Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

l’avvocato, come scopo non ha quello di portale alla luce la verità, bensì di difendere il suo cliente,

perciò l’accusa di clodio probabilmente non era così inefficace, ma cicerone cercò di screditarla

agli occhi dei giudici, poiché con tutta probabilità la riteneva pericolosa per l’imputato, infatti,

cicerone non accenna minimamente ai contenuti di clodio.

secondo Gotoff e poi Wiseman fu proprio clodio a trattare in maniera più dettagliata i capi di

accusa, poiché non aveva nulla da perdere a livello di ripercussioni politiche.

l’ultima accusa fu quella di LUCIO ERENNIO BALBO. con tono pacato, dopo aver sottolineato

- l’impietas di celio nei confronti del comune amico Bestia

condusse una vera e propria inquisitoria contro la vita dissoluta e immorale dell’imputato.

egli tratto l’omicidio di dione, rifacendosi al tentato omicidio a casa di Lucio Lucceio, consumatosi

effettivamente a casa di Coponio.

- erennio chiese la testimonianza di Clodia, che sostenne che egli le chiese una somma di denaro

per l’allestimento dei giochi pubblici, glieli diede senza alcun sospetto, ma poi venne a sapere

che quei denari erano stati utilizzati per il tentato omicidio di clodio a casa di lucceio.

clodia decise di denunciare la faccenda, a quel punto clodio corruppe i suoi schiavi per eliminare

anche la trstimone, ma questi la avvertirono, il piano fu sventato ma il complice di clodio, licinio si

allontanò con il veleno che sarebbe servito ad ucciderla.

cicerone elogiò l’accusa di erennio. ne attestò l’enorme silenzio al paragrafo 29 e l’attenzione al

paragrafo 25 con cui i giudici la seguirono.

le lodi probabilmente non furono del tutto disinteressate. sospetti alimentati dagli elogi di cicerone,

anche se di Erennio non abbiamo nessuna attività forense attestata.aveva visto nella sua accusa

una valida argomentazione per controbattere

LA DIFESA

come l’accusa anche i difensori si erano spartiti i compiti.

marco celio RUFO: primo a parlare in sua difesa, trattò tutti i suoi capi di accusa, ma la sua difesa

si trasformò in un’invettiva contro gli accusatori.

Non poté accusare direttamente Atratino poiché troppo giovane, ma accusò per primo Lucio Plozio

GALLO, responsabile di aver preparato l’orazione al giovane: lo testimonia Svetonio.

replicò all’allusione mitologica dell’accusa: se lui era un PULCHELLUS IASON non poteva

mancare tra gli avversari un Pelia Cincinnatus ( ingiuria riportata da Quintilliano) è riferito a Erennio

Bamboli petritistis partuus ringalluzzito dalle arti di Clodia ( Medea).

celio, anticipando l’attacco di Crasso che citava la Medea exul, concerta la sua invettiva contro

Clodia, presentata come una Clitemnestra che si prostituisce per la miseria di un quadrante, in

cubiculo nola.

celio probabilmente sta accennando ai suoi trascorsi amorosi con clodia, limitandosi a definirla

come una donna di facili costumi, iniziando la demolizione morale proseguita da crasso e

terminata da Cicerone.

Marco LiciNIO Crasso concentrò la sua difesa su i crimina de vi, mentre celio attaccò direttamente

Clodio crasso non se lo poteva permettere perché aveva intrecciato rapporti con l’antico tribuno,

quindi decise di colpire la politica egiziana di pompeo, così da spaccare tra i giudici il fronte

favorevole a clodio.

dei giudizi di cicerone verso gli avversari o i colleghi di difesa non ci si deve fidare.

LA TATTICA DI CICERONE

dal paragrafo 1 al paragrafo 22 cicerone si occupa di smembrare le accuse di Atratino, le

smembra una per una, minimizzandole, mentre agli occhi dell’accusa risultavano rincalzarsi una

con l’altra formando un sistema unitario.

La serie di repliche ciceroniane inizia al paragrafo 3, dove fa un riferimento oscuro al padre di

celio:

- per suscitare lo sdegno della parte equestre della giuria mostra di fraintendere le dichiarazioni

dell’accusa—> mostra che gli era stato imputato di essere figlio di un cavaliere.

- Heinze suggeriva che gli avessero imputato di vivere al di sopra delle sue possibilità

economiche e alla sua posizione sociale; in altre parole di aver usurpato le prerogative che

erano dei PUER NOBILEs iniziando la carriera forense accusando un console.

- (per le osservazioni di Velleio Patercolo) ulteriore ipotesi:legame tra le poche possibilità

economiche di celio e la sua vita al di sopra delle sue possibilità economiche, che esemplificano

uno stile di vita rivoluzionario, che si può collegare alla sua familiaritas con Catilina.

. Cicerone risolve altre 2 imputazioni: 1- paragrafo 4: impietas nei confronti del padre; 2- paragrafo

5: di non godere dell’approvazione dei propri municipes. ( appaiono convenzionali poiché

rientrano tra i temi consueti dell’invettiva

. passa a contestare l’accusa di Impudicitia: cioè omosessualità le confuta:

- prima in termini generici ( paragrafo 6-9)

-poi riferendosi alla familiaritas con Catilina ( paragrafo 10-14)

- infine paragrafo frettoloso in cui parla della partecipazione di celio alla congiura, la tratta

come un’indebita deduzione della parte avversa dalla familiaritas con Catilina ( paragrafo

15)

l’accusa di impudicia probabilmente rientrava nella topica dell’invettiva, ma non era strettamente

collegata ad un crimen de vi, gettava semplicemente ombra sulla figura di CELIO.

molto più correlata alla pericolosità è la sua relazione con Catilina, infatti: i personaggi implicati

nella congiura erano stati condannati secondo la LEX PLAUTIA DE VI.

Le insinuazioni di impudicitia tra catilina e i frequentatori della sua casa erano state mosse da

cesare stesso in occasione della congiura ( nelle 2 prime catilinarie)

cicerone è posto di fronte ad un’accusa in se unitaria, procede rovesciandone i termini, come se

non si trattasse di un’accusa reale, ma semplicemente di un corollario alle accuse di impudicitia

. Passaggio brusco al paragrafo 16 inizia a parlare di un’altra categoria di reati: l’accusa di broglio,

direttamente connessa alle attività di sodalis e di sequester( agente e affiliato di circoli nei quali si

depositavano fondi per la corruzione elettorale)

. paragrafo 19: dove menziona le operazioni di corruzione durante le elezioni pontificali del 57:

sostenevano che si sarebbe presentato un senatore pronto a testimoniare di essere stato

malmenato da celio durante i comizi per i pontefici.

questo è un ulteriore tentativo di cicerone di smembrare l’accusa di violenza

. dal paragrafo 17 al 19: tratta come autonome le imputazioni di tre fatti: 1- essere l’imputato pieno

di debiti; 2- aver abbandonato la casa del padre; 3- aver malmenato un senatore durante i comizi

( connessi con le accuse liquidate in precedenza: paragrafo 3, 4, 16)

il caso del malmenato gli offre lo spunto per un attacco contro i testimoni, presentati di volta in

volta come subornati degli avversari, in particolare da clodia, prezzolanti e corrotti.

. accusa contro tutte le argomentazioni che non dipendono dall’ars degli avvocati: paragrafo 20,

viene introdotto l’argomento delle matrone palpeggiate, del quale più che all’argomentazione di

Atratino sembra convenire a quella di Erennio, con la sua requisitoria verso la dolce vita di Celio,

requisitoria che sarà contrastata nel paragrafo 25

. dal paragrafo 19 al 22 sbriga il locuus de testibus

. paragrafo 23: cicerone può presentare le accuse mosse a Celio come semplici maledicta,

appunto perché basate su voci testimoniali:( accuse che cadevano sotto la quaestio de vi)

- accusa di aver preso parte ad una seditio a Napoli

- di aver violato a Pozzuoli l’immunità degli ambasciatori alessandrini

- d’essersi impossessato dei beni di una certa Palla

- di aver partecipato all’omicidio di Dione


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

5

PESO

69.43 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher arianna.zoggia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura latina con istituzioni e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Moretti Paola Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lettere

Riassunto esame Linguistica Italiana, prof. Porro, libro consigliato Dalle Parole ai Dizionari, Aprile
Appunto
Riassunto esame Arte e Archeologia Greca, prof. Bejor, libro consigliato Arte Greca: Dal decimo al primo secolo a.C di Bejor, Castoldi e Lambrugo
Appunto
Riassunto esame Storia Bizantina, prof. Bussi, libro consigliato Il Tardo Impero Romano di Cameron
Appunto
Letteratura italiana - Appunti
Appunto