   e   adattarono   alla   società   presente.   Nei   molti   più   numerosi   paesi   coloniali,  

per  contro,  gli  imperi  cercarono  di  sfruttare  la  manodopera  locale  e  le  risorse  locali  senza  creare  

nuove  nazioni  in  quel  territorio.  Il  processo  che  vede  ottenere  l’indipendenza  da  parte  degli  stati  

coloniali,  si  può  suddividere  in  quattro  ondate  che  hanno  coperto  più  di  due  secoli:  

1. Prima  ondata  di  decolonizzazione:    

Avvenne   all’inizio   del   XIX   secolo   nei   territori   spagnoli   e   portoghesi   dell’America   latina,   dove   i  

colonizzatori  avevano  esercitato  il  loro  dominio  senza  eliminare  la  popolazione  indigena.  Queste  

prime  guerre  d’indipendenza  ebbero  luogo  poco  dopo  le  rivoluzioni  americana  e  francese,  ma  non  

poggiavano   sulla   una   base   liberale   ed   egualitaria   dei   loro   predecessori.   Nacquero   nuove  

costituzioni,  ma  non  erano  democratiche  e  non  ebbero  nemmeno  piena  attuazione.  L’esisto  della  

prima   ondata   di   decolonizzazione   non   fu   uno   stato   costituzionale   come   quello   ideato   da   Locke;   lo  

sfruttamento  delle  popolazioni  indigene  e  degli  schiavi  continuò  anche  nell’era  post  coloniale.    

  7  

2. Seconda  ondata  di  decolonizzazione:  

Interessò   la   zona   dell’Europa   e   del   Medio   Oriente,   con   il   tracollo   definitivo   degli   imperi   Austro-­‐

ungarico,   russo   e   ottomano,   verso   la   fine   della   prima   guerra   mondiale.   Il   principio   di  

autodeterminazione  introdotto  dal  presidente  americano  W.Wilson,  ebbe  un  ruolo  primario  nello  

scatenare  sentimenti  nazionalisti  che  permisero  un  ridisegno  della  mappa  europea.    

3. Terza  ondata  di  decolonizzazione:  

E’  l’ondata  più  consistente,  e  si  ebbe  dopo  il  1945  con  il  ridimensionamento  causato  dalla  guerra,  

degli  imperi  che  facevano  capo  agli  stati  europei.  Paesi  asiatici  come  le  Filippine  e  l’India,  furono  i  

primi  ad  ottenere  l’indipendenza,  mentre  molte  altre  colonie  dell’Africa,  dei  Caraibi  e  del  Medio  

Oriente  le  seguirono  a  breve  distanza  di  tempo.    

4. Quarta  ondata  di  decolonizzazione:  

E’  l’ultima  del  processo  di  formazione  di  nuovi  stati  indipendenti,  e  si  è  avuta  nell’ultimo  decennio  

del   XX   secolo,   innescata   dal   tracollo   del   comunismo.   La   dissoluzione   del   mondo   comunista  

dominato   in   precedenza   dall’Unione   Sovietica   ha   portato   all’indipendenza   degli   Stati   Baltici   e   di  

una   dozzina   di   Paesi   ex   satelliti   dell’Europa   orientale,   quali   l’Ungheria,   la   Polonia   e   la   Romania.  

Inoltre,   la   stessa   Unione   sovietica,   si   dissolse   in   quindici   stati   indipendenti,   tra   cui,   l’Ucraina,  

l’Uzbekistan  e  ovviamente  la  stessa  Russia.    

 

Il  processo  di  globalizzazione,  contribuì  successivamente  a  collocare  gli  stati  in  un  contesto  sempre  

più   internazionale.   La   maggior   parte   degli   stati   consolidati   appartiene   alle   250   organizzazioni  

intergovernative,  (OIG)  che  operano  attualmente  nell’ambiente  internazionale.  Le  OIG  sono  entità  

i  cui  membri  includono  gli  Stati.  Esse  sono  costituite  in  base  a  un  trattato,  e  operano  solitamente  

tramite  il  consenso,  con  il  coordinamento  di  un  segretariato  permanente.  Le  OIG  svolgono  funzioni  

utili   per   gli   stati,   mettendo   in   comune   informazioni,   coordinando   politiche   e   sviluppando  

un’infrastruttura   internazionale.   Esse   rappresentano   comunque   anche   una   preoccupazione   per   gli  

stati,  in  quanto  complicano  il  compito  della  governance  e  incidono  sull’equilibrio  delle  forze  che  

operano   all’interno   dei   sistemi   politici   internazionali,   frammentando   il   processo   di   formazione  

della  politica  interna.    

Al  di  là  dello  stato  -­‐-­‐-­‐-­‐>  concetti:  

Internazionale:   significa   “tra   gli   stati”   e   fa   riferimento   alla   politica   internazionale.   Viene  

• usato  anche  in  senso  più  generale  per  indicare  qualunque  attività  che  si  estende  al  di  là  di  

un  solo  paese.  

Multinazionale:  indica  un’entità  che  opera  in  vari  paesi  o  è  composta  da  vari  paesi.    

• Transnazionale:  indica  un’entità  che  opera  al  di  là  dei  confini  di  un  determinato  paese.  (Es.  

• reti  terroristiche  transnazionali).  

Sovranazionale:  indica  un’entità  che  opera  al  di  sopra  dello  stato,  in  virtù  del  trasferimento  

• dell’autorità  formale  a  un  ente  sovranazionale.    

 

CAPITOLO  V  

La  democrazia  

Con  la  fine  della  Guerra  Fredda  e  la  messa  in  discussione  del  principio  di  sovranità  incondizionata  

dello   Stato,   la   promozione   della   democrazia   è   divenuta   l’obiettivo   ideologico   più   esplicito   in  

Occidente.  Origine  della  democrazia  -­‐-­‐-­‐>   democrazia  diretta  ateniese  del  V  secolo  a.C.  

Il   principio   base   della   democrazia   è   l’autogoverno   (demokratia   -­‐-­‐-­‐-­‐>   governo   del   popolo).   La  

democrazia   modello,   è   una   forma   di   autogoverno   in   cui   tutti   i   cittadini   adulti   contribuiscono   a  

formare   decisioni   collettive   che   vengono   prese   in   un   ambiente   di   uguaglianza   e   di   libertà  

decisionale.  La  democrazia  diretta  nacque  nell’antica  Atene,  che  era  la  polis  più  importante  della  

Grecia.  Le  poleis  erano  piccoli  sistemi  politici  indipendenti,  composti  generalmente  da  un  nucleo  

  8  

principale  urbano  e  da  un  ambiente  circostante  rurale.  La  polis  ateniese  operava  in  base  ai  principi  

democratici   teorizzati   da   Aristotele.   Tutti   i   cittadini   potevano   partecipare   alle   riunioni  

dell’assemblea,   entrare   nel   consiglio   di   governo   e   far   parte   delle   giurie   popolari.   Il   simbolo   più  

rappresentativo   di   democrazia   diretta   era   proprio   l’ekklesia   (assemblea   del   popolo)   ateniese.  

Qualunque   cittadino   di   età   superiore   ai   vent’anni   poteva   partecipare   alle   riunioni   e   rivolgersi   ai  

suoi  concittadini.  Le  riunioni  si  svolgevano  tra  i  cittadini  e  non  tra  i  loro  rappresentanti.    Le  funzioni  

amministrative,   venivano   esercitate   da   un   consiglio   esecutivo   composto   da   500   cittadini  

ultratrentenni,   scelti   mediante   estrazione   a   sorte   per   la   durata   di   un   anno.   Giurie   formate   da  

centinaia  di  persone,  selezionate  anch’esse  casualmente  su  base  volontaria,  decidevano  le  cause  

promosse  frequentemente  dai  cittadini  nei  confronti  di  coloro,  che  erano  sospettati  di  aver  agito  

contro  gli  autentici  interessi  della  polis.  Ciò  nonostante  la  polis  ateniese  aveva  dei  seri  limiti:  

La  cittadinanza  era  attribuita  unicamente  agli  uomini  i  cui  genitori  avevano  già  la  qualifica  

• di  cittadini.  Le  donne,  inoltre,  non  avevano  alcun  ruolo  pubblico.  

Il   sistema   era   dispersivo,   molto   costoso   ed   eccessivamente   articolato,   specie   per   una  

• società  così  piccola.    

Il  principio  dell’autogoverno  non  produceva  sempre  una  politica  risoluta  e  coerente.    

La   democrazia   ateniese   poteva   funzionare   solo   in   una   dimensione   molto   piccola.   Benché   il  

governo   democratico   moderno   sia   rappresentativo   e   non   diretto,   la   democrazia   ateniese   pone  

l’attenzione   su   un   altro   tipo   di   democrazia,   che   rimane   largamente   teorico   e   non   applicato,   ma  

comunque  importante:  

la  democrazia  deliberativa.  

L’idea   di   base   è   molto   semplice:   durante   un   dibattito   in   assemblea,   le   argomentazioni   che   si  

basano   su   un   interesse   personale,   vengono   immediatamente   screditate   e   la   ragione   pubblica  

comporta  un  appello  al  bene  pubblico.  Una  discussione  libera  e  aperta  produce  dei  ragionamenti  

su   cui   tutti   possono   concordare,   consentendo   la   prevalenza   dell’argomentazione   più   valida,  

anziché   dell’oratore   più   persuasivo.   Un   dibattito   autentico,   consente   anche   la   formazione  

dell’opinione   pubblica,   mettendo   così   a   disposizione   un   crogiuolo   per   lo   sviluppo   della   volontà  

collettiva.   In   queste   condizioni   dovrebbe   emergere   un   consenso   su   ciò   che   è   veramente  

nell’interesse  pubblico  e  la  ragione  pubblica  dovrebbe  prevalere  sugli  interessi  particolari.    

DEMOCRAZIA  RAPPRESENTATIVA  

A   livello   nazionale,   tutte   le   democrazie   contemporanee   sono   rappresentative,   anziché   dirette.   Il  

principio   democratico   si   è   evoluto   dall’autogoverno,   al   governo   elettivo,   discostandosi  

sostanzialmente   dalla   tradizione   antica.   Per   i   greci,   la   stessa   idea   di   democrazia   rappresentativa  

sarebbe   stata   assurda.   -­‐-­‐-­‐>   anche   secondo   Rousseau   (nel   momento   in   cui   un   popolo   si   consegna   a  

dei  rappresentanti,  non  è  più  libero).    

Ma  con  la  nascita  degli  stati  moderni  è  nata  anche  l’esigenza  di  una  nuova  forma  di  democrazia,  

compatibile  con  i  grandi  stati  contemporanei.  Uno  dei  primi  a  introdurre  la  rappresentanza  nella  

democrazia   fu   Thomas   Paine   (1737-­‐1809).   Il   governo   rappresentativo   moderno   consente   a  

popolazioni  enormi  di  esercitare  un  certo  controllo  popolare  sui  propri  governanti.  La  democrazia  

è   innanzitutto   un   metodo   ovvero   un   insieme   di   regole   del   gioco   che   servono   a   consentire  

competizione   e   partecipazione   per   tutti   i   cittadini.     Le   regole   si   sostanziano   in   strutture   e  

procedure   che   consentono   la   risoluzione   pacifica   dei   conflitti,   attraverso   modalità   che  

garantiscono   i   diritti   civili   e   politici.   Elezioni   libere,   ricorrenti,   competitive   e   corrette,   suffragio  

universale   maschile   e   femminile,   più   di   un   partito   politico   in   competizione   e   cariche   elettive   più  

rilevanti,  sono  gli  indicatori  minimi  di  un  assetto  liberal-­‐democratico  di  massa.    

DEMOCRAZIA  LIBERALE  E  ILLIBERALE  

Al   pari   della   democrazia   rappresentativa,   anche   la   democrazia   liberale   scaturisce   da   un  

compromesso  di  principi  diversi.  Essa  cerca  di  integrare  l’autorità  dei  governi  democratici  con  dei  

limiti   al   loro   raggio   d’azione.   La   democrazia   liberale   è   per   definizione   un   governo   limitato.  

  9  

L’obiettivo   è   garantire   la   libertà   individuale,   che   include   la   possibilità   di   sottrarsi   alle   pretese  

ingiustificate   dello   stato.   In   questo   modo   il   popolo   si   può   difendere   dai   suoi   governanti   e   le  

minoranze   si   possono   proteggere   dal   pericolo   insito   nella   democrazia:   la   tirannia   della  

maggioranza.   Se   il   governo   dovesse   diventare   oppressivo,   i   cittadini   potrebbero   rivolgersi   ai  

tribunali   nazionali   e   internazionali   per   tutelare   i   propri   diritti.   La   democrazia   liberale   è   un  

compromesso  tra  libertà  individuale  e  politica  collettiva  che  riflette  le  questioni  principali  che  ne  

hanno  favorito  la  nascita  nei  sistemi  politici  occidentali.  Tratti  tipici  delle  democrazie  liberali:  

I  diritti  civili  e  politici  sono  riconosciuti  e  tutelati.  

• Si  rispetta,  il  governo  della  legge.  

• La  magistratura  è  indipendente  così  come  molte  altre  autorità  amministrative.  

• I  mezzi  di  comunicazione  sono  soggetti  a  un  controllo  governativo.  

• I  civili  esercitano  il  controllo  sui  militari.  

Se   almeno   uno   di   questi   principi   non   viene   rispettato,   siamo   al   di   sotto   della   soglia   minima   che  

definisce  la  democrazia  liberale.    

Con  il  tracollo  dei  governi  comunisti  e  militari  negli  ultimi  decenni  del  secolo  scorso,  la   democrazia  

illiberale  è  diventata  più  comune  e  più  visibile.  In  un  regime  di  questo  tipo,  i  governanti  eletti  si  

preoccupano   abbastanza   poco   dei   diritti   individuali,   quantomeno   nei   rapporti   con   gli   oppositori  

politici.   La   democrazia   illiberale   è   meno   democratica   e   meno   liberale.   Il   carattere   illiberale   di  

questi  regimi  emerge  chiaramente  dopo  la  vittoria  elettorale.    

Il   governo,   dominato   quasi   sempre   da   un   presidente   autoritario   dimostra   un   rispetto   alquanto  

limitato   per   il   dettato   costituzionale.   La   democrazia   illiberale   si   basa   su   un   leader   autoritario,  

anziché   su   istituzioni   autorevoli.   Poiché   in   una   democrazia   illiberale   l’apparato   giudiziario   è  

sottodimensionato   quasi   per   definizione,   esso   non   è   in   grado   di   tutelare   concretamente   i   diritti  

individuali   garantiti   dalla   costituzione.   La   legge,   viene   usata   selettivamente   come   strumento   di  

potere.   Gli   oppositori   politici,   vengono   assoggettati   a   indagini   approfondite   ma   i   sostenitori   non  

vengono   quasi   mai   disturbati   da   una   rigorosa   applicazione   della   legge.   Inoltre,   diversamente   da  

quanto  accade  nei  regimi  autoritari,  il  leader  fornisce  spesso  una  governance  efficace,  ottenendo  

così,   con   la   manipolazione,   l’appoggio   popolare.   Questa   forma   è   particolarmente   comune   nelle  

democrazie   dei   paesi   poveri,   con   molte   divisioni   etniche,   religiose   ed   economiche.   (paesi   latino-­‐

americani).   In   quanto   fortemente   personalizzate,   le   democrazie   illiberali   sono   tendenzialmente  

instabili  nel  lungo  periodo.    

Democratizzazione  

La   democratizzazione   è   il   processo   di   trasformazione   da   un   regime   non   democratico   a   uno  

democratico.  Inizia  con  l’attenuazione  dei  tratti  repressivi  del  regime  precedente  e  con  aperture  

liberalizzanti.   Generalmente   attraversa   diverse   fasi:   dalla   crisi   del   precedente   regime,  

all’instaurazione,  fino  al  consolidamento  della  democrazia.    

1. Prima  ondata:  

Le   prime   democrazie   rappresentative   nacquero   nella   prima,   lunga   ondata   di   democratizzazione,  

tra  il  1828  e  il  1926.  In  questa  prima  ondata,  quasi  trenta  (Es.  Stati  Uniti,  Gran  Bretagna,  Canada,  

Italia,  Germania,  Francia)  paesi  crearono  istituzioni  nazionali  democratiche.  Nonostante  questo,  si  

manifestò   in   certi   paesi,   un   certo   arretramento   causato   da   alcune   dittature   fasciste,   naziste   e  

comuniste,   che   rovesciarono   temporaneamente   l’assetto   democratico.   La   democrazia   si   è  

consolidata   nei   casi   che   avevano   avuto   origine   nei   primi   anni   dell’Ottocento,   come   gli   Stati   Uniti   e  

l’Inghilterra.   Mentre   la   democrazia   statunitense   distribuisce   il   potere   tra   le   istituzioni,   la  

democrazia  britannica  enfatizza  la  sovranità  del  parlamento.    

 

 

 

  10  

2. Seconda  ondata:  

Ebbe   inizio   durante   la   seconda   guerra   mondiale   e   continuò   fino   agli   anni   Sessanta.   Solide  

democrazie   nacquero   effettivamente   dopo   il   1945   dalle   ceneri   delle   ex   dittature,   non   solo   nella  

Germania  occidentale,  ma  anche  in  Austria,  Giappone  e  in  Italia.  Queste  democrazie  post  belliche  

furono   introdotte   dagli   alleati   vittoriosi,   sotto   la   guida   degli   Stati   Uniti,   che   agivano   sotto  

l’appoggio   di   partner   nazionali.   Le   democrazie   di   questa   seconda   ondata,   ebbero   radici   molto  

salde  sostenute  da  una  ripresa  economica,  anch’essa  favorita  dagli  aiuti  statunitensi.    

3. Terza  ondata:  

E’  il  prodotto  risultante  dell’ultimo  quarto  del  XX  secolo.  I  suoi  elementi  principali  sono  stati:  

La  fine  delle  dittature  di  destra  nell’Europa  meridionale  negli  anni  Settanta.    

• L’uscita  di  scena  dei  generali  in  America  latina  negli  anni  Ottanta.  

• Il  tracollo  del  comunismo  nell’Unione  Sovietica  e  nell’Europa  orientale  negli  anni  Ottanta.    

All’interno   della   terza   ondata,   i   paesi   del   sud   Europa   rappresentano   i   casi   più   sicuri   di  

consolidamento,  sostenuto  dal  desiderio  di  entrare  nell’Unione  Europea  e  di  favorire  lo  sviluppo  

economico.    

Una   democrazia   può   dirsi   consolidata   quando   mette   a   disposizione   un   quadro   di   riferimento  

accettato  per  la  competizione  politica.  La  democrazia  si  consolida  quando  un  determinato  sistema  

istituzionale  diventa  l’unico  accettato  e  quando  nessuno  può  immaginare  di  agire  al  di  fuori  delle  

istituzioni  democratiche.    

Dopo  la  terza  ondata  di  democratizzazione,  la  democrazia  ha  raggiunto  una  dimensione  globale,  

ma   nello   stesso   tempo   affiorano   tuttora   numerosi   fenomeni   di   disaffezione   dei   cittadini   nei  

confronti   del   funzionamento   delle   istituzioni   democratiche.   Lo   studio   della   democrazia   oggi,   ha  

evidenziato   degli   aspetti   ritenuti   fondamentali.   In   questo   senso,   sono   democrazie   tutti   i   regimi  

contraddistinti   dalla   garanzia   reale   di   partecipazione   politica   più   ampia   della   popolazione   adulta  

maschile  e  femminile  e  dalla  possibilità  di  dissenso  e  opposizione.    

Presupposti  essenziali:  

L’ammissione   del   dissenso:   chi   si   oppone   al   governo   si   vede   riconosciuti   alcuni   diritti,   il  

• diritto  in  primis  di  esistere.    

L’inclusività:   un’ampia   porzione   della   popolazione   ha   titolo   per   partecipare,   controllare   e  

• opporsi  all’azione  del  governo.    

La   responsabilità   dei   governanti:   essi   devono   render   conto   del   proprio   operato   ai  

• governati.    

 

CAPITOLO  VI  

Regime  autoritario  

Nove  dei  46  paesi  più  popolosi  del  mondo  sono  tuttora  governati  con  sistemi  autoritari.  La  Cina  è  

fra  le  prime  economie  del  mondo,  l’Arabia  Saudita  ha  fornito  la  maggior  parte  dei  terroristi  dell’11  

settembre,   l’investimento   effettuato   dall’Iran   nella   tecnologia   nucleare   ha   proiettato   il   paese   al  

centro  della  scena  politica  internazionale.  I  paesi  non  democratici  controllano  le  maggiori  risorse  

petrolifere   ancora   disponibili   e   presentano   livelli   elevati   di   spesa   militare   e   corruzione.   La   maggior  

parte   delle   non-­‐democrazie   è   oggi   costituita   da   Stati   autoritari   e   non   totalitari   che  

caratterizzavano   invece   il   XX   secolo.   Vale   a   dire   che   i   governanti   cercano   di   mantenere   il   controllo  

limitando  la  partecipazione  popolare  anziché  mobilitando  la  popolazione.    

Il  regime  autoritario  è  un’ampia  categoria  concettuale,  utilizzata  per  designare  qualunque  forma  di  

governo  non  democratico.  In  questi  sistemi,  il  governo  assume  tipicamente  la  forma  di  un  gruppo  

elitario,   dotato   di   un   considerevole   sostegno   interno.   L’ideologia   e   la   politica   sono   spesso   sullo  

sfondo.   Poiché   i   leader   non   democratici   si   pongono   al   di   sopra   della   legge,   l’architettura  

costituzionale   costituisce   una   base   inaffidabile   per   la   vita   politica.   Le   leggi   sono   vaghe   e  

  11  

contraddittorie,   creando   così   le   premesse   per   condurre   in   giudizio   qualunque   oppositore.   I  

parlamenti   e   l’apparato   giudiziario   sono   sottodimensionati   e   inefficaci.   I   diritti   civili   sono   poco  

rispettati   e   lo   stato   sottopone   spesso   le   organizzazioni   private   al   vincolo   dell’autorizzazione.  

L’assenza   di   un   quadro   giuridico   ben   definito   per   la   tutela   della   proprietà   privata   è   una   delle  

ragioni  per  cui  il  regime  autoritario  viene  associato  di  sovente  alla  stagnazione  economica.    

L’assenza   di   una   chiara   procedura   per   la   successione   è   il   maggior   punto   debole   dei   regimi  

autoritari.   Una   conseguenza   importante   dell’incertezza   della   successione   è   che   i   governanti  

devono   dedicare   una   costante   attenzione   al   consolidamento   della   propria   posizione,   per   non  

perdere  la  carica.    I  leader  fanno  affidamento  sul  controllo  di  tre  risorse  critiche:  le  forze  armate,  le  

clientele,   i   media.   L’elevata   spesa   militare   è   tipica   dei   regimi   autoritari   e   spesso   non   vi   è   una  

separazione   tra   la   sfera   militare   e   quella   politica,   che   contraddistingue   invece   la   democrazia  

liberale.   In   secondo   luogo,   i   governanti   autoritari   mantengono   la   propria   posizione   attraverso   una  

rete   clientelare   sotterranea,   nella   quale   vengono   cooptati   altri   detentori   di   potere   attraverso   la  

connessione  di  risorse  che  possono  poi  distribuire,  a  loro  volta,  a  chi  li  appoggia.    

In   questo   modo,   la   lealtà   al   proprio   referente   immediato   e   indirettamente   al   regime,   diventa   la  

chiave   per   una   carriera   di   successo.   Le   istituzioni   sono   deboli,   ma   le   alleanze   pragmatiche   sono  

forti   e   costituiscono   il   collante   del   regime.   In   terzo   luogo   infine,   i   media   vengono   controllati  

accuratamente.   Gli   stati   autoritari   di   oggi   si   occupano   di   procurarsi   il   consenso   dei   media:   i   loro  

oppositori  vengono  criticati  o  ignorati  dagli  organi  di  informazione.  La  politica  autoritaria  si  basa  

dunque  tipicamente  sulla  paura  e  sulla  vulnerabilità.    

FORME  DI  REGIME  AUTORITARIO  

Dispotismo  personale  

Il   termine   despota   si   riferisce   a   un   governante   barbaro   e   arbitrario   che   tratta   i   suoi   sudditi  

sostanzialmente  come  schiavi.  Il  dispotismo  personale  è  una  forma  rara  di  governo,  e  l’aggettivo  

personale   fa   riferimento   alla   fonte   di   potere,   ovvero   il   leader   vero   e   proprio.   Nel   dispotismo  

personale,   i   legami   con   un’ideologia   più   ampia,   le   forze   sociali   e   un   partito   organizzato   sono  

intermittenti.   Il   governo   del   despota   viene   esercitato   personalmente,   anziché   attraverso   le  

istituzioni.  L’individuo  singolo  è  svincolato  da  tutte  le  istituzioni  e  governa  attraverso  punizioni  e  

ricompense,  affidandosi  a  un  apparato  di  sicurezza  personale  per  conservare  il  potere.    

(Es.  Repubblica  dominicana,  Haiti,  Batista  a  Cuba  1933-­‐1958).    

Autoritarismo  monarchico  

Le   monarchie   assolute   sono   una   forma   più   comune   e   più   stabile   di   governo   rispetto   al   dispotismo  

personale.   Nella   monarchia,   dalla   linea   di   successione   della   famiglia   reale   emerge   un   re,   e   altri  

membri   della   famiglia   assumono   le   principali   cariche   politiche   e   militari.   È   un   sistema   tipico   di  

molti   stati   arabi   (Emirati   Arabi   Uniti,   Arabia   Saudita   e   gli   altri   stati   del   golfo).   I   titoli   adottati   dai  

monarchi  arabi  riflettono  la  tradizione  islamica:    “emiro”,  “sceicco”  o  “sultano”.  L’autorità  spetta  al  

monarca  in  persona,  anziché  a  un’autorità  più  astratta  come  lo  stato  o  il  partito.  I  cittadini  sono  

piuttosto  dei  sudditi  e  il  monarca  non  è  soggetto  né  alla  legge,  né  a  elezioni  competitive.    

Autoritarismo  partitico  

Il   governo   viene   esercitato   da   un   partito   unico,   che   esprime   spesso   un   presidente   autoritario.   I  

partiti   comunisti   hanno   costituito   l’esempio   principale,   ma   anche   i   partiti   fascisti   e   nazionalisti  

utilizzavano  l’ideologia  per  giustificare  il  controllo  esclusivo  del  potere.    

Partiti   comunisti:   i   regimi   comunisti   erano   fortemente   autoritari,   non   tolleravano   alcuna  

opposizione,   indicevano   elezioni   fasulle,   agivano   al   di   sopra   della   legge,   riscrivevano   le  

costituzioni,  gestivano  tutte  le  nomine  più  importanti  in  seno  al  governo,  controllavano  i  media  e  

spiavano  la  popolazione.  Nel  socialismo  di  stato,  il  partito  controllava  e  il  governo  implementava,  

di  qui  la  formula:  stato-­‐partito.    

 

  12  

Autoritarismo  presidenziale  

Un   presidente   domina   la   scena   politica   (e   i   media)   mettendo   fuori   gioco   gli   oppositori   e   mettendo  

ai   margini   l’opposizione.   Il   potere   appartiene   tendenzialmente   al   leader,   ma   viene   comunque  

esercitato   tramite   la   presidenza.   Anche   se   l’autorità   nasce   altrove,   il   presidente   di   un   sistema  

autoritario   occupa   una   posizione   molto   particolare,   in   quanto   possiede   una   visibilità   che   può  

investire   nel   tentativo   di   trasferire   su   di   sé   l’autorità,   instaurando   generalmente   una   relazione  

diretta   con   il   popolo   attraverso   i   media.   Quando   la   carica   di   presidente   diventa   la   base   del   potere  

possiamo   parlare   di   una   forma   presidenziale   di   regime   autoritario.   La   rapida   concentrazione   dei  

poteri  nelle  mani  del  presidente  è  un  processo  ben  noto  in  America  Latina,  dove  prende  il  nome  di  

autogolpe  -­‐-­‐-­‐>  colpo  di  stato  messo  in  atto  dal  presidente  o  dal  primo  ministro  per  estendere  il  suo  

controllo   sul   sistema   politico   in   maniera   extracostituzionale.     Il   presidente   dichiara   lo   stato   di  

emergenza,   rimuove   il   divieto   di   rielezione   ed   estende   i   suoi   poteri   in   modo   da   governare   per  

decreto.  Un  altro  esempio  significativo  è  quello  dell’Uzbekistan.    

Autoritarismo  militare  

Nella  seconda  metà  del  XX  secolo,  il  governo  militare  è  divenuto  una  forma  importante  di  regime  

autoritario   in   Africa,   in   America   latina   e   in   diverse   parti   dell’Asia.   Il   colpo   di   stato   militare   è   la  

conquista   del   potere   da   parte   delle   forze   armate   o   di   alcune   parti   di   esse.   Molti   colpi   di   stato  

hanno  in  realtà  sostituito  un  regime  militare  con  un  altro,  hanno  comportato  pochissime  perdite  

umane  e  sono  stati  favoriti  dai  governanti  precedenti.  La  maggior  parte  dei  colpi  di  stato  militari  

ebbe  luogo  verso  la  fine  del  secolo,  ma  soprattutto  si  verificò  nei  paesi  post  coloniali  in  cui  lo  stato  

non  aveva  acquisito  la  solidità  che  si  riscontra  in  Europa.  La  forma  istituzionale  tipica  del  regime  

militare  è  la  giunta  (consiglio),  un  piccolo  gruppo  costituito  dai  capi  di  stato  maggiore  delle  forze  

armate.  All’interno  di  questa  struttura  emerge  spesso  la  figura  dominante  di  uomo  forte.  

Autoritarismo  religioso  

E’  il  governo  dei  leader  religiosi  ed  è  la  forma  più  rara  di  regime  autoritario.  -­‐-­‐-­‐>  governo  clericale.  

Dopo   la   caduta   dei   talebani   in   Afghanistan,   la   repubblica   islamica   persiana   dell’Iran   è   l’unico  

esempio   di   teocrazia   costituzionale.   Nell’antico   stato   di   Israele,   le   leggi   di   Dio   venivano   illustrate   e  

applicate   dai   predicatori.   Anche   se   la   maggior   parte   dei   paesi   islamici   separa   i   ruoli   religiosi   da  

quelli   politici,   il   regime   creatosi   in   Iran   dopo   la   deposizione   dello   Scià   nel   1979   è   un   esempio  

recente  di  teocrazia.  La  costituzione  post  rivoluzionaria  dell’Iran  prevedeva  un  presidente  con  un  

parlamento   eletti   mediante   il   popolo.   Ma   il   potere   effettivo   è   tuttora   nelle   mani   degli   ecclesiastici  

e  si  esprime  in  larga  misura  attraverso  un  consiglio  dei  guardiani,  composto  da  dodici  membri,  che  

certifica  la  rispondenza  della  legge  islamica  dei  progetti  di  legge  e  dei  candidati.    

 

CAPITOLO  VII  

Cultura  politica  

Dal  concetto  di  “cultura”,  intesa  come  insieme  di  valori,  simboli,  significati  e  aspettative,  deriva  la  

definizione  di  cultura  politica,  rappresentata  invece  come  l’insieme  degli  orientamenti  psicologici  

dei   membri   della   società   nei   confronti   della   politica.   La   cultura   politica   di   una   società   non   è  

costituita  soltanto  da  ciò  che  i  suoi  membri  pensano  o  dicono  di  pensare,  ma  pure  da  ciò  che  essi  

concretamente  fanno:  essa  vive  di  atteggiamenti  e  di  comportamenti.    

Studio   di   Almond   e   Verba:   “The   civic   culture”   -­‐-­‐-­‐-­‐>   in   questo   libro   gli   autori   intendevano  

identificare   la   cultura   politica   entro   cui   una   democrazia   liberale   ha   le   massime   probabilità   di  

svilupparsi   e   di   consolidarsi.   Gli   autori   identificavano   la   fonte   della   democrazia   liberale   in   quella  

che   definivano   una   cultura   civica.   La   democrazia   si   dimostrava   particolarmente   stabile   nelle  

società   che   combinano   le   diverse   culture   in   quel   mix   particolare   che   prende   il   nome   di   cultura  

civica.  Lo  studio  di  Almond  e  Verba  fu  oggetto  di  notevoli  contestazioni.  i  critici  sostenevano  che  

l’intero   concetto   di   cultura   politica   nazionale   fosse   intrinsecamente   vago   e   che   gli   autori   si  

  13  

sarebbero   dovuti   concentrare   maggiormente   sulle   subculture   locali,   di   classe   e   di   razza.   Più   in  

generale,  si  ritenne  meglio  parlare  di  “culture  politiche”  invece  che  di  cultura  politica,  in  quanto  

non  ve  ne  esiste  solo  una.  Alla  base  di  queste  critiche  c’è  la  convinzione  che  la  cultura  politica  di  un  

paese   non   dovrebbe   essere   considerata   tanto   fissa   e   stabile,   quanto   un’entità   dinamica   che   viene  

influenzata  almeno  in  parte  dal  modo  di  esplicarsi  della  politica.    

Un   altro   studioso,   Robert   Putnam   spiega   come   l’elemento   della   fiducia   sia   fondamentale   nel  

condurre   una   buona   politica.   La   fiducia   favorirebbe   la   solidarietà   tra   sconosciuti.   Una   cultura  

basata   sulla   fiducia   lubrifica   gli   ingranaggi   dell’azione   collettiva,   consentendo   l’avvio   di   progetti  

che  sarebbero  impraticabili  in  una  società  dominata  dal  sospetto  reciproco.  Putnam  rivisita  dopo  

gli   altri   due   autori,   la   cultura   politica   dell’Italia,   dedicando   maggiore   attenzione   all’eterogeneità  

che  si  riscontra  all’interno  del  paese.  Egli  dimostra  come  le  modifiche  culturali  intervenute  in  Italia  

abbiano  inciso  sull’efficacia  dei  quindici  nuovi  governi  regionali  istituiti  negli  anni  settanta.  Alcuni  

si  sono  dimostrati  stabili  ed  efficaci,  in  grado  di  sviluppare  e  di  attuare  politiche  innovative.  Altri  

hanno   realizzato   ben   poco.   Tale   discrepanza   viene   spiegata   da   Putnam   attraverso   la   cultura  

politica.  Le  regioni  dove  si  è  manifestato  il  maggior  successo  sono  quelle  che  hanno  una  cultura  

politica   positiva:   una   tradizione   di   fiducia   e   di   cooperazione   che   si   traduce   in   elevati   livelli   di  

capitale   sociale.   Per   capitale   sociale,   Putnam   intende   la   fiducia,   le   norme   che   regolano   la  

convivenza,  le  reti  di  associazione,  elementi  che  migliorano  l’efficienza  dell’organizzazione  sociale  

promuovendo   iniziative   prese   di   comune   accordo.   Il   capitale   sociale   permette   alla   comunità   di  

costruire  istituzioni  politiche  in  grado  di  risolvere  i  problemi  collettivi.    

Alcuni   sostenitori   dell’approccio   culturale   hanno   cercato   di   spiegare   i   cambiamenti   intervenuti  

nella  cultura  politica  attraverso  l’analisi  delle  generazioni  politiche.  Una  generazione  politica  è  un  

gruppo   anagrafico   che   ha   in   comune   esperienze   e   valori   specifici   che   ne   condizionano   la  

prospettiva  in  tutto  l’arco  della  sua  vita.  Con  il  cambio  generazionale,  una  cultura  politica  si  può  

lentamente  trasformare  senza  che  ogni  singolo  individuo  modifichi  la  sua  opinione.  Un  fattore  che  

è   stato   misurato   lungo   un   considerevole   arco   di   tempo,   è   il   post   materialismo.   Questo   concetto  

illustra  anche  la  natura  dei  valori  politici  nelle  democrazie  affluenti  sia  ora  che  in  futuro.  Mentre  le  

generazioni  prebelliche  apprezzavano  l’ordine,  la  sicurezza  e  le  regole  prescrittive  in  ambiti  come  

la   religione   e   la   sessualità,   i   post   materialisti   davano   la   priorità   all’autoespressione   e   a   regole  

flessibili.   Se   esiste,   come   si   ipotizza,   un   effetto   generazionale,   i   valori   post   materialisti  

assumeranno   sempre   più   maggior   preminenza.   Il   continuo   aumento   della   scolarità   inoltre  

alimenta  ulteriormente  il  movimento.    

La  cultura  politica  dell’èlite  

Il  significato  della  cultura  politica  di  massa  è  stato  ampiamente  discusso,  mentre,  invece  quello  di  

cultura   dell’èlite   è   stato   esaminato   meno   di   frequente.   La   cultura   politica   dell’èlite   è   composta  

dalle   convinzioni,   dagli   atteggiamenti   e   dalle   idee   sulla   politica   di   coloro   che   sono   più   vicini   ai  

centri  di  potere  politico.  I  valori  dell’èlite  sono  più  espliciti,  sistematici  e  consequenziali  di  quelli  

della  popolazione  in  generale.  La  cultura  politica  dell’èlite  incide  in  due  modi  sulla  stabilità  politica.  

In  primo  luogo,  un  determinato  sistema  politico  ha  più  probabilità  di  sopravvivere  se  il  gruppo  al  

potere   ha   fiducia   nelle   proprie   capacità   di   governo.   In   secondo   luogo,   la   disponibilità   al  

compromesso  tra  i  leader  che  rappresentano  i  diversi  gruppi  all’interno  di  una  società  divisa  può  

contenere  l’ostilità  tra  i  gruppi,  garantendo  una  stabilità  che  previene  il  rischio  di  disgregazione.    

 

 

 

 

 

 

  14  

CAPITOLO  VIII  

Comunicazione  politica  

La   società,   e   con   essa   anche   la   politica,   viene   creata,   sostenuta   e   modificata   attraverso   la  

comunicazione,   attività   di   primaria   importanza   che   permette   di   educare,   formare,   manipolare,  

persuadere.   La   comunicazione   favorisce   la   costruzione   e   la   trasmissione   di   una   cultura.   La  

comunicazione  è  anche  l’ambito  nel  quale  si  esercita  la  politica.  Il  libero  flusso  delle  informazioni  è  

uno   degli   elementi   più   significativi   per   discriminare   tra   democrazie   liberali,   illiberali   e   regimi  

autoritari.  In  una  democrazia  liberale,  ogni  membro  deve  avere  la  possibilità  di  comprendere  delle  

alternative  politiche  e  le  loro  probabili  conseguenze.  In  una  democrazia  illiberale  il  predominio  dei  

canali   radiotelevisivi   più   ascoltati   è   uno   strumento   attraverso   il   quale   i   leader   mantengono   il  

proprio   primato   sui   potenziali   concorrenti.   Un   regime   autoritario   non   permetterebbe   alcun  

dissenso   esplicito.   I   mass   media   sono   i   canali   di   comunicazione   in   grado   di   raggiungere  

simultaneamente  un  gran  numero  di  persone.  Questi  canali  includono  la  televisione,  i  quotidiani,  

la  radio,  i  libri,  le  riviste,  il  cinema,  i  blog,  i  siti  web  e  i  poster.    

L’espansine  della  comunicazione  ha  facilitato  la  nascita  di  un’identità  nazionale  e  la  crescita  dello  

stato,   specie   nel   XIX   e   nel   XX   secolo.   Tra   i   fattori   che   hanno   influenzato   maggiormente   lo   sviluppo    

dei   media,   uno   dei   più   importanti   è   rappresentato   dall’alfabetizzazione   di   massa   che   ha  

contraddistinto   l’età   moderna.   L’estesa   diffusione   dell’alfabetismo   in   una   stessa   lingua   ha   favorito  

la  nascita  dei  quotidiani  popolari  nei  paesi  occidentali.  In  Gran  Bretagna  e  in  Giappone,  i  quotidiani  

ebbero  una  diffusione  enorme,  ma  nel  XX  secolo  il  loro  ruolo  è  stato  ridimensionato  dalla  radio  e  

dalla   televisione.     Questi   ultimi   hanno   permesso   la   comunicazione   con   il   grande   pubblico   e  

assumevano   una   nuova   forma:   parlata   anziché   scritta,   concreta   anziché   astratta.   L’impatto   dei  

mezzi   radiotelevisivi   sui   politici   è   stato   molto   forte;   i   leader   hanno   dovuto   acquisire   nuove  

tecniche   di   comunicazione.   Bisognava   conversare   con   un   ascoltatore   o   con   un   telespettatore  

invisibile,   anziché   tenere   un   discorso   ad   un   pubblico   in   una   piazza   o   in   un   teatro.   Il   trucco   era  

volgersi  a  milioni  di  persone  come  se  fossero  singoli  individui.  L’uso  della  radio  e  della  televisione  

sta  dando  un  contributo  fondamentale  alla  comunicazione  politica  anche  nei  paesi  più  poveri.    

Nel   primo   decennio   del   XXI   secolo,   le   quattro   tendenze   più   importanti   delle   comunicazioni   nei  

paesi  sviluppati  sono  la  commercializzazione,  la  frammentazione,  la  globalizzazione  e  l’interazione.  

Innovazioni  tecnologiche  come  la  radio  e  la  televisione  sono  potenzialmente  universali,  in  quanto  

trovano   applicazione   in   tutti   i   paesi.   Tuttavia,   il   modo   in   cui   i   mass   media   si   sono   sviluppati   e  

integrati   nella   politica   nazionale   varia   considerevolmente   da   una   democrazia   all’altra,   dando  

origine   a   strutture   mediatiche   specifiche.   La   struttura   dei   media   designa   modelli   complessivi   di  

utilizzo  dei  media  e,  in  particolare,  la  relazione  tra  i  media,  lo  stato  e  l’economia.  Per  esempio,  la  

diffusione  dei  quotidiani,  la  portata  della  radiotelevisione  pubblica  e  la  partigianeria  della  stampa  

sono   componenti   strutturali   dei   media.   Nella   struttura   nordeuropea,   i   media   vengono   interpretati  

come   attori   sociali   responsabili   che   devono   contribuire   al   benessere   della   società   e   alla   stabilità  

politica.   I   quotidiani   e   anche   le   reti   televisive   rappresentano   determinati   gruppi   ma   lo   fanno   in   un  

ambiente  influenzato  da  uno  stato  interventista.    

Impatto  dei  media  

Gli  effetti  dei  media  sono  principalmente  quattro:  

Il  rinforzo:    

E’   il   modello   degli   effetti   minimi   sviluppatosi   soprattutto   negli   anni   cinquanta.   In   base   a   questa  

tesi,  le  fedeltà  partitiche  trasmesse  inizialmente  tramite  la  famiglia  agivano  da  schermo  protettivo  

contro   gli   effetti   dei   media.   Attualmente,   le   fedeltà   partitiche   si   sono   indebolite,   e   la   televisione   è  

molto  più  persuasiva  che  negli  anni  cinquanta.    

 

 

  15  

L’agenda  setting:  

Secondo   questa   prospettiva,   i   media   (in   particolare   la   televisione)   influenzerebbero   ciò   a   cui  

pensiamo,  ma  non  necessariamente  ciò  che  pensiamo.  I  media  mettono  in  agenda  certi  temi  e  di  

conseguenza   ne   lasciano   fuori   altri,   sottraendoli   all’attenzione   del   pubblico.   Come   diceva   anche  

Lazarfeld,   l’influenza   dei   media   nei   confronti   del   pubblico,   non   deriva   tanto   da   ciò   che   si   dice,  

quanto   da   ciò   che   non   viene   detto.   L’agenda   setting   è   condizionata   dalla   breve   durata   dei  

telegiornali.  Decidendo  quali  notizie  coprire,  in  che  ordine,  e  quali  lasciar  fuori,  i  curatori  del  TG  

fissano   l’agenda   della   discussione   nella   sfera   pubblica   ed   esercitano   il   proprio   impatto.   La  

fissazione  dell’agenda  crea  necessariamente  uno  specchio  de  formatore  sul  mondo.    

L’inquadramento:  

Il   framing   di   una   vicenda   è   la   costruzione   di   una   narrazione   coerente   intorno   a   un   certo   evento.   È  

un   approccio   più   recente   all’analisi   dei   media.   Le   parole   dei   giornalisti,   le   immagini   della  

telecamera   contribuiscono   a   inquadrare   la   vicenda,   fornendo   una   narrazione   che   incoraggia   una  

determinata  reazione  da  parte  del  telespettatore.    

La  sensibilizzazione:  

l’agenda   e   gli   schemi   di   riferimento   dei   media   potrebbero   esercitare   questo   effetto   di  

sensibilizzazione,   che   induce   le   persone   ad   applicare   i   criteri   impliciti   in   una   storia   a   nuove  

informazioni  e  a  nuovi  argomenti.    

Tutti  questi  effetti  sono  precisi  e  in  linea  di  principio  anche  misurabili.  La  loro  importanza  sta  nel  

fatto  che  offrono  indicazioni  su  come  il  contenuto  e  il  tono  degli  articoli  e  dei  servizi  radiotelevisivi  

possano  influenzale  il  pubblico.    

L’opinione  pubblica  

Soprattutto   nelle   democrazie   liberali,   la   politica   è   anche   una   battaglia   per   influenzare   l’ambito  

importante  dell’opinione  pubblica.  il  concetto  di  opinione  pubblica  si  focalizza  sulle  questioni,  sulle  

politiche   e   sui   problemi   all’ordine   del   giorno.   Essa   rappresenta   semplicemente   ciò   che   pensa   la  

popolazione  adulta  su  un  determinato  argomento.  Questa  espressione  può  indicare  l’insieme  dei  

punti   di   vista   di   una   porzione   significativa   della   popolazione   su   un   determinato   argomento  

controverso,   o   il   giudizio   informato   di   una   comunità   su   un   argomento   di   comune   preoccupazione,  

ove  quel  giudizio  si  formi  nel  contesto  di  obiettivi  politici  condivisi.  Il  concetto  di  opinione  pubblica  

ha  guadagnato  importanza  con  lo  sviluppo  dei  sondaggi  d’opinione,  le  giurie  di  cittadini  e  i  focus  

group.  Nelle  democrazie  liberali,  l’opinione  pubblica  è  sia  valutata,  sia  parzialmente  composta,  da  

indagini  sul  suo  contenuto.  I  sondaggi  di  opinione  e  le  indagini  campione  sono  considerati  metodi  

più   accurati   per   conoscere   ciò   che   i   cittadini   affermano   di   pensare.   La   statistica   ci   consente   di  

ottenere  una  rappresentazione  sostanzialmente  corretta  dell’intera  popolazione  intervistando  un  

certo  numero  di  persone  per  un  sondaggio.  La  procedura  deve  essere  scientifica.    

Strumenti  principali  per  misurare  l’opinione  pubblica:  

Il  sondaggio  di  opinione:  consiste  in  una  serie  di  domande  che  vengono  poste  in  maniera  

• standardizzata  a  un  campione  casuale  di  popolazione.  L’espressione  si  riferisce  di  solito  a  

brevi  indagini  su  problemi  di  importanza  critica  per  i  media,  i  sondaggi  vengono  effettuati  

di  persona,  per  telefono  o  più  raramente  per  posta  elettronica.    

L’indagine  a  campione:  viene  condotta  con  lo  stesso  metodo  del  sondaggio  di  opinione  ma  

• richiede   un   questionario   più   dettagliato.   Queste   indagini   vengono   commissionate   spesso  

dai  governi  o  dai  ricercatori  universitari.    

Il   focus   group:   è   una   discussione   guidata   da   un   moderatore   che   si   svolge   tra   un   numero  

• limitato  di  persone  su  un  determinato  argomento.  È  uno  strumento  aperto  e  di  carattere  

qualitativo  che  viene  utilizzato  per  misurare  gli  atteggiamenti  e  le  sensazioni  dei  cittadini.    

  16  


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

37

PESO

365.29 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in servizio sociale (BIELLA - CUNEO - TORINO)
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher eleonora.demarco di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Scienza politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Ravazzi Stefania.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in servizio sociale (biella - cuneo - torino)

Riassunto esame Sociologia della famiglia, prof. Naldini, libro consigliato Manuale di sociologia della famiglia, Saraceno, Naldini
Appunto
Riassunto esame Metodi e tecniche del servizio sociale, prof. Cellini, libro consigliato Le dimensioni dell'intervento sociale, Ferrario
Appunto
Riassunto esame Servizio sociale, prof. Dellavalle, libro consigliato Le radici del servizio sociale in Italia, Dellavalle
Appunto
Riassunto esame Servizio sociale, prof. Dellavalle, libro consigliato Tremezzo. le origini del servizio sociale italiano, Stefani
Appunto