Che materia stai cercando?

Scenografia: Elementi, Teoria, Storia - Appunti Appunti scolastici Premium

Appunti delle lezioni di Elena Tamburini, docente di Scenografia dell'università di Bologna. Sono contenute soprattutto delle importanti nozioni a partire dal Medioevo sino ai giorni nostri. Gli appunti inoltre seguono un percorso sia storico che concettuale.

Esame di Scenografia: Elementi, Teoria, Storia docente Prof. E. Tamburini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

il successo conseguente) sarà assorbito dalla corte per motivi di prestigio. Sono

esistite, nel corso della storia, modalità di produzione/ricezione molto diverse,

spesso legate all'ambiente in cui il teatro veniva inserito.

L'attore per Craig, ad esempio, è una super-marionetta succube completa del

regista. L'opera d'arte deve essere unitaria, non segmentata nelle sue varie

componenti (teoria di inizio '900). Esistono condizioni di spazio a prescindere dalla

figura umana (che può esse resa anche con un macchina).

Lo spazio è un luogo attivo, lo si segnava per trasmettere messaggi particolari. I

pedagoghi del '900 contestano questo spazio, la distanza scena-pubblico: non

amano il teatro all'italiana, così prepotentemente presente invece nel passato. Le

necessità di cambiamento e rivoluzione dello spettacolo giungono infatti sul finire

dell'Ottocento, grazie anche alle numerose innovazioni tecnologiche che

permettono un diverso uso degli spazi.

Lo spazio è attivo per lo spettatore, infatti si parla di “drammaturgia dello

spazio” quando esso viene costruito autonomamente con i propri contenuti da

esprimere (teorie del '900). Nell'Ottocento è ancora una descrizione puntuale della

drammaturgia.

Lez. III

Il progresso dell'umanità, nel Rinascimento, è visto come il ritorno all'antico

rispetto al Medioevo (per molti storici descrivibile come un lungo periodo buio),

durato dal 476 d. C. (caduta dell'impero romano) al 1492 d. C. (scoperta

dell'America). È difficile promuovere un discorso unitario rispetto al Medioevo, cosa

che si può fare meglio per l'Impero Romano, le cui rovine perduravano (e

perdurano tutt'ora) nel tempo.

Vespasiano Gonzaga, nonostante il cognome, non è un duca di Mantova ma

appartiene ad un ramo minore: trattasi di un capitano di guerra al servizio della

corte di Carlo V. Egli ha un sogno di progresso allacciato al passato, fa per questo

costruire un edificio tutto dedicato al teatro (1590). Si rivolge a Scamozzi (che già si

era occupato del teatro olimpico di Vicenza). Le colonne costituiscono l'arredo per

spettatori privilegiati (il duca e la corte principalmente). È un teatro che si rivolge

soprattutto alla commedia. In questo Teatro di Sabbioneta, Vespasiano si identifica

con i Cesari ponendosi come diretto continuatore della sovranità romana.

L'esterno non sembra qualificato come teatro: è un edificio nobile, composito che,

assieme alle rovine di Roma, ne vuole testimoniare la grandezza.

Nell'ambito delle manifestazioni popolari e di corte era molto presente la

tradizione del torneo, uno spettacolo guerresco che ci da il senso dello sfruttamento

verticale dello spazio. Quando un editto papale bandisce i tornei a spargimento di

sangue la nobiltà non elimina i propri spettacoli ma ne cambia le priorità: si iniziano

ad avere così gare, macchine e spettacoli (anche di bellezza) non più guerreschi. Il

torneo era l'unica possibilità di cambiamento di ceto per un poveraccio. Famosa

area per i tornei è il Cortile del Belvedere in Vaticano, del 1575.

Riguardo al teatro dei comici mancano molte notizie e tracce scenografiche.

Conosciamo la presenza del Teatro di Baldracca a Firenze, vicino ai palazzi di

corte. Ricordiamo inoltre il Teatro degli Uffizi del 1585, non a scena fissa ma

mutevole, realizzato dall'architetto Buontalenti allievo di Vasari (a sua volta allievo

di Brunelleschi). I vari elementi di questi teatri andranno poi a comporsi nel teatro

all'italiana.

Nel 1589 si ha l'inizio del teatro barocco, con accento sulla musica come filo

conduttore della storia. “La pellegrina” è considerata la prima opera in musica, ma

sarà poi nel 1600 con Dafne l'inizio della fortuna dell'opera in musica a corte, che a

Venezia nel 1637 già viene venduta. Nascono anche i particolari edifici pensati

appositamente per l'opera in musica.

Il teatro di corte è per definizione aperto, dove il gradimento non è libero ma

è il sovrano che decreta il successo di un opera. Nel teatro imprenditoriale il

pubblico paga e giudica la commedia, potendo anche chiudersi in sale private.

Riguardo alla genesi della scenografia, le cui notizie antiche sono molto

scarse, sappiamo di prismi sulla scena (chiamati “periactoni”) di cui parla Vitruvio.

Non si è però mai saputo esattamente come posizionarli, hanno le facce dipinte

che a un segnale venivano cambiate (probabilmente ruotate). Importante è la

presenza di una botola da cui risalivano/scendevano elementi scenici.

L'Accademia degli Intrepidi di Ferrara è un centro importante nel

Rinascimento, grazie alla dinastia degli Este (che si ritireranno poi a Modena).

Aleotti ha inventato qui la quinta scorrevole che garantisce facili e veloci mutazioni.

Il legato del papa, Cardinale Bevilacqua, giunge nella città prendendone le redini.

Sarà il suo ufficio a occuparsi dei talenti inerenti al teatro.

Lez. IV

La scena nel Rinascimento. In Italia nasce l'invenzione della scenografia

come tentativo o prova sperimentale, poiché la gran parte dello spettacolo era

affidato ai soli attori (teatro elisabettiano).

Cultura romanza: nasce dalle lingue romanze derivate a loro volta dalla lingua

latina. Pratica romanza: cultura religiosa (unica sopravvivenza dalla caduta

dell'impero romano). I misteri si spostano dalla chiesa alla piazza e hanno alcune

variazioni ma non necessariamente religiose. Vengono in parte mutati aspetti prima

censurati.

Grande rilievo ha la prospettiva nel '500, realizzata da Brunelleschi e Leon Battista

Alberti.

A Ferrara la corte si appropria delle commedie e attraverso la scenografia si

fa pubblicità, si rappresenta la città ideale. Qui l'attore si esibisce in volgare anche a

corte. Della tradizione classica abbiamo libri illustrati dove sono presenti scene

neutre con tende o colonnati.

Lez. V

Elena Bucci è un'interprete di Isabella Andreini, grande attrice del '500.

L'immagine spesso ha una prepotenza che tende ad offuscare le altre fonti di

informazione. Occuparsi di spazio significa anche occuparsi di tempo.

Azione proscenica: rispetto ad uno spazio, spostarsi o occuparlo in modo

diverso comunica un messaggio o uno stato d'animo differenti, si può creare

armonia o disarmonia. Tanti elementi si coagulano assieme, se cambia uno solo

varia il significato. Ovunque può essere costruito un teatro, dipende dalle scelte per

organizzarne lo spazio. Il teatro ha bisogno della ripetizione per poter funzionare.

L'insuccesso non è sempre fratello dell'insoddisfazione ma può portare ad un

nuovo lavoro sul pezzo.

Lez. VI

È difficile avere tracce iconografiche sulla scena degli attori. Sappiamo della

competizione fra Firenze e Parma. Barberini divenne un papa liberale, ma i tempi

erano difficili per la Chiesa. Urbano VIII, questo il nome del pontefice, fu accusato

di troppa tolleranza: era protettore degli intellettuali ma fu costretto a scomuniche e

divieti. Il Concilio di Trento apre all'uso delle immagini (al contrario dei protestanti

privi di idoli, più interiori). Esse vennero reputate necessarie per gli ignoranti, la

comunicazione con il popolo poteva essere grandemente facilitata con il loro uso.

Roma diviene un cantiere di iniziative e anche il teatro è finalmente accettato. Il

primo teatro pubblico di musica è a Roma ed è popolare, precede quello di Venezia

(1637). Nella Serenissima perdurerà nel futuro, mentre a Roma finisce con la morte

del papa, attorno al 1642-43.

Il Palazzo Barberini è costruito come fosse un teatro. Guitti da Ferrara,

allievo di Aleotti, viene chiamato a Roma per realizzarlo. Si occupa anche del primo

spettacolo, il Sant'Alessio (1634), dallo scopo pedagogico. Il teatro è di immagini

nuove usate per convertire: vengono spesso rappresentati tutti i vari martiri dei

santi, in un'aperta sfida ai protestanti. Gli argomenti sono sempre i santi romani, il

papa vuole infatti manifestare la propria sovranità su Roma ed essere il centro della

cristianità. Anche Wojtyla ha scritto drammaturgia, ma non è stato il primo papa a

farlo. Differenza fra Barbieri (Barberini) e Lombardi (Este): palchi non profondissimi

(anche Guitti). Con la conversione della regine di Svezia il teatro viene riaperto

anche a Roma.

Lez. VII

Nel 1640 parte una troupe capeggiata da Mariani verso la Francia. Gli artisti

italiani del '500 e del '600 sono infatti i più ricercati di tutta Europa.

Nel periodo Barocco si ha il primo teatro a pagamento, a Venezia, con

Giacomo Torelli. Questa dimensione imprenditoriale porta alla nozione moderna di

pubblicità. Cambiano gli edifici e gli spettacoli: si rappresentano vicende sulle arie

(il recitativo piaceva meno, era più vicino ai letterati piuttosto che al popolo). Le arie

sono più orecchiabili per il pubblico popolare. Nascono così i libretti, venduti

all'entrata del teatro. Rimane comunque presente la tradizione di mostrare la città

nelle opere.

I musicisti sono invece osteggiati a Roma, perché vogliono fare soldi

attraverso la musica non solo di cappella. In molti si sposteranno a Venezia. Le loro


PAGINE

7

PESO

28.70 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in dams (discipline delle arti, della musica e dello spettacolo)
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BrixenBraxen di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Scenografia: Elementi, Teoria, Storia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Tamburini Elena.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Scenografia: elementi, teoria, storia

Riassunto esame scenografia, prof. Tamburini, libro consigliato Storia della Scenografia, dall'antichità al XXI Secolo, Perrelli
Appunto
Riassunto esame Scenografia, prof Tamburini. libro consigliato La drammaturgia dello spazio, De Marinis
Appunto
Lezioni, Scenografia
Appunto
Lezioni, Scenografia
Appunto