Che materia stai cercando?

Riassunto esame pedagogia generale, docente Sarracino, libro consigliato Autori e modelli educativi tra ‘800 e ‘900, Ariemma, Sarracino Appunti scolastici Premium

Riassunto personale basato sullo studio personale del Manuale consigliato dal professore Autori e modelli educativi tra ‘800 e ‘900, Ariemma, Sarracino, dell'università degli Studi di Suor Orsola Benincasa - Unisob, facoltà di Scienze della formazione. Scarica il file in PDF!

Esame di Pedagogia docente Prof. V. Sarracino

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DON ENRICO ATTANASIO. La cultura, quando è ispirata dalla carità,

fortifica la natura umana. Come alternativa all’ACCADEMIA, fonda un

“Carità”,

convitto per i giovani dell’alta borghesia: tra i tanti vi verrà

educato anche BENEDETTO CROCE. Ma il secolo 19° ha visto l’Italia

vivere un momento di grande crisi politica e di novità in campo religioso.

Papa PIO 9° proclama il dogma dell’Immacolata Concezione l’8 Dicembre

1854; scrive un elenco di 80 proposizioni che condannavano il

modernismo; annuncia il CONCILIO all’interno del quale emana

l’infallibilità del papa. Ma soprattutto termina il potere temporale della

Chiesa. Nel 1891, la Chiesa afferma di volersi occupare dell’uomo

contemporaneo e del suo modo di vivere l’epoca delle trasformazioni.

Questo coincide con il radicale cambiamento del Meridione, causato dai

moti risorgimentali e del passaggio di Napoli da capitale a città. In tale

momento LUDOVICO propone a Napoli opere di carità cristiana e

solidarietà sociale . Egli sosteneva che l’uomo di fede avesse la possibilità

di elevarsi rispetto agli altri e di guardare le cose diversamente; la fede è

viva, arricchisce l’uomo e lo mette in condizione di trasmetterla all’altro.

La Divina Provvidenza lo guida e l’affidarsi ad essa è il motivo per cui

vive ogni anno della sua vita sempre in modo pieno. La carità,però, è il

fulcro di ogni sua azione. In ogni povero riconosce Dio. Per lui

l’educazione deve essere una ricchezza per l’uomo da mettere al servizio

“moretti

dell’altro. Un esempio del suo agire è il caso dell’educazione dei

africani”: essi devono venir istruiti per poi ritornare in Patria e diffondere

il messaggio cristiano. Ecco perché nasce la CASA DELLA PALMA

SERAFICA, ne viene approvato il regolamento che prevedeva dei

momenti fondamentali: i moretti dovevano ricevere un’istruzione generale

fino ai 18 anni, successivamente si trovavano a dover scegliere tra tre

percorsi diversi: il primo era per chi avesse intenzione di entrare nei

Francescani; il secondo per chi all’interno dell’ordine volesse vivere il

laicato; il terzo per chi voleva essere laico nel mondo. Medesimo percorso

anche per le morette. La povertà di una buona parte della popolazione

napoletana, lo porta ad adoperarsi in prima linea,portando all’apertura

dell’OPERA DEGLI ACCANTONCELLI: sono aperte scuole, convitti e

case di lavoro per allontanare i giovani dalla strada e dall’accattonaggio.

Lo scopo principale di LUDOVICO era quella di poter dare ai bambini,

un’alternativa di vita e l’occasione per costruire un futuro migliore. La sua

‘carità

è una intelligente’ perché non mira solo all’assistenza materiale dei

poteri ma a dotarli degli strumenti più utili per inserirsi nella propria

società. Questi strumenti sono la cultura e l’educazione.

Leone Tolstoj. La formazione come libera attività ( capitolo 2) ‘Guerra

E’ stato uno dei più grandi autori di romanzi dell’800, opere come

‘Anna

e Pace’ e Karenina’ sono considerati capolavori dell’umanità, visto

che rappresentano la lotta degli uomini per educarsi alla convivenza, alla

pace e al vivere in comunità. Ma egli si è occupato anche di Pedagogia e

formazione. La libertà è per TOLSTOJ risiede nella vita dell’uomo di ogni

condizione ed età. La crescita dell’uomo è formazione indicando la sua

capacità di auto conoscersi ed autoindirizzasi;l’educazione è pura

costrizione di una persona sull’altra. Il processo formativo deve sostenere

il soggetto ad aderire alla realtà, non è rigido ma cambia a seconda delle

sue necessità. In tale prospetto, la cultura deve coincidere come fine ultimo

della città stessa , come bene personale e soprattutto sociale. La

formazione deve portare l’uomo a vivere per apprendere. La scuola deve

essere un luogo nel quale i bambini possano vivere giacchè essa ne

rappresenta la vita: all’interno di questa, devono conservare il senso della

realtà. Una scuola senza libri, orari ed aperta. Le sue idee si sviluppano in

una particolare momento storico sociale che portarono a profondi

cambiamenti per l’Europa ma soprattutto per la Russia e l’Italia dovuti alla

guerra di Crimea ed alla Seconda guerra d’Indipendenza. La Russia visse

un momento di grande devastazione, che portò TOLSTOJ a comprendere

la necessità di una purificazione intellettuale. Nel 1859 le sue idee trovano

concretizzazione nella SCUOLA DI JASNAJA POLJANA: l’idea di

scuola che si persegue deve consentire alle esperienze del bambino di

consolidarsi attraverso l’istruzione ma anche il gioco, il movimento e la

relazione paritaria tra docente e discente. Sono quattro i principi della

formazione individuati dall’autore:

-l’uomo deve poter apprendere in autonomia;

-la scuola deve costruire un percorso formativo che risponda alle necessità

del bambino;

-il bambino deve educarsi da solo;

-l’istruzione non deve essere obbligatoria.

La scuola di TOLSTOJ era libera e gratuita, in una casa a due piani con

quattro stanze più un laboratorio; le lezioni iniziavano alle otto del mattino,

nel laboratorio gli allievi sperimentavano per costruire conoscenza. Ma

egli non si è limitato a questo: egli nelle sue opere si è occupato anche

dell’organizzazione sociale e culturale della società. La cultura deve

portare l’uomo ed elevarsi per poter modificare la propria condizione. Egli

credeva nella libertà dell’uomo di poter cambiare in meglio e questo può

avvenire solo attraverso l’educazione.

Alexander Sutherland Neill. Libertà e accettazione per l’individuo

“autoregolato” ( capitolo 3)

In seguito agli studi di FREUD e sull’infanzia, nasce in ambito pedagogico

un orientamento che vede la Psicoanalisi come il solo modo per preservare

il bambino dal rischio di nevrosi. Si avviano le prime sperimentazioni

fondate sull’idea che più l’individuo è libero durante l’infanzia, più sarà

felice da adulto. La Pedagogia che si diffonde non ritiene necessaria né

l’autorità del sapere né la liberta incondizionata. Quando l’autorità del

maestro è troppo rigida, l’allievo si scinde in due parti: una che obbedisce

ed una che si ribella. Ecco che si forma quella viene definita coercizione.

Sono da condannare anche tutti quei meccanismi che cercano di imporre al

bambino il lavoro attraverso il gioco. Occorre incoraggiarlo ma come

finzione, per consentire l’attivazione della fantasia. Su questo si base il

modello di SUTHERLAND NEILL: la sua Pedagogia si basa sulla

spontaneità degli interessi. Accusa ogni ideologia, cultura e dottrina perché

non hanno reso felice l’uomo. Il bambino non deve essere istruito ed

educato, ma deve essere incoraggiato nella sua spontaneità. Nella su

‘Autobiografia’ , racconta la sua infanzia caratterizzata da divieti e

costrizioni: il padre non è comunicativo, spesso è violento mentre la madre

è succube dalle convinzioni sociali, i fratelli lo ignoravano. Quindi è

cresciuto con l’odio per l’autorità genitoriale ma per l’autorità in generale.

Non si è mai sentito integrato nel proprio contesto, per questo i primi ospiti

‘difficili’,ossia

della SCUOLA SUMMERHILL saranno ragazzi definiti

cresciuti sotto una forza disciplina. La scuola non deve essere autoritaria e

deve lavorare alla realizzazione di un modello nel quale i ragazzi siano

orientati verso forme nuove di comportamento. Il suo pensiero si basa

sull’idea che la natura umana sia tendenzialmente buona giacchè:

-nel bambino c’è un’energia positiva che ne orienta lo sviluppo;

-ogni azione repressiva porta il bambino a sviluppare paura ed odio che

distruggono processo positivo di costruzione della sua personalità;

-non esistono bambini difficili, ma solo cattivi genitori e cattivi maestri;

-obiettivi dell’educazione sono autoregolazione, autodisciplina, felicità,

libertà e spontaneità.

Come è stato detto, il gioco è una componente importante del suo pensiero:

quando NEILL mette i bambini a scavare nelle buche per terra per

settimane, li porta ad impegnarsi con energia, quando li invita a piantare

delle rape non ottiene alcuna collaborazione: la fantasia del bambino vive

quando si riferisce a qualcosa di reale e di concrete. La vita affettiva ed

emotiva ha un ruolo importantissimo per l’autore, dal momento che incide

‘marginali’

sulla personalità del bambino e ritiene quelle esperienze

intellettuali e culturali che non lo coinvolgono né interessano. La prima

regola della sua scuola è che il bambino non deve essere istruito né

educato, i libri non sono importanti. Si devono incoraggiare attività quali il

teatro, la pittura, lo sport e la libertà dal momento che questi sono tasselli

che caratterizzano la sua vita del bambino. Egli deve vivere la propria vita

nel modo che preferisce e non quella che i suoi genitori vogliono che viva.

Nessuna cultura e nessuna costrizione a favore dell’individualità e del

vivere sociale. Quindi NEILL è interessato solo alla felicità del bambino


PAGINE

9

PESO

105.43 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Pedagogia
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giusybisogni di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Sarracino Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia

Riassunto esame pedagogia, docente Sarracino, libro consigliato  Formazione, i metodi, Quaglino
Appunto
Pedagogia, il ruolo del gioco nei vari periodi storici - modelli di apprendimento
Appunto
Riassunto esame Pedagogia generale dell'infanzia, prof. De Sanctis, libro consigliato La scomparsa dell'infanzia di Postman
Appunto
Riassunto esame di Storia della Filosofia, prof. Antonio Gargano, libro consigliato Filosofia moderna, A.Gargano
Appunto