Che materia stai cercando?

Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Idee deliranti

Appunti di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Idee deliranti. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Patologie del cervello- neuropatie,Disturbi della mente- psicopatologie , Linguaggio, Edelman –Teoria genetico-biologica, ecc.

Esame di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva dal corso del docente Prof. D. Metro

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Disturbo Schizofreniforme- sintomatologia schizofrenica breve e con esito favorevole

Schizofrenia- la forma di malattia mentale più nota e diffusa, le forme morbose schizofreniche

sono segnate dalla presenza di sintomi negativi e positivi e dal progressivo deterioramento e

depauperamento delle funzioni logiche del pensiero e quindi psicologico e sociale. Nel DSM-VI se

ne riconoscono 5 tipi:

Disturbo di tipo Paranoide- deliri (persecuzione,grandezza..) e allucinazioni

Disturbo di tipo Disorganizzato- alterazioni cognitive,comportamentali, affettive…

Disturbo di tipo Catatonico- sintomi negativi con alterazioni psicomotorie

Disturbo di tipo Indifferenziato- sintomi positivi e negativi ma differenti dagli altri tipi

Disturbo di tipo Residuo- sintomi attenuanti dalla cronicizzazione del disturbo

Disturbi Dissociativi e di Personalità mancano delle manifestazioni sintomatologiche tipiche, non

presentano deliri e allucinazioni: nei primi le manifestazioni prevalenti riguardano la sconnessione

delle funzioni della coscienza, della memoria, dell’identità o della percezione dell’ambiente.

Disturbo Dissociativo dell’Identità- il soggetto prova esperienze,inconsapevolmente, di

sdoppiamento dell’identità personale.

Disturbo di Deperonalizzazione- il soggetto soffre dichiarando che in talune circostanze

percepisce di perdere il contatto con la sua realtà personale, ed ha quindi la sensazione di vivere

esperienze a lui estranee.

Disturbo Paranoide di Personalità- il sintomo essenziale è indicato come tratto di personalità

rigido e non adattivo.

Schizofrenia e Linguaggio (2 parte)

Il fatto che la S. sia universale,cioè presente in ogni parte del mondo, ha indotto a considerare,da

parte del settore della psichiatria evoluzionista, la sua possibile causa genetica:

Marian Annett e Tim Crow ipotizzano che il gene responsabile (durante la lateralizzazione)sia

quello che consente l’organizzazione strutturale e funzionale dei due emisferi, permettendo un

maggiore sviluppo delle capacità cognitive e un incremento di funzioni nuove e sempre più

complesse come ad esempio il linguaggio.

L’epidemiologia della S ha origine con la classificazione dei disturbi mentali fatta da Kraepelin, fino

alla prima metà del XX secolo le ricerche in quest’ambito sulle psicosi hanno imboccato due

versanti,da un lato veniva messa in luce la componente genetica della malattia, dall’altro i fattori

socio-ambientali, si sono occupate,tramite delle fasi storiche, del’incidenza sulla popolazione e

prevalenza della schizofrenia, il rischio specifico per età e sesso, i rischi connessi alla familiarità

del disturbo spinte da un’esigenza culturale e da necessità metodologiche. Il primo fondamentale

elemento è un’accurata diagnosi di S. tramite una dettagliata storia clinica al momento

dell’insorgenza e durante la progressione, in più bisogna determinare la chiara età di esordio, per

calcolare il tasso di incidenza, identificare i fattori di rischio e evitare correlazioni non-causali. Il

problema che sta alla base dell’aspetto metodologico risiede nel carattere assolutamente non

organico, quindi non facilmente individuabile della S, come ad es. il fatto che bisogna far rientrare i

sintomi di ogni schizofrenico all’interno di generalizzazioni cliniche che a loro volta rientrano in

quadri diagnostici più generali, appunto per questo un’indagine peculiare viene fatta grazie al

linguaggio: la manifestazione più evidente.

Esistono molti fattori di rischio, sia biologici che psicologici, in particolare la classe sociale,l’età e il

sesso, le complicazioni ostetriche pre e perinatali(gravidanza sottopeso),l’abuso di

sostanze(droghe anche leggere), lo stress(materno) e la locazione grafica, fattori che non causano

il disturbo, ma ne possono modificare l’evoluzione e l’esito (soprattutto l’influenza della classe

sociale): secondo la spiegazione della causazione sociale le condizioni ambientali avverse

anticiperebbero l’età di inizio della S. Sappiamo bene che le condizioni sociali in cui vive un sogg

schizofrenico non determina l’anticipo dei primi sintomi, ma più semplicemente i soggetti

appartenenti ad una classe sociale più elevata hanno più probabilità di seguire una terapia che ne

faciliti l’esito positivo, anche se non c’è guarigione. Inoltre nessuno studio epidemiologico ha potuto

confermare le ipotesi riguardo il possibile decremento o aumento della S dovuto alla crescente

civilizzazione. Tutte queste caratteristiche e fattori della S hanno condotto diversi studiosi verso

un’ulteriore ipotesi, quella dell’origine genetica, è stata appunto lo studio delle storie familiari ad

aprire la strada alla ricerca dei fattori ereditari della schizofrenia anche se comunque non è stato

ancora definito un modello fondato di ereditabilità, o un gene specifico associato. Esistono due

ipotesi forti riguardo l’origine genetica delle psicosi: la teoria Rigt Shift M.Annett e la tesi dello

speciation event di T.Crow. Secondo la psichiatria evoluzionistica la S sarebbe il risvolto negativo,

il prezzo da pagare, per un particolare evento che ha determinato l’evoluzione dell’uomo, questo

evento è la lateralizzazione, il vantaggio evolutivo che scinde la differenziazione dell’homo sapiens

dal resto degli ominidi, quindi, il risultato di una mutazione genetica che ha comportato una

variazione dell’assetto anatomico del cervello: la struttura cerebrale divenuta asimmetrica ha

consentito una distinzione funzionale dei compiti cognitivi, garantendo un potenziamento delle

facoltà mentali dell’uomo, come il linguaggio, dunque la lateralizzazione sarebbe la causa del

deficit schizofrenico. Tim Crow fa supporre l’esistenza di un legame tra lateralizzazione e

schizofrenia afferma che: l’ipotesi genetica pura sulle cause della S non tiene conto del fatto che

gli schizofrenici hanno una vita di relazione molto esigua. La Teoria del gene agnosico di Annett

intende dimostrare l’esistenza di un gene RS che influenza la tipica e normale asimmetria

cerebrale, in condizioni normali il gene RS agisce a discapito dell’emisfero destro che è funzionale

alla gestione della potenza della mente umana: associa un forte vantaggio evolutivo al genotipo

eterozigote che è formato da un allele dominante (RS+, permette l’espressione del gene) e uno

recessivo (RS-,la impedisce) la cui azione produrrà un deficit singolo nell’emisfero destro, che ne

determinerà una migliore gestione; se il genotipo è formato da RS++, il gene andrà a colpire con

un doppio deficit l’emisfero provocando un indebolimento, se è omozigote RS- - non permette

l’espressione del gene e la lateralizzazione. In sostanza la lateralizzazione è funzione dell’azione

del gene RS che arresta lo sviluppo delle aree neocorticale correlate al linguaggio: la patologia

emerge quando l’allele RS+ è appaiato con la sua mutazione, il gene agnosico (RS+a) ,per la

destra e la sinistra, che ha perso le istruzioni direzionali, cioè, questo gene potrebbe danneggiare

a random l’emisfero destro o sinistro (allele mutato si potrebbe congiungere o con un allele

dominante o recessivo); si può concludere che la sua ipotesi correla la S. ad una lateralizzazione

alterata geneticamente. T.Crow aggiunge un elemento fondamentale alla spiegazione evolutivo-

genetica delle S, la connessione con il linguaggio: è responsabile un gene però le sue

manifestazioni sono linguistiche. La variazione del grado di lateralizzazione è specie-specifica

del’homo sapiens, ed è associata con la capacità per il linguaggio che caratterizza la nostra

specie, dunque, il cambiamento genetico (speciation event) che ha consentito il vantaggio

evolutivo ha permesso ai due emisferi di svilupparsi indipendentemente, fondamentale è il ruolo

del corpo calloso che gestisce i tempi di trasmissione intraemisferica: il grado di lateralizzazione è

importante sia per le capacità accademiche che soprattutto per la predisposizione alla S, correlata

a sua volta all’asimmetria cerebrale, il gene della lateralizzazione è locato,secondo Crow, su un

cromosoma sessuale. Secondo Crow la S sarebbe il prezzo che l’uomo paga al linguaggio

essendo questo funzione della lateralizzazione. La disfunzione profonda della lateralizzazione

genera diversi disturbi, e coinvolge in primo luogo il linguaggio, installatosi nella struttura cerebrale

grazie alla divisione funzionale dei compiti tra i due emisferi. In sostanza considera la S specifica

dell’uomo perché determinata dalla modificazione di una struttura altamente specie-specifica,

quella che ha determinato il salto evolutivo del sapiens-sapiens. Senza il gene che ha differenziato

gli emisferi non sarebbe esistita la specie umana, l’asimmetria sarebbe quindi una conquista

evolutiva recente, che ha subito molte smentite dagli studi paleo linguistici, i quali evidenziano che

la S sia molto più antica dell’homo sapiens era presente anche negli ominidi, dal loro punto di vista

la mutazione che avviene nella lateralizzazione è responsabile della funzionalizzazione

indipendentemente dagli emisferi. Anche gli etologi sono su quest’ottica, nel senso che forniscono

prove dell’impossibilità che la lateralizzazione abbia causato il salto evolutivo dell’uomo moderno.

Possiamo affermare che la lateralizzazione più che un elemento di distinzione evolutiva dell’uomo

può essere considerato un universale transpecifico. Secondo Crow i disturbi linguistici dello S non

sono strettamente legati all’alterazione dei processi di lateralizzazione, perché se così fosse le sue

prestazioni articolatorie e sintattiche dovrebbero essere danneggiate. Invece appunto la

caratteristica del linguaggio è la sua assoluta correttezza, il suo rigoroso articolarsi in strutture

sintattiche complesse, ed alcuni studiosi hanno dimostrato che queste non sono di certo dovute a

deficit: il difetto risiederebbe nell’incapacità di radicamento ontologico del linguaggio. Sarebbe,

dunque, la struttura anatomica lateralizzata a determinare la specificità delle funzioni superiori, non

il contrario: la lateralizzazione anatomica e funzionale potrebbe essere considerata da questo

punto di vista un universale tran specifico. A fornire una spiegazione riguardo il legame tra

lateralizzazione e processi evolutivi fu la psichiatria evoluzionista, da qui nacque la necessità a

formulare una nuova ipotesi filosofico-linguistica che analizzi e interpreti il rapporto tra modalità di

esistenza (psicotica e normale) e forme di vita linguistiche. Nel caso delle psicopatologie è proprio

il concetto di specie-specificità ad assumere un ruolo importante: uno dei primi ad utilizzare questo

approccio fu Chomsky nella sua linguistica cartesiana, a seguito Lorenz, tuttavia nell’etologia

contemporanea si parte dal presupposto che il comportamento è determinato in gran parte da

adattamenti filogenetici sotto forma di coordinazioni ereditarie e meccanismi scatenanti innati.

Sottraendo tutti gli stimoli esterni nel comportamento della specie, emergerà solo ciò che è

effettivamente determinato dalla dotazione filogenetica, tale dotazione è costituita solo da tutto ciò

che non può andare in altro modo da come in realtà va; la quantità di comportamenti specie-

specifici è estremamente variabile, infatti l’etologia tende a distinguere 2 specie: tendenzialmente

stenotopiche, con forte tasso di meccanismo specie-specifico, e tendenzialmente euritopiche,

tasso molto basso. Sembra che anche gli animali abbiamo, oltre che delle patologie legate a

natura organica, delle manifestazioni legate a malattie psichiche, è presente stress, sofferenza

fisica e psicologica, sentimenti frustranti, comunque il disagio psicologico animale è l’esito

dell’incapacità di adattarsi all’ambiente, infatti, in alcuni casi il comportamento anomalo

dell’animale può configurarsi come un vero e proprio atto psicotico, un atto determinato da paure

apparentemente inspiegabili e incontrollabili. La psichiatria clinico-farmacologica ha cercato di

ricreare in laboratorio condizioni nelle quali si potevano osservare i cambiamenti dell’animale nella

vista di persone estranee e/o conosciute in modo da poter definire “modelli animali di schizofrenia”.

Più di recente sono state studiate lesioni ippocampali nei ratti e nelle scimmie che

provocherebbero sintomi analoghi a quelli dei soggetti schizofrenici umani; alcuni hanno ipotizzato

che alcuni virus animali possono trasmettersi agli uomini provocando effetti simili a quelli della

depressione e S. Fatto sta che tutti i sintomi della malattia mentale animale (disagio psichico e

reazioni alle frustrazioni ambientali) non assumono mai il carattere di un’esplicita

rappresentazione, senza la quale le psicosi, e la S,non possono neppure essere definiti. Il

linguaggio permette all’uomo di dare senso alle proprie esperienze, la sua perdita o alterazione

funzionale comporta il distacco esistenziale da un mondo di significati socialmente condiviso,

l’alienazione. Viene proposto un modello evolutivo in cui viene esplicitata la doppia origine del

linguaggio:il linguaggio nasce prima dal punto di vista organico seguendo tappe evolutive

complesse: la sua costituzione strutturale; in un secondo momento viene utilizzato per attribuire

significato alle cose e alle esperienze. Dunque, secondo tale, il linguaggio è il frutto sia di

un’organizzazione strutturale acquisita tramite una mutazione che si è affermata rapidamente nella

popolazione come vantaggio riproduttivo, sia dell’origine semantico-relazionale, tiene conto del

perché l’uomo p l’unico essere vivente che può diventare psicotico: questa doppia

origine(strutturale e funzionale) implica la formazione di un ulteriore livello di semantica che

riguarda il riscontro tra il significato dell’enunciato e il significato realistico che assume per l’identità

soggettiva, è a questo livello che si colloca il deficit schizofrenico. La S sarebbe,quindi, una

malattia della seconda origine del linguaggio: quella che ci ha reso uomini in quanto produttori di

significati esistenziali.

Pinel, alla fine del ‘700, gettò le fondamenta della moderna psichiatria adottando il principio

opposto a quello della repressione, di norma praticato sino ad allora sugli alienati: la guarigione;

egli si interessa delle capacità cognitive indebolite sugli alienati e delle componenti funzionali

affette della psiche (es. processi discorsivi), procede a una descrizione delle turbe mentali che si

fonda sull’analisi delle facoltà che risultano compromesse nei vari tipi di alienazione, suddividendoli

in 2 gruppi principali: quelli in cui la malattia provoca un’alterazione del pensiero e quelli in cui

provoca un annullamento del pensiero. All’interno di questi individua una classificazione

nosografica dei profili cognitivi dei malati mentali distinti non in base alla gravità del disturbo, ma

secondo le capacità intellettive residue, prime fra tutte il linguaggio. Esquirol fornisce una

riflessione alla psicopatologia sulle caratteristiche linguistiche degli alienati: il linguaggio può infatti

dare un profilo della condizione del malato mentale, così da diventare l’elemento discriminatore dei

vari livelli di follia e delle capacità residuali presenti nei vari soggetti. La concezione di psichiatria

come scienza rigorosamente empirica trova compimento nella seconda metà dell’800: l’aspetto

cerebrale delle malattie mentali viene ricercato in ogni manifestazione sintomatologica, si

incominciano,infatti, a mappare le prime aree del cervello che presiedono determinate facoltà,

come il linguaggio e la memoria. Risultano varie posizioni in particolare l’antropoanalisi e la

psichiatria filosofica per interpretare le funzioni linguistiche in chiave vitalistica e naturalistica

affermando l’importanza del nesso tra linguaggio e esistenza: adesso le manifestazioni linguistiche

degli psicotici non sono strutture da analizzare quantitativamente in relazione all’uso normativo di

standard ma modalità alterate dell’esperienza vissute. Grazie all’approccio fenomenologico si evita

di sospendere ogni giudizio di merito e ogni confronto con criteri predefiniti dinnanzi alle

formulazioni linguistiche psicotiche: si cerca di indagare le tipologie di esperienze connesse alle

parole pronunciate dal soggetto. Il soggetto schizofrenico ha perso il fondamento ontologico delle

sue azioni, diventando in-capace a regolare armonicamente le sue attività linguistico-relazionali,

non esegue i comportamenti in maniera libera e presenta un linguaggio innaturale, vi è una rottura

della consequenzialità dell’esperienza naturale. Risulta adesso chiaro il motivo per cui la S,

secondo il paradigma antropoanalitico-filosofico, non si presta ad interpretazioni organicistiche, ma

alla costruzione linguistica dell’esperienza, il rapporto che il soggetto instaura col mondo. Lo

schizofrenico è intrappolato in una tematizzazione continua dunque l’essere nel mondo è

sclerotizzato su un unico piano, quello dell’imprinting psico-relazionale con un mondo respingente,

dunque egli è obbligato ad un razionalismo morboso. Lo S soffre dell’equilibrio schizo-sintonico. Il

linguaggio quindi oltre ad essere una potenza combinatoria e semantica è innanzitutto

corporificazione del pensiero che racconta le varie istanze del vissuto di ogni individuo. In sostanza

i doggetti malati di mente soffrono di una riduzione della complessità dei fenomeni psicologici

determinata da una mancanza di cooperazione tra la rappresentazione interiore, sempre intatta ed

esteriore, disturbata per l’interazione con l’ambiente.

Le scienze cognitive hanno prodotto un cambiamento nel quadro culturale introducendo, alla base

degli studi linguistici, semiotici, psicologi e informatici, un nuovo campo d’interesse affine alla

psicopatologia, hanno dato diversi contributi alla psichiatria fornendo un’insieme di teorie; una

corrente al loro interno è il modularismo, sostiene l’esistenza di blocchi cerebrali (moduli) autonomi

che vengono organizzate secondo precise regole di campo interne al modulo stesso: il modulo

della percezione,della comprensione e del linguaggio – la cui descrizione teorica del

funzionamento adatta a spiegare il funzionamento dei meccanismi neuronali. Le manifestazioni

psicopatologiche sembrano essere accomunate da una tipica linguisticità, uno stile del tutto

particolare che rivela la natura stesa del disturbo mentale: la stranezza del parlare schizofrenico è

il timbro indelebile attraverso cui gli psichiatri e gli psicopatologi individuano i pazienti, è talmente

tipico da essere considerato indice diagnostico, l’analisi linguistica dunque fornisce l’unico mezzo

utilizzabile per permeare il nucleo della S. La composizione linguistica dello schizofrenico è simile

a quella dei giornali politici o dei saggi, e le caratteristiche della sua produzione poetica sono

riscontrabili anche nei giornali di costume, quindi la distinzione dello stile viene fatta su base

argomentativa: il discorso delirante risulta caratterizzato dall’uso di una convessità esagerata di

proposizioni in periodi lunghi in modo che possa funzionalizzarlo alla fuga delle idee, con un uso

corretto delle strutture sintattiche. Un altro indice importante da considerare è il rapporto

tipo/replica (type/token), cioè la relazione tra il numero di parole presenti nel testo e le loro

occorrenze, in quanto la manipolazione dei significati e la creazione di nuove parole è indice di uno

sforzo costruttivo del soggetto psicotico, non di un errore articolatorio o produttivo; i neologismi e i

paralogismi acquistano una funzione esistenziale per lo psicotico, è tramite questi che può varcare

i confini dell’uso semantico corrente, cioè essi si riferiscono ad una semantica differente da quella

condivisa che lo spinge a inventare significati nuovi. Il significato delle costruzioni linguistiche dello

schizofrenico si aggancia ad un sistema di rappresentazione che non si riferisce al mondo

esperienziale socialmente condiviso, ma ad un’esclusiva realtà linguistico-ontologica, tutta interna

alla logica autoconvalidante del delirio (autismo semantico).

Interpretazioni e modelli (3 parte)

Possiamo dire che la psicopatologia del linguaggio può essere definita sinteticamente come la

disciplina che studia i disturbi mentali attraverso l’osservazione dei comportamenti linguistici per

esplicitare i rapporti tra mondi logico-formali e mondi ontologici dei soggetti appartenenti alla

specie animale umana: si occupa di tutte quelle patologie che non sono riconducibili a danni nel

SNC, SNP o costitutivi di tipo genetico e del rapporto che vi è tra linguaggio ed esistenza. Il

dibattito sulla psicopatologia del linguaggio ha avuto il merito di trasformare una questione

specialistica in un problema di più ampia portata, la cui soluzione potrebbe recare contributo

fondamentale alla filosofia della mente e del linguaggio; psichiatri e filosofi hanno discusso a lungo

dei linguaggi della malattia mentale, avanzando ipotesi e interpretazioni. Le manifestazioni

linguistiche patologiche sono sempre riconducibili ad una reazione positiva che qualunque

organismo umano attaccato scatena per recuperare la sfuggente integrità, sono comportamenti

linguistici considerabili come un repertorio di attività cognitive in un certo senso obbligate a seguire

un andamento imprevisto e impenetrabile. La psicopatologia del linguaggio si mostra come uno dei

nodi teoricamente più intricati per le scienze della mente e del linguaggio, forse uno dei motivi sta

nel fatto che non vi sono nel malato anomalie linguistiche misurabili (resta il fatto che non esistono

stati cognitivi più gravi della S e paranoia) ma questo linguaggio levigato in superficie in realtà

nasconde universi del tutto anomali e comportamenti assolutamente invalidanti, il problema risiede

nel pensiero, nell’esistenza e nei processi cognitivi degli psicotici. La psichiatria filosofica aborrisce


PAGINE

12

PESO

94.27 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Metro Daniela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva

Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Anoressia
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Asperger
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Autismo
Appunto