Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA RESPONSABILITÀ

DELLE STRUTTURE

SANITARIE 1

1) CASSAZIONE CIVILE, SEZ. III, 8 maggio 2001 n. 6386

Francesco Mazzone conveniva davanti al Tribunale di Milano l'Istituto ortopedico Gaetano Pini esponendo che egli era

stato ricoverato in detto Istituto e, nel 1985, sottoposto ad un intervento chirurgico consistente nella rimozione di

un'ernia tra la sesta e la settima vertebra cervicale, nella "cruentazione" dei piatti vertebrali inferiori e nell'innesto di un

frammento osseo prelevato dall'ala iliaca destra. In esito a tale intervento egli aveva lamentato una grave disfonia, che era

da attribuirsi a paralisi dell'emilaringe sinistra, provocata dal chirurgo operatore. Il Mazzone chiedeva, pertanto, che di

tale lesione fosse dichiarato responsabile l'Istituto convenuto e che lo stesso fosse condannato al risarcimento dei danni da

lui subiti.

L'ente convenuto, costituendosi, negava la responsabilità dell'operatore. Eseguita consulenza tecnica di ufficio, il Tribunale

adito, con la sentenza del 1994, respingeva la domanda poiché non ravvisava nella condotta dei sanitari operatori alcuna

colpa professionale.

Proposto appello dal Mazzone e costituitosi l'Istituto convenuto, la Corte di appello di Milano, con la sentenza del 1997,

ha confermato la pronunzia di primo grado, recependo la consulenza tecnica di ufficio che non aveva riscontrato alcuna

colpa da parte dell'operatore. In particolare la Corte ha osservato che l'intervento ortopedico eseguito sul Mazzone era di

particolare difficoltà e che l'attore non aveva fornito "una prova positiva della colpa professionale", essendo emerso che

l'intervento era stato "correttamente eseguito". È vero che l'intervento aveva prodotto nel paziente la lesione del nervo

ricorrente di sinistra, che presiede all'innervazione motoria della corrispondente corda vocale, ma, come aveva spiegato il

consulente d'ufficio, questa eventualità "ricorre purtroppo nell'1 - 2% dei casi, indipendentemente dalla tecnica operatoria

adottata e nonostante l'assoluta correttezza esecutiva, cioè anche nei casi ben trattati dall'operatore". Del resto, ha rilevato

infine la Corte di appello, l'operatore non avrebbe potuto comportarsi diversamente, perché la tecnica operatoria ipotizzata

dal consulente di parte avrebbe aumentato la possibilità di compromissione del nervo ricorrente.

Avverso la sentenza della Corte di appello Francesco Mazzone ha proposto ricorso per cassazione nei confronti non solo

dell'Azienda Ospedaliera Istituto ortopedico Gaetano Pini, ma anche della Regione Lombardia, deducendo quattro motivi.

Il detto Istituto ha resistito con controricorso, mentre nessuna attività difensiva ha svolto la Regione.

Il ricorso proposto nel confronti della Regione Lombardia è inammissibile, in quanto detto soggetto intimato è rimasto

estraneo al presente giudizio, che, nei gradi di merito, si è svolto soltanto tra il ricorrente e l'Istituto ortopedico Gaetano

Pini. Il giudizio di cassazione, avendo per oggetto la revisione della sentenza impugnata, non può estendersi a soggetti

rimasti estranei al giudizio di merito.

Il 1° motivo di ricorso è infondato.

Come questa Corte ha, di recente, affermato il ricovero in una struttura deputata a fornire assistenza sanitaria

avviene sulla base di un contratto tra il paziente ed il soggetto che gestisce la struttura, e l'adempimento di tale

contratto, per quanto riguarda le prestazioni di natura sanitaria, è regolato dalle norme che disciplinano la

corrispondente attività del medico nell'ambito del contratto di prestazione d'opera professionale. Il soggetto

gestore della struttura sanitaria (pubblico o privato) risponde perciò per i danni che siano derivati al paziente da

trattamenti sanitari praticatigli con colpa, alla stregua delle norme dettate dagli artt. 1176, secondo comma, e

2236 c.c..

Consegue che l'accertamento di responsabilità dell'istituto ospedaliero chiesto dall'attore presuppone la colpa

del medico chirurgo esecutore dell'atto operatorio, non potendo quella responsabilità affermarsi in assenza di

detta colpa (fatta salva, ovviamente, l'operatività di presunzioni legali in ordine all'accertamento della colpa

stessa).

Da ciò deriva che la sentenza impugnata, nel prendere in esame la condotta del chirurgo, non ha violato l'art. 112

c.p.c., ma ha compiuto l'accertamento necessariamente pregiudiziale per pronunziare sulla domanda di

responsabilità dell'istituto sanitario proposta dall'attore.

Il 2° motivo di ricorso è strutturato in più censure, che si fondano su una premessa in cui il ricorrente lamenta che la

sentenza impugnata si sia pronunciata in tema di responsabilità per illecito aquiliano (in cui l'onere della prova è a carico

del danneggiato), mentre la responsabilità dell'Istituto convenuto è di tipo contrattuale, con la conseguenza che tale

responsabilità sussiste "anche nelle ipotesi in cui è difficile dimostrare la colpa del professionista, ovvero quando non è

stata commessa alcuna colpa".

Il motivo di ricorso è, in parte, inammissibile e, in parte, infondato, ma la motivazione della sentenza impugnata è

parzialmente errata e va perciò corretta.

La Corte di appello ha, da un lato, affermato che "nel caso di specie occorreva che l'attore fornisse una prova

positiva della colpa professionale" del chirurgo ortopedico. Tale affermazione è errata perché la responsabilità

dell'istituto ospedaliero è di tipo contrattuale, fondandosi sul contratto intervenuto con il paziente Consegue che,

contrariamente a quanto ha affermato la Corte di appello, incombeva sull'istituto la prova dell'assenza di colpa in

ordine alle lesioni conseguenti all'intervento operatorio subito dal Mazzone.

La Corte di appello, però, non si è fermata a constatare che il Mazzone non aveva fornito la prova della colpa del chirurgo,

ma ha positivamente accertato che nessuna colpa è ravvisabile nella condotta dello stesso. Al riguardo la Corte ha recepito

2


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

6

PESO

94.73 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Questo appunto fa riferimento alle lezioni di Diritto Sanitario, svolte dal Prof. Guido Corso nell'anno accademico 2010.
Il documento riporta il riassunto di due sentenze della Corte di Cassazione Civile Sez. III (n. 6386 del 2001 e n. 10743 del 2009) che affrontano il tema della responsabilità delle strutture sanitarie.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Docente: Corso Guido
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Sanitario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Corso Guido.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto sanitario

Diritto alla salute e all'assistenza sanitaria
Appunto
Eutanasia
Appunto
Diritto alla salute - Corte Europea Diritti Uomo
Appunto
Spoil System
Appunto