Che materia stai cercando?

Riassunto esame Storia della pedagogia e delle istituzioni educative, prof.ssa Seveso, libro consigliato Ti ho dato ali per volare, Gabriella Seveso Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di storia della pedagogia e delle Istituzioni educative e della prof.ssa Seveso, basato su appunti personali del publisher e studio autonomo del libro consigliato dal docente Ti ho dato ali per volare, Gabriella Seveso. Scarica il file in PDF!

Esame di Storia della pedagogia e delle istituzioni educative dal corso del docente Prof. G. Seveso

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Per quanto riguarda le feste,queste si succedevano in modo irregolare ma con notevole frequenza nel

calendario della città. Erano rivolte,inoltre,sia a tutti/e sia a particolari categorie (donne,uomini,ragazze,…) e

rafforzavano l’ideologia vigente,o ne comunicavano una nuova.

Era un dispositivo pedagogico tanto più efficace quanto coinvolgeva tutti e permetteva di fruire dei messaggi

contenuti nelle manifestazioni di arte figurativa (scultura,pittura,architettura).

Per quanto riguarda le opere artistiche,ad Atene ,a a partire dal VI secolo e nel V si verificò una grandiosa

opera di costruzione e ricostruzione di edifici pubblici, in particolare sacri , i quali costituivano un medium

potentissimo per veicolare messaggi circa l’ideologia della città.

Ad esempio, il Partenone era decorato con sculture su fregi,metope,basamenti,timpani ed esibiva centinaia di

metri di narrazione ,centrata sulla celebrazione delle lotte dei Greci contro le Amazzoni , Centauri e Lapiti.

Dunque l’opera artistica fungeva da strumento di propaganda ideologica ,distaccandosi così dal semplice

perseguimento di un ideale di bellezza e di gusto estetico.

Inoltre era inserita in un progetto architettonico molto più complesso che prevedeva una serie di edifici atti a

fornire un preciso messaggio formativo. L’uso formativo dell’opera d’arte dell’antichità classica e di tutte le città

greche non fu del tutto comprensibile a causa del fatto che gli edifici furono danneggiati da agenti atmosferici.

TEATRO :

Gli spettacoli teatrali furono una delle massime espressioni culturali, alla cui base vi era un forte scopo

formativo per i cittadini e le cittadine.

Erano esperienze totalizzanti per la tempistica ( 3 giorni),la collocazione simbolica (nelle feste), il forte legame

con la religiosità e il sacro,la scenografia e i costumi.

Il teatro faceva riferimento a narrazioni mitologiche,le quali erano un mezzo per tramandare una memoria

storica,e per trasmettere valori e credenze.

La procedura per mettere in scena uno spettacolo era complessa , in quanto prevedeva un’opera di censura

da parte di magistrature competenti,le quali valutavano la coerenza di questo con il rispetto dei valori

tradizionali e con l’aderenza agli ideali della città.

Nel caso della commedia,questa non attingeva le proprie trame e personaggi dal patrimonio mitologico;

tuttavia,tanto le tragedie quanto le commedie perseguivano uno scopo etico e morale, dunque formativo,

servendosi del mito quale fonte di ispirazione e proponendo riflessioni sui ruoli sociali,sulle regole e sui valori.

Mario Vegetti definì il teatro “specchio della città” e delle sue esigenze morali,delle sue crisi e delle sue

contraddizioni. Dunque,attraverso il teatro il pubblico tanto aveva la possibilità di ricevere messaggi educativi

controllati e consoni all’ideologia quanto poteva esprimere la propria approvazione o disapprovazione.

(RIFERIMENTO A PAG. 44)

Un esempio di testimonianza circa la funzione formativa del teatro è presente in alcuni passi delle commedie

di Aristofane , dedicati alla tematica della funzione dell’opera d’arte , tematica presente ne “Le rane”,opera al

cui centro si trova il confronto tra Eschilo ed Euripide riguardante la prospettiva circa i valori della tradizione. In

altre opere di Aristofane viene messa in luce la finalità formativa della commedia,nonostante la trama buffa.

Il commediografo,dunque,si assume una vera e propria funzione educativa nei confronti del pubblico.

Il teatro divenne dunque , nel V secolo , spazio di riflessione attorno a temi pedagogici , quali , ad esempio , la

finalità dell’educazione, il ruolo del maestro, la funzione della scuola ,presenti nelle rappresentazioni teatrali di

Sofocle , Euripide e Aristofane.

CAPITOLO 2 : IL MITO FONDATORE E L’EDUCAZIONE IN ETA’

ARCAICA

Il mito di Chirone

Il centauro Chirone è la figura mitologica che rappresenta il maestro. Questo nacque dall’unione adulterina di

Crono e Filira . Rea , moglie legittima di Crono , scopre i due amanti e fa sì che Crono diventi un cavallo e

Filira generi un bambino per metà uomo e per metà cavallo : Chirone.

Filira , presa dal disprezzo per la mostruosità del proprio bambino ottiene di essere trasformata in un tiglio.

Chirone viene istruito da Apollo e Artemide nella caccia,nella medicina,nella musica e nella ginnastica,nell’arte

della profezia e in altre arti; diviene dunque il saggio re dei Centauri e maestro di quasi tutti gli eroi protagonisti

dei racconti mitici e greci , per essere eruditi ed educati( es. Giasone, Aristeo , Medeo ). Inoltre diviene

maestro di Asclepio e Achille.Il primo viene istruito nell’arte della medicina , il secondo nell’uso delle armi e

delle arti.

Solo in seguito, Achille sarà cresciuto da Fenice, amico del padre, a cui Chirone darà il compito di perfezionare

la sua opera educativa.

Nella figura di Chirone si può individuare la presenza di categorie opposte: umana e divina,umana e

animale,immortale e mortale( questo decide infine di divenire tale),re caratterizzato da irrazionalità e,al tempo

stesso,massimamente saggio; inoltre , vive una vita selvatica,ma insegna agli eroi i valori fondanti la comunità

umana.

Dunque,quella che emerge è la figura di un maestro che sa conoscere anche la natura.

Un aspetto significativo significativo della relazione maestro­allievo è l’eliminazione del femminile,escluso così

dalle forme di trasmissione del sapere della comunità e dal percorso di formazione.

A questa si aggiunge la delega da parte del maschile,in quanto il padre affida il figlio a Chirone , e ciò indica

che l’opera educativa avviene al di fuori della famiglia, su esplicita delega.

L’opera del maestro,nel caso di Chirone , avviene nella sua dimora ,in una grotta in mezzo alle montagne.

Chirone educa alle regole del vivere civile e ai precetti della comunità umana ,ma al di fuori di essa,incarnando

così l’archetipo del maestro che si allontana dal resto della comunità. Inoltre, è una figura attenta tanto alla

cura quanto all’educazione,quindi alla cultura. Non vi è dunque una scissione tra l’istruzione e

l’educazione,entrambe sono presenti nell’opera educativa di Chirone .

Per quanto riguarda la cura , questa prevede tanto quella educativa quanto quella medico­fisica ,in quanto

esperto nella cura dei corpi e delle malattie.

LA RELAZIONE EDUCATIVA IN ETA’ ARCAICA

Per quanto riguarda la forma di trasmissione culturale da una generazione all’altra nella Grecia arcaica, si può

affermare che, probabilmente, secondo quanto ricorda Werner Jaeger , fosse trasmissione di precetti e

prescrizioni relative alle relazioni umane e sociali, alla religiosità e alle norme comportamentali, contenuti

espressi tanto nelle tragedie quanto nelle commedie.

Tra i valori trasmessi vi sono, ad esempio, il rispetto per i genitori e i legami familiari , l’accoglienza dell’ospite e

la venerazione degli dèi.

In questo periodo storico,quale il V secolo a,C. l’obiettivo educativo è la trasmissione dell’areté , intesa come

virtù eroica,eroismo guerriero.

La relazione educativa era esclusivamente al maschile; la trasmissione di saperi al femminile avveniva

all’interno delle mura domestiche.

Per quanto riguarda le testimonianze letterarie e quindi fantastiche ,ma contenenti elementi della realtà del

tempo, vi è quella presente nel IX libro dell’Iliade ,dove viene descritto l’incontro tra Achille e il suo tutore

Fenice,cui era stato affidato dal padre Peleo e dallo stesso Chirone.

Fenice si definisce come colui che insegna tanto l’abilità del discorso quanto la capacità di ben operare.

Il dialogo prosegue con la narrazione della storia della giovinezza di Fenice stesso e delle cause che l’hanno

portato a divenire maestro di Achille.

La relazione insegnante­allievo avveniva tramite delega da parte del padre a un amico di famiglia fidato e lo

scopo educativo era legato alla formazione di un giovane che possedesse l’arte del discorso,quindi la

capacità di esercitare il suo potere nello spazio politico e anche la capacità di operare.

La relazione si attuava in un rapporto tanto di trasmissione dei contenuti e/o abilità quanto di affetto,dedizione

e sintesi di educazione e istruzione.

Fenice rappresenta un esempio di educatore / insegnante inascoltato conseguenza : fallimento della

relazione educativa.

Telemaco , al contrario, ascolta la figure educative e si trasforma in un coraggioso e determinato viaggiatore

presso le corti dei Greci, mutamento questo che indica la consapevolezza dell’importanza dell’opera educativa

e dello scopo trasformativo che essa persegue.

Platone , nella “Repubblica” ricorda Omero quale maestro di vita,poiché riconosce il potere educativo dei suoi

poemi.

Gli eroi omerici sono il perno delle modalità educative tipiche dell’epoca arcaica, le quali vedevano un anziano

prendersi cura di un giovane,trasmettendo i valori incarnati dagli eroi stessi.

L’esemplarità degli eroi non era rivolta a tutti ma solo a coloro che appartenevano ad uno status sociale

aristocratico e il tipo di relazione educativa era fondata sulla dimostrazione e basata sulla condivisione della

segretezza dei saperi tra l’allievo e un anziano. Dunque non era una relazione fondata sulla trasmissione di

saperi pratici ,ad esempio connessi all’esercizio di un mestiere o di una professione.

A fondamento dei valori trasmessi dall’esempi eroico c’era l’importanza dell’intreccio tra cura del corpo e cura

della mente,in quanto l’eroe omerico era sintesi di virtù e forza,caratteristiche che coincidono con il suo

compito sociale,quale difendere la comunità.

Secondo Mario Vegetti il carattere agonale della virtù rendeva impossibile la convivenza sociale ; a questa

aporia ,nel VI E V secolo a. C,fu proposta una soluzione : rendere possibile la convivenza associata attraverso

la forma della polis ( la quale fa tramontare la relazione educativa fondata sull’esclusività dell’appartenente

sociale ).

CAPITOLO 3 : LA RIVOLUZIONE PEDAGOGICA DEI SOFISTI E

DI SOCRATE

A partire dal VI e soprattutto durante il V secolo vi furono mutamenti politici e sociali che comportarono

mutamenti della relazione educativa.

Le “scienze” che si occupano dell’uomo evolvono verso un atteggiamento di indagine : ad esempio,la

storiografia di Tucidide si distanzia da quella precedente proposta una storiografia come scienza

rigorosa,indagine sui fatti accaduti,ricostruzione il più possibile fedele di fatti e discorsi pronunciati.

L’affermazione di questa avviene in maniera non priva di travagli ed interrogativi.

Per quanto riguarda la medicina, questa sviluppa una tradizione ionica dell’osservazione naturale , diversa

dalla tradizione idealista,e il Corpus Ippocratico ne è l’emblema.

Secondo quest’ultimo,la medicina è scienza fondata sulla raccolta e il confronto di dati particolari che vanno a

costruire idee generali,dunque basata sull’osservazione di fatti e sull’esercizio pratico che consente lo studio

dei corpi e degli ambienti.

Tale evoluzione della medicina fu possibile grazie a un cammino di compromesso tra differenti tradizioni di

saperi e di poteri.

L’essere umano è visto come parte integrante dell’ambiente e della natura,da studiare nel suo habitat.

Considerando il trattato “Delle arie ,delle acque e dei luoghi”, questo studia i vari tipi umani e le loro

predisposizioni tenendo conto dell’influenza del clima sulla costituzione fisica e dell’intreccio tra clima,fisico e

condizioni politico­sociali.

L’introduzione di questo testo tratta indicazioni precise sulla metodologia fondata sull’attenta osservazione

metodologia

concezione della che porta ad una concezione dell’apprendimento quale basato sull’equilibrio tra

esperienza empirica e vaglio intellettuale. Cambiando la metodologia cambia anche il linguaggio,che diviene

contrassegnato da termini che rimandano alla gamma semantica della chiarezza,certezza e precisione.

Per quanto riguarda le norme,il dibattito prese piede in quasi tutte le espressioni culturali del V secolo. Un

celebre momento di riflessione su questo tema è il confronto tra Antigone e Creonte nell’ ”Antigone” nella cui

opera Sofoclea è l’eroina che sancisce la separazione tra universo di Zeus e di Dike e quello giuridico­politico

di nomos.

La scrittura della legge è dunque separazione tra dimensione politica e sacra ­ cos ì entra in crisi

l’elaborazione partita da Esiodo. La legge è dunque elaborazione delle comunità umane,quindi non esiste un

criterio che la ritenga gusta in assoluto tema del relativismo ,sottolineato di sofisti,in particolare quello delle

consuetudini e quindi l’arbitrarietà del considerare un popolo migliore o superiore ad altri poiché,se le leggi

sono stabilite dagli uomini,gli esseri umani sono tutti uguali. Non esiste una legge migliore di un’altra ,poiché la

legge è sovente il diritto stabilito dal più forte ,dunque la legge della polis è messa in discussione come norma

giusta.

Questo tema viene affrontato nelle “Storie “ di Tucidide,nel “Gorgia”,nella “Repubblica”.

Il dibattito sulla giustizia o meno delle leggi viene affrontato in alcune opere di Euripide,prima fra tutte “Le

supplici”,dove vi è una condanna alle atrocità della guerra e l’affermazione della legge quale unica possibilità

di accordo all’interno delle comunità umane.

In altre opere Euripide nutre angosciosi interrogativi sulla validità delle leggi,in quanto ogni popolo ritiene che

le proprie siano migliori di quelle altrui,ad esempio Giasone ,che tradisce la fedeltà di Medea e si proclama

appartenente alla terra di Grecia ,quale patria di leggi e di giustizia,in contrapposizione con la terra selvaggia

da cui proviene Medea.

Il dibattito sulla giustizia emerge anche dagli scritti medici ,all’interno dei quali viene risolto in una concezione

che vede l’ambiente naturale e le strutture sociali come fattori entro i quali prende forma l’assetto individuale e

dei popoli.

E’ un dibattito che compare in molteplici testi filosofici,politici,teatrali e storici scardinando il legame tra

religione e politica e ponendo l’accento sulla relatività di norme e costumi.

ALCUNI TRATTI COMUNI

Platone è il primo filosofo di cui si hanno scritti.

Per quanto riguarda Socrate e i sofisti le loro parole sono tramandate attraverso il filtro deformante della

tragedia e commedia antica e quello dei dialoghi platonici.

Socrate,difatti,non scrisse nulla,mentre le opere di alcuni sofisti,primo tra tutti Protagora , furono soggette a

tragiche vicende.

Per quanto riguarda le caratteristiche di Socrate e sofisti :

­la loro apparizione sulla scena culturale avvenne all’interno di un clima culturale caratterizzato dalla riflessione

sull’essere umano e sulle relazioni umane.

­proposero un’analisi sistematica e una messa in discussione delle differenti dimensioni dell’educare : i

contenuti trasmissibili , il ruolo del docente , il profilo professionale dell’insegnante e altre questioni.

Werner Jaeger parlò di tecnicizzazione dell’educazione,a proposito del movimento sofistico,poiché gli

esponenti utilizzano il termine techne al fine di designare l’arte di trasmettere le conoscenze.

L’uso del termine , da parte dei sofisti , rimanda a molteplici significati e identifica l’opera del maestro come

arte,artificio,capacità di forgiare,ma anche come mestiere che segue proprie regole.

La riflessione sofistica e socratica è basata su tali regole e sulle dimensioni dell’educare.

Vi sono elementi in comune tra il movimento sofistico e la predicazione socratica ,motivo per il quale sono stati

sovente sovrapposti e/o confusi gli uni con gli altri.

Nella commedia “Le nuvole” di Aristofane viene descritto in modo significativo come Socrate e i sofisti fossero

percepiti da uomini e donne del tempo.

Socrate era percepito come fondatore di una scuola iniziatica( con tratti simili alle confraternite misteriche).Al

tempo stesso viene descritto come intento ad esaminare alcuni interrogativi naturalistici.

Durante la notte studia i percorsi della luna e i suoi discepoli si dedicano ad esaminare questioni di geometria

e astronomia. Attraverso la commedia viene in luce come Socrate fosse percepito continuatore di molteplici

filoni di riflessione presenti in ambito greco : naturalisti della scuola ionica,tradizione orfico­pitagorica e

sciamanismo di Anassagora.

Un tratto che compare nella commedia e accomuna Socrate e i sofisti è la loro fede in divinità non

tradizionali,quali le Nuvole,per l’appunto,a cui il filosofo rivolge una solenne preghiera.

Nella commedia Socrate e i sofisti sono rappresentati come coloro che incarnano una torsione della riflessione

filosofica che assume una forte tensione pedagogica.

La meta fondamentale della riflessione è la ricerca di una consapevolezza critica , la quale è connessa con

l’affermazione di una cultura scritta.

La torsione pedagogica della riflessione filosofica costituisce una risposta significativa e immediata ad

interrogativi della cultura del tempo.

La problematica del rapporto tra insegnamento e ricerca e tra ricerca,studio e politica fu molto sentita nel V e

nel IV secolo e rintracciabile,ad esempio,nell’ ”Epitaffio” pronunciato da Pericle in onore dei caduti ateniesi

del primo anno di guerra “Ci dedichiamo al sapere,ma senza debolezza” la frase descrive la cultura ateniese

quale basata sull’insegnamento e lo studio al fine di operare nella realtà politica e quindi una delle tematiche

più sentite dalla cultura dirigente del tempo, la quale riemerge anche nel Gorgia platonico dove Callicle

afferma che la ricerca sia un’attività a cui dedicarsi ai fini del completamento della propria educazione.

Socrate considera la ricerca come elemento decisivo nel portare ciascuno ad interrogarsi su se stesso e su ciò

che lo circonda.

Secondo i sofisti vi è un legame tra ricerca e insegnamento. Il compito del maestro e della politica è quello di

formare un futuro cittadino che sappia affrontare l’agone politico.

Secondo Socrate la ricerca deve essere sostenuta dalla consapevolezza dell’esistenza di una verità.

Secondo i sofisti la ricerca conduce all’impegno politico,mentre secondo Platone la ricerca è indirizzata alla

verità e conduce all’impegno.

Accanto alla tematica della ricerca vi è la problematica del pensiero socratico e sofistico,quale la formazione

del cittadino. Socrate si propone di far diventare i cittadini più auto consapevoli,chiedendosi cosa sia la virtù

(l’areté) e se sia insegnabile,interrogativo rintracciabile anche nella predicazione di tutti i sofisti ; quindi

l’esistenza della città è basata sulla compartecipazione dei cittadini, che devono essere consapevoli e

“virtuosi”.

Socrate e i sofisti diedero risposte molto differenti riguardo il problema dell’ insegnabilità della virtù stessa. I

sofisti formano all’insegna del relativismo ,in quanto intendono formare persone che saranno partecipi di una

forma sociale e politica e anche consce della discutibilità della forma politica.

Socrate esplicita una forte esigenza di interiorizzare le regole,trasformando la sophrosyne politica in norma

comportamentale individuale,giungendo ad una saggezza pratica che equilibri piaceri e dolori.

Il ruolo dell’insegnamento viene messo in discussione : il maestro è colui che produce un sapere e porta

innovazione e criticità ( e non che riproduce il sapere tramandato dalla tradizione).

Socrate e i sofisti propongono una nuova concezione della formazione quale riflessione critica ,tematica che si

intreccia con un’altra,quella della differenza tra innato e acquisito.

Vi è un rovesciamento dell’idea di formazione quale percorso che suscita virtù innate; inoltre vi è una messa in

discussione di valori trasmessi mnemonicamente dall’educazione arcaica. Secondo l’educazione arcaica,l’idea

di crescita era strettamente connessa con la possibilità di coltivare una virtù che fosse già presente

nell’uomo,in quanto appartenente ad una classe sociale.

La crescita , secondo Socrate e i sofisti , avviene grazie all’interazione tra l’individuo e l’ambiente circostante.

Secondo Socrate,la crescita si ha grazie al raggiungimento di un’autoconsapevolezza attraverso il dialogo tra

maestro e allievo.

Secondo i sofisti , questa si ha grazie al raggiungimento della capacità critica e argomentativa,attraverso la

pratica dell’insegnamento e della riflessione su valori e significati.

Il carattere eversivo di queste riflessioni porterà all’accusa di eresia e alla condanna a morte o all’esilio,che

accomuna Socrate e i sofisti.

CAPITOLO 4: SOCRATE E I SOFISTI : UN CONFRONTO

LA NECESSITA’ DI UN’EDUCAZIONE EXTRAFAMLIARE

La tematica della relazione maestro­allievo era molto sentita nella cultura ateniese del V e del IV secolo.

Nel teatro comico di Aristofane è centrale l’interrogativo sul profilo professionale del maestro,o sulla relazione

maestro­allievo ne” Le nuvole” e “I banchettanti”;

Ne “Le Nuvole” vi è l’immagine di un padre che spinge il figlio a frequentare la scuola di Socrate , nella

speranza che possa essere utile ; la commedia ,dunque, testimonia quanto un’educazione extrafamiliare sia

ritenuta dal commediografo estremamente significativa.

Ne “Le rane” Aristofane sottolinea tanto l’importanza tanto della scuola quanto dell’insegnante per i più piccoli

e/ o giovani quanto la centralità della formazione diffusa e permanente negli adulti.

Nella commedia “Lisistrata” vi è una descrizione della formazione delle ragazzine attraverso i rituali della

comunità.

Nel “Pluto” viene rappresentato Cremilo , un padre talmente preoccupato per la formazione del figlio da

chiedere ad un oracolo.

Lo spettacolo teatrale divenne così un’occasione di riflessione sulla formazione extra­familiare e sulla relazione

maestro­allievo.

Socrate e i sofisti sostenevano la necessità di un’educazione non limitata all’ambito familiare e di una delega

da parte della famiglia,la quale doveva affidare i giovani ad insegnanti che trasmettessero la virtù politica.

IL MAESTRO E L’ALLIEVO : RELAZIONE SIMMETRICA O ASIMMETRICA?

Socrate e i sofisti proposero due modelli molto differenti nella concezione del processo formativo,distaccandosi

dal modello eleatico di formazione che vedeva il maestro come colui che possedeva la verità assoluta.

relativismo

Dunque,alla base del loro modello pedagogico aveva forte rilevanza la presenza del : nessun

uomo,anche se saggio,secondo loro,poteva superare il limite del proprio punto di vista. Il modello del

relativismo portò a concepire il rapporto insegnante­allievo come occasione per divenire cittadini responsabili,

non per conoscere la verità assoluta.

La relazione maestro­allievo ,secondo entrambi,era molto differente ;secondo i sofisti,era basata su un’idea

asimmetrica; secondo Socrate su una simmetrica,quindi sul dialogo e sulla ricerca della verità. Per idea

asimmetrica della relazione si intende che questa sia connessa con una concezione della trasmissione della

conoscenza più unilaterale. Al contrario,per idea simmetrica si intende che questa sia connessa con l’idea che

il maestro debba sollecitare ciò che è già posseduto dall’allievo.

Il modello relazionale di Socrate fu ben esemplificato dal dialogo Alcibiade I ; quello proposto dai sofisti fu

descritto da Platone in forme differenti.

Nell’Alcibiade I , la relazione è fondata più sulla reciproca conoscenza che su variabili cognitive , su un

percorso dialogico che parte dalla consapevolezza di una mancanza da parte dell’allievo; dunque , solo

quando l’alunno è inquieto e insoddisfatto si può promuovere un itinerario di ricerca che coinvolge entrambi i

poli della relazione.

Il ruolo del maestro diviene quello di sostenere l’allievo e guidarlo nel dialogo,non quello di trasmettere

conoscenze.

Una descrizione diversa della relazione maestro­allievo si trova nelle descrizioni di Platone riguardo i sofisti.

Questo , nelle pagine introduttive del “Protagora” , presenta le principali figure di sofisti , narrate per mezzo

dello sguardo di Ippocrate che si sta recando in casa del ricco mecenate ateniese Callia con Socrate. Il primo

personaggio ritratto è Protagora,giunto ad Atene dopo molti anni. La relazione è improntata ad una rigida

gerarchia : l’insegnante spiega e gli allievi sono suddivisi per competenze e più o meno vicini al maestro.

La trasmissione delle conoscenze è di tipo unilaterale e la relazione e la lezione sono descritte come una

rappresentazione teatrale,poiché maestro e allievi si muovono su un ipotetico palcoscenico costituito dal cortile

della casa,con una coreografia che accompagna la trasmissione delle conoscenze.

Ippia è descritto come maestro cattedratico e quasi autoritario. Demarca in maniera netta il ruolo di

trasmissione di conoscenze specifiche relative ad alcune discipline.

Nel modello di relazione educativo di Ippia l’allievo è coinvolto solo se propone domande.

La lezione di Prodico è più una discussione tra i diversi partecipanti che una spiegazione da parte del maestro.

L’insegnante rimane comunque al centro del processo formativo ,dispensando conoscenze comprensibili.

DUNQUE , riassumendo, la differenza tra la concezione della relazione educativa di Socrate è diversa da

quella dei sofisti: il primo è fautore di una relazione dialogica e simmetrica. I secondi sono fautori di un modello

più autoritario.

Questa differenza fa sì che per Socrate la relazione non termini alla fine del processo di apprendimento,anzi

sia interminabile.

Dunque,gli aspetti positivi della proposta socratica sono l’attenzione alla conoscenza dell’altro e il

coinvolgimento emotivo.

Per quanto riguarda la proposta sofistica,l’aspetto positivo è il riconoscimento esplicito di una differenza di

sapere e di potere di una relazione formativa.

IL MAESTRO : PROFESSIONE O MISSIONE?

I sofisti proposero una concezione dell’insegnamento quale professione ,quindi deve essere retribuita­­ in

contrasto con una tradizione che aveva guardato alla relazione educativa come fondata sulla gratuità perché

investita di un alone etico e sacrale. Per quanto riguarda le testimonianze,è possibile scorgere la presenza di

Platone ,che fa presente nel Menone e nell’Ippia Maggiore la sua critica nei confronti dell’insegnamento

retribuito.

Nell’Ippia Maggiore la professione del sofista viene paragonata a professioni manuali ,le quali,nella cultura

greca, erano contrapposte all’attività intellettuale.

Nel “Protagora” Socrate discute con Ippocrate ,che l’ha invitato presso la dimora del ricco mecenate ateniese

Callia per ascoltare Protagora ; Socrate chiede al ragazzo cosa si aspetti dalla predicazione del sofista

proponendo un paragone co il medico o lo scultore,ricordandogli che,rivolgendosi a questi,lo farebbe per

divenire buon medico o scultore.

Poi paragona il mestiere di sofista a quello manuale,quindi lontano dall’essere intellettuale(quale potrebbe

essere quello del maestro).

Socrate,poi,rivolgendosi ad Ippocrate rivela quanto l’opera dei sofisti possa essere dannosa.

Ippocrate risponde che il sofista è esperto nel rendere abili a parlare; Socrate allora associa i sofisti a

commercianti all’ingrosso o al minuto,che, di città in città, lodano merci illudendo i compratori.

Le conoscenze vengono paragonate a cibo e bevande che si possono mettere in recipienti,ma che possono

essere guaste o dannose.

Socrate definisce il sofista richiamando alla dimensione dell’illusione,dell’inganno e della pubblicità verso i

compratori,delle merci che possono essere tanto buone quanto dannose. Mette in guardia Ippocrate

contrapponendo a queste merci l’anima o ciò di cui si nutre quest’ultima.

Secondo Socrate la retribuzione dei sofisti è ancor più scandalosa in quanto vi sono differenti compensi a

seconda delle differenti prestazioni ,quasi come se l’insegnamento potesse essere quantificato e mercificato

come gli altri prodotti,come appare nella battuta ironica di Socrate ad Ermogene nel “Cratilo”, che riporta il

sentimento di disapprovazione tanto di Platone quanto dei contemporanei.

Platone lancia dunque una condanna a tutti i sofisti,la cui causa è il fatto che i contenuti della conoscenza

divengano un prodotto quantificabile scambiato con denaro. La condanna si fa molto pesante nell’”Apologia di

Socrate” : i sofisti,in quanto convinti di essere professionisti da retribuire,si dedicano ad una “pubblicizzazione”

della loro arte si recano di citt à in città cercando di affascinare il pubblico per convincere i giovani a seguire

le loro lezioni.

RIFERIMENTO A PAG. 89

All’interno,ad esempio,del “Gorgia”, è possibile cogliere descrizioni fortemente satiriche di sofisti intenti a

pubblicizzare la loro arte.

Callicle si rammarica con Socrate per non essere riuscito a vedere l’esibizione di Gorgia stesso.

Dunque ,Socrate e i sofisti proposero opposte concezioni di insegnamento,con opposte conseguenze sociali.

Secondo Socrate,l’insegnamento deve essere una professione caratterizzata dalla gratuità,in quanto

missione,e deve essere accessibile a tutti i cittadini. Il maestro è visto come “maestro di vita” .

Secondo i sofisti l’insegnamento deve essere una professione da retribuire ,creando così una selezione

sociale: solo coloro che possono pagare possono accedere a forme di apprendimento e di insegnamento di

buon livello.

Nel contesto storico e culturale di appartenenza di Socrate e dei sofisti le pratiche educative non furono

influenzate da questo dibattito.

Com era visto il maestro? Per i primi gradi di istruzione era dedito a un’opera di istruzione e privo di funzioni

educative figura dequalificata.

L’insegnamento rivolto ai giovani nelle scuole di alta cultura,retorica e filosofia : rimase una pratica elitaria

fondata su una relazione maestro­allievo alla cui base c’era la gratuità e una forte tensione etica,perché

riservata a classi sociali elevate.

I CONTENUTI DELL’INSEGNAMENTO : EDUCARE O ISTRUIRE?

Socrate e i sofisti furono condannati all’esilio o alla morte per avvelenamento,in quanto ritenuti colpevoli di

corruzione dei giovani. I contenuti e i metodi di insegnamento furono considerati eversivi e perniciosi per la

collettività e le nuove generazioni.

Protagora nell’omonimo dialogo platonico, definendo la propria attività,parlò di “educare gli esseri umani”.

Nel dialogo vi è una discussione tra Socrate e Protagora , impegnati entrambi a rispondere all’interrogativo del

V secolo : la possibilità o meno di insegnare la virtù. Per entrambi questa coincide con la preparazione morale

e politica dei futuri cittadini .Il tema della virtù si riallaccia a profondi interrogativi pedagogici,a quali Socrate e

Protagora forniscono risposte differenti; secondo Protagora la capacità politica si può insegnare,è quindi

raggiungibile con l’impegno. Secondo Socrate la virtù non può essere insegnata.

Nel dialogo poi,c’è un’accesa discussione sulla definizione del concetto di virtù,su quante e quali siano le virtù;

la discussione si conclude con la messa in luce di un’aporia : secondo Protagora la virtù è insegnabile ma non

è conoscenza; secondo Socrate la virtù coincide con la conoscenza e non è insegnabile.

Il Menone è un dialogo interamente dedicato alla problematicità dell’insegnabilità della virtù e del metodo

risolta l’aporia : la virtù viene identificata con la conoscenza.

Nonostante l’aporia,il dialogo risulta interessante in quanto fa riflettere sulla differenza dei contenuti e delle

finalità educative proposte da Socrate e dai sofisti. Il tema della virtù e le aporie che esso comportava erano

problematiche molto sentite nella cultura del tempo,tanto che comparirono in numerosi testi teatrali;

ad esempio,i testi di Euripide,quali “Medea “ e “Ippolito” ; in quest’ultimo viene messo in luce come sia

insufficiente conoscere il bene per saperlo attuare.

Socrate e i sofisti diedero risposte molto divergenti riguardo il problema della virtù , strettamente connesso con

quello dei contenuti di insegnamento.

Socrate propone un richiamo alla tradizione dell’anima; i sofisti un richiamo ad una concezione di

insegnamento più connessa con l’apprendimento di competenze e conoscenze,svincolate da un orizzonte

metafisico e morale.

Il tema dell’anima rende divergente il percorso educativo e le finalità di Socrate e dei sofisti e viene messa in

luce una diversa immagine del maestro:

­x Socrate : colui che guida verso la virtù

­x i sofisti : colui che dispensa ai discepoli alcuni insegnamenti per padroneggiare il discorso.

Non tutti i sofisti si pongono come finalità educativa il conseguimento della virtù quale saggezza politica e ciò è

evidente nel “Protagora” dove Platone fa affermare all’omonimo protagonista che la materia del suo studio è un

discernimento tanto delle cose domestiche quanto di quelle politiche.

Il tema viene affrontato anche nel “Menone” ,dialogo all’interno del quale emergono differenze tra i sofisti.

Emerge,per mezzo di Menone , il pensiero di Gorgia quale è formare buoni parlatori.

Per alcuni sofisti il fine dell’insegnamento è quello di governare meglio la città o di trarne un proprio

utile,oppure di trasmettere contenuti e non valori, importanza che emerge dall’ideale della politmathia , ovvero

la conoscenza di ogni scienza o arte,ideale proposto dai sofisti. Il perfetto sofista deve avere un’adeguata

conoscenza di qualsiasi argomento,secondo Gorgia e Ippia.

Socrate,in un passo del Gorgia e in un altro dell’Ippia minore, descrive i sofisti enumerando una grande

quantità di conoscenze e competenze e utilizzando termini della sfera semantica del

“mostrare,apparire,esibire”.

Cosa emerge?

L’idea di Platone,riguardo i sofisti,i quali possiedono sì tante conoscenze in diversi ambiti del sapere,ma la loro

conoscenza è più fondata sull’esibizione che sulla ricerca di valori.

Le tematiche socratiche e dei sofisti e le soluzioni proposte anticipano problematiche della storia della

pedagogia occidentale. Le soluzioni proposte richiamano la problematicità della finalità dell’opera del maestro

e della scuola,finalità lacerata tra due polarità: dell’istruzione e dell’educazione (L’ISTRUZIONE VISTA COME


PAGINE

28

PESO

54.90 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher i.caracciolo6 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della pedagogia e delle istituzioni educative e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Seveso Gabriella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della pedagogia e delle istituzioni educative

Riassunto esame della dispensa di Storia della pedagogia e delle istituzioni educative, prof. Seveso
Appunto
Appunti del corso - Storia della pedagogia e delle istituzioni educative
Appunto
Riassunto esame Didattica generale, prof. Zuccoli, libro consigliato Esperienza e didattica, Nigris, Negri, Zuccoli
Appunto
Riassunto esame Pedagogia generale con laboratorio, prof. Kanizsa, libro consigliato La paura del lupo cattivo
Appunto