Che materia stai cercando?

Riassunto per l'esame di Psicologia sociale del professor Montali

Riassunto per l'esame di psicologia sociale basato su appunti personali e studio autonomo del testo "Ricerche e protagonisti della psicologia sociale" edito da Mulino. università degli Studi del Milano Bicocca - Unimib. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Psicologia sociale docente Prof. L. Montali

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

In una seconda interpretazione Newcomb ipotizza che lo sviluppo degli

atteggiamenti degli individui appartenenti a una comunità sia una funzione del

modo in cui essi si pongono in relazione con il gruppo di appartenenza e con il

gruppo di riferimento.

Vent’anni dopo la fine della ricerca Newcomb, Koenig, Flacks e Warwick

intraprendono uno studio di follow-up per verificare se gli atteggiamenti

registrati ai tempi del primo esperimento si siano mantenuti.

La maggior parte delle ex studentesse mantiene l’atteggiamento assunto

durante la permanenza al college.

Kurt Lewin – La leadership

Dal 1937 Lewin avvia le sue ricerche sulle dinamiche di gruppo.

Due principali esperimenti, in cui vengono creati vari gruppi di preadolescenti a

cui si attribuiscono diversi tipi di leadership (autoritaria, democratica e – solo

nel secondo esperimento – permissiva).

Nel corso della durata dell’esperimento ogni gruppo sperimentava le diverse

leadership.

Leader autoritari:

- imponevano l’azione ai componenti del gruppo,

dettavano una per volta le tappe da raggiungere e lodavano o criticavano

i partecipanti senza spiegazioni oggettive. Risultati: l’iniziativa dei

componenti del gruppo era pressoché nulla; in assenza del leader i

ragazzini non lavoravano, poiché mancava motivazione e indipendenza. I

gruppi potevano rispondere in modo aggressivo (aggressività nei

confronti del leader) o in modo passivo (totale incapacità d’iniziativa)

Leader democratici:

- il gruppo decideva le linee di condotta, venendo

spronato dal leader. La divisione del lavoro era competenza del gruppo e

non del leader, il quale cercava di essere egli stesso parte del gruppo e

lodava e criticava con obiettività il lavoro dei ragazzini. Risultati: in

mancanza del leader, i gruppi democratici erano gli unici a venire trovati

in piena attività. I sottogruppi spontanei erano più numerosi, c’era un

maggiore senso della comunità e lo spirito era amichevole.

Leader permissivi:

- il gruppo aveva massima libertà per le decisioni, il

leader non partecipava all’attività e dava consigli e valutazioni solo se

richieste. Risultati: il gruppo risulta essere il meno produttivo, maggiori

manifestazioni di aggressività che nei gruppi democratici.

Muzafer Sherif – norme sociali, gruppi sociali elementari e conflitti tra i gruppi

Esperimento dell’effetto autocinetico

1.

Esperimento con cui Sherif debutta, condotto negli anni trenta con lo scopo di

capire come alcune democrazie dell’epoca si fossero potute trasformare in

dittature con largo consenso popolare.

Con questo esperimento Sherif riesce a ricreare in laboratorio il meccanismo di

la sola interazione fra i

produzione delle norme di gruppo; dimostra che

membri di un gruppo sociale, in un lasso di tempo anche relativamente breve e

senza che gli individui ne siano consapevoli, avvicina sempre più le loro

opinioni e azioni. Queste norme createsi vengono mantenute nel tempo e

trasmesse alle generazioni successive.

Esperimento svolto su studenti non di psicologia di new york

 Sherif riproduce in laboratorio una situazione di incertezza (effetto

 autocinetico) con lo scopo di verificare il pattern di formazione delle

norme di gruppo

Due situazioni sperimentali: una in cui i soggetti sono soli con lo

 sperimentatore e una in cui i soggetti sono prima in gruppo e poi soli o

viceversa. Questo per stabilire quale norma influenza maggiormente il

comportamento (norma individuale o norma sociale)

I soggetti devono comunicare quando (e se) iniziano a percepire un

 movimento dello stimolo e di quanto pensano che esso si sia mosso.

Risultati: nella prima condizione sperimentale, i soggetti si costruivano una

norma individuale e tendevano a dare risposte coerenti con essa. Nella

seconda condizione sperimentale, i soggetti che erano sottoposti alla sequenza

individuale-di gruppo risultavano abbandonare la propria norma individuale a

favore di una norma di gruppo che veniva a costituirsi con gli altri membri del

gruppo. Per quanto riguarda i soggetti sottoposti alla sequenza di gruppo-

individuale, essi rimanevano coerenti con la norma di gruppo anche nel

momento in cui si trovavano a dover dare risposte da soli.

Sherif spiega la convergenza delle opinioni di gruppo come frutto della

sensazione di percepire se stessi come elementi devianti del gruppo. Secondo

Sherif, all’interno di un gruppo sociale, il processo di formazione di una norma

sociale coincide con il processo di elaborazione collettiva di uno schema di

riferimento normativo utilizzabile da tutti i membri.

La grande rilevanza teorica di questo esperimento è data dal fatto che Sherif è

riuscito a dimostrare che le norme di gruppo determinano il modo in cui i

membri di un gruppo percepiscono il mondo fisico che li circonda.

Esperimenti nei campi estivi per ragazzi

2.

Esperimento che ha contribuito alla conferma della figura di Sherif nel

panorama della sperimentazione psicosociale.

Tre studi:

- Il primo (1951) incentrato sul processo di formazione di gruppi sociali

- Il secondo (1953) sugli effetti della suddivisione di un gruppo in

sottogruppi in competizione reciproca, sulla produzione di uno stato di

conflittualità intergruppo

- Il terzo (1955) sul processo di riduzione della conflittualità intergruppo a

seguito della presentazione di un obiettivo sovraordinato

Esperimento svolto all’interno di un campo estivo per ragazzi. Selezionati

 soggetti maschi, di 12 anni, euroamericani, protestanti, di ceto medio e

educazione e intelligenza simili

Esperimento svolto in un luogo lontano da possibili fonti di distrazione

 esterne che potevano costituire variabili di disturbo

Quattro condizioni sperimentali consecutive

 - prima condizione: i ragazzi vivono tutti insieme sono lasciati liberi di

creare gruppi amicali sulla base di similitudini caratteriali

- seconda condizione: i gruppi amicali vengono divisi a metà, e ogni metà

di ogni gruppo viene associata a un diverso gruppo sperimentale (tecnica

di pareggiamento). Da quel momento in poi i due gruppi sperimentali

vengono tenuti fisicamente separati

- terza condizione: i due gruppi vengono fatti entrare in contatto tramite

giochi competitivi e situazioni frustranti

- quarta condizione: per stemperare la frustrazione (debriefing), i due

gruppi vengono fatti collaborare a una serie di attività sovraordinate

Risultati: in seguito alla formazione dei due gruppi artificiali (seconda

condizione), gli sperimentatori osservarono il nascere di:

strutture di ruoli sociali aventi status differente

 coesione intragruppo indicata da sentimenti di lealtà diretti solamente ai

 membri dell’ingroup (e non più agli amici scelti nella prima condizione)

norme di gruppo

in seguito alla terza condizione sperimentale si osservarono:

aumento di coesione intragruppo

 sviluppo di comportamenti di ostilità nei confronti dell’outgroup

 sorgere di stereotipi verso i membri dell’outgroup

l’istituzione della quarta condizione rese possibile:

la diminuzione dei comportamenti e dei sentimenti di ostilità di tipo

 diretto (ma il persistere di segnali indiretti)

Studio osservazionale sui gruppi informali di adolescenti (1958-

3. 64)

Sherif e sua moglie sono partiti dall’assunto che il comportamento sociale,

deviante o meno, è sempre determinato dall’appartenenza a gruppi. Un

comportamento deviante non sarebbe quindi dovuto a caratteristiche personali

di un individuo, bensì all’adesione a scopi fissati dalla “cultura” del proprio

gruppo di appartenenza. Gli Sherif scelsero di studiare sia i comportamenti

devianti che quelli non devianti, messi in atto da parte di gruppi di adolescenti

tra i 13 e i 18 anni.

I ragazzi erano osservati da uno studente addestrato, ed erano inconsapevoli di

essere osservati.

I risultati dimostrarono che le interazioni all’interno di ogni gruppo portavano

alla definizione di posizioni e di ruoli diversi per ogni membro, e che le

prestazioni degli individui di status più elevato erano sopravvalutate rispetto a

quelle di individui di status più basso.

Carl Hovland – Comunicazione e persuasione

Hovland e il suo gruppo di Yale compiono vari studi che hanno come oggetto i

messaggi di persuasione e utilizzano il metodo sperimentale.

Il programma di Hovland prevedeva di articolare 4 variabili indipendenti:

- Fonte credibile/non credibile

- Comunicazione unilaterale/bilaterale

- Conclusione esplicita/implicita

- Appello alla paura forte, medio o basso

Con 3 variabili dipendenti:

- Apprendimento delle informazioni nel messaggio

- Ricordo

- Opinione finale

E con 5 caratteristiche del ricevente come variabili intervenienti:

- Intelligenza

- Scolarità

- Atteggiamento iniziale

- Probabilità di ascoltare contro-argomentazioni

- Partecipazione attiva

Esperimenti

Fonte credibile/non credibile: serie di quattro esperimenti presentati nel

 1951: veniva presentato ai soggetti sperimentali un tema e per ogni

tema un’opinione favorevole o contraria, e il messaggio proveniva da una

fonte attendibile o non attendibile. Nell’immediato veniva registrata

l’opinione dei partecipanti dopo i messaggi di persuasione, confrontata

con quella che era stata registrata prima dell’esperimento. 3 prove su 4

dimostrano che avveniva un maggiore cambio di opinione relativo alle

informazioni provenienti da fonti affidabili. In una rilevazione successiva

(dopo 4 settimane), la differenza tra le fonti svanisce. Una volta

dimenticata l’informazione sulla fonte infatti rimane solo l’effetto dei

contenuti (sleeper effect).

Appello alla paura: gli esperimenti relativi all’appello alla paura

 prevedevano che a 3 gruppi di studenti liceali si presentassero messaggi

relativi all’igiene dentale con tre diversi livelli di appello alla paura (con

foto di malattie orali). Si osservò che i maggiori risultati venivano ottenuti

con l’appello minimo, poiché in caso di appello alto il soggetto si vede

costretto a diminuire lo stato di tensione provocato dal messaggio,

prestandoci meno attenzione o minimizzandone l’importanza. I messaggi

con basso appello alla paura producevano una riflessione sull’argomento

e i risultati erano duraturi.

Conclusione implicita/esplicita: presentazione di due messaggi identici

 (trascrizione di un messaggio radiofonico riguardo la convenienza della

svalutazione del dollaro) se non per la conclusione. Risultava che i

messaggi con conclusione esplicita provocavano un doppio cambiamento

di opinione rispetto ai messaggi con conclusione implicita. Secondo gli

esperti però si potrebbe anche ottenere l’effetto contrario (se l’audience

è molto intelligente o informata riguardo l’argomento)

Comunicazione unilaterale/bilaterale: due gruppi sperimentali di soldati e

 uno di controllo. Ai due gruppi sperimentali sono somministrati messaggi

sulla guerra con il Giappone, uno unilaterale e uno bilaterale. Al gruppo di

controllo non viene somministrato niente. Entrambi i messaggi risultano

persuasivi ma il messaggio bilaterale è più efficace su chi inizialmente

aveva un’opinione opposta. I messaggi bilaterali sono più efficaci sui

soggetti più istruiti, quelli unilaterali sui soggetti meno istruiti. I messaggi

bilaterali erano anche più resistenti nel tempo (si aveva familiarizzato

con l’opinione avversa e si avevano più argomenti per confutarla).

Esperimenti su effetto primacy: gli esperimenti guidati dalla convinzione

 dell’esistenza di un effetto primacy evidenziano in realtà l’esistenza di un

effetto recency. Ai soggetti viene presentato un messaggio costituito da

un’argomentazione a favore e da una contraria a un tema (presentate a

un gruppo in un ordine e all’altro nell’altro ordine). Circa due terzi dei


PAGINE

9

PESO

1.50 MB

PUBBLICATO

3 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher margheritammc di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia sociale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Montali Lorenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia sociale

Riassunto esame  Psicologia sociale, prof. Camussi, libro consigliato Psicologia sociale, Crisp
Appunto
Psicologia sociale, appunti delle lezioni su tutto il programma
Appunto
Riassunto esame Psicologia sociale, docente Camussi, libro consigliato Psicologia sociale, Crisp, R J Turner e Mosso C
Appunto
Riassunto esame Psicologia sociale, docente Camussi libro consigliato Ricerche e protagonisti della psicologia sociale Palmonari A Cavazza N
Appunto