Che materia stai cercando?

Riassunto esame Statistica prof.Zavarrone

Concetti chiari concisi e mirati per una materia vista con occhi titubanti e scettici. Obiettivo: assimilare le basi fondamentali della statistica fornendo un quadro esemplificativo comprendente tutti gli strumenti per affrontare lo studio di una materia di stampo scientifico in relazione al campo umanistico della comunicazione.

Esame di Statistica e ricerche di mercato docente Prof. E. Zavarrone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

Le frequenze relative sono uguali alla divisione tra le frequenze assolute e il totale.

LA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA.

Le rappresentazioni grafiche sono un modo alternativo alla rappresentazione tabellare di rappresentare

delle informazioni riferenti a delle variabili. Un grafico è formato dalle modalità di un carattere e dalle relative

frequenze. I grafici sono più intuitivi delle tabelle e riescono a dare un'idea più chiara dei risultati numerici.

La rappresentazione grafica è fortemente influenzabile dalla manipolazione dell'informazione perchè un

grafico può essere costruito funzionalmente per uno scopo.

Ogni grafico è specifico per la rappresentazione di date tipologie di variabili e scale di misura.

Un nuovo approccio allo studio dell'esplorazione dei fenomeni è stato dato da John Tukey nel 1965 con la

Exploratory Data Analysis. Con la EDA nasce la statistica applicata che si affianca alla statistica metodologica.

La statistica applicata parte dall'osservazione della realtà per capire i fenomeni attraverso formule teoriche.

Tukey ha anche introdotto il termine informatico bit e ha creato il box plot. Edward Tufte è stato invece il

primo a capire le potenzialità dei grafici per veicolare informazioni, ma ha compreso anche il pericolo dei

chart junk: elementi visivi ridondanti nei grafici e che distraggono i lettori. L'uso dei pittogrammi per

rappresentare i fenomeni, molto spesso, non ha infatti riscontri fedeli rispetto alle informazioni. Per esempio,

un fenomeno che è legato al tempo può essere rappresentato solo con una continuità (per esempio inserita

in un sistema di assi cartesiani) e non attraverso puntualità. I grafici devono sintetizzare la realtà e veicolare

informazioni ma non devono portare ad approssimazioni semplificanti.

8

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

Con infografica si intende l'integrazione di rappresentazioni grafiche a statistiche. Il pittogramma qui serve

per rendere più intuitive informazioni globali fornite dai numeri. Le scale di variabili qualitative di tipo

nominale possono essere rappresentate da istogrammi e anche ordinati in base alle frequenze (in quanto

non possono essere ordinate per qualità).

Nel grafico a torta, per esempio, le frequenze percentuali non sono immediatamente intuibili dalla sola

rappresentazione grafica se non affiancata da dei numeri. La Apple ha utilizzato un grafico tridimensionale

per far sembrare la sua fetta di torta più grande rispetto ad altre e solo il numero all'interno delle torte stesse

può veicolare l'informazione corretta.

Per una rappresentazione di variabili ordinali non si possono usare le frequenze assolute per fare un

confronto, bensì quelle relative/percentuali.

In sintesi:

 I grafici rappresentano una forma primordiale di comunicazione

 Lo sviluppo dei grafici è stato (ed è tuttora) caratterizzato da finalità descrittive e strategiche

 Forte impulso alla diffusione dei grafici è imputabile all’introduzione dei pc

 Argomento molto importante per: Infografica, Data Visualization, Graphic Design, Statistica

SCALA GRAFICO

QUALITATIVA - NOMINALE TORTA o BARRE

QUALITATIVA - ORDINALE BARRE

QUANTITATIVA - A INTERVALLO ASTE

QUANTITATIVA - A RAPPORTO ASTE

QUANTITATIVA – A RAPPORTO E CONTINUA ISTOGRAMMA

SERIE STORICHE LINEA DI TENDENZA

Le serie storiche hanno tempo e intensità come dimensioni. I grafici, essendo rappresentativi, devono

rispettare la natura del fenomeno. 9

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

FREQUENZE E RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE.

La rappresentazione di una variabile quantitativa di tipo continuo (o discreto ma determinata da un numero

elevato di unità) necessita al ricorso di due artifici: o la distribuzione in classi/intervalli di frequenza (per la

rappresentazione tabellare) o l'istogramma (per rappresentazione grafica). Le classi/intervalli sono

sistemazioni che raggruppano i caratteri. La creazione delle classi rispetta due criteri: l'equi-frequenza o

l'equi-ampiezza. Le classi devono quindi avere o frequenza o ampiezza costanti.

Le classi vanno da valore minimo X a un valore massimo X dove r è il range.

i i+r

Nell'istogramma l'asse delle ordinate è formato dalla frequenza delle classi, mentre quello delle ascisse è

formato dalle ampiezze delle classi. L'istogramma è ben diverso dal grafico a barre in quanto il primo

rappresenta classi continue tra loro, essendo costruibile solo con variabili quantitative di tipo continuo.

In caso di classi non equi-ampie si utilizzeranno frequenze percentuali.

10

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

LE MISURE DI SINTESI: LA MEDIANA.

Quando dobbiamo descrivere un campione spesso non ci basta una sola distribuzione di frequenza (che

indica solamente la distribuzione delle modalità) quindi abbiamo bisogno di misure di sintesi. Per sintetizzare

l'andamento dei fenomeni in un numero bisogna partire dall'analisi delle scale di misura. Per esempio è

chiaro che non è possibile fare una media tra variabili qualitative ordinali ma ci sarà un altro tipo di misura di

sintesi, noto come mediana. Per sintetizzare una variabile qualitativa nominale, invece, utilizzo la moda,

ovvero la modalità a cui appartengono il maggior numero di frequenze (maggiore frequenza assoluta).

La mediana individua quale modalità divide il collettivo/campione in due parti uguali. L'individuazione del

valore mediano deve essere anticipato però dall'ordinamento delle modalità. Per calcolare la mediana

occorre conoscere la posizione relativa alla metà del collettivo e successivamente associare ad esso un valore.

Se le distribuzioni sono univariate:

Se N è dispari --> posizione della mediana = (N+1)/2

Se N è pari --> posizione della mediana = N/2 e (N/2)+1

Con N dispari il valore della mediana è la modalità a

cui corrisponde la posizione individuata.

Con N pari bisogna fare la semisomma tra le due posizioni individuate.

La mediana ha proprietà di robustezza, ovvero che non risente dei valori degli estremi. Le mediana lavora

sulle posizioni! 11

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

In questa tabella n indica le frequenze mentre N indica le posizioni delle modalità nella distribuzione.

i i

X è il valore (N+1)/2 è la posizione.

Esempio 1:

Esempio 2: Un ristretto gruppo di colleghi (Fabio, Laura, Mara, Luca) è curioso di conoscere quale delle loro

abitazioni si trova esattamente a metà del percorso che effettuano ogni giorno per andare al lavoro.

Quando il valore mediano è indeterminato si può sintetizzare un numero attraverso la moda o le percentuali.

12

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

I QUARTILI.

Il quartile è la mediana di una mediana. Nel calcolo del quartile non va considerata l'intera modalità della

mediana (ovvero il secondo quartile). Il calcolo dei quartili è possibile solo se il carattere è di natura

ordinabile.

ESERCIZIO 1:

NUMERO MEDIO DI STANZE = 6. NUMERO MEDIANO DI STANZE = AL PIÙ 5

13

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

Se media e mediana coincidono si dice che la distribuzione ha forma simmetrica. Altrimenti sulla forma

della distribuzione incidono valori estremi/anomali. Media e mediana non corrispondono perchè nella

media i valori non sono considerati per grado di importanza

ESERCIZIO 2:

L’età di un gruppo di 13 studenti di un corso di tango è riportata di seguito:

12, 13, 13, 13, 14, 14, 17, 17, 17, 18, 19, 19, 21

 Q1: esclusa la mediana, nel primo 50% di osservazioni abbiamo 6 valori. La posizione del valore di Q1 è

compresa tra 6/2 e (6/2)+1 = 3 e 4.

 Q2: esclusa la mediana, nel secondo 50% di osservazioni abbiamo 6 valori. La posizione del valore di Q3

è compresa tra 6/2 e (6/2)+1 = 3 e 4. 14

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

MEDIA E MEDIANA: IL CONFRONTO.

Se media e mediana sono uguali la distribuzione è simmetrica e viene detta campanulare. Se la media è

inferiore alla mediana si ha asimmetria a sinistra mentre se la media è maggiore alla mediana si ha asimmetria

a destra.

LE MISURE DI VARIABILITA’: LA DEVIAZIONE STANDARD E LO SCARTO QUADRATICO MEDIO.

La media trascura la variabilità delle modalità nella popolazione. Per indicarle si utilizzano le misure di

variabilità. Naturalmente la media può essere applicata solo alle variabili quantitative. La deviazione

standard e lo scarto quadratico medio indicano le variazioni delle modalità dal valore medio.

2

S = varianza campionaria - s = deviazione standard 15

Statistica [Prof. Zavarrone] – Andrea Panzeri

2

A = varianza della popolazione - sqm = a = scarto quadratico medio

ESERCIZIO:

La paga settimanale (in euro) di 5 operatori di un call-center è la seguente 500, 100, 400, 300, 50.

Dopo alcune elaborazioni si può affermare che: la retribuzione settimanale media degli operatori è pari a 270

euro. Rispetto alla media di quanto variano le retribuzioni settimanali di ogni operatore?

*I valori 50 e 500 sono definiti outlayer.

DETERMINARE ED INTERPRETARE GLI Z-SCORE.

La statistica bivariata permette di confrontare due diversi fenomeni. In senso assoluto, infatti, due fenomeni

non possono essere confrontati perchè influenzati da diverse variabilità.

16


PAGINE

21

PESO

3.06 MB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher E.molfino di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Statistica e ricerche di mercato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Libera Università di Lingue e Comunicazione - Iulm o del prof Zavarrone Emma.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Statistica e ricerche di mercato

Ricerche di mercato, appunti
Appunto
Appunti di statistica
Appunto
Ricerche di mercato Domande
Appunto
Riassunto esame Marketing, prof. Pellegrini, libro consigliato Marketing, Kerin, Hartley, Rudelius, Pellegrini
Appunto